PHASE ONE PHASE TWO PHASE THREEEEEEE!

Scritto il alle 08:59 da icebergfinanza

Credetemi, io Donald lo capisco, come fai a deludere i tuoi elettori, la classe media americana proprio sotto Natale, suvvia manipolare i mercati e i dati macroeconomici è nulla in confronto alla felicità dei tuoi elettori, lo scorso anno è stato un tragico Natale, un vero e proprio massacro, non scherziamo dai, ha tutte le ragioni, in fondo questo potrebbe essere il suo ultimo giro di giostra.

Nella notte dopo oltre un anno e decine e centinaia di annunci di accordi conclusi, la solita notizia sul proseguimento degli accordi, una farsa continua, che porterà i mercati a collassare nel 2020…

In sintesi hanno fatto una telefonata e hanno concordato di tenersi in contatto come buoni amici, sulle “questioni rimanenti” ovvero quelle che nomn hanno alcuna possibilità di trovare un accordo se non un falso accordo.

“Le due parti hanno discusso della risoluzione dei problemi reciproci, hanno raggiunto un consenso sulla corretta risoluzione delle questioni correlate e hanno concordato di mantenere la comunicazione sulle questioni rimanenti nelle consultazioni sull’accordo” fase uno “”, ha affermato, senza fornire ulteriori dettagli.

Giusto il tempo da lasciare tranquilli i mercati e i consumatori, che possano godersi qualche regalo a debito, visto che le insolvenze sulle carte di credito iniziano a farsi serie, soprattutto tra le piccole banche e la classe media…

Risultato immagini per credit card delinquency rates 2019"

Fa sorridere l’emissione di una direttiva del governo cinese che non ha alcuna fretta di entrare in vigore, con la quale si vuole rafforzare la protezione della proprietà intellettuale e aumentare le sanzioni per i trasgressori.

La Cina rimane inoltre impegnata a proseguire i colloqui per la seconda e persino per la terza fase con gli Stati Uniti, ha dichiarato il Global Times sul suo feed Twitter, citando esperti vicini al governo cinese.

E si non riescono a trovare un accordo per la prima fase, e già pensano a quelle successive.

Ciò che conta è che i tesorucci rimangono tonici dopo aver consolidato e che il dollaro si prepara al Capodanno, come abbiamo visto insieme nell’ultimo manoscritto e come vedremo nel nuovo OUTLOOK 2020 dal titolo la “PROFEZIA”.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Geng Shuang ha rifiutato di commentare in particolare il rapporto del Global Times durante un briefing quotidiano sulla stampa lunedì, ma ha ribadito che Pechino vorrebbe che Washington collaborasse con esso per risolvere le questioni commerciali in sospeso su una base di uguaglianza e rispetto reciproco.

Probabilmente anche quelli del Global Times hanno qualche amico che deve fare soldini con le buone notizie.

Secondo i funzionari degli Stati Uniti e di Pechino, nonché i legislatori e gli esperti del commercio, l’ambizioso accordo commerciale di “fase due” sembra meno probabile poiché i due paesi hanno difficoltà a raggiungere un accordo preliminare.

 

Sabato, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Robert O’Brien ha dichiarato che Washington non chiuderà un occhio su ciò che accade a Hong Kong.

Una vecchia volpe come Stephen Roach, ormai un veterano dell’area asiatica ha affernato che l’accordo è una scatola vuota, un eventuale accordo sarebbe solo un falso messaggio politico alla base elettorale di Trump, più che una risoluzione dei problemi di fondo che hanno scatenato il conflitto commerciale.

L’ accordo commerciale “fase uno” tra Cina e Stati Uniti è “vuoto”, “imperfetto” e “ridicolo”, ″È politicamente conveniente, soprattutto per il presidente degli Stati Uniti che sente molte pressioni politiche per altri motivi a casa”,  “Ma è molto imperfetto in quanto si concentra su una soluzione bilaterale, operando sul deficit bilaterale USA-Cina invece di affrontare gli squilibri commerciali multilaterali dell’America con 102 paesi”.

