GERMANIA: LE VORAGINI CON LA BANCA INTORNO!

Scritto il alle 08:30 da icebergfinanza

Icebergfinanza è stato l’unica fonte di informazione in Italia che da anni vi racconta la reale situazione delle banche tedesche, la loro totale responsabilità nella crisi di DEBITO PRIVATO che sta attraversando il nostro Paese, mentre i media italiani gettavano una cortina fumogena, l’unico che controcorrente vi ha illustrato nei dettagli la sostenibilità del debito pubblico del nostro Paese.

Innumerevoli articoli vi hanno descritto la situazione, uno su tutti il primo risale all’agosto del 2011 mentre un attacco speculativo era in corso contro il nostro Paese per fini esclusivamente politici…

DATEMI UNA LEVA E…VI DISTRUGGERO’ IL MONDO …

Per chi preferisce una sintesi sul livello di corruzione e manipolazione che esiste nella maggiore banca tedesca che detiene un nozionale derivati pari a 20 volte il Pil della Germania dia un’occhiata qui …

Deutsche Bank guadagna 500 milioni di euro dalla manipolazione

Manipolazioni dei cambi, anche Berlino indaga su Deutsche Bank

Die Welt: “Su Mps autorità tedesca accusa Deutsche Bank“. La

Banche: Deutsche Bank e dintorni, un fiorire di indagini – La Stampa

Deutsche Bank accusata da tre ex dipendenti: nascoste perdite sui

La Deutsche Bank nasconde una perdita da 12 miliardi – Ticinolive

La Consob tedesca dichiara falso il bilancio Deutsche Bank su

Per chi passa di qui solo oggi una piccola sintesi che non riguarda l’Italia, scritta da altri la stessa strategia … L’ASSALTO TEDESCO ALLA SPAGNA

Quello che oggi mi interessa farvi notare per l’ennesima volta è questo…

Tra Bce e banche tedesche prime punture di spillo

La Commissione per l’industria bancaria tedesca ha riferito che i piani della Bce non hanno concesso loro abbastanza tempo per analizzare e verificare i risultati dei test, una volta che verranno rivelati come previsto nella seconda metà di ottobre. Inoltre le 48 ore concesse dalla Bce alle banche per esaminare i dati dei risultati dei test prima della loro divulgazione sono state considerate un tempo troppo stretto. La Bce invece ha ridotto i tempi per evitare fughe di notizie. Due modi di vedere la stessa situazione, due modalità di affrontare il tema in modi opposti.
Sotto queste schermaglie giuridiche si nasconde forse la difficoltà del sistema bancario tedesco di accettare di essere messo sotto esame da un’autorità europea che potrebbe mettere sul banco degli imputati qualche banca tedesca. Una condizione che potrebbe urtare più di una suscettibilità in una Germania abituata ad essere da anni “uber alles”. Ma come si sa nessuno è perfetto.

Ma si sa nessuno è perfetto? Le loro banche sono le principali responsabili della crisi di DEBITO PRIVATO europea e questi vi dicono che nessuno è perfetto?

Trovatemi un solo giornalista o conduttore in Italia disponibile a fare un’intera trasmissione SERIA, meglio ancora se si tratta di REPORT, su quanto è veramente accaduto in questa crisi di debito PRIVATO ed io sono pronto a mettere a disposizione analisi, fonti e grafici che chiunque potrà verificare!

Il Tuo sostegno è fondamentale per il nostro lavoro…

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio … cliccando qui sopra o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.2/10 (23 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +19 (from 21 votes)
GERMANIA: LE VORAGINI CON LA BANCA INTORNO!, 9.2 out of 10 based on 23 ratings
Tags:   |
57 commenti Commenta
sherpa
Scritto il 19 settembre 2014 at 12:02

“Trovatemi un solo giornalista o conduttore in Italia……”
Ahahahahahahahah…..
Non sperarci.

idiocrazia
Scritto il 19 settembre 2014 at 13:22

Si proprio report che gli speciali li ha fatti “sull’enorme ed insostenibile” debito pubblico italiano invocando l’euro e un bellissimo esercito unico europeo come salvezza finale. Figuriamoci se qualcuno oserebbe mai dire che i tedeschi assurti a modello di sviluppo!? vengono criticati hanno fatto le riforme loro sono seri produttivi non hanno debito pubblico guardiamo loro con ammirazione chiedendo umilmente e senza dignità di accettarci e redimerci.
Nella situazione attuale credo che uno speciale simile avrebbe immediati risvolti nazionalisti…

stanziale
Scritto il 19 settembre 2014 at 14:16

Uhmm..ma insomma stavolta come ci fregheranno, con gli stress test? tanti aumenti di capitale per le banche italiane no, tanto ormai sono di” loro” -il nwo- (per questo Renzi e Padoan dicono che le italiane passeranno il turno) …se sono deboli non sostengono le pmi, ed e’ quello che i nostri padroni tedeschi vogliono….quindi ancora partecipazione italiana a salvare gl altri si, ma in che forma? Bah inutile che mi lambicchi troppo il cervello, un modo , accettato supinamente dalla nostra classe dirigente, lo troveranno….
ps QUALCUNO SA’ A QUANTO AMMONTA AD OGGI LA PARTECIPAZIONE ITALIANA AL FONDO SALVA BANCHE TEDESCHE E FRANCESI? Non c’e’ verso di trovarlo, e’ un segreto peggio dell’aereo di ustica e delle stragi di quegli anni.

dfumagalli
Scritto il 19 settembre 2014 at 18:25

Trovatemi un solo giornalista o conduttore in Italia disponibile a fare un’intera trasmissione SERIA, meglio ancora se si tratta di REPORT

La trasmissione forse più politicamente e sfacciatamente sbilanciata della Rai? Ma per piacere!

E’ più facile e più intellettualmente onesto andare a La Gabbia. Se non altro si lascia guardare senza troppi crampi allo stomaco.

dorf001
Scritto il 19 settembre 2014 at 19:35

ci sarebbe un bel articolo da leggere. di rosanna spadiin. sui comici italiani. cioè cioè benigni berlusca e renzi. ed è giusto in tema di giornalisti asserviti al sistema. parla di quella fogna che è ballarò. dovete leggerlo. uno spasso.

ahh la gabanelli è una traditrice. chiamata ora gabba-nellii.

leggete qui : http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=13930

poesia sulla libertà.

Si chiamava Libertà. Un giorno scese per strada e prese a interrogare la gente che incontrava. Le risposte che ebbe furono di questo genere: «Fatevi i fatti vostri. – Non te ne incaricare. – Impicciati per te. – Lascia perdere. – Chi te lo fa fare? – Te l’ha ordinato il medico? – Ti pagano per questo? – Sei stanca di campare? – Ti puzza di vivere? – Attacca l’asino dove vuole il padrone. – Non fare la stupida. – Non ti mettere nei guai. – Gli stracci vanno per aria. – Passata la festa gabbato il santo. – L’oro non si macchia. – Sta’ coi frati e zappa l’orto». Libertà disse: «Questa gente è molto saggia, non ha bisogno di me». Infatti cominciò a uscire meno e un giorno annunciò che se ne andava. Ai giornalisti che l’assediavano per conoscere i motivi della sua decisione rispose in modo alquanto enigmatico. Disse sorridendo: «La libertà va tenuta in continua riparazione» (Ennio Flaiano)

Rosanna Spadini

by DORF

logitec
Scritto il 19 settembre 2014 at 20:15

Ma non sara’ che i tedeschi hanno messo Draghi alla BCE perche’ e’ ricattabile per l’affare MPS o altro?

stanziale
Scritto il 19 settembre 2014 at 20:51

logitec@finanza,

bravo!…non l’hanno messo i tedeschi ma e’ ricattabile, infatti ogni tanto sui loro giornali lo ricordano…quindi direi che, in pratica, Draghi media tra le istanze usa e tedesche, nonche’ fmi, insomma nwo, non certo per l’italia…ma questo lo sappiamo almeno dal 1992, direi….

icebergfinanza
Scritto il 19 settembre 2014 at 21:18

Ma certo geniale la Gabbia vista da quattro gatti e non Report visto da milioni di persone. Ovviamente era una provocazione non serve perdere tempo gli italiani lo cantano ma facilmente lo dimenticano …Noi siamo da secoli Calpesti, derisi, Perché non siam popolo, Perché siam divisi. O forse l’avete dimenticato ? 8)

kry
Scritto il 19 settembre 2014 at 21:50

icebergfinanza,

Che fanno gl’italiani lo cantano ?????? Lo dimenticano ????????????????? …. ooohh molto facilmente non sanno nemmeno di cosa stiamo parlando. Ragazzi sveglia che i preadolescenti non conoscono più la storia di Pinocchio tanto che ” Il campo dei miracoli ” lo troviamo in Alice nel paese delle meraviglie.

dorf001
Scritto il 20 settembre 2014 at 00:18

kry@finanza,

hei kry, hai letto il mio post? vai a vedere il link. e…..come dico sempre, leggi poi sotto i commenti. se non hai tempo, passa subito ai commenti.

