MERRY CHRISTMAS CASINO’!

Scritto il alle 07:31 da icebergfinanza

Chi non ricorda la nostra Alice… “Se io avessi un mondo come piace a me, là tutto sarebbe assurdo: niente sarebbe com’è, perché tutto sarebbe come non è, e viceversa! Ciò che è, non sarebbe e ciò che non è, sarebbe!

Fermiamoci qua e prendiamo in prestito il grafico pubblicato ieri dall’amico Dream…

spx-rally-santa-claus

C’è davvero ancora in giro qualche fesso che si legge le analisi  e i report fondamentali delle case di investimento o magari delle banche d’affari o la carta straccia finanziaria in genere. C’è ancora qualcuno che ascolta l’intervista di un economista o di un gestore, per scoprire dove la pallina sta per cadere?

Affascinante davvero! Un consiglio, prima di ascoltare le loro elucubrazioni, date un’occhiata alle loro tasche, da dove provengono i loro regali di Natale, osservate i loro conflitti di interesse, evitere di finire come polli allo spiedo!

Hanno messo due candelotti di dinamite bianchi come la neve a Wall Street, messi li perchè le volpi che rappresentano l’1 % della ricchezza possano gettarli accessi in mezzo ad un pollaio.

Immaginatevi tante tavole di Natale imbandite di polli arrosto di plastica i Vostri, in carne ed ossa i loro.

Lo so è Natale, mi dispiace dirvelo Ragazzi, ma Babbo Natale non esiste.

Sotto il tavolo della roulette è tutto manipolato, Wall Street è un’immensa bisca, dove i padroni delle case da gioco manipolano quotidianamente i sogni di milioni di fessi che si presentano ai tavoli.

Immagino già i commenti delle volpi, sei invidioso perchè non hai partecipato al banchetto! Ma certo chiedete a Machiavelli, quanto siamo invidiosi!

Hanno truccato tutto questo manipolo di figli di volpe buona, tutto, dai mutui ai tassi, dalle borse alle materie prime, dall’oro al petrolio, i processi, le indagini, tutto quello che possono comprare con i soldi che le banche centrali mettono loro a disposizione.

E’ in corso la terza guerra mondiale, inutile nasconderlo, si combatte con armi finanziarie, hanno già ucciso oltre 250 milioni di occupati in tutto il mondo, quelli che hanno riassunto, sono part-time o diseredati incartati in minijob!

Stanno comprando anche le vostre vite, vi stanno minacciando quotidianamente, attenti a come votate, a cosa comprate, a come vi muovete, fate una mossa sbagliata e tireremo giù il mondo, noi siamo troppo grandi per fallire, abbiamo bisogno dei Vostri risparmi, dei Vostri soldi, delle Vostre tasse per prosperare.

In sintesi abbiamo bisogno che miliardi di polli attraverso le finanze pubbliche socializzino le nostre perdite e ci lascino privatizzare i nostri guadagni in santa pace, che diamine è Natale, suvvia.

Ma quale welfare, na roba antiquata, ma quali diritti plebaglia, lavorare, lavorare e ancora lavorare alle nostre condizioni, senza fiatare, banda di polli che si credono aquile.

C’è sempre qualche pollo travestito da volpe che scrive sui loro giornali o predica dalle loro televisioni, dietro lauto compenso, perchè milioni e miliardi di polli facciano quello che è meglio per quattro volpi, che se la spassano …over the counter!

La finanza responsabile non esiste vero?

ETICA, RISCHIO E LA GALLINA DALLE UOVA D’ORO

Suvvia non prendetevela, fa parte del gioco, un gioco al quale partecipate consapevolmente o inconsapevolmente, suvvia sono bravi loro, in fondo sarebbero in grado di vendervi la loro madre pur di fare qualche soldo, figurarsi qualche fondo di caffè!

ITALIA : LA PARABOLA DEI FESSI E DEI FURBI

E Natale Ragazzi, non preoccupatevi, lasciateli divertirsi fin che possono,  appuntamento alla prossima settimana con la nostra piccola fiammiferaia, un abbraccio Andrea!

