BERNANKE: LA REPRESSIONE FINANZIARIA CONTINUA!

Scritto il alle 09:37 da icebergfinanza

Una premessa è fondamentale! Quelllo che è accaduto in queste ultime settimane, Vi darà il tempo, se non cambierà nulla dal punto di vista esclusivamente politico, di fare con calma i preparativi per raggiungere serenamente non più solo la leggendaria riva del fiume ma probabilmente la vetta più alta possibile.

Quello che affascina è che i pusher americani della Federal Reserve non hanno atteso neanche un secondo per correre a comunicare in anticipo ai propri clienti, la notizia dell’arrivo di un nuovo carico di droga da oltre 40 miliardi di dollari, l’ennesima e probabilmente ultima grande illusione, l’overdose finale anche se il Giappone insegna che si puà continuare ad oltranza nella più imponente depressione economica della storia.

Questo dimostra se mai ce ne fosse stato bisogno che l’America è in recessione, che ha disperatamente bisogno di uscire dalla depressione umana in cui versa il suo popolo.

La depressione in America non è solo umana ma anche intellettuale, si intellettuale perchè l’economia e la finanza sono nelle mani di colui che ha sbagliato  la più clamorosa diagnosi della storia, probabilmente solo per interesse politico e ora continua a somministrare cure inutili e dannose, spacciandole per miracolose come se facendo salire il valore di qualche inutile assets possa servire a rilanciare fiducia e speranza.

Da sempre Bernanke,  governatore della banca centrale e allievo fedele di Milton Friedman e Anna Schwartz sostiene che il loro storico studio dal titolo ” Monetary History of the United States, 1867-1960 ” è da considerare  la migliore tra le spiegazioni da dare al peggior disastro economico della storia americana, la Grande Depressione,  al punto tale da dichiarare al 90° compleanno di Friedman (2002):

“Vorrei dire questo a Milton e Anna: per quel che concerne la Grande Depressione, avevate e avete ragione; è stata nostra responsabilità. Chiediamo perdono. E grazie a te, Milton, non commetteremo più lo stesso errore”.

L’anno successivo (2003) Friedman dirà, in un’intervista al Financial Times che potrete trovare interamente  QUI,  che in fondo…

“The use of quantity of money as a target has not been a success,” concedes the grand old man of conservative economics. “I’m not sure I would as of today push it as hard as I once did.”

Si ha detto proprio cosi, l’uso della quantità di moneta come obiettivo non è stato un successo e di non essere sicuro che oggi rifarebbe la stessa cosa. Non è incredibile, eppure Bernanke continua ad insistere e perseverare nel suo fallimento.

Ma andiamo oltre e ascoltiamo cosa disse anche Anna in due distinte interviste una al  Telegraph e una al WSJournal, arzilla nonnina con i suoi teneri 92 anni, venerata all’interno della Federal Reserve e tuttora consulente della National Bureau of Economic Research di New York, una donna senza peli sulla lingua, che accusa la Banca Centrale Americana di essere essa stessa la principale responsabile della bolla del credito.

Non vi sarebbe stato alcun fenomeno subprime se la Fed avesse vigilato, è il momento di dire le cose come stanno, ammettere i propri errori e voltare pagina(…) ma soprattutto…

“Liquidity doesn’t do anything in this situation. It cannot deal with the underlying fear that lots of firms are going bankrupt…”

Beata saggezza cara nonnina, si la liquidità non serve a nulla in questa situazione, in una crisi di insolvenza conclamata e non di liquidità non serve a nulla! Per comprendere quello che sta accadendo come sottolineo da tempo, bisogna prima fare lo sforzo di comprendere la natura dell’attuale “disturbo” del mercato.

Tutto ciò che accade, non è dovuto alla mancanza di liquidità, ma alla mancanza di fiducia del mercato sulla capacità dei debitori di onorare i propri debiti, i bilanci delle imprese finanziarie non sono credibili. Come dice Anna, tenendo in piedi aziende fallite, non si fa altro che prolungare la crisi, l’agonia dell’economia.

E’ inutile continuare a ricapitalizzare imprese fallite, le imprese che prendono decisioni sbagliate devono fallire. Tutto funziona in maniera migliore quando il mercato riconosce il fallimento e premia la migliore strategia.

