PIL ITALIA 0,2 %: LA GRANDE BRUTTEZZA!

Scritto il alle 10:07 da icebergfinanza

Per ben otto anni abbiamo cercato di onorare la verità figlia del tempo raccontando solo quello che i nostri occhi osservavano, i dati suggerivano, sempre e solo controcorrente incuranti di un ambiente ostile, che ci additava come catastrofisti, pessimisti, terroristi.

Si la verità fa male, ma noi preferiamo raccontarla per arrivare alla consapevolezza!

Oggi è uscito il Pil del secondo trimestre della Francia a crescita ZERO. La media del primo trimestre è quindi di un insignificante 0,35% e i titoli di Stato francesi vanno a ruba.

Il ministro Sapin, ha detto che resta fiducioso di raggiungere la crescita dell’1% per il 2015, grazie a maggiori investimenti e all’export.

A chi venderà i suoi prodotti la Francia nel secondo trimestre? Al consumatore americano che sta affogando in patria, dove ormai gli affitti hanno raggiunto la quota del 30 % dei salari?

Anche per la Francia non abbiamo alcuna fretta, come sempre la verità sarà figlia del tempo.

La Germania cresce solo dello 0,4 % e siamo in piena svalutazione superiore al 12 % e con un quantitative easing di 60 miliardi al mese in piena funzione.

Il Pil italiano a sorpresa per loro ma non per noi è salito di un nulla 0,2 % contro attese del 0,3 %. Aggiungetevi questa notizia…

Italia, Istat conferma inflazione luglio -0,1% su mese,

… e il pil nominale cresce di un insignificante 0,6% e siamo solo all’inizio di un trimestre che si rivelerà molto ma molto difficile per l’economia mondiale con tanti saluti al debito pubblico e al fiscal compact di cui si discuterà in autunno!

Ieri le vendita al dettaglio in America hanno visto una crescita anemica del 0,4% con revisioni al rilazo delle precedenti che alzeranno le prossime rivisioni del Pil ma non di molto.

Nel frattempo per il terzo che dovrebbe fornire un fantastico trampolino di lancio ben oltre il 3 % per risollevare la media annuale, le previsioni sono fosche, non lo dico io, lo dice la Fed di Atlanta con il suo GDP NOW. appena lo 0,7% al momento…

http://icebergfinanza.finanza.com/files/2015/08/GDPNow%2B2015-08-13.png

Nel frattempo un segnale inequivocabile arriva dal petrolio, come i lettori di Machiavelli ben sanno…

Collegamento permanente dell'immagine integrata

 Thanks to Zero Hedge

Collegamento permanente dell'immagine integrata

Se nei prossimi mesi accadrà quello che Machiavelli ha analizzato nell’ultima analisi è probabile che la rotta per i prossimi anni diventi sempre più chiara e inequivocabile.

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio

cliccando qui sopra …

o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.4/10 (20 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +14 (from 18 votes)
PIL ITALIA 0,2 %: LA GRANDE BRUTTEZZA!, 9.4 out of 10 based on 20 ratings
23 commenti Commenta
kry
Scritto il 14 agosto 2015 at 14:13

Oggi è uscito il Pil del secondo trimestre della Francia a crescita ZERO. La media del primo trimestre è quindi di un insignificante 0,35% e i titoli di Stato francesi vanno a ruba.
E I TITOLI DI STATO VANNO A RUBA.

E I TITOLI DI STATO VANNO A RUBA.

E I TITOLI DI STATO VANNO A RUBA.

E I TITOLI DI STATO VANNO A RUBA.

E I TITOLI DI STATO VANNO A RUBA.

E I TITOLI DI STATO VANNO A RUBA.

E I TITOLI DI STATO VANNO A RUBA.

E I TITOLI DI STATO VANNO A RUBA.

