ITALIA…STA ANDANDO TUTTO A PUTTANE!

Scritto il alle 10:35 da icebergfinanza

I lettori mi scuseranno per questo titolo un pò spinto per il nostro carattere, ma francamente dopo aver appreso la notizia di ieri non si poteva scrivere diversamente anche se in questo siamo in buona compagnia… Istat, dal 2014 anche droga e prostituzione nel calcolo del Pil

Tutti i Paesi Ue, compresa l’Italia, inseriranno ”una stima nei conti (e quindi nel Pil)” delle attività illegali, come ”traffico di sostanze stupefacenti, servizi della prostituzione e contrabbando (di sigarette o alcol)”. La novità sarà inserita a partire dal 2014 nei conti, in coerenza con le linee Eurostat. Lo rileva l’Istat.

Il 2014 segna il passaggio ”ad una nuova versione delle regole di contabilità”, tanto in Italia come in gran parte dei paesi Ue. Il cambiamento interesserà anche il Pil. Lo comunica l’Istat, spiegando che le spese per ricerca e sviluppo saranno considerate investimenti e non più costi, un cambiamento che ”determina un impatto positivo” anche ”sul Pil”. L’aggiornamento potrebbe portare per l’Italia, si stimava a gennaio a Bruxelles, a una revisione al rialzo del livello del Pil tra l’1% e il 2%.

Si tratta di una novità che rientra nelle modifiche condivise a livello europeo e connesse, evidenzia l’Istat, al ”necessario superamento di riserve relative all’applicazione omogenea tra paesi Ue degli standard già esistenti”.

Nello specifico, tra le riserve trasversali avanzate ce ne è una, sottolinea l’Istituto, che ”ha una rilevanza maggiore”, in quanto, appunto, riguarda l’inserimento nei conti delle attività illegali, che già il precedente sistema dei conti nazionali, datato 1995, aveva previsto, ”in ottemperanza al principio secondo il quale le stime devono essere esaustive, cioè comprendere tutte le attività che producono reddito, indipendentemente dal loro status giuridico”.

L’Istat riconosce come la misurazione delle attività illegali sia ”molto difficile, per l’ovvia ragione – spiega – che esse si sottraggono a qualsiasi forma di rilevazione, e lo stesso concetto di attività illegale può prestarsi a diverse interpretazioni”. Ecco che, aggiunge, ”allo scopo di garantire la massima comparabilità tra le stime prodotte dagli stati membri, Eurostat ha fornito linee guida ben definite. Le attività illegali di cui tutti i paesi inseriranno una stima nei conti (e quindi nel Pil) sono: traffico di sostanze stupefacenti, servizi della prostituzione e contrabbando (di sigarette o alcol)”.

Quindi viene almeno circoscritto il range per mettere a punto una stima del peso di quest’area. A riguardo può essere utile ricordare come l’Istat già inserisca nel Pil il sommerso economico, che deriva dall’attività di produzione di beni e servizi che, pur essendo legale, sfugge all’osservazione diretta in quanto connessa al fenomeno della frode fiscale e contributiva.

Le ultime stime dedicate risalgono al 2008, e indicano come il valore aggiunto prodotto nell’area del sommerso sia compreso tra un minimo di 255 e un massimo 275 miliardi di euro. Il peso dell’economia sommersa è quindi stimato tra il 16,3% e il 17,5% del Pil

Questo vi da la dimensione di come in economia si possa giocare o manipolare senza tanti problemi le cifre e le percentuali.

…”in ottemperanza al principio secondo il quale le stime devono essere esaustive, cioè comprendere tutte le attività che producono reddito, indipendentemente dal loro status giuridico”.

Scusate la feroce ironia, ma allora perchè non comprendere anche gli omicidi, magari di pensionati, cosi poi lo Stato risparmia sulle pensioni e i giovani trovano lavoro, sai che volo del PIL si avrebbe nel giro di un battito di ciglia?

