DISCLAIMER RELATIVO AI COMMENTI

Scritto il alle 18:26 da icebergfinanza

I commenti su Icebergfinanza sono liberi e senza mediazione per coloro che si iscrivono su SPLINDER al seguente indirizzo Manuale.splinder.com, mentre per quanto riguarda gli altri commenti, in forma anonima, sarà necessario l’autorizzazione da parte dell’autore.

Questo blog, è stato per oltre tre anni, libero senza alcuna mediazione nei commenti, ma negli ultimi giorni, un numero imprecisato di commenti volgari e lesivi da varie persone, ha costretto il suo autore a ricorrere ad una mediazione parziale che riguarda solo ed esclusivamente i cosidetti  commenti "anonimi".

L’autore garantisce, come ha sempre fatto, di pubblicare qualsiasi commento anche anonimo, che non ecceda la normale dialettica condita di ironia, senza poter garantire, solo per i commenti anonimi, la pubblicazione immediata in quanto impossibilitato, al presidio costante del blog.

La garanzia è quello che Icebergfinanza ha potuto testimoniare in questi tre lunghi anni con i fatti.

L’autore di Icebergfinanza dichiara di non essere responsabile per i commenti, inseriti dal lettore, in  quanto questo blog non è "presidiato" .

L’autore del blog si impegna a cancellare nei limiti delle possibilità, qualsiasi commenti ritenuto lesivo  dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze. Tali commenti non sono da attribuirsi all’autore del blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Si ritengono commenti lesivi dell’immagine e dell’onorabilità di terzi, quei commenti  illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili.

Commenti che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti politici, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza.

Che possano arrecare danno o pregiudizio, in qualsiasi modo, a minori d’età..
Che forniscano informazioni da ritenersi riservate, confidenziali.

Commenti che siano lesivi di  di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi.

Che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.

Qualora all’autore dovesse sfuggire la presenza di suddetti commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze. si è pregati di comunicarlo al seguente indirizzo icebergfinanza@yahoo.it

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
14 commenti Commenta
Scritto il 2 febbraio 2010 at 21:15

Caro Andrea, purtroppo la blogosfera è piena di fessi e provocatori…
Tutti noi Blogger dobbiamo sorbirceli.
Forza e coraggio!

Un affettuoso saluto
Beatotrader

Scritto il 3 febbraio 2010 at 00:03

Ciao Beato e grazie della visita. Complimenti per il tuo lavoro. Andrea

utente anonimo
Scritto il 13 febbraio 2010 at 00:17

 Sono Tommso..uno studente di economia di bari..mi piace molto il tuo blog..lo trovo interessante..continua cosi..a ma se voglio dei chiarimenti su quello che scrivi ci sei? ti ringrazio anticipatamente :-)

utente anonimo
Scritto il 25 febbraio 2010 at 11:19

Ciao Andrea, apprezzo molto il tuo impegno e trovo il tuo blog oltremodo interessante;mi chiedo però se tu dai una qualche responsabilità di tutto ciò al signoraggio?
Cordiali saluti
Michele

utente anonimo
Scritto il 8 marzo 2010 at 16:10

Come sempre sono perfettamente d'accordo con Lei, solo che per quanto Lei abbia perfettamente ragione chi muove i fili dell'economia è qualcun altro e a questo qualcun altro non gli interessa nulla di quello che può costare alla comunità un aumento dell'inflazione se lui, con questo sistema (almeno in parte) riduce quel debito pubblico che  ha, in gran parte,  contribuito a far esplodere.  
Quindi, se non nell'immediato vedrà che faranno salire i tassi, come stanno pompando i mercati, facendo apparire i dati economici come se fossero positivi per il solo fatto che sono meno peggio di quello che ci si attendeva.
Forse sbaglio e le sarei grato,  se ne ha il tempo, di spiegarmi dove e perché.Grazie
plbrollo

Scritto il 12 marzo 2010 at 11:16

IL NOSTRO CARO AMICO ANDREA CI INVITA A RIFLETTERE, EVIDENZIANDOCI LE FAVOLE, PER COMPRENDERE I TEMPI CHE VIVIAMO!!![..] VENERDÌ, 12 MARZO 2010 TEMPI DIFFICILI! Come i lettori di Icebergfinanza ben sanno, in passato abbiamo esplorato più volte l’impressionante intreccio che esiste da sempre tra politica e finanza senza volere spingerci oltre, un intre [..]

Scritto il 12 marzo 2010 at 11:16

IL NOSTRO CARO AMICO ANDREA CI INVITA A RIFLETTERE, EVIDENZIANDOCI LE FAVOLE, PER COMPRENDERE I TEMPI CHE VIVIAMO!!![..] VENERDÌ, 12 MARZO 2010 TEMPI DIFFICILI! Come i lettori di Icebergfinanza ben sanno, in passato abbiamo esplorato più volte l’impressionante intreccio che esiste da sempre tra politica e finanza senza volere spingerci oltre, un intre [..]

