GRECIA: INFERNO A BORDO!

Scritto il alle 11:00 da icebergfinanza

Chiunque ieri avesse ascoltato un telegiornale o letto qualcosa su internet, la notizia del giorno oltre alla scomparsa dell’areo malese e allo speronamento di due navi nel mare adriatico, è quella relativa all’incendio di un traghetto italiano proveniente dalla Grecia, quasi una nemesi senza fine.

Al di là delle polemiche sui ritardi dei soccorsi e sull’inadeguatezza del traghetto, spesso ci dimentichiamo che uomini e donne rischiano la loro vita per salvarne altri, mentre noi assistiamo in diretta allo spettacolo. Grazie a tutti questi eroi sconosciuti e silenziosi che ovunque, quotidianamente, volontariamente o in servizio, rischiano per aiutare chi è in difficoltà.

Quello che però è vergognoso al di la del presunto diritto di informazione è quello che è accaduto ieri, quasi non ci credevo…

Immagine.jpg1

Ehi Ragazzi mentre va a fuoco la nave o rischiate di affondare, se non avete altro da fare ci mandate due righe che noi dobbiamo lavorare?

Non aggiungo altro!

Nel frattempo nella pausa natalizia ci hanno pensato i tedeschi a mandare gli auguri alla Grecia, il solito pizzino che mandano tutte le volte che fanno finta di vedere andare in fumo i loro risparmi e i loro crediti…

Grecia: Berlino, Atene deve rispettare impegni assunti

La Grecia deve rispettare gli impegni assunti per il suo salvataggio. Questo il monito lanciato dal ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble in vista della terza ed ultima votazione, lunedì, per l’elezione del nuovo presidente delle Repubblica greco. Se l’ex commissario europeo Stavros Dimas, candidato del premier Antonis Samaras, non otterrà i voti necessari, il Parlamento sarà sciolto ed il Paese andrà ad elezioni anticipate che, secondo i sondaggi, vedono al momento favorita la sinistra radicale di Syriza.

“Le nuove elezioni non cambiano nulla rispetto al debito greco”, ha detto Schaeuble in un’intervista alla Bild, sottolineando che “qualsiasi nuovo governo deve rispettare gli accordi contrattuali presi dai suoi predecessori” con l’Unione europea, la Bce e l’Fmi.

Schaeuble ha riconosciuto gli “enormi passi in avanti” fatti dalla Grecia dal 2009, ma se il Paese “seguirà un percorso diverso, ci saranno difficoltà”, ha detto il responsabile delle Finanze tedesco in riferimento all’annunciato proposito del leader di Syriza, Alexis Tsipras, di voler rinegoziare i termini del salvataggio greco.

“Il popolo greco non vuole elezioni anticipate. Il popolo greco capisce dove questa avventura potrebbe portarci”, ha detto Samaras in un’intervista alla tv pubblica Nerit

Ovviamente il riferimento è alla minaccia sui 7,2 miliardi di euro che la Grecia deve onorare a breve e che diversamente potrebbero portare ad un nuovo default.

Nel fine settimana la formazione di Alba Dorata ha preparato una sorpresa al Parlamento …Grecia, Dimas dice no ad Alba Dorata

L’ex Commissario Ue prende le distanze dopo le voci sull’appoggio alla sua candidatura da parte del partito neonazista. Anche Nea Demokratia, il partito di Samaras si dissocia: “A quel punto ci tireremo indietro anche noi”

Vedremo se ne avranno il coraggio! Stiamo a vedere cosa accadde oggi nell’ultimo voto, diversamente si andrà alle elezioni e allora tornerà l’uomo nero a fare visita al popolo greco, un mese intero di minacce e di paura, sul rischio di uscita dall’euro, un pò quello che è accaduto in tutti questi anni ovunque.

Comunque vada non sarà certo un mese tranquillo gennaio!