BYE BYE o si scrive bay???

dfumagalli
Scritto il 20 settembre 2014 at 10:58

icebergfinanza:
Ma certo geniale la Gabbia vista da quattro gatti e non Report visto da milioni di persone. Ovviamente era una provocazione non serve perdere tempo gli italiani lo cantano ma facilmente lo dimenticano …Noi siamo da secoli Calpesti, derisi, Perché non siam popolo, Perché siam divisi. O forse l’avete dimenticato ?

Report ha sempre fatto gli interessi di una precisa parte politica, che al momento non ha alcun interesse a svelare le tue verità in quanto ora è totalmente organica al sistema.

Per cui è meglio che inizi a farti piacere le alternative, a meno che anche tu non voglia svenderti per un po’ di popolarità su Rai 3.

icebergfinanza
Scritto il 20 settembre 2014 at 11:39

dfumagalli@finanza,

Il sottoscritto non metterà mai piede in un programma televisivo qualunque, perchè non amo partecipare alle corride dove l’unico scopo è l’audience e denigrare l’avversario tralasciando consapevolezza e divulgazione Offerte per partecipare alla Gabbia o altro sono già arrivate, quindi risparmiati il sarcasmo gratuito e buon ascolto su altre reti.

laforzamotrice
Scritto il 20 settembre 2014 at 12:21

Continuo a non capire cosa dovrebbero fare i tedeschi secondo voi. Peggiorare la situazione aumentando il debito? Certo che proteggono le loro banche, chi non lo farebbe? Se ad un’impresa in difficoltà vai a chiedere “com’è la tua situazione finanziaria” come credete che risponda? Viviamo in un mondo di forti con i deboli e deboli con i forti o ve lo siete dimenticato? Credete che se i tedeschi ammettessero le loro debolezze i “mercati di merda” li aiuterebbero ad uscirne o gli salterebbero al collo? Se credete che interessino le aziende italiane, immaginate l’interesse per quelle tedesche: farebbero di tutto per aproppiarsene a prezzo di saldo come stanno facendo con le nostre. I tedeschi fanno benissimo a comportarsi come orsi feriti e a spezzare spietatamente le reni a chi prova solo a pensare di attaccarli, solo cosi si conservano possibilità di guarire e rimettersi in piedi. O credete che il modo giusto sia chiedere pietà come stiamo facendo noi italiani? Non si ottiene il rispetto di nessuno elemosinando, specie gente come noi cha abbiamo fatto gli sboroni fino a pochi anni fa. Si ricordano tutti i momenti della milano da bere, dove facevamo i brillanti in tutto il mondo, noi con le scarpe di lusso mentre i crucchi portavano i sandali con le calze. Ripeto, siamo un popolo di parvenu, e i parvenu non piacciono a nessuno, perchè mancano di cultura e rispetto. Non rispettiamo noi stessi, il nostro paese, le nostre bellezze, siamo solo stupidamente egoisti e lagnosi, quando va bene siamo bravi noi, quando va male la colpa è degli altri, dello stato preferibilmente. In italia tutti che rompono le palle sulle tasse: oh, mai nessuno che chieda come vengono spese queste tasse, nessuno, giornalista o “ggente” che si chieda QUANTI dei milioni di mantenuti dallo stato, pensionati, “poveri”, cassintegrati, lavoratori pubblici, politici, militari, sindacalisti, consulenti, avvocati, notai ecc ecc se ne siano DAVVERO guadagnato il diritto. MILIONI di parassiti che non perdono occasione di lamentarsi davanti ai mass media di quello stesso stato che li foraggia. Altro che i cattivi tedeschi, prova a chiedere aiuto ai tuoi “fratelli” italiani, e ti ruberanno il portafoglio. Fanc…, siamo ridicoli. Capitano, ho per te la massima considerazione e rispetto, ma temo che tu abbia, come i comunisti e i credenti, troppa fede, non In un Ideale o in un Dio, ma nell’essere umano. FEDE(fiducia) SPRECATA.
http://www.laforzamotrice.it/?p=1961
Ps. Contrariamente a ciò che può sembrare, la mia situazione economica è assolutamente discreta, e non scrivo per problemi personali. Giuro.

sherpa
Scritto il 20 settembre 2014 at 14:31

laforzamotrice@finanza,

Io sono uno di quegli italiani (è siamo tanti, sicuramente la maggioranza) che alla Milano (o Roma o Napoli o Bologna ecc.) da bere non ha mai partecipato, non per spocchia, ma perchè inadatto di carattere.
Perdonami, ma mi sembra autorazzismo il tuo.
Non che non esistano le situazioni descritte da te, ma fa più rumore e notizia un falso invalido (notizia anche di oggi) che un milione di italiani che fà il suo dovere.
Ci pensano già i tedeschi a denigrarci.
Già, i tedeschi fieri di difendere le loro banche (dalle loro monumentali cazzate), storicamente non hanno un gran senso della comunità ma hanno una gran voglia di imporsi come leader morali dell’europa.
Che diano il buon esempio (sono corrotti e corruttori anch’essi quindi non in grado di fare i moralisti).
Sono talmente forti e ricchi che possono fare da soli e allora che se ne vadano così non gli saremo più di peso noi ladri e immorali.
Non lo faranno mai, se gli convenisse veramente se ne sarebbero andati da un pezzo
Noi non siamo esenti da difetti e colpe, ma dai tedeschi, visto quello che hanno combinato nel corso dei secoli, non accetto lezioni.
E sopratutto non voglio che ci diano ordini, il politico che li subisse sarebbe un traditore.

futre
Scritto il 20 settembre 2014 at 16:03

laforzamotrice@finanza,

Creare inflazione e recuperare il gap di inflazione che si è verificato con l’euro e la riforma Hartz tra loro ed il resto di eurolandia pena la dissoluzione o dell euro o degli europei.
Falla finita di darmi dello sborone perchè sborone ci sarai te!

icebergfinanza
Scritto il 20 settembre 2014 at 16:13

laforzamotrice@finanza,

Se non ci arrivi a capire che cerco di risvegliare un minimo di sano orgoglio in questo Paese di belle addormentate sadomaso non posso farci nulla !

laforzamotrice
Scritto il 20 settembre 2014 at 19:15

sherpa@finanza,

Primo, che cosa hanno combinato di cosi terribile i tedeschi nei secoli che non abbiano combinato Egizi, sumeri, ittiti, persiani, romani, francesi, tartari, turchi, cinesi, russi, aztechi, spagnoli, inglesi, americani, ecc.ecc.ecc? O Ti riferisci alle due guerre mondiali? Alla prima scoppiata perchè igl’inglesi non gradivano il tentativo della germania di diventare una grande potenza navale in modo di contrastare il blocco navale inglese? Perchè è da li che è nato tutto, compresa una pace che tutti coloro che erano dotati di buon senso sapevano non potesse che sfociare in un’altra guerra. Tra l’altro, anche l’Italia era, ed è, chiusa in un mare mediterraneo (che non è un’oceano come disse il duce) le cui uniche 2 uscite, Gibilterra e Suez, erano controllate. indovinate da chi? Perchè chi si interessa di questioni strategico/militari sa che da 150 anni circa, è il controllo delle rotte marittime che decide il corso degli eventi, e gli anglosassoni lo hanno capito per primi.
I tedeschi sono fieri delle loro banche? Non saprei, ma non credo, forse che noi Italiani siamo fieri dell’alitalia e della fiat? Ma abbiamo fatto di tutto per salvarle, cosi come Unicredit e MPS.
Corrotti e corruttori? Vero, ma c’è corrotto e corruttore, c’è chi si fa corrompere per costruire un’autostrada, e poi però la fa e bene, e chi si fa corrompere e poi l’autostrada non la costruisce neppure, oppure la fa da cani (Salerno R.Calabria. dice qualcosa?)
Io non denigro nessuno, mi limito ad osservare che siamo un paese con un senso civico ridotto al lumicino, dove le persone oneste che ci sono, sono sempre più bistrattate e insultate, dove il concetto di furbo non ha la valenza negativa che dovrebbe avere, ma al contrario è esempio per tanti, troppi.
futre@finanza,

