MERKEL: LA GERMANIA HA BISOGNO DI MANODOPERA!

Scritto il alle 08:30 da icebergfinanza

Della famigerata riforma Hartz IV o agenda 2010 per gli amici che tanti ammiratori raccoglie in Italia, ormai ne abbiamo parlato in tutte le salse GERMANIA: LAVORO, LE DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA! ma ovviamente nessuno parla dell’altra faccia della medaglia in attesa che la cura miracolosa calvinista invada il resto d’Europa…

Intervista alla Cancelliera tedesca alla vigilia del vertice dei leader dell’Europa a Berlino sul lavoro: «La disoccupazione giovanile è il problema europeo più impellente». Per contrastarlo ci vuole rigore ma anche capacità di cambiare. «Direi che oggi la disoccupazione giovanile è forse il problema europeo più impellente. E noi tedeschi, che dalla riunificazione abbiamo maturato le nostre esperienze riuscendo a ridurre la disoccupazione con riforme strutturali, ora possiamo mettere a disposizione queste esperienze» (…)  «Ho l’impressione – ha aggiunto la Merkel – che in molti Paesi la gente sappia molto bene che cosa sia andato male nel passato. Mi dispiace che oggi soffrono di più proprio coloro che non hanno assolutamente contribuito a questi sviluppi sconsiderati, cioè i giovani o i poveri. Chi aveva il capitale in molti casi ha lasciato da tempo il proprio Paese o ha altre forme di protezione. Credo che i ricchi nei Paesi più gravemente colpiti dalla crisi potrebbero, con un impegno maggiore, portare più risorse alla collettività. Trovo estremamente deplorevole che le élite economiche si assumano così poca responsabilità per questa situazione».

Dopo aver seminato panico e distruzione in mezza Europa per salvare le proprie banche facendo fuggire capitali dal sud verso il nord, facendo fuggire giovani e lavoro, ora la vispa Teresa ci racconta che … noi tedeschi, che dalla riunificazione abbiamo maturato le nostre esperienze riuscendo a ridurre la disoccupazione con riforme strutturali, ora possiamo mettere a disposizione queste esperienze … e che il capitale brutto cattivo non doveva fuggire dagli altri Paese per rifugiarsi in Germania, soprattutto contribuendo a rendere negativo il rendimento dei loro titoli di Stato.

Tenetemi fermo, questi hanno la faccia come …l’altra faccia della medaglia e non fatemi dire di più!

E allora diamo un’occhiata grazie alla nostra Debora a come risolvono i problemi dell’occupazione europea i figli di mamma Merkel, la comunista che viene dall’est, vento infinito di …Stasi!

Orrore: la Germania ci ordina “manodopera a basso costo” che sa

Trovo questo articolo su una rivista di supernicchia che si chiama Orizzonte Scuola. Mentre leggo, sento i sudori freddi e mi chiedo come mai tutto ciò non sia sulle prime pagine, e come mai non se ne discuta nei programmi politici serali. Perchè la notizia che

LA GERMANIA CHIEDE AI PAESI DEL SUD PIU’ SCUOLE-LAVORO, PERCHE’ HA BISOGNO DI MANODOPERA A BASSO COSTO …

Racconta Orizzonte Scuola:

La Germania ha così finanziato, ad esempio, in Portogallo progetti di scuola-apprendistato, stesso in Spagna con la quale è previsto il trasferimento di 5.000 giovani spagnoli da formare ed eventualmente assumere in Germania. Così dalla Spagna sono giunte nelle fredde terre germaniche 20.000 giovani (il triplo rispetto al 2008), 34.000 dalla Grecia, 11.000 dal Portogallo, e ben 42.000 dall’Italia. Si punta ad un’azione più incisiva, con corsi di tedesco durante le esperienze scuola-lavoro, bisogna pensarci per tempo. La Germania ha fretta e la Merkel invita i paesi ad avviare queste “riforme”.

La Germania chiede insomma che i giovani del sud siano appositamente formati in scuole tecniche con corsi di tedesco, e poi inviati a lavorare nella Grande Germania che ha bisogno di manodopera.

Non voglio in alcuna maniera generalizzare, ma è indispensabile prendere atto di alcune dinamiche in corso. Ogni riferimento a quello che sta accadendo è puramente casuale…buona Consapevolezza e soprattutto buone elezioni tedesche a Voi tutti.

Ah proposito, qualcuno mi ha scritto preoccupato dopo che Bimbo Alieno e Phastidio hanno comunicato la loro decisione di abbandonare il mare e rientrare ai rispettivi porti.