Per chi vuole contribuire liberamente al nostro viaggio cliccando qui sopra  in arrivo analisi Machiavelli 2015: esplosione deflattiva…orizzonti e visioni per il 2015.

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando qui sopra o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (18 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +16 (from 16 votes)
MERRY CHRISTMAS CASINO'!, 10.0 out of 10 based on 18 ratings
Tags:   |
39 commenti Commenta
kry
Scritto il 19 dicembre 2014 at 09:49

Azzz io pensavo fosse il solito rialzo di natale. Di solito non c’è due senza tre per cui oggi altro candelotto altro regalo.

kry
Scritto il 19 dicembre 2014 at 09:57

Dopo i candelotti è consigliabile rifornirsi di ceri …. accenderli …. e .

phitio
Scritto il 19 dicembre 2014 at 10:30

Per dirla con Dickens, alla fine della loro vita, che hanno ottenuto? Forse possono aspirare ad essere i piu’ ricchi e potenti del cimitero!

Chissa’ se intanto vivono bene, se hanno qualche cosa di vero, di valore, che da un senso alla loro vita.

aorlansky60
Scritto il 19 dicembre 2014 at 11:10

ciao ANDREA

intanto volevo ringraziarti per l’incredibile opera di divulgazione che stai portando avanti, e per il tempo e la passione che ci dedichi; lo faccio adesso visto che non avrò occasione di interagire almeno fino al 7 Gennaio dell’anno nuovo, dato che la società ci mette in ferie forzate.

Naturalmente, anche i miei sinceri auguri di buon e sereno Natale a Te e alla tua Famiglia, come a tutti quelli che scrivono e transitano qui.

Sai quanto abbiamo bisogno – non solo noi qui, ma l’umanità intera – di serenità e di mitezza, per cui prego DIO che infonda anche solo un minimo della Sua infinita saggezza e sapienza nelle menti di ognuno; è solo ritornando alla Verità originale in tutta la sua giustizia, che l’uomo può cavarsi fuori dal nuovo guaio in cui si è andato a ficcare.

Un abbraccio e un saluto a tutti quanti.

Alain

gnutim
Scritto il 19 dicembre 2014 at 12:37

con questa perla possiamo veramente affermare che non c’è proprio altro da dire

aurelmes
Scritto il 19 dicembre 2014 at 13:15

scusate l’o.t.

L’ELENCO COMPLETO DEI REATI PER CUI NON SI VA PIU’ IN GALERA:

http://www.eticamente.net/37433/depenalizzazione-dei-reati-minori.html

aorlansky60
Scritto il 19 dicembre 2014 at 14:55

@Aurelmes :

ho provveduto a distribuire il link a tutti i colleghi di lavoro;

dopo gli auguri di Natale, a questo punto non mi resta che fare quelli per un accorto (molto accorto; di più : molto ATTENTO) anno 2015 e per tutti quelli a venire in questo paese ridicolo denominato “italia”. :x

reragno
Scritto il 19 dicembre 2014 at 14:56

Grande Andrea, di nuovo battagliero e sanguigno. E’ a questo che ieri mi riferivo ieri quando parlavo che non voglio diventare schiavo. Schiavo di questo sistema che distrugge l’individuo, che gli toglie la dignità che lo tratta come se fosse un pesone e da sopprimere se si ribella.
Un sistema che alimenta la guerra tra poveri e dove ricchi ( non ne passa uno nella cruna di un ago) avranno tanto di quel caldo per arrostire piano piano.
Non li invidio sono schiavi di Mammona e Mammona non fa niente per niente.
Benvenuti nella terra dei fuochi ( non la Campania ovviamente)

tirlusa
Scritto il 19 dicembre 2014 at 15:55

Io l’S&P500 a 2100 non riesco a tollerarlo. A costo di rovinarmi prendo tutto quello che ho e vado short. E’una vergogna, un insulto alle leggi dell’economia, un insulto alla statistica con tutti i dati taroccati. Un insulto a tutto il lavoro che uno fa per capire i fondamentali.

