ASPETTANDO IL GRANDE INVERNO!

Scritto il alle 08:44 da icebergfinanza

Vi abbiamo raccontato come i banchieri centrali secondo la storia, sono i principali resposnabili di tutte le grandi crisi, la loro folle politica monetaria ha sempre prodotto crisi finanziarie o economiche.

Nei mesi scorsi, il povero Powell, dipendente in tutto e per tutto dagli umori del suo datore di lavoro, Donald Trump e dai capricci degli speculatori in genere, ha continuato a negare che l’intervento della Fed sul mercato interbancario non è paragonabile in alcuna maniera ad un quantitative easing. Poi ha mandato in giro altri governatori a riferire che in alcuna maniera la Fed sta influenzando con la liquidità i mercati finanziari, i rialzi delle azioni che solo ora per loro stanno diventando irrazionali, non sono dovuti alla politica monetaria.

Infatti se date un’occhiata qui sotto ogni volta che la Fed immette liquidità nel mercato interbancario agonizzante, i mercati … crollano, giusto?

Immagine

Immagine

Ieri la FED, che continua a ritenere temporaneo un intervento che ormai dura dal settembre dello scorso anno ha dovuto intervenire nuovamente in maniera massiccia per salvare qualche esaltato che continua a giocare alla leva demenziale sul mercato, indisturbato.

Ieri il nostro dollaruccio ha aggiornato il minimo a tre anni, sfondando quota 1,0830, mentre si avvicina la battaglia decisiva, un assedio che ricorda quello leggendario di Stalingrado, nel quale la Germania nazista perse la guerra. Qui l’euro subirà la più importante disfatta degli ultimi sette anni, la stessa violentissima accelerazione che vi ha più volte descritto in passato il nostro Machiavelli.

Ma torniamo alle cose serie, quelle che ancora oggi funzionano sul mercato finanziario, reddito fisso e valutario.

Chi conta da tempo ha già messo al sicuro i suoi soldi in cassaforte.

Gli investitori che hanno versato denaro in fondi obbligazionari lo scorso anno mostrano pochi segnali di arresto nel 2020, aumentando ulteriormente la pressione al ribasso sui rendimenti. 

L’afflusso di attività a reddito fisso è quasi raddoppiato l’anno scorso a 1 trilione di dollari , secondo i dati di Morningstar Inc. Con i timori per l’epidemia di coronavirus che attenuano le prospettive di crescita per l’economia globale e spingono alla ricerca di beni rifugio, i fondi obbligazionari sono sulla buona strada per superare questo record nel 2020. 

“Siamo in un territorio inesplorato”, ha dichiarato Nikolaos Panigirtzoglou, stratega di JPMorgan Chase & Co., in un’intervista. “Sulla base dei flussi di gennaio, sarà un altro anno molto forte per i flussi di fondi obbligazionari”.

L'afflusso di fondi obbligazionari ha stabilito record l'anno scorso e sono sulla buona strada per farlo di nuovo

I fondi obbligazionari sono a poche settimane dal raggiungimento della loro più lunga serie ininterrotta di afflussi dalla crisi finanziaria.

Ovviamente come sapete, il debito è CARTA STRACCIA e non tutte le obbligazioni oggi sono una buona opzione, solo la carta sovrana di qualità, il resto è CARTA STRACCIA in buona parte, immondizia pura… JUNK!

E pensare che secondo Powell va tutto bene!

Sul loro attuale traiettoria, gli afflussi verso i fondi obbligazionari nel 2020 saranno in totale un record di quasi il doppio dello scorso anno, secondo una nota di ricerca da BofA. L'importo totale del debito a rendimento negativo a livello globale è aumentato il mese scorso

Per JPMorgan, una spiegazione sempre più plausibile per i flussi obbligazionari è il riequilibrio del portafoglio da parte degli investitori al dettaglio, che stanno reinvestendo i loro guadagni azionari in obbligazioni. Ciò implica anche che l’acquisto di azioni potrebbe aver raggiunto il picco, fungendo da vincolo per un ulteriore rally del mercato azionario, ha affermato Panigirtzoglou.

Ma un allentamento delle paure attorno allo scoppio del virus o all’inflazione in ripresa potrebbe comportare una perdita di slancio per i fondi obbligazionari, secondo John Velis, stratega di BNY Mellon, in una nota di ricerca dell’11 febbraio. Flussi di ribilanciamento del portafoglio, insieme a scambi simili prodotto da fondi di rischio-parità, sono vulnerabili a “grandi svalutazioni” in caso di cambiamenti nella narrativa del mercato, ha affermato.

E si certo, perchè invece un cambiamento di narrativa per il mercato azionario non esiste, secondo loro va tutto bene, i ciclie economici ora durano 20 anni.

“L’eccesso di liquidità per combattere la deflazione continua ad alimentare bolle gemelle in scarse risorse di” rendimento “e scarse di” crescita “”, hanno detto gli analisti di BofA Securities , aggiungendo che si aspettano che il rendimento del Tesoro USA a 10 anni testerà i minimi storici, implicando un calo di circa 25 punti base rispetto agli attuali livelli dell’1,58% circa.

Noi siamo li in prima fila ad aspettare il cambiamento di narrativa, come direbbe il nostro Cristoforo Colombo a proposito del suo uovo magico…

“La differenza, signori miei, è che voi avreste potuto farlo, io invece l’ho fatto!”

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.3/10 (12 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +7 (from 9 votes)
ASPETTANDO IL GRANDE INVERNO!, 9.3 out of 10 based on 12 ratings
3 commenti Commenta
alayasf
Scritto il 15 febbraio 2020 at 16:50

Prima del grande inverno dovremo arrivare allo stato di euforia.
Come prima dello scoppio della bolla dot.com.
Il tg5 dovrà aprire con le mirabolanti performance della borsa come appunto succedeva all’epoca.
Finché Mentana apre con le notizie sul coronavirus o i crolli della produzione industriale l’estate è assicurata.

robylaconi
Scritto il 16 febbraio 2020 at 11:33

Ciao Andrea. Intanto ti rinnovo i complimenti e doma ti darò anche un contributo (modesto ma comunque non ridicolo). Vorrei sapere cosa cosa pensi dell’oro. Io sono mesi che tengo il grosso del capitale su questa materia prima e i risultati mi hanno dato ragione visto che il mio ETF 3X sta andando alla grande (grazie anche all’apprezzamento del dollaro). Secondo te continuerà la sua salita nel prossimo/medio futuro? Buona domenica

idleproc
Scritto il 17 febbraio 2020 at 21:58

Coraggio ragazzi, essenzialmente sono troppo idioti per raggiungere le stelle, una parte dell’umanità dovrà arrangiarsi da sola per andarci e non averli più tra i piedi.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I dati macro di venerdi hanno dato un po' di positività in più ma attenzione, in ambito intermar
Iniziamo con una bella notizia, nuovi minimi sul rendimento trentennale dei nostri tesorucci
Ftse Mib. Dopo la rottura della ex trend line rialzista che ha accompagnato i corsi da metà febbra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Alla fine anche lo SP500 ce l’ha fatta, è tornato alle quotazioni a cui si trovava a metà fe
Avrete avuto modo ieri di vedere il post sulle aspettative di crescita economica redatte dal Con
Ftse Mib. Dopo aver rotto con volatilità la trend line rialzista che ha accompagnato i corsi da me
Queste le movimentazioni monetarie. Sulle Mibofuture stabili e chiusura della componente call da 20
Vi propongo alcuni dei grafici più interessanti che ho trovato nelle ultime 24 ore in rete, gra