ESPLOSIONI MONETARIE NUCLEARI!

Scritto il alle 09:06 da icebergfinanza

Tanto tuonò che piovve, alla fine a forza di buttare benzina sul fuoco, inglesi, americani sono riusciti a far entrate la Russia, davvero in guerra, probabilmente la terza guerra mondiale, il Papa, l’unico che ha il coraggio di chiamarla con il suo vero nome.

Immagine

E certo, non vorrai mica che Putin ci tagli il gas Bellezza, diceva qualche ignorantone che vive sulla luna. Immagino che ora, ci sarà la fila a suggerire che l’atomica non è sul tavolo, sai Bellezza, Putin non la userà mai!

Incredibile come la fuori c’è il rischio sempre più concreto di una guerra atomica e in America sono tutti con il nasino all’insù ad osservare come i banchieri centrali giocano con l’atomica fatta in casa, quella dei tassi, che non sanno neppure usare come insegna la storia.

Dopo 15 anni di viaggio, siamo ancora li, nelle stanze oscure ed esoteriche delle banche centrali da dove escono i missili atomici più pericolosi per l’economia mondiale.

Chi sono in realtà i banchieri centrali?

Lo abbiamo visto qualche giorno fa, è tutto così semplice, come ci ricordava un importante economista americano, Brad DeLong … 

Uno dei peggiori segreti dell’economia è che non esiste una teoria economica. In pratica, non esiste una serie di principi fondamentali su cui poter basare i calcoli che spiegano i risultati economici del mondo reale. Dovremmo tenere a mente questo limite della conoscenza economica quando spingiamo al massimo l’austerità fiscale in tutto il mondo.

I principi economici che sostengono le loro teorie sono un inganno: non sono verità fondamentali ma mere manopole da girare e regolare in virtù delle giuste conclusioni che emergono dall’analisi.

Le giuste conclusioni dipendono da quale dei due tipi di economisti si è. Il primo sceglie, per ragioni non economiche e non scientifiche, un orientamento politico e una serie di alleati politici, e gira e regola le sue ipotesi fino a giungere alle conclusioni che meglio si adattano al suo orientamento e che possono compiacere gli alleati. Il secondo prende tutte le ossa della storia, le butta in una casseruola, accende il fuoco e le fa bollire, sperando che le ossa trasmettano degli insegnamenti e suggeriscano i principi per guidare gli elettori, i burocrati e i politici della nostra civiltà, mentre avanzano lentamente verso l’utopia. ( Sole24Ore )

Gente inutile come direbbero Friedman e Galbraith, inutili come le banche centrali che in questi hanno sulla politica monetaria sono state la fonte di tutti i problemi.

Fanno ancora previsioni folli, fuori da ogni realtà, prevedono una crescita dello 0,2% per il 2022, dopo due trimestri negativi e il terzo in arrivo, sono così pazzi da credere che l’ultimo trimestre sarà tre volte Natale, pura follia!

Ammettono che i consumi e la produzione sono modesti, modesti dicono loro ma si tratta di un vero e proprio crollo, ovvero consumi ZERO!

Il Comitato è molto attento ai rischi di inflazione e prevede che i continui aumenti  saranno appropriati. Inoltre, il Comitato continuerà a ridurre le sue partecipazioni in titoli del Tesoro e titoli di debito di agenzie e titoli garantiti da ipoteche di agenzie, come descritto nei Piani per la riduzione delle dimensioni del bilancio della Federal Reserve emessi a maggio, così scrivono gli scienziati del nulla, ovvero quelli che provano a scpegnere l’incendio che hanno appicato.

Immagine

Si rivelerà il più clamoroso errore della storia delle scelte di politica monetaria americana, non si combatte un’inflazione da asset alzando i tassi, non si combatte un’economia e un’inflazione simile come stanno facendo ora.

Finirà malissimo, almeno nel 1949 con un’inflazione al 20% e l’economia mondiale rasa al suolo dalla guerra, i banchieri centrali decisero di tenere i tassi a lungo termine al 2,5%, quelli si che erano pragmatici, no gente che butta qualche ossicino in una casseruola e spera che vada tutto bene.

I governatori della Fed, hanno un’aspettativa media dal 4,25 al 4,50 percento per la fine del 2022, altri 1,25 punti percentuali in più quest’anno, poi un altro aumento nel 2023 dal 4,50 al 4,75%.

Vedremo, le cose cambiano in fretta, molto in fretta!

Infatti ieri Powell si è lasciato scappare alcune paroline magiche.