Mi chiedo spesso come mai paghino solo lo 0,30 rispetto al bund e praticamente la metà di noi. I nostri dati sono pessimi ma il nostro residuo fiscale dovrebbe portare a pagare interessi quanto loro. Perchè non è cosi? Il nostro debito aumenta al pari della spesa per interessi com’è possibile pensare di fare investimenti ?

kry
Scritto il 14 agosto 2015 at 15:21

Da non c’è due senza tre a …. mal comune mezzo gaudio. http://www.finanza.com/Finanza/Dati_Macroeconomici/Altri_paesi_Europa/notizia/Olanda_delude_il_Pil_nel_secondo_trimestre_Sotto_attese-443124 Ci sarà qualche ripercussione visto il loro altissimo debito privato ???

veleno50
Scritto il 14 agosto 2015 at 18:21

Due trimestri consecutivi positivi contro 14 mesi di negativi sono piccola cosa.Definirlo ironicamente la grande bruttezza non mi pare appropriato.Se nel terzo trimestre rimane positivo cosa scriviamo la lenta ripresa.buon ferragosto

icebergfinanza
Scritto il 14 agosto 2015 at 18:29

Veleno stiamo parlando di una crescita in un ambiente ottimale tassi ai minimi storici quantitative easing e svalutazione del 12 % accompagnati da deflazione mentre la Grecia che è fallita sale dello 0,8 e la Germania dell’1,3

d
Scritto il 14 agosto 2015 at 19:13

icebergfinanza,

Andrea, lascia perdere, è inutile.
Anche io ho alcuni amici, bravissime persone. Impiegati pubblici. Pensano che le cose vadano ottimamente. Il loro stipendio rimane identico. Pagano meno beni e servizi. Lavorano meno perchè non c’è un tubazzo da fare.
Cosa vuoi dirgli? Comprenderanno soltanto quando non riceveranno più quello che pensano sia eternamente dovuto….

stanziale
Scritto il 14 agosto 2015 at 20:05

icebergfinanza,
….in un contesto mondiale con 710000 miliardi di dollari in derivati e 200000 miliardi debiti aggregati.. 57000 miliardi…

stanziale
Scritto il 14 agosto 2015 at 20:09

stanziale@finanza,

pil 57000 mld

stanziale
Scritto il 14 agosto 2015 at 20:14

d@finanza,

Be’ parafrasando Mussolini… approfondire economia con gli italiani non e’ difficile, ma inutile. Buon ferragosto a tutti e speriamo in bene.

PG
Scritto il 14 agosto 2015 at 22:09

Andrea non sprecare fiato con chi non merita. Essere limitati è un conto ma essere in malafede è peggio. Anche i bambini riescono a capire che dopo 14 mesi negativi solo per statistica è ovvio una inversione di tendenza. Sotto a certi livelli è fisiologico non andare semplicemente perché il fondo é arrivato. Spero solo che qst personaggi paghino prima di altri quando ci sarà il casino, anche se in Italia abbiamo capito che sempre qst personaggi si salvano in calcio d’angolo e ci rimettono quelli che non dovrebbero. Purtroppo è la dura realtá. In ogni caso caro capitano buon ferragosto a te e a chi non è in mala fede.

veleno50
Scritto il 14 agosto 2015 at 22:59

PG,

Non hai capito niente nella risposta del boss del sito come te anche il professorino D come Domodossola .Dice che in queste condizioni si poteva fare di più, non ne dubito,io ho solo aggiunto che il titolo la grande bruttezza mi pareva esagerato come titolo dell’articolo.Tu credi che il dottor Mazzalai ha bisogno di te e Domodossola per farsi rispettare.Diciamo che i prossimi due trimestri ci siano altri due dati positivi, per voi illuminati siamo ancora in recessione o c’è un miglioramento?.Voi due avete bisogno di staccare la spina, rilassatevi,prendetevi qualche giorno di vacanza.

kry
Scritto il 15 agosto 2015 at 00:30

veleno50@finanza,

Sotto certi aspetti avresti 1000 ragioni. Infatti semplicemente tagliando ed incollando …
1)Oggi è uscito il Pil del secondo trimestre della Francia a crescita ZERO.
2)Il Pil italiano a sorpresa per loro ma non per noi è salito di un nulla 0,2 % …
3)La Germania cresce solo dello 0,4 % ….
risulterbbe che la Francia è nella merda e l’Italia corre la metà della locomotiva Germania ( mentre in realtà sono loro che ci stanno raggiungendo ). Ciao buon ferragosto e buon ferragosto a noi tutti membri di questo veliero.