Sta storia dell’inflazione ha rotto le palle, almeno a me, se fate lo storico del cambio Lira/Marco dal 58 al 2001 vedrete che questa storia della sopravvalutazione della lira è una balla. Se si esclude un periodo negli anni 90, in cui i tedeschi l’avevano alzato artificiosamente per aiutarsi con i costi della riunione, il cambio marco lira è sempre stato inferiore rispetto a quello del periodo euro,
.
Se tu non hai fatto lo sborone, di cosa ti preoccupi?

icebergfinanza,

Capitano, le belle addormentate non potranno mai ritrovare l’orgoglio, perchè è solo sulla verità che si può ricostruire il proprio orgoglio, sei fai sadomaso, non puoi presentarti e voler credere di essere una vergine. Stiamo pagando colpe NOSTRE e perseveriamo, credendo da buoni cattolici, che con una buona confessione si sistemerà tutto.

laforzamotrice
Scritto il 20 settembre 2014 at 19:26

Sapete perchè sono cosi incazzato con noi Italiani? Provate a fare un esperimento, provate a raccontare di qualche grossa truffa o imbroglio, corruzione, bancarotta fraudolenta, fallimenti falsi e cose simili e vedrete che nel 80% dei casi, gl’ascoltatori (se non sono direttamente coivolti, ovvio) ci rideranno sopra, a partire dai giornalisti televisivi. Ma cosa cazzo c’è da ridere? Fateci caso, poi mi direte se non è vero.

sherpa
Scritto il 20 settembre 2014 at 20:37

laforzamotrice@finanza,

L’evento storico che è più vicino a noi e al quale più mi riferisco è il regime nazista.
Certo non sono il solo popolo con qualcosa di cui vergognarsi, su questo sono d’accordo.
E sono anche d’accordo con te sulla tua incazzatura nei confronti del popolo italiano.
Ma permettimi di ricordarti che non tutti gli italiani sono così, tu che te la prendi sicuramente non lo sei, cosi come non tutti i tedeschi sono nazisti e che non tutti i tedeschi ci odiano e parecchi di quelli che ci odiano sono influenzati dai loro media che hanno un fine preciso.
Ma permettimi anche di essere intransigente con chi mette il naso in casa altrui permettendosi di voler comandare, soprattutto quando questi hanno la coscienza sporca, anche se con quella ci costruiscono autostrade bellissime.
E permettimi di essere ancor più intransigente ed incazzato con quegli italiani (forse) che invocano il vincolo esterno della troika.
Somiglia tanto ad una richiesta di invasione, almeno io la vivrei così.
Hai ragione diamo troppa poca importanza alla serietà e all’onestà.
Possiamo migliorare, anzi dobbiamo, ma con le nostre forze.
Gli altri non fanno nulla per nulla.

stanziale
Scritto il 20 settembre 2014 at 21:04

sherpa@finanza,

Ma lascialo dire, il forzamotrice, tanto non ci si ricava nulla….e’ un luogocomunista, cornuto e contento, e’ anni che magnifica le gesta dei tedeschi, delle loro banche fallite, per non parlare dei troiai dei loro corrotti enti pubblici (comuni) pieni di debiti…purtroppo non e’ affatto solo, a forza di pensare come lui, poi mandiamo i politici ed i venduti di bankitalia e del fmi e ci facciamo inchiappettare con gli stress test e il fondo salva stati…
non capisco poi che c’entra la prima e seconda guerra mondiale, o meglio: quasi quasi gli do’ ragione, e’ tanto che sostengo che il kaiser era peggio di bismark, hitler era peggio del kaiser e i tedeschi di ora sono peggio di Hitler….La germania nel 1940 aveva gia’ progettato l’euro, solo che lo chiamavano ancora marco, e per l’italia era previsto che fosse una colonia agricola per rifornire la grande germania che avrebbe avuto le industrie ed essere il centro nevralgico dell’impero….meglio, molto meglio di cosa vogliono fare i tedeschi ora (farci diventare tutti disoccupati) .

madmax
Scritto il 20 settembre 2014 at 21:12

@laforzamotrice
Mi scusi se le rispondo un po’ a caso ai vari punti che ha proposto a cominciare dagli Italiani, non sono tutti così gli Italiani quelli veri si alzano la mattina presto prendono bus e treni con cui vanno a lavorare e ritornano la sera stufi morti, vorrebbero avere più soldi in tasca per qualche svago o per il futuro dei propri figli. L’immagine che tutta l’ Italia sia come quella della Milano da bere, bei furbetti del quartierino, della Roma magnona non è vero, ma la si vuol far passare per convenienza, tutti rubano? Beh allora sono tutti innocenti, falso, falsissimo! Mi creda l’Italia ha tanti difetti ma anche tanti pregi, il primo difetto e la rassegnazione, ma che posso dire o fare? Tantissimo cominciamo noi a modificare il modo di ragionare e di agire, bello stare su un blog a pontificare ma appena spegnamo riprendiamo come se nulla fosse, io nel mio piccolo ci provo a fare una vita diversa, non sono un santo ma ho smesso il trading di derivati, sto cercando di spiegare ai miei figli che ogni azione ha una conseguenza e di non desistere mai davanti alle difficoltà e sopratutto che sfasciare e più facile che costruire!
Non mi prenda per santo, sono un super peccatore :)
Mi fermo perché forse sto diventando barboso….

sherpa
Scritto il 20 settembre 2014 at 21:53

stanziale@finanza,

Articolo interessante che ribadisce che i tedeschi ci stanno riprovando.
Nessuno fà niente per nulla, tantomeno i tedeschi tanto bravi e tanto boni per loro.
Non dimenticando i ns difetti che sono tanti, non è il caso di aggiungere anche l’umiliazione e il tradimento di richiedere tutela a degli oppressori che non ci stanno aiutando ma massacrando la ns economia e il ns tessuto industriale.

laforzamotrice
Scritto il 21 settembre 2014 at 08:32

stanziale@finanza,

Ma io non sto difendendo i tedeschi, o prendendoli ad esempio, stò dicendo che se noi siamo nei guai, e con noi la Grecia e altri, è per colpa nostra e che continuiamo sulla stessa strada che ci ha portato qui. Loro fanno i loro interessi, cosi come noi facciamo i nostri. Io sono di brescia, e qui c’è “il tessuto industriale”, e quello che lo stà distruggendo è la nostra burocrazia, i sindacati, le banche. La troica non è la causa del casino in cui siamo, ne è una conseguenza e se neanche a me piace l’idea di essere commissariato, quando vedo come agisce il nostro sistema politico sociale mi cascano le braccia. Cose come “Mare Nostrum”, sono assurdità totali, ma dato che danno la possibilità di guadagno a un pò di gente, lo fanno. E’ come diffondere volontariamente una malattia perchè cosi si fan lavorare medici e farmacisti, pazzia e Mare Nostrum ce lo hanno imposto i tedeschi? Se si, peggio ancora, perchè se siamo delle mezze seghe peggio per noi. Siamo ancora uno dei paesi più ricchi del mondo, specie a livello privato, ma quanti di noi sono pronti a rinunciare a parte della propria ricchezza per aiutare il paese? Certo, non tutti gl’italiani sono gentaglia, c’è molta brava gente, ma la domanda è: quanti sono invece i parassiti? Sapete quanti in Italia producono davvero e quanti ci mangiano sopra? Provate a fare un analisi.
In quanto al voler comandare in casa altrui, a parte che ci provano tutti, USA in testa, nel caso dei tedeschi si mcomportano come una qualsiasi banca con il debitore insolvente, ti do ossigeno a patto che tu segui le mie istruzioni, o non sapete cosa fanno di solito le banche? Fanno in modo che il debitore insolvente scarichi i suoi debiti sui fornitori mintanto che rientra con la banca, poi lo lasciano fallire. Io lavoro in edilizia, potrei citare molti casi di miei ex clienti. In quanto al nazismo, non è stato peggio di tanti altri regimi, provate a vedere quanti indios sono morti dopo l’arrivo dei conquistadores in sudamerica specie rapportati alla popolazione d’allora, ma degli spagnoli non parla male nessuno. Sempre storicamente, noi italiani con i tedeschi non abbiamo avuto particolari problemi, se si escludono le guerre germaniche dei romani (eravamo noi gl’invasori) fino alla 1 guerra mondiale eravamo spesso alleati, non ci hanno quasi (campagna d’Italia di Barbarossa) mai invaso (francesi, arabi, normanni, spagnoli si) . Anche nella prima guerra mondiale il nostro avversario diretto era l’Austria ungheria, teoricamente nostra alleata, vedasi triplice alleanza, che ha fatto di tutto per evitare la guerra con noi, la germania solo come alleato del mio nemico. Nella seconda eravamo alleati, come al solito finchè erano vincenti, e solo dal 43 in poi sono diventati nemici. Il fatto è che i tedeschi soffrono di pessima stampa, chissà perchè (ho un sospetto). Hai ragione al 100% su una cosa “Possiamo migliorare, anzi dobbiamo, ma con le nostre forze”, invece d’invocare l’aiuto di Dio contro i tedeschi (oppure il loro aiuto).
madmax,

