DEUTSCHE BANK …BOCCIA FREDDA!

Scritto il alle 13:22 da icebergfinanza

Ieri una delle innumerevoli belle addormentate di questo disastrato Paese, mentre le banche tedesche hanno ottenuto trattementi di favore e la Merkel se ne fa un BAFIN della vigilanza bancaria per proteggere le sue voragini con la banca intorno all’improvviso in Parlamento…

UE: BOCCIA (PD), SERVE VIGILANZA BANCARIA UNICA

“non sia più tempo di rinviare le decisioni connesse al ruolo delle banche in Europa. È necessaria, subito, l’unione bancaria insieme a quella fiscale, una vera vigilanza bancaria unica e pari condizioni di partenza. Le banche tedesche, tra i 64 miliardi di ricapitalizzazione e gli 80 miliardi di crediti deteriorati, hanno avuto un intervento diretto e indiretto dello Stato superiore a 144 miliardi (pari al 5.5% del Pil tedesco). In Italia, Mps a parte, gli interventi sono stati pari a zero.

Santo Cielo e  chi glielo dice al Boccia che Landesbank e Sparkasse, sono le discariche abusiove del potere politico tedesco e che …complice un cavillo normativo che pone la vigilanza di queste banche sotto l’ala della Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin), l’autorità finanziaria nazionale, per la BCE sarà possibile guardare all’interno dei loro bilanci solo su richiesta. 

Non solo il nostro arriva a chiedere persino …

“Un appunto finale, invece, alle banche tedesche: non si sono fidate e, dal 2008 a oggi, hanno più che dimezzato la loro esposizione con l’Italia. Questo, anche per i nostri comuni rapporti, è stato un grave errore: devono fidarsi e investire nel nostro Paese, sarebbe il primo passo di una vera stagione nuova”.

Ma a nessuno in questo Paese viene il sospetto che la strategia attuata da Deutsche Bank e dintorni di liberarsi di tutti i nostri titoli di Stato all’improvviso diventando contemporaneamente molto attivi nel vendere coperture assicurative sul rischio fallimento del nostro Paese, ovvero coperture assicurative sul nulla, ha scatenato un bombardamento che ha disintegrato il nostro Paese?

E ora questa ingenua bella addormentata chiede ai tedeschi di investire nel nostro Paese?

Loro non investono, vengono e si comprano a prezzi di saldo quello che a loro conviene!

Ma è mai possibile che sia stato solo un blogger qualunque di provincia ad aver compreso nel 2011 quello che realmente stava accadendo?

E’ possibile che solo il sottoscritto nel 2011 abbia compreso che la riluttanza a salvare la Grecia con qualche miliardo da parte della Germania, che il salvataggio attraverso i fondi europei delle banche greche, portoghesi serviva per riprendersi crediti sconsiderati concessi dalle banche tedesche che in questi anni hanno distrutto interi patrimoni, alimentando bolle immobiliari ed industriali in ogni angolo d’Europa?
Che ha fatto la famigerata Bundesbank e la vigilanza tedesca negli anni migliori dell’orgia subprime, dormiva o si preparava a combattere nelle trincee della nuova repubblica di Weimar?

Gli idioti di Dusseldorf gli chiamavano gli americani quando li vedevano arrivare per comprare la loro spazzatura subprime.

Idioti di Roma dovremo chiamare i nostri politici, ignoranti sino al midollo sulle dinamiche economiche e finanziarie, sulle armi finanziarie utilizzate per combattere questa guerra.

Ma è possibile che abbiano fatto tutti finta di nulla solo per liberarsi di un pagliaccio che andava in giro a raccontare di ristoranti pieni e speculazioni, mode passeggere?

Il paradosso è che anche Renzi recentemente lo ha ricordato…

Renzi è andato oltre. Ha voluto infilare il suo ago polemico, con questa battuta: «Io non parlo delle Sparkassen o delle Landesbanken…».  Battuta velenosa che allude alla vigilanza proverbialmente «distratta» che la Bundesbank e il Bafin dedicano alle banche regionali e locali tedesche, potentati politici spesso salvati da soldi pubblici e che il governo tedesco è riuscito almeno in parte a sottrarre alla vigilanza comune europea.(La Stampa) 

Basta battute Signori, se avete le palle tiratele fuori e fate presente alla Germania che prima di dare lezioni in casa altrui dia un’occhiata alla voragine finanziaria che ha in casa, diversamente come abbiamo detto lunedi… ” quando un’autorità straniera da ordini in casa tua, tu sei un reduce e la guerra l’hai persa.”

