MIRACOLO A MAIN STREET!

Scritto il alle 15:00 da icebergfinanza

Se trovate ancora in giro qualche dotto, medico o sapiente che vi illustra e magnifica i risultati della cura americana sul mercato del lavoro o di quella giapponese, Abenomics per gli amici, chiamate un’ambulanza, prendetelo tra le braccia e mentre aspettate, fategli una carezza, ha tanto bisogno di affetto…

Questa è invece la triste realtà che i media vi nascondono, il massacro della classe media…

Dopo aver ricordato al mondo che il popolo ha fame, state forse aspettando che arrivi Maria Antonietta a ricordarvi di mangiare le vostre brioches?

Trickle down per tutti offrono loro! Buona Consapevolezza!

Per chi vuole contribuire liberamente al nostro viaggio cliccando qui sopra è in arrivo l’analisi “Machiavelli 2015: esplosione deflattiva!” orizzonti e visioni per il 2015 ”Il Tuo sostegno è fondamentale per il nostro lavoro…

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio … cliccando qui sopra o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (16 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +12 (from 14 votes)
MIRACOLO A MAIN STREET!, 10.0 out of 10 based on 16 ratings
Tags:   |
25 commenti Commenta
PORTELLO
Scritto il 19 maggio 2015 at 11:26

icebergfinanza
Scritto il 19 maggio 2015 at 11:33

PORTELLO,

LOL

icebergfinanza
Scritto il 19 maggio 2015 at 11:36

La verità è figlia del tempo…

L’inflazione nel Regno Unito è scesa in territorio negativo per la prima volta da quando viene calcolata ufficialmente (1996). Sulla base di un serie storica costruito dall’ufficio statistica, è il primo calo dal 1960. Secondo i dati diffusi oggi dall’Ufficio Nazionale di Statistica britannico l’indice dei prezzi al consumo ha segnato ad aprile una variazione negativa dello 0,1% su base annua dalla variazione nulla del mese precedente. Gli analisti si aspettavano una lettura di 0,0%. A livello core l’inflazione risulta dello 0,8%, il dato più basso dal 2001. Mese su mese l’inflazione dei prezzi al consumo è aumentata dello 0,2%, mentre le previsioni erano +0,4%.

Noi siamo qui con voi che ogni giorno, analizziamo e studiamo la REALTA’ la fantasia la lasciamo agli altri!

Buona Consapevolezza!

veleno50
Scritto il 19 maggio 2015 at 12:55

kry@finanza,

Caro kry record su record affoghiamo nel denaro.Da dove esce tutto sto ben di Dio se l’italia è al fallimento.Se poi guardi la raccolta dei big del denaro gestito b Generali, Mediolan,Azimut, che performance in borsa,per non parlare dei Big bancari nella raccolta assatanati a proporti investimenti.Io leggo molto volentieri tutto quello che scrivono i vari blog però credimi prendere per oro colato tutto quello che dicono e scrivono secondo me è un errore.Come ad esempio l’articolo sopra sul mercato del lavoro, è tutto vero? certo , adesso cosa faccio non mangio le tagliatelle a mezzogiorno e non compro 1000 titoli di un’azione benedetta da Dio.

faustino
Scritto il 19 maggio 2015 at 16:43

veleno50@finanza,

Fai quello che vuoi caro. Più semplice di cosi non si può. ;);)

icebergfinanza
Scritto il 19 maggio 2015 at 20:15

Anche nel risparmio gestito le pecore da tosare si rinnovano …

stanziale
Scritto il 19 maggio 2015 at 20:42

Veleno, continui ad estrapolare , di volta in volta, un dato positivo in un contesto generale negativo. Che gli italiani si stanno impoverendo lo dice nei suoi report la banca d’italia http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=20&ved=0CFcQFjAJOAo&url=http%3A%2F%2Fitakablog.com%2F%3Fp%3D1149&ei=VIBbVfyrNOr_ygO-jYGgBQ&usg=AFQjCNHauF2M8YumYq1bE-cqCxzLaK3Aig&sig2=IuGNkCiI3y4BbLJVrlLRMQ
Ma soprattutto, va considerato il contesto geopolitico negativo. Nel 1992 ci fecero fare una quantita’ bestiale di privatizzazioni-svendite, ed il pil subito ne risenti’ in maniera fortemente negativa, da allora non ci siamo piu’ ripresi, ma solo stabilizzati un pochetto fino al 2011; allor quando subimmo il golpe semplicemente perche’ l’Italia, causa la tendenza di B. a vivacchiare alla giornata e delle banche italiane ad essere “arretrate” (?), l’Italia dicevo, era la nazione uscito meglio dalla crisi del 2007, e Usa, Germania, Francia e Gran Bretagna non vollero permetterlo. Essere cosi’ assoggettati alle potenze globalizzatrici, non puo’ far essere ottimisti. Per non parlare dell’invasione extracomunitaria che stiamo subendo, come da manuale del piano kalergi.