Sono assolutamente d’accordo, esistono Italiani onesti. Li riconosci facilmente, sono quelli che sono sempre assorti, perchè passano il tempo a chiedersi “ma chi ca@@o me lo fa fare”, quelli che vedono i colleghi o i capi guadagnare di più di loro rubando e rimanere impuniti quando non premiati. La rassegnazione è un grave peccato, è l’umus di tutto il malcostume e l’ingiustizia, ma capisco che lottare fa paura, specie se si ha qualcosa da perdere. Sapete la cosa buffa? si lotta di più per proteggere i propri privilegi che i propri diritti.
stanziale@finanza,

La cosa divertente è che io sarò un “luogocomunista” ma evidentemente tu ti consideri già sconfitto, visto che reputi i tedeschi tuoi padroni. Perchè forse non ci fai caso, ma sei tu che rinunci alla lotta, e a parte insultare il padrone, per il resto ti sei già arreso. Sembra di vedere quei camerieri che sputano nel piatto del cliente odioso. Tra l’altro vorrei che tu m’indicassi dove io tesso le lodi delle banche tedesche, non mi risulta ma attendo info, e visto che il Kaiser era peggio di Bismark ecc.ecc. vorrei sapere cosa abbiamo subito noi Italiani dai Tedeschi (vedi sopra) per giustificare tutto questo livore. Ribadisco, a me sembra l’astio del ciuccio Vs il primo della classe.
sherpa@finanza,

“Non dimenticando i ns difetti che sono tanti, non è il caso di aggiungere anche l’umiliazione e il tradimento di richiedere tutela a degli oppressori che non ci stanno aiutando ma massacrando la ns economia e il ns tessuto industriale”. Che tipo di aiuto puoi chiedere ad un’oppressore? Cosa dovrebbe fare, a tuo parere la Germania? Perchè questo non lo dice chiaramente nessuno, dovrebbe fare cosa? Assumersi parte dei nostri debiti? Con le loro banche in semi/fallimento (credo al capitano) cosi falliscono anche loro? Ripeto, cosa dovrebbe fare la Germania? Sapete, questo problema nelle aziende lo si affronta tutti i giorni in questi periodi: hai un cliente in crisi, in un mercato in crisi, che ti deve dei soldi che non ha, ma ti chiede ulteriori forniture… che fai? Io di solito faccio cosi… sospendo il pregresso, ma le forniture nuove me le paghi subito. Molti mi danno dello stronzo. Io credo di non avere alternative.

icebergfinanza
Scritto il 21 settembre 2014 at 09:11

Noi siamo nei guai per il costante declino antropologico
di questi anni. Fissatevi bene in testa quello che sto per dirvi! Senza l’attacco speculativo con fini politici che l’Italia ha subito nel 2011 la parabola del nostro debito era in discesa e la dinamica della spesa pensionistica sotto controllo e quindi il rischio Paese era una IMMENSA balla! Il resto siamo d’accordo dalla corruzione al declino antropologico ma dal punto di vista economico i rischi erano estremamente limitati! Ora se questo popolo di belle addormentate sadomaso ha scelto la via calvinista per espiare i propri peccati sotto la visione dei puritani tedeschi non posso farci nulla finirà come insegna la storia!

stanziale
Scritto il 21 settembre 2014 at 09:18

@laforzamotrice. Sei tu che ammirando gli altri ed ingigantendo i difetti italiani, cosi’ facendo crei le premesse per essere colonizzati. Ti ho gia’ dimostrato, con i numeri, che i tedeschi non sono meglio di noi, anzi,….mi devi spiegare se sono cosi’ perfetti, come mai un terzo dei loro comuni e’ in fallimento….l’hai sentito cosa diceva il servizio, sui motivi dei debiti….assistenzialismo a go-go’….IN GERMANIA, nn in italia…..parli continuamente di malcostume di ingiustizia, ma lo sai che l’italia ha un avanzo primario addirittura superiore alla germania…quindi, di cosa ci rimproveri …. se ripeti il solito ritornello, continuamente, sei chiaramente un campione perfetto di autorazzismo. Ad un certo punto dici a sherpa “Cosa dovrebbe fare, a tuo parere la Germania? Perchè questo non lo dice chiaramente nessuno, dovrebbe fare cosa?” ….magari potrebbe, visto che e’ in una unione, ascoltare anche gli altri, smettere di infrangere le regole, visto che e’ 8 anni che infrangono quelle dell’export e non solo quella….loro fanno sempre quello che gli pare e le regole le impongono solo agli altri… e noi come imbecilli, facendo chiudere le nostre imprese, ripettiamo il defici del 3%….se non basta, anche solo questo, a farti ribollire il sangue, vuol dire che hai acqua nelle vene….cosa abbiamo subito dai tedeschi….cacchio, abbiamo perso 1/4 abbondante della manifattura a forza di stare nell’euro, c’e’ un deserto industriale e commerciale… potrei continuare a scrivere ore, ma tanto e’ inutile….sull’invasione dell’italia di extracomunitari invece il discorso sarebbe lungo, ci sono chiaramente interessi sotto, di enti italiani che incassano soldi, di cedimento al nwo (piano kalergi) , che vogliono (angloamericani nord europa)eliminare la religione cristiana che gli ha sempre rotto le palle e fare dell’italia e non solo una razza meticcia …gli italiani, dopo un quarantennio di bombardamento mediatico buonista luogocomunista e autorazzista hanno chiaramente mollato….quindi restando in queste istituzioni, ue euro ecc., lo schema e’: i nostri migliori giovani italiani spagnoli greci ecc. li formiamo in ottime scuole con le nostre tasse e gli insegnamo l’inglese, cosi’ possono emigrare in germania inghilterra, noi importiamo milioni di extra comunitari di solito senza arte ne parte di cui se uno lavora importa a sua volta 10 familiari cui paghiamo assistenza, casa, pensioni ecc…..queste leggi le hanno volute al tempo dell’appartente al nwo Amato..a te caro forzamotrice ti sta’ bene l’euro quindi ti va bene anche tutto questo, a me no….

sherpa
Scritto il 21 settembre 2014 at 09:46

laforzamotrice@finanza,

Per quanto riguarda lo stronzo dell’ultima riga hai tutta la mia solidarietà: aver sospeso il pregresso è un atto generoso ed intelligente, l’alternativa era sicuramente peggio per entrambe le parti e le nuove forniture cash mi sembrano il minimo per tutelare la propria azienda.
Epiteto fuori luogo e dettato dalla rabbia più che dalla ragione.
Cosa dovrebbe fare la Germania?
Per noi niente, grazie.
Hanno aiutato fin troppo la Grecia (che ha sbagliato beninteso ad accettare tutti quegli “aiuti”).
Ti domando: tu forniresti qualcuno, magari ad un prezzo più elevato rispetto ad un altro cliente, se sai che difficilmente ti pagheranno?
Se non ti pagano avresti formalmente la tua ragione, ma il rischio te lo sei assunto tu per tentare di guadagnare di più e questo lo hanno fatto le banche tedesche con quelle greche e non solo.
Tutto ciò che farebbero sarebbe nel loro esclusivo interesse, fanno bene per loro, per noi meno.
Farebbero tutti così?
Ti do ragione, ma ciò non è una scusante, se i tedeschi lo fanno io ne parlo male.
Se lo fanno gli altri parlerò male anche di loro, ma con i tedeschi sono un pò più incazzato perchè apparteniamo alla stessa comunità (comunità in questo caso mi sembra un pò fuorviante).
Una cosa gliela chiederei: guardino i loro panni sporchi e quando li hanno lavati per bene vengano a darci tutti i consigli che vogliono, ma non prima.
Molti nostri comportamenti (in generale, ma non generaliziamo) sono da censurare e da cambiare.
Cambiare mentalità e atteggiamenti non è semplice, ma non è impossibile.
Certo se ti guardi attorno resti sconsolato, l’esempio da dove deve partire?
Dalla classe dirigente?
Dovrebbe essere così, sarebbe la cosa più efficace nel dare una speranza, ma è durissima, quasi impossibile (quasi).
E allora non restiamo che noi singoli finchè duriamo, comportiamoci meglio che possiamo per la società e di conseguenza anche per noi.