Io faccio quello che posso per diffondere Consapevolezza, sogno che la parte migliore di questo Paese un giorno si sollevi e come un’onda spazzi via la fogna che ci circonda, ma forse è solo un sogno, non ho la forza per realizzarlo!

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’ isola di condivisione quotidiana nell’ oceano infinito di questa tempesta perfetta. Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul bannerin cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.6/10 (25 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +17 (from 21 votes)
DEUTSCHE BANK ...BOCCIA FREDDA!, 9.6 out of 10 based on 25 ratings
21 commenti Commenta
reragno
Scritto il 30 luglio 2014 at 14:41

Grazie Andrea per avermi aperto gli occhi in questi anni.

Tutti gli uomini onesti ( ONESTI SUL SERIO ) di buona volontà si uniscano per spazzare via questo sistema marcio.

mirrortrader
Scritto il 30 luglio 2014 at 15:27

Bene, spazziamo il sistema marcio.
Soluzione 1: Emigrare.
Soluzione 2: ???? Accetto consigli pragmatici.

dfumagalli
Scritto il 30 luglio 2014 at 15:31

Vabbe’, dai, non infierire su Boccia!

Descrivere la competenza di Boccia su qualunque cosa anche solo vagamente vicina alla finanza è come prendere di punta un povero bambino menomato: è crudele.

Anzi, sono crudeli con noi coloro che lo piazzano in posti di una qualsiasi responsabilità e visibilità, ben sapendo che bene che vada non combinerà nulla. E dobbiamo rallegrarci di questo nulla, potrebbe anche agire e fare (più) danno!

dfumagalli
Scritto il 30 luglio 2014 at 15:31

mirrortrader@finanza:
Bene, spazziamo il sistema marcio.
Soluzione 1: Emigrare.
Soluzione 2: ???? Accetto consigli pragmatici.

Il lo ho fatto, e non sono mai stato più felice di una decisione presa in vita mia.

mordor1979
Scritto il 30 luglio 2014 at 15:36

Fin che Renzusconi prende il 40% non cambierà proprio nulla… Gli Italioti hanno deciso cosi, e guai lamentarsi…

magicx
Scritto il 30 luglio 2014 at 15:47

I Tedeschi, complice un’Europa succube, ineressata, colpevole e mediocre, hanno fatto impunemente i comodi loro. Comodi che invero hanno fatto in molti nel mondo finanziario. E sono pochissimi quelli che hanno pagato (ma ce ne sono poi stati?).
P.S.
Boccia so a malapena chi sia, ma se anche vagamente ha puntato il dito contro le Banche tedesche non vedo perchè rinfacciarglielo.

dorf001
Scritto il 30 luglio 2014 at 16:27

magicx@finanzaonline,

Francesco Boccia (Bisceglie, 18 marzo 1968) è un politico ed economista italiano.

Studi e carriera accademica[modifica | modifica sorgente]

Laureato in Scienze politiche a Bari, ha ottenuto un MBA alla Bocconi, ha svolto per quattro anni attività di ricerca alla London School of Economics ed è stato Visiting Professor alla University of Illinois, Chicago, nel 2002. Professore associato di Economia aziendale presso la LIUC di Castellanza dal 2003, è stato consigliere economico del Ministro dell’Industria Enrico Letta (dal 1998 al 2001) e poco dopo ha aderito alla Margherita.

ma la cosa peggiore è che uno del pd. sai quel partito fasullo che diceva di difendere i lavoratori. una volta gli operai. e sai chi è la sua molgiettina? si quella che hanno inquisito…la nunzia di girolamo, del pdl.

vedi mò : http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/1232650/Due-piccioni-con-una-fava–Boccia-in-prima-fila-per-la-moglie-Nunzia-e-l-amico-Enrico.html

nunzia di girolamo, rischia dopo il caso intercettazioni. http://www.huffingtonpost.it/2014/01/13/nunzia-de-girolamo-francesco-boccia-difende-la-moglie_n_4587837.html

il fatto è che questi piddini di merda si credono economisti esperti. invece sono solo dei pivelli.

