GERMANIA…MONTI SOLUZIONE O PARTE DEL PROBLEMA?

Scritto il alle 15:50 da icebergfinanza

 

Come ho più volte sottolineato la storia insegna che è assolutamente demenziale cercare di combattere una deflazione da debiti con annesso sensibile deleveraging, rientro dal debito generalizzato del settore privato, dicevo combattere una depressione economica con l’austerità, con le ricette di mamma Angelina e dei suoi luminari accademici, figli di una Bundesbank ostaggio del retaggio della Repubblica di Weimar nella migliore delle ipotesi.

Nella sostanza le motivazioni tedesche andrebbero anche accettate solo che non si può imporre rigore in una situazione disperata come quella attuale e allo stesso tempo non si può ricercare spasmodicamente solo crescita quando la crisi è stata originata da un eccesso di crescita supportato principalmente da un eccesso di debito.

E’ importante evidenziare che senza quesa crisi i parassiti politici e le cicale italiane avrebbero continuato a distruggere il nostro Paese. Ma predicare bene e razzolare male come spesso fanno i tedeschi non significa che dobbiamo necessariamente prendere lezioni da loro.

Inoltre fanno tenerezza tutti coloro che dopo anni di orge collettive a cui hanno partecipato oggi si travestono da moralizzatori delle italiche miserie, chi con il suo liberismo all’amatriciana, chi con i suoi sporchi calcoli politici e chi con le sue masturbazioni mentali sull’importanza del mercato e della crescita.

In settimana una nuova analisi dedicata ai sostenitori di Icebergfinanza o a coloro che vorranno liberamente contribuire al nostro viaggio dal titolo… ” Italia…l’ultima grande occasione! ”

Serve essenzialmente redistribuzione, redistribuzione e ancora redistribuzione, rigore e crescita sono solo un aperitivo.

Heinrich Brüning durante la Repubblica di Weimar adottò politiche di rigore che provocarono un grave aumento della disoccupazione, contribuendo ad aggravare il disagio sociale e la condizione dei ceti medi, contribuendo ad avvicinare il supporto della classe media e dei poveri all’estremismo nazista.

Monti: per la crescita avanti col il rigore Draghi sulla crisi: “Avanti con rigore e austerità” La Merkel non allenta il rigore e chiede ancora austerità!

Tra qualche anno o forse prima tra qualche mese sapremo se per una volta nella storia l’austerità avrà successo anche se oggi serve solo come arma per stimolare lo spirito egemone tedesco, tedeschi spesso e volentieri lesti in passato ad infrangere il patto di Stabilità, con un sistema finanziario estremamente lassivo e decisamente spregiudicato.

Su LINKIESTA Luca Ricolfi si chiede se Monti è la soluzione o è parte del problema.

Per i mercati finanziari quel che conta non è la virtù degli Stati, ma la  probabilità che i debiti vengano ripagati interamente allo loro scadenza, scrive per Linkiesta Luca Ricolfi. Ma se la decrescita del Pil  spaventa i mercati finanziari aver fatto una manovra che provoca precisamente  tale decrescita, potrebbe essere stato un errore fatale. È possibile che quel  che è successo negli ultimi due mesi sui mercati finanziari sia successo non  solo nonostante Monti ma anche a causa di  Monti.

Scritta da Marx ed Engels fra il 1845 e il 1846, ma pubblicato solo postuma  nel 1932, l’Ideologia tedesca è una critica minuziosa del modo di  ragionare dell’intelligentsia germanica di allora, tacciata di ingenuo  idealismo.

Quella ricostruzione era un po’ semplicistica (e  ultrapolemica), non v’è dubbio. E tuttavia è interessante che oggi, quasi due  secoli dopo, l’Europa si trovi di nuovo a fare i conti con una variante  dell’ideologia tedesca, questa volta sotto forma di un complesso di idee sulla  crisi economica e i modi per uscirne. Idee che vengono attribuite alla  cancelliera tedesca Angela Merkel, ma che in realtà sono condivise (o subite?)  dalle autorità europee e, in Italia, sono sostanzialmente accettate dal governo  tecnico guidato da Mario Monti.