john_ludd
Scritto il 19 maggio 2015 at 21:06

veleno50@finanza,

hi hi hi Veleno Veleno …. se non fosse per tutti quei PRIVATI che con i loro soldini STANNO GARANTENDO la solvibilità di una classe dirigenti di falliti … chissà se lo sanno … direi di no … però gli altri, quelli con gli occhi blu che danno vita ai morti come in Trono di Spade, cioè quelli che in questo mondo stanno a Bruxelles e Berlino loro invece lo sanno.

gainhunter
Scritto il 19 maggio 2015 at 22:54

veleno50@finanza,

Dico la mia: l’Italia ha sempre avuto la benzina per fare meglio degli altri, anzi, è sempre stata meglio di molti altri in termini di risorse economiche, qualità, produttività e capacità, indipendentemente dai governi. Solo che l’aumento dei risparmi indica che i soldi si spostano da quegli investimenti più “concreti” (aziende) alla finanza: ecco da dove vengono. Ora, le strade sono 4:
– questi soldi restano nella finanza fin quando verranno “mangiati” dai pesci più grossi
– questi soldi vengono in parte requisiti dal governo per tappare il buco causato sia dalla spesa improduttiva sia dai salvataggi dei creditori europei della Grecia
– questi soldi vengono spesi per alimentare l’economia reale, ma buona parte finirà all’estero (importazioni)
– questi soldi vengono reinvestiti in nuove aziende in Italia
Quindi, positivo che i soldi ci siano, negativo da dove sono venuti e dove stanno andando.

—-

OT: Link da aggiungere alla serie delle manipolazioni e della corruzione di certa élite:

http://news.forexlive.com/!/traders-pissed-off-as-coeure-ecb-speech-delivered-in-private-20150519

veleno50
Scritto il 19 maggio 2015 at 23:37

john_ludd@finanza,

Quello che non fa nessuno caro Big john è spiegare come sia possibile che si investano nel risparmio gestito 55 miliardi in tre mesi in un paese come il nostro cioè fallito.Ti faccio presente che a questo punto a fine anno potrebbero essere 220 miliardi.
stanziale@finanza,
Caro Stanziale è una constatazione e mi pongo delle domande, come sia possibile tutto questo, niente altro. Per quanto riguarda il latin lover credimi mi sono mosso molto bene,non sono stato un gran calciatore roba da poco,tornei arci sempre a sinistra.

john_ludd
Scritto il 19 maggio 2015 at 23:54

veleno50@finanza,

caro Veleno non hai riflettuto che quei 55 miliardi c’erano anche prima e che se ne stavano semplicemente in titoli di stato o in conti deposito o sul conto corrente ? sai con il QE dell’amico (di chi ?) Mario Draghi e il suo QE è tutto a zero e si compra DUE volte le emissioni nette dello stato italiano del 2015 e del 2016 … Ora i 55 miliardi vanno a nutrire le commissioni dei fondi gestione, cioè, rammento che “gestito” vuol dire gestito da qualcun’altro che non sei tu. Che gli italiani abbiano ancora dei risparmi è cosa nota, altrimenti come farebbe a stare in piedi questo disgraziato paese ? Poi cosa accadrà a quei 55 miliardi non lo chiedere a me, evidentemente c’è chi conta di averne 70 o 100 tra qualche mese o anno. Glielo auguro, mica sono invidioso, ma si devono ricordare che se a un certo punto hanno un bel “+” in portafoglio diventano soldi veri solo se vendono e li incassano !