L’uomo degli elicotteri che avrebbero fatto meglio ad innondare le strade americane di dollari, avrebbe fatto meglio a far recapitare i miliardi di dollari direttamente nelle caselle postali delle famiglie della classe media americana invece che continuare a foraggiare i suoi datori di lavoro banche e speculatori internazionali.

Ma non c’è nulla da fare o sono pervasi da malafede molesta o sono semplicemente dei falliti che persistono nel loro fallimento, psicopatici innamorati del principio di Peter.

La mossa di Bernanke nel comprare esclusivamente 40 miliardi di dollari al mese di asset come i cosidetti MBS ovvero titoli spesso immondizia nei quali è racchiuso il fallimento del mercato immobiliare spesso e volentieri quotati a sconto del 50/70 % dei loro valore ma ovviamente contabilizzati come fossero gioellini, via “mark to fantasy”  non è altro che un ulteriore favore alle banche e ai loro azionisti, fregandosene completamente dell’economia reale.

Se qualche ingenuo crede che cosi facendo le banche torneranno a concedere credito all’economia, continui a sognare! Le banche continueranno a finanziare il debito pubblico, la carta straccia degli Stati Uniti come accade oggi in Europa e in Inghilterra, in Giappone,  in un circolo vizioso senza fine.

E’ evidente che senza la Federal Reserve l’America sarebbe fallita, è evidente che senza la BCE, senza la BOE e senza la BOJ, rispettivamente l’Europa, l’Inghilterra e il Giappone sarebbe annegati nei loro debiti.

Si chiama REPRESSIONE si REPRESSIONE FINANZIARIA, manipolazione dei tassi di mercato da parte delle banche centrali,  tassi a zero sino ad oltre la metà del 2015 e riduzione sistematica dei tassi a lungo termine delle obbligazioni sovrane!

Bene la nostra previsione, condivisa nel 2008 di una crisi lunga almeno un decennio perduto si sta avverando, prima del 2017 almeno, non usciremo da questa tempesta perfetta.

Ci sarà sempre qualche esaltato che incomincerà a parlare di inflazione in piena depressione, ma l’unica esplosione si avrà nuovamente nei prezzi del petrolio e se la benzina, infiammata da questioni geopolitiche e speculazione in questi mesi dovesse tornare a salire ben oltre i 4 dollari al gallone, sarà la fine di Obama, con il crollo della fiducia dei consumatori.

In passato abbiamo già smontato empiricamente l’illusione che nuova liquidità nei mercati finanziari possa indurre una calda sensazione di ricchezza nell’economia reale come crede il povero Bernanke.

Avanti di questo passo credo che l’ipotesi di vedere appesi per i lampioni i giro per il mondo sempre più banchieri come condiviso dal sindaco di Londra e da Roubini non si poi tanto lontana.

Se la nuova cura miracolosa non funziona nello spazio di tre o sei mesi, la festa è finita e la fiducia sparirà in un istante e non ci sarà più quantitative easing o LTRO che tengano, nella disperazione umana dell’economia reale e della gente comune!

La fiducia non è illusione, la fiducia è fatti e non chiacchere, è cambiamento, è rinnovamento è ammettere il fallimento e farsi da parte!

Prima di decidere gli ulteriori passi da compiere, la Banca centrale americana valuterà una serie di fattori, ha detto Bernanke evitando di rispondere a chi chiedeva come mai nel documento della Fed non sia segnalata la fine prevista per il nuovo programma di sostegno. Bernanke ha invece sottolineato che la Fed punta a «un progressivo e sostenuto» miglioramento del mercato del lavoro e vuole un’economia che «proceda velocemente, in modo da consentire all’occupazione di diventare più solida». La Fed, ha ribadito Bernanke rispondendo ai giornalisti, «farà abbastanza per assicurare che l’economia americana sia sulla via giusta».  Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/12THg

REDISTRIBUZIONE e liquidità alla CLASSE MEDIA questa è la soluzione, ma loro non lo ammetteranno MAI

! Inoltre questa crisi come abbiamo visto empiricamente ha bisogno di almeno 7/8 anni per essere assorbita in un rientro generalizzato dal debito e questa è la madre di tutte le crisi.

E’ inutile continuare a foraggiare banche e speculatori falliti, il fallimento è la soluzione principe di questa crisi, solo coloro che hanno operato con sufficiente lungimiranza hanno il diritto di poter stare sul mercato!