Qual è il nucleo dell’ideologia tedesca oggi? Il nucleo  dell’ideologia tedesca è la credenza che esista qualcosa come la “virtù fiscale” di un paese, e che – se funzionano a dovere – i mercati finanziari debbano  premiare tale virtù. Al centro della virtù si trova un solo criterio  fondamentale: il deficit pubblico previsto per un dato paese nell’anno in corso  e in quelli immediatamente successivi. Se un paese si avvicina rapidamente al  pareggio di bilancio è virtuoso, se ne resta lontano o vi si avvicina troppo  lentamente è vizioso.

Di tale credenza esistono innumerevoli testimonianze,  dirette e indirette. I leader europei passano una notevole quantità del loro  tempo a lodare gli “sforzi” dei paesi che cercano di rimettere a posto i loro  bilanci pubblici, talora arrivando a definire “impressionanti” i passi avanti  fatti dai governi nel tentativo di risanare le finanze pubbliche. E un tempo  altrettanto notevole lo dedicano a proclamarsi stupiti, contrariati,  amareggiati, se non offesi, ogni qual volta le agenzie di rating o i mercati  finanziari sembrano non apprezzare tanto sfoggio di virtù.

Nota. Chi volesse rendersi conto dal vivo di come funziona  l’ideologia tedesca può, ad esempio, leggere l’intervista rilasciata dieci  giorni fa al Corriere della Sera da Peter Bofinger, uno dei “cinque saggi” economisti della cancelliera Angela Merkel (“Roma ha ragione, serve uno scudo europeo contro la  speculazione”, 13-7-2012).

Leggi il resto: LINKIESTA

In settimana una nuova analisi dedicata ai sostenitori di Icebergfinanza o a coloro che vorranno liberamente contribuire al nostro viaggio dal titolo… ” Italia…l’ultima grande occasione! ”

Sostieni l’informazione indipendente il Tuo sostegno è fondamentale per la prosecuzione di questa esperienza. Semplicemente GRAZIE!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (5 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
GERMANIA...MONTI SOLUZIONE O PARTE DEL PROBLEMA?, 10.0 out of 10 based on 5 ratings
15 commenti Commenta
giobbe8871
Scritto il 24 luglio 2012 at 18:48

Andrea Mazzalai, Ben detto ! :wink:

Serve essenzialmente redistribuzione, redistribuzione e ancora redistribuzione, rigore e crescita sono solo un aperitivo.
Heinrich Brüning durante la Repubblica di Weimar adottò politiche di rigore che provocarono un grave aumento della disoccupazione, contribuendo ad aggravare il disagio sociale e la condizione dei ceti medi, contribuendo ad avvicinare il supporto della classe media e dei poveri all’estremismo nazista.

giobbe8871
Scritto il 24 luglio 2012 at 18:50

Secondo voi Bofinger dorme tranquillo a Berlino ?

Secondo me ha una seconda casa in Sud America. o Negli USA :mrgreen: che presto raggiungerà :mrgreen:

giobbe8871
Scritto il 24 luglio 2012 at 18:53

… forse prima tra qualche mese sapremo se per una volta nella storia l’austerità avrà successo anche se oggi serve solo come arma per stimolare lo spirito egemone tedesco..

RICORDIAMOCI SEMPRE QUELLO CHE HANNO FATTO I CRUCCHI. SEMPRE !