dorf001
Scritto il 15 agosto 2015 at 01:49

kry@finanza,

Per chi ancora non lo capisse cambio fisso e austerità sono gli strumenti per attuare il default programmato dei paesi-target e permetterne la conseguente privatizzazione a prezzo di saldo. Operazione che investe al momento il continente centro e sudamericano, quello africano, parte di quello asiatico e parte di quello europeo.
Non si tratta di ERRORI di programmaziome economica o di politiche miopi e controproducenti, ma di un intenzionale piano di smantellamento delle economie e delle sovranità delle singole nazioni (e paesi) in vista della loro acquisizione. E l’Italia è in prima fila nella lista.

grazie pd grazie renzi.

bye bye

d
Scritto il 15 agosto 2015 at 08:38

dorf001@finanza,

Finalmente bello chiaro…

d
Scritto il 15 agosto 2015 at 08:53

veleno50@finanza,

Ciao Veleno! Qui è Domodossola, poi si scende! ;-).
Guarda, ma te lo dico senza ironia, per davvero, mi sei simpatico perchè penso tu non sia in mala fede. Come dicevo, ci sono tante brave persone che non vedono e non sentono. Non si interviene certo qui su questo veliero perchè il Capitano abbia bisogno di una mano. Poi non certo da me che in economia non sono nessuno. Però desidero dirti alcune cose. Anzitutto Andrea è troppo gentile e garbato per dire forte e chiaro certe cose scomode, soprattutto per le orecchie dure. Poi che se l’orecchio è duro, magari non c’è dolo o colpa grave. Per lo più è così, ma anche semplicemente per motivi psicologici. In fondo se il mondo intorno a noi è pressapoco come siamo abituati e la pensione o lo stipendio corre, è segno che tutto va bene… e che ci sono molti disfattisti in giro.
Il vero nodo è un altro. Hai presente le radiazioni atomiche? si vedono o si sentono? no. Lasciano tutto quanto in ordine, ma divorano gli organismi. Ecco: questa crisi economica è come le radiazioni atomiche. Personalmente non avrei da lamentarmi, ma quotidianamente assisto alla malattia, alla necrosi, al disfacimento del tessuto artigianale, commerciale, industriale della mia zona, una delle più ricche (un tempo) ed anche più belle l’Italia. Ma la colpa non è del singolo imprenditore (a parte casi specifici). Dietro ciascuna di queste storie c’è un universo umano: una moglie disperata, figli ammutoliti, vite distrutte di chi ha lavorato per generazioni e si è ipotecato anche le mutande. Ecco allora che non va tutto bene, madama la marchesa. Ecco allora che ti chiedo che tu levi il tuo sguardo dal “particolare” della tua situazione per cercare più a fondo, per comprendere come stanno davvero le cose. Creare consapevolezza è uno degli scopi di questo blog e il Capitano ogni santo giorno fa la sua parte ed anche quella nostra. Se tu lo leggi, significa che, in fondo, un poco di questa consapevolezza la cerchi e questa, in qualche modo dovrebbe raggiungerti. Altrimenti sei qui soltanto per dispensare sonnifero alle anime. Penso che in questo momento, alle anime torpide, occorrerebbe dire, piuttosto, SVEGLIA!!