Scritto il 12 marzo 2010 at 11:16

IL NOSTRO CARO AMICO ANDREA CI INVITA A RIFLETTERE, EVIDENZIANDOCI LE FAVOLE, PER COMPRENDERE I TEMPI CHE VIVIAMO!!![..] VENERDÌ, 12 MARZO 2010 TEMPI DIFFICILI! Come i lettori di Icebergfinanza ben sanno, in passato abbiamo esplorato più volte l’impressionante intreccio che esiste da sempre tra politica e finanza senza volere spingerci oltre, un intre [..]

utente anonimo
Scritto il 19 marzo 2010 at 03:46

Ciao Andrea e complimenti pr l'ennesima prova di lucidità di analisi e lungimiranza di visione. E mentre veleggiamo tranquilli verso il minsky moment (1200 di S&P500 è sempre più vicino…) meglio cominciare a metterci in sicurezza e controllare i trapezi: il vento stà montando

utente anonimo
Scritto il 6 aprile 2010 at 20:19

…e 1190 ! ! ! a S&P continua a salire  la febbre

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 16:13

Buongiorno, leggo con attenzione il blog da circa 2 anni e devo dire che lo trovo molto utile per cercare di capire alcune dinamiche di medio-lungo periodo, puntualmente verificate.Mi piacerebbe avere un punto di vista tecnico sulla quantità liquida di moneta (dollaro, euro, altro) pre e post crisi e come queste quantità si rifletteranno sull'economia nei prossimi anni. Mi spiego: sia negli USA nel 2009 sia in Europa con il recente "salvataggio dell'euro" da 750 B € è stata introdotta enorme quantità di moneta. Perchè questa non viene a galla?Altra domanda: se tutte le monete del mondo fossero svalutate simultaneamente (compreso quella cinese) non sarebbe un buon punto di partenza rispetto ad un decennio di debt deflation?Cordialmente, Michele

utente anonimo
Scritto il 25 novembre 2010 at 01:38

Ciao andrea sono antonio, come sempre sei illuminato dala ragione … domanda ? Bank of irland oggi ha quotato 0,25 medio … Si vocifera che lo stato entri ma non privatizzi … Alto rischio ma a tuo parere a queste quotazioni potrebbe essere di grande speculazione a 3/4anni o le probabilita di perdere tutto sono tropo elevate ? Ciaoo sei bravo

utente anonimo
Scritto il 10 gennaio 2011 at 12:09

Carissimo,
non sono un esperto, ma un veterinario di campagna. Mi hanno regalato il tuo libro a Natale, e mi complimento, non solo per il contenuto, ma per la forma piana e leggibilissima. Hai mai pensato che la crisi attuale non sia dovuta a titoli spazzatura ma alla caduta tendenziale del saggio di profitto? Vale a dire che è una crisi di sovraproduzione che va avanti dalla fine di Bretton Woods? Più si va avanti e più questa tesi mi convince. Tu come la vedi?
Marco

Scritto il 11 gennaio 2011 at 22:01

Marco le variabili in gioco in questa crisi sono molteplici! Non c'è dubbio che la caduta del saggio di profitto teorizzata da Marx è in pieno svolgimento ma non è la sola. Sorrido ad esempio ad ascoltare quello che sta avvenendo alla Fiat ….la soluzione è dietro l'angolo ma non la si vuole comprendere.Sino a quando non si vorrà comprendere che la sovrapproduzione è un'ipoteca sistematica sul futuro di determinati settori, sarà difficile uscire da questa trappola. Volkswagen ha tracciato un solco epocale ma manca ancora la consapevolezza che molto può essere fatto dal lato della sostenibilità di determinati redditi.  Andrea

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue al ribasso e, dopo aver infranto il supporto statico dei 23.00
The Big Short. Anche la giornata di ieri è stata contraddistinta dalla rottura di importanti suppor
Ieri per la prima volta in assoluto dopo l’inizio di un lungo viaggio durato oltre 6 anni ab
Le motivazioni sono state ampiamente descritte nelle ultime settimane. Adesso siamo qui a commen
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La volatilità in questi giorni ovviamente regna sovrana, il mondo si è risvegliato dal sogno G
FTSE MIB: come da attese ieri l'indice italiano ha tentato il rimbalzo e lo ha fatto con un pattern
Tutti i mercati hanno ormai oltrepassato l'area di crossover della distribuzione e si sono diretti r
Contagiati, morti, guariti in Italia e nel mondo. Anche se i conti non mi tornano Per l
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u