18 MESI ALLA FINE DELL’EURO!

Scritto il alle 10:45 da icebergfinanza

Risultati immagini per malloch trump

Sdraiatevi sul divano e prendete i popcorn, lo spettacolo è appena iniziato!

Dopo gli ultimi suggerimenti di Trump sull’addio all’Europa e all’euro da parte di altri Paesi dopo il Regno Unito, ora arriva direttamente dalla BBC anche il suo probabile ambasciatore a suggerire l’imminente fine dell’euro…

Euro ‘could fail’, says man tipped as US ambassador to EU – BBC News

L’uomo che punta ad essere ambasciatore di Donald Trump per l’Unione Europea ha detto alla BBC che la moneta unica “potrebbe crollare” nei prossimi 18 mesi.

Il professor Ted Malloch ha detto che è short sull’euro, ha suggerito di prendere una posizione di mercato che scommette sul crollo della moneta unica.

Ha anche detto che la Gran Bretagna potrebbe accettare un libero accordo commerciale “reciprocamente vantaggioso”  con l’America in appena 90 giorni.

E che era meglio per gli Stati Uniti se la Gran Bretagna avesse eseguito una Brexit “pulita”.

Una volta al di fuori del mercato unico e dell’unione doganale, il Regno Unito potrebbe bypassare “i burocrati di Bruxelles” e forgiare un accordo di libero scambio.

Malloch ha anche aggiunto che qualsiasi tentativo da parte dell’Unione europea di bloccare la Gran Bretagna iniziando dei negoziati con gli Stati Uniti sarebbe “assurdo” è come un marito  che cerca di fermare la moglie che ha una relazione.

“Alcuni di noi che hanno lavorato a Wall Street o nella City sanno che se si mettono le persone giuste nella stanza a destra con i dati giusti e la giusta energia, e Trump è certamente alta energia, si possono fare le cose.

Ma non lo avevano messo su per fare felice la “middle class” americana Trump, ora è diventato l’idolo della City e di Wall Street? ;-)

Anche se venerdì non si arriverà subito ad un accordo, “Questo è molto positivo e invia un segnale, che gli Stati Uniti sono dietro alla Gran Bretagna nel suo momento del bisogno.”

Sebbene non ancora confermato, il sig Malloch è stato ampiamente segnalato come la prima scelta del presidente per il ruolo di Bruxelles.

L’UE ha messo in chiaro che la Gran Bretagna non può avviare sostanziali colloqui di libero scambio con i paesi al di fuori dell’Unione fino a quando non ha lasciato l’Unione europea, una posizione che Malloch – un sostenitore di Mr Trump e della campagna Brexit – ha respinto.

“Penso che sia una proposta assurda “, ha detto.

(…) “Io personalmente non sono certo che ci sarà una Unione europea con la quale avere dei negoziati di libero scambio ha detto aggiunto Malloch.

“Credo che Donald Trump è molto contrario ad organizzazioni sovranazionali, crede negli Stati nazionali, nelle relazioni bilaterali e penso che lui chreda che l’UE ha oltrepassato il segno.

Andiamo bene Ragazzi!

“Mi sembra anche che Trump ritiene che l’Unione europea negli ultimi decenni si è inchinata, inclinata  fortemente e più favorevolmente verso la Germania.”

E ora una buona notizia, ovvero che il TTIP, il criminale trattato di libero scambio a senso unico che la UE voleva imporre ai cittadini europei è definitivamente morto

Egli ha anche messo in dubbio il futuro della moneta unica.

“The one thing I would do in 2017 is short the euro,” Mr Malloch said.

“I think it is a currency that is not only in demise but has a real problem and could in fact collapse in the coming year, year and a half.

“I am not the only person or economist of that point of view.

“L’unica cosa che vorrei fare nel 2017 è andare short sull’euro”, ha detto Malloch.

“Penso che è una moneta che non solo è in declino, ma ha un problema reale e potrebbe in effetti crollare nel prossimo anno, anno e mezzo.

