DOLLARO BOOOOOOOOM!

Scritto il alle 10:49 da icebergfinanza

Risultati immagini per dollar hed geye

Occupiamoci ora di cose serie, cerchiamo di far comprendere meglio a chi ci segue, cosa in realtà sta accadendo da tempo oltre alla deflazione da debiti, andiamo a dare un’occhiata a questo post di Frances Coppola, spesso puntuale sul pezzo, anche lei, si aggiunge alle nostre analisi osservando come…

Ricordo che la fuori avete un mondo finanziario dove nessuno più studia, fa la fatica di andare oltre il breve termine, tutti cercano solo di fare il proprio interesse, seguono le mode, seguono i trend, come un gregge, il classico comportamento gregario.

Ci stiamo togliendo una montagna di sassolini dalle scarpe, soprattutto nei confronti di chi ha cercato di impormi una visione diversa in questi anni, nei confronti dei miei clienti, ma la verità è figlia del tempo e la professionalità e la competenza non si improvvisa.

Oggi nuovo minimo storico del trentennale americano e siamo solo all’inizio!

 “Gli operatori affermano che l’inversione delle curve di rendimento dei titoli a 2 anni e 10 anni negli Stati Uniti al più alto livello dal 2007 e gli investimenti tra i 3 mesi e i 30 anni hanno fatto suonare tutti gli allarmi”, osserva José Luis Cárpatos, CEO di Serenity Markets.

Questo esperto sottolinea che, “ieri, per la prima volta in un tempo molto lungo, l’intera curva è stata invertita. Così, le obbligazioni a tre mesi offrono già un rendimento superiore a quello delle obbligazioni a 30 anni. Questo è molto preoccupante e dimostra che gli Stati Uniti sono sulla via della recessione, non importa quanto la Fed e Trump lo neghino”. (Investing)

Loro negano sempre, è il loro lavoro non possono fare diversamente, non possono dire la verità!

Le aziende stanno accumulando montagne di denaro che non possono o non vogliono investire nell’espansione delle loro attività. Gli individui stanno accumulando pensioni e risparmi precauzionali. I governi, specialmente nei paesi in via di sviluppo, stanno accumulando riserve valutarie.

La ” sovrabbondanza di risparmio” , come l’ha definita l’ex presidente della Fed Ben Bernanke, non mostra segnali di esaurimento. Sta andando in giro per il mondo alla ricerca di una casa produttiva. Ma non ce n’è uno – o almeno, non uno che offra la sicurezza che gli investitori spaventosi bramano disperatamente. Questo, fondamentalmente, è ciò che sta riducendo i rendimenti delle attività.

È anche la causa principale dell’ampio deficit commerciale degli Stati Uniti. 

Al presidente piace pensare che il motivo del persistente deficit commerciale degli Stati Uniti sia rappresentato dalle pratiche commerciali sleali e dalla manipolazione della valuta. E per alcuni paesi, questi sono senza dubbio fattori che contribuiscono. Ma il motivo principale è di gran lunga il dominio globale del dollaro e, soprattutto, la preminenza delle attività finanziarie denominate in dollari come veicoli di risparmio preferiti al mondo.

Di questo ve ne abbiamo parlato in tutte le salse, mentre molti invece vi raccontavano della fine del dollaro, dei cinesi che buttavano via i loro tbond, mai sentito tante fesserie nello spazio di un istante.

Il mondo ama risparmiare in “attività sicure” denominate in dollari – non solo il dollaro stesso, ma anche titoli del Tesoro statunitensi, titoli garantiti da ipoteca. debito in dollari emesso da altri governi in regola e debito blue chip in dollari.

Quando la domanda globale di queste attività aumenta e / o la loro offerta diminuisce, i dollari diventano relativamente più scarsi a livello internazionale, sia perché gli stranieri aumentano le loro disponibilità di dollari sia perché acquistano o prendono in prestito più dollari per acquistare altre attività sicure denominate in dollari.

Ciò aumenta il valore di cambio del dollaro rispetto a tutte le altre valute. Riduce inoltre i rendimenti, sia sulle attività sicure denominate in dollari sia su tutte le altre attività finanziarie.

Pertanto, il dollaro forte e i rendimenti negativi sono entrambi causati principalmente dall’abitudine di risparmio del dollaro mondiale, non dalle sue pratiche commerciali.

