ITALIA: LEGGE DI STABILITA’ DEFAULT RETROATTIVO!

Scritto il alle 11:40 da icebergfinanza

Immagine

Come abbiamo scoperto nei giorni scorsi la probabile soluzione finale a questa immensa deflazione da debiti sarà la possibilità di assistere a default selettivi di massa, sia privati che pubblici.

L’ultima notizia è che nei primi nove mesi dell’anno sono fallite 11,103  imprese con record negativo per edilizia e commercio.

ieri a quel che resta di Ballarò è andata in onda l’ “Alba dei Monti viventi”, si il principale protagonista della devastazione del tessuto economico e sociale italiano è stato Monti.

Su questo non c’è alcun dubbio ci ha pensato lui, la domanda interna l’ha distrutta…

 

 

ZAKARIA: You need somebody to buy your products. Are you saying you want Germany to buy things from you?

MONTI: Well, we are gaining a better position in terms of competitiveness because of the  structural reforms. We’re actually destroying domestic demand through fiscal consolidation.

We’re actually destroying domestic demand through fiscal consolidation.We’re actually destroying domestic demand through fiscal consolidation.We’re actually destroying domestic demand through fiscal consolidation.

“Stiamo effettivamente distruggendo la domanda interna attraverso il consolidamento fiscale”.

Chiaro ora, nessun complotto, tutto alla luce del sole.

L’attuale governo si è adeguato nell’ultima legge di stabilità…

Immagine

 

 

 

Ma certo, cosa si può inventare di meglio per eliminare qualche altra impresa in circolazione se non come …

… riporta Il Sole 24 Ore, nell’ultima versione del ddl è spuntato, in deroga allo Statuto del contribuente, l’aumento retroattivo della tassazione sui dividendi di enti non commerciali e fondazioni bancarie e il ritorno già da quest’anno al 3,9% dell’aliquota Irap, che ad aprile il decreto Irpef aveva tagliato al 3,5 per cento. Questo mentre la deducibilità del costo del lavoro dall’imponibile scatta invece dal 2015. Non solo: anche i proventi dei fondi pensione saranno tassati fin dall’1 gennaio 2014 con la nuova aliquota aumentata dall’11,5 al 20%, seppure con uno “sconto” per i riscatti avvenuti nel corso dell’anno.

Ad aprile ti tagliano l’IRAP dal 3,9 al 3,5 % tra una strombazzata e l’altra poi te lo rifilano quando meno te lo aspetti aumentato retroattivamente mentre ti raccontano che hanno diminuito le tasse.

Che figata il default retroattivo!

Buona consapevolezza tra un selfie e l’altro!

 

MACHIAVELLI INCONTRA FORREST GUMP un viaggio appena incominciato, un viaggio lungo tre anni…

Il Tuo sostegno è fondamentale per il nostro lavoro…

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio … cliccando qui sopra o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.2/10 (23 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +16 (from 20 votes)
ITALIA: LEGGE DI STABILITA' DEFAULT RETROATTIVO!, 9.2 out of 10 based on 23 ratings
Tags:   |
41 commenti Commenta
mirrortrader
Scritto il 22 ottobre 2014 at 12:15

Come dicevo ieri mi sembra che siamo finalmente al capolinea.

Questi ci prendono in giro alla grande.

Mi chiedo come possa quel poveretto avere idoli cosi idioti come Renzie.

Iin fondo possono fare tutto questo perche il QI medio italiano ormai è negativo, come dimostra un certo poveretto che idola ancora il Suo Renzie Pinocchio.

galactus
Scritto il 22 ottobre 2014 at 12:18

Possiamo raccontarcela quanto vogliamo ed ancora ancora ed ancora. Curioso che ancora assomigli ad ancora. Si quella di salvataggio… mi pare evidente che siamo presi in giro ogni giorno e nel peggiore dei modi. Domanda: in un rapporto normale, frequente, di lavoro e personale, ci faremmo cosi facilmente e reiteratamente prendere per il culo da idioti come Renzi e compagnia di imbecilli incapaci? E se questi provassero in tutti i modi a fregarci mettendo a rischio lavoro e famiglia, sopratutto famiglia, cosa faremmo? Se poi la giustizia ci impedisse di evitare problemi alla nostra famiglia, giustizia spesso lenta ed inefficace, cosa faremmo? Io penso che una mazza da baseball in testa ai tizi di cui sopra arriviamo a darla in tempi brevi. Perche’ e’ questo che sta succedendo e non si fermeranno. I cittadini di un paese hanno il pieno diritto all’uso della rivolta armata quando chi li governa sta lavorando in senso contrario al bene comune. Penso che non ci sia altra strada, non c’e’ piu’ tempo per tergiversare e dare credito a questa massa informe di decerebrati che decidono per noi.

veleno50
Scritto il 22 ottobre 2014 at 12:46

mirrortrader@finanza,

Assisteremo a default selettivi di massa,sia privati che pubblici. sei facilmente influenzabile, queste sono opinioni di un bravo blogger ma tu dovresti ragionare con la tua di testolina. tu sei un i….a olimpionico a mio parere.

atomictonto
Scritto il 22 ottobre 2014 at 13:07

Interessante.
Questo fino a 6-8 mesi fà era un blog finanziario di qualità con argomenti e commenti tecnici di spessore.
Ora vedo che man mano che Grillo perde consenso si sta trasfromando in un ricettacolo di politicanti con persino uno, tale Galactus (personaggio Marvel…), che inneggia persino alla lotta armata.
Mi permetto di dire al buon Galactus che se è convinto delle cose che scrive pubblicamente si dia da fare invece che scrivere sul web…troverà le strutture di sicurezza democratica pronte ad accoglierlo a braccia aperte.
Saluti, mi spiace ma con Icebergfinanza e Andrea Mazzalai ho chiuso.