Solo un SISTEMA FALLITO amministrato da un manipolo di FALLITI psicopatici poteva progettare di inserire nel PIL attività illegali che genereranno pure reddito ma non fanno entrare un solo centesimo di tasse! GAME OVER.

Ieri il professor Deaglio ha suggerito sempre in onore alle medie dei polli di trilussa che questo aiutino potrebbe comportare un’entrata ipotetica di 90 miliardi per le nostre statistiche trilussiane, si 90 miliardi che abbatterebbero definitivamente il debito pubblico e cancellerebbero per sempre menate anacronistiche come il rapporto debito/pil e il fiscal compact!

Ovviamente la sto facendo semplice e gioco con l’ironia, ma ormai non c’è più nulla da scherzare in un sistema FALLITO come l’attuale, dove ormai le statistiche e le regole contabili vengono quotidianamente infrante e manipolate, soprattutto dal sistema finanziario.

Prima più gente lo comprende e meglio è per ripartire da zero, con un reset totale!

Mi dispiace ma questa è la pura e semplice realtà, bisogna prenderne atto, come noi facciamo da anni, mentre altri vi illudono inutilmente, in direzione sempre e solo ostinata e contraria!

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.5/10 (25 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +10 (from 14 votes)
ITALIA...STA ANDANDO TUTTO A PUTTANE!, 9.5 out of 10 based on 25 ratings
45 commenti Commenta
reragno
Scritto il 23 maggio 2014 at 10:47

Sono d’accordo al 100% con quanto scrivi.

Bisogna ripartire dall’anno 0 e abbattere questa pseudo capitalismo-nazista-antidemocratico.

7voice
Scritto il 23 maggio 2014 at 11:16

queste sarebbero regole ? a me sembrano tanto una presa x i fondelli ! l’irregolare lo si deve calcolare ? è secondo quale parametro ? QUESTI SONO UNA BANDA DI MARIUOLI , PUNTO ! E’ I MARIUOLI SI SBATTONO IN GALERA . :mrgreen:

draziz
Scritto il 23 maggio 2014 at 11:18

Andrea, scusa, ma mi stupisce che tu non abbia pensato al passo successivo…
La legalizzazione, con conseguente assoggettamento a tassazione ed IVA 22% (sigh!), dell’attivitá di meretricio propriamente detta.
Il ritornello? È l’Europa che ce lo chiede…
:mrgreen: :twisted:

draziz
Scritto il 23 maggio 2014 at 11:27

E la faranno pure passare come una sfida alle organizzazioni criminali… per sottrarre al loro controllo l’enorme flusso di denaro in gioco…
Sta’ tranquillo che poi schedano e mettono pure i dati nello spesometro… :mrgreen::mrgreen::mrgreen:

kry
Scritto il 23 maggio 2014 at 11:49

Andrea che ti scusi a fare, d’altronde è vero. Stamane prima dell’uscita del tuo post: 23 maggio 2014 alle 09:26
Che dire di un paese che è andato a ……. puttane. Stessa cosa per l’europa. Giusto per far emergere un pò di nero di questo mondo tuttaltro che arcobaleno. Mi raccomando da subito sesso droga e …. più pil per tutti. e 23 maggio 2014 alle 09:29
A proposito me li vedo i nostri rappresentanti che agli incontri bilaterali sono fieri ed orgogliosi di mostrare i conti in ordine grazie alla crescita del pil. @@@@ Ciao e buon fine settimana.

gracav
Scritto il 23 maggio 2014 at 11:54

siamo alla frutta…

kry
Scritto il 23 maggio 2014 at 12:05

Culo in buono stato usato giornalmente per normale attività vendesi per soddisfare primaria necessità.

soltero
Scritto il 23 maggio 2014 at 12:25

vedere il mio commento di ieri ( e che da anni sto ripetendo) valido per questa notizia di oggi e di quella di…..domani
il fondamento si sta sgretolando, piano, piano, piano

john_ludd
Scritto il 23 maggio 2014 at 12:39

Andrea sono tutte non notizie cui si possono dedicare tre righe e due risate. Stop niente di più. Diversivo tra i diversivi per non parlare di ciò che non si deve, di ciò che non si può, altrimenti la gente si spaventa (ancora di più di adesso ?)

