DAVOS: L’OMBRA DELLA GHIGLIOTTINA!

Scritto il alle 14:06 da icebergfinanza

Risultati immagini per ghigliottina

Ieri un carissimo amico mi ha fatto notare che a Davos stanno osservando preoccupati, la classe media mentre sta oliando le ghigliottine, troppi in un luogo austero e avido come Davos, stanno parlando di redistribuzione dei redditi…

Lagarde, più redistribuzione redditi

(ANSA) – DAVOS, 18 GEN – E’ tempo che i leader politici ripensino profondamente le politiche economiche e monetarie, di fronte alla chiara risposta di protesta e delusione della classe media che arriva dai risultati politici in Usa o Europa. Lo ha detto il direttore generale del Fondo monetario internazionale Christine Lagarde: “Probabilmente significa che ci vuole una maggiore redistribuzione dei redditi di quanta ne abbiamo oggi”, ha detto Lagarde a un panel del Forum economico mondiale.

Ascoltare la Lagarde che parla di redistribuzione dei redditi, mentre il suo Fondo monetario internazionale gira il mondo, impoverendo e distruggendo intere nazioni, favorendo lo status quo e le elites mondiali, è come ascoltare la volpe che suggerisce di redistribuire le uova delle galline dopo averle succhiate con la cannuccia.

La regina dell’austerità, quella che insieme alla Germania e alla Troika ha distrutto l’Europa ora parla di redistribuzione. Fermate tutto voglio scendere e vomitare!

Lo ripeto, Vi ammiro, non so come fate a stare calmi!

C’è pure la Marcegaglia a Davos, quella che si è fatta dare le ultime gocce di sangue dal Monte dei Pasci di Siena, a ricordare solo ora, ripeto, solo ora che la Germania viola le regole EU con il suo surplus!

In troppi stanno abbandonando silenziosamente il Titanic, tenete d’occhio le scialuppe!

Non solo, visto che a marzo c’è il primo appuntamento con le elezioni europee in Olanda si è svegliata un’altra bella addormentata, il primo ministro olandese Rutte, il primo alleato della Germania che rinnega l’Europa, visto il fiato sul collo del partito di estrema destra olandese…

Davos: ‘duello’ tra l’olandese Rutte e il tedesco Schulz sull’Europa

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Davos, 19 gen – E’ stato un vero duello verbale sulla Ue quello che si e’ tenuto al World Economic Forum tra il primo ministro olandese Mark Rutte e l’ex-presidente del Parlamento europeo Martin Schulz. Mentre si moltiplicano gli appelli a un’Europa unita e che mostri una visione, come ha fatto ieri sempre a Davos anche il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, il premier olandese ha dato inizio alle ostilita’ con toni di disillusione sullo stato e sul futuro della Ue. Rutte ha indicato che l’Unione dallo stato attuale non puo’ progredire e ha lamentato il fatto che mentre l’Olanda ha fatto pesanti sacrifici per riformarsi, “la gente constata che altri Paesi non fanno le riforme promesse”. Una situazione, secondo Rutte, che “causa una mancanza di fiducia in Europa, in particolare tra Nord e Sud”. E qui il premier ha puntato esplicitamente il dito contro la Francia e l’Italia, richiamandole a “mettere in atto le riforme promesse”. Una presa di posizione non estranea al fatto che il partito liberal-democratico di Rutte e’ sopravanzato nei sondaggi dagli euro-scettici di Geert Wilders. Davanti alle affermazioni di Rutte, Schulz, che ha lasciato il Parlamento Ue per dedicarsi alla politica tedesca, ha fatto quasi un balzo sulla sedia e ha rimproverato al premier olandese di “creare un’atmosfera di conflitto tra i Paesi”. Tra il rappresentante olandese e il politico tedesco si e’ cosi’ innescato un confronto, con Rutte a contrastare Schulz per la sua visione “romantica” dell’Europa e Schulz a ribattere citando la storia europea e Helmut Kohl. Rutte ha ribattuto dicendo che “la Ue di Khol e Mitterand non e’ un modello su cui costruire l’Europa del futuro”. Nuovo round verbale di Schulz che ha citato nuovamente Khol, quando ha detto “vogliamo una Germania europeizzata e mai piu’ un’Europa germanizzata. Questo non e’ romanticismo. Quando vediamo quello che accede oggi in Europa e’ una frase molto attuale”. Il commissario Ue Frans Timmermans, presente al dibattito assieme alla presidente della banca spagnola Ana Botin, ha cercato di mettere tutti d’accordo: “La fiducia e’ un elemento essenziale. Abbiamo bisogno di ritrovare la fiducia”.

Fermiamoci qui ho l’impressione che il 2017 anno del decennale di Icebergfinanza sarà un anno davvero interessante nel quale si giocherà il futuro dell’euro e non dell’Europa badate bene e dell’intera economia mondiale con l’avvento di Trump che oggi verrà nominato presidente degli Stati Uniti. Laggiù all’orizzonte, le ombre sinistre della storia, chiunque ha voluto dimenticare il suo passato sarà probabilmente destinato a riviverlo.

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (19 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +16 (from 18 votes)
DAVOS: L'OMBRA DELLA GHIGLIOTTINA!, 10.0 out of 10 based on 19 ratings
41 commenti Commenta
aorlansky60
Scritto il 20 gennaio 2017 at 15:16

@ IcebergFinanza

Ieri un carissimo amico mi ha fatto notare che a Davos stanno osservando preoccupati la classe media mentre sta oliando le ghigliottine…

…ripeto, Vi ammiro, non so come fate a stare calmi!

Capitano,

sei veramente certo che si sia tutti quanti “così calmi” ???…

E’ vero, non tutti sono consapevoli [di quello che rischiano] in conseguenza del poco sostegno da parte della politica e dei rappresentanti politici che hanno votato (se gli è stata data possibilità di farlo, mi spiace ricordare per l’ennesima volta che dal 2011 l’Italia non è più governata da un esecutivo eletto democraticamente… )

la maggior parte di loro, nonostante tutto quello che accade, è ancora contenta se la squadra di calcio per cui tifano è nelle zone alte di classifica,
o se il gestore telefonico regala loro 20€ di traffico gratis,

ma fa che la situazione attuale -già precaria- venga oltre modo compromessa fino a mettere in dubbio il minimo necessario per il sostentamento quotidiano [per se e per i propri figli] poi vedi… non solo l’olio, ma LE LAME DELLA GHIGLIOTTINA AFFILATE pronte all’uso!

e i clienti non mancherebbero (personalmente avrei una lista pronta, riccamente fornita per quantità, alla faccia dei “garantisti”)…

Christine Lagarde: “Probabilmente significa che ci vuole una maggiore redistribuzione dei redditi di quanta ne abbiamo oggi

“Probabilmente” significa che non ne è [ancora] del tutto convinta, nonostante tutto quello che sono riusciti a polverizzare

-in termini di welfare acquisiti per i cittadini, frutto di politiche assai più saggie e lungimiranti delle loro-

in poco meno di 10anni di metodico lavoro (condotto dal 2007, anno di innesco della crisi economica globale) e nonostante tutto quello che è in grado di mostrare loro la realtà quotidiana. Quest’ammissione da parte della lagarde -detta ora e in quel contesto dorato come lo può essere il palcoscenico di Davos- francamente non può far altro che OFFENDERE PESANTEMENTE la classe media europea .

Khol : “vogliamo una Germania europeizzata e mai piu’ un’Europa germanizzata.

Il mai, pronunciato in contesto Politico come in contesto Storico, non esiste e dovrebbe essere evitato; ma quello che più mi stupisce è che i candidi sprovveduti ancora ci credano.

Khol pronunciò quei pensieri in tempi e contesto profondamente differenti (e ormai dimenticati) da quelli attuali, nei quali i vari merkel weidmann e schauble [e insieme a questi tutta la classe dirigente tedesca di vertice] non solo hanno lavorato per realizzare l’opposto (germanizzare il resto d’Europa) ma per CANNIBALIZZARE l’europa e piegarla agli interessi tedeschi.

Non lo dico io : gli effetti del loro [SPORCO] lavoro è di fronte agli occhi di tutti – per i più fortunati, come quelli invitati ai convegni di Davos o altri simili riservati a pochi, perchè la maggiorparte della gente comune, oltre ai propri occhi, deve farne i conti direttamente sulla propria pelle, giorno dopo giorno, ormai da anni!

“I tempi sono maturi e il countdown stà per scadere.” : questo è il messaggio che personalmente vorrei trasmettere a lagarde merkel weidmann schauble e al resto di quella accozzaglia. Spero che saremo in tanti.

vito_t
Scritto il 20 gennaio 2017 at 18:47

Lo ripeto, Vi ammiro, non so come fate a stare calmi! ..

infatti è molto difficilie continuare a rimanere calmi …. io sono una persona pacifica … ma sono arrivato al limite della sopportazione, e francamente a tu per tu con qualche personaggio … sono convinto che il mio self control … andrebbe a farsi benedire … e badate che non parlo di Padoan Renzi o la Lorenzin … ma anche di personaggi che di mestiere fanno il leccaculo, si quei signori che un giorno si e un giorno pure ci vengono a raccontare che si sta meglio che l’Italia è ripartita che sugli immigrati non capiamo nulla ..
La vita è fatta di piatti da lavare di spesa di bollette di lavatrici etc etc e questi signori ce l’hanno rovinata , ovviamente la colpa non può ricadere solo sugli ultimi incompetenti che da quattro anni “occupano” posti e ruoli che non li dovrebbero riguardare … però questi ultimi che si sono sempre presentati come paladini dei più indifesi .. si questi signori hanno le colpe più grosse, perchè non hanno cambiato la dinamica delle cose …. anzi la hanno addirittura accentuata. Sempre per non rimanere nel vago e nel qulunquismo .. di bollette vale a dire acqua gas luce spazzatura telefono e cellulare in due persone spendiamo oltre 6.000 euro all’anno …. dico seimila euro !!!!! Ci hanno massacrato di tasse tutta la vita e non solo non diminuiscono ma aumentano con insopportabili balzelli vedi ticket … e proprio quando la vita comincia a dirti in un orecchio che … alla lunga ma devi cominciare a fare il conto alla rovescia .. cosa ti dicono questi illuminati ? che devi andare in pensione con 847 euro ( mia moglie … ) perchè ce lo chiede l’Europa … Poi si inventano l’Ape … proprio per continuare a truffarti perchè l’APE E’ UNA TRUFFA caro Veleno !! Andrea credo che siamo arrivati all’ora X perchè sempre più famiglie non ce la fanno proprio più e quando non hai più nulla da perdere … chi ha colpe deve cominciare a temere, perchè poi come in guerra spesso accade non si faranno prigionieri …..

giap
Scritto il 20 gennaio 2017 at 18:48

Caro aorlansky

spero che tu stia parlando di ghigliottine vere, non simboliche!

stanziale
Scritto il 20 gennaio 2017 at 19:18

vito_t@finanzaonline,

OOOhhh…finamente qualcuno che e’ stato a farsi fare i conti all’inps. Lo avevo scritto parecchie volte in precedenza, ragazzi: ANDATE A FARVI FARE I CONTI ALL’INPS, almeno chi ha una cinquantina di anni in su ed almeno 30 anni di contributi. Basta prendere apputamento con il numero verde , dicendo che volete andare per conoscere la pensione a 67-68-69 anni (o quant’e’), se riuscite a lavorare fino a quella data, e quanto prendereste sempre a 67-68-69 anni se rimanete disoccupati domani, e quanto prendereste con l’ape a 63 anni. Cosi’ si’ , che ritornate veramente incazzati e riusciamo a fare massa critica. E’ una truffa sia la Fornero , che l’ape non ne parliamo neppure. la fornero e’ il furto legalizzato del grosso dei contributi versati e l’ape e’ molto peggio. Ci hanno rubato i contributi e la vecchiaia questi bastardi.

ps: FORZA TRUMP, dacci una mano a smantellare questi baracconi a partire dall’euro!!!

stanziale
Scritto il 20 gennaio 2017 at 19:21

Del post mi ha colpito in particolare l’affermazione del bandito olandese secondo cui gli italiani non hanno fatto le riforme!!! ci prendono per il culo, pure.

vito_t
Scritto il 20 gennaio 2017 at 19:56

Stanziale … il tuo suggerimento è perfetto e vedresti che tempo un mese , siamo sotto i palazzi della politica con i forconi … e con qualche impalcatura improvvisata dotata di lama .. che qualcuno chiama Ghigliottina …
Ho oltre 65 anni di età e già 42 anni e passa di contributi, ma una parte sotto la gestione commercianti che non contano una mazza nonostante la quantità industriale di contributi che ti fanno versare …. e nionostante dichiarazioni dei redditi sostanziose non arriverò a 2.000 euro … Quelle merde perchè non so come definirle in modo migliore …. hanno preteso che mia moglie versasse quasi 4.000 euro di contrubuti perchè per godere del diritto Opzione Donna o meglio OPZIONE TRUFFA al 31 dicembre 2014 perchè le mancava ben un mese dico UN MESE !!! .. questo perchè da novembre di quell’anno ( 2014 ) versava contributi come amministratore di una insignificante società .. già chiusa … però quei contributi versati come amministratore andavano in una gestione separata che non si cumulava con quella IVS per la maturazione del diritto !!!! A proposito al posto della Ghigliottina … anche la corda potrebbe andare bene … facciamo un sondaggio ?
Quei maiali … che stanno governando da quattro anni , non solo hanno approvato la Fornero ma hanno messo in piedi riforme ancora più truffa come l’Ape …
Gli amici di Veleno … sono riusciti a creare anche gli esodati dell’ APE .. perchè se uno va via a 63 anni e per 3 anni e 7 mesi viene remunerato con il famigerato prestito della banca … quando poi saranno passati i 3 anni e 7 mesi .. col cavolo che va in pensione, perchè nel frattempo è aumentata la speranza di vita … ed allora non avrà ne più il reddito ponte della banca nè la pesnione … ma questi sono veramente bravi è che quando lavorano usano delle erbe .. diciamo così’ che provocano fenomeni allucinogeni …..

veleno50
Scritto il 20 gennaio 2017 at 20:25

Caro Vito ti capisco e sono dispiaciuto. Io con i problemi creati dai governanti alla tua famiglia non c’entro nulla, quindi lasciami in pace, 2008 sono uscito dall’azienda in anticipo con una buona uscita occorrevano 2,5 anni la legge

veleno50
Scritto il 20 gennaio 2017 at 20:25

Caro Vito ti capisco e sono dispiaciuto. Io con i problemi creati dai governanti alla tua famiglia non c’entro nulla, quindi lasciami in pace, 2008 sono uscito dall’azienda in anticipo con una buona uscita occorrevano 2,5 anni la legge

stanziale
Scritto il 20 gennaio 2017 at 20:30

vito_t@finanzaonline,

D’accordissimo, l’ape e’ una truffa fatta apposta per permettere alle aziende di licenziare i dipendenti (con la scusa che tanto almeno l’ape gli tocca) ed allo stato di risparmiare sulla pensione, applicando un congruo scarto sulla pelle di questi disgraziati che, va rimarcato, magari hanno lavorato con 37-38-39 anni di contributi. E’ un vile comportamento che divide i citadini in quelli di serie a (gia’ in pensione) e di serie b. Tu hai parlato degli amici di Veleno, giustamente sono i primi responsabili perche’ sono loro al governo ed hanno firmato la maggior parte dei provvedimenti che ci hanno portato in questa situazione a partire dal divorzio 1981 tesoro banca d’italia. Ma anche i grillini e f.italia….che hanno fatto in questi 5 anni? Mediaset e’ stato un megafono di Renzi, ora accettano pure a carica di Tajani (sic), i grillini ci hanno preso in giro, come si e’ visto con l’ultima giravolta in europa. Una vera opposizione a questo scempio avrebbe dovuto gridare a suqarciagola queste verita’, niente di tutto questo e’ avvenuto. Queste entita’ di presunta opposizione sembrerebbe quasi abbiano avuto il compito di guardare le spalle, evitare o rimandare fino ad oggi, la nascita in Italia di un vero movimento sovranista, come invece e’ avvenuto in Francia, Olanda, Austria eccetera.

vito_t
Scritto il 20 gennaio 2017 at 21:37

Stanziale ciao, .. non mi è parso di aver difeso proprio nessuno …. i grillini se non altro non hanno ( ancora ) rubato ….. ma chi più chi meno sono tutti responsabili ( La Fornero la hanno votata quasi tutti … ) In quanto a chi governa ho già detto che sono più colpevoli degli altri per un semplice motivo, che hanno sempre agitato la bandiera dei diritti salvo poi levarteli del tutto . vedi varie leggi truffa su pensioni lavoro etc .. e soprattutto non c’è stata quella svolta rispetto alle politiche precedenti anzi le hanno aggravate …..
Veleno … dalle mie parti dicono che è tanto ladro chi ruba quanto chi tiene il sacco . .. ora io mi chiedo .. con tutto ciò se uno difende quella parte politica o li vota .. che vuol dire ? … che ha .. interesse … Io non ho preferenze politiche ma almeno non voterò mai più chi ha rovinato , non la mia vita … ma quella di una infinità di persone .. mentre loro gozzovigliano in un mare di privilegi …

sepp
Scritto il 20 gennaio 2017 at 21:41

Voglio fare un appunto.
I nordici parlano delle sud europa come se per loro fosse una palla al piede.
E’ una palla al piede quando si vuol mettere sullo stesso piano paritario, altrimenti
secondo loro deve stare sottomesso.
Chi ci ha trascinato in questo inferno che chiamano europa e prima unita’ d italia,
e’ sempre il parassita che simula l’appartenenza nazionale quando invece e’ la creatura
del colonialismo, il colonialismo non e’ solo potere sulla popolazione e il territorio, e’ anche
la creazione di cervelli colonizzati nelle loro strutture culturali e poi messi a governare le colonie.
Noi semplici cittadini ci rendiamo conto che non e’ semplice avere un pensiero indipendente
specie quando la cultura nazionale non vuole la critica e l’evoluzione ma solo la sottomissione,
chi invece si e’ posto al di sopra e’ uno schiavo consapevole e mentalmente
colonizzato, non si rende conto di portare tutta una popolazione alla schiavitu’
Essendo senza cervelli non ragionano e non c’e possibilita’ che si redimano anzi
istruiscono le famiglie a seguirli come esempio.
I nord ha bisogno del sud perche’ il sole e’ vita.

sepp
Scritto il 20 gennaio 2017 at 21:43

vito_t@finanzaonline,

vito_t@finanzaonline,

Convinto che votare serve?

stanziale
Scritto il 20 gennaio 2017 at 22:50

vito_t@finanzaonline,

Certo Vito, scusa se ho mischiato, la seconda parte del mio commento non era affatto una polemica nei tuoi confronti, quanto diciamo una esplicitazione del mio pensiero, alla luce anche dei recenti fatti , l’elezione di Tajani ed il volta faccia di grillo nel parlamento europeo che a mio modo di vedere hanno chiarito anche gli ultimi dubbi anche se io non ne avevo gia’ prima.

corvaz
Scritto il 20 gennaio 2017 at 22:53

Ma che senso ha discutere sulle cazzate che sparano i politici europei, non vi sono basatate quelle italiane? Non siete riusciti cambiare una virgola di questa maledeta Itaglia, e parlè de forconi in Ue.

“Schulz che ha citato nuovamente Khol, quando ha detto “vogliamo una Germania europeizzata e mai piu’ un’Europa germanizzata.” Perché non lascia so moyere farse europeizzare da on barcon de mori?

…le ombre sinistre della storia…

non vi diranno mai chi sono e quali sono i loro reali scopi, intanto comandano e vi riducono… di numero

veleno50
Scritto il 20 gennaio 2017 at 23:16

vi­to_t@fi­nan­zaon­li­ne,

Ti ho detto di lasciarmi in pace e non provocarmi .Io sono uscito anticipatamente dal lavoro con una buonuscita consistente poi invece di aspettare alcuni anni dovuti alla legge del piddino Maroni quel simpaticone di Prodi che Dio lo benedica mi ha anticipato di 6 mesi l’uscita, quindi soldi dalla mobilità, incentivo, anticipo al buon Prodi io ho preso più che lavorare et capi bananas.La Fornero con me non ha niente a che fare è colpa di quel coniglio di Berlusconi se ti sei trovato la Fornero.Lasciami perdere grillino di serie b.

vito_t
Scritto il 20 gennaio 2017 at 23:35

Veleno se le cose sono addirittura peggiorate è per la gente come te che ha votato come te …. cornaccchia di serie A te capiu ciuco ?

madmax
Scritto il 21 gennaio 2017 at 08:03

Le ghigliottine sono servite a poco se dal motto: liberte’, egalite’, fraternite’ ci siamo ritrovati oggi nelle stesse condizioni di grandi disuguaglianze sociali.

Quello che mi fa paura e’ come l’odio venga usato oggi da tutti i politici e venga assorbito da tanti. Pure tra chi commenta gli articoli del Capitano di questo blog.

L’odio oggi e’ il miglior carburante politico, volete un esempio? La Lega Nord parti’ dall’odio contro Roma Ladrona ed i Terroni Italiani, via subito andiamo con la Germania!!!! Poi arrivati al potere attovagliati pure loro hanno reinventato l’odio contro l’Euro e l’Europa e han fatto campagna politica nel mezzogiorno!!!

Stessa cosa per i NEO-NATI 5stelle, belli i vaffa contro tutti, contro la casta, contro il potere, sermoni contro l’ostentazione della ricchezza. Peccato che poi a conti fatti ti accorgi che l’elogio della poverta’ fosse stato fatto da un resort a Malindi in Kenia, che i vizi della “casta” quali firme false sulle liste siano entrati pure tra di loro. Organizzati in maniera dinastica come i vecchi DC in cui le cariche si tramandano da padre a figlio (leggi Casaleggio&C.)

Trasformazione dei 5stelle al punto tale da voler entrare in Europarlamento con il gruppo ALDE favorevole al TTIP….ma ricordiamolo era un accordo tecnico ($$$$$) mica politico per i fondi.

Stessa cosa per la LePen, si tutti ad incensarla per le sue politiche “popolari” ma pochi ricordano che il Fronte Nazionale nel 1974 quando era guidato dal padre (altro caso di meritocrazia politica) era a favore della LIBERALIZZAZIONE totale e selvaggia di tutto! Complimenti per la capriola.

Stessa cosa per il campione inglese Farage, che dopo aver aizzato odio contro tutto cio’ che non e’ british ed aver vinto il referendum e speculato sulla sterlina con il suo amico Lord, lascia tutto nel casino e se ne va.

L’odio raccoglie consenso ma lascia una scia di rancore, la stessa che oggi possiamo avere contro i tedeschi (puo’ essere un popolo colpevole in maniera collettiva? O forse sarebbe meglio individuare responsabilita’ singole?) per cui solo con l’accusa e senza il tentativo di capire che succede (DA ENTRAMBE LE PARTI) si rischia di arrivare allo scontro.

La paura del diverso di quello che non la pensa come me (pro/contro Euro), l’odio caricaturale verso chi riteniamo causa di tutti i nostri problemi e’ la misica suonata dai politici alle nostre orecchie ma che puo’ sfociare in guerre!

Guardate che queste non sono cose da medioevo come qualcuno potrebbe pensare ma sono successa ancora solo pochi anni fa diciamo 26 anni fa a 350 km da Venezia! Con gli stessi meccanismi, con le stesse persone con cui prima parlavamo normalmente, magari flirtavamo sulle rivire estive diventano i diversi, la causa dei nostri mali, comincia l’accanimento, la persecuzione, l’odio (FOMENTATO DAI POLITICI) ed allora fatti antichi relegati ai libri di storia diventano ragioni per innescare rancori e torti di secoli fa diventano attuali e devono essere lavati nel sangue.

E concludo, state attenti cari amici quando sentite i politici che seminano odio e riflettete due volte, anche tre, prima di farvi loro complici.

Buon fine settimana.

vito_t
Scritto il 21 gennaio 2017 at 09:11

Madmax … hai descritto bene il passato …… ed allora per paura del cambiamento di trovarci in un’altra situazione del genere .. … teniamoci questa banda di incompetenti ladri etc etc e votateli !! ma qua siamo all’assurdo che qualcuno che non vuole essere chiamato in causa ne ha anche esaltato le gesta … Io credo che chiunque dovesse vincere le elezioni .. ma dubito che questi porci ce le faranno fare prima del 2018 …. non avrà una legislatura per dimostrare qualcosa ma moooolto meno tempo … non credo proprio che a Roma la Raggi avrà 5 anni davanti … Difficile il ripetersi di un programma come quello del PD con cui Bersani ha vinto le elezioni completamente poi stravolto con leggi di natura tiotalmente diversa …
Poi parli di odio … ecco all’odio .. non è ancora il mio caso , ma se continua così poi l’astio si evolverà …. , ci si arriva perchè ti starvolgono la vita ti impoveriscono e ti rendono il futuro una via crucis .. ed un pezzetto alla volta ti lkevano tutti i diritti … Io il rischio del cambiamento … anche se non so con chi .. lo voglio correre … tu no ? tienti questi …

giap
Scritto il 21 gennaio 2017 at 12:58

Io dico che qualche ghigliottina non farebbe male e ho anche in mente per chi (e sono sicuro che su 4-5 nomi saremmo tutti d’accordo). Ma capisco che può essere troppo truculento: mi accontento di un processo di Norimberga con qualche decina di condanne all’ergastolo. Va bene così? D’altra parte questa che viviamo è la III guerra mondiale, scenario europeo.

E’ ovvio che qui non si condanna tutto un popolo (quello tedesco) il quale è in gran parte vittima a sua volta delle azioni distruttive dei propri governi, azioni necessarie ad affermare la dominazione della Germania sul resto dell’Europa.

Le vittime sono sia gli individui più deboli (all’interno di ciascun stato) sia le nazioni più deboli nel loro complesso (nei confronti dello stato più forte).

Ho postato altrove il link al discorso di Gregor Gisy al parlamento tedesco. Una piccola parte della Germania è conscia di quello che stanno combinando.

L’Unione Europea non ha funzionato (sono maligno e penso che sia stata pensata così) e tanto meno ha funzionato l’Euro. Quindi credo che prima usciamo dall’Euro, meglio è. E se poi dovesse risultare conveniente uscire anche dall’UE, si prenderà in considerazione anche questa ipotesi.