Fin qui spero che ci siamo, ho notato che in molti in questi mesi non hanno seguito le nostre visioni, le nostre analisi e ricerche, non importa, importante è solo che la rotta intrapresa era quella giusta, è quella giusta, la più semplice possibile, mentre altri vi indicavano altri orizzonti, ma soprattutto di stare lontani dai dollari e dai titoli di Stato americani, pura follia o conflitto di interesse.

Si potrebbe pensare che l’alto prezzo delle attività sicure denominate in dollari scoraggerebbe gli investitori.

Ma un nuovo articolo presentato a Jackson Hole la scorsa settimana trova il contrario. Quando il prezzo delle attività sicure denominate in dollari aumenta, aumenta anche la loro domanda scrive la Coppola, lascio a chi se ne intende il compito di andare sul suo sito e comprendere dal punto di vista accademico perchè sta accadendo tutto ciò che noi vi spieghiamo da anni.

Perché la domanda aumenta all’aumentare del prezzo? Semplicemente, per paura della scarsità. Gli autori discutono su come gli investitori rispondono all’inasprimento monetario della Fed:

Quando la Fed alza i tassi, i mercati obbligazionari deducono che una riduzione dell’offerta di attività in dollari sicuri è imminente. Come risultato di questo spostamento dell’offerta, aumenta la disponibilità marginale degli investitori globali a pagare per la sicurezza e la liquidità delle attività denominate in dollari – misurata dal rendimento di convenienza su queste attività – portando ad un apprezzamento del dollaro in risposta a questo aumento del rendimento di convenienza (anche quando si controlla i tassi di interesse).

(…) Normalmente, quando il prezzo di un bene aumenta, la domanda diminuisce fino a quando il prezzo si stabilizza. Ma con i beni “Veblen”, accade il contrario: l’aumento dei prezzi alimenta la domanda. I beni Veblen sono tipicamente di lusso elementi a cui (ricchi) investitori sono attratti a causa della loro scarsità: renderli ancora più scarsi aumenta la domanda, quindi i DDSA sono beni finanziari di lusso per i quali gli investitori competono ferocemente e i Treasury statunitensi sono i più lussuosi di tutti.

Attenzione ora che in molti avranno la risposta ad una domanda che spesso mi è stata fatta in questi ultimi mesi.

Perchè comprando altri titoli in dollari, o prodotti strutturati e derivati non abbiamo ottenuto lo stesso risultato, ovvero una performance di oltre il 35 % da ottobre sul trentennale americano?

Aggiunge la Coppola…

… equivalenti sintetici dei titoli del Tesoro USA non prevedono prezzi equivalenti.

… automaticamente aggiungo io, performance equivalenti.

La natura “di lusso” dei titoli del Tesoro USA riduce i costi di finanziamento a lungo termine degli Stati Uniti. Questo è noto da molto tempo: negli anni ’60, il ministro delle finanze francese (in seguito presidente) Valéry Giscard d’Estaing lo ha definito il “privilegio esorbitante” degli Stati Uniti. Ma i persistenti afflussi di capitale che derivano dalla domanda globale di DDSA non sono senza costi. Come spiega Michael Pettis , costringono gli Stati Uniti a prendere in prestito molto di più o a tollerare una disoccupazione molto più elevata. Finora, i governi degli Stati Uniti – e la Fed, attraverso il suo duplice mandato – hanno sempre preferito il debito rispetto alla disoccupazione.

Circola una proposta di legge per aumentare il costo di investire nel dollaro…

Due senatori pensano di avere una soluzione. Hanno proposto un disegno di legge imporre alla Fed di applicare una commissione variabile sugli afflussi di capitale superiori a $ 10.000. L’idea è che la commissione scoraggerebbe gli investitori dall’acquistare attività denominate in dollari, in particolare a breve termine. La domanda del dollaro diminuirà, il tasso di cambio del dollaro si indebolirebbe e il deficit commerciale si ridurrebbe. Il disegno di legge propone che la tassa dovrebbe essere fissata a un livello tale che il disavanzo commerciale si ridurrebbe allo 0,5% del PIL dal suo attuale livello di circa il 3% del PIL. Questa è una goccia.

L’imposta proposta sugli afflussi di capitali equivale quindi a un tentativo di costringere il resto del mondo a rinunciare alla sua disperata ricerca di sicurezza.

Io penso che ciò non avverrò mai!

Personalmente, penso che l’ossessione del mondo per la sicurezza sia la causa principale di quello che oggi è un decennio di stagnazione economica. Vorrei vedere molto meno risparmi, soprattutto da parte di alcuni paesi sviluppati la cui convinzione quasi religiosa nella virtù dell’accumulazione, a mio avviso, crea pericolosi squilibri e provoca crescenti tensioni politiche.

