SUPER MARIO MONTI SHOW…NUMERI IN LIBERTA’!

Scritto il alle 11:03 da icebergfinanza

Non c’è bisogno di aggiungere altro le dichiarazioni parlano da sole!

Ve le ricordate le liberalizzazioni, il 20 gennaio 2012 …

E’ durato otto ore il Consiglio dei ministri sulle liberalizzazioni in vari settori, dalle professioni, alle farmacie, ai taxi, fino al mercato del gas, alle infrastrutture, ai trasporti.
“Abbiamo adottato un pacchetto di riforme strutturali per la crescita – ha detto il premier Monti nella successiva conferenza stampa – l’economia italiana è stata per decenni frenata soprattutto da 3 vincoli: concorrenza insufficiente, inadeguatezza delle infrastrutture e complicazione delle procedure amministrative”. Quella approvata dal Cdm è “non solo una grande azione economica ma anche, noi confidiamo una grande azione sociale”, ha detto il premier, che ha inoltre annunciato che la settimana prossima verrà varato il provvedimento sulla semplificazione dell’amministrazione. “Da riforme aumento del Pil del 10%” – Secondo Monti l’aumento di produttività dato dalle riforme, potrebbe portare un incremento del Pil del 10%. “Ci sono delle stime dell’Ocse e di Bankitalia – ha detto Monti ospite di Otto e mezzo – che dicono che se l’Italia arriva ad un grado di flessibilità come c’è negli altri paesi nel campo dei servizi ci sarà un aumento della produttività del 10% nei prossimi anni e, grosso modo, del 10% anche del prodotto interno lordo” .

Mentre nel lungo termine eravamo tutti in attesa del miracolo economico, all’improvviso…

(AGI) – Roma, 24 set. – Per l’Italia “quell’esito drammatico” che si paventava mesi fa “sembra ora piu’ lontano”, “l’Italia ha potuto togliersi dalla lista” dei Paesi “con problemi nella Ue”. Parola del Presidente del Consiglio, Mario Monti, che ha aperto insieme al segretario generale dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico (OCSE) Jose’ Angel Gurria, i lavori della conferenza internazionale sulle Riforme strutturali in Italia. “Senza ‘Salva-Italia’ avremmo perso sovranita’”, ha fatto notare il Professore, che ha anche assicurato che nei prossimi 10 anni, grazie alle riforme del governo, il Pil registrera’ una crescita aggiuntiva del 4%.

Coraggio ragazzi siamo in piena deflazione, non ditemi che non l’avevate ancora capito.

Ad inizio grazie alle riforme si cresceva del 10 % oggi del 4 % , nel futuro dovrebbe arrivare la …verità figlia del tempo!

Nel frattempo è stata inviata a tutti coloro che hanno sostenuto liberamente o vorranno sostenere il nostro viaggio, l’ultima analisi  dal titolo ITALIA:…oltre l’ultima grande occasione! 

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner in fondo alla pagina o in cima al blog. Semplicemente Grazie!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (11 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +4 (from 4 votes)
SUPER MARIO MONTI SHOW...NUMERI IN LIBERTA'!, 10.0 out of 10 based on 11 ratings
Tags:   |
3 commenti Commenta
dorf001
Scritto il 25 settembre 2012 at 17:31

LA POLITICA DELLA CARENZA.

Ciò che tutti voi state osservando come crisi dell’euro, crescente disoccupazione, pressione per aumentare la produttività diminuendo i redditi, tagli alle spese sociali e aumenti delle tasse, fallimenti aziendali a catena, montante insicurezza economica, crescente e inaudita povertà, perdita di sovranità di Stati e parlamenti – le Austerità in altre parole – non è altro che la veste attuale di un’evoluzione micidiale del Vecchio Continente che io chiamo la Politica della Carenza. Essa trova le sue radici nel lavoro di uomini legati a doppia mandata al Vaticano negli anni ’30, e oggi è fermamente nelle mani dell’Opus Dei e dei maggiori ‘rentiers’ europei, coi favori vaticani non troppo distanti, anche se traballanti (vedi la corrente gesuita). La Politica della Carenza è un mostro, di gran lunga peggiore del fascismo, perché essa ha compiuto il prodigio dell’essere supinamente accettata da 27 Stati sovrani e da milioni di persone senza necessitare l’uso di armi o di squadre della morte, e i danni che sta portando sono immensamente superiori al fascismo (si pensi solo che le perdite finanziarie della disoccupazione negli ultimi 20 anni superano quelle di tutte le guerre della Storia). Infine, mentre le dittature erano facilmente identificabili e quindi colpibili, la Politica della Carenza no, anzi, è vista e propagandata come virtù economica. E la gente ci casca.

Ma cos’è esattamente? Come ho scritto nel mio saggio Il Più Grande Crimine 2011,…….

……..Questo, i ‘rentiers’, non l’accettarono mai, perché è ovvio che se la persona acquisisce i mezzi per rivendicare una fetta della ricchezza comune, e se queste persone divengono centinaia di milioni, la fetta di ricchezza che non andrà più ai ‘rentiers’ è enorme, e a loro questo non andò mai giù. Non solo: questi cittadini erano divenuti ‘arroganti’, ardivano reclamare sempre più diritti con sempre maggiori risorse, e i ‘rentiers’ si chiesero allarmati “ma di questo passo che ne sarà di noi?”. Non solo: il Vaticano vide sciami di fedeli staccarsi dai suoi ignobili ricatti superstiziosi, quindi dal suo controllo, proprio perché quelle persone stavano acquisendo una sicurezza economica e un’istruzione superiori al passato. Era finita l’epoca in cui la parola del parroco, e non di rado il suo diritto assoluto a stuprare le figlie del contadino/bracciante, erano la condicio sine qua non per l’assunzione di quell’uomo presso il latifondista, cioè la sottomissione in schiavitù di milioni di famiglie alla Chiesa. Era finita l’epoca in cui l’ignoranza sorella della povertà spingeva centinaia di milioni di esseri umani a subire senza fiatare le ignobili angherie della vampiresche elites benedette dal diritto divino sancito dai Papi. ……

……..Politica della Carenza.

C’è la crisi degli spread. La crisi dell’euro. La crisi delle banche fallite, la crisi dei mercati, la crisi del debito, la crisi del deficit, la crisi non dà lavoro, la crisi distrugge aziende, la crisi abbassa gli stipendi, la crisi alza le tasse, la crisi richiede sacrifici, la crisi manda a spasso gli operai, la crisi non dà lavoro ai giovani, la crisi chiude i rubinetti dei crediti, la crisi è ovunque, la crisi non si ferma, la crisi ti fa rassegnare, la crisi non sai come prenderla, non la capisci, è più grande di te. La crisi crea CARENZA, non c’è lavoro, non c’è liquidità, non ci sono spese pubbliche, si deve risparmiare, non ci sono investimenti, non ci sono case a prezzi umani, non ci sono mutui, non ci sono crediti, non ci sono quindi consumi, non ci sono profitti per le piccole imprese, non ci sono redditi sufficienti, non ci sono alternative, non ci sono alternative! C’è carenza, e tu non ti puoi licenziare da un posto di lavoro infame a tempo determinato a 890 euro, o da un posto di lavoro infame dove ti spremono la vita umiliandoti, c’è carenza di lavoro. Non possiamo salvare dalla disoccupazione le famiglie dei lavoratori Fiat o Alcoa, e spedire al macero le rispettive aziende, con un New Deal rooseveltiano, c’è carenza nelle casse dello Stato, che non ha neppure più la sua moneta. Non puoi evitare di indebitarti per fare quella risonanza magnetica urgente, perché c’è carenza di servizi. Non puoi pagare i tuoi operai, c’è carenza di crediti. Non puoi sposarti, c’è carenza di mutui per un reddito come il tuo. Non puoi protestare, c’è carenza in casa tua e se perdi quel poco che hai sei finito. E hai paura.

Hai paura che anche quel poco che c’è può sparire. Ti dicono che devi accettare il ‘risanamento’, sai che ti fa morire, ma lo accetti per paura, perché c’è carenza, e non sai come girarti. La crisi ti assilla, e se peggiora? Ti propongono la Chemioeconomia, la accetti per paura della carenza. Ti propongono tutto e accetti tutto, lungo la una strada che tu non vedi ma che si chiama Spirale della Deflazione Economica Imposta, una spirale che porta dritti al feudalesimo dei diritti e dei redditi, la Grecia di oggi, 450 mila bambini denutriti e gente che si scalda d’inverno nell’auto dei vicini col diesel rubato dai camion. In Grecia, non a Calcutta. Ti propongono la morte delle prerogative del tuo Stato di proteggerti, e tu l’accetti, perché c’è carenza. Lo Stato stesso l’accetta, per la carenza, come accaduto alla Repubblica Italiana l’11 novembre 2011, dove la carenza di compratori dei nostri titoli di Stato, causata UNICAMENTE dall’euro, ha imposto un rovesciamento di un governo eletto e l’esautorazione di Camera e Senato.

vale la pena che lo legiate tutto l’articolo di BARNARD. vi fa tutti inomi degli sciacalli speculatori. e propone una sua soluzione keynesiana. leggete qui. http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=10860

by DORF

sd
Scritto il 25 settembre 2012 at 21:31

dorf001@finanza,

Dorf grazie del link, anche se non sono un complottista credo che “chi comanda” in europa e nel mondo si stà dando da fare per non perdere il proprio potere…..anzi stà cercando di aumentarlo. Temo che il Reddito di Esistenza non riusciremo ad averlo tanto facilmente !!!!!!

Comunque qualsiasi cosa il “Sistema” cercherà di fare le variabili sono talmente tante (Teoria del Caos ed Effetto Farfalla) che probabilmete i loro piani non daranno gli effetti sperati. E’ da migliaia di anni che ci provano ma hanno sempre fallito ed a volte si sono anche auto-distrutti……….vuoi la prova reale, secondo i loro antichi piani IO e TE non dovremmo essere qui a discutere lontani centinaia di Km, ma invece CI SIAMO.

Un saluto

SD

dorf001
Scritto il 26 settembre 2012 at 00:28

.vuoi la prova reale, secondo i loro antichi piani IO e TE non dovremmo essere qui a discutere lontani centinaia di Km, ma invece CI SIAMO. Un saluto SD

perfetto SD. spero solo che altri compagni del veliero anche se lontani centinaia di km si associno alla discussione. dobbiamo parlarne discuterne capire e agire.

by DORF

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue la fase correttiva con primo target 23.000 punti. In caso di br
Uno non fa in tempo neanche a preparare l'outlook 2020, con la famosa "PROFEZIA" che subito arri
La guerra commerciale è diventato un tormentone, e i mercati quasi sono assuefatti ai suoi alti
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: al via la fase correttiva sugli indici europei. Ora l'indice mira 23.000 punti e in caso d
In diversi paesi europei esistono già da anni forme di reddito di base che si accompagnano ad a
Ormai di parole ne abbiamo fatte troppe e sempre più spesso sui giornali gli stessi editori van
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Si sa, la matematica non è un’opinione. Ma i mercati finanziari non sono mai il perfetto risu
Ftse Mib: Dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il live