Nell’ epoca del condizionale principe,  sembrerebbe che il verbo sperare sia uno dei più difficili da coniugare, in quanto il suo presente non è affatto indicativo e il suo futuro è puramente condizionale!… nuove misure decise dalla Banca centrale americana dovrebbero «contribuire a tenere i tassi bassi», tuttavia «la politica monetaria non è la cura per tutti i problemi economicituttavia «la politica monetaria non è la cura per tutti i problemi economici»….tuttavia «la politica monetaria non è la cura per tutti i problemi economici»…….».

Chi ha orecchie per intendere intenda, gli altri continuino a sognare!

Nel frattempo è stata inviata a tutti coloro che hanno sostenuto liberamente o vorranno sostenere il nostro viaggio, l’ultima analisi  dal titolo ITALIA:…oltre l’ultima grande occasione! 

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner in fondo alla pagina o in cima al blog. Semplicemente Grazie!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.0/10 (9 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +5 (from 5 votes)
BERNANKE: LA REPRESSIONE FINANZIARIA CONTINUA!, 8.0 out of 10 based on 9 ratings
32 commenti Commenta
marco72_
Scritto il 14 settembre 2012 at 10:35

Beh, mi aspettavo qualcosa del genere, per poter prendere tempo ed occultare la recessione almeno fino alle prossime presidenziali … con un Romney che l’altro ha gia’ dichiarato che non confermerebbe Bernake alla guida della FED. Pero’ mi sembra che Bernanke sia andato oltre ogni previsione …

jusemancio
Scritto il 14 settembre 2012 at 10:44

Andrea, la vetta più alta possibile sono i nostri titoli di stato? cosa c’è di più alto?
giuseppe

giobbe8871
Scritto il 14 settembre 2012 at 11:20

POST DA STAMPARE, DIFFONDERE ED INCORNICIARE :wink:

REDISTRIBUZIONE e liquidità alla CLASSE MEDIA questa è la soluzione, ma loro non lo ammetteranno MAI

DOBBIAMO DIRLO NOI, I BANCHIERI NON LO DIRANNO MAI :wink: :mrgreen:

REDISTRIBUZIONE e liquidità alla CLASSE MEDIA questa è la soluzione, ma loro non lo ammetteranno MAI

apprendista
Scritto il 14 settembre 2012 at 12:43

Andrea cosa intendi per vetta piu’ alta possibile? lasciare i soldi

apprendista
Scritto il 14 settembre 2012 at 12:45

Scusate errore rifo : Andrea cosa intendi per vetta piu’ alta possibile e’ sufficente lasciare i soldi sul cc o conto deposito in quanto mi sembra tu abbia detto che i depositanti in qualche modo verranno tutelati ma dobbiamo liberarci anche dei titoli di stato nostri ? e delle bei che tu avevi detto LA BEI E’ BEA vendiamo anche quelle ?
ciao

ilcuculo
Scritto il 14 settembre 2012 at 14:03

Andrea,

alla radice del problema c’è il fatto che “la classe media” è malvista sia da sopra che da sotto .

La classe dominante-dirigente non ama avere una solida classe media di persone non immediatamente ricattabili perchè sulla soglia della sopravvivenza. Di persone che possono avere una libertà di opinione e di azione, di gente che avendo dei risparmi può perfino decidere di scendere in piazza e scioperare o comunque di prendere delle posizioni disallineate. Il cittadino ideale della classe dirigente e dominante è un suddito.

La classe di base (giusto per intendersi che nel XXI secolo classe operaia non si sa cosa significhi) che una volta vedeva l’approdo alla classe media come un obiettivo da perseguire magari per i figli oggi trovando l’ascensore sociale bloccato esprime invidia e risentimento.

Aggiungi che la classe media non è assolutamente coesa politicamente

chi sostiene la classe media, chi la rappresenta politicamente ?

icebergfinanza
Scritto il 14 settembre 2012 at 14:32

ilcuculo@finanza,

Giusta osservazione e allora lasciamo fare alla storia…

icebergfinanza
Scritto il 14 settembre 2012 at 14:34

A proposito in pausa pranzo mi hanno telefonato che è in corso in diretta una sceneggiata in rete di un povero ragazzo, circondato da centinaia e migliaia di bloggers che provengono dalla massoneria finanziaria italiana…sic! Ma certa gente un minimo di dignità ce l’ha o se la fa?

ilcuculo
Scritto il 14 settembre 2012 at 14:44

icebergfinanza,

Di cosa parli ?

giobbe8871
Scritto il 14 settembre 2012 at 14:45

Andrea Mazzalai ha azzeccato alla grande le mosse dei mercati.