aorlansky60
Scritto il 22 ottobre 2014 at 14:11

Se non ricordo male, ho letto recentemente su questo blog -riportato in uno degli art del Capitano- una dichiarazione da parte di uno dei vertici di JP Morgan, secondo il quale : “i contratti di lavoro dei paesi occidentali devono essere riparametrati per essere messi in competizione con quelli dei paesi emergenti”…

ecco, da qui si capiscono molte cose su dove intendono andare a parare…

Comunque -l’ho già scritto più volte- a mio parere questa situazione non regge ancora a lungo; i segnali di insofferenza sono sempre più chiari e palesi… io ho una data di riferimento precisa : 2017, anno delle prossime presidenziali francesi; se la situazione europea continua nel frattempo a mantenere le sofferenze attuali favorendo una vittoria della destra radicale in Francia, potrebbe essere scritta la parola fine di un unione ridicola (per come essa si stà trascinando, con palesi manifestazioni divisorie al proprio interno); a questo punto, si pone il problema di come arrivarci, al 2017, mancano ancora due anni che se vissuti ancora al cardiopalma come gli ultimi 3, non so bene quanto il sistema possa ancora tenere…

icebergfinanza
Scritto il 22 ottobre 2014 at 14:24

Ricordo a tutti che ognuno si assume le responsabilità di quello che scrive e nel caso venisse richiesto siamo tenuti a fornire le generalità di chi ha scritto determinate cose. Per quanto riguarda l’isterismo di quelli che in riferimento ai post sai qualche mese fa qui si parlava di cose serie e ora non più consiglio di continuare a seguire il pensiero unico in mezzo alle macerie antropologiche di questo Paese!

galactus
Scritto il 22 ottobre 2014 at 14:33

atomictonto@finanza,

Secondo me Andrea Mazzali ed il blog c’entrano davvero poco con le mie idee, che sono volutamnete provocatorie. Scrivo poche volte, davvero poche, credo di dare poco fastidio. Andrea l’ho anche conosciuto personalmente e ne ho grande stima. E’ certamnete contro la violenza, come lo sono io, ma la rivolta anche armata come ultima ratio, io non la escludo. Ed e’ diritto di tutti i popoli farlo. Io la mia parte la faccio, credimi e con poche chiacchiere. Ho un’azienda di 10 persone ed i miei ragazzi non hanno perso un’euro di contributi e stipendio un queati anni. Non mi pago io lo stipendio se fosse necessario. Ho intenzione di fare di piu’ ed assumere altri collaboratori, nonostante lo stato democratico del piffero dove viviamo. Che ogni giorno se ne inventa una per fare chiudere le aziende. Avrai ben voglia di scherzare, dilla tutta. Se te ne vai dal blog non e’ per Galaxtus ma solamente perche’ la cerita’ fa male e guardare in faccia alle cose fa anchè peggio. Galactus personaggio Marvel. Mi piacciono gli eroi ma non ne vedo molti in giro. Ps: per Andrea, se ritieni offensivo il mio primo messaggio bannalo pure, non ti preoccupare. Con stima ed affetto

mirrortrader
Scritto il 22 ottobre 2014 at 14:44

Rubano e ci massacrano la vita giorno per giorno, e in questo blog ci denunciamo tra noi per qualche piccola offesa/verita?
Ridicolo.
L’italia mi fa sempre piu schifo, la gente che la popola soprattutto.

reragno
Scritto il 22 ottobre 2014 at 14:49

Andrea ha perfettamente ragione, ognuno si assume la responsabilità di quello che scrive.

Io ho sempre fatto, sfidando la pazienza di Andrea, affermazioni pesanti ( qualcuno addirittura voleva un intervento della magistratura contro di me ).
Però bisogna farlo sempre nel rispetto di due cose fondamentali: siamo ospiti in casa d’altri e che dopo tre giorni l’ospite puzza come il pesce.

draziz
Scritto il 22 ottobre 2014 at 15:14

Correva il 1946…lo scontro fra i sostenitori della Monarchia e fra quelli che auspicavano l’arrivo di una Repubblica era arrivato a portare la nazione sull’orlo della guerra civile.
Cosa resta 70 anni dopo?
Di sicuro vi sono speranze tradite ed una figura immonda di una classe politica che, periodicamente, si richiama e ci richiama ad ideali e scatti di reni, ma che continua a produrre un fetore insopportabile…

stanziale
Scritto il 22 ottobre 2014 at 15:39

Questo post e’ dedicato particolarmente a Veleno che, come tanti, non comprende o non vuole capire il reale problema: non e’ un problema di uomini, o almeno non solo, ma di appartenenza all’aria euro, e della necessita’ che la moneta venga stampata dal tesoro e non da una usuraia associazione privata come e’ la bce . Abbiamo pagato dal 1981 (quando il tesoro italiano ha abdicao alla sua funzione di stampa) 3100 miliardi di euro di interessi sul debito pubblico. E sono sempre crescenti! (ovvio, l’interesse composto…). Mi chiedo cosa c’e’ che non si comprende…..e’ un mistero, nel medioevo le persone erano molto piu’ vispe, infatti ogni staterello aveva la sua moneta….l’art. e’ tratto dal blog di Grillo del quale io, peraltro, non sono seguace. Leggi Veleno, leggi bene.
http://www.rischiocalcolato.it/2014/10/m5s-o-sovranita-monetaria-o-default-e-grillo-cita-uno-studio-di-scenarieconomici-it.html

stanziale
Scritto il 22 ottobre 2014 at 15:44

reragno@finanzaonline,

eheh. A chi lo dici…se la bce mi fa causa, pero’, chiamo a testimoniare 300 milioni di persone.

gnutim
Scritto il 22 ottobre 2014 at 15:44

ciao Andrea, questo post mi fa cascare le braghe….

ma mi domando se ci meritiamo DAVVERO questi governanti…

So che l’Italia ha tanti difetti ma io sono ancora orgoglioso del tricolore per quello che è stato e per quello che può ancira dare al proprio popolo.