e hanno pure il coraggio di parlare!!!!!!!! di essere i salvatori del paese. vanno appesi ad un albero. e basta.

sto tizio continuava a smenarla in tv, che lui sognava x i suoi figli gli stati uniti d’europa. non sai quante se ne son ditte tra lui e bagnai. ma ha ragione bagnai al 100%.

toh guarda qua : http://www.youtube.com/watch?v=GvklgZNQo5A

abbiamo dei totali incompetenti al governo. renzi per primo. uno che non sà nulla manulla di economia. a lui basta leccare il kulo alle banche ed è a posto. il suo posticino di potere glielo hanno assicurato.

by DORF

magicx
Scritto il 30 luglio 2014 at 16:48

dorf001 scrive: Francesco Boccia (Bisceglie, 18 marzo 1968) è un politico ed economista italiano.

Si uno dei tanti.
In generale ogni Paese ha la classe politica che si merita e la nostra è il perfetto spaccato di quello che siamo noi italiani: un popolo di furbi e piagnoni, avidi e creduloni.
Concetti che facilmente attribuibili a chiunque
P.S.
A volte anche io ho pensato che valesse la pena di togliere il voto ai “vecchi”.
Poi mi capita di guardare il panorama dei “giovani” e fatico a trovare conforto.
Confido nell’età di mezzo. Ma nche li non stiamo troppo bene.

dorf001
Scritto il 30 luglio 2014 at 17:10

magicx@finanzaonline,

guarda magicx, pure io sono sconsolato come te. dei vechi hai già detto. io più sopra ci ho fatto un post.

sui giovani, tu non sai quanto ciocco coi miei figli. che son sutfo che vadano su FB solo x cazzeggiare. ma la cosa folle, ho notato, molte persone dai 55-60 in sù perdono ore e d ore per postare delle vaccate megagalattiche. e palrano di gatti, di fiori, di quello che hanno mangiato, e che sono appena andati dal dottore x toglierdi una ciste, o l’appendicite. o che hanno fatto una passeggiata sui sentieri, e il loro altimetro ha segnato 5,3km. insomma folia pura. totale demenza. dove vuoi che andiamo?

e infine tu lo dici, confiid nell’età di mezzo, cioè 50 anni, ma anche li’ non stiamo troppo bene.

siamo a zero su tutto il fronte. come dicevo con GIOBBE e lui lo sà, basterebbe un gruppo compatto del 3-5% per riformare sul serio questo paese. ma deve essere coeso. cioè tutto unito. ma anche li’ siamo divisi e sparsi x l’italia. il sistema del “Divide et Impera” funziona ancora molto bene.

sta a noi far saltare qeusto meccanismo. gli sutdi sul come fare ci sono tutti. uomini buoni ce li abbiamo. dobbiamo metterli tutti insieme.

DORF

magicx
Scritto il 30 luglio 2014 at 17:25

dorf001@finanza,

Della speranza si dicono molte cose; anche contraddittorie.
Ma sarebbe il caso di cercare di vedere il bicchiere mezzo pieno. Penso sempre quanto ho detto su noi Italiani… ma sotto sotto una parte di me confida che esista una maggioranza silenziosa meglio attrezzata.
D’altro canto fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce. Ma è pur vero che di questi tempi a cadere sono intere foreste

luigiza
Scritto il 30 luglio 2014 at 17:34

@Andrea M.

Ma è mai possibile che sia stato solo un blogger qualunque di provincia ad aver compreso nel 2011 quello che realmente stava accadendo?

Appunto Andrea me lo continuo a chiedere anche io (che come ricorderai non ti ho creduto per lungo tempo).
Come ..zz.. é stato possibile?

Come anche mi continuo a chiedere come sia stato possibile che solo (beh non proprio solo lui) un professore di una ‘defilata’ (al tempo usai il termine ‘oscura’ ) università italiana avesse capito e fatto capire a molti cosa veramente stava succeddendo in quell’area economica non ottimale a moneta unica chiamata Unione Europea?
(visto che qualcosa ho imparato? )

Ma sopratutto mi continuo a chiedere: perchè al potere ci sono ancora le stesse teste di .zz..?

mirrortrader
Scritto il 30 luglio 2014 at 19:22

Come sospettavo.
Nessuna risposta pragmatica al punto 2.
Si parla..si parla… si parla… e non si agisce.

laforzamotrice
Scritto il 30 luglio 2014 at 20:38

mirrortrader@finanza,

cominciamo a incontrarci da qualche parte?

reragno
Scritto il 30 luglio 2014 at 20:44

laforzamotrice@finanza,

Sarebbe un’idea valida.
Qualcuno sa che fine ha fatto John Ludd?
Lui e Andrea sarebbero i leader secondo il mio modesto parere.

mirrortrader
Scritto il 31 luglio 2014 at 00:48

ci incontriamo e poi????
che si fa????
un esempio pragmatico please…

Secondo me non si puo fare nulla.
La consapevolezza della massa è una utopia, rimarra una consapevolezza di nicchia.

kry
Scritto il 31 luglio 2014 at 08:40

reragno@finanzaonline,

John fino a novembre penso ce lo scordiamo a meno di un improvviso breve ritorno. Per fine ottobre c’è chi ha fatto un invito http://icebergfinanza.finanza.com/2014/05/29/francia-2014-revolution/ buono per un ripasso ( John_ludd Scrive:
29 maggio 2014 alle 14:19
closing time@finanza,
a fine ottobre sarò qui (alla base non sopra !)
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/ac/Kangchenjunga_PangPema.JPG ) In parte concordo con mirrortrader c’incontriamo e poi facciamo come i quattro amici al bar di Gino Paoli ? Siamo italiani.

closing time
Scritto il 31 luglio 2014 at 09:52

l’invito per novembre era mio e ci lavoreremo: andrea e john ludd imprescindibili. intanto ci si conosce e si gettano le basi oltre che di conoscenza e consapevolezza, di fiducia in questo gruppo che rappresenta nel suo insieme una vera sentinella etica depoliticizzara e deideologizzata.tenetevi liberi per sabato 15 e domenica 16 novembre: ci si vedrà sull’appennino bolognese in un agriturismo: Andiamo lunghi proprio per attendere john ludd e per cogliere il vento delle turbolenze del prossimo autunno e non sarà un vento leggero credo.

yabadaba
Scritto il 31 luglio 2014 at 10:18

Guardate comunque che Renzi non è scemo, le cose le sa. Fa quello che può per arrivare, stordito ma in piedi, al momento decisivo.

glare
Scritto il 31 luglio 2014 at 13:16

mirrortrader@finanza,

Adesso non facciamo nulla siamo troppo pochi.
Bisogna fondare un partito, raccogliendo 30000 firme..poi decidere un programmma e un punto di incontro per conoscerci..bisogna trovare sostegno alla base del M5s, insomma ripercorrere un analogo percorso, con tanto di sito ma essere chiari e avere un “leader” che ci rappresenti degnamente

Ma il segreto è avere una politica chiara sulla moneta e sul rilancio economico..alla gente interessa questo oltre a ritrovare e non perdere il lavoro e i 4 diritti rimasti.

yabadaba@finanza,

Renzi sa quel che fa, infatti punterà il prima possibile alle elezioni..ha un’insaziabile fame di potere e non gli interessa in alcun modo del destino di questa terra… e questo purtroppo lo stanno dimostrando le ZERO RIFORME UTILI

mirrortrader
Scritto il 31 luglio 2014 at 19:48

Glare.. Utopia… ognuno a questo punto.. pensi per se.

glare
Scritto il 1 agosto 2014 at 10:14

mirrortrader@finanza,

E’ da tempo che l’ho capito..scommetto che io e te in un futuro prossimo ci incontreremo..ma non in Italia. :-D

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Non avevamo certo bisogno di grandi conferme: però la violenza del crollo di questo indicatore
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I mercati hanno frenato il rally e gli entusiasmi. Il VIX è in correzione, il petrolio in gran ri
L’indice VIX è conosciuto come l’indice della paura, visto che va a misurare la volatilità
Ftse Mib. L'indice italiano è ancoraa imprigionato in una fase laterale di breve caratterizzata da
Due giorni fa prima di pronunciare quelle parole di verità, le uniche che ha saputo pronunciare
Continua ormai da oltre una settimana la fase di congestione. Anche sul mercato delle opzioni gli op
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib. L'indice italiano prosegue nel solito saliscendi che ha caratterizzato le ultime sedute. E
Movimentazioni contratti. Su tutti i sottostanti rimane sotto tono la componente future, sia come v