Spero sia chiara l’allusione alla GERMANIA!

Ma le ferite della crisi finanziaria e della crisi dell’euro non sono ancora guarite e l’economia mondiale ha altre cicatrici dolorose, in particolare della crisi asiatica del 1997-8. E il mondo soffre ancora di un brutto caso di disturbo post traumatico da stress: tutti sono costantemente alla ricerca della prossima crisi. In queste circostanze, è del tutto comprensibile che le persone vogliano costruire buffer per proteggersi dalle terribili conseguenze di un’altra crisi…

Ma quello che deve essere chiaro a tutti è che …

… gli Stati Uniti non hanno il potere di costringere il resto del mondo a smettere di accumulare pretese al riguardo. E tentare di costringere gli investitori a ridurre il loro appetito per la sicurezza del dollaro potrebbe aumentarlo perversamente. Fino a quando non vi sarà una valida alternativa alle attività sicure denominate in dollari, gli Stati Uniti sono bloccati con il loro ruolo di “assicuratore per il mondo”.

Da tempo suggerisco a chi non comprende cosa sono gli Stati Uniti e cosa significa avere la moneta di riserva mondiale, di andare ad investore su Marte o su Giove…

In alternativa, possiamo considerare la sicurezza del dollaro come un bene essenziale per il quale la domanda è completamente anelastica perché non vi sono sostituti. Anche in questo scenario, gli afflussi di dollari aumenterebbero e il tasso di cambio del dollaro aumenterebbe. Pertanto l’obiettivo del progetto di legge potrebbe essere raggiunto solo se gli investitori smettessero di cercare la sicurezza del dollaro.

Francamente, visti gli attuali disordini politici, è più probabile che emigrino su Marte.

(…)  Il dollaro è preminente nel commercio internazionale e sui mercati finanziari internazionali. Più della metà di tutte le fatture commerciali sono in dollari. I due terzi di tutte le emissioni di titoli sono in dollari. Quasi il 90% di tutte le transazioni FX riguarda il dollaro. Grandi quantità di debito delle imprese e del governo, in particolare nelle economie dei mercati emergenti, sono in dollari. Il mondo è diventato più dipendente dai dollari dalla crisi finanziaria, non meno. Quindi, quando i dollari diventano più costosi, tutto il mondo soffre.

Soddisfare la brama degli investitori per la sicurezza del dollaro ha un prezzo molto alto. Il mondo ha un disperato bisogno di un dollaro più basso, ma l’aumento delle tariffe sulle importazioni e le tasse sui flussi di capitale non lo faranno scendere. Hanno maggiori probabilità di aumentarlo, a detrimento di tutti. E con l’aumento del dollaro, aumenta anche la temperatura politica globale.

Ciò che è veramente necessario è un nuovo Plaza Accord. Ma gli accordi internazionali richiedono una cooperazione internazionale e temo che l’atteggiamento bellicoso dell’amministrazione Trump significhi che è stata bruciata troppa volontà perché ciò sia possibile. Tutto ciò che sembra essere rimasto è il più inutile dei giochi – una lotta che nessuno può vincere, per cui il prezzo sarà un dollaro sempre più forte, una crescita globale sempre più debole e un interesse sempre più basso. In un discorso a Jackson Hole la scorsa settimana, Mark Carney ha messo in guardia sui rischi associati a tassi di interesse molto bassi:

Esempi passati di tassi molto bassi tendono a coincidere con eventi ad alto rischio come guerre, crisi finanziarie e interruzioni del regime monetario.

Speriamo che ciò non accada.

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.2/10 (13 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +7 (from 9 votes)
DOLLARO BOOOOOOOOM!, 8.2 out of 10 based on 13 ratings
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv
Il Trattamento di Fine Rapporto è una forma di retribuzione differita, liquidata al momento della c
Come scritto ieri ormai è palese che la guerra commerciale è diventato un campo di battaglia d
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Pensando ai momenti di passaggio della vita, in cui si è realizzato un progetto o si è presa u
Al via la call for startup “Digital HR: Innovare per crescere”, lanciata da Eni in collabora
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue la fase correttiva con primo target 23.000 punti. In caso di br
Uno non fa in tempo neanche a preparare l'outlook 2020, con la famosa "PROFEZIA" che subito arri
La guerra commerciale è diventato un tormentone, e i mercati quasi sono assuefatti ai suoi alti
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u