Come sarebbe bello sostituire renzie con l’uomo bianco….

gnutim
Scritto il 22 ottobre 2014 at 15:47

Stanziale hai ragione che non è tutta colpa dell’uomo di Montecitorio o del Colle, ma un esempio che viene dal basso può far crollare un’intera montagna

mirrortrader
Scritto il 22 ottobre 2014 at 15:59

Veleno, le attuali mosse del governo (illogiche) preludono a qualcosa di grosso (se ragiono con la mia testolina idiota).

dispettoso fiorentino
Scritto il 22 ottobre 2014 at 16:52

…. caro Sig. Veleno , fai una cosa intelligente , beviti 50 volte il tuo login … e non strafacassare ….

andrea4891
Scritto il 22 ottobre 2014 at 16:59

atomictonto@finanza,

NOOOOOOOOOOOO !!!

come potremo sopravvivere senza un tonto tanto atomico ??!!

ci mancheRAI, ahi ahi ahi !!!

:cry: :cry: :cry:

Longobardo
Scritto il 22 ottobre 2014 at 17:09

galactus@finanza,

Caro Galactus evidentemente esistono ancora molte sacche di benessere o comunque di malessere non eccessivo. Penso sia utile ricordare ai benpensanti che una fetta sempre più consistente di popolazione è costituita da cassintegrati, sussidiati e altre tipologie di mantenuti che mai e poi mai potranno rientrare nel mercato del lavoro. Si tratta di una carità pelosa, li si tiene per le OOOOO in maniera tale che non alzino la testa. Ma il giorno in cui la mammella si prosciugherà vedrai che ridere. La fame rende irascibili, lo insegna la storia.

dfumagalli
Scritto il 22 ottobre 2014 at 17:40

mirrortrader@finanza:
Rubano e ci massacrano la vita giorno per giorno, e in questo blog ci denunciamo tra noi per qualche piccola offesa/verita?
Ridicolo.
L’italia mi fa sempre piu schifo, la gente che la popola soprattutto.

Tra di noi che abbiamo capito la tiritera e ce ne siamo andati a stare all’estero, ci diciamo sempre che l’Italia è il Paese più bello e migliore al mondo… se fosse completamente spopolato.

Dopo tutto, il terreno è quello di un passato glorioso, i monumenti (che ancora non abbiamo sciupato) sono quelli… l’unica cosa che è cambiata sono gli italioti. Non si può abitare in un Paese dove il 40.8% vota un pupazzo di plastica, un 20% un comico iracondo ed un 15% un pezzo da galera.

glare
Scritto il 22 ottobre 2014 at 17:51

Ragazzi è inutile scannarsi tra di noi..è ovvio ormai a tutti che i conti Padoani non tornano semplicemente perchè il Pil non cresce più nella realtà da almeno 4 anni..e ci sono errori per almeno 8 Mld solo nell’ultima legge di…

Da dove si possono ricavare..se non dalle Tasse?
Non possiamo sforare il Deficit, il nostro avanzo Primario non è sufficiente..abbiamo un “tesoretto di 3,4 Mld” ma solo l’alluvione di Genova ha fatto danni per 200 Mln..e ogni 2×3 succede qualcosa..abbiamo da rifinanziare fra un pò le missioni in Libano, Iraq…etc

Il problema è che anche togliendo i loro Privilegi si ridurrebbe la spesa di al massimo 0,5 Mld di euro..mentre sulla corruzione almeno 20 Mld ma è inutile ricordarci che rinizierebbero gli anni di piombo e le stragi mafiose..(ecco perchè i politici non lo fanno..hanno troppa paura e il sistemache la repubblica ha creato in questi ultimi 45 anni è troppo marcio.)
L’unica via di fuga sarebbe stato abbandonare l’euro nel 2012 e ancorarsi al dollaro per un breve periodo e poi si sarebbe visto ma i nostri politici non sono all’altezza di discutere per lo sforamento del deficit figurarsi per un piano B.

Finchè il sistema familiare e il risparmio Italiano terranno, allora non andremo incontro ad alcun default Tecnico..poi quando i fondi e la pazienza saranno agli sgoccioli..allora vedremo rapidi cambiamenti e quello sarà il momento più duro e di massimo stress sulla popolazione..
Abbiamo come esperienza la realtà Greca e dobbiamo ricordarci che la loro condizione è spostata in avanti di 4-5 anni..
Ve lo dico da tempo prendete provvedimenti..non arrabiatevi..e cercate di trovare la forma in cui il vostro risparmio sia meno tassato..senza portare i soldi altrove ormai è tardi e rischioso.

glare
Scritto il 22 ottobre 2014 at 17:55

dfumagalli@finanza,

Io non sono andato a Votare..anche se molte volte mi identifico nel Pensiero di Salvini..un conto è dire, un conto è fare e per me la Lega..non ha mai fatto un Tubo.
Io in questi ultimi 2 anni sto studiando le lingue e riqualificandomi in campo meccanico..se si va all’estero bisogna essere figure tecniche e richieste..e non andare a fare i pizzaioli o i camerieri.

mirrortrader
Scritto il 22 ottobre 2014 at 18:37

glare@finanza:
[email protected],

Io non sono andato a Votare..anche se molte volte mi identifico nel Pensiero di Salvini..un conto è dire, un conto è fare e per me la Lega..non ha mai fatto un Tubo.
Io in questi ultimi 2 anni sto studiando le lingue e riqualificandomi in campo meccanico..se si va all’estero bisogna essere figure tecniche e richieste..e non andare a fare i pizzaioli o i camerieri.

D’accordissimo con la tua politica del INTANTO MI SALVO IO,, anche io mi sto RIqualificando e studiando per bene l’inglese, per prepararmi all’espatrio.
Non dico dove andrò, non vorrei mai trovarmi qualche idiota Renziano nel posto.
A dicembre vado in questo posto per informarmi sulle ultime cosette, e poi addio ItaGlietta del passato, piena di arroganti cittadini senza QI.

ropami
Scritto il 22 ottobre 2014 at 19:19

Buonasera a tutti,

vi leggo spesso e devo ammettere che articoli e commenti sono davvero di pregevole livello.

Domanda sciocca e forse banale:

Ma se una persona normale ha in banca quattro soldi eccedenti i 100.000 euro (semplice citazione so che nemmeno quelli sono “sicuri”) cosa potrebbe praticamente e nell’ immediato poter fare per evitare possibili conseguenze sul suo capitale?

