SALTA L’ACCORDO CON LA CINA.

Scritto il alle 08:54 da icebergfinanza

Come scritto in settimana e come annunciato questa mattina salt l’accordo con la Cina, i mercati erano stati portati artificialmente in alto per prepararsi all’inevitabile fine di una farsa infinita…

WASHINGTON – Il presidente Trump ha intensificato la sua guerra commerciale con la Cina venerdì mattina, aumentando le tariffe di beni cinesi per 200 miliardi di dollari e adottando misure per tassare quasi tutte le importazioni della Cina come punizione per quello che ha definito il tentativo di Pechino di “rinegoziare” un accordo commerciale.

La decisione del signor Trump di procedere con l’aumento delle tariffe è arrivata dopo che un colloquio cruciale di negoziati commerciali a Washington, giovedì sera, non ha prodotto un accordo per prevenire i prelievi più elevati. La Casa Bianca ha detto che i colloqui riprenderanno di nuovo venerdì, ma rimane incerto se le due parti possano colmare le divergenze emerse nell’ultima settimana.

“Non ho idea di cosa succederà”, ha detto. “Vedranno cosa possono fare, ma la nostra alternativa  è eccellente”, ha aggiunto Trump, sottolineando che le tariffe americane per 250 miliardi sui prodotti cinesi stanno portando “miliardi” al governo degli Stati Uniti.

Trump telefona a Xi
Trump ha detto di aver ricevuto “una bella lettera da Xi” e che un accordo è ancora possibile. Nelle prossime ore telefonerà al presidente cinese. Resta da capire se dalle minacce passerà alle pacche sulle spalle. I negoziati sono iniziati ieri. Le due delegazioni si sono incontrate nell’ufficio del rappresentante speciale al commercio Robert Lighithizer. In serata il vice premier Liu è stato ricevuto alla Casa Bianca dove ha cenato assieme a Trump, Lighthizer e al segretario al Tesoro Steven Mnuchin. I negoziati continuano per tutta la giornata di oggi, nonostante l’aumento dei dazi. Il capo negoziatore cinese ha detto che è venuto “con la massima sincerità per tentare di risolvere con razionalità i disaccordi e le differenze che ci sono ancora tra Cina e Stati Uniti ” e che l’aumento dei dazi “ non è la soluzione del problema”.

I punti controversi
Al centro dello scontro ci sono due punti sui quali i cinesi non arretrano, legati alla tutela delle proprietà intellettuale e agli aiuti pubblici concessi da Pechino alle aziende, nel tentativo di creare dei campioni globali nei rispettivi settori come scritto nel piano Made in China 2025.

Infatti ieri abbiamo assistito ad un’asta importante sul trentennale americano a differenza dell’asta a 10 anni di due giorni fa, andata molto bene, con il rendimento finito ai minini livelli da gennaio 2018, con una eccelente copertura al 2,20.

Ciò che è interessante è che mentre i governatori della Fed continuano a negare l’importanza dell’inversione della curva dei tassi in atto, dopo Clarida ieri anche la Brainard ha iniziato ad osservare la parte lunga della curva.

In sintesi anche se non lo vogliono dire si stanno preparando ad affrontare una recessione.

Il governatore della Federal Reserve Lael Brainard è diventato il secondo banchiere centrale degli Stati Uniti a parlare della possibilità di prendere di mira i tassi di interesse a lungo termine come un “nuovo” strumento per combattere la prossima recessione.

Clarida ha affrontato la questione all’inizio dell’anno, gurda caso occupandosi proprio del Giappone, che ora, solo ora è oggetto di studi approfonditi per cercare di comprendere come è stata l’evoluzione dell’ultima crisi, studi sino ad ora accantonati perchè … a noi non succederà mai…

“Una volta che i tassi di interesse a breve termine tradizionalmente presi di mira hanno raggiunto lo zero, potremmo rivolgerci a tassi di interesse leggermente più a lungo termine, ad esempio i tassi di interesse di un anno, e se sono necessari ulteriori stimoli, forse spostando la curva verso tassi di due anni “, ha detto Brainard.

“In base a questa politica, la Fed sarebbe pronta a utilizzare il suo bilancio per colpire il tasso di interesse, ma a differenza degli acquisti di attività che sono stati intrapresi nella recente recessione, non ci sarebbero stati impegni specifici per quanto riguarda gli acquisti di titoli del Tesoro” lei ha aggiunto.

Brainard per non terrorizzare i mercati parla di titoli a un anno forse due, ma scommetto che si occuperà del decennale, come hanno fatto in Giappone, decennale che ora è negativo mentre in America è intorno al 2,50%.

Gli amici di Machiavelli hanno ben chiaro cosa significhi questo, una strepitosa occasione!

Più questi parlano di curve dei tassi e politica monetaria e in più abbiamo la conferma che siamo dentro una recessione anche se dati e statistiche dicono altro, il nostro “big long” sta macinando plusvalenze su plusvalenze.

Tornando a noi, la Cina non starà certo a guardare…

Secondo alcune dichiarazioni riconducibili al Ministero del commercio cinese, la Cina prenderà contromisure contro l’escursione tariffaria statunitense sui prodotti cinesi e deplora profondamente l’ultima escursione tariffaria.

Ieri i dati sulla bilancia commerciale hanno evidenziato una contrazione del deficit nei confronti della Cina, notizia che non farà altro che aumentare l’intransigenza di Trump, la possibilità di dire in giro che una guerra commerciale è cosa buona e giusta, visto che sta producendo i risultati desiderati proprio mentre i negoziati stanno saltando, raggiungendo il livello più basso dal 2014.

US Trade Deficit with China Keeps Growing, Even with Tariffs

Il problema è che sono calate anche le esportazioni americane del 17,6 %  mentre il divario con l’Europa è aumentato di oltre la metà, a 14,2 miliardi di dollari.

Come ben ricordere in una recente intervista, Steve Eisman, uno dei protagonisti dell’ultima crisi americana, uno tra i pochi ad averci visto giusto, dopo aver dichiarato che non vede troppi pericoli all’orizzonte, giovedi si è convertito alle nostre visioni sul debito societario americano…

Eisman ha detto che “grandi perdite” nel settore “BBB corporate” dovrebbero essere previste durante la prossima recessione.

 “Il debito aziendale non causerà la prossima recessione, ma è dove il dolore sarà nella prossima recessione.”

E quando si parla dell’argomento delle prospettive di un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina – Eisman ha detto che si aspetta che un accordo venga fatto “all’ultimo secondo” e che la volatilità emersa da domenica sera non sia ancora

“Il mio caso base è che ci sarà un accordo all’ultimo secondo, ci sarà molta volatilità ma la mia migliore ipotesi è che ci sarà un affare di qualche tipo alla fine della giornata. È molto difficile pianificare il tuo portafoglio attorno a un disastro su cui non hai alcun controllo. È come tirare i dadi. “

Noi aspettiamo i numeri che usciranno dal prossimo lancio dei dadi e il Vostro sostegno, per l’informazione indipendente di qualità!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.1/10 (10 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 8 votes)
SALTA L'ACCORDO CON LA CINA., 9.1 out of 10 based on 10 ratings
6 commenti Commenta
alexandersupertramp
Scritto il 10 maggio 2019 at 09:38

Vedremo nei prossimi giorni a freddo come reagiranno i mercati, per ora direi che non sono stati presi dal panico che si poteva immaginare.
Andrea, come procedono gli esami? 😊

aorlansky60
Scritto il 10 maggio 2019 at 10:32

Tempi davvero memorabili ed incredibili quelli che stiamo vivendo, ed anche un pochino burleschi,

se i titoli di stato emessi da un Paese con rating “JUNK” rendono di meno rispetto a quelli emessi da un Paese con la tripla “A” come gli USA… da ridere…

apprendista
Scritto il 10 maggio 2019 at 19:54

E come tutte le sere a mercati europei chiusi stranamente gli stocks usa recuperano, da morire dal ridere😂😂😂😂

silvio66
Scritto il 12 maggio 2019 at 11:07

…si, ma la corda è tesa percui se non reagiscono subito lunedì io che non so ne leggere ne scrivere taglio a metà gli asset..😉
apprendista@finanza,

aorlansky60
Scritto il 13 maggio 2019 at 15:59

…a vedere la partenza di WS mezz’ora fà, sembra che non abbiano reagito molto bene…

silvio66
Scritto il 14 maggio 2019 at 10:42

Ciao Aorlansky,
ciò che preme è la tendenza non importa se su o in giù. Ci sta bene anche una tendenza negativa basta che si decidano. Viceversa vediamo partire i futures in un verso alla mattina salvo chiudere all’opposto la sera e questo disturba. Andiamo a vista e ci aggiorniamo..
aorlansky60,

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO Clicca qui sopra
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Articolo dal Network
«Quivi si fa molta seta». Con queste parole Marco Polo descrisse ne il Milione l'econo
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
In questo articolo ci accingiamo ad esporre l’analisi di un Ratio Back Spread in Call. Chi compra
«Quivi si fa molta seta». Con queste parole Marco Polo descrisse ne il Milione l'econo
Ftse Mib: l'indice italiano ieri ha dato prova di forza rompendo in chiusura i 21.000 punti e metten
Ormai praticamente ci siamo, fra meno di due settimane circa si voterà per il Parlamento europeo, c
Come gli amici e sostenitori di Machiavelli avranno sicuramente avuto modo di osservare, mercole
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: domina la cautela sull'indice italiano che si è riportato in pull back nei pressi della r
Questa volta nel mercato delle criptovalute qualcosa è profondamente cambiato. Nel giro di due