DOLLAR COUNTDOWN!

Scritto il alle 12:35 da icebergfinanza

Risultati immagini per dollar hedgeye

Missione compiuta! Giusto a beneficio di coloro che aspettavano il dollaro chissà dove, a beneficio di coloro che non hanno avuto fiducia nelle nostre analisi, riporto integralmente quanto scritto lo scorso anno, proprio mentre andava in scena la famigerata “Caccia a ottobre rosso”…

Ricordo a tutti che il dollaro ha fatto un nuovo massimo dell’anno nei confronti dell’euro proprio la settimana scorsa, ben lontano dal 1,26 di inizio anno e lontano anni luce dal 1,30 e 1,40 prospettato da dotti medici e sapienti durante tutto l’anno 2018.

Giusto per essere chiari sino in fondo, andremo a 1,08, sotto 1,08 nessuno potrà in alcuna maniera fermare la trionfale marcia del dollaro sino sotto la parità!

Per il momento nessuna possibilità di uscire dal canale discendente di lungo termine che lo porterà sotto la parità…

…ma quello che più è affascinante è che non sappiamo ancora quale sarà davvero l’ampiezza della forza del dollaro.

Oggi siamo arrivati qui e non è finita, un bel rimbalzino e poi tanti auguri a chi spera nella fine del dollaro.

Immagine

Consiglio a dotti, medici e sapienti di mettersi il cuore in pace, sotto la parità ci andremo e ben oltre. Come direbbe il nostro Colombo, «La differenza, signori miei, è che voi avreste potuto farlo, io invece l’ho fatto!».

Prima di proseguire la ciliegina sulla torta della deflazione da debiti, per la prima volta in assoluto nella storia della Corea del Sud i prezzi al consumo sono andati in negativo anno su anno, scendendo dello 0,4 %, un omaggio a quelli che stanno aspettando inflazione da 10 anni, un’altra scommessa vinta per noi!

South Korea Inflation Rate

South Korea Inflation Rate

A partire da oggi con l’indice ISM manifatturiero inizia una serie davvero interessante di dati sull’economia americana che ci accompagnerà per tutta la settimana.

Tornando al dollaro, come dice il nostro Mike, gli Stati Uniti sono in trappola. Per due anni vi abbiamo raccontato per quale motivo il dollaro non poteva che rafforzarsi soprattutto in mezzo ad una deflazione da debiti e una guerra commerciale, siamo felici di aver aiutato tutti coloro che hanno creduto nelle nostre analisi.

Dimentica lo Yuan

Molti si aspettano che la Cina sorpassi gli Stati Uniti e che lo yuan sostituisca il dollaro come valuta di riserva mondiale.

Tali discorsi sono senza senso. Il detentore di valuta di riserva deve soddisfare diversi requisiti di cui la Cina non ne soddisfa nessuno.

Chi vuole davvero lo stato della valuta di riserva?

Nonostante gemiti per il dollaro, la Cina non vuole avere la valuta di riserva mondiale perché implica deficit commerciali in cui altre nazioni accumulano riserve di yuan. Il Giappone e l’UE (guidati dalla Germania), non vogliono nemmeno avere il “vantaggio” della valuta di riserva, per lo stesso motivo: Un’economia di surplus delle partite correnti basata sull’esportazione è incompatibile con lo stato della valuta di riserva.

 

Trade Wars e Currency Wars Consumatori globali di ultima istanza

Gli Stati Uniti sono bloccati con la valuta di riserva perché abbiamo i mercati dei capitali più grandi e aperti al mondo, il più grande mercato obbligazionario del mondo e un clima economico molto migliore di quello dell’UE, della Cina o del Giappone.

Tutti vogliono esportare negli Stati Uniti e lo fanno.Il risultato è una guerra valutaria con tutti che sperano di svalutare le proprie valute rispetto al dollaro.

Crisi valutaria in arrivo

Dato che il dollaro è ancora in aumento (grazie alle tattiche europee, giapponesi e cinesi), prima che si verifichino importanti rotture, potrebbero essere necessari deficit statunitensi ancora maggiori. Su questo punto, entrambi i partiti politici negli Stati Uniti sono pronti a fornire deficit crescenti a perdita d’occhio.Nel frattempo, i tassi di interesse negativi stanno distruggendo le banche europee.

Una crisi valutaria attende poiché l’attuale percorso non è sostenibile.

I tempi e le condizioni della crisi non si possono conoscere. Può iniziare ovunque…

Nel frattempo almeno il 40 % delle aziende denominate “investment-grade” assomiglia sempre più a un’enorme discarica, dalla quale stare alla larga…

Un’occhiata ai Vostri fondi obbligazionari io la darei, sempre che non crediate alle favole, sai le banche centrali sono onnipotenti. Auguri davvero!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.6/10 (13 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +10 (from 10 votes)
DOLLAR COUNTDOWN!, 9.6 out of 10 based on 13 ratings
Tags: ,   |
1 commento Commenta
homo_invictus
Scritto il 1 ottobre 2019 at 16:03

Che botto ragazzi.
Alla fine la realtà bussa anche alla porta degli USA.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: l'indice italiano segna un po' di debolezza oggi. Ricordiamo che dalla prossima settimana
E si, purtroppo continuiamo a parlare di Brexit, mentre loro continuano a credere alle favole, n
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Alert pensioni per l'Italia che arranca nella classifica di sostenibilità dei sistemi pensionistic
Ftse Mib: l'indice italiano oggi apre debole. Il quadro grafico però rimane invariato. Possibile ne
Quali sono i ritorni, ovvero i rendimenti attesi dalle varie asset class nei prossimi 5 anni? Ec
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Nel mese di ottobre sono salite le tariffe di luce e gas per i consumatori ancora in regime di maggi
Questo mercato sta diventando veramente difficile da gestire, soprattutto per il breve termine,