Spero possiate aiutarmi.

Vi saluto e ringrazio per le notizie e commenti sempre puntuali.

dfumagalli
Scritto il 22 ottobre 2014 at 19:26

glare@finanza:
[email protected],

Io non sono andato a Votare..anche se molte volte mi identifico nel Pensiero di Salvini..un conto è dire, un conto è fare e per me la Lega..non ha mai fatto un Tubo.
Io in questi ultimi 2 anni sto studiando le lingue e riqualificandomi in campo meccanico..se si va all’estero bisogna essere figure tecniche e richieste..e non andare a fare i pizzaioli o i camerieri.

All’estero bisogna essere bravi, non importa se camerieri o pizzaioli o disegnatori. La massima parte di aziende e locali falliti qui è italiana. Tutta gente che credeva che fosse tanto facile operare col 4-25% d’imposte ed una burocrazia che impiega giorni invece che anni. Invece no, bisogna entrare nell’ordine d’idee che ci si è grandemente lasciati accoccolare da decenni di inazione e che la competizione di coloro che sono cresciuti in Paesi normali è spaventosa e qualificata.

Poi ci sono ragionamenti banalissimi che quasi nessuno fa: in terra di grande immigrazione italiana, ben pochi Italiani arrivano là coi soldi da spendere in ristorantini e locali chich italiani. Al contrario, chi ha i soldi sono i non Italiani e quindi gli Italiani devono orientarsi a fornire prodotti e servizi che tale clientela desidera. E’ quindi possibile che un cameriere che conosca Russo e/o Tedesco abbia più chances di un’altra figura magari qualificata ma più orientata agli Italiani e che magari non sa nemmeno l’Inglese.

Scritto il 22 ottobre 2014 at 19:52

Se basta qualche post o commento fuori luogo a far gettare la spugna, mollare uno dei pochi posti in cui trovare informazioni e dati non edulcorati o manipolati, allora il lavoro di Andrea è inutile.
Per cambiare le cose bisogna conoscerle per quello che realmente sono.
Se dati, grafici, tendenze ecc. non piacciono perchè non fanno altro che aumentare disgusto e pessimismo, che si fa? Si fa finta che non esistono e che tutto va bene? O si spera in Babbo Natale?
Anzichè premiare lo sforzo quotidiano di reperire dati e fonti e farne una sintesi gli si imputa di pubblicarli… Come aprire gli occhi a qualcuno che poi si lamenta che c’è troppa luce e da la colpa a chi glieli ha aperti.
Capisco la paura del futuro e il bisogno di certezze. Capisco la necessità di avere qualcosa di positivo, almeno ogni tanto. E capisco che molti sentano quotidianamente crescere la sensazione di ineluttabilità, di impotenza. La provo anch’io.
Ma qualsiasi cambiamento non traumatico o cruento parte da un singolo fattore, sempre quello da secoli: la famiglia. Che può essere intesa come la propria in senso stretto o la cerchia di chi ci circonda. I media e i governi da decenni fanno di tutto per distruggerla, e ci stanno riuscendo. E’ inutile pensare di cambiare una città o un Paese se non si riesce a migliorare la situazione che ci sta intorno a portata di occhi.
Esser consapevoli, sapere cosa sta realmente accadendo, è ancora “privilegio” di pochi, tra cui i lettori di questo blog. Spiegarlo agli altri aiuta a far capire, aiuta far a compiere delle scelte, aiuta a migliorare il clima di compartecipazione (abbassando il tasso di individualismo), e risveglia le coscienze anche su temi come la solidarietà.
Certo che se uno volesse solo “consigli per gli acquisti”… credo non abbia capito lo spirito del blog.
Ovviamente, questo è solo il mio parere.

Claudio

dfumagalli
Scritto il 22 ottobre 2014 at 20:11

ropami@finanza:
Buonasera a tutti,

vi leggo spesso e devo ammettere che articoli e commenti sono davvero di pregevole livello.

Domanda sciocca e forse banale:

Ma se una persona normale ha in banca quattro soldi eccedenti i 100.000 euro (semplice citazione so che nemmeno quelli sono “sicuri”) cosa potrebbe praticamente e nell’ immediato poter fare per evitare possibili conseguenze sul suo capitale?

Spero possiate aiutarmi.

Vi saluto e ringrazio per le notizie e commenti sempre puntuali.

Se i soldi sono puliti e non sono stati fatti in nero non dovresti aver grandi difficoltà. Se proprio vuoi stare relativamente comunque sotto il radar puoi fare una serie di bonifici SEPA da circa 9400 euro verso una banca estera, magari distanziati l’uno dall’altro. Se invece sono soldi meno trasparenti non ti posso dire nulla.

dorf001
Scritto il 22 ottobre 2014 at 20:33

draziz@finanza,

stanziale@finanza,

leggo che si parla di speranze tradite!! parlate “solo” di denaro. ma vi dimenticate che c’è del’altro. molto altro. cioè noi siamo una colonia americana da 70 anni. tutti i gorverni, da andreotti in poi, forse tranne moro, sono sempre stati servi per nondire lecchini degli yankee.

renzi è fenomenale come lustra scarpe di obama. lo fà benissimo il suo compito di grande servitore. la sapete no, la storia di maidan e dell’ucraina. una guerra creata ad atre dagli usa contro la russia.
laggiù ci sono i nazisti!!! e questo governo sta coi nazisti. lo sapte che alle feste del pd a milano c’era parecchia gente nazista? anche italiani. qui c’è un articolo dedicato.