Misure su alcune attività illegali vengono utilizzate anche altrove, in USA hanno persino infilato nel PIL misure edoniche.

E adesso perdonami ma parte il predicozzo quasi quotidiano del luddista al ragù…

Non c’è nulla di errato in sè nel considerare fonti di reddito/ricchezza o altro “non convenzionali”, l’utilizzo di internet è infatti ricchezza solo che non lo puoi misurare con una statistica. Anche andare al museo invece che farsi una sega davanti a un film porno genera ricchezza ma non la si può misurare con questi metodi del piffero. Ovviamente queste minchiate che vengono proposte hanno lo scopo di far sembrare le cose meno catastrofiche di quel che sono e non sono il segnale che qualcuno è rinsavito e inizia a capire…

E’ qui che sta il punto: buona parte delle statistiche non significano nulla, è condizionamento culturale sin dalla nascita e pure voi che non siete fessi (o non dovreste) BUM dentro come delle pere cotte a utilizzare lo stesso metro di chi vi caga in testa da quanto siete nati. Gente che straparla di medie e varianze senza sapere che vogliono dire, quando ha senso usarle e quando no, si piange sul PIL che è una misura dell’interscambio creato da decine di miliardi di transazioni affetta da errori marchiani, dove figurano costi per investimenti (e quali sono quelli buoni e quelli no ?) e consumi (e quali di questi distruggono ricchezza invece che crearla ?) si confronta PIL (un flusso) con il debito (uno stock) e così via. Prassi e consuetudini per ridurre una realtà troppo complessa a una ricetta di cucina… un diluvio di banalità sia da parte dei pro market, pro growth che anche da voi altri… accomunati dal pensiero debole alla fine… si muore.

atomictonto
Scritto il 23 maggio 2014 at 12:46

L’unica cosa che trovo personalmente sbagliata di questa faccenda è che inseriremo, al pari dei Partner Europei, queste stime nel PIL ma a differenza di quasi tutti i Pertner continueremo stupidamente a NON legalizzare e tassare queste forme economiche.
La Germania ad esempio incassa circa 8 miliardi di euro in tasse dalla prostituzione legalizzata e tassata (nei vari FKK o Club Privat) mentre noi incassiamo ZERO ma abbiamo prostitute seminude per strada e anche bordelli illegali ma esentasse (oltre che decisamente squallidi rispetto a locali come gli FKK ormai divenuti posti bellissimi, moderni e con tutti comfort come piscine, idromassaggi, sale relax con aromatoterapia e massaggi etc…).
A Bruxelles, sede della EU, c’è anche un quartiere a luci rosse con le prostitute in vetrina come Amsterdam, tutto legale e tassato, per non parlare di Repubblica Ceka, Ungheria etc…
Per quanto rimarremo i fessi del quartiere?

mirrortrader
Scritto il 23 maggio 2014 at 12:47

Per far funzionare lo spesometro devono tassare anche le puttane.
Se mi chiedono dove hai preso qui soldi, non posso dire che mi piace vendere il culo?
Come possono contestarmi? faccio una misera figura ma cosi li in..ulo io. ahha

atomictonto
Scritto il 23 maggio 2014 at 12:54

atomictonto@finanza:
L’unica cosa che trovo personalmente sbagliata di questa faccenda è che inseriremo, al pari dei Partner Europei, queste stime nel PIL ma a differenza di quasi tutti i Pertner continueremo stupidamente a NON legalizzare e tassare queste forme economiche.
La Germania ad esempio incassa circa 8 miliardi di euro in tasse dalla prostituzione legalizzata e tassata (nei vari FKK o Club Privat) mentre noi incassiamo ZERO ma abbiamo prostitute seminude per strada e anche bordelli illegali ma esentasse (oltre che decisamente squallidi rispetto a locali come gli FKK ormai divenuti posti bellissimi, moderni e con tutti comfort come piscine, idromassaggi, sale relax con aromatoterapia e massaggi etc…).
A Bruxelles, sede della EU, c’è anche un quartiere a luci rosse con le prostitute in vetrina come Amsterdam, tutto legale e tassato, per non parlare di Repubblica Ceka, Ungheria etc…
Per quanto rimarremo i fessi del quartiere?

