AMERICA… SALARI ANEMICI!

Scritto il alle 11:18 da icebergfinanza

Solo il tempo dirà se ci raccontano la verità…

Un mercato del lavoro con disoccupazione in calo e dove sta diventando più difficile trovare determinate tipologie di personale ha determinato un “aumento delle pressioni sui salari” americani quest’estate. Ma un rallentamento della crescita in Asia minaccia le aziende degli Stati Uniti, dove comunque l’attività economica “ha continuato ad espandersi” a un passo “modesto” o “moderato”. E’ questa la fotografia dello stato di salute dell’America scattata dal Beige Book, il rapporto che la Federal Reserve pubblica ogni sei settimane e che in questo caso riguarda il periodo tra luglio fino al 24 agosto (il giorno del Black Monday cinese che mandò in tilt le borse mondiali, ancora a causa di timori per un rallentamento peggiore delle stime della crescita di Pechino; quelle paure si accentuarono l’11 agosto, quando fu decisa la svalutazione dello yuan). America24

Si un aumento delle pressioni salariali, peccato che nel secondo trimestre di quelle pressioni salariali nessuna traccia, ZERO!

Nel secondo trimestre, il costo unitario del lavoro, – il dato relativo è reso noto insieme alla produttività e rappresenta un importante termometro delle pressioni inflazionistiche, – è sceso dell’1,4%, contro il +0,5% della stima intermedia. Il consensus attendeva un ribasso dell’1,3%. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso la componente sale dell’1,7%. Le ore lavorate sono salite nel trimestre del 2,6%, mentre la produzione è aumentata del 3,3%.

MENO UNO VIRGOLA QUATTRO!

Source; Bloombeerg

Ieri anche gli ordinativi alle fabbriche hanno dato segnali negativi se escludiamo il settore trasporti il saldo è ampiamente negativosiamo sotto di quasi in 15 % anno su anno.

United States Factory Orders

Resta un mistero davvero l’apatia dei mercati nei confronti della Francia dopo la caduta anche dell’indice dei servizi che segue quella dell’industria manifatturiera ormai in contrazione da mesi.

Attenzione oggi perchè Draghi potrebbe anche deludere…

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’ oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio

cliccando qui sopra …

o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (11 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +6 (from 8 votes)
AMERICA... SALARI ANEMICI!, 10.0 out of 10 based on 11 ratings
3 commenti Commenta
reragno
Scritto il 3 settembre 2015 at 12:28

Attenzione oggi perchè Draghi potrebbe anche deludere…

Non è che ci voglia molto, a volte sembra un elefante che si muove in un negozio di cristalli.
Tutto sta a capire se ai poteri forti interessa un’ulteriore discesa e maggior panico o se aspettano più avanti facendo entrare gli ultimi polli sul mercato.

gnutim
Scritto il 3 settembre 2015 at 13:04

inoltre non bisogna dimenticare che good news bad news e bad news è good news

quindi il mercato guiderà e gli altri abbasseranno le braghe, compreso Drago

aorlansky60
Scritto il 3 settembre 2015 at 14:59

da nota di ag odierna :

Bce taglia previsioni inflazione eurozona, 2015 0,1%, 2016 1,1%

Roma, 3 SETT. – I tecnici della Bce hanno rivisto al ribasso le previsioni di inflazione dell’area euro. Ora sul 2015 stimano una crescita media dei prezzi limitata allo 0,1 per cento, sul 2016 un più 1,1 per cento e sul 2017 un più 1,7 per cento. I dati sono stati riferiti dal presidente Mario Draghi, nella conferenza stampa al termine del Consiglio direttivo.
.
.
.
.
domanda di “uno che viene dalla campagna” idealmente rivolta a m.draghi e al board BCE :

“avevate riferito a più riprese che gli stimoli monetari erano stati da voi intrapresi per stimolare l’inflazione;
perchè invece producono anzichè raggiungere l’obiettivo prefissato ?????…”

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Un intervento che definirei biblico vista la dimensione. Il decreto è composto infatti di tanti
Ftse Mib. L'indice cerca di liberarsi da quella fase laterale che prosegue ormai da qualche seduta
Dopo il tentativo rialzista di uscire dalla congestione andiamo a vedere come si sono mossi gli oper
Il denaro è un'invenzione antica del mercato, cioè di quello spazio in cui gli uomini commerci
Contro ogni previsione, risulta chiaro che le mani forti tornano a dominare e quindi difficilmen
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Bank of America rilascia il suo Bull & Bear indicator che si trova al minimo assoluto. E’ a
DJI Giornaliero Buongiorno a tutti, anche il Dow Jones è riuscito nel mese di marzo, come s
BORSA USA: dopo un periodo difficile, il grafico SP500 (future) ci sta dando dei segnali interessa