DAL PD AI NUOVI NAZISTI: LA COSCIENZA TRAMORTITA DELL’IMPERO

Cosa ha spinto esponenti PD ad appoggiare combattenti nazisti e tagliagole jihadisti? La metabolizzazione della sinistra nel corpo di un Impero pronto alla guerra.
Quando l’ho visto sono rimasto scioccato. È un’esperienza dura vedere questo brevissimo documento filmato di Pandora TV. Ma è un’esperienza necessaria. Oso dire che è obbligatorio guardarlo. Perché ciò che lì accade ci è vicino nello spazio e purtroppo non ci sarà lontano nel tempo. Si tratta del massacro di Odessa.
Invito a non essere bambini e a guardarlo: QUI

L’avete visto? Bene. Una volta avremmo detto “E’ una strage nazista”. Esatto! Anche adesso è così. Solo che non lo si può dire. Invece noi che siamo politicamente scorretti lo diciamo e lo motiviamo in modo semplice: sono ben tre i dicasteri di Kiev in mano a esponenti di Svoboda (Pubblica Istruzione, Ecologia e Risorse Naturali, Politiche agricole e alimentari). Inoltre è di Svoboda il vicepremierato e il Consiglio Nazionale Sicurezza e Difesa (che comprende Difesa e Forze Armate – il vicesegretario è sempre un nazista, ma di altra parrocchia). Il ministero della Gioventù e dello Sport è invece in mano all’Assemblea Nazionale Ucraina – Autodifesa del Popolo Ucraino (UNA-UNSO) così come la commissione anticorruzione nazionale.
Svoboda è il partito dei neonazisti galiziani, il suo simbolo sono le dita della mano che formano un tridente (il tridente è lo stemma dell’Ucraina), ma tra i suoi militanti è anche diffusa la svastica e sue varianti come il Wolfsangel, che vedete qui sotto, simbolo del nucleo originario di Svoboda, il Partito Social-Nazionale di Ucraina, usato anche dagli aderenti di Settore Destro.

Il Wolfsangel in parata e, a destra, in azione durante il golpe di Kiev. Bella gente.

guardate il video.

Il PD lo scorso 14 settembre ha organizzato a Buscate, in provincia di Milano, la prima “Festa dell’Unità ucraina”, con la collaborazione dell’Associazione Maidan, il patrocinio del Console ucraino a Milano, Andriy Kartysh, e il supporto del Sindaco di Buscate, Maria Teresa Pisoni. Sul palco si sono succeduti Matteo Cazzulani, “Responsabile per i rapporti del PD metropolitano milanese con i Partiti democratici e progressisti nel Mondo”, la giornalista Anna Zafesova, il saggista Massimiliano Di Pasquale, il “reduce del Maidan” Mauro Voerzio e il Presidente dell’Associazione Maidan. Fabio Prevedello.

leggete bene tutto, qui : http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=14064

spero non vi venga il vomito.

questo è il pd.

AMEN e Buena suerte

icebergfinanza
Scritto il 22 ottobre 2014 at 20:40

By Nicholas Comfort
Oct. 22 (Bloomberg) — Deutsche Bank AG, Germany’s largest
lender, is at risk of failing the European Central Bank’s stress
test based on its financial standing before it sold shares to
raise capital this year, analysts said.

signor pomata
Scritto il 22 ottobre 2014 at 21:22

Carissimi vedo che le risse tra tifosi piacciono tanto a noi italiani, quelli del nero e rosso o di azzurro e rosso o di bianco e nero.
Noi italiani non siamo fessi ma lo facciamo per bisogno.
Pensate che i collaboratori di berlusconi e renzi non sappiano che dicono e fanno solo ca zzate???
Ma voi avete mai avuto un capo??Gli avete mai detto in faccia che è un coglione e che sta sbagliando tutto??
Avete mai rischiato per il bene comune o per la sacrosanta verità le chiappe e dico proprio il culo…..rischiare per perdere qualcosa di importante come un posto di lavoro o un diritto acquisito??
Faccio il capo fabbrica e spesso mi vergogno di quello che vedo, vado a riunioni di manager e dipendenti di aziende della moda che ogni volta sono più allucinanti in cui ognuno che partecipa conosce benissimo i fatti reali ma tutti per ore facciamo finta e mentiamo spudoratamente perche nessuno ha il coraggio di dire in faccia a questa gente che sono degli emeriti coglioni e incapaci e che trovano gente che li ascolta e gli lavora solo perche c” è la crisi.
La crisi ti fa sopportare tutto, devi sopportare tutto perche ti infondono il timore……..e diciamolo che son bravi.
Hanno distrutto le rappresentanze sindacali e distrutto il lavoro autonomo, distrutto le eccellenze statali e innescato un umore di tensione e paura nel paese tanto che oramai possono dire e fare tutto che nessuno parla, nessuno ha il coraggio di dire il vero e di affrontarli.
Certo andrea lo fa e lo fa anche alberto bagnai e altri volenterosi ma……che facciamo ci raccontiamo tra noi che ci salviamo con due o tre blog???
Il blog che tutti pensavamo ci potesse salvare è stato fatto a arte per convogliare il disappunto del paese e farlo tacere.Non metto in dubbio che la base dei 5 stelle non sia informata e volenterosa ma la cima è di una ilarità catastrofica per non dire altro.
Grillo ha fatto il suo sporco lavoro….sedare la massa raccontando un pezzo di verità sorvolando sul problema di fondo che ogni tanto tira fuori con sparate del tipo referendario che solo a sentirlo mi viene la gastrite.Referendum sulla austerità….una cosa ridicola se non si capisce perche si sta facendo austerità….non credete???
Caro andrea il punto è che son convinto che faranno un haircut sul debito……ne ero convinto allora e ne sono convinto ora, ecco perche sono stato sempre restio a detenere i btp……..ma i mercati sono cosi, da un eccesso a un altro…oggi la grecia è in crescita e felice e domani è fallita e tutti i giornali ne parlano…dopodomani non se la fila nessuno e sparisce di nuovo per ritornare se serve una spiegazione a qualche problema borsistico .
L” italia è nella merda……è dentro un sistema a cambi fissi in cui il suo concorrente è sia quello che ha fatto per primo la riforma del lavoro tradendo i trattati( dumping salariale) sia quello che controlla collegialmente la bce….la banca di tutti ma che fa interessi di qualcuno e sia quello che grazie alla unione monetaria ha costantemente un cambio sottovalutato nei nostri confronti.
Ci puoi mettere anche cristo che nulla può cambiare in questo contesto……la domanda è fino a quando la bce garantirà il debito periferico e cosa ci costerà per garantirlo……a tempo determinato perche è solo un prendere tempo per ritornare al punto iniziale cioè il default sul debito.
Se spendiamo in deficit ci indebitiamo con l” estero e si torna come nel 2011 …se non spendiamo il pil scende o non cresce o sicuramente cresce di più il debito.
Lo stato non può vivere finanziandosi con i risparmi dei cittadini ….almeno il gioco non può durare.
In giappone dura perche se uno ha il debito in moneta sovrana il debito è monetizzabile…..dicono che poi arriva l” inflazione….dicono….stiamo ancora aspettando.
Il giappone avrà anche sbagliato strategia ma almeno ha salvato il paese…..a noi ci hanno venduto per un sogno….e manco era il mio cazzo!!!!

