CHINA TRUMP: GUERRA TOTALE!

Scritto il alle 06:00 da icebergfinanza

 

Non fai in tempo a digerire 200 miliardi di nuovi dazi che nel fine settimana arriva la notizia che Trump ha dato ordine di mettere tariffe su qualunque merce cinese che entra in America, nessuna esclusa…

Una dichiarazione di guerra o una minaccia che lascia il tempo che trova, un accordo tra Cina e Usa è praticamente impossibile!

 “L’accordo con la Cina sarà ben peggiore se dovrà essere negoziato nel mio secondo mandato. Sarebbe saggio per loro agire ora, ma amo raccogliere grandi tariffe! Penso che la Cina abbia sentito che era battuta così malamente nei recenti negoziati che pensava di poter aspettare le elezioni 2020 per vedere se era più fortunata e avere un democratico vittorioso. Nel qual caso avrebbe continuato a rubare agli Usa 500 miliardi l’anno. L’unico problema è che sanno che vincerò io (abbiamo la migliore economia e i migliori numeri sull’occupazione nella storia Usa, e molto altro)”.

L’unica cosa che interessa a Trump è cancellare l’ambizioso programma cinese denominato ” Made in China 2025 ”

Ripeto è pura illusione pensare di poter piegare la Cina…

“In nessun momento la Cina perderà il rispetto del paese, e nessuno dovrebbe aspettarsi che la Cina ingoi amari frutti che danneggiano i suoi interessi principali”, ha detto il vice premier Liu in un commento sul People’s Daily del Partito comunista al potere.

La Cina si oppone fermamente al recente aumento delle tariffe statunitensi, e deve rispondere a questo. Il vice premier Liu ha detto che per raggiungere un accordo gli Stati Uniti devono rimuovere tutte le tariffe aggiuntive, fissare obiettivi per gli acquisti cinesi di beni in linea con la domanda reale e garantire che il testo dell’accordo sia “bilanciato” per garantire la dignità di entrambe le nazioni.

“Per l’interesse della gente della Cina, del popolo degli Stati Uniti e della gente di tutto il mondo, ci occuperemo razionalmente di questo”, ha detto il vice premier. “Ma la Cina non ha paura, né il popolo cinese”, aggiungendo che “la Cina ha bisogno di un accordo di cooperazione con l’uguaglianza e la dignità”.

La prossima vittima predestinata della ritorsione cinese è Apple!

” Gli Stati Uniti hanno frainteso gli interessi di entrambe le parti e hanno seriamente sottovalutato la resistenza della Cina “, ha scritto sul suo sito web il Global Times, il tabloid nazionalista cinese.

Assolutamente ridicolo credere che la Cina abbiamo in mano l’amministrazione Trump per un’improbabile fuga dal debito pubblico americano, come scrive il Sole 24 Ore…

Abbiamo già descritto più volte insieme a Machiavelli la vera composizione del debito pubblico americano e da chi è detenuto, ma ancora oggi c’è chi si ostina a raccontare favole…

Risultati immagini per holders of the us public debt 2018

Suvvia siamo seri,  su complessivi 21,2 trilioni di dollari di debito pubblico americano il problema sarebbe la Cina con il suo 1,13 trilioni di dollari ( pari appena al 5,4 % ) che non compra tesorucci a qualche asta?

Ma per favore, non scherziamo!

Non credo ci sia null’altro da aggiungere i mercati sono saliti sulle ali di un’illusione, ora è arrivato il momento della verità.

Il nostro amico Lance Roberts in maniera puntuale illustra cosa ci aspetta nelle prossime settimane…

“La corsa stellare del mercato è pronta per una pausa nei prossimi due mesi. Nello specifico, mentre ci avviciniamo alla fine del periodo stagionalmente forte, le probabilità di un “reset” aumentano notevolmente “.

Nel frattempo, il mercato obbligazionario sta gridando “deflazione”.

Machiavelli è sempre sul pezzo, vi siete chiesti perchè Trump e i suoi consiglieri in questi mesi chiedono a gran voce alla Federal Reserve di ridurre i tassi con un’economia apparentemente al top e un’occupazione ai minimi storici?

  1. La Cina sta giocando un gioco molto lungo . Il dolore economico a breve termine può essere raggiunto con livelli sempre crescenti di stimoli governativi. Gli Stati Uniti non hanno questo meccanismo al momento, ma spiega perché sia ​​Trump che il vicepresidente Pence hanno suggerito alla Fed di riavviare il QE e tagliare i tassi dell’1%.
  2. La pressione è sull’amministrazione Trump per concludere un “accordo”, non sulla Cina. Trump ha bisogno di un accordo fatto prima del ciclo elettorale del 2020 E ha bisogno che i mercati e l’economia siano forti. Se i mercati e l’economia si indeboliscono a causa delle tariffe, che sono una tassa sui consumatori domestici e sui profitti delle imprese, come ha fatto nel 2018, il rischio di perdite elettorali aumenta. La Cina lo sa e è disposto a “aspettare” per ottenere un accordo migliore.
  3. Come ho detto prima, la Cina non metterà a repentaglio il suo piano di crescita economica da 50 a 100 anni con un Presidente che non sarà più al lavoro nei prossimi 5 anni al massimo. È improbabile che il prossimo presidente adotterà la stessa linea dura sulla Cina del presidente Trump, quindi è improbabile che accetti qualcosa che probabilmente non sarà supportato in futuro. È anche il motivo per cui molte parti dell’accordo commerciale già negoziate non entreranno in vigore fino a quando Trump non ci sarà più ed è improbabile che tali accordi vengano applicati. 

Un accordo tra Cina e Stati Uniti è impossibile…

Il trasferimento di tecnologia, la politica industriale sponsorizzata dallo stato, le questioni informatiche e il furto di proprietà intellettuale non sono mai stati sul tavolo di una seria trattativa dal punto di vista della Cina e nonostante le proteste di Trump che le discussioni stessero andando bene.

Il cauto ottimismo di Mnuchin è la solita trappola per polli del fine settimana, ormai i mercati azionari sono in mano a qualche psicopatico che maneggia future, il resto è pura illusione, un autentico casinò, scommetto che domani faranno l’impossibile per tenerli su, in fondo è tutto manipolato, forse serve solo un’atomica.

… il redattore capo del Global Times, Hu Xijin, che è diventato un traduttore in tempo reale per le intenzioni non dette dei cinesi su twitter, ha spiegato che “dal punto di vista della politica cinese, c’è poco spazio per i insistere con i compromessi. Questa logica politica non sarà cambiata, non importa quante ulteriori tariffe gli Stati Uniti imporranno. “ 

Come riporta Zero Hedge, per gentile concessione di Bloomberg, c’è un campione di reazioni dei trader alla narrativa della guerra commerciale in rapido movimento che sta rapidamente passando all’ottimismo al pessimismo.

Un consiglio, leggete bene che tra le righe c’è riassunta tutta la nostra view, la nostra scommessa…

Nader Naeimi, che supervisiona circa 1 miliardo di dollari in un fondo di mercato dinamico presso AMP Capital Investors Ltd. a Sydney, ha dichiarato via email:

“Il problema più grande è l’enorme disconnessione con ciò che i mercati speravano e ciò che sta traspirando ora. I mercati avevano scontato lo scenario migliore e le probabilità si stanno spostando verso lo scenario peggiore “

“La risposta della Cina non era certamente quella che i mercati di rischio speravano, quindi mi aspetto un’enorme volatilità” all’apertura dell’Asia.

(…) “Le tensioni economiche possono ora trasformarsi in tensioni militari tra i due paesi, e poi con gli Stati Uniti e Iran che stanno mostrando i muscoli, i prezzi del petrolio rischiano di aumentare”

“… si sta preparando una tempesta perfetta… “

Mansoor Mohi-uddin, macro strategista senior con sede a Singapore presso NatWest Markets, ha detto a Bloomberg in una e-mail:

“I mercati valutari lungimiranti stanno reagendo alla prospettiva di un’eccedenza commerciale della Cina in calo e le società cinesi con 840 miliardi di prestiti in valuta estera on-line che acquistano dollari su dollari: un comportamento simile lo scorso anno ha fatto salire il tasso di cambio da 6,25 a 6,95″

La forza del dollaro nei confronti dello yuan segnala che il biglietto verde dovrebbe rimanere forte rispetto all’euro e alle altre principali valute

Un biglietto verde forte alimentato dalle guerre commerciali è stata una delle principali minacce per gli investitori USA quando il team di NatWest ha recentemente visitato i clienti a New York, Seattle e in California

“Per la Federal Reserve – ancora poco propensa a prendere in considerazione l’allentamento della politica monetaria – un’impennata del dollaro potrebbe diventare un rischio per la sua attuale visione neutrale”

Raffaele Bertoni, responsabile dei mercati dei capitali di debito della Gulf Investment Corp. a Kuwait City, ha dichiarato in una email:

Gli investitori esposti alle attività dei mercati emergenti dovrebbero proteggere il proprio portafoglio passando da paesi che stanno già soffrendo di una pressione inflazionistica significativa e fortemente dipendenti dal debito in valuta estera, incluse Filippine, Indonesia, Malesia, India, Turchia, Brasile e Argentina – verso paesi in cui i tassi di interesse sono già bassi e c’è più spazio per facilitare la politica monetaria a sostegno della crescita, come Corea del Sud, Tailandia e Messico

I Treasury statunitensi sarebbero uno dei pochi paradisi sicuri “ancora economici in termini di tassi reali”

Vedo  rialzo per le obbligazioni societarie investment grade statunitensi, pur restando più cauto sul debito USA ad alto rendimento, che è più correlato alla performance dei mercati azionari

Mi aspetto che il dollaro, lo yen giapponese e il franco svizzero beneficino della domanda di beni rifugio.

Qualcuno suggerisce che scriviamo meno di prima, che da quando è partito il servizio di consulenza, siamo meno presenti e invece siamo più vivi che mai, più euforici se vogliamo, abbiamo più tempo a disposizione e indipendenza assoluta, come dimostrato in questi anni a scapito di carriera e gratifiche.

Scriviamo ogni giorno, senza interruzione da oltre 12 anni,  non dimenticate di aggiornare la pagina, spesso nelle Vostre aziende i firewall non permettono di vedere la pagina aggiornata. Ci sono problemi di comunicazione con alcuni server, lo abbiamo scritto più volte, Alice, Tiscali, Libero, talvolta Hotmail, noi abbiamo sempre risposto a tutti, prima o poi arriviamo.

Inoltre i manoscritti di Machiavelli, saranno sempre più frequenti, sempre più efficaci e puntuali, la realtà ci sta dando ragione, dedicati a tutti coloro che sostengono generosamente il nostro viaggio. Barra dritta e avanti tutta, ci attendono rotte spettacolari, la verità è figlia del tempo!

Forse è davvero questo il significato di un recente sogno su una possibile guerra tra la Cina e gli Stati Uniti e non parlo di guerra commerciale. Il resto è storia o un uovo di Colombo, molti lo dicono, noi lo abbiamo fatto da tempo!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (9 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 10 votes)
CHINA TRUMP: GUERRA TOTALE!, 10.0 out of 10 based on 9 ratings
Tags:   |
2 commenti Commenta
alexandersupertramp
Scritto il 13 maggio 2019 at 22:06

Stavolta il Donald l’ha fatta fuori dal vaso. Del resto gli yankee hanno visto troppi films di John Wayne. E sì che il
Vietnam avrebbe dovuto insegnargli qualcosa

madmax
Scritto il 15 maggio 2019 at 07:19

Ahahah il biondobanana e’ il presidente perfetto per affossare gli US, infatti come scritto nel libro dei tre regni: gli imperi nascono, crescono e tramontano!
I biondobanana ed i suoi amici neocons nel delirio di dominio mondiale hanno speso qualcosa come 5.9 trillioni di dollari tra Iraq, Siria etc ect (https://www.google.pl/url?sa=i&source=web&cd=&ved=2ahUKEwiw_Izo4pziAhXIdJoKHd90CB8QzPwBegQIARAC&url=https%3A%2F%2Fwww.cnbc.com%2F2018%2F11%2F14%2Fus-has-spent-5point9-trillion-on-middle-east-asia-wars-since-2001-study.html&psig=AOvVaw3V07fuZUA-pFf568xzcQu0&ust=1557983462606003) e si ritrovano con delle infrastrutture da terzo mondo in casa.
Nel frattempo la Cina tanto per dirne una ha costruito una rete di treni ad alta velocita’ per 28.000 km chiaro il concetto? Dove pensano d’andare?
Il problema del biondobanana e’ che pensa di trattare la Cina come Cuba dove sono stati affamati da un embargo partito dal 1962.
Che possiamo vivere in tempi interessanti e con un dragone longevo!

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: operatori cauti in attesa delle decisioni del Presidente della Fed. I mercati scommettono
I fondi negoziali della previdenza complementare non sono a prestazione definita. Sono a prestazione
Tutti in attesa della risposta di Powell dopo il convinto sostegno espansivo fronte BCE di Dragh
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Nell'articolo di questa mattina siamo stati profeti, rischio di mancanza di liquidità sui merca
Continuiamo la nostra serie di articoli sugli errori che fanno alcune persone usando le criptovalu
Ftse Mib: giovedì scorso, grazie al convincente meeting Bce che ha sorpreso in positivo i mercati,
In questi anni insieme a Machiavelli vi abbiamo spiegato per quale motivo sul mercato valutario
Mario Draghi nel famigerato meeting BCE della settimana scorsa non solo ha caldamente invitato i
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u