laforzamotrice
Scritto il 21 settembre 2014 at 10:21

stanziale@finanza,

Io non ammiro nessuno, mi limito ad osservare che SIAMO NOI che, come dici tu, abbiamo mollato.
L’italia ha ancora i mezzi e le forze per uscire da questa situazione, ma DOBBIAMO TIRARE FUORI LE PALLE. Sia in Italia che con gli altri. E per far questo dobbiamo ritornare a sentirci fieri di essere Italiani, cosa che, se si esclude un periodo negli anni 30, non abbiamo quasi mai fatto. Siamo in gran parte un popolo di “mafiosi”, conta solo la mia famiglia, gli altri si fottano. Guarda solo i nostri telegiornali e confrontali con quelli stranieri, ciò che accade all’estero a noi non interessa, perdiamo centinaia di ore su uno stupido caso di cronaca nera, non occorre fare esempi immagino, e non si sa nulla di fatti che possono cambiare la nostra storia.Siamo ancora tutti ripiegati sul piccolo è bello, ma sappiamo che nel mondo globalizzato questo non è più possibile se non in nicchie, perchè i costi di sviluppo e ricerca sono enormi, e occorrono grossi gruppi per affrontarli. Noi uniamo le forze? Mai, meglio vendere allo straniero che dividere il piccolo potere della fabricheta. Non tutti, sono cosi, ma ancora troppi dei già pochi che producono. Vogliamo avere coraggio? Sfidiamo l’europa, potremmo farlo ma secondo te, in caso di crisi finanziaria, i risparmiatori italiani cosa farebbero, appoggeremmo il paese o, come hanno fatto i miliardari greci, avremmo un’enorme fuga di capitali? Scommetti? NOI NON SIAMO UN POPOLO, siamo 60 milioni d’individui che crediamo che la furbizia sia una virtù. Noi (non tutti)insegnamo ai nostri figli “fotti perchè se no ti fottono”. Non è che gli altri sono più onesti, ma noi al malffare ci siamo ABITUATI. Sono rimasto scioccato quando ho visto un servizio che raccontava di gente che è uscita di casa e si è ritrovata i propri mobili in strada perchè avevano occupato il loro appartamento, avevo visto un film, ma credevo fosse una trovata, INVECE SUCCEDE DAVVERO. Si aiurtano i “poveri” costruendo case popolari in classe A. Io pago 500/1000 euro d’affitto o di mutuo in una casa classe “g”, e danno case classe A ai poveri? Una domanda, ma se io do buone sistemazioni e sussidi più che dignitosi ai poveri e disoccupati, perchè costoro dovrebbero impegnarsi a cambiare la loro situazione? Certo, qualcuno lo farà, ma la maggioranza? nelle case Aler, c’è gente anziana che vive in appartamenti da 100 mt e paga 40 euro d’affitto, mentre coppie giovani con figli vivono in monolocali a 450 euro al mese, e non sono casi rari, tutt’altro. Ma a tutto questo noi siamo ABITUATI, come ho già detto sopra, molti davanti a queste cose dicono “non ci si può fare nulla, va cosi” e ci si ride sopra” per non piangere”. E Incazzarsi no?

icebergfinanza,

Beh, quello di cui mi lamento io non è il “continuo declino antropologico”? Tu usi un riassunto generale, io entro più nel dettaglio. Gli attacchi speculativi vengono fatti a ragion veduta, sanno che siamo il ventre molle dell’Europa. Ma a differenza della Grecia , noi NON siamo realmente deboli, ma sanno che siamo divisi e pronti alla fuga. Come appassionato di storia militare, so che si attacca sempre dove le truppe nemiche sono meno coese, e portate al facile panico e al “si salvi chi può”. Vedi Caporetto.

stanziale
Scritto il 21 settembre 2014 at 10:45

laforzamotrice@finanza,

Dici tirare fuori le palle: vuol dire, quanto meno, dire all’ue noi non rispettiamo l’autolesionisico limite del 3%, mentre gli altri sforano piu’ di noi, e la germania sfora l’export. E spendiamo come e quanto ci pare, per sostenere i settori in crisi (come fa la germania e la francia)…se non vi va bene(a voi tedeschi) le cose sono due: o uscite voi dall’euro, oppure concordiamo tutti la fine dell’euro stessa (per non rischiare di essere attaccati speculativamente, come tu dici), non accetteremo piu’ i vostri diktat, questo dovremmo dire….eppoi, tu dai troppa importanza al “debito”, ne sei ossessionato…io invece do’ importanza alle filiere produttive, ai posti di lavoro…tanto i debiti a giro a livello mondiale sono impagabili, se ne deduce che la valuta fiat sara’ prima o poi carta straccia, e quando il sistema sara’ resettato, e ci sara’ da ripartire, un conto e’ avere ancora una industria e l’agricoltura, un altro averle gia’ viste distrutte o passate in mani straniere….per cui assolutamente dobbiamo uscire dalla trappola, e l’unica maniera e’, fare la voce grossa e mettere i pezzi importanti (germania, ma anche fancia) con le spalle al muro, come ho scritto sopra. Una cosa e’ certa: finche’ l’italia non si ribella l’euro continuera’, proprio perche’ da noi c’e’ ancora da “mangiare”.

stanziale
Scritto il 21 settembre 2014 at 10:51

stanziale@finanza,

Ed ancora, non ti ho mai visto scrivere della truffa operata nel 1981 della divisione tra banca d’italia e tesoro, con cui ha avuto inizio la crescita del debito pubblico, da allora abbiamo pagato oltre 3 mila miliardi di interessi una volta e mezzo l’attuale debito pubblico, prima i btp bot emessi erano sempre inferiori all’inflazione, cosa che permetteva al debito di pagarsi da se, e succede ancora agli altri, alle nazioni con la moneta sovrana, mentre noi regaliamo 80-90 miliardi l’anno di interessi, questo oltre all’altra truffa dei fondi salva stati in realta’ salva banche tedesche….sono queste le cose che dovrebbero farti incazzare…

glare
Scritto il 21 settembre 2014 at 12:57

Ma ancora non lo avete capito che è impossibile cambiare lo stato delle cose democraticamente..
ne avete un esempio concreto.. questa settimana

La Scozia (che odia da secoli e profondamente l’Inghilterra) è andata al referendum e guardate un pò, gli scozzesi hanno rinuuciato all’indipendenza; contemporaneamente sono esplose manifestazioni a Glasgow e Dundee, le due principali città insieme a Edimburgo.
Ma non vi chiedete come sia possibile un tale risultato?
Non vi siete chiesti che fine avrebbe fatto la Royal bank of Scotland e il suo maggiore azionista, oltre alla Sterlina?

Dai ragazzi qui stiamo a prenderci in giro, parliamo di svegliare gli Italiani è impossibile, sono troppi e troppo poco preparati, il livello di cultura di un Italiano medio è pari a quella di un ragazzo della 3° Media, è quasi impossibile che capiscano un testo finanziario o abbiano una visione della politica interna e internazionale e altre mille cose.
Ma noi non siamo gli unici, quasi tutti i popoli europei sono messi così..i pochi che hanno capito e vedono il potere e i tentacoli della nazifinanza, hanno troppo poche forze per cambiare la rotazione della ruota.

Io ve lo dico di cuore ma a mente fredda e lucida NON VEDO SOLUZIONI, il blog di Andrea è solo un punto di incontro dove sentirsi meno soli, ma alla fine ogniuno di noi deve pensare a riempire il piatto e a pagare le tasse.
Ora aspettiamo la Le Pen, ma non fateci tanto affidamento, perchè il “percorso” Europeo è stato stabilito almeno sette anni fa.

laforzamotrice
Scritto il 21 settembre 2014 at 15:21

stanziale@finanza,

tu hai ragione, dobbiamo salvare la nostra industria, ed è vero, sono fissato con il debito, è quello che ci stà distruggendo, e non parlo solo del debito pubblico, ma del debito in generale. E’ la droga con cui stanno conquistando il mondo, e come tutte le droghe, vince perchè da assuefazione, vince perchè è il drogato che si rende schiavo dello spacciatore, che si frega da solo. E sai cosa serve tutto quel debito? Serve a comprare tutte le nostre industrie pagandole con quella moneta fiat che al momento giusto scompare, lasciando in mano un pugno di mosche a tutti coloro che hanno venduto la loro impresa, il loro, e nostro, lavoro. E SIAMO NOI che stiamo svendendo il nostro futuro, e sai perchè? Perchè non ci fidiamo uno dell’altro e pensiamo che è meglio che freghiamo per primi prima che ci freghino loro. Potremmo vincere se ci fidassimo di più uno degli altri? Per me si, ma come riuscirci quando vediamo la nostra classe dirigente che è più interessata a sputtanare gli avversari che a cercare soluzioni ai problemi, quando vedi che i ladri, gli evasori, i parassiti, i corrotti e i corruttori rimangono di fatto impuniti.

elena56
Scritto il 21 settembre 2014 at 21:11

chiedo umilmente perdono ma potete dare una spiegazione semplice del fatto che si tratta di debito privato e non pubblico?
cordialissimi saluti.

icebergfinanza
Scritto il 22 settembre 2014 at 08:34

elena56,

Debito contratto da famiglie imprese banche è privato debito contratto da uno Stato e amministrazioni centrali e locali è pubblico. Anche se in Italia la percentuale di debito privato è la più bassa di tutti i Paesi occidentali questo può aiutarti a capire la dinamica in atto nel mondo nel 2011 http://4.bp.blogspot.com/-FB7mYKTtufU/Txlg2dS3TuI/AAAAAAAAASI/WOBAWAtBG2Y/s1600/Screen+Shot+2012-01-20+at+1.40.43+PM.png e ora in Italia http://www.linkiesta.it/debito-privato-italiano

veleno50
Scritto il 22 settembre 2014 at 09:57

icebergfinanza,

Italia paese più liquido d’Europa.paura del domani non spende più un’euro nessuno tutti a risparmiare,le banche sono stracolme di soldi da parte dei correntisti il risparmio gestito sta facendo record su record, l’informazione allarmistica crea danni irreparabili , la parola fiducia dimenticata da tutti,nei commenti filippiche ripetitive sfide a chi è più informato.mi raccomando commentiamo sempre sulle banche tedesche o sulla Merkel che di problemi in Italia ne risolviamo molti.bay bay

veleno50
Scritto il 22 settembre 2014 at 11:55

Cosa c’entra la Germania o una banca tedesca con 270 miliardi versati nel 2013 a 16,5 milioni di pensionati.con una spesa sanitaria di 100/200/300/400/ miliardi nessuno sa quanti siano.evasione dicono 150/200 miliardi.pensionati quasi tutti con il doppio lavoro in nero. 65 anni esente dal tiket sanitario se non raggiungo i 36 mila euro di reddito,63 con reddito di 16000 mila euro si deve pagare,.le municipalizzate quasi tutte in perdita per questo mi arrabbio commentare due giorni consecutivi a chi è più bravo a dare informazioni sulla Germania fa sorridere.dov’è l’amico kray ?un saluto amichevole.bay bay

icebergfinanza
Scritto il 22 settembre 2014 at 12:04

veleno50@finanza,

Va tutto bene Veleno sei contento ora o hai bisogno di piazzare qualche altro fondo o polizza…8)

PG
Scritto il 22 settembre 2014 at 12:48

alle ore 16 diretta web tv credo sia interessante.

http://www.wallstreetitalia.com/article/1737150/il-premio-nobel-in-economia-stiglitz-da-lezione-alla-camera-dei-deputati-su-crisi-euro.aspx

NON so capitano ma magari tu saprai decodificare se diranno il giusto o le solite cazzate.

A dopo

glare
Scritto il 22 settembre 2014 at 13:12

PG,

se nn ricordo male Stiglitz..è contro l’Euro, probabilmente se avrà il coraggio di parlare, oltre al solito mantra delle riforme strutturali (alcune devono essere sicuramente fatte), parlerà di quanto dolorosa sia per noi la permanenza nell’Euro e di come ne ha risentito il Pil e la nostra industria.
Se il avrà il coraggio parlerà del nostro debito e della possibilità di salvezza che il nostro risparmio ci consente..se farà tutto questo, il governo in carica manderà un segnale forte all’ue e all’usa..sull’attuale situazione italiana e su un possibile Break up.
Solo guardadolo possiamo capire la prossima politica del PD, ma come dice chiaramente Berlusconi questo è un nuovo 1994.

veleno50
Scritto il 22 settembre 2014 at 13:52

icebergfinanza,

Come dice l’ultima canzone di Chiara perchè mi dici una cosa sgradevole in questa bellissima giornata di sole.bay dottor Mazzalai buon lavoro the best

icebergfinanza
Scritto il 22 settembre 2014 at 14:12

Oggi sono ai box che cerco di riparare la schiena se volete seguiteci su https://twitter.com/icebergfinanza

gnutim
Scritto il 22 settembre 2014 at 16:06

veleno50@finanza,

e secondo te se gli italiani che hanno paura del futuro causa lavoro/prospettive buttano i dineri in borsa?

Dimmi la verità: questa te la sei inventata tu o riproduci pedissequamente cazzate sparate da altri?

gnutim
Scritto il 22 settembre 2014 at 16:08

veleno50@finanza,

aaaaahhhhh ho capito

Non avevo letto l’ultimo tuo post, segui il consulente finanziario di Chiara.

Ora ci è chiaro tutto

gnutim
Scritto il 22 settembre 2014 at 16:09

Andea hai letto la commedia teatrale tra Francia e la Merkel:

“Impressionante”. E’ l’aggettivo usato da Angela Merkel, cancelliere tedesco, nel commentare il piano di riforme illustrato oggi a Berlino dal primo ministro francese Manuel Valls. “Valls mi ha illustrato la sua agenda di riforme e ritengo che la Francia stia intraprendendo un numero impressionante di misure”, ha detto la Merkel rimarcando comunque come spetti alla Commissione Europea valutare l’agenda della Francia e decidere sull’eventuale allungamento dei tempi per il piano di rientro del deficit francese. Nelle scorse settimane il nuovo esecutivo guidato da Valls ha reso noto che non riuscirà a centrare il rientro del deficit sotto il 3% nel 2015 ma due anni più tardi.

Da quando in qua il gatto insegna al topo a fare il formaggio?

kry
Scritto il 22 settembre 2014 at 16:44

veleno50@finanza:
Cosa c’entra la Germania o una banca tedesca con 270 miliardi versati nel 2013 a 16,5 milioni di pensionati.con una spesa sanitaria di 100/200/300/400/ miliardi nessuno sa quanti siano.evasione dicono 150/200 miliardi.pensionati quasi tutti con il doppio lavoro in nero. 65 anni esente dal tiket sanitario se non raggiungo i 36 mila euro di reddito,63 con reddito di 16000 mila euro si deve pagare,.le municipalizzate quasi tutte in perdita per questo mi arrabbio commentare due giorni consecutivi a chi è più bravo a dare informazioni sulla Germania fa sorridere.dov’è l’amico kray ?un saluto amichevole.bay bay

Sempre sospettato che non riesci a stare senza di me. Innanzitutto si scrive Kry e poi cosa vuol dire bay,bay ( me l’ha chiesto anche l’orfanello). Dammi ancora 5/6 giorni e mi rivedrai apparire da dietro l’angolo. Ciao. ( gli argomenti che proponi sono interessanti purtroppo è il come li esponi che ci distrae.)

dante5
Scritto il 22 settembre 2014 at 17:16

Scusate, negli interventi di tutti vengono dette verità importanti, ma come al solito gli Italiani preferiscono fare a schiaffoni tra loro, tanto poi arrivano gli stranieri col pretesto di togliere le castagne dal fuoco e ci inc…no tutti quanti.http://icebergfinanza.finanza.com/wp-includes/images/smilies/icon_mrgreen.gif

E’ inutile commentare l’ottimismo di maniera di Veleno (io da emiliano riconosco senza problemi la bontà del modello emiliano-romagnolo nei decenni passati, ma nell’ultimo decennio – sarà forse per la scarsa qualità degli amministratori della generazione di Bersani e Del Rio, lo vuoi ammettere anche tu? -http://icebergfinanza.finanza.com/wp-includes/images/smilies/icon_lol.gif mi pare si sia badato un po’ troppo agli affari sia delle coop che di alcuni privati e si sia continuato a premere senza sosta sul pedale dell’acceleratore delle nuove tasse, col risultato che noi emiliani e romagnoli siamo scesi dalla locomotiva per buttarci su un vagone fermo – sei d’accordo Veleno?http://icebergfinanza.finanza.com/wp-includes/images/smilies/icon_lol.gif). E’ forse inutile anche rammentare che la Germania ha fatto e continua a fare i suoi alla grande, col pretesto di voler “moralizzare” l’Europa – se non fosse che a molti il lavaggio del cervello continua a far pensare che vada bene così.