Per chi si fosse messo in ascolto solo ora in esclusiva vi proponiamo l’ennesima richiesta di una patrimoniale da parte della Germania, il solito gruppetto di economisti tedeschi hanno suggerito un nuovo piano Marshall per l’Europa ops scusate per la Germania, con il culo dei risparmiatori europei, A Marshall Plan for Europe (PDF, 739 kB)

Un’unica considerazione! Se davvero Trump sceglierà questo uomo come ambasciatore presso la Comunità europea, consiglio a tutti una buona dose di consapevolezza!

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (19 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +12 (from 16 votes)
18 MESI ALLA FINE DELL'EURO!, 10.0 out of 10 based on 19 ratings
Tags:   |
20 commenti Commenta
bano
Scritto il 27 gennaio 2017 at 13:06

ahhh siamo a posto…
da oggi ,basta mc donald, basta birra inglese, biscotti inglesi si compra solo cinese,est europa e russo
dovremmo chiudere subito il tunnel della Manica e staccare tutti i legami con il pannocchia,
importare petrolio e gas pagandolo in euro e non in dollari.
basta pc americani basta iphone ecc ecc basta wisky basta mais modificato, le altre skifezze yenkee se le possono tenere tutte.

rnitti
Scritto il 27 gennaio 2017 at 13:49

Quella che l’eurobaraccone collassi (piu’ prima che poi) e’ una speranza condivisa da un numero sempre crescente di persone. Il vero grande obiettivo dell’Italia dovrebbe essere individuare dei personaggi, politici e non, che siano in grado al momento opportuno di far subire al paese meno danni possibili al momento della deflagrazione e, al limite, agevolarne l’evento. Senza queste risorse saremo spacciati in ogni caso: ve lo immaginate giggino di maio primo minisrto al momento del ital-exit (o dell everybody-exit)???

aorlansky60
Scritto il 27 gennaio 2017 at 15:33

“importare petrolio e gas pagandolo in euro e non in dollari.

i russi non vedrebbero l’ora, e non sarebbe certo un male per l’italia,

il problema rimane sempre il solito : loro, gli yankees; ce lo lascierebbero fare [così] facilmente ???

un sistema come quello decretato dall’eredità della II WW non si disfa in poco tempo, è una faccenda complessa,

entro i confini Italiani permangono più di 100(cento) basi militari NATO & USA, site su territorio di sovranità non più italiana, ma giuridicamente di proprietà USA (entro i limiti di quelle basi militari, la Repubblica Italiana -con tutte le sue principali Istituzioni- non possiede giurisdizione alcuna);

e nonostante tutto quello che ha dichiarato trump -circa uno svincolo progressivo della NATO- negli USA impera tutt’ora nei piani alti del palazzo una forte corrente di pensiero che vede ancora la russia come il nemico assoluto num.1…

…prima ancora di considerare quanto siamo piccoli -industrialmente parlando, visto che la grande industria l’abbiamo mandata a p. per volere di una classe dirigente incapace (da decenni, non solo da adesso) e per il lavoro ai fianchi operato nei ns confronti da paesi industrialmente MOLTO più forti di noi -parlo di FRANCIA e GERMANIA- almeno da quando questi [e la DE in particolare] hanno rinchiuso l’Italia e gli italiani in quel sistema ermetico noto come €uro;

e poi : come siamo messi come forze armate italiane -di terra di cielo e di mare- a presidiare e difendere i nostri confini ??? non molto bene, temo…

certo ci sarà da soffrire, quando decidiamo e se ci viene data possibilità di effettuare il logoff, ammesso che tutto il baraccone non salti in aria prima, cogliendoci alla sprovvista (e in questo caso, c’è da chiedersi : quanto siamo preparati, noi italiani?? non credo bene), ma prima ancora di poter operare una scelta, questa non potrà essere presa in considerazione se prima non avverrà uno sgancio dalle grinfie americane, per loro decisione, i padroni dell’Europa -e dell’Italia- da almeno 70anni.