signor pomata
Scritto il 15 agosto 2015 at 11:17

Ieri sera ennesima lite tra amici su discussioni economiche, ergo visto che oramai ne ho le palle piene di gente che parla senza connettere il cervello alla bocca ho detto a uno che era mio amico e spero lo resti altrimenti pazienza che se prendi una laurea e se la prendi in economia politica qualcosa di economi dovresti sapere invece zero……..livelli infimi.
Uno che pensa che la germania vuole una moneta forte ma prende le precauzioni per non esserlo che gli vuoi dire?
Uno che ti dice che noi non eravamo competitivi e quindi toccava svalutare e solo quel contesto ci dava del gran lavoro ma era un contesto impossibile da perseguire che gli direste dopo che hanno svalutato pure i marziani ……….una gara a chi svaluta e questo mi dice che svalutare è una cosa da non fare in economia.
Ma come cazzo bisogna fare per far capire a queste teste di cocco………gente che si informa da giannino e se ti azzardi a dire che di economia non sa un cazzo ti rispondono che è una mia opinione.
Certo è anche una mia opinione che si vantava di essere laureato invece forse aveva fatto qualche corso….forse…e non lo senti quello che sostiene?
Cioè io capisco che per formare questi citrulli hanno investito decine di miliardi di euro e decine di anni ma un minimo di pensiero critico ti sarà rimasto??
Usalo….cerca…….informati e vedi se dicono il vero o mentono……usa quel cazzo di neurone che tieni, non farlo morire.
Scusate lo sfogo ma dopo una nottata di discussioni terminata alle 3.00……….tengo ancora adrenalina

dorf001
Scritto il 15 agosto 2015 at 15:14

signor pomata@finanzaonline,

pomata, stai sprecando il tuo tempo. lasciala quella gente. è persa x sempre. neanche se gli trapani il cervello lo capiranno. se lo buchi, trovi il nulla dentro. vuoto assoluto.

puoi fargli però un regalo. mandala a questi tuoi amici una bella canzone di A.Fortis questa : https://www.youtube.com/watch?v=-YptSsIg53A

respira e prenditi il tuo tempo. cerca la calma interiore.

Saluti

dorf001
Scritto il 15 agosto 2015 at 15:21

kry@finanza,

caro kry, il tuo primo articolo fa il paio con questo. del famoso Paul Craig Roberts

LE QUINTE COLONNE DI WASHINGTON INFILTRANO LA RUSSIA E LA CINA

il pericolo globale sono quei pazzoidi dei neocons americani. il peggio del peggio della destra americana. ahh il coglioncello berlusconi vuole ispirarsi alla destra americana. ma è capace di leggere??? ecco vuole assomigliare a queste merdacce.

leggi mò sto articolo : http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=15399

ahh un commentatore dice : Il problema è che le quinte colonne, prima di insediarsi in Cina ed in Russia si sono insediate nella BCE, nella UE e negli Stati Nazionali dove tutta la classe politica obbedisce ai voleri elle banche americane….ergo bisogna solo sperare che l’eccesso di Hibris abbia la sua Nemesi.

kry
Scritto il 16 agosto 2015 at 01:14

La grande bruttezza è che l’inflazione per un tedesco sia la cosa peggiore che possa capitare. Il risultato è che la Grecia è un esperimento ben riuscito http://www.tradingeconomics.com/greece/gdp-growth +http://www.tradingeconomics.com/greece/inflation-cpi

aorlansky60
Scritto il 17 agosto 2015 at 11:10

fuori argomento, ma visto che un utente ha postato questo link (dalle prospettive inquietanti) :

http://www.rischiocalcolato.it/2015/08/negri-e-scafisti-finanziati-dagli-usa.html
.
.
.
.

“negri & desperados & scafisti finanziati direttamente dagli USA”…
.
.
.
.
…è da un pò di tempo che mi faccio una domanda, ancora irrisolta…

premessa : gli USA posseggono l’arsenale militare più potente esistente al mondo; gli USA sono lo Stato sovrano che più di ogni altro al mondo, impiega annualmente una cospicua fetta del proprio denaro pubblico per finanziare il proprio apparato difensivo; non solo, per finanziare la ricerca&sviluppo direttamente rivolta al settore degli apparati militari; di conseguenza, gli USA dispongono di materiale avanzatissimo e di prim’ordine, per es di satelliti orbitanti in grado di monitorare in “real-time” e in HD anche un singolo capello della testa di uno che vogliono seguire, se lo vogliono… SE LO VOGLIONO…

Ora, per quello che sappiamo, quelli dell’isis si muovono a cielo aperto, in pieno giorno, su camionette armate che sarebbero facilmente individuabili dai mezzi di cui prima, e altrettanto facilmente eliminabili da droni telecomandati guidati dai satelliti…

dopo queste riflessioni, la mia conclusione e la risposta alla domanda è che NON LO VOGLIONO FARE.