veleno50
Scritto il 19 dicembre 2014 at 17:00

tirlusa@finanza,

Scusa se mi permetto non intendo insegnare niente a nessuno quindi passi per una opinione.Non hai capito quello che scrive the boss è tutto in mano a dei cocainomani,quindi di razionale non c’è niente. Poi dire che prendo tutto quello che ho e vado short ,SPERO SIA UNA BATTUTA,perchè saresti facilmente influenzabile da quello che scrivono gli altri e questo non è quello che vuole il blog? Ricordati che puoi forare allora sono dolori, quindi, rifletti ragazzo non agire d’impulso.bye

silvio66
Scritto il 19 dicembre 2014 at 18:23

veleno50@finanza,

Ciao veleno, per una volta sono daccordo con te quando consigli prudenza, anche se mi pareva più uno sfogo di frustrazione che intenzione reale….vorrei capire perchè non riesco più a mettere le faccine..

dorf001
Scritto il 19 dicembre 2014 at 19:08

veleno50@finanza,

ciao veleno. volevo dirti 1 o 2 cosine. visto che parli tanto di pensionati ricchi pieni di soldi, di cui tu fai parte, vorresti fare almeno una volta una buona azione? dici tanto che questi li devono cacciare fuori i soldi. li devono spendere. bisogna farglieli spendere. no? sono tuoi concetti giusto?

io direi che devi ringraziare DIO che ti è andata bene fino ai 65 anni. ma a non tutti è andata cosi’. ci sono milioni di persone ( e non per colpa loro) che sono messe malissimo. sono allo stremo. e i governi degli ultimi 20 anni (prodi-berlusconi, prodi-berlusconi) non hanno fatto nulla x loro. ci hanno massacrato e basta. ora gli ultimi 3 anni del pd farà tabula rasa, un massacro x noi.

tu tempo fa hai scritto una cosa rivolta a me,dorf.

hai scritto: beh a natale 50€ non si negano a nessuno. allora dalle ciaccole vuoi passare ai fatti? aspetto allora un tuo aiuto. quei 50€ mi farebbero comodo. anche 60. quindi se vuoi puoi farmi una donazione. faresti una buona azione. che ne dici?

ahh non li spenderei x me. sono anni che non mi compro niente. vanno tutti in bollette e tasse. che darò con estrema gioia a questo governo. il fior dell’avvenir.

quindi, ricapitolando : veleno vuoi fare una cosa utile? se ti và puoi darmi un aiutino. se ti và. qualche bot in meno in borsa ma una buona azione sul tuo medagliere.

ora ti saluto.

by DORF

veleno50
Scritto il 19 dicembre 2014 at 19:16

stanziale@finanza,

Dammi retta lascia perdere che vanno a sbattere, è come una cinquecento in competizione con una Ferrari.Loro di bello ed invidiabile hanno solo l’Ermitage che io ho avuto il piacere di vederlo, quando San Pietroburgo si chiamava Leningrado seconda città per grandezza russa. Ieri il tuo Rambo si è comportato da maleducato ha trattato una brava e bella giornalista come uno zerbino. tutto il resto dell’articolo che mi sono letto è noia, avevo già letto l’articolo sulla moneta alternativa al dollaro vedremo per me sono più cachi che rose che fioriranno se mi sbaglio pronto a ricredermi.bye

veleno50
Scritto il 19 dicembre 2014 at 19:20

dorf001@finanza,

dammi il codice iban o la maniera per effettuarti il bonifico .Ma non ti permettere mai di dire nel blog qualsiasi cosa che io farò questo me lo devi promettere.ciao

stanziale
Scritto il 19 dicembre 2014 at 19:57

veleno50@finanza,

eh eh eh, ricordi di gioventu’, vecchio buon Veleno…..ci sei andato con il partito, eh? Dai dai, a noi lo puoi dire…

dorf001
Scritto il 19 dicembre 2014 at 20:26

veleno50@finanza,

beh dovresti farti dare la mia mail dal capitano.

ma non ho capito cosa è che non devo fare? no sul serio. non ho capito. dove è che ti dà fastidio quello che dico?

te salud emiliano.

