INFLAZIONE COUNTDOWN!

Scritto il alle 08:08 da icebergfinanza

INFLAZIONE...COUNTDOWN! - icebergfinanza

Forse qualcuno di Voi se lo ricorderà, l’ economista Paul Kasriel, uno dei nostri maestri, quelli lontani dai riflettori, persone competenti, serie e professionali, che ci hanno permesso nel 2007 di essere tra i pochissimi ad anticipare la Grande Recessione, la crisi Subprime.

Recentemente Paul, ha messo in dubbio l’ampia convinzione che il debole quadro dei posti di lavoro di agosto sia stato il risultato della paura dei consumatori per la variante delta, ancor di più quelli che suggeriscono che è dovuto all’interruzione delle catene di approvvigionamento, la stessa scusa che usano coloro che si inventano la stagflazione.

Lui pensa che il rapporto sul lavoro, il vero problema è la mancanza di offerta, più che la domanda dei consumatori.

A breve avremo anche il dato sui consumi di agosto che potrebbe dirci qualcosa di più, ma a recente perdita di oltre 41.000 posti di lavoro in piena estate nella ristorazione è un grosso campanello di allarme.

Paul suggerisce che è strano che siano aumentati i salari in questo settore, visto che la richiesta di lavoro si sta contraendo a meno che qualcuno non sia talmente disperato da offrire maggiori compensi per la ricerca del personale.

Le vendite al dettaglio di agosto, verranno rilasciate giovedì, il consenso è per una diminuzione dello 0,7% , non male per un mercato azionario sui massimi storici, ben 5 mesi consecutivi, la cui somma è negativa.

U.S. Retail Sales

Niente stimoli, niente consumi.

Le riduzioni delle prospettive di crescita americane, qui sotto prospettate dagli economisti,  sono estremamente ottimistiche. Noi prevediamo numeri molto più bassi e qui da noi, spesso la verità è figlia del tempo.

Immagine

Per il resto è noia pura, sbadigli sistematici a partire dall’inflazione.

Con l’aumento dei prezzi alla produzione dello 0,7% su base mensile (oltre lo 0,6% previsto), il che non produrrà alcuna inflazione, solo un violento taglio dei margini aziendali, come più volte suggerito le aziende non possono trasferire i costi al consumatore, crollerebbe tutto.

O le aziende aumentano i prezzi o tagliano i margini, licenziano o riducono i salari.

L’indice della domanda finale è aumentato dell’8,3% per i 12 mesi terminati ad agosto, il più grande progresso da quando i dati sono stati calcolati per la prima volta nel novembre 2010, una serie recente, non ha senso paragonare un anno come questo con anni che riflettono solo deflazione.

Come sempre i prezzi per la domanda finale alla produzione al netto di alimenti, energia e servizi commerciali sono aumentati dello 0,3 percento ad agosto dopo essere aumentati dello 0,9 percento a luglio, in poche parole il dato core registra una sensibile frenata.

Oggi alle 14.30 uscirà l’inflazione al consumo in America, se il dato supererà le attese tutti a strillare all’iperinflazione, se invece sarà inferiore, sarà casuale come sempre.

Come suggerito prima, non riusciranno a trasmettere l’aumento SPECULATIVO dei prezzi al consumatore finale, quindi inutile come fanno alcuni correlare i prezzi alla produzione con quelli al consumo.

Se si guarda all’aumento reale delle materie prime e dei prezzi alla produzione, l’aumento dei prezzi finali al consumo è davvero ridicolo, senza sussidi crolla tutto, come crollerà ad esempio in Italia la domanda di veicoli elettrici ora che il Governo continua a distribuire elemosina, rispetto ai soldi che riceve dall’Europa per la transizione ecologica…

Nel frattempo sul mercato valutario importanti novità sotto la superficie dell’iceberg si stanno preparando, come vedremo insieme a Machiavelli la prossima settimana.

I manoscritti da inizio anno sono più che sufficienti per comprendere come coglierla, l’ultima grande occasione, la più colossale della storia, perché oggi sono tutti sul lato sbagliato di una barca che sta di nuovo per affondare.

Ricordo a tutti coloro che avessero bisogno, che ICEBERGFINANZA è anche consulenza a 360 gradi, in mezzo a questa tempesta perfetta.

Cliccando sul link qui sotto e mandando una mail a icebergfinanza@gmail.com è possibile avere una consulenza strategica sui possibili sviluppi macroeconomici e finanziari dei prossimi mesi, oltre a ricevere i nostri manoscritti. Buona giornata Andrea

Chiunque volesse sostenere il nostro viaggio riceverà in OMAGGIO le analisi di Machiavelli. Per contribuire al nostro viaggio basta cliccare SUL BANNER  a fianco dei post sul lato destro della pagina o andare alla sezione DONAZIONI…

SEMPLICEMENTE GRAZIE!

Tags: ,   |
4 commenti Commenta
ildebrando
Scritto il 14 Settembre 2021 at 13:24

Tenere presente che aumentano i costi sistemici per la popolazione sbandierati come efficenza, riduzione dei costi e nuove opportunità di sviluppo che poi vengono trasferiti sulla popolazione complicandogli anche la vita oltre a ridurgli il reddito reale disponibile. Stanno rendendo difficile semplicemente lavorare e vivere, non essendo gente che sa cosa sia lavorare ma fanno corsi, è normale. Il controllo costa, è parassitario e il costo trasferito.

aorlansky60
Scritto il 14 Settembre 2021 at 17:42

@ Ildebrando

…stanno rendendo difficile lavorare e vivere…

Vero ciò che affermi, ma la valutazione di tale osservazione è soggettiva ed è fortemente relativa alla fascia d’età di appartenenza :

1) per chi appartiene a vecchie generazioni, ed ha potuto assaporare appieno il WELFARE [di uno Stato efficiente che funziona(va), il cui scopo primario della sua politica dirigente è(era) il benessere dei propri cittadini] applicato in tutte le sue forme, la constatazione di come stiano cambiando “lo stato delle cose” è lampante e palese (e desolante nella valutazione);

2) per chi appartiene a generazioni più giovani, queste non possono fare confronti con uma memoria storica che non possiedono per non averla vissuta, quindi per costoro l’applicazione del nuovo “stato delle cose” sarà più facile da “digerire”, l’uomo ha una capacità di adattamento sorprendente, anche su questo giocano coloro che stanno imponendo “le nuove regole” societarie.

3) per chi appartiene attualmente al mondo scolastico il problema non si pone nemmeno, in quanto saranno abilmente addestrati per far parte del “gregge”, con divieto di rumoreggiare eccessivamente, in quanto la presenza del sistema sarà sempre più evidente quanto oppressiva. I giovani sono molto più malleabili mentalmente di un vecchio, la cui esperienza gli fà vedere le cose sotto una prospettiva [realista] che i giovani non riescono nemmeno ad intravedere…

Quel furbastro (e qualche altro “titolo” fortemente dispregiativo) di JC Junker aveva visto giusto, perchè il problema è che non si intravedono all’orizzonte movimenti popolari di forza coercitiva abbastanza risoluti da riuscire a combattere fino ad impedire il processo in atto, in quanto sono ormai quasi tutti lobotomizzati dal sistema stesso, per i “diversivi” che esso ha abilmente fornito al popolo per farlo star calmo e quieto, “diversivi” che non stò nemmeno a descrivere perchè dovrebbero essere fin troppo noti.

Non un bel mondo da vivere quello che si prospetta nel prossimo futuro (detto da uno come il sottoscritto che appartiene alla fascia d’età descritta al punto 1) ma evidentemente era un “mondo” perfino troppo “bello”, il cui modello era fatto su misura di vasta scala per la maggioranza delle popolazioni e relativo benessere… il vertice del sistema attuale stà riportando indietro le lancette dell’orologio di parecchio tempo, per un ritorno al 1700 e alle condizioni di vita sociale di quel periodo.

ildebrando
Scritto il 15 Settembre 2021 at 16:26

Un po’ OT ma non tanto, bisognrebbe spiegare a che serve e servirà quello che chiamano “green-pass” o nuovi nomi, la domanda giusta se la stanno già facendo, a che c. serve se non può dare alcuna garanzia di prevenzione e per il falso senso di sicurezza è controproducente e genera problemi sociali? sarà per i “vaccini” sui quali l’approccio intimidatorio e altro suggerisce molti dubbi? Mah, forse e meglio che verifichino sperimentalmente.

aorlansky60
Scritto il 16 Settembre 2021 at 09:30

…a proposito di green pass, l’Italia è l’unico paese (insieme a pochi altri sulla faccia della Terra, e non è che quest’ultimi siano “esempio di Democrazia…) ad averlo imposto in forma rigida ed inequivocabile… e non è che negli altri Paesi Europei il problema Covid sia da ritenere debellato (tutta’altro…) ecco quindi come le conseguenze (e le comode scuse, per la politica dirigente) del Covid stiano avviando l’Italia verso una via sempre più da REGIME TOTALITARIO.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
Fino a qualche giorno fa Evergrande era per molti la più sconosciuta società del pianeta. In r
Ftse Mib. Dopo aver toccato il 13 agosto il massimo di periodo a 26.687 punti, l’indice italiano
Ieri sono uscite le vendite al  dettaglio in America, tutto come previsto un mese fa, quando ab
Signori, siamo di fronte ad un problema. Impercettibile, perché stiamo parlando di un qualcosa
Il ribasso del titolo Enel ha messo in apprensione più di un operatore. Enel, insieme alle sue cont
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Potrei parlarvi dell’inflazione USA che è stata meno elevata del previsto. Il che va a confer
Analisi dei posizionamenti monetari totali e parziali sulla trimestrale Dicembre di Eurostoxx50.
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Puntata speciale di Trading Floor con ospite Pierpaolo Scandurra, Amministratore Delegato di Certif
CONTATORE