stanziale
Scritto il 27 gennaio 2017 at 18:26

aorlansky60,
Ciao Aorlansky. Intanto oggi nuovi documenti sono rivelati http://scenarieconomici.it/inganno-tedesco-delleuro-dalla-cia-documento-esplosivo-del-1978/
posto questo dopo quello di ieri che riguardava Baffi, Andreotti, Cavazza e Zaccagnini con una netta distinzione tra i primi 2 ed i successivi… a mio parere l’italia ora e’ troppo debole per difendersi da sola dai 2 potenti vicini neo colonialisti tedeschi e francesi, soprattutto se si coalizzano per spartirsi i beni italiani come e’ avvenuto con l’euro. Abbiamo bisogno di appoggi, alleanze, intese, una questione di equilibri. Quindi in questo frangente poiche’ gli anglo-americani si sono decisi, e fisicamente piu’ lontani e meno ingombranti, ci converrebbe seguirli, cominciando subito a studiare un piano b, difendere banche risparmi industrie dalle mire francotedesche e comunque della speculazione che aumenteranno in questi ultimi (speriamo) mesi dell’euro. Oggi se gli americani decidessero di andare via dall’italia, il giorno dopo rischieremmo di essere invasi dalle truppe tedesche e della nuova repubblica di Petain quale ad ogni effetto e’ la francia(o comunque di essere ancora di piu’ sotto loro schiaffo). Per ora comunque non si vede nulla di quello che ipotizzo (piano b). Ha parlato Messina contro Mustier, secondo me ci sta’ che arrivi almeno un avviso di garanzia per il dirigente intesa, come si conviene ad ogni persona influente che difenda/abbia difeso l’italia (come avevo piu’ volte scritto, ed ora wikileaks mi da’ ragione, Baffi e Andreotti processati indagati…).

stanziale
Scritto il 27 gennaio 2017 at 18:34

Una rondine non fa primavera, ma 2 tedeschi fanno un partito nazista. Questo e’ il primo
http://scenarieconomici.it/66018zeit/

madmax
Scritto il 27 gennaio 2017 at 20:43

aorlansky60,

E per finire i soldati Nato non sono giudicabili pure per reati amministrativi, lo sanno bene dalle parti do Vicenza (base US) dove gli inquilini a stelle e strissssie si dimenticano di pagare l’affitto e non possono essere portati in giudizio!!!!
:)

laforzamotrice
Scritto il 30 gennaio 2017 at 09:34

continuo a pensare che siete buffi, con le vs tirate antitedesche. LA GERMANIA NON HA MAI INVASO L’ITALIA, cosi come è storia che da quando l’italia è nazione è sempre stata lei a dichiarare le (numerose) guerre. Che poi le abbiamo spesso prese, quello è un’altro argomento. La germania è la nostra 1 (prima) patner commerciale, mentre noi siamo la loro 7 (settima) questo significa che abbiamo da perdere molto più noi che loro in caso di divorzio. L’europa è la nostra sola speranza di sopravvivere allo scontro tra titani che ormai è imminente, e se è vero che l’europa cosi come è non funziona, non significa che l’idea non sia buona. In fondo, anche la prima ruota non avrà funzionato bene, bei coglioni se avessero rinunciato a migliorarla. In quanto alle proposte dei bond europei, capirete che se è chi è pieno di debiti a proporre di socializzarli, il minimo che può aspettarsi è un pò di dubbio, VISTO CHE SE SI PROPONE UN PIANO MARSHALL COME QUELLO SOPRA DESCRITTO, (CHE INCLUDE ANCHE I CATTIVI TETESCHI) FA GRIDARE ALLO SCANDALO. Non vedo la differenza tra pagare un x e assumersi la responsabilità di un altrui debito, se non il vantaggio nel primo caso, che sono sicuro di che morte devo morire, mentre nel secondo chissà dove si arriva
.Ma già, da un popolo che pretende il “fraterno” aiuto degli altri paesi mentre ci si lamenta ancora per il crimine di Amato, cioè per un miserabile prelievo forzato dello 0,6 % sulla LIQUIDITA’ ( cioè quanto, un 0,5 per mille sul capitale totale?) pagata 18 anni fa, che cosa si può pretendere? Che si accusi il cattivo tedesco.

