ICEBERGFINANZA REVIVAL … GENESI DELLA CRISI ITALIANA

Scritto il alle 10:09 da icebergfinanza

Questo fine settimana riproponiamo una sintesi degli articoli più letti e significativi articoli fondamentali per comprendere ciò che è accaduto e sta accadendo al nostro Paese una nuova sintesi inedita!

Nel frattempo da non perdere gli articoli più letti delle settimana …

25 APRILE 2013 … LIBERIAMO L’ITALIA, LIBERIAMO IL BENE COMUNE!

Era il 25 di Aprile 1951 quando a Trento Alcide De Gasperi pronunciò il suo  “Per il secondo risorgimento d’Italia” … Occorre ormai guardare gli interessi dei Paese ed io vi dico: ridestate nella propaganda il senso di responsabilità nelle coscienze. Ridestate questo senso di responsabilità! È quello che anche lo comincio a fare oggi,

DEUTSCHE BANK: IL RITORNO DEL BUCO CON LA BANCA INTORNO!

Mentre come abbiamo visto in Italia, ogni qualvolta la vicenda Monte dei Paschi di Siena torna alla ribalta giornalisti, analisti e blogger interessati amano fare casino, in Germania innosservata continua ad allargarsi la voragine Deutsche Bank, la voragine con quello che resta della banca intorno, una fossa che vale oltre l’80 % dell’intero pil tedesco…DEUTSCHE BANK: …

GUEST POST : LA GERMANIA BLOCCA IL FISCAL COMPACT!

Probabilmente a molti sarà sfuggita e non sono poi molti i giornali, anzi nessuno o quasi quelli che hanno riportato la notizia… BERLINO Uno schiaffo alle politiche europee di Angela Merkel è arrivato ieri dal Bundesrat, il Senato dei Laender, che ha bloccato il fiscal compact. Una mossa politica, in piena campagna elettorale (in Germania si …

GERMANIA: GIU’ LE MANI DAI RISPARMI ITALIANI!

Titelbild

L’origine della crisi, la sua genesi che proviene dall’esplosione del fenomeno subprime la potrete leggere nel mio libro VIAGGIO ATTRAVERSO LA TEMPESTA PERFETTA! quella in corso la sua genesi la trovate sintetizzata in alcuni articoli che oggi vi riproporrò.

Prima una premessa fondamentale! Il sottoscritto può scrivere centinaia di articoli che testimoniano la faccia nascosta di questa crisi, tante informazioni che sono tenute nascoste,  ma se non c’è diffusione, condivisione resterà sempre un GHETTO di CONSAPEVOLEZZA…

PASSA PAROLA…L’ARMA PIU’ EFFICACE PER DIFFONDERE CONSAPEVOLEZZA!

Il moto principale di questo viaggio, di Icebergfinanza è che …”La verità è figlia del tempo” e che prima o poi arriva sempre il momento nel quale tutto si rivela per ciò che in realtà è questa crisi innanzitutto antropologica, ovvero uno dei più imponenti concentrati di frode, manipolazione, inganno e avidità della storia, come …

Partiamo dalla genesi di questa crisi che tutti vi dipingono come originata dal debito pubblico ma che invece non è altro che un’esplosione del debito privato, un’orgia di credito originata da banche oscurate dall’avidità…

DATEMI UNA LEVA E…VI DISTRUGGERO’ IL MONDO!

Ma hanno fatto qualcosa di molto particolare: durante il boom del debito i banchieri tedeschi sono andati oltre i loro standard, ma solo fuori dalla Germania. Hanno prestato i soldi per i mutuatari subprime americani, per gli speculatori del boom immobiliare in Irlanda, per il magnate bancario islandese che ha fatto cose che nessun tedesco avrebbe mai fatto. Le perdite tedesche sono all’ultimo conteggio di 21 miliardi di dollari con le banche islandesi, 100 miliardi di dollari con le banche irlandesi, 60 miliardi di dollari per vari subprime statunitensi e ancora non si bene per i titoli greci. (…) Nel loro paese, tuttavia, questi banchieri apparentemente folli all’estero si sono comportati con moderazione. Il popolo tedesco non ha permesso loro di comportarsi diversamente.

BACK TO MESOPOTAMIA!