Di sicuro le cose come stanno non vanno bene, anzi vanno sempre peggio.
Ora faranno fuori le banche italiane (proteggendo quelle tedesche con cambi di regole e trucchetti vari) e poi si impossesseranno del patrimonio immobiliare. E’ possibile che la ricchezza tolta ai paesi del sud (in primis all’Italia) venga parzialmente messa a disposizione delle classi meno abbienti tedesche per calmare la situazione. Il loro benessere sarà basato sulle risorse tolte all’Italia ecc.

Non è una questione di odio: è solo la realtà e credo che dovremmo reagire in modo drastico. Vi diranno che poi nessuno ci farà credito perché saremo considerati “inaffidabili”: BALLE! Vi diranno che con la lira non potremo importare le materie prime: BALLE!
E’ ovvio che ci sarà un periodo difficile ma personalmente sono pronto alla sfida e sono certo al 100% che l’Italia passerà dall’essere lo zerbino d’Europa ad essere uno stato normale del quale non ci si deve vergognare e nel quale i giovani possono costruire la loro vita futura.

noldor
Scritto il 21 gennaio 2017 at 17:38

Se per quello dicevano anche che con la vittoria del Brexit al referendum sarebbe crollato il mondo, stessa cosa sulla vittoria di Trump e referendum italiano idem….forse questi luminari farebbero meglio a tacere, o forse no….

vito_t
Scritto il 21 gennaio 2017 at 18:17

giap .. che ne pensi di una piazzale Loreto ? .. sai il sangue con la ghigliottina fa un certo effetto …. sono d’accordo, prima usciamo dall’euro e più possibilità di salvarci abbiamo …. e qui mi riconduco a noldor … hai ragione tutti a dipingere drammi con Brexit Trump esito del referendum e poi … beh potremmo far tacere anche questi signori …. con qualche legame affettuoso … se poi è una corda tanto meglio …

ilcuculo69
Scritto il 21 gennaio 2017 at 18:51

politici e alti dirigenti della pubblica amministrazione sono sicuramente corrotti e leccapiedi , tendono a mantenere lo status quo ne quale sguazzano…

ma leggo che non c’è uno che dica che il problema dell’italia è che abbiamo smesso di produrre ricchezza. Che la nostra classe imprenditoriale, geniale, miope e stracciona, ha investito i lautissimi guadagni ottenuti dal ’70 al ’00 in assurde speculazioni immobiliari e finanziarie, tra l’altro spesso con ritorni negativi, invece di investire nelle aziende e farle crescere….

noldor
Scritto il 21 gennaio 2017 at 19:31

Se in molti hanno preferito investire in immobili piuttosto che in attività produttive è anche perché con il vincolo esterno (l’euro) produrre è diventato non più conveniente. Senza voler togliere colpe a nessuno, penso che certe scelte politiche ed economiche siano state assolutamente determinanti.

charliebrown
Scritto il 21 gennaio 2017 at 19:44

Più che pensare chi ghigliottinare, mi chiedo chi seguire. Quando ero giovane c’erano punti di riferimento ideologici forti. Adesso i riferimenti ideologici in qualche modo assoluti sono scomparsi. Restano gli uomini o i fantasmi di riferimento. Ne indico quattro.
Obama, Trump, Papa Francesco (tre uomini) e Fidel Castro (un fantasma).
A me e a voi la scelta.

madmax
Scritto il 22 gennaio 2017 at 00:49

Vorrei chiarire qualche punto
:)

Stiamo perdento diritti? Si ma non sta scritto da nessuna parte che i diritti devono essere garantiti, i diritti che abbiamo oggi se li sono guadagnati i nostri nonni (forse solo quelli di una parte politica) che grazie a manifestazioni scioperi, manganellate e fucilate (andatevi a vedere che fece Scelda nello sciopero delle Fonderie Reggiane) hanno creduto nelle loro idee, o meglio dire ideologie.

Stiamo peggio di una volta??? Non so ma la verita’ e’ che oggi tanti si sono abituati ad un tenore di vita insostenibile. Vengo da una famiglia povera, ma ricordo che mio padre ci portava 1, ripeto 1 e torno a ripetere 1 volta all’anno al ristorante! Oggi la colazione capuccio, cornetto e dolcetto odierna nei bar non e’ un tabu, ristorante e pizzeria doveva essere settimanale, e che dire della competizione sulle auto (guai a gas, vorrai mica dire che risparmi, sei sfigato).

Potrei andare avanti per ore ancora ma la verita’ e’ che ci siamo abituati bene, non lo si puo’ piu’ fare e per chi non ha mai avuto la fortuna (od il culo) di partecipare alla festa le scatole gli girano!

Curioso poi come sento parlare disuguaglianze sociali da tutti ma se gli chiedi quale soluzione nessuno ti sappia rispondere e idee quali socialismo facciano storcere il naso e le budella, curioso magari il nuovo lo chiameremo capitalsocialismo :)

Concludo con il ripetere la TV ed i media ci hanno fatto credere che il benessere holliwoodiano era per tutti, basta un prestito findomestic e una mastercard…ma la verita’ e’ che i ricchi restano ricchi ed i poveri sono diventati ancora piu’ poveri indebitandosi e rincorrendo uno stile di vita insostenibile, torniamo alla frugalita’ ma quella vera!
:)

madmax
Scritto il 22 gennaio 2017 at 00:52

charliebrown@finanza,

Charlie,
Ma lo stesso Obama che in 8 anni ha raddoppiato il debito US? Passato da 9,8 trillioni a 19.8 trillioni di USD?
O lo stesso Obama premio Nobel per la Pace che ha sgangiato nel 2016 qualcosa come 26.000 bombe????

vito_t
Scritto il 22 gennaio 2017 at 08:57

Madmax … io non so in che mondo vivi e cosa vedi … ho dei seri dubbi … il fatto che bar e ristoranti accolgano … avventori, è e lo sarà anche in futuro, .. ciò non significa che si lamenta come il sottoscritto va a fare colazione al bar o ceni al ristorante ( ci vado se me lo offrono … ) assolutamente no !!! e se è l’Istat che documenta che il 27% della popolazione è a rischio povertà cosa pensi che lo siano perchè il loro cornetto del bar è vuoto mentre lo pretendono con la cioccolata ? ( anche se poi il numero di ristoranti che ha chiuso è notevole … ) i ricchi ci sono stati ci sono e ci saranno sempre … ma il post di Andrea sugli 8 uomini che detengono ciò che hanno i 3,6 miliardi più poveri non ti dice niente ? … Non servono ricette astruse, serve dividere la torta in modo più equo … serve cominciare dal taglio dei privilegi .. di tutti … I militari continuano ad andare in pensione con criteri diversi .. perchè ogni tre anni di lavoro ( ??? ) gliene regalano uno … evidentemente è un serbatoio di voti intoccabile ….
Serve più onestà , serve l’esempio !!!! e se invece cominci a nominare ministro degli esteri uno che non sa l’inglese e metti suo fratello ( da 200.000 euro … ) a svolgere un ruolo per cui non ha i titoli .. ma serve un’altro ingegnere per mettere le firme .. e se metti ministro dell’struzione una che nion ha nemmeno il diploma o ministro della salute e della giustizia altri due che non hanno nemmeno il dilpoma .. significa che della gente se ne STRABATTONO ! ed allora prima o poi sono convinto che accadrò il fattaccio o … i fattacci ….

laforzamotrice
Scritto il 22 gennaio 2017 at 10:24

vito_t@finanzaonline,

In italia siamo ancora benestanti, e il concetto di povertà lo dimostra. Oggi ci si definisce poveri da un pc collegato alla rete in una casa immagino riscaldata, con luce e acqua corrente e questo chiarisce bene il concetto. Miliardi di persone nel mondo considerano tutto questo essere ricchi. tutto relativo. Dividere la torta in modo più equo? Il problema è che chi è previlegiato, difficilmente lo ammette, e come lo convinci? Perchè è questo il problema che fingete tutti d’ignorare, che siamo tutti disposti a pareggiare i tattamenti, ma solo all’insù, il che è economicamente assai complicato. Veleno 40 è un previlegiato (non è un’accusa, solo una constatazione) anche il capitano, che se ricordo bene è un bancario di vecchia generazione, lo è, e chissà quanti altri in un modo o nell’altro lo sono. Disponibili a rinunciare a parte dei propri benefit? Buffo, in reatà sono tantissimi quelli che dicono “il popolo non ha pane? Mangi le brioches” come la regina Antonietta; decapitiamo? Credete davvero che basti ghigliottinare una decina di politici per risolvere tutto? O siete ingenui, sciocchi o più probabilmente si parla per parlare.

laforzamotrice
Scritto il 22 gennaio 2017 at 10:30

Dimenticavo:
madmax,
I nostri vecchi hanno giustamente combattuto per i loro diritti, peccato che poi non l’abbiano fatto anche per i loro doveri (logico) trasformando molti diritti in privilegi; perchè il privilegio è questo: un diritto a cui non corrisponde un dovere.

icebergfinanza
Scritto il 22 gennaio 2017 at 11:09

Ragazzi qui non si sta parlando di ghigliottinare qualcuno quanto di più lontano dalla mia cultura e pensiero ma di non lasciare impuniti crimini di una certa rilevanza. Sono stragi di massa come quelle quotidiane di chi soffre e muore di fame situazioni che il mondo occidentale ha ignorato per troppo tempo, non è possibile che crimini ideologici economici e finanziari che tanta sofferenza producono restino impuniti!

laforzamotrice
Scritto il 22 gennaio 2017 at 11:13

Un’ultimo appunto: Garcia Marquez era ricco e un noto spendaccione; un giornalista gli chiese come conciliava questo fatto coll’essere comunista. Lui rispose: “noi comunisti vorremmo che tutti fossero ricchi”. Comodo no? :-):-)

vito_t
Scritto il 22 gennaio 2017 at 12:22

laforzamotrice@finanza,

ma sei proprio sicuro di aver capito quello che ho scritto ? dubito seriamente !!!! Io chiedo più equilibrio …. ti sembra che pretendere una pensione superiore agli 847 euro dopo aver versato 36,5 anni di contributi pesantissimi, sia una richiesta assurda ? … mi verrebbe da dirti quattro parolacce !! ma vai va … e ho detto di levare privilegi sacrosanti !!! il fratello di Alfano non dovrebbe stare dove sta non ne ha i titoli .. e lì dovrebbe starci qualcun’altro … questa è semplicemente giustizia e non chiedo il posto per me .. qui siamo alla follia !! ministri senza nemmeno una laurea .. ma possibile che in Itlaia non ci fosse uno più competente di Orlando o della Fedeli con un curriculum magari da laureato ? possibile che non ci fosse in Italia una persona che possa rappresentare il nostro paese all’estero da ministro degli esteri con .. magari la conoscenza dell’inglese ? … ma ti sembra un discorso da idiota questo ? TI SEMBRA QUESTO PARLARE PER PARLARE ? ma vai va .. per favore …. Punire chi ha fatto danni incalcolabili alle banche e/o al paese TI SEMBRA PARLARE PER PARLARE … quello che parla per parlare mi sembri proprio tu … io chiedo più giustiia ed equità ed oggi invece siamo veramente alla follia !!!!!!!!!!!!!

giap
Scritto il 22 gennaio 2017 at 13:08

Sono in sintonia con madmax e mi piace la parola che ha scelto: equilibrio. Che tra l’altro è una parola che andrebbe applicata al sistema economico-produttivo nel suo insieme. C’è un assurdo, pazzesco, criminale disequilibrio tra ciò che questo pianeta può sopportare e ciò che l’uomo sta facendo. Siamo più simili ai parassiti che mi stanno mangiando il ficus (e che quando il ficus sarà morto moriranno a loro volta) che a degli esseri dotati di ragione. Distruggere il pianeta affinché un 10% abbia infinitamente di più di ciò che potrà mai godere/consumare. E contemporaneamente il 90% della popolazione o sta male o sta progressivamente peggio di prima. Dov’è l’equilibrio in ciò?

Andrea: va bene, niente ghigliottine, ma un bel processo? Sono o non sono dei criminali questi? E’ vero o non è vero che in questo sistema al famoso 10% la carriera è garantita anche prima del concepimento? E’ vero o non è vero che quel 10% non deve rispondere a nessuno, che continuerà ad arricchirsi automaticamente giorno per giorno mentre altri (vedi adesso i dipendenti di Carrefour) finiranno in mezzo ad una strada pur non avendo alcuna colpa? Dov’è l’equilibrio?

laforzamotrice: si potrebbe cominciare con un po’ più di equilibrio all’interno della nostra nazione ben sapendo che non stiamo risolvendo i problemi del mondo in un colpo solo. Ma con la scusa che tanto in fondo noi siamo ancora benestanti se confrontati con gli africani ecc. allora non affrontiamo mai il problema in casa nostra. E invece si comincia da ciò che è più vicino e più semplice per poi estendere i miglioramenti.

veleno50
Scritto il 22 gennaio 2017 at 18:39

la­for­za­mo­tri­ce@fi­nan­za,

Carissimo commentatore non sono un privilegiato ho (solo) versato 41,5 anni di contributi.Vedi il soggetto che offende non ha capito nulla, sta scrivendo commenti, filippiche insignificanti o meglio è tutta roba riciclata.Non ha capito che il Boss ci sta dicendo che nessuno sta reagendo alle malefatte di questi criminali,stiamo digerendo dei bisonti interi senza avere mal di stomaco.C’è solo un particolare come dice lui la rabbia di vedere come vanno le cose è chiara a tutti, il coraggioso di vedere di risolverle dov’è, dove sta il soggetto Boss?

corvaz
Scritto il 22 gennaio 2017 at 23:01

Si fa tanto per parlare quando si perde tempo a commentare sulle malefatte dei politici di turno e mai su chi tira i fili, vero? Vedere persone come Craxi o Silvio essere state tirate giù dall’appice del potere a qualcuno farà pensare che per fortuna almeno la giustizia in Italia funziona… ma bea!

Cercare una soluzione da dentro il sistema è come dare la possibilità ad un pesce di uscire dall’acquario in cui è stato allevato. “Be, meglio stare sott’acqua che nella merda” dice il pesciolino, “e al di là del vetro, impensabile, muorirei!” In realtà un modo esiste. il pesciolino devrebbe percorrere la via della metamorfosi, cambiare pelle, trasformarsi in un rettile per iniiziare a mettere fuori il naso dall’acqua e provare piacere nel sentirsi libero e felice di sguazzare… in tel loame.

aorlansky60
Scritto il 23 gennaio 2017 at 10:07

@ IL Cuculo

“leggo che non c’è uno che dica che il problema dell’italia è che abbiamo smesso di produrre ricchezza. Che la nostra classe imprenditoriale, geniale, miope e stracciona, ha investito i lautissimi guadagni ottenuti dal ’70 al ’00 in assurde speculazioni immobiliari e finanziarie, tra l’altro spesso con ritorni negativi, invece di investire nelle aziende e farle crescere….”

Questa è una giusta osservazione.

Ma prima ancora di considerare i problemi conseguenti dall’essere stati immessi (l’Italia) dal 2000 in un sistema ermeticamente chiuso governato dai tedeschi [grazie all’€uro]

i numeri possono farci comprendere PERCHE’ L’ITALIA non è più in grado di produrre RICCHEZZA :

1) pensionati tassati al 22% – IL LIVELLO PIU’ ELEVATO d’Europa;

2) lav. dipendenti tassati al 30~40% in media;

ma soprattutto :

3) società, aziende, pmi, artigiani, commercianti, liberi professionisti, P.I. in genere, tassati al 64,8% in media – fonte CGIA

(poi non stupiamoci se Marchionne e gli Agnelli spostano FCA, Exor e CNH Industrial in UK e/o Olanda… e non stupiamoci se sempre più imprenditori italiani, pur di livello minore rispetto a FCA, liquidano e chiudono in Italia per andare a riaprire all’estero appena oltre confine, Svizzera, Austria, Slovenia dove trovano condizioni fiscali sicuramente più convenienti.)

con i numeri che ho descritto più su (numeri non inventati ma provenienti da fonti certe e autorevoli)

la domanda -più che un affermazione- è :

COME FAI A PRODURRE RICCHEZZA IN ITALIA se lo Stato (e con esso intendo tutti i suoi meandri di enti locali e di società partecipate nelle quali la POLITICA svolge un ruolo cruciale e pernicioso) attua una PRESSIONE FISCALE del genere verso tutte le classi ????!!!!

vito_t
Scritto il 23 gennaio 2017 at 10:20

aorlansky60,

… ragionissima !!! ma tutto sommato quando compri una casa .. per chi non ha quattrini … e fai un mutuo, .. tagli qualche spesa per pagare la rata magari vai meno in vacanza meno al ristornate stai attento alla spesa al supermercato … poi però hai una casa, invece qua continua ad aumentare a dismisura il debito e tutto questo serve per mantenere la casta i vari fratelli di Alfano .. il ministro Orlando .. la Lorenzin … la Fedeli … e per scendere più in basso di livello .. per i vari aiutini al serbatoio di voti …. Non capisco prchè se perdevo il lavoro da indipendente il giorno dopo non sapevo come campare e se lo perdi da dipendente dell’Alitalia …. poi per anni … puoi fare il doppio lavoro …

laforzamotrice
Scritto il 23 gennaio 2017 at 10:43

PER TUTTI
L A SOLITA STORIA, la colpa è SOLO dei politici no? Certo, cosi come la droga è colpa degli spacciatori, l’alcolismo è colpa di chi vende alcool e il gioco d’azzardo è colpa delle macchinette. Magari i coglioni come me fanno notare che non è obbligatorio ubriacarsi, drogarsi o giocare d’azzardo, io non faccio nulla di tutto ciò e sopravvivo benissimo, ma ascoltarmi significa domandarsi chi è più responsabile, chi spaccia o chi si droga? chi vende alcool o l’alcolista? Ma si, meglio dare la colpa agli spacciatori, è meglio sentirsi vittima che carnefice no? Stesso discorso per i politici, tutta colpa loro che comprano i voti, ma chi glieli vende? Gran parte della spesa pubblica sono pensioni, stipendi e interessi sul debito, tutti soldi che la “gente” incassa, spesso la stessa “gente”che si lamenta sempre in tv dello stato ladro. I ladri siamo noi, se non tutti, molti.

veleno50@finanza,
premessa: non te ne faccio una colpa, anch’io approfitterei, però ” Ti ho detto di lasciarmi in pace e non provocarmi .Io sono uscito anticipatamente dal lavoro con una buonuscita consistente poi invece di aspettare alcuni anni dovuti alla legge del piddino Maroni quel simpaticone di Prodi che Dio lo benedica mi ha anticipato di 6 mesi l’uscita, quindi soldi dalla mobilità, incentivo, anticipo al buon Prodi io ho preso più che lavorare et capi bananas.La Fornero con me non ha niente a che fare è colpa di quel coniglio di Berlusconi se ti sei trovato la Fornero.Lasciami perdere grillino di serie b.” sono tue affermazioni, e secondo me è un trattamento molto previlegiato, che ormai è riservato solo a pochissimi. E non ti chiedo quanto prendi di pensione, perchè temo che mi girerebbero le palle. Ribadisco, non è colpa tua, ma privilegiato lo sei.Oggigiorno è facile trovare pensionati che prendono più loro di pensione che stipendio lavoratori di pari mansione in piena attività, e secondo il mio parere la cosa è alquanto insensata. Uno che non fa un [email protected]@o che guadagna più di uno che produce, vi sembra normale?
vito_t@finanzaonline,
Giusto un esempio di situazioni che allo stato (cioè a noi) costano mooolto di più del fratello di Alfano,
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/29/pensioni-inps-nel-comparto-difesa-il-90-e-doppio-rispetto-contributivo/1731456/
Ma è solo uno su tanti. vedi ferrovie dello stato, postelegrafonici, enel, cassa manager, baby pensionati ecc.ecc.ecc.. Senza dimenticare pensioni erogate a gente che non ha mai pagato contributi o a milionari, migliaia di lavori farlocchi, presenti solo sulla carta, esempio classico i forestali, casse integrazioni date a pioggia per anni senza controllo, e potrei continuare per un bel pò. Ma certo è più facile prendersela con i politici, che guadagnano troppo, mentre il calciatore, o cantante o attore che guadagna in un anno quello che un politico ruba in una vita, quello ci sta bene.
C’è già stato nella storia uno che era un giusto e ghigliottinava, Robespierre. L hanno ghigliottinato perchè stava facendo il vuoto anche intorno a se.

aorlansky60
Scritto il 23 gennaio 2017 at 11:03

@ LaForzaMotrice

C’è già stato nella storia uno che era un giusto e ghigliottinava, Robespierre. L hanno ghigliottinato perchè stava facendo il vuoto anche intorno a se.

Ma quel periodo è servito : per l’autodeterminazione del popolo che da quel momento è evoluta nella stesura della Carta dei Diritti Universali dell’Uomo e sopratutto per l’evoluzione sociale da Monarchie totalitarie(o quasi) a Repubbliche – l’esempio Francese sarà poi largamente seguito – con la creazione di forme di garanzie e tutele allargate verso l’intera comunità facenti parte, anzi esse stesse costituenti uno Stato.

… … …

@ LaForzaMotrice

Credete davvero che basti ghigliottinare una decina di politici per risolvere tutto? O siete ingenui, sciocchi o più probabilmente si parla per parlare.

…e per tutti quelli che hanno tirato in ballo la “ghigliottina” [probabilmente in scia alle parole del mio 1mo intervento di VEN 20 GEN]

sia per quelli pro che per quelli contro [l’uso di tale strumento di “pulizia”],

per chi mi chiedeva (Giap) se la pensavo “simbolicamente” io gli rispondo “metaforicamente”, perchè al giorno d’oggi esistono strumenti certamente più veloci e più pratici in grado di compiere tale lavoro;

ma a parte che non accadrà mai nulla del genere (*) -in Italia e nel resto del mondo- (perchè i popoli si sono tutti quanti ammorbiditi, rammolliti e schiavizzati al SISTEMA da cui dipendono e del quale non possono più fare a meno, parlo della massa, perchè i pochi fuori dal coro verrebbero individuati, presi ed eliminati dal SISTEMA se solo osassero…),

premesso che -in ITA, in Europa e anche al di fuori di essa- per quanto mi riguarda esiste una copiosa lista di personaggi -di ALTO LIVELLO (e non parlo solo di “politici”) – meritori della pena capitale, non ho timore a dirlo o a scriverlo,

nessuno mi può negare il diritto di immaginare con il solo PENSIERO che questa sia istituita e realizzata. E nessuno mi può negare il diritto di essere GIUSTIZIALISTA; so benissimo a cosa hanno portato “garantismo” e “permissivismo” condotti e inculcati come filosofia di pensiero attraverso molti decenni : a lasciare che tutto quanto accada, nonostante tutto.

(*) : ma mai dire mai e mai dare tutto per scontato ; un saggio il cui nome ora non ricordo, affermò in riferimento ai campi di sterminio nazisti, che “è accaduto e potrebbe di nuovo accadere“; allo stesso livello, il periodo del “terrore nella Francia del 1789-1794″… non necessariamente ancora e solo in Francia…

sapete : trattandosi dell’uomo, e in miliardi di esemplari, tutto può accadere, anche l’impensabile…

vito_t
Scritto il 23 gennaio 2017 at 11:11

laforzamotrice@finanza,

e allora ? … solo perchè non accendiamo più il fuoco strofinando le pietre deve andare bene così ? solo perchè in Africa si fanno mangiare dalle mosche va bene così ? … parte di quello che dici lo ho anche scritto !! come sui militari .. ma chi è che deve cambiare le cose ? la politica e quindi chi governa oppure tu ed io .. ? Chi è che deve impedire che dipendenti di una società non possono stare in cassa integrazione .. dai mille nomi … per 5 o 7 anni ? io peno che sia chi ci governa … a prescindere dal colore politico … e questi signori oggi non hanno modifcato lo status precedente ma lo hanno perfino aggravato … schiaffeggiando con quell’elenco di ministri … la gente
fai paragoni anche fuori senso … chi ha pensioni da fame , se si lamenta … chi è lo spacciatore ? o chi si droga ? …

laforzamotrice
Scritto il 23 gennaio 2017 at 15:23

vito_t@finanzaonline,

dimentichi un particolare, che i politici rispondono alla pubblica opinione, la quale è specializzata nell “armiamoci e partite”, ovvero che occorre fare sacrifici, tagli, riordini, organizzare, smettere i rubare, togliere i privilegi… ma lo devono fare agli altri. E il politico che prova ad attaccare questi privilegi di solito viene punito elettoralmente.

L’Italiano medio di solito non protesta per l’abolizione del privilegio, ma perchè pretende che questo sia allargato anche a lui.

Esempio, secondo te, se si facesse un referendum per applicare retroattivamente il contributivo puro alle pensioni, chi vincerebbe? Perchè anche chi dall’attuale situazione è danneggiato probabilmente ha un parente amico consorte che dalla vecchia situazione è avvantaggiato, secondo te voterebbe per l si o il no? Scommettiamo?
Oppure, trovi che sia normale andare in tv a pretendere una casa? Si? E perchè? Allora perchè io pago l’affitto o il mutuo? Pretendere un lavoro utile che mi permetta di pagarmi l’affitto, questa è una pretesa corretta, ma a quanto pare troppi vogliono solo il pane, che per il lavoro non c’è fretta. E i politici s’adeguano.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Secondo Treccani, estrapolare significa estrarre qualcosa da un contesto, estendere la validit
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I mercati ci hanno regalato un 2019 (fino ad ora) molto positivo. La tendenza è restata unidire
Aggiornamento settimanale. L’esito mi sembra interessante, qui sotto a confronto inflow e out
Ftse Mib: continua la fase correttiva per l'indice italiano che si porta al test della trend line ri
Anche se molto in sordina, dalla Germania stanno arrivando notizie tutt'altro che favorevoli nei
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Uno dei problemi chiave del momento in cui viviamo è sicuramente il debito. Poi mettetela come
Il mercato prima corregge e poi rimbalza. la configurazione del COT Report cambia di pochissimo.
Ftse Mib: l'indice italiano si riporta nei pressi della media mobile 200 periodi in attesa degli imp