Perchè ?

eh eh eh eh eh…

meditiamo, gente, meditiamo.

stanziale

aorlansky60,

Il piano kalergi sta’ andando in porto…Renzi sembra perfetto per questo.

phitio
Scritto il 17 agosto 2015 at 16:41

aorlansky60,

Gli USA sono la superpotenza cosi’ superpotente che e’ dal 1945 che non vincono UNA guerra.

Le battaglie che sanno davvero fare gli americani sono solo quelle economiche e mercantiliste.

Sanno come controllare, proteggere o rovinare economicamente le nazioni della loro sfera o delle sfere avverse, e questo e’ quanto. Il che e’ stato piu’ che sufficiente a tenere il lascito enorme della seconda guerra mondiale.

Quando invece gli USA devono dare voce alle armi, o se ne vanno (cantando vittoria) dopo lunghe e devastanti guerre che non potevano “vincere” senza a distruggere tutto con le nucleari.

Manco nel 1945 gli usa avrebbero cavato un ragno dal buco, se non fossero stati accompagnati da quelli che le guerre le sapevano fare da secoli, cioe’ gli inglesi. Senza di loro, non sarebbero riusciti a risalire l’italia e a sbarcare con successo in Normandia.

Ma sto divagando. Il punto della situazione, e’ che gli usa stanno perdendo pure quel poco di acume strategico che avevano nel passato, nel campo del controllo economico. Sembra che davvero gli dei facciano impazzire quelli che vuole distruggere.

aorlansky60
Scritto il 18 agosto 2015 at 08:48

@ Phitio

divagherò anch’io, visto che l’argomento che hai tirato in ballo -storia militare- mi interessa;

intanto si può iniziare col dire che gli yankees hanno (ben)poco da imparare dagli inglesi (sul piano bellico), se non altro lo dimostra il fatto che quando i contrasti vennero “al dunque” tra madre patria inglese e coloni americani (guerra d’indipendenza 1770-80 ca) quest’ultimi buttarono fuori dal nord america i colonizzatori imperialisti inglesi, con tanti saluti a sua maestà re Giorgio;

ma se quei tempi erano ancora epoca da “eroi” (forse, con riserva) quelli successivi in fatto di conflitti bellici si sono rivelati via via una faccenda sempre più tecnologica: a dominare e a prevalere alla fine è sempre lo Stato sovrano che possiede apparati bellici all’avanguardia contestualizzati ai tempi, non quello che possiede l’esercito più eroico, caratteristica prevalentemente umana; e per garantirsi la supremazia tecnologica per riuscire a primeggiare, occorre ; gli esempi non mancano :

restando in terra yankees, quando quest’ultimi si fecero la loro guerra civile (1860/65 ca) a prevalere non fu la confederazione del sud ma gli stati dell’unione del nord, che possedevano fabbriche e la supremazia industriale sul proprio territorio, rispetto alle coltivazioni dei latifondisti del sud…

saltando al XXmo secolo, II WW, gli italiani dimostrarono in molte occasioni che non erano secondi a nessuno in fatto di coraggio; è che gli mancarono i mezzi (per un es emblematico di questo, basta andarsi a rileggere il comportamento dei paracadutisti della Folgore ad El Alamein, quando questi resistettero con baionette moschetti e bombe rudimentali contro i tanks inglesi che sfondarono da altre parti del fronte, ma non nella zona presidiata da loro; quando Montgomery lo venne a sapere, non riusciva a crederci…)

proseguendo, per dimostrare che la guerra moderna non è più roba da eroi ma prevalentemente una faccenda tecnologica unita a potenza economica, l’esempio più pratico : nella II WW gli USA riuscirono a sopportare più fronti (EU e Pacifico) al contempo alimentando continuamente di materie prime e armamenti i loro alleati (Inglesi e Russi) riuscendo alla fine a primeggiare per una serie di motivi precisi :

1) erano al tempo la nazione ECONOMICAMENTE e INDUSTRIALMENTE più forte sulla Terra, i numeri UNO in assoluto.