aorlansky60
Scritto il 30 gennaio 2017 at 10:40

@ LaForzaMotrice

LA GERMANIA NON HA MAI INVASO L’ITALIA

stai scherzando ???

non posso pensare che una persona della tua caratura intellettuale -ti leggo da diverso tempo- sia incorsa in una gaffe del genere…

aorlansky60
Scritto il 30 gennaio 2017 at 10:52

…ci si lamenta ancora per il crimine di Amato…

ehhhh???

allora, cominciamo a chiarire :

i soldi che uno tiene su C/C non sono alla stregua di soldi investiti (e quindi passibili di una componente di RISCHIO come per qualsiasi investimento) ma soldi SUOI

SUOI, SUOI,

SUOI alla stessa stregua di soldi cash che potrebbe avere e custodire nel proprio portafogli;

quello perpetrato da amato nel 93 fu effettivamente UN CRIMINE !!! della peggior specie,

altresì noto come FURTO vero e proprio!

se ancora siamo a contestare questo – come sembra tu stia facendo – andiamo male.

altro che “un miserabile prelievo forzato dello 0,6 % sulla LIQUIDITA’

un azione come quella che fu fatta da amato è un entrata a gamba tesa, illegittima e illegale, nella casa e NELLA PROPRIETA’ PRIVATA di chiunque normale comune cittadino.

NON (RI)PROVATECI.

Potrebbe essere l’ultimo vostro errore, come la classica goccia che fa traboccare il vaso.

laforzamotrice
Scritto il 30 gennaio 2017 at 16:58

aorlansky60,

mi spiace, ma la germania non ha mai invaso l’italia. A meno che tu non alluda al 43, ma non credo sia corretto definirla una vera invasione, militarmente parlando i tedeschi non potevano permettere agli alleati di presentarsi in forze al brennero (l’austria era parte integrante del III reich) per cui la loro scelta fu obbligata, e questo senza considerare comunque la repubblica di salò. Se invece parli del 1915, fummo noi italiani a tentare di invadere quella che allora era l’impero austriaco, territori ceduti all’austria dalla francia, lei si che aveva invaso la repubblica di venezia, e quindi non invasi. Se poi parli di caporetto, non fu assolutamente un’invasione ma solo una controffensiva troppo ben riuscita. Vorrei anche ricordare che nel 1870 i prussiani occuparono parigi, ma poi si ritirarono (lorena e alsazia a parte ma li è un ping pong).
In quanto ad Amato 1993, al di la di discorsi di principio, (lo ammetto sono un pragmatico e ho preferito quello ad, ad esempio, aumenti di benzina, bolli auto, iva, o similia che sono permanenti) il danno economico reale per il cittadino fu assolutamente minimo (anch’io pagai). Non capisco perchè una soluzione del genere è aborrita, mentre la socializzazione dei debiti non sia recepita cosi negativamente, sarà perchè io i miei debiti li pago, ma tra togliere 100 euro dal mio cc e caricarmi di 100 euro (200/300/500) di debito, eurobond, preferisco la prima soluzione, che almeno non produce interessi negativi, mentre vediamo che il debito tende ad aumentare continuamente. Questo almeno è il mio modo di ragionare.

aorlansky60
Scritto il 31 gennaio 2017 at 10:50

@ LaForzaMotrice

Non prendertela per quello che scriverò

ma è piuttosto penoso da parte mia leggere di tentativi revisionisti, come il tuo, verso un fatto storicamente attuato e provato.

I tedeschi INVASERO l’ITALIA dopo l’8 SETT 43 e la misero “a ferro e fuoco” nella carne viva dei suoi abitanti,

ad urlarlo [ancora adesso] sono le vittime civili (civili, non militari) delle fosse Ardeatine di Roma,

come quelle della Lunigiana e dell’appennino Tosco Emiliano (anche in questo caso NON militari, ma civili, nella maggiorparte donne e bambini trucidati dalla furia tedesca in ritirata e in transito in quei luoghi resi tristemente famosi dalla storia;

è curioso notare come i tedeschi ancora oggi, tentando di recitare un mea culpa mal riuscito, cerchino di addossare le responsabilità “al nazismo e ai nazisti”, quando quei nazisti non erano aborigeni australiani e nemmeno indios amazonici, ma prima di tutto TEDESCHI cresciuti in germania con l’educazione e il pensiero tedesco!)

nella storia, a mia memoria, gli Italiani non fecero e non hanno compiuto nulla di simile verso il popolo tedesco.

