LA STORIA INFINITA…BERNANKE E MISS QUANTITATIVE EASING!

Scritto il alle 09:16 da icebergfinanza

Credetemi non c’è nessun settore al mondo come la finanza che varrebbe la pena di mettere su un lettino e portarla direttamente da uno psicoterapeuta.

Sono mesi che si continua a discutere del sesso degli angeli, quando anche un bambino ormai sa benissimo che il padreterno della politica monetaria Bernanke,  non ha alternative, deve continuare a rifornire di droga i mercati, assuefatti alla sua cura.

D’altra parte si può anche presumere che mentre i tossicodipendenti continuavano a comprare qualunque cosa capitasse loro tra le mani, loro le banche centrali abbiano deciso di usare un linguaggio ambiguo, per frenare quella che ad essere buoni può essere considerata un’innocente e interessata “esuberanza irrazionale”, tanto cara al bollificatore seriale Greenspan, maestro di Bernanke in tutto e per tutto.

Ma prima di continuare una premessa è assolutamente necessaria.

Prima che questa crisi avesse inizio, Bernanke era considerato il massimo esperto della Grande Depressione del ’29 e della Lost Decade giapponese, le stesse crisi, il cui studio approfondito hanno permesso ad una persona qualunque come il sottoscritto di anticipare e individuare all’orizzonte del 2006 questa tempesta perfetta.

Ora come abbiamo visto … La conoscenza, anche quando è esatta, non porta sempre ad azioni adeguate perché se non facciamo attenzione tendiamo a dimenticare ciò che conosciamo oppure scordiamo come elaborarlo in modo corretto, anche se siamo esperti. E’ dimostrato che gli statistici tendono a lasciare il cervello in aula e a commettere errori deduttivi banalissimi quando escono di strada. … e questo vale in particolar modo per Bernanke, un medico che ad essere buoni ha fallito miserabilmente la diagnosi ma che oggi è ancora li che ce la mena sulle proprietà terapeutiche del quantitative easing, quella calda senzazione di ricchezza presunta che raggiunge solo gli amici degli amici.

D’altronde oggi i figli del principio di Peter ( …vi consiglio vivamente questo articolo )  , gli incompetenti, dominano la scena!

NEW YORK – Anche la Federal Reserve di Ben Bernanke, studioso di Grande Depressione, e di Tim Geithner, futuro Segretario al Tesoro, sottovalutò chiaramente la crisi finanziaria esplosa nel 2008. Sottovalutò i suoi sintomi e i suoi rischi. È quanto emerge dai verbali appena resi noti dei dibattiti al vertice della Banca centrale relativi all’anno precedente, il 2007. 

Ecco alcune delle citazioni rivelatrici del dramma consumatosi dentro la Banca centrale: «Il mercato immobiliare appare un po’ più solido – sostiene Bernanke a fine gennaio -. Gli esiti peggiori sono meno probabili». Janet Yellen, alla guida la Fed di San Francisco e oggi numero due di Bernanke, pronostica un «soft landing». E Geithner insiste: «La cosa principale è indicare che vediamo minori rischi per la crescita».

A pensare male si farà anche peccato ma spesso ci si azzecca si dice e io persona qualunque che dallo studio delle due grandi crisi ho appreso i sintomi della nuova grande depressione, credo che come direbbe Brad deLong, Bernanke conosceva i rischi ma purtroppo … alcuni economisti scegliono, per ragioni non economiche e non scientifiche, un orientamento politico e una serie di alleati politici, e girano e regolano le loro ipotesi fino a giungere alle conclusioni che meglio si adattano al loro orientamento e che possono compiacere gli alleati…

Secondo Bernanke alla fine del 2007, il rischio di insolvenza o seminsolvenza di una banca americana è pressochè nullo. Di li a settembre un’ecatombe avrebbe devastato l’intero sistema finanziario americano e mondiale, salvati socializzando le perdite con i contribuenti americani e mondiali.

Come scrisse qualche anno fa Stephen Roche sul Financial Times… 

È come attribuire a un medico responsabile di un errore nella diagnosi il merito di aver inventato una cura miracolosa. Forse il paziente ha bisogno di un nuovo medico.

Ma è un medico che piace a Wall Street è il burattino preferito del Mangiafuoco finanziario,  difficile cambiare un medico che prescrive stimolanti monetari e metadone ogni qualvolta il paziente è in crisi di astinenza. 

Nel 1932  Reconstruction Finance Corporation (RFC) è stata istituita da un atto del Congresso degli Stati Uniti, al fine di favorire i prestiti alle istituzioni finanziarie alle ferrovie e per estendere il credito per i “crop loans. Inizialmente il credito fu concesso alle banche, aiutando a ridurre i fallimenti bancari, poi in seguito l’estensione del credito ha riguardato progetti di lavori pubblici, il soccorso di persone bisogno e i disoccupati.

La normativa in questione, prevedeva una relazione al Congresso su base mensile, con l’identità di tutti i nuovi usufruitori dei fondi RFC. Dall’agosto del 1932, i nomi delle banche che hanno richiesto l’aiuto della RFC, divennero pubblici.

La pubblicazione scoraggiò il sistema dal continuare ad accedere al prestito RFC per timore che i depositanti avrebbero giudicato questo prestito come segno di debolezza finanziaria.

Nel novembre del 1932, l’ammontare dei prestiti alle banche era diminuito.

A metà febbraio del 1933, una banca di Detroit, incominciò ad avere difficoltà, la RFC era disposta a concedere il prestito, ma a causa di una controversia tra uno dei senatori del Michigan e Henry Ford, uno dei depositanti di un certo spessore, il prestito non fu permesso.

Come risultato, il panico travolse il Michigan e come un catalizzatore si trasmise a tutto il sistema nazionale.

” The failure of the Detroit bank was not because the bank was reluctant to borrow from the RFC. But one can only speculate as to whether other banks in Michigan and nationwide were reluctant to borrow from the RFC because their names would have been published.  And one can only speculate that if these other banks had willing to borrow from the RFC if a nationwide bank could have been averted.

La storia attuale ci ricorda che senza la liquidità della BCE e della Federal Reserve, l’intero sistema finanziario mondiale si sarebbe disintegrato, il nostro debito pubblico si sarebbe disintegrato, quello giapponese e americano in primis e la terza guerra mondiale, tuttora in atto sarebbe stata la vera apocalisse da molti attesa.

Dopo il faremo qualunque cosa per preservare l’euro e credetemi sarà abbastanza non poteva mancare … Draghi: pronti ad intervenire se sarà necessario con tutti gli strumenti

Draghi ha detto infine che la Bce guarda «con mente aperta» alla possibilità di introdurre tassi di deposito negativi, «anche se potrebbero avere conseguenze indesiderate».«Continueremo a riflettere su tutte queste misure e siamo pronti ad affrontarle con tutte le misure indesiderate che esse potrebbero comportare». La politica monetaria «rimarra accomodante tutto il tempo necessario» per permettere ai Paesi dell’area euro di uscire dalla crisi.

…potrebbero avere conseguenze indesiderate potrebbero avere conseguenze indesiderate potrebbero avere conseguenze indesiderate … se si riferisce all’inflazione, lasciate perdere questi sono terrorizzati dalla deflazione. 

Non ci voleva poi molto a comprendere che l’ultima ondata di sostegno ai nostri titoli di stato proveniva dalla nuova follia, dalla disperazione del paese del triplo decennio perduto, il Giappone, il raddoppio della base monetaria, politiche monetarie demenziali che rischiano di provocare se sfuggono di mano un nuovo olocausto non solo dei mercati ma soprattutto dell’economia reale ormai stremata, non iperinflazione come suggerisce qualcuno fuggito da un manicomio …asutriaco, ma crollo della fiducia e soprattutto panico nei mercati finanziari.

La sola idea di un rallentamento della distribuzione di metadone o l’idiozia della sua fine ha provocato un terremoto a partire dai paesi emergenti che si è propagato in tutto il mondo.

Mentre rimando tutti coloro che stanno attendendo la fine o meglio l’annuncio della fine del programma di allentamento quantitativo, detto anche inondazione di liquidità per gli amici al leggendario concorso di bellezza di Keynes, in un concorso di bellezza non conta la bellezza delle partecipanti ma come voterà la giuria e noi sappiamo già come voterà perchè sappiamo chi è a favore di un contino allentamento quantitativo… 

Questi sono i governatori con diritto di voto nel 2013 2013 Members of the FOMC

Divertivevi a scoprire come voteranno…i lettori di Icebergfinanza già lo sanno, loro i governatori questa sera spiegheranno che qualcosa sta migliorando, che tutto a un fine che prima o poi, poi che prima, dovranno smetterla di distribuire sogni esclusivi a tossicodipendenti, psicopatici testosteronizzati, ma non accadrà quest’anno, forse neanche il prossimo e poi chissà.

Quando hanno qualcosa da dire agli amici degli amici, loro usano il uolstriitgiournal… il giornale della corporatocrazia finanziaria americana, date un’occhiata agli articoli di questo giornalista, JON HILSENRATH … date un’occhiata agli argomenti  agli ultimi articoli, sembra che non esista che FED, FED e ancora FED nei suoi articoli e le foto che appaiono sono sempre e solo di BEN BEN e ancora BEN, messaggi in codice nascosti qua e la …

Fed Maps Exit From Stimulus – WSJ.com

Nessuno che si sia chiesto per quale motivo da lunedi il mercato americano sia letteralmente esploso in una cavalcata trionfale, fiducioso in cosa, nei giudici o nella bellezza di una scelta che sino a prova contraria si è rivelata fallimentare.

Non c’è fretta il copione lo si conosce, le sorprese sono sempre possibili, ma come direbbe il buon Keynes, non si può continuare a scambiare …. scambiare per reumatismi, quelli che sono in realtà disturbi della crescita e in particolare di una crescita troppo veloce…… ” 

…inoltre nella sua Teoria Generale del 1930, amava ricordare….

“Gli speculatori possono non causare alcun male, come bolle d’aria in un flusso continuo d’intraprendenza; ma la situazione è seria quando l’intraprendenza diviene la bolla d’aria in un vortice di speculazione. Quando lo sviluppo del capitale di un paese diventa un sottoprodotto delle attività di un casinò, è probabile che vi sia qualcosa che non va bene. I successi conseguiti da Wall Street, come organo rispondente alla specifica funzione sociale di instradare l’investimento nuovo nelle direzioni più redditizie in termini di rendimenti futuri, non si possono certo ritenere uno dei più clamorosi trionfi del capitalismo del “laissez-faire” del lasciar fare; nè vi è da stupirsene, se è corretto il mio convincimento che le menti migliori di Wall Street sono state di fatto rivolte verso scopi diversi”

Senza fretta, il tempo sta per scadere a meno che la politica non sia in grado di stupirci come non è mai accaduto negli ultimi 40 e passa inutili summit…

Machiavelli sta elaborando tutto quello che è accaduto in queste ultime settimane e la prossima settimana un nuovo manoscritto …. “Machiavelli, …punto mio libera tutti!” dedicato a tutti coloro che sostengono e vorranno liberamente sostenere Icebergfinanza.

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta … Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner   in cima al blog o sul lato destro della pagina Semplicemente Grazie!

Inoltre Vi aspettiamo tutti per la nuova avventura su   METEOECONOMY  per condividere insieme nuove informazioni e analisi non solo economico/finanziarie attraverso la tempesta perfetta.

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.4/10 (16 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 11 votes)
LA STORIA INFINITA...BERNANKE E MISS QUANTITATIVE EASING!, 9.4 out of 10 based on 16 ratings
6 commenti Commenta
ferrariferrari
Scritto il 19 giugno 2013 at 11:03

Non ha attinenza con il topic, ma è una di quelle sentenze che ti fanno venire la voglia di lasciare l’Italia, subito!
Pensioni over 90 mila euro: contributo di solidarietà illegittimo
Corte Costituzionale , sentenza 05.06.2013 n° 116
(…invece sono costituzionali le leggi che hanno creato gli esodati, quelle che hanno abrogato il faslo in bilancio etc…etc…etc…)
http://www.altalex.com/index.php?idnot=63245
Un classico esempio di conflitto di interessi, giudici che devono emettere un giudicato sulle loro pensioni e sui loro stipendi (si ricordi anche che gli stipendi dei parlamentari sono correlati a quelle dei magistrati superiori)
Il tutto nel silenzio dei media
Ogni popolo ha i politici, i media ed i giudici che si merita, italiani popolo di pecore anarchiche.

Scritto il 19 giugno 2013 at 11:29

Ricorda un pò chi gioca sui ritardatari al lotto, si raddoppia sempre ed ad un certo punto, se va bene rivinci i tuoi soldi + un piccolo extra, se va male ti portano via tutto, ma proprio tutto e non ti rimane che spararti, lasciando comunque la famiglia sul lastrico.
Chiaramente, la famiglia siamo noi, in questo caso. Ma a questo punto, se la famiglia è cosi imbecille da non voler vedere per non dover intervenire, non è che merita la sua fine?

francia r
Scritto il 19 giugno 2013 at 11:39

ferrariferrari@finanza,

Condivido in pieno … pure l’amarezza per l’ennesima presa per il culo elargita con tanto di “sigili costituzionali” …. che quando si tratta di fregare i poveracci, o di mantenere i benefici dei più forti sono il vero “senso istituzionale” di questo nostro povero paese.

La stampa è quasi totalmente un ammasso di lacchè che hanno imparato il vero senso della concorrenza, visto che oramai a forza di accapigliarsi per incesare e leccare i soliti deretani, hanno esaurito la loro importanza civile e non li legge quasi più nessuno … a tal punto che presto anche loro chiuderanno, sempre che i “padroni” generosi non gli buttino qualche osso, più per fastidio che per altro.

Solo una precisazione … non siamo anarchici, non siamo e basta … siamo totalmente ignoranti ed incapaci di avere qualunque visione politica per il nostro futuro.
In oltre sessant’anni di “taroccocrazia” non siamo stati capaci di comprendere quali sono i nostri diritti civili e soprattutto siamo incapaci di comprendere i benefici che ci darebbe(dava) un sistema democratico funzionante … a ricchi e poveri.
Siamo un popolo di capaci ignoranti che pensano per tradizione a non confondere i propri interessi con quelli altrui …
Ma non temete … penso che nel breve qualche amicone ci toglierà dall’imbarazzo di dover usare o far valere i nostri diritti.

laverita
Scritto il 19 giugno 2013 at 11:44

@icebergfinanza
http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2013-06-18/ecco-perche-deludera-mercati-194404.shtml

a conferma di quanto dici Andrea

dorf001
Scritto il 19 giugno 2013 at 16:33

ferrariferrari@finanza,

senti ferrari ti sei sbagliato. questa notizia l’ho sentis già lunedi’ mattina ad agorà sul 3. anche se mi fa schifo quel conduttore l’hanno detta. e in studio c’era il cositutzionalista Ainis. che ha detto è giusta. perchè va ad attacare una specifica categoria. e la costituzione non lo permette. mi da il vomito vedere sta gentaglia che si auto- difende. prendeno 40.000€ al mese. che c’è gente che li vede in 3 anni forse.

per kursit. parli di famiglia. ho capito il senso, ma caro mio io non mi riconosco con certa gentaglia. ne faccio volentieri a meno. e non mi piace essere accomunato a milioni di italiani pecoroni e ignoranti come merde. ehh no caro mio. sono anni che io faccio battaglie e mi rifiuto di essere accomunato a quella immonidizia. epperò mi secca dover morire a causa delle decisioni (voto) irresponsabile di questi che han votato PD e PDL. asini totali.

ognuno si prenda le sue di responsabilità.

letta vuole : morire per l’euro. morire per maastricht. ricordatevelo. lo ha pure scritto. un massone ci salverà? ma siete fuori di testa. e continuano a far terrorismo dicendo se usciamo dall’euro l’inlfazione và su del 50%. balle colossali. studiate BAGNAI. se va su, sarò tra il 7 e il 10%. ma poi ci sono tanti altri benefici dietro. è lunga da scrivere. leggetevi il libro di bagnai.

by DORF

Scritto il 20 giugno 2013 at 09:24

dorf001@finanza,

Caro Dorf, anch’io non mi riconosco in questa famiglia, ma ne faccio parte, volente o nolente. Poi ho una domanda per tutti: “può una società vivere sul ricatto?” Perchè cos’altro è la democrazia e la stampa? Non si vota chi governa bene, ma chi fa i tuoi interessi particolari, un ricatto, e una trasmissione televisiva che dicesse alla “gente” la verità, che denunciasse le scorrettezze della “povera gente” credete che avrebbe successo? O davvero anche qui credete, ne sarei molto deluso, che i 2100MILIARDI di euro di deficit siano davvero finite in tasca ai politici? Cavolo, avremmo i politici tra gli uomini + ricchi del mondo, ladri si, ma non a questo punto.
Noi siamo il paese in cui, un rappresentante del “nuovo” PD ha dichiarato in TV che “ci sono 5 milioni di italiani che hanno bisogno di aiuto perchè pagano l’affitto”.??? Io pago l’affitto, ma non ho nessun bisogno d’aiuto. Aiutare 5 milioni di persone con 1000 euro all’anno, che è una stronzata, costerebbe 5 miliardi. Ma dirlo fa buon effetto , e forse voti, a 5 milioni, (meno uno, io) di poveri coglioni che non capiscono che alla fine quel piccolo, probabilmente inutile, aiuto lo pagherebbero 10 volte in altro modo. Se siamo un popolo di coglioni, perchè chi eleggiamo dovrebbe essere diverso? Senti dire, tra gli applausi,” La spesa sociale non si può toccare!” E perchè? Forse che non ci siano enormi sprechi e ingiustizie al suo interno? Tipo miliardari che prendono pensione + l’accompagnamento perchè hanno un disabile in famiglia? O pensionati che incassano senza averne mai pagato contributi?O Molto di più di quanto hanno versato? E vogliamo vedere all’interno della spesa sanitaria? Ma provaci a fare una cosa simile, ti mettono in croce. In Italia siamo tutti “poveri”, poveri operai, poveri imprenditori, poveri giovani, poveri vecchi. Prendiamo quest’ultimi, perchè sono poveri? alcuni saranno poveri, ma molti non lo sono affatto, e secondo me sono più i secondi dei primi. Ma no, allora mi dicono che sono “poveri” perchè “vecchi”. Il che significa che i ricchi sono quelli morti prima? Beh, non è mica difficile morire. Macchè, al primo avviso di malessere corrono in ospedale, con conseguenti costi sociali, perchè evidentemente vogliono continuare a essere “poveri”, anzi, cerchano di esserlo sempre di più e più a lungo. Un’auto ogni 1,3 persone, uno STABILE ogni due, ma siamo “poveri”.
Ma basta, piantiamola di dire sempre cazzate. Siamo un popolo di egoisti stupidi che non sono stati capaci di costruirci un futuro, e adesso diamo la colpa a coloro il cui grande errore è stato di correre dietro a tutte le nostre pretese anzichè prenderci a pedate nel culo quando lo meritavamo.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercato azionario: titoli value e momentum a confronto I dati macroeconomici continuano ad uscire
Le rimodulazioni tariffarie sono ormai una consuetudine tra gli operatori di telefonia mobile (e fis
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv
E' l'indice più importante a Wall Street, quello da cui è dipeso il grande rally e tuttora dip
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La notizia delle nevicate delle ultime ore che sta interessando le Dolomiti, potrebbe avere ricordat
Sui mercati finanziari la parola d'ordine è conoscenza. “Solo grazie alla conoscenza è possibile
“Solo grazie alla conoscenza è possibile assorbire gli urti del mercato senza cedere alla paura,
Signori manca poco. Tra qualche giorno arriverà la più grande IPO della storia, quella di Saud