ropami
Scritto il 22 ottobre 2014 at 22:13

dfumagalli@finanza,

Salve,

tutto liscio e regolare, i quattro soldini messi da parte da mamma e papà in anni di duro lavoro, per poi per uno di loro due non avere nemmeno il tempo di “goderseli”.

Qualche consiglio su paesi “papabili”, nel senso l’ euro zona se cede l’ Italia non so come sia messa… ed in ogni caso tanti paesi anche virtuosi sembra abbiano parecchi scheletri nell’ armadio.

Grazie delle risposte! :)

dfumagalli
Scritto il 22 ottobre 2014 at 23:31

ropami@finanza:
[email protected],

Salve,

tutto liscio e regolare, i quattro soldini messi da parte da mamma e papà in anni di duro lavoro, per poi per uno di loro due non avere nemmeno il tempo di “goderseli”.

Qualche consiglio su paesi “papabili”, nel senso l’ euro zona se cede l’ Italia non so come sia messa… ed in ogni caso tanti paesi anche virtuosi sembra abbiano parecchi scheletri nell’ armadio.

Grazie delle risposte!

Purtroppo i Paesi che finanziariamente patirebbero di meno hanno dei requisiti per la residenza molto elevati (ad esempio dei depositi vincolati per anni e d’importo ben superiore ai 100k). Un compromesso “decente” in quanto anche vicino all’Italia sarebbe Malta, anche se penso che in caso di crack dell’Euro la Sterlina avrebbe grandi ripercussioni. Se no ci sono i Paesi con valuta propria del nord – dopo tutto loro fanno i professori sull’austerity ma non sono stati così fessi da entrare nell’Euro.

Comunque se l’Euro affonda, nessuna valuta al mondo potrà restarne indenne, è un Titanic molto grosso.

dfumagalli
Scritto il 22 ottobre 2014 at 23:54

signor pomata@finanzaonline:
Carissimi vedo che le risse tra tifosi piacciono tanto a noi italiani, quelli del nero e rosso o di azzurro e rosso o di bianco e nero.
Noi italiani non siamo fessi ma lo facciamo per bisogno.
Pensate che i collaboratori di berlusconi e renzi non sappiano che dicono e fanno solo ca zzate???
Ma voi avete mai avuto un capo??Gli avete mai detto in faccia che è un coglione e che sta sbagliando tutto??
Avete mai rischiato per il bene comune o per la sacrosanta verità le chiappe e dico proprio il culo…..rischiare per perdere qualcosa di importante come un posto di lavoro o un diritto acquisito??

Io ho sempre detto quello che pensavo e naturalmente mi è anche costato due posti di lavoro e mezzo (!!!).

La prima volta, circa 2001, non ci stavo a far brutta figura solo perché il nostro capo-progetto era un incapace inguaribile con la testa fra le nuvole. Prima che arrivasse la tempesta mi sono presentato io all’ufficio personale e poi dall’amministratore delegato e ho detto a entrambi tutto quello che pensavo della cosa e dei criteri con cui mettevano dei cretini a comandare, contestualmente alla lettera con le mie dimissioni irrevocabili.

2005: azienda seguente: un tizio con grandi conoscenze ed aderenze anche estere è stato assunto dall’azienda per cui lavoravo. Era un arrampicatore da paura e senza scrupoli. Dopo 6 mesi già si trombava l’amministratrice. Allo stesso tempo e senza dir nulla, “intercettava” TUTTI i miei progetti dal nostro server e li portava sia da lei che dai nostri clienti come suoi.
Dopo un po’ ho notato che non ricevevo più premi di produzione e i “piani alti” sembravano più freddi verso di me.
Grazie ad amici-colleghi sono venuto a conoscenza delle sue macchinazioni ed un giorno lo ho sputtanato mostruosamente (avevo creato un progetto “civetta” totalmente errato e lui subito lo aveva “fatto suo” ed inoltrato).
Ha avuto la faccia tosta di farmi chiamare in direzione, indignato dei risultati di quello che alla fine era stato frutto del lavoro mio e del mio team.
Allora lì, davanti a tutti i grandi papaveri, ho scodellato tutto, tutte le sue porcate e “di rimbalzo” è anche venuta fuori la tresca. Risultato: lui licenziato in tronco e io “caldamente consigliato” di andarmene (se lo facevo mi davano anche un incentivo, altrimenti…) in quanto all’amministratrice (sposata!) non era piaciuto di far la figura della donnaccia.

2010: altra azienda, stessi criteri per mettere ai posti chiave dei perfetti cretini. In questo caso si trattava d’un amico di famiglia dell’amministratore delegato (eravamo una grande società con un intero plesso industriale) conosciuto anche come: “Yes man”. Infatti qualunque cosa i “piani alti” gli chiedessero lui diceva subito un Sì convinto e poi scodellava il padulo agli altri sotto di lui. Me incluso. Però né io né altri miei colleghi ci stavamo (anche perché il merito se lo prendeva sempre lui) e quindi seguivamo un altro direttore, MOLTO in gamba e che da solo aveva portato l’azienda ai suoi fasti. Purtroppo era anziano, un giorno è andato in pensione. Già pochi giorni dopo sono iniziate ad arrivare le vendette dell’altro. Ha pian piano svuotato il mio ufficio di ogni mansione, ai meeting era “obbligato” a ricordare che eravamo un ramo secco.
Però era così incapace che, tolto il direttore capace pensionato, ha fatto fallire l’intera catena d’aziende in un paio d’anni per cui non siamo nemmeno arrivati alla resa dei conti: un giorno semplicemente hanno chiuso tutto.