Vi ricordate “Back to Mesopotamia” il report dell BCG con il quale i soliti analisti da psicodramma sostenevano che erano necessari  6000 miliardi per spegnere l’incendio del debito europeo attraverso la riduzione della ricchezza a scapito dei creditori o il 47 % di ristrutturazione dell’intero debito italiano, cifre gratuite fatte su supposizioni e limiti altrettanto fantasiosi. Si può …

Una premessa è indispensabile anche in questo caso! Una classe politica di speculatori, mafiosi, massoni, corrotti ha devastato in questi anni il nostro Paese, assecondata da furbetti del quartierino, banchieri, industriali, evasori ed elusori e in parte anche dal popolo  che hanno messo una seria ipoteca sul futuro del nostro Paese e delle future generazioni, dei nostri figli quindi le maggiori responsabilità sono da ricercarsi all’interno del Paese ma non possiamo nascondere quello che sta succedendo fuori, in Europa, nel mondo intero, non possiamo non esserne consapevoli…

ITALIA ELEZIONI 2013: ETICA E BENE COMUNE!

  Se penso a quel povero ragazzo che per sei lunghi anni ha condiviso con i suoi compagni di viaggio la natura essenzialmente antropologica di questa crisi, il più alto concentrato di avidità, frode e manipolazioni, inganno e falsità della storia sociale ed economica mondiale mi viene da sorridere, soprattutto pensando al messaggio unico che circolava e …

GIOVANE ITALIA … SE NON ORA QUANDO?

Lo so, lo so tutti a leggere le dichiarazioni di pinco pallo, cosa diranno, cosa faranno, come usciranno da questa trappola. Alleanze, strategie, scenari, ipotesi, analisi e chi più ne ha più ne metta! Sono terrorizzati nelle stanza dei bottoni e sguinzagliano i loro cani da guardia i loro troll sui media,  per cercare di fermare …

UNA RIVOLUZIONE ALTERNATIVA NELLE UNIVERSITA’!

Come ho scritto nel capitolo finale del mio libro..«La comprensione di ciò che avviene nella vita reale potrebbe essere compromessa dalle conoscenze che si acquisiscono sui banchi di scuola, che a volte appaiono sterili e oscurantiste» (Nassim Nicholas Taleb). L’educazione finanziaria deve partire dalle giovani generazioni, non può ridursi a una mera trasmissione di nozioni, nozioni …

AGENDA MONTI …ANALISI DI UN ANNO DI GOVERNO!

Dopo aver salvato l’Italia e gli italiani non poteva mancare l’analisi di un anno di governo, l’analisi di un’autoprofezia avveratasi. Le ultime dichiarazioni dell’usato riciclato  “sicuro” danno un’idea dell’instabilità e ingovernabilità futura. Prima che qualche anima candida mi chieda per quale motivo stia facendo le pulci al professore, ricordo che in sei anni di navigazione documentata e …

Dedicato a tutti coloro che credono alla leggenda metropolitana sul rischio GRECIA e a coloro che pensano che senza riforma delle pensioni Fornero il Paese si sarebbe disintegrato

ITALIA: MAI RISCHIATO DI FALLIRE IN VERSIONE CHART!

Cercherò di essere breve perchè ne abbiamo già parlato in MAI RISCHIATO IL FALLIMENTO la cui fonte principale troverete QUI nel Fiscal Sustainability Report 2012. Il rapporto della Commissione europea sulla sostenibilità del debito dei Paesi d el l ’Unione fa giustizia di molti luoghi comuni, offrendoci un quadro inaspettato del nostro Paese. Contrariamente a quanto ci era …

IMPLICIT DEBT: UN’ ITALIA DA TRIPLA A!

Mentreil Titanic Italia si avvia verso il suo ultimo iceberg guidato da un manipolo di speculatori politici e in Italia e nel mondo della finanza  in molti fanno il tifo per una disintegrazione del nostro Paese e dell’area euro abbiamo appena visto che la verdura fresca è sempre quella che si vende meglio al mercato …

 

Ora sino a quando non si comprenderà l’infernale trappola congiunta costitutita dal FISCAL COMPACT e dal recentissimo TWO PACK qualunque discussione sul futuro di questo Paese non potrà prescindere da un fardello di almeno 50/70 miliardi di debito da cancellare ogni anni…contributi ad ESM compresi…

FISCAL COMPACT STATI UNITI D’EUROPA NELLA DEPRESSIONE!

In un ASSORDANTE silenzio generale esulta il ministro per gli affari europei Moavero questa è una data storica per il nostro Paese…si quella che ricorderà la nascita degli Stati Uniti d’Europa nella miseria! Alzi la mano chi crede veramente che verrà rispettato l’obbligo di rientrare nel 60 % di indebitamento nei confronti del PIL in venti anni di sacrifici per le generazioni future.

MONTI: TOGLIAMO L’ITALIA AGLI INCAPACI…FISCAL COMPACT

Forse è ora che lei e gli altri partecipanti alla corrida elettorale raccontiate la verità alla gente di questo Paese e dite agli italiani come avete intenzione di trovare i soldi per far fronte all ‘immensa fesseria del FISCAL COMPACT e del fondo ESM! Si tratta di almeno 50 miliardi all’anno per i prossimi venti da settacciare nei torrenti di questo Paese aggiungendovi 20 miliardi per il fondo ESM quest’anno salvo ulteriori esborsi!

TWO PACK …ITALIA ALTRO CHE FISCAL COMPACT!

Ve lo ricordate il film di Nanni Loy  Pacco, doppio pacco e contropaccotto in cui imbroglioni più o meno professionisti, si arrangiano cercando di truffare il prossimo. Il titolo richiama il sistema del “pacco”, ossia della truffa ai danni del malcapitato di turno ( tratto da WIKIPEDIA Probabilmente in pochi hanno fatto caso alla seguente notizia apparsa …

La più collossale fesseria programmatica della storia è nascosta qui…

ANGELA MERKEL: AUSTERITA’…IL VENTO DELL’EST!

Se magari qualcuno volesse comprendere sino in fondo la filosofia di Santa Angelina da Austerilitz che viene dall’Est e magari comprendere meglio per quale motivo il partito comunista italiano ops scusate il PD di Bersani e Napolitano ops scusate ancora intendevo solo di Bersani, si trovano tanto in sintonia, qui in questo articolo di Adriana …

…lo suggerisce la storia…

DOPO ROOSEVELT … OBAMA FOUR MORE YEARS!

Oltre 80 anni dopo il New Deal di Roosevelt, la vittoria odierna di Obama testimonia la validità di un approccio che vede la spesa pubblica attenuare gli effetti di una Grande Depressione. Era l’anno del Signore 2009 e precisamente il 18 di maggio quando scrissi… ” La conoscenza anche quando si avvicina alla verità, non porta sempre …

Ma non è solo un problema europeo, questa dannata e immensa crisi antropologica ed economico/finanziaria ma anche mondiale…

CHI HA PAURA DEL CAVALLO DI TROIKA!

Come ho più volte scritto, siamo in guerra! Non importa se si tratta di una guerra economica, finanziaria o ideologica ma noi siamo in guerra! E’ fondamentale cercare di comprendere cosa sta avvenendo dietro le quinte, quali sono le strategie in campo! Nel pomeriggio ho ricevuto la segnalazione di un nostro compagno di viaggio a proposito di …

ECCO LA VERA PISTOLA FUMANTE DELLA CRISI EUROPEA!

Come abbiamo piu’ volte visto al di la degli aspetti tecnici, questa crisi e’ un condensato della maggiore intensita’ di frodi e manipolazioni … Continua a leggere →

GERMANIA:  GLI AVVOLTOI D’EUROPA!

Ieri in CIPRO: LA DOTE ESPLOSIVA! mi chiedevo … Ora cosa manca per completare la leggendaria dote che la crisi europea ci lascia? Ai posteri l’ardua sentenza! La sentenza c’è già la sappiamo tutti, ovvero la dote, la leggendaria dote europea, l’ultima risorsa sono i risparmi degli italiani. UPDATE: notizia in arrivo dagli idioti di Bruxelles… BRUXELLES (Reuters) – In base …

LEGGE DI STABILITA’  E FISCAL MULTIPLIERS …CE LO CHIEDE L’EUROPA!

Come ho scritto ieri la lettura di questo post potrebbe urtare la Vostra sensibilità! Se volete leggerlo sappiate che lo fate a Vostro rischio e pericolo e poi non dite che non Vi avevo avvertito! ;-D Sedetevi comodi e seguitemi, in una maniera o nell’altra comprenderete come in realtà molte delle dinamiche che hanno attraversato l’Europa …

INCREDIBILE! AUSTERITA’ COLOSSALE IDIOZIA E LE SCUSE DEL FMI!

Dopo aver trascorso oltre tre anni a raccontarvi l’immensa idiozia dell’austerità di marca calvionista e alemanna, che persone come Monti e Draghi hanno sottoscritto con convinzione seguiti da tutti i parlamentari italiani che hanno votato senza fiatare l’altra colossale idiozia del pareggio di bilancio in costituzione, con contorno di “fiscal compact“, all’improvviso in una serata di inizio inverno guarda …

E infine qualche articolo per comprendere il virtuosismo di facciata della Germania e dei suoi alleati…( Work in progress )

DEUTSCHE BANK: SORPRESA LA BUNDESBANK SCOPRE LA VORAGINE CON LA BANCA INTORNO!

