GUEST POST: LA MORTE LENTA DELLE IMPRESE ITALIANE PER CREDIT CRUNCH

Scritto il alle 11:25 da icebergfinanza

La sempre interessante, puntuale ed attenta Carmen Gallus di VOCIDALL’ESTERO che ringrazio per aver dato un importante sostegno alla nostra iniziativa ci riporta un pezzo apparso sul  Telegraph Ambrose Evans Pritchard dove si rilancia l’allarme sulla crisi delle nostre imprese, e degli altri paesi del ClubMed, da non perdere…

The Telegraph – Gli imprenditori Italiani hanno lanciato l’allarme sull’emergenza credito per le imprese, che a migliaia sono a corto di finanziamenti e minacciano di cadere nella più profonda depressione.

Confindustria, l’associazione degli industriali, ha dichiarato che il 29% delle imprese italiane non può far fronte alle spese di esercizio ed è in crisi di liquidità. E’ in corso una “terza fase del credit crunch” che ripete gli shock del 2008-2009 e del 2011.

Secondo una ricerca condotta da Confindustria, l’economia risulta intrappolata in un circolo vizioso, in cui le banche sono troppo in crisi per fare prestiti, e fanno cadere nel baratro sempre più imprese. Ci sono migliaia di fallimenti ogni giorno.

Continua a leggere»

Ricordo a tutti coloro che  per la petizione che potrete firmare  QUI  non serve alcun documento, ma solo nome, cognome e mail di riferimento e se non si desidera veder comparire pubblicamente il proprio nome basta togliere il baffo in fondo alla petizione.

Da come andrà nel fine settimana dipenderà o meno il proseguo di questa iniziativa!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
GUEST POST: LA MORTE LENTA DELLE IMPRESE ITALIANE PER CREDIT CRUNCH, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
9 commenti Commenta
giobbe8871
Scritto il 15 marzo 2013 at 14:16

Gli inglesi oggi ci “sostengono” comprendendo le nostre istanze, difficoltà ecc…. perchè il loro Target è Frankfurt e Berlin ! :mrgreen: :twisted:

giobbe8871
Scritto il 15 marzo 2013 at 14:16

giobbe8871
Scritto il 15 marzo 2013 at 14:18

ma per uscire da questo inferno, che è l’Euro, dobbiamo allearci con la Perfida zia Albione. :x :wink:

giobbe8871
Scritto il 15 marzo 2013 at 14:19

abbiamo troppe spie , filo Crucchi , in Italia.

oggi però abbiamo un Gesuita come Papa, e si ispira a San Francesco, patrono della nostra Italia :D

giobbe8871
Scritto il 15 marzo 2013 at 14:21

giobbe8871
Scritto il 15 marzo 2013 at 14:22

stanziale
Scritto il 15 marzo 2013 at 14:40

giobbe8871@finanza,

Ed anche ad un altro Francesco, un sudamericano. Cerco’ di arrivare in Cina, ma non ce la fece, mori’ per una febbre in un’isola davanti alla Cina, mentre aspettava il permesso per entrare. Fu un grande missionario.

stanziale
Scritto il 15 marzo 2013 at 14:47

giobbe8871@finanza,

CFome nel 1800 quando i Sabaudi furono ampiamente sostenuti dalla Gran Bretagna? Possiamo sperarlo, purtroppo non e’ ancora chiaro il ruolo degli americani, che allora non erano presenti. Tutto si decide , probabilmente, da qui alle elezioni tedesche!

bergasim
Scritto il 15 marzo 2013 at 14:53

Firmiamo la petizione o continuiamo a dormire?

LA SVEGLIA E’ SUONATA DA UN PEZZO LETTORI

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I cibi stranieri importati in Italia hanno provocato quasi un allarme alimentare al giorno. E’ q
Ftse Mib: apre anche oggi in negativo appesantito dalle incertezze legate all'esito delle elezioni
Non so Voi ma io ho la sensazione che da lunedì nulla sarà più come prima, avverto la stessa
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
8 italiani su 10 vorrebbero comprare una macchina elettrica. Sono infatti riconosciuti da quasi tu
Ftse Mib: l'indice italiano si mostra ancora debole appesantito dal dividend day, giorno in cui ci
Dopo una lunga trattativa il 17 maggio 2019 è stato firmato il contratto integrativo 2019/2021 per
Eccoci di nuovo qui, in questi due giorni non c'era nulla di interessante da raccontare dopo que
A scuola di opzioni. Riprendiamo da qua la didattica operativa di base utilizzando sempre i quadern