L’accordo ”è uno sforzo ridicolo per risolvere un problema commerciale e non affronta nessuna delle questioni strutturali che gli Stati Uniti erano così irremovibili al momento di lanciare i dazi oltre un anno e mezzo fa”, ha ha detto alla CNBC. “Questo è uno sforzo superficiale per porre fine a un conflitto davvero difficile tra due paesi”.

Nel frattempo, un funzionario della Camera di commercio degli Stati Uniti ha detto giovedì alla “Squawk Box” della CNBC che i negoziatori potrebbero non essere in grado di concludere l’accordo prima che le nuove tariffe siano programmate per essere implementate a metà dicembre.

Al di la delle chiacchiere, qui ci sono i fatti, mentre i fessi e gli ingenui aspettano e sperano, i dazi e le tariffe restano e continuano a danneggiare l’economia mondiale…

Mentre la fuori vi raccontano le favole per Natale , la realtà è questa…

Il commercio mondiale è bloccato nella sua più lunga recessione dopo la crisi finanziaria, dopo che un’altra battuta d’arresto a settembre ha suggerito che l’economia globale non ha ancora girato l’angolo.I volumi sono calati bruscamente a settembre rispetto ad agosto, scendendo dell’1,3% secondo il World Trade Monitor di CPB. Il calo mensile è stato il secondo più netto quest’anno, mentre un quarto calo consecutivo nei volumi degli scambi segna la peggiore crisi dal 2009.

Per Natale noi ci attendiamo una grossa sorpresa, una sorpresa davvero interessante, ma lasciamo lavorare la verità figlia del tempo, nel 2020 sarà Babbo Natale tutto l’anno…

“… Ma la televisione ha detto che il nuovo anno. Porterà una trasformazione E tutti quanti stiamo già aspettando Sarà tre volte Natale e festa tutto … l’anno. “

Appuntamento prima di Natale con OUTLOOK 2020 “LA PROFEZIA” un regalo esclusivo per ringraziare tutti coloro che hanno liberamente e generosamente sostenuto il nostro viaggio.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (11 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 9 votes)
PHASE ONE PHASE TWO PHASE THREEEEEEE!, 10.0 out of 10 based on 11 ratings
1 commento Commenta
phitio
Scritto il 27 novembre 2019 at 15:59

Trump sara’ rieletto. Potete cominciare a tessere scenari secondo questo dato di fondo. Non solo vincera’, ma sara’ anche una vittoria abbastanza tranquilla, visto che il suo oppositore democratico sara’ alquanto debole. I Democratici, invece che cercare di rimuovere il loro odiato avversario a colpi di impeachment (con motivazioni estremamente implausibili e, cosa piu’ fondamentale, DI SCARSO IMPATTO SUL PUBBLICO ELETTORALE) dovrebbero cercare di capire per quale ragione i loro stessi elettori non vanno a votarli. Se vogliono vincerle ( nel 2024, of course) dovranno capire innanzitutto questo. Per adesso, stanno letteralmente lottando contro i mulini a vento.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: apre debole l'indice italiano in attesa della Fed. Gli operatori attendono il meeting Fed
Secondo Treccani, estrapolare significa estrarre qualcosa da un contesto, estendere la validit
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I mercati ci hanno regalato un 2019 (fino ad ora) molto positivo. La tendenza è restata unidire
Aggiornamento settimanale. L’esito mi sembra interessante, qui sotto a confronto inflow e out
Ftse Mib: continua la fase correttiva per l'indice italiano che si porta al test della trend line ri
Anche se molto in sordina, dalla Germania stanno arrivando notizie tutt'altro che favorevoli nei
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Uno dei problemi chiave del momento in cui viviamo è sicuramente il debito. Poi mettetela come
Il mercato prima corregge e poi rimbalza. la configurazione del COT Report cambia di pochissimo.