Soprattutto vorrei ricordare a Laforzamotrice, che pure dice tante verità importanti, che dipingere sempre i liberi professionisti come rapinatori e sanguisughe contraddice alcuni ragionamenti importanti che lui stesso ha fatto.http://icebergfinanza.finanza.com/wp-includes/images/smilies/icon_cry.gif
Sono socio in uno studio di liberi professionisti ed oggi abbiamo dovuto accendere un nuovo finanziamento bancario per potere pagare gli stipendi ai numerosi dipendenti. Ad agosto abbiamo fatto i salti mortali per versare l’Iva, perché abbiamo fatturato a giugno e ci è arrivata una caterva di insoluti sulle Riba. Prendo se va bene un compenso da dipendente, ovviamente senza benefit come tfr e tredicesima, con un età pensionabile fissata fin da ora a 70 anni, e me ne mancano ancora + di 20, fa ancora in tempo a salire…, e faccio tante ore che non lo dico perché mi prenderesti per un fesso. Noi paghiamo tutti, dipendenti fornitori le immancabili imposte e balzelli vari, ma tanti tuoi colleghi imprenditori non ci versano un centesimo da anni e protestano pure se gli inviamo la lettera di un legale, oppure dicono che siamo obbligati lo stesso a fargli gli adempimenti…Rifletti prima di parlare la prossima volta http://icebergfinanza.finanza.com/wp-includes/images/smilies/icon_redface.gif. L’erba del vicino pare sempre più verde, ma non la è.

Soprattutto, mi prende lo sconforto nel vedere che anche quando uno di noi segnala un giusto problema ha sempre pronta la soluzione, incolpando qualcun altro e proponendone più o meno l’eliminazione fisica. Sia chiaro, non siamo tutti innocenti, ma se in tanti si lamentano, non sarà che il sistema è totalmente sbagliato? Ma si fa molto prima ad accusare il vicino piuttosto che a proporgli di impegnarsi insieme per cambiare le cose.http://icebergfinanza.finanza.com/wp-includes/images/smilies/icon_evil.gif
Andrea in fondo nei suoi post cerca di insegnare un po’ di consapevolezza e un po’ di amore per il nostro Paese, non fa vittimismo, ma mette semmai giustamente in guardia dal tanto autorazzismo verso noi stessi che è stato sparso a piene mani dai poteri forti. Perché non cerchiamo di dargli un po’ retta?http://icebergfinanza.finanza.com/wp-includes/images/smilies/icon_biggrin.gif

veleno50
Scritto il 22 settembre 2014 at 17:39

gnutim@finanza,

riesco a leggere qualcosa in giro, rifletto, poi provo a scrivere senza inventare nulla .Comunque chiedi al comandante se il nostro paese è il più liquido d’europa e se il risparmio gestito va a gonfie vele e i conti bancari tracimano di euro. tu e il centauro ce l’avete con me presumo perchè pendo da una parte politica altrimenti è tutto tempo perso stare a commentare quello che scrivo.bay bay

veleno50
Scritto il 22 settembre 2014 at 17:49

dante5@finanza,

Anche tu rispondi banalizzando quello che scrivo io ok per oggi ho chiuso,nessuno risponde nel merito.l’altro giorno ho chiesto gentilmente se qualcuno mi dice le tasse che ha messo Renzi solo pernacchie come risposte.sai io sono di quelli che c’è il dare e ricevere poi si fa la tara e si vede chi guadagna. dato che sei un lavoratore attivo ti auguro tanta salute ed auguri a te i tuoi figli . ciao

laforzamotrice
Scritto il 22 settembre 2014 at 18:03

dante5@finanza
Io non dipingo tutti i professionisti come rapinatori e sanguisughe, solamente annoto che molti di costoro esistono solo in funzione di regole e leggi inutili e ingiuste o inutilmente complicate. Ciò fa di loro un sistema parassitario, anche se non ne sono direttamente responsabili, e quando questi diventano troppi, distruggono il tessuto produttivo. L’abnorme numero di leggi e cavilli inutili o solo di facciata costringe il cittadino e l’imprenditorea ricorrere a consulenti anche per cose che dovrebbero essere alla portata di tutti. Un’esempio pratico, se anziche richiedere enormi documentazioni, certificazioni e attestati vari, lo stato una volta stabilite poche e chiare regole, impiegasse tutti i burocrati controllando il territorio anziche a fare i passacarte, probabilmente si otterrebero risultati di gran lunga migliori. Invece, e lo so per molta esperienza personale, si stampa e scrive molto, ma poi sul campo, troppi fanno quel che vogliono perchè le carte ci sono, ma i fatti spesso no, cosi il danno è doppio. Certo, controllare è più faticoso e pericoloso che scrivere ad una scrivania, ma è anche molto più utile. Controllare significa anche impedire le assurdità che accadono sul mercato, tipo i lavori pubblici presi col 40% di sconto e poi pagati il triplo a consuntivo. MOSE insegna. Infatti, mi chiedo perchè, visto che lo stato è cosi pessimo pagatore ci siano sempre aziende disposte a corrompere pur di lavorarci, cosi come mi chiedo perchè se è cosi brutto fare gl’insegnanti ci siano decine di migliaia di aspiranti e famiglie che si “sacrificano” per generazioni di padre in figlio. Tutti disposti al sacrificio? MAH.
Io ho lavorato in edilizia,e ne ho sentite di tutti i colori. Io lavoravo nel cls, ho visto migliaia di getti, ma di verifiche delle (costosissime) direzioni lavori solo 25/30 volte. Cosi come ho visto assai raramente qualche professionista pagare davvero per i propri errori, con solo un gran giro di avvocati, giudici, esperti, consulenti, periti e alla fine, il povero disgraziato che si è visto migliaia di euro di danni per un laavoro mal fatto ha dovuto arrangiarsi a ripagarsi i propri danni e ad essere “cornuto e mazziato”. Però se ho torto, vi prego di dimostrarmelo, dati alla mano, quanti sono i casi di radiazione da albi e arresti di professionisti, burocrati o simili?

laforzamotrice
Scritto il 22 settembre 2014 at 18:14

ps. Io non accuso nessuno in particolare, ma credo che la gran parte di noi si è conformata o lo stà facendo ad un sistema “furbo” senza capire che se sempre più persone cercano di far finta di spingere il carro (che è sempre in salita), questo prima o poi si fermerà, poi comincerà a retrocedere travolgendoci.

dorf001
Scritto il 22 settembre 2014 at 20:30

tanto per consolarci un pò, e giusto per voler capire qualcosa su questo argomento. molti di voi lo hanno citato. il nostro bresciano x primo. e allora leggiamo, please.

PERCHÉ SIAMO TUTTI COSÌ FOTTUTAMENTE STUPIDI ?

[Compito a casa: leggere questo articolo e applicare i concetti espressi alle politiche dell’amministrazione Obama su Ucraina e la Siria…. ma non solo].

Si è fatto di nuovo giorno in America …. E se invece fosse un’altra bolla dell’economia americana che sta per scoppiare (di nuovo), questa volta forse trascinandoci in un crollo in piena regola, di quelli che si fanno in cinque tappe, con accompagnamento sinfonico e fuochi d’artificio?

Un paese che cerca di gonfiarsi da solo è uno spettacolo da non perdere, e ci mette in condizione di interrogarci su un sacco di cose.