Aggiungo: pensate che inarrestabile macchina del turismo diverremmo se oltre ai magnifici paesaggi, alla ricca cucina, alle incredibili bellezze artistiche…potessimo offrire modernissimi (e chicchissimi…fatti da noi Italiani i “bordelli” potrebbero diventare Eden inimmaginabili e raffinatissimi) locali di intrattenimento sessuale.
Che magnete turistico mondiale diventerebbe la Versilia o il Salento se oltre alle magnifiche spiagge, al clima dolce e alle prelibatezze eno-gastronomiche offrisse al Cinese, al Russo, all’Arabo, all’Americano, all’Indiano anche schiere di super-locali sexy?
Perchè non spezzare le reni turisticamente alle Baleari con una Sardegna un pò lasciva ma rigoroisamente regolamentata e tassata?

veleno50
Scritto il 23 maggio 2014 at 13:49

spesa per pensioni 258 miliardi nel 2013,pensionati che ricevono tutto sto ben di Dio sono 16,5 milioni, media 1500 euro a testa ? se sbaglio chiederò scusa.nel 2013 lavoratori occupati 22,5 milioni ad una media di 1200 euro di stipendio netto 270 miliardi .dove bisogna tagliare? se lo stato erogasse 200 miliardi sarebbero 1200 euro a testa per 16,5 miloni di pensionati. li occorre la cura da subito,poi se mettono le prostitute e i delinquenti nel pil con una legge europea non gli e ne importa un tubo a nessuno.

aurelmes
Scritto il 23 maggio 2014 at 14:03

E’ il principio che conta: ciò che è stato fatto è un riconoscimento ufficiale a tali attività.

Ed è strano che nell’elenco delle attività da prendere in considerazione non vi siano quelle legate al “lavoro nero”.

gnutim
Scritto il 23 maggio 2014 at 14:06

aurelmes@finanza,

invece di put.ane non si poteva inserire nel pil un indice sullla solidarietà, il volontariato e le opere pie? Che tra l’altro crano maggior benessere e consumi????

Nooooooooooooooo

draziz
Scritto il 23 maggio 2014 at 14:39

mirrortrader@finanza,

Eeeeeehhhh no caro, troppo facile…
Vendi, ehm, prendendo (imprendi… :D )?
Devi avere il registro dei corrispettivi o delle ricevute fiscali…
Poi versamenti IVA mensili o trimestrali, a seconda del… “volume di affari”…
Seeeeee, che sono scemi?
Preparatevi :roll:

giulio0808
Scritto il 23 maggio 2014 at 14:40

gnutim@finanza,

Caro GNUTIM, la cosa che mi preoccupa di più non è tanto questo, quanto il fatto che molti non se ne scandalizzano nemmeno, anzi sono addirittura conniventi con queste scelte.

draziz
Scritto il 23 maggio 2014 at 14:42

aurelmes@finanza,

Calma, dai tempo al tempo.
E ricorda il detto anglosassone: “if you can’t beat them, join them”…

zer
Scritto il 23 maggio 2014 at 14:43

in italia causa ipocrisia cattolica l’ attività non può essere esercitata in luoghi chiusi…naturalmente
l’agenzia delle entrate la considera reddito anche se non esiste un codice iva….ne sottende che deve fare attenzione chi sopra intende intraprendere l’attività,,per non ritrovarsi con una doppia inculata.
il potere politico della chiesa in italia purtroppo tende a limitare le lbertà civili dei cittadini che non sono cattolici, in uno stato civile dovrebbero essere garantita la possibilità di vivere secondo la propria attinenza.
gianni z

alessandroecristina
Scritto il 23 maggio 2014 at 15:03

zer@finanza,

non so cosa tu abbia scritto e visto il pregresso né mi interessa, comunque tu continua ,sai :mrgreen: è piacevole saltare a piè pari i tuoi scritti.

alessandroecristina
Scritto il 23 maggio 2014 at 15:03

scusa era x veleno..errore caricamento pagina…

reragno
Scritto il 23 maggio 2014 at 15:07

Quante fandonie in queste tue affermazioni, ma così va il mondo.

70 anni fa c’erano le case chiuse e pure la chiesa contava più di oggi.

Ergo il problema è un’altro e si chiama mafia n’drangheta e mafia cinese e dell’est europa.

Vediamo se il buon Renzi se la sente di legalizzare la prostituzione e di fare pagare le tasse ai soggetti sopra citati.

alessandroecristina
Scritto il 23 maggio 2014 at 15:12

mirrortrader@finanza:
Per far funzionare lo spesometro devono tassare anche le puttane.
Se mi chiedono dove hai preso qui soldi, non posso dire che mi piace vendere il culo?
Come possono contestarmi? faccio una misera figura ma cosi li in..ulo io. ahha

tranquillo già sperimentato,la risposta dell’ufficio imposte è stata ,NON E’ CREDIBILE e commissione tributaria primo grado mi ha dato torto…!

icebergfinanza
Scritto il 23 maggio 2014 at 15:21

Scusate ma il senso di questo articolo lo avete compreso o qualcuno ha bisogno di affetto?

dfumagalli
Scritto il 23 maggio 2014 at 15:29

E pensare che vogliono ripristinare il falso in bilancio…

… e poi i bilanci li vanno a fare sul culo (nel vero senso della parola! :lol: ) degli altri!

john_ludd
Scritto il 23 maggio 2014 at 15:45

icebergfinanza,

Andrea l’evento più importante di quest’anno, anzi direi di questo decennio è l’accordo tra Russia e Cina sul gas al quale i giornali hanno dedicato 3 righe, che verrà seguito da un accordo su vasta scala con Iran, India e Cina di nuovo. L’accordo è andato molto oltre quanto di pensava. I cinesi acquisteranno circa 1/4 di quanto i russi sinora vendono agli europei e regoleranno l’interscambio in yuan/rubli. Non è gas in più quello che i russi venderanno loro ma gas in meno che arriverà qui e che dovremo trovare altrove… solo che non c’è… oppure se c’è non ci sono i gasdotti e quindi dovrà arrivare via nave in forma liquida e costerà il 40% in più a occhio un centinaio di miliardi almeno. Geniale la politica dei burocrati di Bruxelles vero ? Hai ragione, sta andando tutto a puttane, solo che avviene MOLTO più velocemente del previsto mentre nani, ballerine, comici, satiri e barzallettai fiorentini si scannano per un posto al sole a dimostrazione che sono dei coglioni perchè l’ultimo finirà appeso per a un lampione a prescindere di quel che cercherà di fare perchè non basterà e sarà tardi.

kry
Scritto il 23 maggio 2014 at 15:50

icebergfinanza,

Si Andrea l’abbiamo capito e cerchiamo d’affondarlo ( il sistema ) miseramente più in fretta possibile. Sarà magra consolazione.

draziz
Scritto il 23 maggio 2014 at 15:52

icebergfinanza,

In caso affermativo, si fanno sconti? :mrgreen::mrgreen::mrgreen:

draziz
Scritto il 23 maggio 2014 at 15:59

Andrea, se volevi sottolineare che con l’ufficializzare situazioni “fuori norma” (ed anche oltre la legge in molti casi…) si è andati oltre il limite dell’assurdo, mi pare che in questo blog ed anche altrove in molti lo si abbia capito.
Resta però quel senso del ridicolo, in tale situazione, che non può non far scaturire alcuni dei ragionamenti visti sopra.
La realtà supera la fantasia, anche quella bacata, e certe scelte istituzionali ne sono la prova evidente.