Pensiamoci.

aorlansky60
Scritto il 31 gennaio 2017 at 10:51

E per quanto riguarda quella che considero tuttora come una vile azione condotta da parte di g.amato nei confronti del popolo italiano, evidentemente abbiamo idee molto distanti.

laforzamotrice
Scritto il 31 gennaio 2017 at 11:30

aorlansky60,

beh, se vuoi andare a vedere come gli italiani si sono comportati in grecia, in yugoslavia, in etiopia
http://restellistoria.altervista.org/pagine-di-storia/colonialismo-italiano/italiani-brava-gente-la-guerra-detiopia-1935-36/
in libia, ma cerca fonti alternative, non quelle ufficiali, vedrai che certe cose sono spiacevolmente “normali”; in quanto ai tedeschi, potrei rifarmi al tentativo ROMANO DI SOTTOMETTERE I GERMANI con relative stragi e rappresaglie, ma si andrebbe troppo indietro nel tempo, per cui il “gli Italiani non fecero e non hanno compiuto nulla di simile verso il popolo tedesco.” è legato più al fatto che è mancata l’occasione che a presunte superiorità morali. In quanto alle fosse ardeatine, ricordo che fu una rappresaglia “legale” per l’uccisione di 33 tedeschi, e che furono condannati gli autori non per essa, ma perchè furono uccisi 3 ostaggi di troppo.
Sia chiaro, non stò dicendo che siamo peggio o meglio, dico solo che siamo umani, e noi umani facciamo ste cose, e se pensi che le facciano solo i dittatori, ti consiglio d’informarti sui bombardamenti di Dresda (a guerra praticamente finita e vinta) o su CAEN che era una città “da liberare”.
Ripeto, siamo umani… e s siamo la perla della creazione! Please, non voglio sapere come è quello venuto male.

laforzamotrice
Scritto il 31 gennaio 2017 at 11:32

aorlansky60,

E per quanto riguarda Amato,
se avesse chiesto adesione volontaria avrebbe funzionato?

aorlansky60
Scritto il 31 gennaio 2017 at 12:07

In quanto alle fosse ardeatine, ricordo che fu una rappresaglia “legale” per l’uccisione di 33 tedeschi, e che furono condannati gli autori non per essa, ma perchè furono uccisi 3 ostaggi di troppo.

rappresaglia “legale” ???… a parte che leggere questo ha del

cominciamo col precisare che gli uccisi tedeschi erano militari e gli uccisi italiani erano civili;

proseguiamo nel precisare -per chi non lo sapesse di transito qui a leggere-

che per 33 uccisi [militari] tedeschi nel corso di un attentato di guerriglia (E SE SEI UN OCCUPANTE MILITARE, TE LO DEVI ASPETTARE), questi decisero di uccidere per rappresaglia 330 civili italiani (applicando la famosa legge della “decimazione”)

terminiamo col precisare che, al comandante tedesco occupante la città di Roma, fu fornito un elenco di nominativi catturati nel frattempo superiore (335 soggetti civili romani) e questi decise di arrotondare per eccesso… [sempre] molto “sportivi” i tedeschi…

E tu questa la definisci “una rappresaglia legale” ???… mah…

Per proseguire, sono ben documentato nel fatto di Dresda (14-15 FEB 45) essendo appassionato -tra le altre cose- di storia e di tecnica militare (e relativa evoluzione nei secoli),

come ebbi modo di dire in passato, qui in questo blog,

non furono le democrazie occidentali ad iniziare e perseverare con la strategia e le tecniche di bombardamento aereo su obiettivi civili nemici,

ma furono i giapponesi (bombardamento di Shanghai e di altre città cinesi nel corso della loro espansione nel nord-est cinese, periodo ante II WW)

poi imitati dai tedeschi (1936 guerra civile spagnola, Guernica dovrebbe ricordare qualcosa…)

che quando tentarono l’invasione dell’Inghilterra (1940 Battaglia d’Inghilterra) iniziarono a bombardare le principali città inglesi;

[tedeschi e giapponesi] hanno poi ricevuto -con gli interessi- quello che meritarono : chi semina vento…

silvio66
Scritto il 31 gennaio 2017 at 12:37

…e poi grazie all aiuto degli americani gli stessi che li hanno rasi al suolo sono diventate due delle nazioni più ricche del mondo come noi del resto. Oggi si dimentica troppo spesso che con le loro a volte enormi contraddizioni gli stati uniti sono una democrazia e il mondo sarebbe molto diverso se non comandandassero loro. La mia generazione è cresciuta con una base americana ogni 30 km e sfido chiunque a ricordare la propria vita condizionata minimamente da questo. Che un soldato americano abbia fatto questo o altro a qualcuno. Eppure comandavano e comandano loro. Lo si capisce dal cermis e simili che comandano loro o no. Tranne questi per altro rari casi nessuno di noi sente di essere un conquistato. Ricordo bene l Adelchi del Manzoni che ci ricorda l italico vizio di festeggiare la fuga del vecchio signore e l arrivo del nuovo che si rivelerà fatalmente peggiore del precedente ma gli americani avrebbero fatto cambiare idea anche al grande poeta.
Buona giornata
aor­lan­sky60,

aorlansky60
Scritto il 31 gennaio 2017 at 13:35

@ Silvio

una sorta di “pax romana”

[quella applicata dagli Americani nei territori di loro competenza, dopo la spartizione del mondo operata prima a Yalta e successivamente a Potsdam]

SI, c’è assolutamente del vero

specie “Oggi si dimentica troppo spesso che con le loro a volte enormi contraddizioni gli stati uniti sono una democrazia e il mondo sarebbe molto diverso se non comandassero loro.

in quello che hai appena scritto.

Diciamo che, come in tutte le cose dove c’è del buono e del cattivo,

nel “pacchetto” americano post II WW noi italiani -ma anche gli altri che rientravano nel nuovo impero- ci siamo dovuti prendere incondizionatamente il 100% dell’offerta…

ciao :-)

laforzamotrice
Scritto il 1 febbraio 2017 at 09:41

aorlansky60,

Continuo a sostenere che se non ci fosse stato il pericolo rosso, non ci sarebbe andata cosi bene, cosa che infatti è evidente dalla caduta del muro in poi, dove infatti il peggiore capitalismo stà recuperando le posizioni, per arrivare a quella situazione tipicamente sudamericana/africana che da secoli è quella preferita dalle multinazionali Usa e non solo.

Quanto alle fosse ardeatine, la rappresaglia è legale, infatti si è sanzionato l’eccesso, che poi si siano fucilati dei civili cosa significa? perchè, se si fucilavano militari era meno grave? Ed erano detenuti (credo la maggioranza ebrei) probabilmente destinati alla deportazione, quindi già purtroppo per loro “selezionati”.

aorlansky60
Scritto il 1 febbraio 2017 at 10:41

@ Laforzamotrice

in riferimento a tue ultime frasi su oggetto FOSSE ARDEATINE :

no comment.

(…)

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Riprendendo una vecchia canzone di Vasco Rossi, non sono certo i nuovi massimi che fanno paura ai
Questa sera alle 16.00 si svolgerà il webinar UniCredit con ospite Stefano Fanton, trader profes
Velostazione, corsi a distanza e un master interno sono le ultime attività che Eni sta sviluppando
Conoscere i principi della finanza e delle pensioni è meglio che ignorarli, detta così sembra una
Torniamo ancora una volta sulla questione dei siti dove trovare informazioni inerenti le criptov
Oplà, ti pareva che qualcuno, in particolare quelli della CNBC, non facessero uscire la notizia
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercato azionario: titoli value e momentum a confronto I dati macroeconomici continuano ad uscire
Le rimodulazioni tariffarie sono ormai una consuetudine tra gli operatori di telefonia mobile (e fis
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv