EUROPA IN FIAMME!

Scritto il alle 10:32 da icebergfinanza

Incendi in Europa, fiamme devastano boschi in Spagna, Francia e Portogallo | Sky TG24

Ieri per fortuna nostra l’America festeggiava il Labour Day, senza l’America i mercati mondiali non esistono, niente volumi, nulla di nulla si muove senza l’America in campo finanziario.

Dopo il brutto dato nel settore manifatturiero, ieri, dati da brivido in arrivo dalla Germania e dall’Europa!

L’indice finale Pmi servizi di S&P Global in Germania per agosto è sceso a 47,7 da 49,7 del mese precedente. Il dato è risultato inferiore anche alla stima flash di 48,2 di fine agosto.

Quello europeo, è sceso a un minimo di 18 mesi di 48,9 ad agosto da 49,9 di luglio, al di sotto della stima preliminare di 49,2. Qualsiasi valore inferiore a 50 indica una contrazione.

 

Ieri l’euro è sceso sotto 0,99 per la prima volta da 20 anni, sarà molto difficile nei prossimi mesi tornare in maniera definitiva sopra la parità, soprattutto se in Europa, i burocrati portano avanti il suicidio dell’euro.

Invece di continuare a frignare per tutto, la svalutazione dell’euro che è solo all’inizio è una buona notizia per le imprese europee.

Grazie a idee stupide e insensate come questa, l’euro scenderà rapidamente sotto i minimi storici.

“Potrebbe obbligare gli Stati membri a ignorare il diritto contrattuale, costringere le aziende a divulgare informazioni commercialmente sensibili e condividere i loro prodotti immagazzinati o imporre la loro produzione in qualsiasi tipo di crisi decida la commissione”, ha affermato Barysas. La cosa più preoccupante per le aziende è un sistema di “ordini con priorità” in base al quale Bruxelles potrebbe indirizzare ciò che le aziende producono e a chi lo vendono, violando potenzialmente i contratti con i clienti.

Ci vuole applicazione per proporre idee così demenziali, ma va bene così, noi siamo posizionati a meraviglia contro la fine di questo demenziale esperimento che è l’euro!

Ma ora fermiamoci qui. Troppo pessimisti vero, solo la fine della guerra potrebbe cambiare le sorti dell’economia in futuro. Ce la siamo cercata, loro sono andati a cercarsela, ma va bene così, perchè nessuno protesta.

Ma non basta ai burocrati, plutocrati di Bruxelles e soprattutto all’America di Biden, loro vogliono sempre più alzare il livello di scontro.

Non è la terza guerra mondiale? O si certo, sino a quando non vi arriva un missile in casa, non è la terza guerra mondiale.

Ascoltavo ieri un ignorante parlare durante la trasmissione Controcorrente, le sanzione stanno distruggendo la Russia, in fondo la Russia a parte gas e petrolio, cosa produce?

La Russia oltre al gas e al petrolio, ha platino, palldio, alluminio, acciaio, Russia e Ucraina insieme rappresentano un terzo delle esportazioni di grano.

Da sola la Russia fornisce il titanio che serve per la metà a Airbus e un terzo a Boeing, pure il nichel produce.

Ma davvero in Europa c’è chi è cosi stupido da poter pensare di far a meno delle risorse della Russia? Ma il pragmatismo dove è finito?

La nuova premier britannica vuole processare Putin, cosa fanno, invadono la Russia!

Va bene tutto, la Russia è una dittatura, ma un minimo di pragmatismo non guasta.

E’ allucinante osservare come gli italiani battono le mani al banchiere messia, uno che urlava se non ti vaccini muori, uno che con un sorriso beffardo ti chiede se vuoi la pace o il condizionatore, sapendo che con le sanzioni la pace non la raggiungerai mai e poi mai!

Chris Williamson, Chief Business Economist di S&P suggerisce una contrazione del PIL nel terzo trimestre, ma non serve un economista per capire cosa succederà se non si ferma questa guerra.

  • “ Anche il deterioramento sta diventando più ampio, con i servizi che ora si uniscono al settore manifatturiero nel riportare la produzione in calo. Dopo aver guidato lo scatto di crescita all’inizio dell’anno, i servizi rivolti ai consumatori come viaggi, turismo e attività ricreative stanno ora registrando livelli di attività in calo poiché l’aumento del costo della vita spinge le famiglie a ridurre le spese non essenziali

Non ci vuole uno scienziato per capire che più salgono i prezzi, più l’economia collassa e i posti di lavoro spariscono.

… la flessione dell’attività commerciale potrebbe aumentare a settembre e le aziende stanno già riducendo le assunzioni di fronte a vendite inferiori alle attese, costi in aumento e preoccupazioni per il futuro prospettive di crescita . “I costi delle imprese e i prezzi di vendita continuano a salire a tassi che non erano stati osservati prima della pandemia, sottolineando il persistere di elevate pressioni inflazionistiche, ma ci sono almeno buone notizie in termini di tassi di aumento ulteriormente rallentati ad agosto , suggerendo che il picco di inflazione è superato”.

Sono troppo pessimista? No purtroppo sono un inguaribile, fesso ottimista…ben informato!

Si certo, non c’è alternativa all’equity, non c’e alternativa all’euro, non c’è alternativa alla stupidità, ma sai Bellezza ci pensano le banche centrali, si proprio loro, le principali responsabili di ogni crisi degli ultimi 30 anni!

Nel prossimo manoscritto in uscita la prossima settimana,  esploreremo cosa ci attende in questo autunno infuocato e che fine farà il dollaro, ma soprattutto l’euro e i nostri titoli di Stato!

E’ uscito il nuovo Machiavelli, intitolato “OLTRE LA PARITA’” per tutti coloro che hanno contribuito o vorranno contribuire al nostro viaggio.

I manoscritti da inizio anno sono stati una bussola perfetta dopo un periodo di crisi, ma come sempre la verità è figlia del tempo.

Ribadisco per l’ennesima volta che se ci sono problemi di ricezione, firewall, spam, comunicazione tra i diversi provider dovuti a invii multipli,  basta inviare una mail e il nostro STAFF che provvederà a risolvere il problema.

Grazie a chi vorrà contribuire liberamente al nostro viaggio!

SOSTIENI LIBERAMENTE IL NOSTRO VIAGGIO!

https://icebergfinanza.finanza.com/il-perche-di-un-contributo/

A questo indirizzo il nostro PUNTOSELLA aggiornerà nei commenti la sua personale rubrica mensile…

ANGOLO CINEMATICA PUNTOSELLA

Ricordo a tutti coloro che avessero bisogno, che ICEBERGFINANZA è anche consulenza a 360 gradi, in mezzo a questa tempesta perfetta.

Cliccando sul link qui sotto e mandando una mail a icebergfinanza@gmail.com è possibile avere una consulenza strategica sui possibili sviluppi macroeconomici e finanziari dei prossimi mesi, oltre a ricevere i nostri manoscritti. Buona giornata Andrea

Chiunque volesse sostenere il nostro viaggio riceverà in OMAGGIO le analisi di Machiavelli. Per contribuire al nostro viaggio basta cliccare SUL BANNER  a fianco dei post sul lato destro della pagina o andare alla sezione DONAZIONI…

SEMPLICEMENTE GRAZIE!

 

 

 

 

 

 

Tags:   |
Nessun commento Commenta

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
Ftse Mib. L’indice italiano ha un’impostazione ribassista nel breve e medio termine dal punto di
Tutti i mercati stanno lavorando su aree di prezzo di particolare rilevanza monetaria, in quanto com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Tanto tuonò che piovve, alla fine a forza di buttare benzina sul fuoco, inglesi, americani sono
Analisi dei posizionamenti e del sentiment sul mercato dei derivati, future e opzioni, su S&P500
Ormai è cosa nota a tutti. La Fed ha alzato i tassi dello 0,75%, e adesso ci troviamo nella for
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Puntata speciale di Trading Floor con ospite Pietro Di Lorenzo, trader professionista e fondatore di
Questo grafico è il classico caso dove non sono necessarie ulteriori spiegazioni o parole a cor
Mercati in fibrillazione per la giornata di oggi dove il catalizzatore sarà la riunione del Fomc e
CONTATORE