Avevo girato per lavoro moltissime aziende in tutt’Italia, erano TUTTE sistemate così: parenti, cugini, amici, MAI gente capace a dirigere.
La mia amarezza su come vengono gestite le responsabilità in Italia, assieme al mio nuovo e sta volta definitivo status di disoccupato, mi hanno spinto a cercare una boccata d’aria all’estero.

La ho trovata. E’ una vita molto dura ma finalmente ho visto cosa è la meritocrazia e la competizione. Non tornerei mai più indietro ora che ho visto come è “fuori”.

alessandroecristina
Scritto il 23 ottobre 2014 at 00:22

dfumagalli@finanza,

un grazie sincero per aver condiviso!!!;-)

aorlansky60
Scritto il 23 ottobre 2014 at 08:33

@Icebergfinanza – 22Ott2014 – 20:40 :

“By Nicholas Comfort
Oct. 22 (Bloomberg) — Deutsche Bank AG, Germany’s largest lender, is at risk of failing the European Central Bank’s stress
test based on its financial standing before it sold shares to raise capital this year, analysts said.”

WOW

thanks, Capitano! :-)

tra tutti i fiumi di parole dei vari posts letti finora, questo stringato comunicato è di certo il più significativo!

dobbiamo quindi prepararci ed allacciarci le cinture??

Ma glielo faranno davvero fallire lo “stress-test” a quella balena(metaforicamente parlando) ??? o si inventeranno qualcosa sottobanco per non farla inciampare??? no perchè, capite, quelli che frequentano questo blog sanno bene -grazie alla informazione VERA messa in onda qui- com’è messa quella banca, e sotto sotto tutti gli operatori economici lo sanno bene, anche se fanno finta di niente… è un pò come il Vajont 50anni fà, tutti proprio tutti sapevano che prima o poi la montagna franava ma nessuno se ne preoccupava, ci scherzavano perfino sopra… poi potrebbe improvvisamente accadere che a tutto il mondo -operatori, finanza, politica, popolo- venga sbattuta in faccia la notizia ufficiale “Deutsche Bank non passa lo stress-test” senza nemmeno bisogno di specificarne la motivazione (tanto il 90% cioè il popolo non capirebbe) ed ecco che l’effetto fiducia potrebbe crollare come per effetto domino estendendosi a macchia d’olio come nell’ottobre 2008!! (a proposito, ma è casuale o lo fanno apposta di far accadere simili eventi sempre nel mese di ottobre???…)

Proprio per questo mi chiedo se coloro che hanno in mano numeri e potere per decidere, soppeseranno questo micidiale potenziale… da gente che si è perfino inventato di considerare i proventi da economia illegale nel computo del PIL procapite di ogni Stato membro, credo ci sia da aspettarsi di tutto, anche di peggio…

aorlansky60
Scritto il 23 ottobre 2014 at 08:49

@Dfumagalli :

grazie per il feedback :-)

molto interessante e significativo ciò che hai descritto riguardo alle tue esperienze professionali in italia, sopratutto ciò che ne viene fuori come tratto comune a legare una sorta di filosofia tipicamente italiana nel pensare e nell’agire in ambito organizzativo che -purtroppo- sono fin troppo note; non al tuo livello, ma anch’io in oltre 30anni di professione -sempre nella stessa azienda privata- ho avuto a che fare con esso, alcune volte (poche per fortuna) scontrandomici pure duro, per cui non posso che confermare .

ropami
Scritto il 23 ottobre 2014 at 10:18

dfumagalli@finanza,

Grazie della risposta.

Effettivamente paesi con valuta diversa e anche sicuri sono abbastanza costosetti … mi viene in mente una certa CH ma altro che 100k… anche se credo che rimarrà sempre un baluardo oltre al fatto che penso riusciranno a far passare il referendum del 30 novembre.

In ogni caso ti ringrazio per non aver risposto dicendo, “ti compri oro fisico e sei a posto”. Con tutto il rispetto che ho per questa situazione per i molti risulta impraticabile per i costi, la detenzione, la rivendita e varie ed eventuali.

Insomma, speriamo che il Titanic regga e che non facciano scherzi su CC.
Alla fine se fanno una patrimoniale o simili davvero non avrei idea di come schivarla.

P.s.: mi spiace per i tuoi posti di lavoro persi ma l’ Italia non è un paese dove questionare, anzi se hai delle buone idee stai certo che verrai molto spesso visto come pericolo invece che come “risorsa”.

Buona giornata a tutti

dfumagalli
Scritto il 23 ottobre 2014 at 15:20

ropami@finanza:
[email protected],

Grazie della risposta.

P.s.: mi spiace per i tuoi posti di lavoro persi ma l’ Italia non è un paese dove questionare, anzi se hai delle buone idee stai certo che verrai molto spesso visto come pericolo invece che come “risorsa”.

Prego!
Sono rimasto quasi meravigliato dal fatto che il mio post “fiume” venisse apprezzato, dopo tutto scrivere sulle proprie difficoltà e fallimenti non è generalmente visto come una mossa molto azzeccata.

Comunque a conti fatti sono quasi contento di tali traversìe, senza di essere ora non sarei qui, a godermi una vita al mare, apprezzato sul lavoro (qui ho trovato subito un mare di cose da fare, ma sono molto specializzato, per altri è una tragedia) e sul trading.

dfumagalli
Scritto il 23 ottobre 2014 at 15:28

ropami@finanza:
[email protected],

Grazie della risposta.

Effettivamente paesi con valuta diversa e anche sicuri sono abbastanza costosetti … mi viene in mente una certa CH ma altro che 100k… anche se credo che rimarrà sempre un baluardo oltre al fatto che penso riusciranno a far passare il referendum del 30 novembre.

Spero che leggerai questo messaggio.

Ci sono due fattori a proposito di dove mettere i soldi:

1) Quando si è all’inferno, anche il purgatorio sembra un Paradiso.