Solo un cenno non serve perderci dietro troppo tempo sopratutto alla storia di una voragine con la banca intorno apertasi sotto gli occhi velati della leggendaria Bundesbank, si quella che quotidianamente segnala le pagliuzze negli occhi dei vicini europei ma che in questi anni non si è mai accorta degli eccessi delle proprie banche lasciandole …

OLANDA…IL BUCO PRIVATO CON IL PAESE INTORNO!

Credo fosse intorno a marzo dello scorso anno quando in OLANDA E GERMANIA: LA TRAVE E LA PAGLIUZZA e soprattutto in OLANDA… HALLOWEEN ASSICURATO! evidenziavo come in realtà la virtuosa Olandaaltro non era che una sorta di  futuro buco nascosto con un Paese intorno. Per carità, vi sono addirittura delle voragini con un paese intorno come …

EURODITTATORI D’EUROPA!

Former German Chancellor Helmut Kohl

Condividere alcune dichiarazioni da parte di alcuni dei maggiori protagonisti della nascita dell’euro, di questo euro non significa essere contro il progetto di un’Europa unita, ma di questa Europa unita, un esperimento raffazzonato messo insieme soprattutto pensando ad ipotetici benefici economici e finanziari, un’ Europa delle monete e dei capitali, prima che un’Europa dei popoli. Lasciamo …

ITALIA: BCE E BUNDESBANK LA RICCHEZZA ITALIANA

Recentemente abbiamo visto in azione i becchini d’Europa, i becchini dei vostri risparmi…“Una tassa sugli asset finanziari del 15% sarebbe probabilmente abbastanza per spingere il debito del governo italiano al di sotto del critico 100% del Prodotto Interno Lordo”.Cipro cyprus news commerzbank e la patrimoniale … – Icebergfinanza Secondo la banca centrale di Francoforte le famiglie …

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
ICEBERGFINANZA REVIVAL ... GENESI DELLA CRISI ITALIANA, 8.0 out of 10 based on 2 ratings
4 commenti Commenta
dorf001
Scritto il 28 aprile 2013 at 14:46

ma scusate, che fine ha fatto l’oro? mmmhhh gatta ci cova.

non toccate il nostro oro. date un’occhiata a questo video : http://www.youtube.com/watch?v=hdqBYvAnqzY&feature=player_embedded

avanti con gli avvoltoi. tanto enrico letta li protegge.

by by italy.

DORF

dorf001
Scritto il 28 aprile 2013 at 16:10

toc toc c’è nessuno? allora volete dirmi ora che c’è letta stiamo bene. ok allora mi devo aspettare certe cose. tipo: ora che c’è lui, mi darà il reddito di cittadinanza. toglierà l’imu. abbasserà le tasse di brutto. aiuterà le PMI. ci riprenderemo la sovranità monetaria. ci ripendremo la sovranità politica e la sovranità alimentare. giusto? e ancora: ora che c’è lui, il giovane monti junior cancelleremo i trattati infami che ci stangolano. rinnegheremo maasctricht, lisbona, schengen, velsen, e le megs porcate del fiscal compact e mes, giusto? lo farà vero?

però non chiamatelo inciucio.

dorf001
Scritto il 28 aprile 2013 at 16:11

non si allega file.

Non chiamatelo inciucio

di Marco Cedolin – Il Corrosivo.

A due mesi esatti dalle elezioni di febbraio, sembra essere nato, dopo un parto lungo e travaglliato, il nuovo governo destinato ad accompagnare gli italiani sul fondo del baratro.

Già ad una prima occhiata, non si fatica a rendersi conto che il neonato governo Letta rappresenta per molti versi un qualcosa d’inedito rispetto a quelli che lo hanno preceduto, pur muovendosi nel solco del “pilota automatico” voluto da Mario Draghi.
Ad attirare l’attenzione non sono tanto i nomi dei singoli ministri, con qualche eccezione come quello di Emma Bonino che di fatto garantisce la completa suddittanza nei confronti degli Usa e d’Israele, quanto piuttosto la filosofia di carattere puramente “estetico”, posta alla base della squadra di governo. In presenza di un pilota automatico che imporrà all’esecutivo tutte le mosse da compiere e considerata la mancanza di spazio per qualsiasi autonomia di pensiero, il lavoro si é concentrato insomma esclusivamente sul messaggio mediatico che il nuovo governo dovrà veicolare nelle case degli italiani, per ottenere un’apertura di credito in termini di speranza e simpatia…