Ad esempio, ci viene da chiedere se coloro che stanno provocando questa esclusione saranno considerati dei criminali. (Certo, possono esserlo per modo di dire, come un giudizio morale che arriva all’orecchio dei potenti dalla voce di chi potente non è, ma dal momento che nessuno di loro rischia davvero di vedere l’interno della cella di una prigione e nemmeno un tribunale né ora né mai, questa considerazione è … del tutto irrilevante. Cerchiamo piuttosto di essere sicuri che daremo loro la caccia, una volta che cercheranno di scappare e di nascondersi) ma per restare ad un livello più basso e con i piedi per terra c’è una domanda migliore che dobbiamo farci:

Perché siamo tutti così fottutamente stupidi?

però per capire dovete leggere tutto l’articolo, qui : http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=13933

kry
Scritto il 22 settembre 2014 at 21:46

veleno50@finanza:
icebergfinanza,

Italia paese più liquido d’Europa.paura del domani non spende più un’euro nessuno tutti a risparmiare,le banche sono stracolme di soldi da parte dei correntisti il risparmio gestito sta facendo record su record, l’informazione allarmistica crea danni irreparabili , la parola fiducia dimenticata da tutti,nei commenti filippiche ripetitive sfide a chi è più informato.mi raccomando commentiamo sempre sulle banche tedesche o sulla Merkel che di problemi in Italia ne risolviamo molti.bay bay

Prova a pensare alla bella trombata ( opss volevo dire trovata ) tutta e solo italiana del REDDITOMETRO.

dante5
Scritto il 23 settembre 2014 at 10:09

laforzamotrice@finanza:
dante5@finanza
Io non dipingo tutti i professionisti come rapinatori e sanguisughe, solamente annoto che molti di costoro esistono solo in funzione di regole e leggi inutili e ingiuste o inutilmente complicate. Ciò fa di loro un sistema parassitario, anche se non ne sono direttamente responsabili, e quando questi diventano troppi, distruggono il tessuto produttivo. L’abnorme numero di leggi e cavilli inutili o solo di facciata costringe il cittadino e l’imprenditorea ricorrere a consulenti anche per cose che dovrebbero essere alla portata di tutti. Un’esempio pratico, se anziche richiedere enormi documentazioni, certificazioni e attestati vari, lo stato una volta stabilite poche e chiare regole, impiegasse tutti i burocrati controllando il territorio anziche a fare i passacarte, probabilmente si otterrebero risultati di gran lunga migliori. Invece, e lo so per molta esperienza personale, si stampa e scrive molto, ma poi sul campo, troppi fanno quel che vogliono perchè le carte ci sono, ma i fatti spesso no, cosi il danno è doppio. Certo, controllare è più faticoso e pericoloso che scrivere ad una scrivania, ma è anche molto più utile.
…..Cosi come ho visto assai raramente qualche professionista pagare davvero per i propri errori, con solo un gran giro di avvocati, giudici, esperti, consulenti, periti e alla fine, il povero disgraziato che si è visto migliaia di euro di danni per un laavoro mal fatto ha dovuto arrangiarsi a ripagarsi i propri danni e ad essere “cornuto e mazziato”. Però se ho torto, vi prego di dimostrarmelo, dati alla mano, quanti sono i casi di radiazione da albi e arresti di professionisti, burocrati o simili?

Mi sento obbligato a risponderti. Perché , quanti imprenditori edili hanno intascato i soldi e poi sono falliti e spariti nel nulla, lasciando i compratori delle case sulla carta a becco asciutto, senza soldi e senza casa e con un mutuo da pagare già acceso, e purtroppo spesso senza la fidejussione resa obbligatoria nel 2005 o con l’assicurazione che trova un cavillo, visto che parli di cavilli, e non ne risponde?
Lo vedi che a banalizzare si fa presto? Io ti rispondo che nel mio Ordine di radiati ce ne sono stati parecchi, e talvolta non perché fossero dei delinquenti, ma magari perché proprio facevano un’attività imprenditoriale parallela a quella del commercialista…visto sempre che parliamo di regole anacronistiche ed inutili.
Guarda, in merito agli adempimenti inutili sfondi la porta aperta se parli con un commercialista “normale”, specie quelli come me della seconda o terza generazione, che siamo arrivati sul mercato quando c’era già pieno e non abbiamo ereditato lo studio ma ce lo hanno fatto pagare salato, perché è vero che prima si guadagnava, sissignore, ma anche i noleggi videocassette 20 anni fa guadagnavano ed ora sono spariti dal mercato perché si scarica tutto da Internet…
I commercialisti “normali”, quelli come me che devono fare di tutto per sopravvivere, consulenza fiscale gestionale civilistica giuslavoristica, contenzioso e procedure, ed annessi naturalmente una marea di adempimenti per cui paghiamo un cospicuo numero di dipendenti e collaboratori, gli adempimenti li abolirebbero quasi tutti, primo siamo obbligati a farli ma oggi i clienti pagano a forfait, un adempimento non previsto quando hai fatto il contratto non riesci poi spesso a fartelo pagare a parte, secondo anche quando te lo pagano deve essere per forza una cifra simbolica, e quindi a farci i conti con gli insoluti, ecc. quasi sempre ci rimetti, considera che devi attrezzarti acquistando software specifici, fai dei corsi di formazione specifici per te ed i dipendenti, ecc., quindi gli adempimenti li vuole lo Stato, che ci considera dei dipendenti senza stipendio e sempre corresponsabili quando c’è un errore, non li vogliamo noi, chiaro?
Quando poi non ci fossero molti adempimenti che tutti consideriamo tranquillamente inutili, è chiaro che faremmo a meno di molti dipendenti, tra noi e le associazioni di categoria parliamo di milioni di persone e buona parte di questi posti di lavoro sarebbero a rischio. Certo, le imprese spenderebbero meno, ma questa gente come farà a mangiare ed a consumare i beni ed i servizi che le imprese producono? Forse li mandiamo tutti a lavorare in Germania? (Non penso, visto che la stragrande maggioranza sono donne con prole!) E quindi secondo te le imprese alla fine starebbero meglio o peggio?
E’ chiaro che le ricette a casa degli altri si fa sempre bene a trovarle…Gli adempimenti auspico io per primo che vengano ridotti, ma dovrà per forza avvenire gradualmente, se venisse tolta questa maledetta austerità e le tasse iniziassero a calare davvero, non calarle a chi non spende per tassare di più chi spende e sai che non ti dà il voto, vero Renzi?, contemporaneamente potessimo fare cambiare verso davvero alla politica monetaria europea (QUI STO DELIRANDO…), o meglio avere una nostra sovranità monetaria, allora sì che l’economia ripartirebbe, si creerebbero nuove imprese, potrebbe tornare la mobilità sociale in orizzontale (ossia i dipendenti potrebbero cambiare settore, vedi le nostre impiegate che diventano addette a servizi innovativi) e soprattutto in verticale (tanti dipendenti che diventano imprenditori e professionisti a loro volta, come negli anni 60, 70 ed 80, quando si è costruita la ricchezza di questo Paese con la nostra tanto disprezzata liretta…SIGH!). Ed allora finalmente potremmo avere un Paese più leggero, meno norme, meno burocrazia, crescita reale costante, fiducia, ecc. e darei ragione sia a te che a Veleno. Probabilità che questo si realizzi con Renzi? Molto scarsa, a meno che non precipiti nel caos anche la Germania e la Merkel e Schaeuble siano costretti a repentine dimissioni… (ma i loro mandanti come reagirebbero? Credete che si lascerebbero scappare via il pesce dalle mani facilmente?!)

gnutim
Scritto il 23 settembre 2014 at 10:38

grazie Dante per il tuo cortese contributo

laforzamotrice
Scritto il 23 settembre 2014 at 11:36

dante5@finanza,

Non sentirai da me una singola parola a difesa del settore edile, che come potrai intuire leggendo bene i miei interventi, non considero assolutamente formata da brave persone, anzi… . Ma torniamo al solito punto, dove sono tutti quei professionisti, notai, ingenieri, architetti, bancari che avrebbero dovuto vegliare?
In realtà, sappiamo tutti qual’è il metodo per uscire da questa situazione, cioè riprendere lo sviluppo. Ma sono le ricette che non coincidono. Ad esempio io non capisco questa mania della moneta, assistiamo da anni ormai ad un’immissione spaventosa di denaro nelle varie economie senza che la situazione migliori realmente, come ci dimostra sempre il capitano, ma alimentando solo la speculazione. Bisogna che si torni tutti a produrre, e il denaro dev’essere legato solo a questo, la creazione di posti di lavoro veri, produttivi, come sempre ripeto sul mio blog http://www.laforzamotrice.it, produrre merci e servizi che si VOGLIANO comprare, non pastoie burocratiche costose e inutili. Non conta quale lavoro fai, ma come lo fai.
E sempre, guerra feroce e spietata agl’imbroglioni http://www.iene.mediaset.it/puntate/2014/09/17/toffa-in-pensione-con-un-mese-di-contributi_8683.shtml

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Non avevamo certo bisogno di grandi conferme: però la violenza del crollo di questo indicatore
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I mercati hanno frenato il rally e gli entusiasmi. Il VIX è in correzione, il petrolio in gran ri
L’indice VIX è conosciuto come l’indice della paura, visto che va a misurare la volatilità
Ftse Mib. L'indice italiano è ancoraa imprigionato in una fase laterale di breve caratterizzata da
Due giorni fa prima di pronunciare quelle parole di verità, le uniche che ha saputo pronunciare
Continua ormai da oltre una settimana la fase di congestione. Anche sul mercato delle opzioni gli op
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib. L'indice italiano prosegue nel solito saliscendi che ha caratterizzato le ultime sedute. E
Movimentazioni contratti. Su tutti i sottostanti rimane sotto tono la componente future, sia come v