kry
Scritto il 20 maggio 2015 at 08:54

veleno50@finanza,

Ciao Veleno, grazie per aver risposto alla mia provocazione. L’ammetto l’ho fatto apposta a mettere il link indirizzato a te senza nessus commento da parte mia. Vedo che con il minimo sforzo da parte mia sono riuscito a provocare diversi commenti ( tra cui il sempre lucido gainhunter che saluto ). La cifra ha impressionato anche me e sono arrivato anch’io ai 220 come dici che rappresentano 11% del pil e % superiore per il risparmio gestito. Sono andato oltre nel ritenere che così facendo si riduce 1) la velocità della moneta per cui 2) diminuiscono ulteriormente le possibilità d’inflazione futura o perlomeno quando sarà procederà al rallentatore. Quello che mi sorprende è che i compagni anche con questo dato non siano in grado di andare a pubbliccizzare il nostro debito pubblico per ottenere una riduzione da parte del mercato dei tassi d’interesse. Vedi l’importante è sapere perchè molti continuano a mangiare le tagliatelle col ragù e anche nelle capitali di Germania e Belgio lo sanno e per quel che riguarda l’immagine sopra all’inizio del post la ruspa dovrebbe spingere tutta la nostra classe politica sotto con sul cartello scritto TRADITORI. Ciao , buona giornata.

kry
Scritto il 20 maggio 2015 at 09:02

john_ludd@finanza,

Un + sembrerebbe pura illusione e per assurdo non si tiene conto che l’illiquidità futura dei mercati potrebbe rendere problematica la vendita e l’incasso. Io la notizia dei 55MLD l’ho presa come l’ennesima prova di un popolo che appartiene come hai scritto una volta ” i sodi sono fatto per staccarli dalle mani degli stupidi. “

kry
Scritto il 20 maggio 2015 at 09:13

veleno50@finanza,

Ciao, questa volta dico la mia. Bottarelli no è proprio l’assoluto ma almeno venisse letto nella sua semplicità s’otterebbe il risultato che 55MLD non sarebbero andati nel risparmio gestito. Ennesima dimostrazione che per informarsi basta davvero poco. ( non è riferito a te ) http://www.rischiocalcolato.it/2015/05/e-ufficiale-il-bazooka-di-draghi-e-una-pistola-ad-acqua.html

quesalid
Scritto il 20 maggio 2015 at 09:24

Gli Italiani ci compravano la casa …. ora caduta prezzi e tasse (d’altra parte con tutto il costruito che c’è in Italia e la tendenza demografica era inevitabile)
Gli Italiani ci compravano debito pubblico …. ora Draghi ha azzerato i rendimenti (d’altra parte non è che i debiti, anche se detenuti dagli Italiani, possono crescere in eterno …. Giappone docet)
Gli Italiani li investivano nelle loro attività – piccole aziende, negozi, etc. …. poi è venuta la globalizzazione i GATT, i WTO, la burocratizzazione globale (ISO9000, regole europee, marchi, brevetti) per i piccoli ed il far west per i grandi …. (d’altra parte, se la guardiamo con gli occhi degli altri, non è che l’Europa poteva continuare a importare risorse e materie prime dagli altri e rivendergli prodotti finiti in eterno).

Per inciso, questa cosa è avvenuta più o meno in tutti i Paesi Occidentali, con colori e sapori differenti a seconda della tipicità locale: ma il trend è là (USA, FRancia, UK, Germania, Giappone, …) e, pare, che una senilità precoce stia contagiando anche i BRICS.

I sintomi della malattia sono evidenti: la eziologia un pò meno. Le scuole differiscono.
Una scuola dice che che questa non è una malattia ma il passaggio verso una condizione migliore.
Una scuola dice che il paziente non è affatto malato, che si tratta di un affaticamento passeggero e che in breve si ristabilirà come prima.
Una scuola dice che il paziente è malato, ma la malattia è iatrogena : sono i dottori, con le loro cure errate che l’hanno fatto ammalare.
Una terza scuola dice che il paziente è malato, ma la malattia è dovuta al corso naturale della sua esistenza, indipendentemente dalle varie cure che possono somministrargli i medici.
Una quarta scuola dice che il paziente è malato, ma si tratta di una epidemia: tutti i pazienti sono più o meno malati e non è chiaro se e come sia possibile curarli.

Ovviamente, a seconda della diagnosi, vengono consigliate cure differenti ed ogni cura è appropriata alla rispettiva diagnosi. Il consulto degli esperti non è tuttavia concorde e le varie scuole si accusano l’un l’altra delle cose più abiette (si va dalla stupidità, alla accusa di interesse personale, alla falsità ideologica, etc. etc.)