madmax
Scritto il 19 dicembre 2014 at 21:55

@tutti :)
Schiavi del sistema, curioso tanti di noi si proclamano non essere schiavi del sistema! Ma e’ possibile mi domando io? Possibile che riusciamo a fare a meno degli Ic

madmax
Scritto il 19 dicembre 2014 at 21:57

Icosa siano, gadget elettronici della mela, che riusciamo ad essere felic i senza indebitarci per comprare una macchin che dovrebbe parlar di noi? Che possiamo essere felici senza avere quanto pubblicizzato ed alla m

madmax
Scritto il 19 dicembre 2014 at 21:59

oda? Insomma sappiamo vivere senza speculare per far salire gli zeri sul cc per avere qualcosa in piu’ non necessario?
Buon Natale a tutti voi, pensate veramente a cosa e’ importante e buttate tutto il resto!!!
Abbiate coraggio, non solo ne post di esser coerenti con il vostro cuore!!!!
Saluti

signor pomata
Scritto il 19 dicembre 2014 at 22:33

Carissimo andrea mi potresti spiegare quando hai tempo il perche una società come petrobras rende il 5% a 4 anni e una come telefonica il 1,40 a 20 anni????
Lo dico perche nonostante tenti di capire io proprio non ci arrivo e visto che sono assai modesto di studi magari è una mia ignoranza.
Come se il petrolio da oggi non servisse più ma telefonare cazzo non è che ne vorrai fare a meno???
Eni per dire a 6 anni rende….uno zero virgola qualcosa……nemmeno le vedo più eppure sono entrambe statali e a dirla tutta credo che quella brasiliana i pozzi li abbia in casa, sicuramente più di eni.
Dove sta la fregatura??Sullo stato brasiliano che fallisce in 3-4 anni?
Puoi fare chiarezza?

veleno50
Scritto il 20 dicembre 2014 at 08:43

dorf001@finanza,

Per me è molto imbarazzante scrivere di queste cose, quindi ti pregherei per l’ultima volta di dirmi come devo fare per inviarti …..Poi ti pregherei di non parlarne mai nel blog di questa cosa.Non sono emiliano sono romagnolo , i cugini emiliani sono i più forti al mondo come qualità della vita, gente per bene e ben amministrata a parte poche mele marce.

gnutim
Scritto il 20 dicembre 2014 at 09:39

articolo, interessantissimo

pregasi leggere:

http://www.wallstreetitalia.com/article/1795176/geab-90-fine-occidente-cosi-com-e-dal-1945.aspx

dorf001
Scritto il 20 dicembre 2014 at 10:52

veleno50@finanza,

ciao veleno. si tranquillo, non c’è da essere in imbarazzo. come ti ho già detto devi chiedere al capitano la mia mail . poi ti posso scrivere e dire tutto. semplice. non c’è altro modo. ok?

visto che sei romagnolo, salutami rimini e il mare. sono anni che non lo vedo.

vorrei tanto andarci. mi manca. e anche il mangiare romagnolo. il mare…sole….ombrellone…gelati….passeggiate…..ahhhh

by DORF

mastrociuchino
Scritto il 20 dicembre 2014 at 11:44

Mi complimento per l’analisi ineccepibile.
Che dire, ormai è lapalissiano che i “cosiddetti mercati” utilizzano le armi finanziarie per dominare tutto e tutti e condizionare pesantemente la vita degli esseri umani…
L’unico paragone che mi viene in mente è con MATRIX, allorchè il genere umano è utilizzato come “batteria” per un sistema che NON ha alcun interesse per il suo benessere e per un sano equilibrio psichico.
Il proliferare dei social e del pessimo utilizzo delle nuove tecnologie è senz’altro propedeutico agli insani programmi dei dominatori, i quali tentano di separare gli individui finanche demolendo il fondamentale valore della famiglia.
W LA REVOLUTION

laforzamotrice
Scritto il 20 dicembre 2014 at 11:54

Ciao a tutti, come va? La faccenda cresce sempre, certo che se caschiamo, sai che botto.
dorf001@finanza,

Ehi Dorf, non potresti farmi avere un cell? Cosi per un aperitivo ci si mette d’accordo meglio. La mia e mail ce l’hai, e comunque anche una chiaccherata al telefono si può fare (pago io).
A volte mi chiedo come si fa ad essere cosi distaccati dalla realtà, è come se la gran parte della popolazione vivesse in un piccolissimo giardino con alte mura e non si chiedesse mai cosa c’è oltre. A volte è deprimente, ma molto deprimente. Il fatto è che misuriamo tutto con il metro della nostra vita ed esperienza, il che mi sembra assai riduttivo, 80 anni di fronte alla storia è nulla, e idem la nostra esperienza rispetto a quella di miliardi di persone. Aprire gli occhi è davvero cosi difficile?