Non appena ufficializzato l’elenco dei ministri, giornali e TV hanno iniziato a spendersi in ogni sorta di panegirico concernente le lungimiranti scelte compiute da Enrico Letta, grazie alla resurrezione di Napolitano e all’aiuto comprensivo di Silvio Berlusconi.
Finalmente un governo strapieno di donne (ben 7) come mai se ne erano visti prima. Finalmente un governo di giovani (con l’età media intorno ai 50 anni) come mai era accaduto in precedenza. Finalmente un governo che annovera fra le sue fila un ministro di colore, a sancire il nostro terzomondismo. Finalmente un governo di larghe intese, dove il PD ed il PDL hanno compreso la necessità di unirsi per il bene del paese. Finalmente un governo grazioso esteticamente, politico ma non troppo, tecnico fino ad un certo punto, di destra ma anche di sinistra, di rottura ma anche di continuità e soprattutto molto, ma molto europeista senza se e senza ma.
Un governo dall’immagine curata, con alcuni ministri diventati famosi proprio nei salotti della TV, con gli equilibri politici studiati con cura a tavolino, con pochi nomi “pesanti” diluiti per mezzo di nuove comparsate, adatto per distribuire a piene mani speranze di cambiamento, promesse di ripresa ed immagini patinate cariche di ottimismo e prospettive di un futuro migliore.
Parlare d’inciucio di fronte ad un’operazione di marketing di questo genere potrebbe risultare disdicevole. Non solamente per il rischio d’incorrere nell’ira dell’immarcescibile Napolitano, ma anche perché adesso che le elezioni sono un lontano ricordo quale utilità potrebbero rivestire i distinguo? Vogliamoci bene e lavoriamo tutti insieme per costruire l’Italia del futuro, sembra il leit motiv veicolato dal circo mediatico vestito a festa per l’occasione. E probabilmente, come sempre accade, gli italiani abboccheranno all’amo, felici del fatto che finalmente esiste un nuovo governo, preposto a risolvere i loro problemi. Per poi risvegliarsi regolarmente di fronte alla prima legnata fiscale, alle raffiche di licenziamenti e agli ufficiali giudiziari mandati da Equitalia.
Tutto sommato non si può negare che l’intera operazione sia stata gestita scientemente con estrema competenza.
L’astensionismo elettorale é stato limitato lavorando sull’antagonismo fra PD e PDL. Il PD ha raccolto quasi il 30% dei consensi attraverso una campagna elettorale di odio nei confronti del “nemico” Berlusconi. Il PDL ha ottenuto altrettanto, chiedendo i voti per arginare l’avanzata del demone della sinistra e schierandosi contro l’Europa e l’euro. Entrambi hanno pesantemente criticato le scelte scellerate compiute dal governo Monti con il loro sostegno.
Ed oggi, forti dei numeri derivanti dal consenso ottenuto proprio grazie all’antagonismo, Berlusconi, il PD e Monti si uniscono tutti in un abbraccio fraterno, giurandosi amore eterno, nel nome di più Europa e più euro e nel segno del cambiamento. Non chiamatelo inciucio, si tratta di vero amore, di quelli destinati a durare a lungo, per tutto quello che conta c’è sempre il pilota automatico e non occorre pensarci più.

ottimo ehh!!!!

daviosq
Scritto il 28 aprile 2013 at 17:46

Bene, il goverrnicchio è fatto; adesso lor signori come già è stato detto dovranno prendere gravi decisioni con i picchetti fuori palazzo; caspita settimana scorsa c’era il popolo fuori palazzo, oggi l’attentatino; non ditemi che da oggi in poi entra in vigore qualche circolare vieta proteste perché non ci credo….. Povera Italia svenduta al peggior offerente.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Riprendendo una vecchia canzone di Vasco Rossi, non sono certo i nuovi massimi che fanno paura ai
Questa sera alle 16.00 si svolgerà il webinar UniCredit con ospite Stefano Fanton, trader profes
Velostazione, corsi a distanza e un master interno sono le ultime attività che Eni sta sviluppando
Conoscere i principi della finanza e delle pensioni è meglio che ignorarli, detta così sembra una
Torniamo ancora una volta sulla questione dei siti dove trovare informazioni inerenti le criptov
Oplà, ti pareva che qualcuno, in particolare quelli della CNBC, non facessero uscire la notizia
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercato azionario: titoli value e momentum a confronto I dati macroeconomici continuano ad uscire
Le rimodulazioni tariffarie sono ormai una consuetudine tra gli operatori di telefonia mobile (e fis
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv