MERCATI: FATE PRESTO VENDETE TUTTO!

Scritto il alle 08:23 da icebergfinanza

Immagine

E davvero l’anno del senno di poi, entrerà nella leggenda metropolitana dopo neanche soli 15 giorni, i quindici giorni del risveglio globale, dopo che all’inizio di dicembre, dotti, medici e sapienti vi avevano prospettato, miracoli economici, rally natalizi e inizi d’anno con il botto!

Ricordatevi il canto del cigno manca ancora quello!

Abbiamo scherzato ieri …

Vendere tutto, tranne i bond! Lo dice Andrews Roberts di RBS

Sembra proprio che si debba stare attenti a come investire nel 2016. Le previsioni negative cominciano a diventare davvero tante. Dopo Deutsche Bank, RBC Capital’s, UBS, Morgan Stanley e Goldman Sachs che, anche se evidenziando aspetti diversi, non hanno certo aiutato l’ottimismo, nei giorni scorsi …

vendere tutto, ad eccezione dei bond high-quality. Un consiglio che punta al ritorno del capitale, e non al ritorno sul capitale. …

Oggi arriva un altro solone dell’ultima ora…

Immagine

Joseph Di Virgilio, top manager di hedge fund, lancia l’allarme: “Sarà un 2016 turbolento” (di F. Bini)

Da oggi in poi, più nessun riferimento solo analisi e notizie, ci penserà il nostro Niccolò a tenervi aggiornati, non è finita ma attenzione quando tutti dicono la stessa cosa…

 

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’ oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi di Machiavelli può liberamente contribuire al nostro viaggio

cliccando qui sopra …

o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

Immagine

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.5/10 (11 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +7 (from 9 votes)
MERCATI: FATE PRESTO VENDETE TUTTO!, 9.5 out of 10 based on 11 ratings
Tags:   |
15 commenti Commenta
mirrortrader
Scritto il 14 gennaio 2016 at 12:18

Se tutti diventano ribassisti allora bisogna essere ottimisti, ma è meglio aspettare un segnale long e non cogliere il coltello che cade.

mirrortrader
Scritto il 14 gennaio 2016 at 12:24

Per ora manteniamo gli short aperti.
https://www.collective2.com/system85633603

silvio66
Scritto il 14 gennaio 2016 at 12:34

Ricorda al contrario Agosto 2008 quando uscì quel più 3,5% del PIL americano, dato lordo che depurato dava -0,5%. Chissà che quella vocina riguardo alle scelte da fare in questo mese non torni a farsi sentire. Guardando al passato si nota che ogni volta le volatilita aumentano e i tempi si accorciano. Allo stesso modo al contrario ci sta una nuova modalità di gestione della volatilità mai verificatasi in passato fondata sulla mancanza di vero Panic selling ed orientata ad una graduale progressione costante. Perché fare i meno cinque che danno nell occhio e fanno scappare tanti quando possiamo ottenere una costanza di meno uno che protratta due mesi ci fa il medesimo risultato. Lo so se mi mio nonno aveva le ruote…ma d’altronde siamo tutti qua per parlare e condividere pensieri.
Grazie per l impegno Andrea.
Non mollare.

mirrortrader
Scritto il 14 gennaio 2016 at 12:39

SECONDO ME MANCA UN PO DI PANIC SELLING PE UN RIMBALZO (SUPPONGO SIA IL CANTO DEL CIGNO) TIPO UN DOWJONES A 14500PT E POI RIMBALZONE.

marco72_
Scritto il 14 gennaio 2016 at 12:56

Siamo ad un storno di circa il 20% dai massimi sui mercati europei, 11% su S&P500 … quindi la strada e’ ancora lunga … rimbalzi a parte … il mercato bear deve ancora iniziare.

aorlansky60
Scritto il 14 gennaio 2016 at 16:07

https://it.finance.yahoo.com/notizie/mercati-per-socgen-siamo-all-140200263.html

Mercati: per SocGen siamo solo all’inizio della carneficina

Meglio scappare ai ripari e iniziare a prepararsi al peggio. Se ieri il Primo ministro russo Medved aveva detto una frase del genere pensando al petrolio, adesso a ripeterla è addirittura Société Générale che per bocca di uno dei suoi rappresentanti più famosi, Albert Edwards, guarda al futuro dei mercati finanziari con terrore.

ach! scomodare addirittura il termine “carneficina” in relazione ai mercati… allora vuol proprio dire che… ci siamo ???

beh, caro Andrea,

mi viene da pensare a quel povero sprovveduto che qualche giorno fà ti tacciava di fare “disinformazione”…

in questo momento sembra che stiano tutti quanti cadendo giù dal pero, sorpresi e disorientati, propendendo verso ciò che illustri e cerchi di far comprendere da tempo.

Secondo Edwards è il caso di vendere tutto lasciando solo le certezze e ciò che resiste alle tempeste, tradotto in asset significa Bund e Treasuries…

Cosa si aspetta su Wall Street? Un crollo del maggiore indice che potrebbe arrivare a 550 punti ben al di sotto del suo precedente minimo storico del 2009 quando a marzo toccò i 666 punti.

ach! quel “666” suona come dannatamente profetico, a volte sembra quasi che la storia la scriva un antico saggio…

madmax
Scritto il 14 gennaio 2016 at 18:58

Ah ho comprare T-bill ne avete da stampare!
Nei prossimi 4 anni va in rinnovo il 58% dei titoli di stato US, mo te voglio vede’ ciao core!
Nel frattempo i Cinesi, che per il lor calendario sono nel 4137, il doppio di noi svalutano lo Yuan…gli analisti non capiscono la mossa ma la realtà e che vendendo oggi dollari si riportano a casa più Yuan !!!!

veleno50
Scritto il 14 gennaio 2016 at 20:24

silvio66@finanza,

Ti pare veramente che ci sia una tale recessione da far crollare i mercati come sta accadendo?Ci sono precedenti che se li osservi dovrebbero insegnare come comportarsi in momenti come questi. Questa sarà breve ?Io spero faccia come le precedenti, cioè molto breve. Certamente se Renault,WW,Fca hanno fatto dei disastri come sembra allora è molto difficile portare avanti ragionamenti di buon senso.Nel giardino di casa nostra ci sono piante di ottima qualità che danno una resa del 6/8%.

capitan_harlok
Scritto il 14 gennaio 2016 at 22:44

SIAMO alle solite “sirene” tutti che iniziano ad urlare hai quattro venti di vendere svendere il disastro è alle porte cosi i soliti amici fanno scendere un po i mercati scatenano un po di panico e loro iniziano a comprare , cosi vedremo scendere lo S&p a quota 1600 il Dj a 12.000 il DX a 8400 il FTSE a 17000 giusto il tempo necessario per fare strage di tonni che disperati a quei livelli si rimetteranno liquidi visto le ingenti perdite e i soliti amici si caricheranno i loro portafogli a prezzi scontati tanto i MANIPOLATORI di liquidità ne hanno un fiume ……

kry
Scritto il 15 gennaio 2016 at 01:05

veleno50@finanza:
silvio66@finanza,

Nel giardino di casa nostra ci sono piante di ottima qualità che danno una resa del 6/8%.

Attento al gatto e alla volpe … sempre che non si tratti di canne. Ciao.

silvio66
Scritto il 15 gennaio 2016 at 01:07

veleno50@finanza,

Ciao Veleno,
Mi sorprende la tua riflessione, certo che ci sono le condizioni, ci sono da un pezzo. I mercati stanno su con la droga da anni ed hanno una cosi grande coda di paglia che è pronta a bruciare in ogni momento. Questa discesa era telefonata e nel nostro piccolo battello ne parliamo da tempo. Su quanto durerà e come si svilupperà potremo e stiamo disquisendo a lungo visto la complessità della questione. Sono propenso a credere ad Andrea sui massimi sistemi. Nel breve ognuno ha le sue idee e visto che impossibile prevedere il breve sono tutte degne di rispetto, ossia zero! he..he..he..battuta! ma non tanto. Riguardo ad investimenti sicuri da 6/7% annui a parte il sovrano italiano nel 2011, non li vedo da anni, da molti anni. Viceversa vedo schifezze all 1,5% vendute a piene mani. Oggi le banche escono con un prospetto, dopo pochi mesi lo cambiano, mandano comunicazione ai clienti che hanno pochi giorni per non accettare, cosa che nessuno fa in quanto nessuno legge, e poi si trovano a far fronte ad ogni sofferenza dell emittente. Ti propongono perfino l assicurazione per Inc….ti meglio. Sanno fare la loro parte di banditi e approfittano della massa di sprovveduti che gli passano davanti. I mercati principali sono paradossalmente più sicuri. Nei minori le schifezze aumentano a dismisura. I prospetti vanno letti o comunque fatti leggere a chi ne capisce. Stando sui mercati principali si evitano tante miserie locali è semplice da capire. Il privato fai da te che comprava obbligazioni bancarie sul secondario o speculava via internet appoggiandosi e fidandosi della propria banca fanno parte di quel 900 che è finito. Oggi ti fanno pelo e contropelo se non stai attento. Il paese è in svendita e le conseguenze ci portano a mettere in discussione tutte le rassicuranti certezze alle quali eravamo abituati.
Buona notte

mirrortrader
Scritto il 16 gennaio 2016 at 10:31

Ma scusate,
non era un certo Veleno che poco tempo fa derideva andrea perche il mercato era tornatu su?

veleno50
Scritto il 16 gennaio 2016 at 18:09

mirrortrader@finanza,

Non ho mai deriso nessuno perchè non sono in grado di contrastare la saggezza del boss,quindi caro smigol non rompere i cosidetti . Rimango un inguaribile ottimista anche leggendo tanto pessimismo, comunque ascolta paperino i mercati sono molto volatili e precisamente in questo momento con tendenza al ribasso, ti faccio notare che ho sempre benedetto i ribassi per rientrare oppure tagliare a piccole dosi gli acquisti . Per ultimo ho sempre imparato che quando si fora ci vuole la ruota di scorta ben gonfia ,e fidati che il tempo è galantuomo.

mirrortrader
Scritto il 16 gennaio 2016 at 20:04

Ho capito. Usi la ruota di scorta. No io ho il kit di gonfiaggio.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
Stoxx Giornaliero Buongiorno a tutti, lo Stoxx prosegue la sua fase di correzione dovuta all
DJI Giornaliero Buonasera a tutti, vediamo dopo la pausa estiva che percorso ha intrapreso l
Chiusura positiva per i mercati nell'ultima seduta della settimana. Interessante vedere in ambito
Divergenza nei settori, nella sperequazione economica, nelle performance dei mercati. E il grande
Ftse Mib. L'indice si allontana da quota 19.000 punti. I prossimi supporti al ribasso si collocano
Un'immagine che vale più di mille parole, il nostro Rich è un disegnatore strepitoso, la calma
Se dovessimo guardare il mercato obbligazionario, mi verrebbe quasi da chiedermi se veramente va
Queste le movimentazioni monetarie sul mercato dei derivati. Sulle Mibo netta chiusura di posizio
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercati: persiste la debolezza sui mercati internazionali. Ieri brutta chiusura per il Nasdaq 100. D