signor pomata
Scritto il 20 dicembre 2014 at 14:16

Eccomi qua, dopo che anche oggi mi è toccato andare al lavoro senza retribuzione, nel senso che le ore di straordinario vengono sommate per poi usufruirne quando non si lavora.
Un guazzabuglio che non vi dico in cui spariscono ferie permessi e straordinario……figurarsi che anno scorso non pagarono il primo maggio perche dicevano che non andava pagato.
Ieri sera ho messo solo una considerazione che mi era venuta vedendo alcune paginate su fineco ma oggi ho voglia di parlare del post di andrea, del resto lo avevo gia fatto giovedi e per coincidenza andrea a parlato della stessa cosa ieri.
Su questo tema devo dire che ho avuto da discutere sul suo blog con il prof bagnai, una persona che non ringrazierò mai abbastanza per come mi ha aperto certe porte fino a quel momento chiuse da una stampa e media infami che vengono usate per depistare e non informare.
La discussione poggiava sul fatto che sul suo primo libro il prof derideva chi urlava al complotto vedendo certi atteggiamenti del mercato spiegando che è una favoletta pensare che ci sia il banchiere cattivo e lo speculatore e il politico corrotto.
Sarà anche una favoletta ma junker ha chiamato e il mercato ha risposto sulla vicenda grecia.
Stessa prassi per italia nel 2011 quando il mercato violentò le aziende del premier tanto da portarle a prezzi folli. Della russia abbiamo parlato , la turchia stessa sorte……
Capisco che una persona che si occupa di scienza , di studiare i numeri e quello che essi dicono sia restio a ritenere che tutto quello che vediamo sia manipolabile.
Il perche un paese svaluta o meglio il mercato lo fa svalutare me lo ha spiegato lui, il problema è capire il perche un paese come la russia non abbia svalutato prima, in maniera diciamo tecnicamente corretta cioè gradualmente.
Poi il rublo ha fatto quasi il 300%……è quello che tecnicamente gli toccava o qualcuno ha messo il cargo………
A questo punto il sospetto è che anche se uno dei paesi euro iniziasse a prendere iniziative a staccarsi da questa manica di coglioni c” è il fondato sospetto che il mercato come ha già fatto distruggerebbe ogni parvenza di possibilità di cambiamento…..di democrazia.
La nuova lira potrebbe svalutare del 400%…….in ambito scientifico non avrebbe nessun senso logico e nemmeno in ambito economico ma……….qua dove sta il senso.
Quindi siamo in trappola, e anche i nostri politici ho il fondato sospetto che se ne siano resi conto e non sanno come venirne fuori.
Ma non solo noi, tutti.
Visto a posteriori anche il crollo del 2009 ha un altro senso.
Hanno sacrificato la leman e salvato tutti gli altri……..che senso aveva se non far prendere paura allo stato e indirizzarlo a fare la cosa giusta….per loro.
Quante volte mi son domandato chi poteva costantemente comprare alla cieca sul mercato americano senza sosta come se sapesse………esatto come se sapesse……..come se sapesse…….ecco…

SAPEVANO.

dorf001
Scritto il 20 dicembre 2014 at 17:30

signor pomata@finanzaonline,

ciao pomata. hai ragione su tutto. ora ti mando un articolino x rafforzare tutto quello che dici.

ma puoi dire a Bagnai di svegliarsi un pochino? meno boria e più umiltà. esistono chi complotta contro di noi. il popolo. contro tutti i popoli. da sempre. basta saper leggere e dirlo. leggi sotto.

…………Quello che so, però, è qual deve essere l’obiettivo finale di questa partita: Rimuovere il dollaro dallo stato di valuta di riserva mondiale e, questo avverrà per effetto delle pressioni fatte dal popolo americano, che arriverà a chiedere o addirittura a pregare che sia il FMI a prendere in mano l’amministrazione centralizzata della nostra economia.

I mainstream continuano a raccontare che il FMI sia una istituzione dominata dagli USA, ma come ho scritto in molte occasioni questo è falso. Il FMI, come tutte le banche centrali è dominato dal cartello delle corporate banking internazionali. Le banche centrali sono solo organizzazioni di facciata dei globalisti, come cerco di ricordare il più spesso possibile, citando Carroll Quigley, un insider delle élite, quando sento gente dire che le banche centrali sono in qualche modo indipendenti l’una dall’altra o che la Federal Reserve sia di per sé la “sola fonte” dei mali economici del mondo:

Non dobbiamo credere che i capi delle banche centrali principali del mondo costituiscano il potere reale della finanza mondiale. Non lo sono. Piuttosto, sono solo dei tecnici e degli agenti delle banche d’investimento dominanti nei loro paesi, banche che li hanno portati molto in alto ma che sono, in ogni momento, perfettamente capaci di sbatterli nuvamente giù.

I veri poteri finanziari del mondo sono in mano a questi banchieri d’investimento (chiamati anche “banchieri-internazionali” o “mercanti”) che sono in gran parte dietro le quinte di banche private senza personalità giuridica. Questi signori hanno dato vita a un sistema di cooperazione internazionale e di dominio nazionale che è più privato, più potente e più segreto di quello esercitato dagli agenti che lavorano per loro nelle banche centrali.

Non c’è nessuno che potrà obiettare su questa verità dopo che avrà avuto la testimonianza e l’evidenza che la Goldman Sachs detta la politica della Federal Reserve, come si descrive QUI.

E, ancora più recentemente abbiamo visto che i banchieri internazionali controllano anche la legislazione politica e, infatti, il Congresso ha approvato, con una debole resistenza una legge che toglie validità alle restrizioni della legge Frank-Dodd sui derivati e impone ai contribuenti USA e ai titolari di un conto bancario un aggancio con i titoli tossici, per più di 303 trilioni di dollari. Il disegno di legge è, a tutti gli effetti, una misura di “bail-in” sotto mentite spoglie. Ed è stata spinta, per essere approvata, direttamente dal CEO della JPMorgan-Chase, Jamie Dimon.

La Federal Reserve, il governo USA e il dollaro sono sacrificabili per quelle élite, come qualsiasi altra appendice economica o politica e possono essere sostituiti a piacimento con qualsiasi altra struttura illusoria se questo cambio potrà favorire il raggiungimento del loro obiettivo di una centralizzazione totale. Questo è quanto è stato fatto per secoli, e non vedo perché qualcuno dovrebbe, adesso, pensare che i globalisti siano disposti a cambiare le loro tattiche per far restare vivo un sistema-dollaro. Oggi lo chiamano il “Nuovo Ordine Mondiale”, ma in realtà è lo stesso ordine monetario, vecchio come il mondo, governato dal solito caos apparente, trasferito nella vecchia/nuova visione del mondo del FMI.

Mentre l’universo degli investimenti resta ipnotizzato dal crollo del rublo e del petrolio dei russi, il FMI è un pò occupato a ronzare dentro il suo alveare ……

qui il tutto : http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=14384

by DORF

kry
Scritto il 20 dicembre 2014 at 20:50

Per chi è interessato la roulette del casinò ha fatto uscire queto numero …… Nuke The Whales • 5 hours ago
La Cina ha confermato oggi lo Swap tra rublo e Yuan a 5,67 rubli , per le merci cinesi importate in Russia.
Il tutto per la sciocchezza di 850 miliardi di rubli.
In pratica ciò equivale ad uno sconto di quasi il cinquanta per cento, il rublo svalutato odierno equivale a 10 per yuan circa.
Un regalo insperato di decine di miliardi di dollari, che permetterà alle merci cinesi di continuare ad arrivare in Russia ai vecchi prezzi.
Consideriamo questo insieme a contratti di fornitura di centrali nucleari e armi siglati tra Russia e India nei giorni scorsi, per altri duecento miliardi di dollari di controvalore.
Comincia a dare una mano qualcuno, a Mosca.

madmax
Scritto il 20 dicembre 2014 at 20:55

stanziale@finanza,

Grazie Stanziale,
A questo punto pero’ vai sul sito rt.com che danno le stesse notizie (in inglese) una settimana prima :)

madmax
Scritto il 20 dicembre 2014 at 21:09

@Mastrociuchino,
Tutti noi navighiamo in rete, come pesci! Ma ricordiamoci che i pesci nella rete finiscono in trappola!!!

Cambio argomento, comunque la vediate Cuba ha vinto :) dal 1960 gli US hanno imposto un embargo feroce a Cuba, niente auto, medicinali, pezzi di ricambio un bel nulla e lo ha imposto a tutti con la scusa che se esportavi a Cuba ti chiudevano il mercato US. Dopo 64 anni di affamamento che fanno Dicono siamo tutti americani? Dai non scherziamo che lo avete fatto a fare l’embargo se allora se non avete ottenuto nulla? Magari per vendere le vostre merci? Ma proprio oggi lo facciamo alla Russia ????? Magari ler vendere a noi lo shale gas al posto di quello Russo?

stanziale
Scritto il 20 dicembre 2014 at 21:19

kry@finanza,

Allora vado a leggerlo, immagino su rischio calcolato. Putin si e’ dato molto da fare, ha fatto centinaia di incontri con capi di stato da quando e’ cominciata la crisi ucraina. Era molto probabile, quasi ovvio il sostegno cinese. Credo quindi che quando gli usa tireranno la rete, ci saranno solo i pesci piccoli, cioe’ qualche emergente, e gli europei. il 2015 sara’ un anno interessante; forse drammatico. Prima o poi deve arrivare quello che hanno cercato di rinviare, evitare. La crisi, molto peggiore di quella del 2008. C’e’ il problema del dollaro che e’ aumentato di valore, paesi della periferia dell’impero non se lo aspettavano e sono in difficolta’, hnno preso debiti in dollari per parecchie migliaia di miliardi di dollari. Per evitare il crollo, la fed potrebbe essere costretta a varare un immane qe….

kry
Scritto il 20 dicembre 2014 at 22:42

stanziale@finanza,

17 gennaio 2014 alle 15:05 L’oil&gas è un’industria morente, le sarebbero necessari prezzi del petrolio molto più alti di quello attuale che è però il massimo che l’economia può permettersi. Quindi bassi guadagni = bassi cash flow = meno investimenti = meno scoperte = meno petrolio = meno economia = meno guadagni = etc…
si chiama collasso, ne scrivo da anni e solo perché altri ben più bravi ne scrivevano da molto prima.

kry
Scritto il 20 dicembre 2014 at 22:45

stanziale@finanza,

Ottobre 2013…. Sin quando il prezzo dell’energia resta quello di oggi +- 10% il mercato può stare dove sta, correggere, salire poco o molto. E’ denaro virtuale, che è costretto a rimanere come entità elettronica e a spostarsi da un asset all’altro. Sin quando un numero anche piccolo di agenti non cercherà di convertirlo in beni realmente consumabili nulla cambierà, si consumeranno trilioni di parole e di ore a guardare dei grafici. Dal prezzo dell’energia e del petrolio in particolare dipende tutto, una dipendenza estrema e assoluta. A questo punto uno può non credere ai peak oilers e vedere un radioso futuro oppure credere che Akelett, Campbell, Patzek, Laherrere… hanno ragione. In tal caso l’unica cosa che può ragionevolmente fare e godersi la vita senza stare a sbattersi più di tanto per incrementare il proprio denaro virtuale, spenderlo invece sarebbe una buona idea. I documenti ci sono, nel mio piccolo vi ho indicato dove trovarli, per il resto fate voi.

dorf001
Scritto il 21 dicembre 2014 at 15:55

madmax,

dai mad-max non fare l’ingenuo. credi alle favolette? la verità è che agli usa interessa il petrolio cubano. il finto nero obama, in ritardo, sta facendo il giochino di putin al contrario.

putin si accorda con la turchia x il petrolio e gas. e gli merigani pensano di fare la contro mossa accordandosi con cuba x lo sfruttamento del petrolio cubano.

toh dai leggi qua.