Un’ultima boutade: le ricevute delle “prestazioni” ricevute, nel caso di persone sole (i famigerati “single”) saranno deducibili come gli scontrini delle spese in farmacia? :(

laforzamotrice
Scritto il 23 maggio 2014 at 16:10

veleno50@finanza,

Beh, su questa dichiarazione hai il mio pieno appoggio, le pensioni sono tra i buchi peggiori del nostro stato, ma purtroppo dato che siamo notoriamente cretini, facciamo finta di niente perchè in fondo speriamo di entrare anche noi nella schiera dei privilegiati. é come se fossimo tutti in coda davanti ad una torta, e vedessimo che ai primi 8 che arrivano danno un decimo di torta, e sperassimo, noi che siamo i 25 esimi, che ne diano la stessa quantità anche a noi. Scemi senza speranza. Sfido chiunque a dimostrare numeri alla mano che un sistema previdenziale cosi sia MAI stato possibile.

john_ludd@finanza,

Come potrai leggere nei miei rari commenti, il “solo che avviene MOLTO più velocemente del previsto mentre nani, ballerine, comici, satiri e barzallettai fiorentini si scannano per un posto al sole” il crollo è è una previsone che personalmente ho sempre contestato a te e al capitano, che la posticipavate nel tempo, come lenta e inelluttabile. Quando una palla rotola verso il basso, per quanto poco inclinato sia il piano sulla quale corre, raggiungerà SEMPRE E COMUNQUE la massima accellerazione. Quindi, chi spera di non vedere questo crollo, che sia un problema per figli o nipoti, s’illude, a meno che non sia 85enne vicino alla morte, probabilmente ne sarà travolto. Come dimostra la storia tanto cara a noi, tra il 29 e il 39 sono passati solo 10 anni.

laforzamotrice
Scritto il 23 maggio 2014 at 16:17

Quando una palla rotola verso il basso, per quanto poco inclinato sia il piano sulla quale corre, raggiungerà SEMPRE E COMUNQUE la massima accellerazione. Quindi, chi spera di non vedere questo crollo, che sia un problema per figli o nipoti, s’illude, a meno che non sia 85enne vicino alla morte, probabilmente ne sarà travolto. Come dimostra la storia tanto cara a noi, tra il 29 e il 39 sono passati solo 10 anni, percui, caro John il “solo che avviene MOLTO più velocemente del previsto mentre nani, ballerine, comici, satiri e barzallettai fiorentini si scannano per un posto al sole” il crollo “lento” è una previsone che personalmente vi ho sempre contestato a te e al capitano, e mi fa piacere che vi rendiate conto che il tempo a disposizione per reagire è sempre di meno.
Ps, devo smettere di scrivere senza rileggere.

kry
Scritto il 23 maggio 2014 at 17:55

john_ludd@finanza,

…..a dimostrazione che sono dei coglioni perchè l’ultimo finirà appeso per a un lampione …. @@@@@ mi sembrava che già qualcuno dicesse che gli ultimi saranno i primi, ma non l’avevo mai inteso in quel senso …. attento John a non farti crocifiggere.

soltero
Scritto il 23 maggio 2014 at 18:42

laforzamotrice@finanza,

mi trovi perfettamente d,accordo
anche perché adesso il mondo corre più veloce di 40-50 anni fa
stiamo scannerizzando le sfaccettature ma raramente i centri del problema
comunque John ha ragione i nostri idioti fanno a finta di scannarsi tra di loro per una poltrona che spesso scotterà parecchio mentre Putin fa i fatti
d,altronde ognuno a ciò che si merita

stanziale
Scritto il 23 maggio 2014 at 18:58

mirrortrader@finanza,

Ottima idea, se sei soggetto allo spesometro ti conviene comprare il kit del perfetto travestito e tenerlo nell’armadio dell’ufficio, in caso di visita della guardia di finanza. Ma scherzi, una volta chiarita la tua qualita’ di “bucaiolo” , lo stato e’ senz’altro dalla tua parte…

icebergfinanza
Scritto il 23 maggio 2014 at 19:07

@icebergfinanza: Sembra che dopo Piazza del Popolo ieri anche Piazza San Giovanni sia vuota …;-) http://t.co/DZj1M36fGN

stanziale
Scritto il 23 maggio 2014 at 19:10

john_ludd@finanza,

Per la geopolitica, non so’ se avete occasione di leggere questo eccellente sito
http://aurorasito.wordpress.com/2014/05/23/ascesa-eurasiatista-e-rovina-occidentale/
beh facendogli un po’ di tara, quando negli articoli ricorda la sua vecchia cara Urss, in tal caso gli luccicano gli occhi, eehh….

kry
Scritto il 23 maggio 2014 at 19:11

alessandroecristina@finanza,

Dovevi dire che sei un gigolò e che per conferma il giudice poteva chiedere a sua moglie.

alessandroecristina
Scritto il 23 maggio 2014 at 19:36

kry@finanza,

Bella battuta ma nn funziona..ti dirò di +,han fatto il conto: allora secondo Noi ha evaso 2000 + 3000 ,ci deve 6000.Ed io come 6mila? Saranno 5mila! Se non le va bene faccia ricorso!Io faccio ricorso ..Il giudice della commissione tributaria di primo grado ha rigettato il ricorso!E GUARDA CHE NON E’ UNA BARZELLETTO O UN SENTITO DIRE ,stà capitando a ME!

mirrortrader
Scritto il 23 maggio 2014 at 20:24

Allora gli dico che la mia moglie è puttana, ahhaha.
E la prometto anche al giudice ahahah

john_ludd
Scritto il 23 maggio 2014 at 20:48

stanziale@finanza,

nei momenti di crisi nera la gente ha bisogno di credere in qualcosa, qualsiasi cosa che sia diverso da quello che ha attorno, quindi Putin che è un abile statista, oggi è di moda in diversi circoli in occidente anche se è un despota, peraltro in linea con 2500 anni di storia. A est del Bosforo dai tempi di Dario e Iskander non è cambiato molto, sono popoli che vengono “comandati” da sempre. Anche da noi è stato così “quasi” sempre ma quel “quasi” è importante. Per qualche decennio in occidente una forma di democrazia ha effettivamente preso piede e tuttora prospera in alcuni paesi (Svizzera, Scandinavia, Nuova Zelanda, Canada…).

la lettura che il tipo del link dà è così superficiale… e in qualche modo consolatoria (perchè quando uno afferma “ecco guarda i nostri padroni che coglioni che sono…” è consolatorio) … ma è tutto molto più complesso.

Dipingere gli strateghi di Washington come dei coglioni è più che miope, è stupido. Una lettura assai più plausibile è questa: sanno perfettamente quel che fanno e il risultato che si sta verificando in Ucraina, come in Siria o in sud est Asia è voluto. Il complesso militare che comanda in USA vuole la confusione, uno stato di perenne caos che si ferma ai confini di casa. In questo modo giustifica la propria esistenza, ottiene ampi budget, provoca il nemico storico e tiene gli alleati/sudditi sotto pressione incapaci e impossibilitati a lasciare il presunto mantello protettivo che non protegge alcunchè anzi… tiene il sistema sotto controllo attraverso il dissesto, divide et impera… Le diverse amministrazioni si succedono, cambiano i gruppi di potere, chi sta dietro Obama non è uguale a chi sta dietro Bush, solo il complesso militare è invariante, troppo forte per essere affrontato. E quindi il caos continuerà, perchè è premeditato, studiato a tavolino da gente che è assolutamente eccellente nel proprio ruolo demoniaco… mentre commentatori ingenui continuano a non comprendere che questa gente NON vuole la pace, NON vuole l’ordine, vuole il caos. Non è importante vincere le guerre ma farle, non finirle mai, averne sempre una pronta per essere combattuta.