In parole povere ha detto che il ritmo dei rialzi potrebbe scendere, ad un certo punto dovranno fermarsi anche nelle prossime riunioni e vedere cosa succede, prima di distruggere l’economia mondiale con il dollaro!

Nuovi massimi a 21 anni per il dollaro e soprattutto per il dollar index.

Comprendo, siamo nel campo di regata sbagliato con i rendimenti ma almeno il dollaro continua ad attenuare la dinamica negativa ed è solo all’inizio perchè come i lettori di Machiavelli ben sanno saliremo ancora e di molto.

Dotti, medici e sapienti che in questi anni ci hanno deriso perchè puntavamo alla parità ora si affollano a prevedere inversioni miracolose, nuovi target a 1,15 e via dicendo.

Rassegnatevi, il regno del dollaro è ancora lungo!

Come scrive Snider, il problema oggi è il dollaro, sta distruggendo l’economia mondiale, c’è penuria di dollari ovunque in circolazione c’è una richiesta mostruosa a fronte di trilioni di debiti contratti con le banche americani a tassi ridicoli.

Nel frattempo continua a scendere il mercato immobiliare americano, settimo mese consecutivo al ribasso per le vendite di abitazioni esistenti…

Ma la notizia interessante arriva dal Canada, il livello di rialzo dei tassi raggiunto, il massimo da 14 anni,  sta letteralmente distruggendo il mercato immobiliare canadese…

Un vero e proprio massacro!

Nella notte il DAX registra nuovi minimi a un soffio dal minimo annuale e non è finita, non è affatto finita, chi ha letto il nostro ultimo manoscritto sa di cosa parliamo.

E’ uscito il nuovo Machiavelli, intitolato “AUTUNNO INFUOCATO’” per tutti coloro che hanno contribuito o vorranno contribuire al nostro viaggio.

I manoscritti da inizio anno sono stati una bussola perfetta dopo un periodo di crisi, ma come sempre la verità è figlia del tempo.

Ribadisco per l’ennesima volta che se ci sono problemi di ricezione, firewall, spam, comunicazione tra i diversi provider dovuti a invii multipli,  basta inviare una mail e il nostro STAFF che provvederà a risolvere il problema.

Grazie a chi vorrà contribuire liberamente al nostro viaggio!

SOSTIENI LIBERAMENTE IL NOSTRO VIAGGIO!

https://icebergfinanza.finanza.com/il-perche-di-un-contributo/

A questo indirizzo il nostro PUNTOSELLA aggiornerà nei commenti la sua personale rubrica mensile…

ANGOLO CINEMATICA PUNTOSELLA

Ricordo a tutti coloro che avessero bisogno, che ICEBERGFINANZA è anche consulenza a 360 gradi, in mezzo a questa tempesta perfetta.

Cliccando sul link qui sotto e mandando una mail a icebergfinanza@gmail.com è possibile avere una consulenza strategica sui possibili sviluppi macroeconomici e finanziari dei prossimi mesi, oltre a ricevere i nostri manoscritti. Buona giornata Andrea

Chiunque volesse sostenere il nostro viaggio riceverà in OMAGGIO le analisi di Machiavelli. Per contribuire al nostro viaggio basta cliccare SUL BANNER  a fianco dei post sul lato destro della pagina o andare alla sezione DONAZIONI…

SEMPLICEMENTE GRAZIE!

13 commenti Commenta
mitopoietico
Scritto il 23 Settembre 2022 at 06:27

Spunto per un dibattito: perché’ ’ un’inflazione da asset non può essere combattuta con i tassi? Se svanisce l’effetto ricchezza, a causa della riduzione del valore degli attivi d’investimento per via dell’inasprimento monetario, si riduce probabilmente anche la domanda di beni e servizi, ciò contribuendo ad abbassare i prezzi

aorlansky60
Scritto il 23 Settembre 2022 at 07:47

…si riduce probabilmente anche la domanda di beni e servizi, ciò contribuendo ad abbassare i prezzi…

è un ‘gioco’ pericoloso però, perchè se l’intervento eccede ‘la domanda di beni e servizi’ verso il basso magari fino al collasso, dietro l’angolo c’è il blocco delle attività produttive di qualsiasi “bene e servizio” (soprattutto di beni considerati ‘durevoli’), a che serve infatti produrre se il consumatore non compra [più]? solo a rimpinguare le scorte di magazzino ??

Detto questo vorrei spostarmi sul tema del thread aperto dal Capitano: nei miei 62 anni di vita (dei quali almeno 45 ‘con l’età della ragione’) su questa Terra, non ricordo un periodo simile caratterizzato dall’essere ormai così vicini ad un nuovo conflitto mondiale, nulla di strano se si pensa all’esempio precedente che la storia ci fornisce, quando la crisi economica del 1929 evolse 10anni dopo nella IInd W.W., stessa cosa si stà realizzando al presente dopo il CRACK economico 2008 (e guarda caso l’epicentro di partenza per i due casi è sempre lo stesso: USA…), sembra quasi che ad un collasso economico [importante] non possa che seguire un conflitto bellico [di grandi proporzioni] per riuscire ‘a resettare il tutto’ per poi ripartire da zero… solo che al presente la faccenda è assai più complicata del passato ed espongo [per chi legge] un esempio molto pratico :

grazie all’attività diplomatica geniale di M.Draghi che, al contario di Francia e Germania che hanno cercato in tutti questi mesi di abbassare i toni verso Putin e la Russia, ha posto l’Italia nelle primissime posizioni del “LIBRO NERO” di Putin alla causale “nemici giurati” della Russia, l’Italia si ritrova ad essere uno dei target “numero 1” nella lista obiettivi della Russia, anche perchè tra le due basi aeree di Ghedi e Aviano sono stoccate 100 bombe circa del tipo ‘B61’ standard NATO di fabbricazione USA, il cui utilizzo prevede trasporto su jet, settabili con potenziale da 20 a 60Kt; simili ordigni sono stoccati [da molto tempo] per esigenze strategiche [della NATO] anche in Belgio, Olanda, Germania e Turchia, con la differenza che l’Italia è il Paese più vicino alla Russia in linea d’aria… questo i Russi lo sanno (così come sanno della giacenza di ordigni ‘B61’ ad Aviano e Ghedi)… quindi nel caso decidessero di compiere il primo passo (se si vedessero costretti a farlo come opzione ‘da ultima spiaggia’) che farebbe precipitare l’Europa (e l’umanità) nella catastrofe di NON RITORNO, oltre Roma e Milano quali principali target economici di una Nazione da abbattere, ci sarebbero anche quelle due località importantissime a fini strettamente militari… insieme a NAPOLI, sede [da decenni] della VIta FLOTTA AERONAVALE USA (la più importante base militare navale USA del Mediterraneo)…

Negli USA non sono molto preoccupati di questo… in fondo tra loro e la Russia, c’è un Oceano a separarli, oltre a tutto il continente europeo… prima di loro, sarebbe l’Europa ad essere colpita e a subire le prime violentissime conseguenze di un attacco su scala NUCLEARE… ecco perchè l’intelligence USA sa di poter ‘giocare col fuoco’ aizzando la Russia, senza correre troppi rischi sul proprio suolo sovrano…

cuculo
Scritto il 23 Settembre 2022 at 08:06

aorlansky60,

A parte che Berlino è assai più vicina alla Russia di Milano…pura nota geografica. E che se parliamo di un attacco missilistico le differenze di distanza in Europa si misurano in minuti…

Vedo che la tattica di Putin, iniettare terrore per paralizzare il nemico ha qualche successo.

aorlansky60
Scritto il 23 Settembre 2022 at 11:05

@ ilcuculo

Il mio non è certo terrore, ma puro e semplice REALISMO, il che è diverso.
Specie considerando le [future] reazioni russe e di Putin in particolare;
egli è un uomo solo, sa di non avere dalla propria parte il consenso di tutta la sua popolazione e nemmeno di tutto il suo stato maggiore (che magari gli dice “da” in faccia, ma alle spalle gli dice “niet”); se in questo momento [o nel prossimo futuro] dovesse mollarlo anche la Cina (che inizia ad essere ‘stufa’ dei risvolti del conflitto ukraino), egli si sentirebbe ancora ‘più solo’ e parlo di un uomo che possiede nei propri arsenali 6000 testate nucleari, al netto di quelle stivate nei propri sommergibili nucleari, molte delle quali installate su vettori ICBM… e quando un uomo al comando si sente accerchiato, può essere indotto a reazioni non razionali…
Quel genio della tedeschina alla presidenza della Com.UE ha affermato recentemente che al termine delle ostilità, quando e se ci arriveremo, Putin dovrebbe essere catturato e consegnato ad un tribunale internazionale… con la prospettiva di essere internato in un carcere, molto probabilmente… quando uno [a livello in cui si ritrova Putin] si sente braccato sapendo di non aver più nulla da perdere, beh, la conclusione la lascio a chi legge…

cuculo
Scritto il 23 Settembre 2022 at 12:18

aorlansky60,

La storia ci insegna che quando il vincitore umilia il perdente questo genera pessimi frutti nel futuro …
Detto questo Putin Medvedev e la sua cerchia vanno in qualche modo fermati.