Tranquilli dopo sette lunghi anni, c’è molta stanchezza, negli ultimi tempi il ritmo è calato e probabilmente calerà ancora, ma il viaggio continua anche se l’assuefazione generale ad un degrado antropologico prima di tutto, sociale ed economico poi sembra non avere fine e questo talvolta demoralizza e tende a spegnere la passione.

Lo devo al leggendario equipaggio, sempre presente anche se silente, l’albero maestro, che ha accompagnato questa splendida avventura, anche se siamo tutti consapevoli che tutte le cose belle prima o poi finiscono.

Si rischia di ripetere sempre e solo le stesse cose, e quando gli argomenti cambiano e riguardano mondi alternativi, non per tutti ovviamente,  l’interesse è marginale, si guarda più alle notizie o al gossip.

Sono decisioni che vanno rispettate qualunque sia la motivazione, in un mondo dove tutto è dovuto, in un mondo dove spesso e volentieri basta insinuare qualunque cosa per denigrare a prescindere.

Nel frattempo Machiavelli …punto mio libera tutti,  ha elaborato tutto quello che è accaduto in questi ultimi mesi raggiungendo tutti coloro che sostengono e vorranno liberamente sostenere Icebergfinanza e il nostro viaggio.

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta … Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina Semplicemente Grazie!

Inoltre Vi aspettiamo tutti per la nuova avventura su   METEOECONOMY  per condividere insieme nuove informazioni e analisi non solo economico/finanziarie attraverso la tempesta perfetta.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.9/10 (15 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +7 (from 7 votes)
MERKEL: LA GERMANIA HA BISOGNO DI MANODOPERA!, 9.9 out of 10 based on 15 ratings
Tags: ,   |
24 commenti Commenta
francia r
Scritto il 3 luglio 2013 at 09:35

Quanto hai ragione Capitano, questa non è una “crisi economica”, una recessione o una “guerra” come le altre, è il più grande ladrocinio della storia dell’umanità, compiuto dalla parte peggiore della società ai danni della migliore, e la cosa è tanto palese quanto negata da chi finge di cercare una soluzione a questa “imprevedibile” orgia di truffe e ladrocinii.
Abbiamo messo insieme con cura tutti gli elementi di questa tempesta perfetta in cui abbiamo portato le nostre famiglie, le nostre vite, la nostra nazione. Corruzione a tutti i livelli che siamo riusciti a costruire con anni di burocraticizzazione selvaggia, incapacità di azione ma anche di visione del futuro a qualsiasi distanza, avidità a livelli fantozziani (poggiolini sembra un patetico e lontano ricordo di un amante dei fiori), prostituzione mentale e fisica da periodo biblico di tutte le figure che dovrebbero dare ai cittadini una forma di garanzia proprio con la loro esistenza (politici, giornalisti, intellettuali, ecc..), mancanza di punizione o di pena certa per gli “amici” che commettono reati verso lo stato (sempre che non parlino o non sbaglino a muoversi in seno alla famiglia) ….. e questo cancro non ha colpito solo l’italia, ma il mondo intero … sono anni che fingiamo di non vedere cosa succede in africa, in cina, in india ed in tutti i paesi del “terzo mondo”, dove quotidianamente i diritti, i sogni e le economie di intere popolazioni venivano violentati da quattro psicopatici cocainomani che si nascondono dietro alla “globalizzazione”, al mondo della finanza internazionale, alla “geopolitica” imposta alle nazioni dal “club dei vincenti”.

In tutto il mondo, ed in primis in italia, per fermare questa tragedia basterebbe semplicemente che le leggi fossero veramente uguali per tutti, che gli strumenti legislativi esistenti fossero “stati usati” /usati quotidianamente, senza enfasi o allarmismi, per riportare questo circo di pagliacci psicotici nel posto dove gli compete … la galera.
Ma evidentemente siamo in un periodo storico per cui questo ci è negato dal cielo. Che si creda in qualcosa oppure no, è difficile non cogliere un disegno nefasto e sottile dietro a tutto quello che sta succedendo, e purtroppo temo che siamo solo all’inizio ….. vi ricordo che questa instabilità inevitabilmente porterà ad una ridistribuzione della ricchezza a livello mondiale e che noi … non faremo parte del famoso “club vincente” e quindi anche le nostre società dovranno essere “ridimensionate opportunamente”, specie nei servizi forniti ai pidocchiosi cittadini, per quadrare il tenore di vita dei “barboni” (che siamo noi) alle reali possibilità di uno stato, che però dovrà essere comandato da qualche “baronetto” … ovviamente con il lusso e lo sfarzo dei bei tempi che furono ….
Coraggio marinai, mai scordare che questo purtroppo è il mare in cui, per ora, dobbiamo navigare tutti, che ci piaccia o meno, cercando di resistere alle tempeste e di trovare, magari con la buona sorte, magari con il reciproco aiuto, un porto sicuro, un “isola che non c’è”, dove costruire qualcosa di nuovo e possibilmente diverso, dove ci sia un futuro anche per i cittadini ed i nostri figli.