2) Quando si è onesti tanti problemi vengono meno.

Spiegazione:

1) Non è necessario che tu cerchi il paradiso fiscale perfetto, basta già solo che trovi un Paese più favorevole del tuo.

2) I veri paradisi fiscali sono molto cari perché coloro che vi cercano rifugio di solito hanno molto da nascondere. Se non hai nulla da nascondere hai accesso ad altri lidi.

In pratica, puoi ad esempio spostare i soldi persino in un Paese molto normale tipo Gran Bretagna e non avrai problemi. Se proprio vuoi essere in una botte di ferro, puoi fare come me che mi sono fatto una micro-polizza (micro nel senso che è tipo 16 euro l’anno o simili) che in caso di default della banca o altro, comunque mi rimborsano tutti i soldi con l’assicurazione.

glare
Scritto il 23 ottobre 2014 at 19:34

ropami@finanza,

Ti ha risposto molto bene Dfumagalli, 100 mila euro oggi non danno nell’occhio e se sono trasparenti (ad esempio pensioni) non sono mai un problema..anzi.
Se dubiti del prelievo forzoso (prima o poi ci sarà, ma verrà fatto solo se le cose precipiteranno e sui patrimoni eccedenti i 100.000), ti consiglio di dividere il tuo deposito anche solo in due conti separati..in almeno uno dei due dovresti essere cointestatario (in genere in quello del padre per ovvi motivi).
Bonifici da circa 7500 sterline verso Barclays..li puoi fare senza alcun problema e se non ricordo male puoi portare in tasca fino a 14999 euro liquidi in tutti i paesi dello schengen decidendo tu quale banca sia la migliore…ad esempio 4-5 viaggi a Malta.

Ti consiglio di tenerli in Italia e di averli liquidi (il posto lo devi conoscere solo tu)..fai molto bene ad interessarti adesso perchè se le cose non migliorano il sistema pensionistico italiano finirà come lo conosciamo nel giro di circa 36-40 mesi..per fare posto a pensioni retribuite in funzione dei contributi realmente versati.

ropami
Scritto il 24 ottobre 2014 at 10:46

dfumagalli@finanza,

Spero che leggerai questo messaggio.

Ovviamente leggo! In questi commenti si possono ottenere sempre informazioni molto utili.

Sono contento che tu ora sia in un posto migliore (penso non in Italia) e soprattutto che tu sia apprezzato.

Bella la metafora dantesca!

Ti ha risposto molto bene Dfumagalli, 100 mila euro oggi non danno nell’occhio e se sono trasparenti (ad esempio pensioni) non sono mai un problema..anzi.
Se dubiti del prelievo forzoso (prima o poi ci sarà, ma verrà fatto solo se le cose precipiteranno e sui patrimoni eccedenti i 100.000), ti consiglio di dividere il tuo deposito anche solo in due conti separati..in almeno uno dei due dovresti essere cointestatario (in genere in quello del padre per ovvi motivi).
Bonifici da circa 7500 sterline verso Barclays..li puoi fare senza alcun problema e se non ricordo male puoi portare in tasca fino a 14999 euro liquidi in tutti i paesi dello schengen decidendo tu quale banca sia la migliore…ad esempio 4-5 viaggi a Malta.

Ti consiglio di tenerli in Italia e di averli liquidi (il posto lo devi conoscere solo tu)..fai molto bene ad interessarti adesso perchè se le cose non migliorano il sistema pensionistico italiano finirà come lo conosciamo nel giro di circa 36-40 mesi..per fare posto a pensioni retribuite in funzione dei contributi realmente versati.

Per quanto riguarda il deposito su più conti ho sentito che potrebbero fare tranquillamente la somma dei conti relativi ad ogni codice fiscale, personalmente penso che serviranno molti soldi quindi questo “giro” potrebbero fare anche un prelievo fatto bene… che per esempio colpisca in qualche modo anche le cifre investite… ma chi lo sa.

Per quanto riguarda i contanti penso che la cifra che si può portare con sé senza dover dichiarare nulla sia 10.000 euro ed in ogni caso penso dubito che ci siano ancora paesi euro che aprono i conti o che accettano contanti dai correntisti senza fare dovuti controlli!

Grazie a tutti… davvero un piacere leggervi
Buona giornata

glare
Scritto il 24 ottobre 2014 at 19:21

ropami@finanza,

Urka hai ragione il decreto 2012 (antiriciclaggio), lo fissa a 9999 euro..

Il passaggio del denaro può avvenire mediante un bonifico bancario dal conto in Italia a quello nel paese extraUe. Si tratta di un’operazione “tracciata” che non genera alcun rischio in termini di rispetto delle norme sull’antiriciclaggio. Il soggetto italiano dovrà provvedere a indicare i relativi movimenti nel MOD Unico nel quadro RW se come molto probabile supererà la cifra di € 10.000 .

Se i tuoi non sono in comunione dei beni, in nessuno modo possono fare il cumulo, perchè andrebbero contro la stessa legge.
Ricordati che esistono metodi per “congelare” i propri soldi dai Buoni postali a quelli del tesoro..e li effettivamente non potranno mai prelevarli.

Un mio consiglio, in molte zone di Italia la terra agricola di classe 1, 2 e 3 oggi ha toccato le stesse quotazioni del 1995-1997.. non credo possa ulteriormente svalutarsi.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: apre debole l'indice italiano in attesa della Fed. Gli operatori attendono il meeting Fed
Secondo Treccani, estrapolare significa estrarre qualcosa da un contesto, estendere la validit
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I mercati ci hanno regalato un 2019 (fino ad ora) molto positivo. La tendenza è restata unidire
Aggiornamento settimanale. L’esito mi sembra interessante, qui sotto a confronto inflow e out
Ftse Mib: continua la fase correttiva per l'indice italiano che si porta al test della trend line ri
Anche se molto in sordina, dalla Germania stanno arrivando notizie tutt'altro che favorevoli nei
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Uno dei problemi chiave del momento in cui viviamo è sicuramente il debito. Poi mettetela come