Non essendo concordi su quale sia la causa della malattia e, quindi, non riuscendo a curare la radice (ignota) dei mali, vengono curati i sintomi che man mano si presentano. E, anche qui, non si è per nulla d’accordo su che fare. Alla fine si fa qualcosa. Quelli che hanno fatto questo qualcosa difendono quel che hanno fatto, dicendo che questo era il miglior corso di azione possibile; gli altri criticano quel che è stato fatto, dicendo che questo è stato il peggior corso di azione possibile.

Sopravviverà il paziente (assieme agli altri pazienti)? Questo non è dato sapere…ma se accadrà probabilmente sarà perchè è riuscito a guarire da sè. E, se guarirà, potete giurare che ognuno dei medici ascriverà la guarigione a suo proprio merito.

kry
Scritto il 20 maggio 2015 at 09:34

quesalid@finanza,

Grande STREGONE. Accadrà ( senza se , ne sono certo ) che qualche paziente guarirà da sè e speriamo che poi abbia la forza di smentire i meriti dei medici.

kry
Scritto il 20 maggio 2015 at 09:42

SIGNOR POMATA@finanza,

Qui trova in parte la risposta al suo quesito ( dovrebbe essere la pagina giusta , altrimenti in fondo clicchi pag. prec o pag. suc. ) http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2015/5/20/SPY-FINANZA-La-Bce-sfida-gli-Usa-rischiando-il-ko-/3/610048/

madmax
Scritto il 20 maggio 2015 at 10:07

veleno50@finanza,

Ciao Veleno,
Vivo all’estero ma provo a spiegarti la magia: l’economia sommersa, lo so risparmiatemi la morale per quello che sto per scrivere ma e’ la verita!

In Italia il progressivo restringere le maglie dell’evasione e della corruzione fa circolare meno denaro. Un imprenditore mi dice: vedi con il nero avevi l’impressione di avere denaro gratis e lo spendevi di piu’. Un avvocato, che si fa pagare le parcelle penali in nero mi dice: con il nero non depositavi i soldi in banca, ti restavano in mano o nel portafoglio allora sai era piu’ facile spenderli. Un altro che affitta un appartamento ad una “mantenuta” mi dice stupito come faccia a pagare senza problema 2500 euro di affitto mensile.

Questa magari non sara’ tutta l’Italia, ma sicuramente uno spaccato di chi ha tanta grana ed adesso la spende meno di prima e forse spaventato per la prima volta li risparmia ed ecco la magica crescita.

Non dimentichiamo che nel 2014 la raccolta netta e’ stata di 91 miliardi, ripeto 91 miliardi che diviso per 60milioni di Italiani farebbe circa 1500 euro a testa.

Ma proprio qua sta il punto come nella media dei polli di Trilussa qualcuno ne mettera’ via 100.000 ed altri tirano un altro buco della cinghia.

Ma allora il problema e’ di redistribuzione ed equita’ come sempre!

john_ludd
Scritto il 20 maggio 2015 at 11:38

quesalid@finanza,

scrivi poco ma quando lo fai è sul serio. Non riuscirei a essere così efficace neppure se mi applicassi, mi mancano le basi. Un piccolo sunto di etologia umana. Ben fatto stregone !

john_ludd
Scritto il 20 maggio 2015 at 11:54

kry@finanza,

Bottarelli prende frammenti di informazione qui e là e ci confeziona pezzi urlati senza badare che siano coerenti e quindi scrive fesserie. Per esempio è vero che le riserve ufficiali della Cina talvolta calano bruscamente, salvo però venire riacquistate in Belgio al riparo del sistema Euroclear. Dal 2008 le riserve cinesi in dollari, ufficiali e ufficiose NON AUMENTANO più e sono calate un tantino ma è pure calato il saldo con l’estero e tale saldo è massimamente opaco dato che i cinesi non lo scompongono ed è ben noto che le aziende cinesi sovrafatturano/sottofatturano per creare fondi valutari all’estero. In realtà la Cina sembra in parte aver percorso la stessa traiettoria delle economie occidentali riguardo la iper finanziarizzazione; l’unica differenza, ma profonda, potrebbe essere che il regime ha (?) gli strumenti per controllare (con la violenza) uno scoppio del proprio sistema finanziario se quest’ultimo avviene DOPO che è saltato quello occidentale. Sarebbe una scusa ideale per un sistema autoritario e di fatto militare per una sterzata brusca (brutale ?) cui quel paese è uso. Ma sono illazioni e prendile come tali, altrimenti mi Bottarellizzo anche io e ogni chiacchiera diventa oro colato.

kry
Scritto il 20 maggio 2015 at 13:32

john_ludd@finanza,

Dai John ( grazie per la spiegazione) non sei capace di far ridere lascialo fare agli altri. Avevo premesso che Bottarelli non era assoluto e per quello sappiamo già chi leggere perchè sai io nemmeno ci sono arrivato alla 3 avviamento ( ciao Veleno ). Bottarelli è grammaticalmente scorrevole e ce ne corre perchè ti Bottarellizzi anche perchè se le sue parole dovessero diventare oro colato di certo son migliori di ” Basta la parola ” dove ormai non si trova nessuna differenza tra FALQUI e DROGHI. A proposito c’è un altra differenza tra te e Bottarelli, te parti per dei mesi e ci lasci e per noi che restiamo non ci resta che consolarci con Bottarelli. Ciao.

john_ludd
Scritto il 20 maggio 2015 at 14:09

kry@finanza,

il fatto che sto via mesi, spesso impossibilitato a raggiungere una postazione internet, te la dice lunga di quanto sia interessato a seguire le girazioni del mercato. Finchè non si avrà inflazione, lo scenario è quello odierno. Ci sono SOLO due modi per avere inflazione 1) una spirale retribuzioni, costi di merci e servizi 2) inflazione da costi per scarsità delle risorse di base. La seconda è di gran lunga quella più pericolosa e di gran lunga quella che viene sottovalutata e che inevitabilmente porta anche alla prima, pena un rapido cambiamento delle elite al potere. Il punto (1) è lontano anni luce, specie in Europa, essendo una decisione di natura politica prima che economica. Viene infatti ricercata espressamente elevata disoccupazione come leva per mantenere bassa l’inflazione, alto il valore reale dei crediti ed alto il potere del “business + finanza”. Il contrario di quel che raccontano. Il punto (2) ci salterà addosso all’improvviso, senza (apparente !!!) spiegazione quando sarà troppo tardi per chiunque non si sia preparato prima, ergo mi sta bene detenere bond lunghi, non oltre 1/4 del totale e con adeguata diversificazione valutaria e non senza detenere anche adeguati paracadute. E’ la mia opinione, non è la verità. Ognuno impari a ragionare con la sua testa.

closing time
Scritto il 20 maggio 2015 at 14:49

john è una iattura che te ne vada per noi che rstiamo. rinnovo l’invito a te kry andrea e tutti coloro che vorranno per sabato 30 maggio o sabato 6 giugno . siiete miei ospiti qui..

http://www.cadisole.it/Contatti. Agriturismo Fattoria Cà di Sole. [email protected]. Via Cà di Monti 33 40048 San Benedetto Val Di Sambro Italy http://www.cadisole.it.
1 recensione Google
· Scrivi una recensione – 54 €▼
Via Ca’ Di Monti, 33, San Benedetto Val Di Sambro BO
331 751 5432

stanziale
Scritto il 20 maggio 2015 at 19:57

veleno50@finanza,

Ciao Veleno, tieni presente che anche io la butto li’, senza acrimonia! Poi sul latin lover e calciatore ovviamente scherzavo, dato che avevi dato il destro(come suol dirsi)…tornei arci SEMPRE A SINISTRA…forte! Bravo Veleno per una ennesima definizione arguta, ++ …
pero’ leggi i link che produciamo e fidati di piu’ del capitano e della ciurma…
comunque sei padrone di fare come vuoi…

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Come da manuale ora abbiamo in un colpo solo tutto quello che l'antibiblioteca di Eco suggeriva,
"L’anno bellissimo"  preconizzato dal presidente del Consiglio n. 1 ( Preconizzare = annunciare s
Il Fomc doveva scorrere via liscio senza particolari novità. Ed in effetti non sono successe de
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
E’ meglio comprare un’auto nuova o noleggiarla a lungo termine è la domanda che si è posta Alt
Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Non potevo trovare migliore vigneta per sintetizzare la riunione del FOMC della Federal Reserve
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: apre debole l'indice italiano in attesa della Fed. Gli operatori attendono il meeting Fed