gnutim
Scritto il 3 luglio 2013 at 10:39

francia r@finanza,

Il cielo non ci nega nulla, anzi ci regala l’acqua per i campi, il sole, la luna e le stelle, qua è tutta colpa dell’uomo!!! Altro che cielo!

E’ tutta colpa di un uomo che vuole a tutti i costi sostituirsi a Dio, vuole diritti e non vuole doveri, vuole essere libero da tutto e schiavo di nulla.

L’uomo vuole credere solo a sè stesso e non pensare agli altri.

L’esatto opposto di quello che insegnava un giovane falegname che si è fatto ammazzare per amore degli altri qualche anno fa, dimostrando che la felicità viene dal donare e non dal ricevere.

gebs74@borse.it
Scritto il 3 luglio 2013 at 11:04

Ma non è arrivato il momento di cambiare marcia ? :evil:
Ma xchè accade solo nei paesi Nord Africani dove la gente anzi il POPOLO,
milioni di persone, a rischio della propria vita scendono in piazza per tentare
di rovesciare i regimi mentre qui da noi ognuno continua a farsi i cassi propri ?!?! 8)8)8)
Mah non sarà arrivato ancora il momento :roll:
Io comunque sono MOLTO arrabbiato .
OSS a tutti !

kry
Scritto il 3 luglio 2013 at 11:23

Di solito si dice ” Meglio tardi che mai. ” Invece nel caso…… anche se siamo tutti consapevoli che tutte le cose belle prima o poi finiscono. SPERIAMO CHE SIA MAI E POI MAI. Forza Andrea grazie e ciao.

giobbe8871
Scritto il 3 luglio 2013 at 11:34

Grande, eccezionale come sempre l’ultima analisi del buon Machiavelli :wink:
Condivido quasi tutto il contenuto dell’analisi; specie sull’oro. Ahhh :mrgreen:

e sul eur-usd a 1,38 :wink:

Giobbe

francia r
Scritto il 3 luglio 2013 at 11:35

Ma …
quando uno stato con una forma di governo democratico “fragile” e corrotta, prima o poi entra inevitabilmente in crisi con la sua popolazione, ed è impossibile capire quanto l’evoluzione delle scelte, delle repressioni, delle stragi e delle violenze sia frutto di manipolazioni esterne e quanto del reale confronto fra le parti avverse.
Purtroppo, a memoria d’uomo, è una delle situazioni in cui le società umane più o meno “evolute” amano ricadere, sempre.
L’unico “rivoluzionario puro”, che ha contestato a fondo il potere ed accettato di sottostare alla conseguente reazione violenta, è stato il famoso falegname di cui Gnutim scriveva prima. Ed è stato coerente fino in fondo, senza secondi fini, in quanto per i credenti era figlio di Dio.
“Noi” al momento, e anche gli africani temo, temo che siamo ben lontani da questa situazione, nel senso che non abbiamo una parte veramente pura che si confronta con le miserie umane, con la bestia che è dentro ognuno di noi …. abbiamo un mare d’interessi, “superiori”, contorti che, come sempre, si alimentano delle passioni, delle debolezze e delle sofferenze umane … la nostra storia è scritta su un mare di sangue e di ingiustizie, quasi sempre patite da innocenti e da chi cercava di costruire un mondo nuovo per i suoi cari.
Il duello, lo scontro rapido e finale con il “male” non è mai esistito, specie nella società moderna … in fondo basta trovare qualcuno che si vende e tradisce il suo ruolo, lasciare che il livello di putrescenza superi il livello di sopportabilità e …… finalmente “aiutare” le masse a combattere il male, magari vincendo, magari no. L’importante alla fine è guadagnarci sopra.

giobbe8871
Scritto il 3 luglio 2013 at 11:36

semplice…. in Brasile, come in Magreb la popolazione è giovane

giovane

giovane…e non è vecchia e antropologicamente manipolata con smartphon come in Italia :mrgreen: :wink:

luigiza
Scritto il 3 luglio 2013 at 12:22

Ah proposito, qualcuno mi ha scritto preoccupato dopo che Bimbo Alieno e Phastidio hanno comunicato la loro decisione di abbandonare il mare e rientrare ai rispettivi porti.

In effetti quelli che non son stati capaci o non hanno voluto trasformare il loro blog in un supporto di business chiudono.

Tranquilli dopo sette lunghi anni, c’è molta stanchezza, negli ultimi tempi il ritmo è calato e probabilmente calerà ancora, ma il viaggio continua..

Andrea se proprio un idealista sentimentale. Te lo scrissi, mesi, anni (?) fa che sei di complessione umida. :mrgreen:
Ma chi te lo fa fare? :?:

alessandroecristina
Scritto il 3 luglio 2013 at 13:10

giobbe8871@finanza,

Non è manipolata?Non ne saremmo così sicuri…..Scava scava e vedrai che fra non moltissimo tempo si scoprirà che dietro le “manifestazioni spontanee giovanili” appariranno agitatori professionisti masticanti chewin-gum.Siamo pronti a scommeterci!!! :wink:

guidone
Scritto il 3 luglio 2013 at 14:00

http://armstrongeconomics.com/2013/07/03/europe-on-time-track-for-disaster-no-place-to-hide-in-the-euro/

Le ultime righe le cose piu’ importanti..

This old idea is destroying Western Civilization and Germany is going to drag Europe down. Once the general understanding that the German banks are really in trouble hits home, there will be no place for capital to hide inside the Euro.

icebergfinanza
Scritto il 3 luglio 2013 at 14:49

luigiza@finanza,

La complessione umidissima… :mrgreen::mrgreen::mrgreen: ma soprattutto la Vostra stima e forse l’illusione di provare a cambiare qualcosa partendo dalla Consapevolezza!

icebergfinanza
Scritto il 3 luglio 2013 at 14:58

Hanno ridotto il rating ad un gioiello come Deutsche Bank ma come si fa a fare simili analisi su una banca cosi super patrimonializzata… vergogna! :mrgreen::mrgreen::mrgreen:

stanziale
Scritto il 3 luglio 2013 at 15:08

icebergfinanza,
E’ durissima coniugare le esigenze personali e familiari con quello che fai tu, e pochi altri. Ci vorrebbe un vero filantropo che desse una mano, ma non e’ che e’ raro, proprio non c’e’. Piu’ facile li trovino quelli dall’altra parte della barricata, vedi fare per fermare il declino. Certo sono dei filantropi particolari, non molto interessati alle sorti del popolino, ma direi a quelle della finanza o comunque del mondo impenditoriale.

faustino
Scritto il 3 luglio 2013 at 15:59

icebergfinanza:
luigiza@finanza,

La complessione umidissima… ma soprattutto la Vostra stima e forse l’illusione di provare a cambiare qualcosa partendo dalla Consapevolezza!

Consapevolezza. Quanto mi piace questa parola. :idea:

gnutim
Scritto il 3 luglio 2013 at 17:20

AVETE VISTO IL PETROLIO COME STA SALENDO? SOLO QUESTIONE DI EGITTO O CI STA QUALCOSA DI PIù GROSSO?

john_ludd
Scritto il 3 luglio 2013 at 17:50

gnutim@finanza,

è speculazione. Nel breve/medio periodo la finanza fa i prezzi. Interesse della finanza è creare disordine, impedire il naturale congiungersi di domanda e offerta su un prezzo equo per il venditore e sostenibile per il compratore. La domanda di petrolio è perfettamente nota, così come la sua disponibilità e il costo marginale di produzione; così come è noto quanto caffè, zucchero, rame e ferro etc… sia richiesto oggi e domani. Ma la finanza controlla il mercato dei futures dove un tempo lontano operavano solo produttori e compratori tesi a ridurre il rispettivo rischio attraverso strumenti di copertura. Non più. Se ci riflettete un attimo, che utilità c’è per la società ad avere queste istituzioni finanziarie che una volta si chiamavano banche, a speculare sulle materi prime ? Da quando è stato tutto deregolamentato orde di vandali si cimentano nell’alterare e a volte distruggere quanto l’economia reale produce in funzione di un effimero guadagno di breve periodo destinato a essere spazzato via dalle conseguenze stesse di queste azioni. Le conseguenze di lungo periodo dell’alterazione dei prezzi del mercato delle commodities energetiche saranno talmente gravi da rendere gli effetti della crisi economica in quanto tale, un banale raffreddore. Sebbene di petrolio ce ne sia ancora tanto, la produzione di petrolio per ragioni fisiche non può salire significativamente oltre quella attuale e molto presto inizierà a declinare. Per passare a un sistema alternativo è innanzitutto necessario avere certezza dei costi e la finanza alterando la percezione dei costi, creando questa volatilità estrema e non necessaria impedisce la realizzazione di politiche di investimenti di lungo termine. Non basta una Norimberga, serve un plotone di esecuzione molto numeroso.

john_ludd
Scritto il 3 luglio 2013 at 17:53

icebergfinanza,

è stata abbassata ad A insieme ad altre due confraternite di malavitosi. Quando le passeranno a CCC allora potremo prendere i pagliacci di S&P sul serio.

ilcuculo
Scritto il 3 luglio 2013 at 18:07

john_ludd@finanza,

Quando scrivi così quasi mi commuovo…chapeau

john_ludd
Scritto il 3 luglio 2013 at 18:10

ilcuculo@finanza,

io mi commuoverò solo quando quelli saranno morti

icebergfinanza
Scritto il 3 luglio 2013 at 19:35

john_ludd@finanza,

Non una morte normale però come nella Crisi dei Mari del Sud furono messi in alcuni sacchi e dopo essere stati spogliati di tutti i loro patrimoni e bastonati gettati in compagnia di gatti e serpenti in fondo al mare…immaginatevi il trambusto 8)

kry
Scritto il 3 luglio 2013 at 23:17

icebergfinanza,

Poveri gatti e serpenti di che colpa si sono macchiati per meritarsi una fine così disumana.

dorf001
Scritto il 4 luglio 2013 at 00:51

kry@finanza,

hei KRY, parli di questi? https://www.google.it/search?hl=en&site=imghp&tbm=isch&source=hp&biw=1333&bih=583&q=banchieri+serpenti&oq=banchieri+serpenti&gs_l=img.3…3459.15351.0.15753.28.14.3.10.12.0.371.1499.0j5j2j1.8.0….0…1ac.1.19.img.qzPpXaQnVSg#facrc=_&imgdii=_&imgrc=R9kv2k6OEq81IM%3A%3BOeRv-EjHAagecM%3Bhttp%253A%252F%252Fwww.agerecontra.it%252Fpublic%252Fpress%252Fwp-content%252Fuploads%252F2011%252F12%252Fclip_image002.jpg%3Bhttp%253A%252F%252Fwww.agerecontra.it%252Fpublic%252Fpress%252F%253Fp%253D14738%3B300%3B400

mi sà che qui ci vuole TEX https://www.google.it/search?hl=en&site=imghp&tbm=isch&source=hp&biw=1333&bih=583&q=banchieri+serpenti&oq=banchieri+serpenti&gs_l=img.12…0.0.1.140729.0.0.0.0.0.0.0.0..0.0….0…1ac..19.img.38YzlssSUg4#facrc=_&imgdii=_&imgrc=ENY3sVSpCZx7UM%3A%3BlcogP5ihJ0sLHM%3Bhttp%253A%252F%252Fwww.fumetto-online.it%252Few%252Few_albi%252Fimages%252FBONELLI%252520EDITORE%252Ftex_nr0208.jpg%3Bhttp%253A%252F%252Fwww.fumetto-online.it%252Fit%252Fbonelli-editore-tex-nuova-ristampa-208-un-nido-di-serpenti-c8551002080.php%3B381%3B502

DORF

dorf001
Scritto il 4 luglio 2013 at 00:58

john_ludd@finanza,

hei john. parli forse di standars e povery? forse parli di questi due? http://www.comedonchisciotte.org/images/standard-poors-fish-market.jpg

DORF

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Il CESI è stesso oggetto delle mie analisi. E’ l’acronimo di Citigroup Economic Surprise In
Ftse Mib. L'indice cerca di impostare un rimbalzo e ora si trova a pochi passi dal livello importan
Su tutti i sottostanti si assiste alla parziale chiusura della componente future ed a movimentazioni
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: dopo il lunedì nero gli indici europei tentano di rialzare la testa, ma la cautela è d'o
  Nulla di interessante ieri, lo sappiamo da tempo che si sale con le scale e si scende
Dopo i forti ribassi di ieri andiamo a vedere come si sono mossi gli operatori nello specialistico m
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La scadenza tecnica di questi giorni ha sicuramente contribuito ad importanti aggiustamenti. E i