Per chi vuole contribuire liberamente al nostro viaggio cliccando qui sopra è in arrivo l’analisi “Machiavelli 2015: esplosione deflattiva!” orizzonti e visioni per il 2015. Il Tuo sostegno è fondamentale per il nostro lavoro…

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio … cliccando qui sopra o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.6/10 (20 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +15 (from 19 votes)
GRECIA: INFERNO A BORDO!, 9.6 out of 10 based on 20 ratings
Tags:   |
18 commenti Commenta
reragno
Scritto il 29 dicembre 2014 at 11:35

Non ce l’hanno fatta!

gnutim
Scritto il 29 dicembre 2014 at 11:38

fumata nera!

viva la democrazia!!!!

andrea4891
Scritto il 29 dicembre 2014 at 12:12

almeno in Grecia votano, viva Somaras

noi invece dobbiamo continuare a trastullarci coi ns fantocci piovuti dal cielo

Monti, Letta, Ebetino, re Giorgio VII …

kry
Scritto il 29 dicembre 2014 at 12:32

andrea4891@finanzaonline,

… ER DRAGO.

pippone1
Scritto il 29 dicembre 2014 at 15:16

andrea4891@finanzaonline,

non siamo greci noi, siamo italiani, quelli che votano un fanfarone in cambio di 30 denari… emmm 80 euro! meglio non votare!

bano
Scritto il 29 dicembre 2014 at 15:47

Caro capitano,Andrea, intanto buone feste a te e a tutti………….
lo scenario che si apre sul Partenone appare quantomai incerto chissà se i nuovi eletti avranno il coraggio e forse l’incoscienza di uscire dalla moneta unica,io personalmente credo di no ……
una domanda ?
che ne pensi sulla possibilità di far circolare in europa una doppia moneta del tipo (euro e valute nazionali assieme) senza possibilità di cambiarle l’una con l’altra e ad esempio pagare le cedole dei titoli di stato in lire o dracme delle varie nazioni a cui appartengono,e mantenendo però il debito in euro, si potrebbe cristallizzare lo stesso debito e quindi con il tempo ridurlo veramente .
quali potrebbero essere gli scenari negativi di una situazione simile ……. grazie

trandafil
Scritto il 29 dicembre 2014 at 18:06

bano@finanza: che ne pensi sulla possibilità di far circolare in europa una doppia moneta del tipo (euro e valute nazionali assieme) senza possibilità di cambiarle l’una con l’altra e ad esempio pagare le cedole dei titoli di stato in lire o dracme delle varie nazioni a cui appartengono,e mantenendo però il debito in euro, si potrebbe cristallizzare lo stesso debito e quindi con il tempo ridurlo veramente .

che senso avrebbe? chi comprerebbe titoli di stato in euro per ritrovarsi cedole pagate in lire o dracme ?! sarebbe di fatto un haircut !

comunque è illegale la circolazione di altre monete nell’eurozona, i trattati parlano chiaro, ringraziate i politici che hanno firmato i trattati UE negli ultimi 35 anni convincendoci che sarebbe stato l’Eldorado.. per cambiare i trattati ci vuole l’unanimità di tutti gli stati membri quindi le possibiltà di “un’altra Europa” sono pressoché nulle.

L’eurozona è spacciata , non esiste un’uscita indolore dall’eurodisastro, se Syriza vincerà le elezioni in Grecia cambierà ben poco, cosa succederà quando andranno ai tavoli dei negoziati e vorranno rinegoziare i termini del bailout con la troika? si sentiranno rispondere NEIN !

Syriza è un bluff come i M5S o Podemos, non si può mantenere l’euro e fare come ci pare, in una unione economico-monetaria comanda chi ce l’ha più grosso (il PIL..), è un club, o si accettano le regole o si esce.

stanziale
Scritto il 29 dicembre 2014 at 18:12

Inferno non solo in grecia http://www.sapereeundovere.it/dieci-anni-di-euro-costo-acqua-795-costo-rifiuti-708-costo-elettricita-482-costo-treni-463-euro-follia/
indovinate dove sono andati a finire i soldi in piu’ raccolti con le tasse? Eeeesatto! In germania, tramite apposite e neanche troppo complicate partite di giro.

stanziale
Scritto il 29 dicembre 2014 at 18:21

Comunque, cosa hanno i greci da perdere? tanto vale mandare avanti syriza, perso per perso….se vogliono potrebbero benissimo far girare le scatole, come rifiutarsi di pagare i debiti farlocchi dovuti alla moneta debito privata; sarebbe un buon esempio da imitare.

dorf001
Scritto il 29 dicembre 2014 at 20:07

stanziale@finanza,

hei boss, ho un video per te. sono 4 minuti. ti piacerà. questo : http://www.beppegrillo.it/la_cosa/2014/12/28/vogliono-incatenare-lorso-russo-putin-in-diretta-tv/

veleno50
Scritto il 29 dicembre 2014 at 20:49

stanziale@finanza,

Stanziale c’è una bella differenza tra il tuo e questo video, qui è tutto condivisibile parole dure e metafora grandiosa sull’orso fatto da un capo di stato, ma il tuoooooo, Dio ce ne scampi.Ciao buon anno

stanziale
Scritto il 29 dicembre 2014 at 22:36

veleno50@finanza,

Ma io mica sono geloso…sono contento che ti sia piaciuto il discorso di un leader giusto, che sa’ come difendere il proprio popolo (senza prevaricare) ed ha l’81% del gradimento…i politici europei hanno tutto da immparare da uno che, tra l’altro, sa pilotare un caccia da combattimento o elicottero, un carro armato, sparare con vari tipi di arma, andare a cavallo, sci acquatico, giocare a hockey, arti marziali ecc…va be’ Veleno https://www.facebook.com/VladimirPutinItalianFanClub/photos/pb.532064913511613.-2207520000.1419888423./666310473420389/?type=3&src=https%3A%2F%2Ffbcdn-sphotos-g-a.akamaihd.net%2Fhphotos-ak-xap1%2Fv%2Ft1.0-9%2F1535644_666310473420389_988151520_n.jpg%3Foh%3D591ba65feb2b381f6379f271193d3ff9%26oe%3D553F94BB%26__gda__%3D1429664056_acef42f8faaa96fbfce842fee64aedaf&size=600%2C461&fbid=666310473420389 visto che ti e’ piaciuto il mio filmato, te ne girero’ altri…eheh

veleno50
Scritto il 29 dicembre 2014 at 23:06

stanziale@finanza,

Vedi Dorf è stato bravo a mettere il video anche perchè nel blog stanno aumentando i supporter del grande condottiero,però per fare onore alla sua onestà doveva mettere anche quando una giornalista ha fatto una domanda scomoda e lui con atteggiamento di uno che sa la tira ha detto ha voce alta chi ha dato la parola a questa qua.Rifletti ragazzo sempre non ti fare influenzare dalle apparenze e se ti capita vai a vedere l’anno del dragone. ciao

dorf001
Scritto il 30 dicembre 2014 at 00:45

veleno50@finanza,

ok veleno.

bano
Scritto il 30 dicembre 2014 at 04:40

trandafil@finanza,

Avrebbe un senso,che le lire o le dracme sei costretto a spenderle nello stato che le fà circolare,creando quindi un economia nazionale,se ho lire in tasca e sono costretto a spenderle in italia,cambio più spesso la macchina,le posso prestare ad un impresa che comprerà beni e macchinari in lire per sviluppare il suo core business,o al limite le posso prestare gratis al mio ne il quale coprirà le buche o terrà pulita la città generando posti di lavoro per tutti i disoccupati.
Vedi se ho lire e le porto in banca e mi sento dire che non le posso cambiare in euro,e se poi non mi danno nemmeno uno straccio di interesse allora l’unico modo per fare qualcosa con questo denaro è spenderlo e se tutti spendono lire il denaro circola meglio,pur sapendo che ho anche l’euro in tasca che mi farebbe da garanzia per il controllo dell,inflazione, ad esempio stipendi e pensioni al di sopra dei 3000 euro,la parte eccedente la si potrebbe pagare in lire,il problema non è del piccolo operaio che prende 1200 euro,quello deve stare attento a spendere il denaro,ma chi prende 10 mila euro al mese accumula ricchezza finanziaria che genera altro debito pubblico e che strangola l’economia reale sopratutto a danno delle giovani generazioni.
Non dimentichiamo inoltre che la finanza creativa ed i subprime o i prodotti a multi leva sono SOLAMENTE IL FRUTTO. Di un economia finanziaria drogatissima che ha e sta generando lo sconquasso che viviamo oggi……… Non mi dilungo per non essere petulante o noioso,e sper di aver chiarito il concetto.

madmax
Scritto il 30 dicembre 2014 at 09:45

Ragazzi, vi vedo molto “caldi” sulla Lira, come se cambiando moneta diventassimo un paese migliore, che forse con la Lira i corrotti e corruttori spariscono? Che forse con la Lira gli evasori comincerebbero a pagare le tasse? Che forse con la Lira la Mafia, Camorra, Nrangheta & C. spariscono?
Il mantra che svalutando diventiamo competitivi e’ bello da raccontare ma e’ lo stesso che ha creato il nostro debito quando eravamo costretti dopa aver svalutato a pagare interessi da 12% al 15% annui, i quali poi permettevano ai rentier di non fare nulla!
Vivo all’estero e sapete tornando in Italia che effetto ho avuto? Che sia tutto fermo che la gente continui a ricordare i vecchi tempi (che sembrano sempre i migliori) nei luoghi turistici visitati a nessuno interessava trattare bene i turisti ma tutti si lamentavano che ne venivano meno, un amico a Roma e’ stato scippato ed ha giurato che mai tornera’ in Italia in vacanza! Siamo seri, se i turisti non vengono e’ perche’ offriamo prodotti da schifo, fermi all’idea che gli stranieri vengano solo perche’ hai la Fontana di Trevi e guai a fare qualcosa di nuovo altrimenti resto indietro! Mi pare che adesso passato il tormentone Berlusconi si Berlusca no tutti si siano spostati sulla disputa da bar Euro si Euro no!!!
Ma non tutti sono uguali, ho parlato con artigiani fantastici che non si lamentavano affatto ed esportavano piu’ di prima…ma bisogna correre tanto adesso…mica piu’ come prima che i sghei entravano da soli!!!!! Ecco il problema!

madmax
Scritto il 30 dicembre 2014 at 10:46

kry@finanza,

Kry,
Guarda che non serve, l’attuale governatrice e’ gia un’americana a cui hanno dato la cittadinanza US situazione simile in un altro paio di “high rank officials” e se la vuoi sapere tutta in una votazione UN contro il nazismo solo US, Canada e Ukraina hanno votato contro!!!

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I cibi stranieri importati in Italia hanno provocato quasi un allarme alimentare al giorno. E’ q
Ftse Mib: apre anche oggi in negativo appesantito dalle incertezze legate all'esito delle elezioni
Non so Voi ma io ho la sensazione che da lunedì nulla sarà più come prima, avverto la stessa
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
8 italiani su 10 vorrebbero comprare una macchina elettrica. Sono infatti riconosciuti da quasi tu
Ftse Mib: l'indice italiano si mostra ancora debole appesantito dal dividend day, giorno in cui ci
Dopo una lunga trattativa il 17 maggio 2019 è stato firmato il contratto integrativo 2019/2021 per
Eccoci di nuovo qui, in questi due giorni non c'era nulla di interessante da raccontare dopo que
A scuola di opzioni. Riprendiamo da qua la didattica operativa di base utilizzando sempre i quadern