Complimenti :wink:

complimenti :mrgreen:

complimenti :D

COME PREVISTO NELLA TUA ULTIMA ANALISI DETTAGLIATA E RISERVATA AI SOSTENITORI

giobbe8871
Scritto il 14 settembre 2012 at 14:47

RILEGGO LA TUA ULTIMA ANALISI :D

giobbe8871
Scritto il 14 settembre 2012 at 14:51

invidia ed accidia sono diffusissime tra gli italiani. Purtroppo.

La Chiesa Cattolica e i Signori feudatari i veri responsabili. :mrgreen: :twisted:
giobbe8871@finanza,

Giobbe la chiesa con la c minuscola quella che spesso e volentieri sbaglia e’ fatta di uomini basta vedere cosa accade in giro tra Islam e varianti. Cerchiamo di non generalizzare! Andrea

aglio
Scritto il 14 settembre 2012 at 22:44

“Occorre incidere sullo stock del debito con un programma di privatizzazioni…..
l’eventuale ricorso a un’imposta patrimoniale avrebbe invece un netto impatto recessivo”
(Art. Di dino pesole sul sole odierno)

Che “tam tam”monotono! Come senon fosse recessiva la cura di monti!
E se invece tasssasero al 40% i capital gain e calassero l’irpef sul reddito da lavoro??non e’ + utile il lavoro “concreto” piuttosto della finanza fine solo a se stessa?

giobbe8871
Scritto il 14 settembre 2012 at 23:56

icebergfinanza,

Andrea, il papato e i cardinali non sono uomini vicino al popolo.
Rispetto sacerdoti, missionari laici e religiosi, ma non le loro Autorità. :twisted:
… ICI , ed IMU, e diritto di famiglia, aborto, divorzio, 8 x 1000 ecc….

Alcide De Gasperi , cattolico si, ruffiano del Papa mai.
Casini è democristiano ? :mrgreen:

dorf001
Scritto il 15 settembre 2012 at 00:23

la questione è anche politica. ma scusate, voi sapete chi è matteo renzi? dicono che sia un bamboccio. in questo video. ahh ahh… http://www.youtube.com/watch?v=0V2WV5skOWY

DORF

dorf001
Scritto il 15 settembre 2012 at 00:32

giobbe8871@finanza:
POST DA STAMPARE, DIFFONDERE ED INCORNICIARE

REDISTRIBUZIONE e liquidità alla CLASSE MEDIA questa è la soluzione, ma loro non lo ammetteranno MAI

DOBBIAMO DIRLO NOI, I BANCHIERI NON LO DIRANNO MAI

REDISTRIBUZIONE e liquidità alla CLASSE MEDIA questa è la soluzione, ma loro non lo ammetteranno MAI

giobbe, alla fine tu vuoi parlare del redito di cittadinanza. e allora ti dico che il primo in assoluto in italia, già nel 2002 che lo invocava era il grande GIACINTO AURITI. guardate tutti questo video. http://www.youtube.com/watch?v=nV3ZdHydOlM

e sul tema ci sono centinaia di video suoi . vedeteli!

by DORF

dorf001
Scritto il 15 settembre 2012 at 01:16

icebergfinanza,

caro capitano. tu che credi sempre nei giovani. ho trovato in rete una bella cosa. senti che dice questa ragazza mezza invalida. incredibile. http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=MuRvsErkHFI

spero ti piaccia.

by DORF

ilcuculo
Scritto il 15 settembre 2012 at 15:52

dorf001@finanza,
DORF

solo i paesi la cui ricchezza risiede nello sfruttamento delle risorse naturali possono permetterisi e devono organizzarsi con un reddito di cittadinanza poichè lo sfruttamento del suolo come risorsa collettiva, quando diventa sorgente di ricchezza per pochi deve essere compensato.

Paesi come il nostro che vivono sostanzialmente del lavoro non saprei dove potrebbero attingere alle risorse necessarie per un reddito di cittadinanza senza generare altrettanto debito ovvero senza metterlo sulle spalle di chi lavora.

giobbe8871
Scritto il 15 settembre 2012 at 16:18

dorf001@finanza,

Caro Dorf , io Giacinto Auriti , l’ho scoperto nel 2006 – 2007 !

Grazie comunque

giobbe8871
Scritto il 15 settembre 2012 at 16:19

Noi come la Crande Germania siamo un Paese di Trasformazione. Trasformiamo materie prime in ottimi prodotti. :wink:

giobbe8871
Scritto il 15 settembre 2012 at 16:20

Sono contrario ad un Reddito di Cittadinanza. I Crucchi ci fotterebbero ancora di più.

Niente bonus o sussidi o agevolazioni generalizzate. :evil:

giobbe8871
Scritto il 15 settembre 2012 at 16:21

ABOLIZIONE DELL’IRAP PER LE AZIENDE. SUBITO :D

giobbe8871
Scritto il 15 settembre 2012 at 16:22

E PER I LAVORATORI RIDUZIONE DEL 50% DEI CONTRIBUTI INPS.

giobbe8871
Scritto il 15 settembre 2012 at 16:22

età pensionabile : 62 ! :wink:

giobbe8871
Scritto il 15 settembre 2012 at 16:23

no bonus a pioggia….che vanno e finiscono ora in Germania ora in Asia…. Bastaaa ! :mrgreen: :twisted:

giobbe8871
Scritto il 15 settembre 2012 at 16:24

Credito d’imposta per ogni posto di lavoro creato ! :wink: :D

giobbe8871
Scritto il 15 settembre 2012 at 16:25

Costo dell’energia deve essere ridotto del 30% ; altrimenti non riusciremo a resistere ai maledetti Crucchi

aglio
Scritto il 15 settembre 2012 at 21:14

dorf001@finanza,

Caro Dorf,
grazie per il link! Non conoscevo la storia di questa ragazza e con quel video mi hai fatto un regalo immenso! Non vedo l’ora di condividerlo con alcune persone care che hanno tanto dolore e sempre meno speranza.

Grazie di cuore!

sd
Scritto il 16 settembre 2012 at 21:51

ilcuculo@finanza,

Il Cuculo non preoccuparti il Reddito di Cittadinanza o meglio il Reddito di ESISTENZA non verra istituito tanto facilmente………….non vorrai mica che rivoltino il modello economico attuale !!!

Comunque le tue argomentazioni sono troppo deboli per poter essere sostenute. Di chi sono le monete che possiedi ? In base a cosa vengono emesse ? Hanno, per caso, qualche collaterale reale o qualche bene reale a garanzia, oppure sono solo fiduciarie ? Quale costo hanno per essere create ? Chi è che le crea? Vengono create a DEBITO? eccetera eccetera.

Un saluto

SD

icebergfinanza
Scritto il 16 settembre 2012 at 22:17

sd@finanza,

Direi che la risposta del nostro SD non fa una grinza!

sd
Scritto il 16 settembre 2012 at 23:46

icebergfinanza,

He He Capitano Andrea, se ci fosse il Reddito di Esistenza (più l’attuale autoproduzione di beni di prima neccessità), questo inverno, probabilmente in molti soffrirebbero un gran freddo………..in casa e io me ne starei comodamente in qualche spiaggia tropicale al caldo.

SD

PS: Qualcuno forse no !!!

icebergfinanza
Scritto il 17 settembre 2012 at 07:13

giobbe8871@finanza,

Siamo sulla stessa lunghezza d’onda ed è per questo che si cerca di non generalizzare!

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Uno dei problemi chiave del momento in cui viviamo è sicuramente il debito. Poi mettetela come
Il mercato prima corregge e poi rimbalza. la configurazione del COT Report cambia di pochissimo.
Ftse Mib: l'indice italiano si riporta nei pressi della media mobile 200 periodi in attesa degli imp
E' corsa ai regali di Natale 2019. Soprattutto per i bambini che si confermano anche quest'anno
Vediamo come si sta preparando l'indice guida a chiudere questa scoppiettante annata contraddistinta
Alle piazze in fibrillazione in tutto il mondo, si unisce anche quella di Parigi che  protesta cont
Guest post: Trading Room #344. Parte la correzione ma in chiusura di settimana il mercato recupera
Oggi partiamo da qui tanto per cambiare, ormai non c'è più nulla che corrisponde alla realtà
Analisi Tecnica La violazione del supporto ha fatto si du chiudere il gap e a testare l'area di sup