IL POTENZIALE PETROLIFERO CUBANO – E’ UN MOTIVO PLAUSIBILE PER TOGLIERE L’EMBARGO ?

Lo scongelamento delle relazioni tra USA e Cuba dopo 50 anni di embargo senza senso è interessante, in particolare considerando che gli investimenti statunitensi che erano stati nazionalizzati nel 1959 potrebbero ad un certo punto essere di nuovo aperti ad aziende di base negli USA. In qualità di geologo del petrolio e di cinico di prima categoria, la mia mente ovviamente se ne va al greggio, l’idrocarburo che lubrifica l’economia mondiale.

Sotto attuale embargo, Cuba non può accedere alla tecnologia statunitense per trivellare e preservare l’ambiente.

L’embargo proibisce l’esportazione e reimportazione di articoli che contengano più del 10% di componentistica statunitense secondo la Regola De Minimus sezioni 734.4 e 736.2 (b)(2) della Regolamentazione dell’Amministrazione sull’Export (EAR). Ciò che è particolarmente interessante circa l’embargo è che Washington si è rifiutata di permettere una deroga alla prevenzione dell’estrazione statunitense anche se l’amministrazione nel 2012 Obama aveva dato grande peso alla potenziale estrazione di greggio derivante da trivellazioni nella zona del confine marittimo tra USA e Cuba.

Diamo un’occhiata al potenziale idrocarburico di Cuba. Secondo l’Energy Information Administration, , Cuba nel 2012 ha prodotto 51.000 barili di greggio al giorno e ne ha consumati 151.000, il gap tra domanda è offerta è colmato importando petrolio dal Venezuela.

ci sono parecchi grafici che devi guardare. roba vera.

quindi vai qui : http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=14386

gli mericani non fanno niente a gratis. altrochè gente di buon cuore!!!

centra nulla il PAPA…. qui conta solo il petrolio.

madmax
Scritto il 24 dicembre 2014 at 08:14

dorf001@finanza,

Ciao Dorf,
Sai che non ci avevo pensato, ma se e’ come dici tu allora l’industria del fracking sarebbe messa male molto male. Ti ricambio con un paio di chicche, la prima quella della bufale dell’Ebola e dell’ attivis o per mandare soldati in Africa infatti i soldati non curano semmai proteggono, cosa? Basta che fai una ricerca le parole Ebola+oil+africa e vedrai che casualmente pure la centra il petrolio.
Ultima chicca, diciamo natalizia, riguarda l’origine del petrolio: da noi sempre e solo si parla della teoria del picco, ma non ho mai visto nessuno parlare di: Abiogenic petroleum origin. Ovvero secondo questa teoria, scritta non da sprovveduti, il petrolio sarebbe un prodotto naturale del centeo della terra e udite udite, di fatto prodotto in continuazione e non di quantita’ limitata. Il che se accettata farebbe crollare immediatamente il prezzo delle compagnie petrolifere!
Un saluto e Buon Natale e te la tua famiglia il Capitano ed i blogger che ci seguono!

kry
Scritto il 24 dicembre 2014 at 09:18

madmax,

Abiogenic petroleum origin-tempo indietro ne ha parlato John_Ludd ricordo in parole povere che è una teoria che in pratica si realizza in milioni d’anni e con pressioni non indifferenti.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La notizia delle nevicate delle ultime ore che sta interessando le Dolomiti, potrebbe avere ricordat
Sui mercati finanziari la parola d'ordine è conoscenza. “Solo grazie alla conoscenza è possibile
“Solo grazie alla conoscenza è possibile assorbire gli urti del mercato senza cedere alla paura,
Signori manca poco. Tra qualche giorno arriverà la più grande IPO della storia, quella di Saud
Ftse Mib: l'indice italiano oggi subisce prese di beneficio dopo le parole di Trump di ieri sera. La
Analisi Fondamentale L'ultimo periodo è stato ricco di novità per la banca guidata da Jean Pier
La liquidazione dei dipendenti pubblici, il TFS (trattamento di fine servizio), viene pagata in temp
Mentre il principale indice tedesco tenta di aggiornare il massimi storici mentre la Germania è
Stiamo ai fatti e il resto releghiamolo a “discorsi da bar”. Come sapete, negli USA è temp