Ti senti meglio ora ? Non credo, eppure temo che sia circa come te la racconto io, ma forse sono un ottimista, probabilmente c’è di più e di peggio. Ciao.

l1uk3
Scritto il 23 maggio 2014 at 21:10

nel 2014 era già prevista una variazione delle modalità di calcolo del pil e su queste basi si prevedeva un rialzo del pil italiano.

D’accordo poi con Atomictonto e altri. Non ha più senso vietare la prostituzione, la legalizzazione ha solo effetti positivi (di cui la parte fiscale è solo una componente).
In tutti i comuni potete firmare per il referendum per l’abolizione della legge merlin. Inutile criticare se poi non si fa nulla

stanziale
Scritto il 23 maggio 2014 at 21:36

john_ludd@finanza,

Mi torna quello che dici sugli Usa, molto meno su Putin, che da molti viene descritto come un dittatore, non mi pare proprio ma certo non abito in Russia(laggiu’ viene considerato quasi un democristiano, ha a sinistra un vetero comunista ed alla destra un nazionalista che, ho letto, al confronto Borghezio e’ un opinionista di repubblica…. ci sara’ modo per ritornarci (scoprire la verita’ e’ il mio obiettivo…) , penso.

john_ludd
Scritto il 24 maggio 2014 at 09:38

stanziale@finanza,

la verità non esiste, al massimo gradi di approssimazione e quando sei arrivato vicino alla meta ecco che quella si sposta e tu devi ricominciare. Ogni fatto ci arriva distorto dai nostri sensi e da quelli di milioni dei nostri simili, viene interpretato dalla nostra rete neurale che contiene, sepolti e non accessibili, strati di condizionamenti culturali e sociali sin da quando siamo nati.

“L’uomo attraversa il presente con gli occhi bendati. Può al massimo immaginare e tentare di indovinare ciò che sta vivendo. Solo più tardi gli viene tolto il fazzoletto dagli occhi e lui, gettato uno sguardo al passato, si accorge di “che cosa” ha realmente vissuto e ne capisce il senso.”

Milan Kundera da “Amori ridicoli”, Praga, 1968.

zer
Scritto il 25 maggio 2014 at 14:22

per reragno…..il problema è la finta morale dei seguaci…comesai nè ha ucciso più lamorale che la mafia…
per alee crist…ci son sentenze che valorizzano il reddito da servizisociali..per cui se ti fanno il redditmetro non ti puoi salvare se non hai dichiarato….si chiama la supercazzoladellostatoitaliano
gianni z

alessandroecristina
Scritto il 25 maggio 2014 at 18:19

zer@finanza,

Qui non è questione di REDDITOMETRO! qui è questione di matematica di prima elementare non puoi dichiarare con una sentenza di un giudice della repubblica italiana che 3+2 fa 6!!!!!!….siamo all’estorsione… :evil::evil::evil:

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
Avrete avuto modo ieri di vedere il post sulle aspettative di crescita economica redatte dal Con
Ftse Mib. Dopo aver rotto con volatilità la trend line rialzista che ha accompagnato i corsi da me
Queste le movimentazioni monetarie. Sulle Mibofuture stabili e chiusura della componente call da 20
Vi propongo alcuni dei grafici più interessanti che ho trovato nelle ultime 24 ore in rete, gra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Lasciamo da parte i mercati finanziari. Tanto ormai spero sia chiaro a tutti quali siano le dina
Ftse Mib. Dopo aver rotto con volatilità la trend line rialzista che ha accompagnato i corsi da me
Come abbiamo visto nel fine settimana i rendimenti americani hanno rotto livelli importantissimi
L' Argentina evita il default: trovato l'accordo con i creditori. Anche se è presto per cambiar
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u