2) al contrario degli altri competitors scesi in campo, IL LORO TERRITORIO NON VENNE MAI TOCCATO NE BOMBARDATO; questo fu determinante, li aiutò a mettere in moto al massimo della forza possibile la poderosa macchina industriale di cui disponevano;

un banale esempio : un ufficiale americano dichiarò nel corso del conflitto che per affrontare un panzerkampfwagen mk VI (meglio noto come TIGER tank – carro tigre) occorrevano almeno 4 Sherman M4 con la prospettiva di perderne 3; sviluppato dal 1942, per il resto del conflitto i tedeschi riuscirono a produrre poco meno di 2.000 carri Tigre, gli USA di Sherman M4 ne sfornarono 50.000… queste cifre bastano per comprendere.

infine il dato più emblematico : è provato che le principali scoperte scientifiche applicate ad uso bellico avvengono in tempi di guerra in rapporto a forte e costante pressione; grazie ai due punti che ho elencato più su, gli USA arrivarono per primi alla realizzazione dell’ordigno NUCLEARE (potendo contare su tutta una serie di scienziati di nazionalità varie che avevano reclutato per l’occasione); gli altri in competizione -i nazisti che erano già piuttosto avanti con studi ed esperimenti- videro vanificati i loro sforzi perchè il loro territorio era continuamente sotto pressione, bombardato giorno dopo giorno dalle fortezze volanti USAF (e di notte dai Lancaster della RAF);

in conclusione, la supremazia AEREA garantì agli alleati la vittoria; ma la supremazia aerea non nasce da sola, occorrono studi, ricerca e sviluppo per migliorare continuamente il materiale già in uso; ma studi e ricerca & sviluppo si ottengono con una sola cosa : MONEY, SOLDI, RICCHEZZA, ciò di cui gli USA erano al tempo gli incontrastati padroni assoluti, più di qualunque altro Stato, amico o nemico che fosse.

Manco nel 1945 gli usa avrebbero cavato un ragno dal buco, se non fossero stati accompagnati da quelli che le guerre le sapevano fare da secoli, cioe’ gli inglesi. Senza di loro, non sarebbero riusciti a risalire l’italia e a sbarcare con successo in Normandia.

Perdonami, ma è troppo riduttivo nei confronti degli yankees, (sempre sul piano bellico of course); ti risponderò con un altro banale esempio : fronte italiano 1943, abbazia di montecassino presidiata da forti reparti di paracadutisti tedeschi -corpi scelti e selezionatissimi- contro i quali le forze alleate cozzano da mesi senza risoluzione… alla fine decisione logica : bombardamento a tappeto con relativa spianata del monte che ospitava l’abbazia… gli yankees non si sono mai fatti scrupoli, del resto sono loro -uno in particolare, Harry Truman- che decisero una volta ottenuto, l’uso della bomba atomica…

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
Come spesso accade sotto l'ombrellone, nel fine settimana il ministro di Storia Gualtieri, proba
Il cross Eur Usd si dimostra molto interessante in questa fase di mercato Nel video TRENDS del We
Le movimentazioni monetarie degli ultimi due giorni di borsa mostrano l'indice Ftsemib in netta cont
Analisi Tecnica Perdiamo il canale rialzista e con long black anche i 19300... La doji di indecisi
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I dati macro di venerdi hanno dato un po' di positività in più ma attenzione, in ambito intermar
Iniziamo con una bella notizia, nuovi minimi sul rendimento trentennale dei nostri tesorucci
Ftse Mib. Dopo la rottura della ex trend line rialzista che ha accompagnato i corsi da metà febbra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Alla fine anche lo SP500 ce l’ha fatta, è tornato alle quotazioni a cui si trovava a metà fe