CHICAGO PMI … HARD TO SAY I’M SORRY!

Scritto il alle 07:45 da icebergfinanza

“Difficile dire che mi dispiace…” … chi non ricorda il titolo della canzone più famosa dei Chicago targata anni ’80, difficile dire che non si sapeva!

Ebbene, per l’ennesima volta ieri, abbiamo avuto un’ulteriore conferma della recessione in cui versa l’industria manifatturiera americana con l’ennesimo dato negativo in arrivo dal distretto di Chicago…

[Chart]

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – New York, 31 mag – L’indice Pmi di Chicago, che misura l’andamento dell’attivita’ aziendale e manifatturiera nell’area di Chicago, e’ calato a 49,3 punti a maggio, dai 50,4 del mese precedente. Il dato e’ anche al di sotto delle previsioni degli analisti, che attendevano un valore di 49,8 punti. L’indice e’ scivolato inoltre a livelli associati a una contrazione della congiuntura: una lettura sotto i 50 punti indica infatti una fase di rallentamento delle attivita’ economiche, viceversa un dato sopra i 50 punti segnala un’espansione.

Prima di tutto il consenso Bloomberg pubblicato su Econoday dava una previsione a 50,7 punti e quindi l’informazione del Sole è errata, secondo, difficile dire come il consensus dei soliti economisti a libro paga fosse così ottimista rispetto alla realtà che vede l’indice scendere a 49,3 punti.

Otto mesi con l’economia in contrazione su 14 è un bel momento per il più grande distretto manifatturiero d’America, se poi ci aggiungiamo anche quello di Dallas, che torna ad affondare anche se in realtà non è mai riaffiorato…

United States Dallas Fed Manufacturing Index … il quadro è davvero idiliaco!

Se con il petrolio texano risalito da 26 dollari a 50 l’economia del Texas riesce a produrre simili risultati non oso pensare a quello che accadrà quando il petrolio tornerà ad affondare, visto che ieri anche il ministro petrolifero degli Emirati Arabi Uniti.ha detto che il petrolio si è corretto da solo e che quindi l’Opec non ha più bisogno di prendere decisioni.

Per il resto nulla di particolare, c’è chi dice che gli americani hanno speso come non si vedeva da almeno sette anni ma che non si vede nelle vendite al dettaglio e in nessun altro indicatore, con redditi stagnanti e livello di risparmio sempre sensibilmente alto per essere in America.

Nulla da fare per i fans dell’inflazione che sale solo delllo 0,3 % nonostante il raddoppio del prezzo del petrolio, un insignificante 1,1 % su base annua lontano anni luce dall’obiettivo Fed del 2 % contro 1,6 % della componente CORE.

Ritentate sarete più fortunati tra qualche anno, l’inflazione prima o poi arriverà, quando la deflazione da debiti, avrà raso al suolo imprese e famiglie con default di massa.

In giornata una batteria esplosiva di dati macro in arrivo dagli Stati Uniti, con un antipasto sul rapporto occupazione “isitituzionale” previsto per venerdì, dalla ADP settore servizi, spese per costruzioni, vendite di auto, il libricino beige della Federal Reserve in serata e soprattutto l’andamento dell’indice ISM manifatturiro alle 16.00, che se le premesse vengono rispettate dovrebbe tornare in contrazione.

Sappiamo purtroppo che analizzare in America serve poco, spesso e volentieri la somma dei sottoindici regionali negativi come lo è stata nelle ultime settimane, non è la prima volta che produce come per magia un risultato positivo, ma stiamo a vedere alla Fed serve un risultato negativo nelle prossime settimane per rimandare ulteriormente il rialzo dei tassi.

Gli analisti di Bank of America e Merrill Lynch, si aspettano un’estate molto calda e volatile, che leggano anche loro i manoscritti di Machiavelli?

Chissà, questa volta potrebbero aver torto!

12 commenti Commenta
laforzamotrice
Scritto il 1 Giugno 2016 at 09:55

Sono un pò deluso, ma perchè ve la prendete cosi tanto con Veleno? E’ un Renziano, e allora? Ha diritto come tutti di dire la sua, personalmente non condivido, ma non è che debba sempre essere accusato di essere un troll o di tutto il resto. Siete convinti delle vostre idee? Perchè dovreste temere il confronto. Bravo il capitano che non banna nessuno, chi non vuol sentire altre campane, è solo perchè ha paura che la sua suoni male.

galactus
Scritto il 1 Giugno 2016 at 10:29

laforzamotrice@finanza,

Immagino sia abbastanza grande da difendersi da solo. Riguardo i renziani ed anche il velenoso Veleno, magari avessero qualcosa di nuovo e utile da dire e fare. Immagino avrebbero l’appoggio di tanti. Mi pare invece che le politiche dell’incapace e scusate ignorante a livelli imbarazzanti, Renzi, sono tutte volte ad amici e parenti. Per l’Italia chicchiere e distintivo. Di buono davvero molto poco. Io nn ce l’ho con Veleno. Lo invito nuovamente a nn scappare nella foresta ma a portare dati a supporto delle sue legittime convinzioni. Visto che qui incontra gente d’onore, se sara’ convincente avra’ l’apprezzamento di tutti. Al contratio, se nn ha nulla di serio da dire, faccia il nonno e vada a pescare. Nn mi pare che qualcuno ce l’abbia con lui. Quindi nn ci sto, con la tua affermazione

mirrortrader
Scritto il 1 Giugno 2016 at 10:29

SI bravo il capitano che non banna.
Ma Veleno dice solo stronzate. E’ solo un TROLL. Io lo bannerei. E’ un provocatore.
Nessuna persona potrebbe dire cose cosi idiote se non fosse solo per divertirsi.

Poi ci sono quelli che vengono qui a pubblicizzare il proprio blog. Io bannerei pure quelli.

veleno50
Scritto il 1 Giugno 2016 at 11:43

ga­lac­tus@fi­nan­za,

In due anni sono state fatte tantissime cose positive e negative basta andare a leggere in internet i risultati del biennio del lavoro fatto dal governo Renzi. Ci sono confronti con il passato e devo dire che i dati dimostrano, il lavoro svolto da questo governo è positivo senza aggiungere aggettivi esagerati.Poteva fare di più senz’altro,spero nel prossimo biennio referendum permettendo,altrimenti si torna a casa. Ieri il boss del blog ha scritto l’articolo che portava a questo tipo di discussione oggi c’è ben altro quindi finiamola qui per favore.Ciao buona giornata

galactus
Scritto il 1 Giugno 2016 at 12:11

ve­le­no50@fi­nan­za,

Si si proprio vero, disoccupazione in aumento verticale all’11,7 % (all’epoca del Gov Berluscauser – 2011 era all’8,6% circa ed euro molto piu’ strong di adesso) – Debito pubblico fuori controllo – Rapporto Deficit PIL al 140 % circa senza spesa pubblica ed investimenti (all’epoca del Gov Berluscauser – sotto al 110%) – Sistema Sanitario vicino al collasso – Donne e uomini in TV ed i n Parlamento che fanno figure di cacca ogni giorno etc. Sai come si dice in Emilia Romagna, dove i Comunisti sono scomparsi e li rimpiangiamo per certi versi perchè erano + onesti delle amebe Renziane, sai come si dice? Va a cagher ! Tra amici ovviamente, ma si dice Va a cagher, bonariamente, piano piano, poco poco quando un’amico dice una stronzata ed amabilmente lo riportiamo sulla strada maestra..

aorlansky60
Scritto il 1 Giugno 2016 at 13:26

@ Galactus

Donne e uomini in TV ed in Parlamento che fanno figure di cacca ogni giorno etc.

agli occhi di chi possiede un minimo di informazione e di preparazione nella materia trattata (come la maggiorparte di coloro che leggo qui), senz’altro;

ma per la stragrande maggioranza degli italiani (“ruffiani” – “rassegnati” – “lobotomizzati”) quelle che tu definisci “figure di cacca” diventano un ottimo mezzo di propaganda, molto efficace [come ritorno per chi la sparge], verso coloro cui è generalmente diretta quell’offerta [“di cacca”, appunto].

laforzamotrice
Scritto il 1 Giugno 2016 at 15:54

mirrortrader@finanza,

Beh, ma se a te piace discutere solo con te stesso, perchè usi internet? Scrivi un tuo diario, cosi te lo rileggi ogni tanto e troverai sempre chi la pensa come te. Io pensavo che si dovesse discutere con chi NON è d’accordo con te, ma evidentemente a te piace avvolgerti nelle tue sicurezze che evidentemente non sono poi cosi forti, se hai paura di confrontarle. Ripeto, io spesso non sono d’accordo con ciò che dice veleno, ma da qui a bannare lui, o chiunque altro non insulti gratuitamente ce ne corre.

mirrortrading
Scritto il 1 Giugno 2016 at 18:11

laforzamotrice@finanza,

non è che invece quello che scrive per rileggersi sei proprio tu, col il tuo blog?
Sai…. l’universo è pieno di specchi…..

mirrortrading
Scritto il 1 Giugno 2016 at 18:13

laforzamotrice@finanza,

Tu dici che Veleno porta ricchezza (ovvero confronto), secondo me no.
Secondo me è solo un provocatore, forse un TROLL, e molti la pensano uguale?
Pensa quello che vuoi ma non fare il maestrino con me.
Non ne sei all’altezza.

mirrortrading
Scritto il 1 Giugno 2016 at 18:13

Tu dici che Veleno porta ricchezza (ovvero confronto), secondo me no.
Secondo me è solo un provocatore, forse un TROLL, e molti la pensano comeme.
Pensa quello che vuoi ma non fare il maestrino con me.
Non ne sei all’altezza.

laforzamotrice
Scritto il 2 Giugno 2016 at 08:54

mirrortrading@finanza,

Fermo restando che non voglio essere all’altezza di nessuno, rimane il fatto che non capisco chi come te è cosi infastidito dai “troll”, (visto che Veleno si è assai ben identificato, non cambia nick continuamente) basta fare a meno di leggere i suoi interventi e avete risolto il problema alla base. Non mi sembra cosi difficile.

d
Scritto il 2 Giugno 2016 at 10:58

Perché c’è l’avete così tanto con Veleno? Non è cattivo, non aggredisce nessuno. È semplicemente affetto da una forma di dissonanza cognitiva agevolata dal suo status economico che gli impedisce di vedere una realtà meno gradevole di quella che lui rappresenta. Posso comprendere il fastidio di chi non si sente al sicuro come lui, ma il tutto dovrebbe stemperarsi nella compassione per la sua inconsapevolezza che potrebbe condurre lui e quelli come lui ad una situazione di impossibilità di attingere alle risorse che vengono immaginate come illimitate e perenni

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
Fino a qualche giorno fa Evergrande era per molti la più sconosciuta società del pianeta. In r
Ftse Mib. Dopo aver toccato il 13 agosto il massimo di periodo a 26.687 punti, l’indice italiano
Ieri sono uscite le vendite al  dettaglio in America, tutto come previsto un mese fa, quando ab
Signori, siamo di fronte ad un problema. Impercettibile, perché stiamo parlando di un qualcosa
Il ribasso del titolo Enel ha messo in apprensione più di un operatore. Enel, insieme alle sue cont
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Potrei parlarvi dell’inflazione USA che è stata meno elevata del previsto. Il che va a confer
Analisi dei posizionamenti monetari totali e parziali sulla trimestrale Dicembre di Eurostoxx50.
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Puntata speciale di Trading Floor con ospite Pierpaolo Scandurra, Amministratore Delegato di Certif
CONTATORE