Ho notato che tutte le volte che qualcuno viene indicato come pessimista o gli si fa notare che il suo ragionamento è guidato dalla paura , immancabilmente risponde di essere solo Realista !

mitopoietico
Scritto il 23 Settembre 2022 at 12:59

Voi ragionate da europei, assediati dalla propaganda occidentale.
Pensate sia verosimile che ora tutto torni allo Status quo ante, così senza conseguenze per l’Occidente malato di “politicamente corretto” e di senso di superiorità?

cuculo
Scritto il 23 Settembre 2022 at 14:45

mitopoietico,

ciascuno el ga le so razon, ma noi occidentali dovremmo essere orgogliosi della democrazia, per quanto imperfetta, dei diritti civili e delle libertà civili, per quanto incompleti, della protezione sociale, per quanto parziale e non sempre coprente, del ripudio della guerra anche se poi la esportiamo.
Invece guardiamo a modelli autoritari che ci minacciano e sembriamo presi da una specie di sindrome di Stoccolma…. Sveglia…..

cuculo
Scritto il 23 Settembre 2022 at 14:52

mitopoietico,

L’altra cosa che mi è indigesta è l’aver introiettato questa idea che ” l’occidente è malato ”

è una frase di propaganda usata dai regimi autocratici che si pongono in antagonismo con l’occidente sostenendo che la democrazia è debole e che solo i regimi autoritari possono prevalere. Ma, di grazia, qual è la malattia dell’occidente? E quali sarebbero le società sane?

aorlansky60
Scritto il 23 Settembre 2022 at 19:06

Detto questo Putin Medvedev e la sua cerchia vanno in qualche modo fermati.

Oh si, certo, credo che possiamo essere tutti d’accordo su questo…
Anche Xi jing-Ping e la sua cerchia andrebbero fermati, allora,
in fondo anche quello che rappresentano è un regime totalitario,
alla stessa stregua di quello russo, forse anche peggio…
solo che anziche 145 milioni di esseri come conta la Russia, la Cina conta 1,4 miliardi di esseri umani…

Gran brutta ‘gatta da pelare’ per lo ‘zio sam’, il campione assoluto riconosciuto a difesa della ‘demokrazia’, l’unico che ci possa salvare dallo spauracchio…
l’unico player che possa aspirare a farlo…

mitopoietico
Scritto il 23 Settembre 2022 at 19:49

Potrei portare milioni di elementi che mi inducono a dire che l’occidente è imbolsito e degradato. Mi limito tuttavia a dire che oggi è una società che invecchia negli agi del consumismo più becero. Dove regna uno stolto e autolesionistico “politicamente corretto”. Crediamo che il nostro stile di vita sia il migliore e lo esportiamo stoltamente con la globalizzazione.

Chiaramente è un modello che può “attrarre” vista l’opulenza, ma alla fine si creano solo moltitudini di consumatori che rubacchiano vendendo qualcosa gli uni agli altri

cuculo,

aorlansky60
Scritto il 24 Settembre 2022 at 08:53

@ ilcuculo
…noi occidentali dovremmo essere orgogliosi della democrazia…

Winston Churchill ne ebbe a dire che
non sarà il sistema migliore di governare una Nazione, ma è quello meno sbagliato che io conosca…
Effettivamente non aveva tutti i torti in questa sua breve analisi…

Per quanto mi riguarda, credo che non esite -ne esisterà mai- al mondo un sistema ottimale di governo per dirigere un popolo, uno Stato, una Nazione.
La storia testimonia che l’opera dell’uomo nel “tentativo” di farlo attraverso i millenni si è rivelato UN FALLIMENTO TOTALE e CONTINUO (se si può definire “tentativo” ed infatti sarà destinato a rimanere tale, visto che non è e non sarà mai definitivo fino a raggiungere lo stato di PERFEZIONE, dato che quest’ultima non appartiene all’uomo, che conosce solo IL COMPROMESSO per il ‘MENO PEGGIO’ quando i tempi sono da considerare ‘floridi’ e ‘fortunati’, molto spesso peggiori quando i tempi confluiscono in GUERRE tra Stati).

In questo momento storico ci sono 2 MODELLI arrivati al punto di collisione, in ragione del fatto che UNO di questi governa il mondo, e l’ALTRO ambisce a prenderne il posto, e per farlo dovrà necessariamente scalzare il contendente dalla posizione di vertice che occupa da 80anni a questa parte. Questo modello esisteva già nella seconda metà del XXmo secolo durante “la guerra fredda” tra URSS e USA, ma la differenza con lo stato attuale stà nel fatto che la Cina, i cinesi e la loro classe dirigente sono decisamente più astuti, furbi, subdoli dei russi nel progettare i propri obiettivi e portarli a termine, con qualsiasi ‘seconda parte’ con cui si ritrovano ad interloquire e contrattare.

In realtà ciò che stà avvenendo per il predominio ed il controllo futuro del mondo relega in secondo piano l’importanza del sistema “più giusto” o “migliore”…
Perchè ad imporsi SARA’ IL SISTEMA PIU’ FORTE, come sempre è avvenuto nella Storia, e non è affatto detto che ad imporsi sarà il sistema “più giusto” o “migliore”…

dovremmo essere orgogliosi della democrazia” ??
si, certo…

ma non è nemmeno da dimenticare ciò che ha permesso di arrivare “alla democrazia”,
da parte di Stati sovrani che si sono imposti su altre Nazioni predandone quelle ricchezze
che i primi non possedevano, lasciando quegli Stati inferiori al loro destino e nella condizione
di miseri subordinati insieme a tutta la propria popolazione.

Noi 800 milioni di cittadini “occidentali” quando apriamo il rubinetto e vediamo scendere l’acqua, o quando premiamo un pulsante e vediamo accendersi la luce, dovremmo pensare che nel resto del mondo almeno due miliardi di esseri umani (se non di più) non posseggono questo privilegio.

È ‘giusto’ questo?
Secondo me no, ma la maggioranza del ceto medio “dell’Occidente” non ci pensa nemmeno
ed accetta la cosa come ‘giusta’ ‘ovvia’ e ‘scontata’…

viva la ‘democrazia’, allora…

Però poi ‘noi democratici’ non lamentiamoci se nel mondo attuale almeno 5 miliardi di altri esseri umani guarda e vede “col fumo agli occhi noi “occidentali” nord americani, australiani od europei che siano…

cuculo
Scritto il 24 Settembre 2022 at 15:45

aorlansky60,

l’ultima parte del ragionamento non tiene …
La Russia è un paese potenzialmente molto ricco per risorse sopra e sotto il suolo, se non fossero continuamente depredati dalla loro stessa oligarchia corrotta quando aprono I rubinetti potrebbe uscire Prosecco non banale acqua.
Eppure oggi muovono guerra all’occidente senza neppure sapere perché… ma solo ben indottrinati dalla propaganda.
Certo l’europa ha le sue colpe e paga l’approccio predatorio , in particolare tedesco, tenuto dopo il collasso dell’ URSS

darkerside
Scritto il 24 Settembre 2022 at 16:13

Beh, nessuno fa i complimenti al dollaro e al blog che ne ha fatto per tempo la previsione.
Io non posseggo tbond ho dollari in altri modi e ho guadagnato anche per le quotazioni.
Il mio “consulente” bancario gia’ a 115 insisteva per la vendita. Personalmente mi godo, al di la’ del dollaro, questo momento eccezzionale che stiamo vivendo. Per quanto mi riguarda sono tutti d’accordo che il mondo si debba fermare, ce la stanno mettendo tutta da anni. Purtroppo, loro sono d’accordo e noi siamo nel mezzo quindi adattarsi e improvvisare. Il colore rosa ? da dimenticare meglio un bel grigio….. per ora.
I figli si sono un problema ma e’ il loro mondo si adatteranno e lo vivrannoo al meglio.
Un mondo incredibile? Abbiamo due papi da decenni. Cosa altro serve per identificarlo?

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
Ftse Mib. L’indice italiano ha un’impostazione ribassista nel breve e medio termine dal punto di
Tutti i mercati stanno lavorando su aree di prezzo di particolare rilevanza monetaria, in quanto com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Tanto tuonò che piovve, alla fine a forza di buttare benzina sul fuoco, inglesi, americani sono
Analisi dei posizionamenti e del sentiment sul mercato dei derivati, future e opzioni, su S&P500
Ormai è cosa nota a tutti. La Fed ha alzato i tassi dello 0,75%, e adesso ci troviamo nella for
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Puntata speciale di Trading Floor con ospite Pietro Di Lorenzo, trader professionista e fondatore di
Questo grafico è il classico caso dove non sono necessarie ulteriori spiegazioni o parole a cor
Mercati in fibrillazione per la giornata di oggi dove il catalizzatore sarà la riunione del Fomc e
CONTATORE