INFLAZIONE: THE DEVIL IS IN THE DETAILS

Scritto il alle 08:00 da icebergfinanza

devil is in the details

Come sempre i dettagli fanno la differenza e il diavolo venerdì era nei dettagli del rapporto sull’occupazione, non bastano i numeri, i bond vigilantes avevano anticipato tutto portando i rendimenti del trentennale di nuovo vicini al 2 %.

Ora tutti ad attendere Jackson Hole, qualche volpe che spera che il petrolio arrivi a 100 dollari per incendiare di nuovo l’inflazione che in realtà è solo un enorme fake, creato ad arte per speculare, alimentato dalla pandemia…

Se togliamo tutte le dinamiche transitorie di questi mesi, fattori transitori ed eccezionali, l’inflazione è addirittura scesa dall’inizio della pandemia, non quella quotidiana con cui fanno i conti imprenditori e consumatori, ma quella che usano i giuristi del concorso di bellezza per decidere dove andranno i tassi.

Prima che qualcuno mi ricordi che è aumentato tutto, ribadisco che quella è l’inflazione per fessi, si quella è l’inflazione che esiste dalla notte dei tempi, quella con la quale QUOTIDIANAMENTE i furbi fregano i fessi, aumentando prezzi spesso senza motivo a partire dalla benzina sino ai generi alimentari, per non parlare di affitti, case, sanità e via dicendo.

Ovviamente i fessi non si sono accorti di come l’euro li ha fatti fessi per davvero!

Ci sarebbe da ridere per ogni mese passato a raccontare che l’inflazione era fuori controllo a leggere quanto scrive Pimco, ma come tutto qui, il prossimo anno si scende di nuovo al 1,5 %?Immagine

 

Ma torniamo al dato sul lavoro americano, 850.000 posti che sono in realtà per lo più temporanei, effimeri, illusori, in realtà l’occupazione dell’indagine sulle famiglie è diminuita, la forza lavoro è diminuita.

Il tasso di disoccupazione ha ripreso a salire.

L’indagine sulle famiglie non ha mostrato alcun cambiamento nel rapporto occupazione/popolazione o nel tasso di partecipazione alla forza lavoro. Il tasso di disoccupazione è leggermente aumentato, poiché l’occupazione nell’indagine sulle famiglie è diminuita di 18.000 unità.

Il precedente mese è stato rivisto al ribasso, anche se solo di 9000 unità, quella di aprile al rialzo di 24.000, a forza di ricevere sussidi gli americani che hanno deciso di non fare più lavori a part time sono aumentati di 1,17 milioni una cifra enorme. I lavoratori a tempo pieno sono diminuiti di 103.000 unità.

I maggiori guadagni di posti di lavoro sono stati nell’istruzione statale e locale (229.700), nei ristoranti (194.300) e negli hotel (75.100). I guadagni nell’istruzione statale e locale indicano che le scuole stanno tornando all’insegnamento in classe, sebbene l’occupazione sia ancora in calo di 583.000 unità rispetto al livello pre-pandemia. Anche la categoria delle arti e dello spettacolo ha mostrato un grande guadagno di 73.600, poiché molti luoghi che erano stati chiusi a causa della pandemia hanno potuto riaprire a giugno.

Il settore della vendita al dettaglio ha aggiunto 67.100 posti di lavoro. Il settore manifatturiero ha aggiunto 15.000 posti di lavoro, ma è ancora in calo di 481.000 rispetto ai livelli pre-pandemia. La crescita del settore è stata rallentata dalla perdita di 12.300 posti di lavoro nell’industria automobilistica, il risultato di continue carenze. I lavori di costruzione sono diminuiti di 7.000, il terzo calo consecutivo. Questo probabilmente riflette anche la carenza di materiali.

L’orario medio settimanale di tutti i dipendenti privati ​​è sceso di 0,1 ore a 34,7 ore. Le ore settimanali medie di tutti i dipendenti che forniscono servizi privati ​​sono scese di 0,1 ore a 33,7 ore. Le ore settimanali medie dei produttori sono diminuite di 0,2 ore più altre 0,1 ore in una revisione negativa a 40,2 ore.

Come scrive Dean Baker Senior economist presso il Center for Economic and Policy Research…

 

 I settori che pagano meno hanno avuto aumenti ancora più rapidi, con i salari nel settore della vendita al dettaglio che sono aumentati a un tasso annuo dell’11,7 percento negli ultimi tre mesi, ma solo del 2,5 percento anno su anno. Per i ristoranti il ​​tasso annuo è del 25,1 percento e dell’11,2 percento su base annua. Questi forti aumenti salariali nella parte inferiore sono impressionanti, ma non è probabile che siano inflazionistici poiché rappresentano una quota relativamente piccola del monte salari totale. La paga oraria media complessiva è aumentata del 3,6% rispetto al livello di un anno fa.

Le ore calano leggermente

Un elemento che non si adatta alla diffusa storia di carenza di manodopera è un piccolo calo della durata della settimana lavorativa media da 34,8 ore a 34,7 ore, dopo un calo simile a maggio. Se i datori di lavoro avessero davvero difficoltà a trovare lavoratori, ci aspetteremmo di vederli cercare di lavorare con i dipendenti che hanno più ore.

Il calo delle ore è incoraggiante anche dal punto di vista della produttività.Con la crescita del PIL che probabilmente supererà l’8,0 percento e le ore in aumento a un tasso annuo di circa il 4,0 percento, sembra che assisteremo a un altro quarto di crescita della produttività molto forte.

E come ci ricorda qualcuno di nostra conoscenza, la produttività è DEFLATTIVA!

Lower Productivity Points To Slower Growth And Higher Inflation | Seeking Alpha

INFLAZIONE: LA PRODUTTIVITA’ E’ DEFLATTIVA!

La quota di disoccupati di lunga durata aumenta di 1,2 punti percentuali al 42,1 per cento appena sotto il picco della recessione e un livello superato solo in pochi mesi nella Grande Recessione.

Anno su anno, i salari sono aumentati da $ 29,35 a $ 30,40.

Tutto qui il famigerato aumento degli stipendi e certo se aumentano solo i salari che prima erano da fame, che rischi ci sono per l’inflazione salariale, ZERO!

Nel frattempo quasi un trilione di dollari è stato ritirato dal mercato e con il livello di leva finanziaria esasperata il rischio di un serio incidente soprattutto in estate è dietro l’angolo…

I problemi stanno fermentando nei tubi che corrono sotto Wall Street. E ancora una volta le banche chiamano Zoltan Pozsar.

Gli investitori hanno iniziato a immagazzinare centinaia di miliardi di dollari presso la Federal Reserve ogni notte, e nessuno è abbastanza sicuro di cosa significhi. Per le risposte, molti si rivolgono all’analista di Credit Suisse di 42 anni, di origine ungherese, noto per aver previsto con precisione i movimenti di mercati arcani come i riacquisti inversi con dichiarazioni tra cui: “Così inizia la sterilizzazione delle riserve”.

Il Global Money Dispatch di Pozsar, pubblicato almeno due volte a settimana, è la prima lettura per trader, banchieri e politici interessati al funzionamento interno del sistema finanziario, elogiato per la sua visione completa e l’analisi convincente. L’ultimo tema caldo: i quasi trilioni di dollari che si accumulano in un programma della Fed un tempo oscuro e poco utilizzato, noto come strumento di riacquisto inverso .

 

State sintonizzati, nei prossimi mesi e anni, assisterete alla più spettacolare esplosione di ilusioni della storia, dall’inflazione alle crypto. Quando? Non lo so e non mi interessa, se vi piace giocare al casinò, accomodatevi, io ho altro da fare, la serenità finanziaria non è un gioco.

Nessun commento Commenta

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
Tutto in una notte. Dall'Asia, passando dall'Europa per poi arrivare agli USA. La paura per la var
La variante sudafricana diventa il detonatore che il mercato stava aspettando. Un violento impul
Come volevasi dimostrare, neanche il tempo di lasciare che gli americani si gustassero il loro t
Ftse Mib. Nelle ultime sedute sono scattate prima le prime prese di beneficio che hanno portato il
In questa fase dove sui mercati continuano a susseguirsi correzioni e rimbalzi, mi sembra abbast
Dopo la giornata asfittica di ieri che non ha dato spunti operativi per effetto della festività ame
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Silenzio religioso! Mentre in America, l'inflazione si mangia il tacchino e il tacchino si mangi
Opzioni e Future 25 Novembre. Giornata di ieri molto particolare che ha visto gli indici europei
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
CONTATORE