TUTTO CAMBIA, NULLA E' PER SEMPRE! La percezione del rischio.

Scritto il alle 02:16 da icebergfinanza

http://img454.imageshack.us/img454/5350/butterflies9sg.png

Questo per il lettori del mio Blog, non è un titolo originale, non è una novità ma in poche parole è condensato il significato di ciò che può accadere, specialmente nella vita di tutti i giorni e di conseguenza in ogni ambiente che frequentiamo.

Non vi è dubbio che la principale convinzione che ha sostenuto le argomentazioni a favore di questa "nuova era economica-finanziaria" è quella che ha le sua fondamenta nella certezza che oggi tutto è diverso, che questo è solo l’inizio di un qualcosa che resterà nella storia, le stesse motivazioni che hanno accompagnato ogni cambiamento epocale, la rivoluzione industriale o la new economy tanto per farne un esempio.

Credo che questa, come detto nell’ultimo post sia un’era economica basata sull’ingegneria finanziaria e monetaria, un’era dove i profitti sono il frutto di un oceano di liquidità, di un’azzardo morale e speculativo ad oltranza, dove private equity e hedge fund profeti della liquidità, dirigono le sorti delle società di mezzo mondo, conquistando e ristrutturando imprese con capitali che spesso fanno impallidire intere finanziarie o bilanci statali.

La colossale operazione di leveragebyout da parte del fondo di private equity, CERBERUS,  per l’acquisto della Crysler rischia di restare in portafoglio agli istituti finanziari americani che hanno patrocinato l’operazione.

Si tratta di 62 miliardi di dollari di nuovo indebitamento a fronte di un esborso di soli 7 miliardi e all’assunzione di 18 miliardi di oneri sanitari.

Indebitamento da gestire attraverso prestiti regolari, emissioni obbligazionarie e "asset backed securities"

Vari indici tra cui il LCDX che prende in considerazione i prestiti "high risk" di 100 aziende americane stanno subendo la pressione deli investitori, seggerendo il deterioramento delle condizioni di liquidità per il mercato del leveragebyout LBO.

Un progressivo e costante cambiamento nella percezione del rischio.

Non solo segnalato dagli indici di riferimento ma confermato da un certo Dimon, direttore generale di JP Morgan, il più grande sottoscrittore di prestiti LBO degli Stati Uniti  secondo_il_quale " If you see this continue you will see the Street taking on a lot of bridge loans and more aggressive repricing of those things.”

"La nostra banca  ha acconsentito per concedere i cosidetti " prestiti  ponticello di equità " per finanziare i loro cambi di gestione, una pratica che è  “un’idea terribile,„

Nel frattempo il rischio di accreditamento aumenta e incomincia_il "FLIGHT TO QUALITY".

Segnali inequivocabili del raggiungimento di un TOP del mercato  del leveragebyout, un segnale definitivo di inversione?

Una strana sensazione aleggia nell’aria ricordando come la Federal Reserve e i suoi componenti sostengano che il fenomeno " SUBPRIME " non abbia ancora rilasciato evidenti segnali di contagio attraverso il sistema finanziario e l’economia. Non ultimo Il presidente della FED di St.Louis William Poole secondo il quale il_sistema_finanziario_americano è forte e la partecipazione al fenomeno "subprime" è limitata.

L’ Isola che non c’è di bernankiana memoria!

Un mercato del lavoro come una macchina da guerra, che settimana dopo settimana abbatte le richieste dei sussidi di disoccupazione, crea lavoro persino nei settori in piena recessione economica, che non risente di alcun contagio. Sarà VERA_GLORIA? Ai posteri l’ardua sentenza!

Spesso per i cantieri edili della mia città, nei lavori per le strade, girando, si vedono enormi bisonti e rinoceronti gialli, dalla potenza di una leva, targati CAT, mostri gialli che fanno venire in mente alcuni abbinamenti e correlazioni, pensi contagio, esclami CATERPILLAR!

Ma in fondo è solo immaginazione, pura e semplice immaginazione.

E appunto perchè l’ingegneria finanziaria non risente di questa mutata percezione del rischio non resta altro che creare un " CLONE_degli_HEDGE_FUND un prodotto per celebrare questa nuova era finanziaria.

Un laboratorio di alchimisti mondiali che programmano e innovano IL_PARADISO_DELLA_FINANZA

La "dispersione del rischio" attraversa gli oceani per giungere sino alla terra dei " CANGURI "  mentre tutto il mondo finanziario vede una nuova alba, l’alba della consapevolezza delle agenzie di rating.

Non entrerò nei dettagli, ma basta ricordare che queste agenzie "indipendenti" esistono grazie alle  parcelle rilasciate alle imprese e istituti finanziari, istituzioni o altro che a loro si affidano per la valutazione delle loro società o strumenti finanziari.

Potenza di una consapevolezza improvvisa, STANDARD_&_POOR’s stà controllando attivamente le tendenze nel mercato immobiliare, nel mercato finanziario di ipoteca, nel credito al consumo ( e qui apro una parentesi per ricordare che esiste anche una potenziale mina del credito al consumo "subprime" che ha alimentato in questi anni il risparmio negativo e i consumi, pilastri indiscussi del PIL) e nell’economia in generale per accertare che i relativi modelli e le relative analisi fossero adeguati.

Questo processo ha  permesso di identificare la tendenza nel deterioramento della qualità di accreditamento di alcuni prestiti "subprime" del 2006 e cambaito i presupposti nelle valutazioni delle transazioni del mercato RMBS alla luce della nuova situazione.( Standard_&_Poor’s )

Una METODOLOGIA che cambia, un sitema di valutazione che si accorge di ciò che ormai è sotto gli occhi di tutti, all’improvviso tutto cambia nulla è per sempre.

In sostanza una " CONDANNA_A_MORTE " per il mercato subprime paragonato ad un deposito di scorie radioattive.

Per concludere questa carrelata di notizie e curiosità volevo farvi notare una particolarità che a suo tempo mi aveva alquanto incuriosito. A febbraio e marzo, quando scoppiò la consapevolezza del fenomeno "subprime" le pagine dei giornali e dei quotidiani on line americani erano tutti orientati su questa nuova sorpresa adirittura con speciali e intere edizioni con notizie e approfondimenti, anche attraverso la realtà di ogni giorno vissuta dalla gente.

Poi tutto ad un tratto è calato il sipario ed improvvisamente sono diradati sempre più i riferimenti ad un fenomeno che la Federal Reserve professava candidamente circoscritto e  di natura non rilevante.

Oggi ritorna in_PRIMA_PAGINA più vivo che mai, una ferita difficilmente sanabile, dimenticabile un vero e prorio "_SUBPRIME_SHOCKWAVES".

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
11 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2007 at 09:48

Ciao Andrea,

Una piccola curiosità….., ma dove stai di casa…. posti sempre a orari strani…. non dirmi che abiti oltre oceano in territorio nemico … :)
Con simpatia Roberto.

utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2007 at 09:50

USA OLTRE IL BOOM/1 Gli Stati Uniti hanno un serio problema d’inflazione. E sarà soprattutto questo a determinare i prossimi destini della locomotiva a stelle e strisce.
William Ford, già presidente della Federal Reserve di Atlanta nel corso degli anni ’80, nonché autorevole esponente del direttorio centrale, ha pochi dubbi in proposito: «Negli Stati Uniti il carovita trotta a un ritmo sostenuto, che desta apprensioni più che giustificate. Cullarsi in un falso senso di sicurezza per il fatto che la cosiddetta inflazione inerziale, cioè quella depurata dalle componenti di energia e derrate alimentati, risulta meno sostenuta dell’inflazione generale potrebbe dimostrarsi un errore». Il problema sorge perché i dati relativi alle due misure del costo della vita evidenziano tendenze sensibilmente diverse e rischiano di condurre a diagnosi opposte: per esempio, nei primi sei mesi dell’anno, l’inflazione generale ha registrato un balzo del 5%, ma se si escludono il cibo e i prodotti energetici, il tasso scende a un meno preoccupante 2,3 per cento. «Ormai è diventata di moda – continua Ford – la barzelletta secondo cui il numero uno della Fed, Ben Bernanke, è assai tranquillo perchè viaggia con l’autista e frequenta i ristoranti a spese del contribuente, mentre il resto degli americani rimane basito quando compera un cartone di latte o fa il pieno di benzina».

Da Borsa e Finanza
tratto da un articolo di Vincenzo Sciarretta

By Fabio

utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2007 at 11:54

Finanza creativa: ipoteche sulla morte
Maurizio Blondet
22/07/2007
STATI UNITI – Appena finito in bancarotta il gran mercato dei «mutui agli insolventi» (sub-prime borrowers) e rovinate migliaia di famiglie che si stanno vedendo sequestrare la casa, le grandi banche d’affari sono pronte a vendervi l’ultimissimo soggetto inventato dalla finanza creativa: i «death bonds», le obbligazioni sulla morte.
La vostra, naturalmente.
Di che si tratta?
Semplice.
Almeno 90 milioni di americani, in mancanza di una previdenza sociale vera e propria, hanno stipulato un’assicurazione sulla vita.
Molti di loro non riescono più a pagare il premio, troppo costoso.
Altri vorrebbero incassare prima.
Le banche d’affari sono dunque pronti ad offrirvi un contratto di «life settlement» (accordo sulla vita) che consiste in questo: le banche vi comprano la vostra assicurazione, da quel momento pagano il premio al vostro posto fino al giorno della vostra morte, e poi incassano loro al posto vostro o dei vostri parenti sopravvissuti la somma finale.
Di fatto, offrono agli americani, che non sanno più cosa impegnarsi (le case essendo gravate da ipoteche plurime), una ipoteca sulla morte. (1)
Quanto più presto morite, tanto più loro guadagnano: è questo il loro rischio imprenditoriale.
Fino ad oggi, ad ipotecare la morte erano piccole finanziarie locali di dubbia legalità, che poi rivendevano le polizze agli hedge funds.
Ma ora, nel gioco stanno entrando in massa le grandi firme di Wall Street: seicento operatori di Merrill Lynch, Lehman Brothers, Wells Fargo, UBS, Deutsche Bank e Bear Stearns (la ditta che ha appena bruciato 20 miliardi di dollari nel crack dei suoi fondi sui mutui-insolventi) allo Sheraton Hotel & Towers di New York ad una conferenza sull’uso, i metodi, i rischi legali e finanziari del nuovo business della tomba.
Perché sono interessate le grandi firme bancarie?

Perché da una parte devono rifarsi del crack deL mercato speculativo precedente, una torre di 1,4 trilioni di dollari che pende sulle loro teste.
Dall’altra, perché contano di trarre grassi profitti «confezionando» le assicurazioni sulla vita che acquisteranno esattamente allo stesso modo in cui hanno confezionato i mutui: le metteranno tutti insieme in un «pool», frazioneranno il pool in «coriandoli» ciascuno dei quali contiene pezzetti di decine di assicurazioni, e venderanno questi coriandoli, ribattezzati «obbligazioni» (bonds), a fondi pensione, gestori di patrimoni di università e simili.
Insomma alla gente che vuole ricavare un buon interesse dalla speculazione.
A questi investitori i banchieri d’affari promettono un ritorno dell’8% sicuro, dato che i vecchi muoiono ad un ritmo costante e il numero dei vecchi è in aumento.
Niente male: l’8% è più di quanto offrono i Buoni del Tesoro, e poco meno di quel che ci si può aspettare realisticamente dal più rischioso mercato azionario.
Ma soprattutto – dicono ai loro clienti istituzionali, scottati dalle promesse precedenti sui «bond» fatti di mutui di insolventi – i bond-morte sono «uncorrelated assets», ossia attivi (assets) il cui rendimento non è influenzato da ciò che accade sugli altri mercati finanziari: salgano o crollino le azioni, rincarino le materie prime, entri in crisi la Cina o faccia crack la Borsa di Londra, il tasso di mortalità è felicemente costante.
Anzi, in caso di crack generalizzato con disoccupazione e mal di vivere di massa, può solo aumentare, rendendo il business più prospero.
La morte è la «materia prima» più sicura per l’investimento in un mondo globalizzato e instabile.
Così le grandi banche d’affari entrano in un business che prima avevano colpevolmente abbandonato in mano a piccoli truffatori.
Diverse piccole agenzie locali specializzate in ipoteche sulla morte sono nei guai con la giustizia, in quanto convincevano i vecchietti, specie quelli un po’ fuori di testa, a vendere le loro assicurazioni invitando a finte feste o viaggi turistici al termine dei quali gli imbonitori specializzati, anziché vendere pentole o altri oggetti (come accade anche in Italia), facevano balenare mirabolanti introiti.

Contro queste pratiche l’associazione nazionale degli assicuratori USA ha lanciato un allarme pubblico.
Ci sono stati casi in cui gli imbonitori hanno attratto gente poverissima (come tutti gli abitanti di St.Kitts, villaggio dei Caraibi) che nemmeno avevano un’assicurazione.
Essi hanno convinto i poveracci più anziani a stipulare a loro nome un’assicurazione, che poi immediatamente hanno comprato a un decimo del suo prezzo, pagando poi i premi rateali in attesa del trapasso del cliente.
In un altro caso, due individui hanno identificato il segmento di popolazione più promettente, assicurando e poi comprando le assicurazioni dei fedeli di un’intera chiesa negra di Los Angeles:
i negri in USA sono più malati e muoiono prima degli altri gruppi etnici, sicchè i due promettevano agli investitori un ritorno non dell’8, bensì del 25%.
Ora i due individui sono in attesa di processo in California, non per aver fregato le vecchiette negre, ma gli investitori: il 25% è una promessa che i giudici ritengono eccessiva, dopotutto.
I negri non muoiono poi a quel ritmo.
D’altra parte, questo business nasce direttamente da un’altra invenzione creativa, sorta una decina d’anni fa: il cosiddetto «viatical business».
Gli speculatori selezionavano ancor meglio il loro gregge in modo da diminuire il loro rischio finanziario: andavano a trovare malati di Aids e altri terminali – bisognosi di denaro liquido per pagarsi le cure, non esistendo un servizio sanitario nazionale – e offrivano di «realizzare» immediatamente le loro polizze-vita.
Purtroppo, i progressi della medicina hanno prolungato la vita dei malati di Aids, rendendo meno profittevoli i morenti per la finanza.
In più, i tribunali hanno cominciato ad interessarsi della cosa.
Ciò ha ucciso il mercato del «viatical».
Ma il business della morte, in compenso, ha attrattive irresistibili.
E’ il meno regolato dei «mercati»: solo in 26 stati è richiesta una licenza per questo tipo di affari, negli altri chiunque può acquistare la polizza di un vecchio, e di fatto lo fanno un numero crescente di avvocati, ex agenti di borsa falliti, ex assicuratori.
Come si difendono questi delinquenti?

Sostenendo di essere dei benefattori dei vecchi poveri e dei malati.
Difatti, dicono, se questa gente ha bisogno urgente di realizzare per pagarsi le medicine o integrare le pensioncina, non ha altra via legale che rivendere la sua polizza alla stessa compagnia assicurativa che l’ha stipulata: la quale paga una miseria comunque, con enorme profitto proprio.
Anche le assicurazioni strozzano i poveracci, eccome.
Con l’entrata nel business mortale delle grandi banche di Wall Street, che sono una lobby potente, lo strozzamento dei moribondi diverrà un business legale e legittimo.
Del resto, le suddette grandi firme non hanno più altri barili da raschiare.
E’ tramontato il tempo in cui Merrill Lynch e Goldman Sachs facevano i loro profitti offrendo servizi pieni a grandi clienti d’impresa, consulenze in fusioni e acquisizioni, finanziamento delle suddette operazioni e degli investimenti.
Ora il grosso degli affari viene dallo spaccio dei nuovi strumenti creativi fatti di debito, come i «Collateralized Debt Obligations» (CDO) e i «Credit Default Swaps».
Ora, proprio i CDO, obbligazioni il cui rendimento è «garantito» dal debito dei contrattori di mutui immobiliari, sta crollando perché i debitori non riescono a pagare.
Come si diceva, il crollo imminente è valutabile in 1,4 trilioni, ossia 1400 miliardi di dollari.
Le grandi ditte giudicano dunque inevitabile entrare nel business della mo
rtalità.
A questo business, loro possono portare la loro capacità di «securitization», trasformare i debiti in coriandoli e vendere i coriandoli ai fondi pensione, trasferendo così il rischio ad altri e disperdendolo su moltissimi operatori, guadagnando per di più nel corso dell’operazione.
Quasi certamente, le «obbligazioni – morte» saranno selezionate, come i CDO sui mutui, in vari livelli di rischio, e dotati di «rating» delle celebri agenzie tipo Moody’s: le assicurazioni dei malati di Aids saranno probabilmente «AAA», quelle dei negri «AAB».
Quelle dei bianchi benestanti, troppo sani e presumibilmente longevi, saranno probabilmente catalogate come «spazzatura».
L’impoverimento di massa conseguente alla globalizzazione, almeno in Occidente, unito all’invecchiamento della popolazione in Europa, rende il business particolarmente promettente.

Non stupisce apprendere che in Germania e a Londra c’è già un mercato vivace, anche se poco reclamizzato, di queste ipoteche sulla morte.
Sono «bond» chiamati pudicamente «longevity derivatives» che si vendono anche se non sono mai stati valutati da Moody’s e da Standard & Poor’s.
Evidentemente, non paiono rischiosi agli investitori.
Ma il rischio c’è ed è occulto.
E’ lo stesso rischio che ha fatto crollare il mercato dei mutui-insolventi confezionati in obbligazioni: le banche d’affari specializzate nella «securitization» e i fondi da loro creati per lo spaccio dei «bond» si sono indebitati anche dieci volte il proprio capitale, per fare più grosso il business.
Un rovescio ha dunque effetti a cascata sulla montagna di debito sottostante.
Di fatto, l’indebitamento speculativo ha creato un «ciclo tossico del credito»: se il mercato…

utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2007 at 11:57

Di fatto, l’indebitamento speculativo ha creato un «ciclo tossico del credito»: se il mercato cade del 10% gli hedge funds indebitatissimi sono costretti a vendere le loro azioni buone su un mercato in calo, perdendo anche il 50%.
O tutto il capitale al completo, come i due fondi Bear Stearns.
La complicazione crescente dei bonds derivati da questi «attivi» illusori ha aumentato ulteriormente il rischio: alla fine, nessuno capisce più cosa vende e cosa compra, si fida di Moody’s e dell’interesse promesso.
Ma le prospettive di profitto sono troppo golose.
Un’idea viene dall’affare, oggi interrotto dai tribunali, organizzato nella chiesa negra di Los Angeles.
Due personaggi oggi sotto processo hanno convinto il pastore Benjamin Hardwick, lui stesso di anni 75, che la chiesa poteva ricavare un modesto beneficio dalla morte dei suoi fedeli, per le sue opere di carità.
Come?

Bastava convincere i duemila fedeli di gregge a fare un’assicurazione sulla vita.
La polizza avrebbe pagato alla fine 275 mila dollari a morto, che i due benefattori oggi indagati proposero ai vecchietti di suddividere così: 15 mila dollari alla famiglia del defunto per le spese di funerale, 20 mila alla chiesa per le sue opere, e il resto – 240 mila dollari – in un fondo comune che i due benefattori avrebbero gestito onestamente, ossia che sarebbe servito per pagare i ratei dei duemila premi.
In realtà, quei due benefattori rivendettero le polizze ad «investitori istituzionali» vantando possibili ritorni del 25% con il fatto che gli assicurati erano tutti negri, e quindi sarebbero defunti in fretta.
In più, hanno fatto bancarotta dopo essersi comprati auto e magioni di lusso.
Goldman Sachs e Merrill Lynch non commetteranno certo gli stessi errori plateali, hanno stuoli di avvocati ad assisterli per le minuzie penali che il business può incontrare.
Ed hanno anche tutto il potere politico che serve a sventare i due gravi pericoli che pendono sulle obbligazioni della morte: mai e poi mai ci dev’essere in USA un servizio sanitario nazionale, mai e poi mai i progressi benefici della scienza medica devono arrivare ai negri e ai poveri aumentandone la sopravvivenza.
Anzi, meglio di tutto, sarebbe la legalizzazione dell’eutanasia: già le compagnie assicurative premono e fanno lobby, per questa, da decenni.

E’ la logica della finanza globale: morite presto per salvare gli speculatori.
Come ha scritto Mike Whitney (2), gli Stati Uniti sono diventati «Hedgistan», il perfetto Stato dove vige l’integralismo della ricopertura (hedge).
E ormai non ha altro «attivo» sfruttabile, che il rapido trapasso della cittadinanza.

Maurizio Blondet

——————————————————————————–
Note
1) Matthew Goldstein, «Profiting From Mortality – Death bonds may be the most macabre investment scheme ever devised by Wall Street», Business Week, 30 luglio 2007.
2) Mike Whitney, «The crisis in Hedgistan», Counterpunch, 21 luglio 2007.

Copyright © – EFFEDIEFFE – all rights reserved.

archivio: economia

Allora confermi?
Sei in, ehm, territorio nemico?
ciao
Marco De Maria

utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2007 at 13:57

Lancio una scomessa : Andrea viene dal trentino … come professione lavora in nero per la banca d’ Italia …. ovviamente scherzo ^_^

utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2007 at 14:10

… raghazzi calma… tra poco risponde…. dopotutto dove abita lui il sole sta sorgendo adesso …. :)
Roberto

utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2007 at 14:12

beh, dato il guscio vuoto che è ormai la banca d’Italia non stenterei a crederci…
Marco

utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2007 at 14:22

Mi è arrivata una segnalazione, lo hanno visto da Starbucks sulla Fifth Ave che stava bevendo un Frappuccino ….

Dopo si è diretto a passo spedito a intossicare gli ascoltatori da Maria Battiromo su CMBC …. in questo momento ….. :( sigh !!!! sta entrando nel floor dei derivati sintetici di GS …..

Cade un mito ….. peccato scriveva così bene ………… :)
Roberto

Scritto il 23 luglio 2007 at 16:46

” I misteri sono nutrimenti, potenze eccitanti; le spiegazioni sono misteri digeriti. ” (Novalis)

” Privare la magia del suo mistero sarebbe assurdo come togliere il suono alla musica.” (Orson Welles)

Orsu dunque Voi comuni mortali osate avventurarVi nel mistero del ” Cavaliere dell’ Economia dimenticata”!

La carezza del vento, il canto delle onde, il richiamo dell’ alba tropicale e all’improvviso un allert in arrivo da lontano.
Una noce di cocco mi colpisce in piena fronte, un segnale dalla mia palma….re satellitare.

Chi osa sfidare il mistero immortale?

Dagli Appennini alle Ande, dal Manzanarre al Reno, di quel securo il fulmine tenea dietro al baleno……

Ciao ragazzi, Andrea!

utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2007 at 16:56

Andrea,

Sei un grandeeeeeeeeeeeeeeeeee !!!!!!!!

Passatela bene sulla tua isola ….

Roberto

utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2007 at 17:55

Si si …dai lo sappiamo tutti che sarai in qualche paradiso fiscale intento a formare un esercito per conquistare il mondo ….

Okkio che ti beccano !

by Fabio
^_^

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: l’indice italiano si trova a confrontarsi con la prima resistenza che si frappone tra i
Fin dal 2010 una leggge, la L.183/2010, ha disposto la graduale trasformazione della CRI da ente pub
Analisi Tecnica La propensione al rialzo della congestione ha prodotto una long white di oltre 600
Stoxx Giornaliero Buongiorno a tutti, dopo aver appurato l’avvio del ciclo mensile di indic
DJI Giornaliero Buona domenica a tutti e ben ritrovati con il nostro resoconto mensile sul D
T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. yy)[Base
T-1 [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 [3-5 Giorni] (h. yy)[Base Dati: 15 minuti]
Velocità T-2 / T-1 / T / T+1 [Base Dati: 15 minuti] Velocità T-2 / T-1 / T / T+1[Base Dati:
E mentre quasi tutti ancora oggi credono che il leggendario uovo equilibrista sia opera di  Col
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA