FRODE A MAIN STREET!

Scritto il alle 09:15 da icebergfinanza

9 Tweets This Morning From Keith McCullough - 07.23.2019 trade deal laugh cartoon

Prima di iniziare con le notizie del giorno, con la quotidiane frodi e manipolazioni dei mercati, diamo un’occhiata allo stato avanzamento lavori della telenovelas tra Stati Uniti e Cina, telefonate ovunque, nuova ripresa dei colloqui, dopo settembre, ottobre e poi chissà novembre e perchè no a Natale, con una pausa ad Halloween…

“La Cina e gli Stati Uniti sono chiaramente disposti a raggiungere un accordo. Ma la Cina insiste sul fatto che i negoziati devono basarsi sul rispetto reciproco e sul processo di uguaglianza”.

Quante volte l’abbiamo sentita questa?

Poi ovviamente prevale come sempre l’orgoglio, per forza i colloqui devono riprendere gli Stati Uniti sono allo stremo…

Personalmente, credo che gli Stati Uniti, stremati dalla guerra commerciale, non possano più voler schiacciare la volontà della Cina.

Certo che se gli psicopatici che gestiscono i mercati si fidano di simili aperture o di fantasmagoriche telefonate per tenere in piedi la baracca, tanti auguri Ragazzi.

Peccato che la frenesia di salire giochi brutti scherzi, che costringa a manipolare dati, ma in alcuni passaggi Trump è stato chiaro, nessuna intenzione di trattare con la Cina…

“È un problema di sicurezza nazionale”, ha detto Trump. “Huawei è una grande preoccupazione dei nostri militari, delle nostre agenzie di intelligence e non stiamo facendo affari con Huawei. E vedremo cosa succede nei confronti della Cina, ma Huawei non è un giocatore di cui vogliamo parlare in questo momento. “

L’ho spiegato nella mia ultima intervista, Huawei, la proprietà intellettuale sono la vera posta in gioco, il resto è fuffa, sono 18 mesi ghe va avanti questa commedia, 18 mesi che hanno mandato in recessione l’intero sistema manifatturiero mondiale, e c’è ancora qualche ingenuo che scommette sulla ripresa.

95,8 % di probabilità di un altro taglio del 25 punti base al 18 settembre da parte della Fed, la settimana prossima il 12 parlano dal bunker della BCE, spareranno ovunque con pistole ad acqua.

Nel frattempo dopo il collasso dell’indice manifatturiero in America …

Immagine

Immagine

… il miracolo di un indice terziario che vola oltre ogni aspettativa, un indice ovviemente istituzionale, la chiara dimostrazione di come in America, i dati sono un’opinione.

Prendiamo ad esempio l’indice Markit, che 15 minuti prima dell’uscita del ISM segnala una contrazione, avvicinandosi a 50, ma soprattutto con queste parole…

Le aziende statunitensi hanno registrato uno dei mesi più difficili dalla crisi finanziaria globale di agosto, con una crescita della produzione, ordini e assunzioni che hanno rallentato in seguito a forti cali della fiducia delle esportazioni e delle imprese.

“ Solo in due occasioni dalla crisi finanziaria globale i sondaggi sulle PMI statunitensi hanno registrato un’espansione mensile più debole, e questi sono stati mesi in cui gli affari sono stati colpiti dalla chiusura del governo e dalle intemperie rispettivamente nel 2013 e 2016. Questa volta, le guerre commerciali e le esportazioni in calo sembrano essere i principali motori della debolezza, esacerbando i timori di un più ampio rallentamento economico sia in patria che a livello globale.

“ Un fattore importante alla base del deterioramento è stato la diffusione della recessione manifatturiera nel settore dei servizi, attraverso la fiducia delle famiglie e delle imprese indebolita. La crescita dell’occupazione è inoltre sempre più influenzata dalle preoccupazioni relative alle prospettive. La crescita complessiva dei posti di lavoro in agosto è stata la più debole dall’inizio del 2012, commisurata all’aumento dei salari non agricoli a un tasso mensile inferiore a 100.000. 

Per carità, tutto è possibile ma se un indice Markit, rilevato da una società privata indipendente si spera, dice che siamo vicini a 50, se proprio vuoi riportare un po di entusiasmo sui mercati limitati a farlo salire a 54 o dintorni, ma non volere strafare e inventarsi 56,4 con addirittura oltre 60 con i nuovi ordini e l’attività di base.

Quello che sarà interessante è osservare cosa uscirà oggi pomeriggio dal cilindro dell’occupazione americana, visto che le premesse non sono delle migliori.

Il sottoindice dell’occupazione del settore terziario, dei servizi è sceso a 53 da 56, quello manifatturiero è addirittura collassato da 52 a 47, la media dei sussidi delle ultime 4 settimane è negativa.

Attenzione che questo dato verrà influenzato da circa 40.000 assunzioni temporanee per il censimento nazionale, ma tutto fa presupporre che il dato finale deluderà le aspettative dei mercati, ma stiamo a vedere visto che ieri sono riusciti a stupire tutti, con le loro fantasie.

Torno infine sulla questione relativa agli investimenti passivi, da dove arriverà la prossima crisi,i fondi passivi rendono meno reali i prezzi delle singole azioni rispetto ai fondamentali e soprattutto creano potenzialmente problemi di liquidità in caso di uscita.

Spero che sia servito di lezione a tutti il 2018, diversamente vi faccio tanti auguri!

Qui un’altra cosuccia…

Ha detto che i massicci afflussi di fondi indicizzati stanno distorcendo i prezzi delle azioni e dei titoli obbligazionari, proprio nella stessa maniera nella quale i famigerati CDO, le salsiccie che acquistavano mutui subprime, contribuivano ad annacquare la vera dimensione di un portafoglio.

Noi vi abbiamo avvertiti, Voi fate quello che ritenete giusto, ci vediamo alla prossima crisi!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.6/10 (9 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 9 votes)
FRODE A MAIN STREET!, 9.6 out of 10 based on 9 ratings
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Uno non fa in tempo neanche a preparare l'outlook 2020, con la famosa "PROFEZIA" che subito arri
La guerra commerciale è diventato un tormentone, e i mercati quasi sono assuefatti ai suoi alti
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: al via la fase correttiva sugli indici europei. Ora l'indice mira 23.000 punti e in caso d
In diversi paesi europei esistono già da anni forme di reddito di base che si accompagnano ad a
Ormai di parole ne abbiamo fatte troppe e sempre più spesso sui giornali gli stessi editori van
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Si sa, la matematica non è un’opinione. Ma i mercati finanziari non sono mai il perfetto risu
Ftse Mib: Dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il live
Il dovere professionale ci impone di parlare di cose serie oltre che di gossip finanziario o di