INFLATION IS DEAD, DOLLAR IS BACK!

Scritto il alle 07:47 da icebergfinanza

Immagine

Sarà il periodo, sarà che la quarantena ha fuso molti cervelli e ne ha devastati altri, sarà che c’è una voglia matta di indovinare e prevedere qualcosa, parlando a vanvera ma erano anni che non sentivo scrivere e dichiarare simili idiozie…

Addirittura il potere economico mondiale vuole il ritorno dell’inflazione…

“Ma l’inflazione è una brutta bestia, soprattutto quando – come dimostrano le esperienze del passato – se ne perde il controllo, cosa che in certe circostanze può avvenire facilmente. Eppure ci sono molte forze potenti nel mondo che spingono per questa soluzione, ma diciamolo con chiarezza: la maggior parte dei comuni cittadini avrebbe soltanto da perdere da un’inflazione accentuata, superiore al 2-3 per cento, che infatti è il limite che si sono date le banche centrali Usa ed europee”.

Professor Bruni, quali sarebbero le potenti forze che spingono per il ritorno dell’inflazione?

“Tutti i grandi debitori, il cui debito in termini reali diminuirebbe automaticamente se i prezzi aumentassero. Per fare un esempio semplice, se faccio un debito di 100 e dopo un anno il potere di acquisto di 100 euro si è svalutato del 5 per cento, perché i prezzi sono del 5% più alti, come debitore sono contento. Ovviamente i creditori no. I grandi debitori sono tutti i governi, che tra l’altro adesso hanno anche dovuto ulteriormente aumentare il loro debito pubblico per far fronte al Covid; e molti intermediari bancari e finanziari. Insomma, come vede, tutti i grandi protagonisti del potere economico mondiale”.

Se governi e finanzieri in tutto il mondo sono così interessati all’inflazione, perché in questi anni i prezzi sono rimasti sostanzialmente fermi? Eppure le banche centrali, comprese la Federal Reserve e la Bce, ci hanno provato in tutti i modi in questi anni, abbassando i tassi e immettendo liquidità nel mercato per aiutare un’economia tendenzialmente stagnante e far rialzare l’inflazione.

La risposta a questa ultima domanda ve la lascio leggere a Voi, inutile, nessuno oggi riesce a comprendere che questa è una DEFLAZIONE DA DEBITO, che il debito stesso è DEFLAZIONE, è così difficile per questi scienziati capire le basi dell’economia, studiare la storia no?

A partire dalla storia del Giappone, io me lo immagino il nuovo ordine mondiale dell’economia che stimola l’inflazione mentre collassa la velocità di circolazione della moneta, uno spettacolo…

Immagine

Quella del Giappone poi è uno spettacolo, pensate che il potere economico in Giappone sono TRENTA ANNI che cerca di stimolare l’inflazione, da trenta anni inietta liquidità nel mercato e nelle aspettative e da trenta anni fallisce inesorabilmente!

Immagine

Figurarsi poi quelli la barzelletta sull’inflazione che fa male alla classe media, sono decenni o centinaia di anni, che l’inflazione viene rilevata in maniera “errata” ad essere buoni, ad esempio in America i prezzi delle case e degli affitti, i costi dell’assistenza sanitaria e assicurativi, vengono “nascosti”, sottovalutati nel calcolo dell’inflazione.

Deflazione salariale, demografia, sviluppo tecnologico e bolle finanziarie sono potenti dinamiche deflattive che ci accompagneranno per tanti anni ancora.

Quanta voglia avrei di fare un bel dibattito con questi scienziati sull’inflazione, ma sarebbe come tirare un calcio di rigore dalla linea di porta senza portiere.

Basterebbe solo dare un’occhiata agli infiniti fallimenti della politica monetaria della BCE, Mario Draghi compreso, per comprendere come tutte le loro previsioni sono carta straccia.

Immagine

Ma veniamo al dollaro, o meglio all’euro, la Lagarde nel fine settimana si è svegliata di brutto!

Il presidente Christine Lagarde ha affermato che il recente apprezzamento dell’euro ha in parte compensato l’impatto positivo che lo stimolo della Banca centrale europea ha avuto nell’aumentare l’inflazione e ha ribadito che i responsabili politici sono pronti ad adeguare tutti i loro strumenti se necessario.

Evitiamo di continuare a fare errori, l’apprezzamento dell’euro che è già finito è solo uno dei fattori che ha attenuato l’inutile e fallimentare stimolo della politica monetaria.

Il Consiglio direttivo valuterà attentamente tutte le informazioni provenienti dall’economia dell’area dell’euro, compresi gli sviluppi del tasso di cambio, per quanto riguarda il loro impatto sulle prospettive di inflazione a medio termine, ha affermato domenica. 

“Quando si tratta di raggiungere il nostro obiettivo di stabilità dei prezzi, non c’è e non ci sarà compiacenza”

Ma come ben sanno i lettori di Machiavelli, il problema non è la forza dell’euro che è pura illusione, ma quanto il dollaro sia sopravvalutato o meno, quale la sua forza come moneta rifugio e l’autunno e l’inverno ci daranno la risposta.

Secondo Robin Brooks i falchi dell’Europa, ovvero i soliti tedeschi e i loro cani da guardia, sostengono che la forza dell’euro rifletta un maggiore appetito per il rischio globale, ma in realtà è una delle loro leggende metropolitane, rispetto all’andamento del VIX e degli spread dei Paesi periferici, l’euro oggi dovrebbe essere a 1,07 almeno.

Inoltre se vogliamo parlare di valutazioni adeguate o meno…

Alcuni analisti politici statunitensi sono fermamente convinti che il dollaro sia sopravvalutato e altri manipolano le loro valute. Ma ci sono poche prove a sostegno di ciò. Il disavanzo delle partite correnti degli Stati Uniti è limitato e l’USD è esattamente dove lo dicono i fondamentali come i differenziali di interesse.

Elementare Watson! Robin non poteva dirlo nella maniera migliore, il valore del dollaro, intorno a 1,07 riflette solo i fondamentali e il differenziale dei tassi a differenza degli asini che non hanno ancora capito che i tassi a trenta anni in Germania sono a ZERO!

Leggetevi tutto il thread, ma soprattutto come vi insegniamo noi da anni, leggete le analisi di seri professionisti, non di fenomeni da baraccone che ogni giorno sono sul Financial Times o su Bloomberg, o peggio ancora sui giornali italiani a raccontare favole o diffondere errate leggende metropolitane.

Ma noi non abbiamo fretta, nessuna fretta, la verità è figlia del tempo e un cosiglio ve lo vogliamo dare, state LONTANI dai PAESI EMERGENTI, unici Paesi contro i quali il dollaro è davvero forte e potrebbe fare male se non rintraccia.

Sintesi finale, il dollaro a 1,07 era correttamente valutato nei confronti dell’euro e a breve ci ritornerà, il resto leggende metropolitane!

In settimana l’ultimo incontro della Federal Reserve prima delle elezioni americane, dopo non ci sarà più alcuna possibilità di contare sulle banche centrali, qualunque cosa accada!

Chiunque volesse sostenere il nostro viaggio riceverà in OMAGGIO le analisi di Machiavelli. Per contribuire al nostro viaggio basta cliccare SUL BANNER  a fianco dei post sul lato destro della pagina o andare alla sezione DONAZIONI…

SEMPLICEMENTE GRAZIE!

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.2/10 (10 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +11 (from 11 votes)
INFLATION IS DEAD, DOLLAR IS BACK!, 9.2 out of 10 based on 10 ratings
Tags: ,   |
4 commenti Commenta
giacomocambiaso78
Scritto il 16 settembre 2020 at 13:46

invece di parlare di debito buono e debito cattivo come fece il nostro grande eroe Mario Draghi sarebbe cosa buona e giusta parlare d’inflazione buona o cattiva. l’inflazione dei prezzi al consumo e’ cosa buona e giusta se a spingerla sono gli incrementi salariali, mentre l’inflazone degli asset spinta dal debito facile e’ sempre e solo negativa in quanto frutto d’artifici monetari. se poi ipotizziamo un’inflazione dei prezzi in un contesto di deflazione salariale in effetti, parleremmo della tempesta perfetta per una vera insurrezione sociale. per fortuna, si fa per dire, chi e’ ben informato e comprende la situazione attuale, come noi lettori di icebergfinanza grazie al tuo grande lavoro, sa bene che queste politiche monetarie vegono spacciate per un mezzo volto ad ottenere l’inflazione dei prezzi al consumo che in realta’ viene depressa artificiosamente da queste stesse politiche e puntano solo ad incrementare all’infinito l’inflazione degli asset. Il deficente della Bocconi di turno un giornalista preparato avrebbe chiesto come questi presunti governi, banchieri e finanzieri vari sarebbero in gradi di gestire un debito insostenibile derivante dal rincaro di rifinanziamento che soffrirebbero nel contesto inflattivo che fa paventando. Ma se problematiche le capisce anche un profano ignorante la vera domanda e’ come fa a non comprenderle un dotto della materia? L’unica risposta sensata e’ che menta sapendo di mentire e perche’ pagato per farlo, l’alternatica e’ che sia un demente

gnutim
Scritto il 17 settembre 2020 at 11:04

un applauso ad Andrea che lo dice da 7 anni:
dotplot.pdf

gnutim
Scritto il 17 settembre 2020 at 11:05

tassi a 00000000000000000000000000

idleproc
Scritto il 17 settembre 2020 at 19:34

giacomocambiaso78@finanza,

Perfetta sintesi.
” …la vera domanda e’ come fa a non comprenderle un dotto della materia?”

Malafede pura ma anche demente per le illusioni strategiche fuori dalla realtà della gang di appartenenza, sorvolando sugli aggettivi conseguenti ai danni collaterali.
Sono pessimi, prevedibili in ogni singola mossa con largo anticipo e prima che ci abbiano pensato… e si illudono di “riformare” il mondo…

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
Il CESI è stesso oggetto delle mie analisi. E’ l’acronimo di Citigroup Economic Surprise In
Ftse Mib. L'indice cerca di impostare un rimbalzo e ora si trova a pochi passi dal livello importan
Su tutti i sottostanti si assiste alla parziale chiusura della componente future ed a movimentazioni
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: dopo il lunedì nero gli indici europei tentano di rialzare la testa, ma la cautela è d'o
  Nulla di interessante ieri, lo sappiamo da tempo che si sale con le scale e si scende
Dopo i forti ribassi di ieri andiamo a vedere come si sono mossi gli operatori nello specialistico m
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La scadenza tecnica di questi giorni ha sicuramente contribuito ad importanti aggiustamenti. E i
Ormai è noto anche ai pali della luce che lo stimolo monetario e fiscale ha raggiunto picchi ma