NOI ITALIANI POLLI COME CI CHIAMANO I CRUCCHI, NON ABBIAMO MAI TRASFORMATO BAMBINI IN SAPONETTE. Maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii , Loro Crucchi siiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

giobbe8871
Scritto il 24 luglio 2012 at 18:55

io non seguo più molto quello che fanno e dicono i Crucchi. Lo so già. :mrgreen:

Osservo quel che fanno e non dicono i sudditi della zia Albione. :wink: :|

giobbe8871
Scritto il 24 luglio 2012 at 19:10

l’uk. 40 billions alla CINA x 5 centrali nucleari :wink: :mrgreen:

giobbe8871
Scritto il 24 luglio 2012 at 19:49

giobbe8871
Scritto il 24 luglio 2012 at 19:51

Questa italiana è bella come la nostra £ira Caravaggio. Non trovate ?

giobbe8871
Scritto il 24 luglio 2012 at 19:52

l’Euro ai Crucchi avvoltoi…. :mrgreen:

giobbe8871
Scritto il 24 luglio 2012 at 19:57

Mario Monti e Vittorio Grilli sono parte del problema.
collaborazionisti dei Crucchi. Incompetenti o Perfidi ?

dorf001
Scritto il 24 luglio 2012 at 20:07

per stanziale, che si chiede chi è mario monti, e cosa fa. suvvia non fare l’ingenuo. monti è un ciminale, punto e basta. lo sai no, che è già stato denuncito 3 volte? come mai qui pennivendoli del cazo italiani non ne parlano? e la magistratura che fa? lo fa il suo lavoro di indagine si o no? tutti tacciono come mai? intanto leggete le righe successive. di paolo becchi.

CI HANNO TRADITI. MA ADESSO E’ FINITA…

DI PAOLO BECCHI
byoblu.com

È necessario liberarsi da un equivoco politico divenuto ormai senso comune, e dal quale dipendono un’infinità di conseguenze: quello di considerare la formazione dell’ Unione Europea come un processo di unificazione politica di tutti i popoli europei e di creazione di una “comunità di diritto” che garantisca pace, diritti e libertà a tutti i “cittadini” dell’Unione. Al contrario, l’Europa è stata fin dall’inizio pensata e costruita come spazio egemonico franco-tedesco. Nel 1948 Adenauer aveva dichiarato: «Il futuro di tutta l’Europa dipende da uno stabile rapporto tra la Francia e la Germania».

L’anno successivo replicava De Gaulle: «Io dico che occorre istituire l’Europa sulla base di un accordo tra francesi e tedeschi». Il trattato dell’Eliseo, firmato il 22 gennaio 1963 tra il Generale e Adenauer, segna la definitiva “riconciliazione” franco-tedesca.

Tra i compiti del “progetto” europeo vi era dunque, anzitutto, quello della riunificazione politica della Germania. E se prima di quella realizzazione la Germania era una grande potenza economica, ma politicamente debole, le cose sono cambiate dopo il 1989. La prima decisione politica della nuova Germania fu, non a caso, l’introduzione della moneta unica, la quale fu, con l’accordo tra Kohl e Mitterand, imposta a tutti gli altri Paesi, ottenendo così il massimo beneficio da quella moneta in termini economici. L’asse Kohl – Mitterand ha dettato i tempi dell’integrazione europea, dell’adozione del Trattato di Maastricht, dell’accelerazione improvvisa per la costruzione dell’Europa unita. Le altre nazioni hanno dovuto “allinearsi”: Prodi ripeteva continuamente “ce lo chiedono in Europa”.

Ma cosa significava per l’Italia di allora entrare nella zona Euro? In una recente intervista, Vincenzo Visco, Ministro delle Finanze ai tempi del governo Prodi (1996-1998) ha rivelato: «Berlino ha consapevolmente gestito la globalizzazione: le serviva un euro deprezzato, così oggi è in surplus nei confronti di tutti i paesi, tranne la Russia da cui compra l’energia. Era un disegno razionale, serviva l’Italia dentro la moneta unica proprio perché era debole. In cambio di questo vantaggio sull’export la Germania avrebbe dovuto pensare al bene della zona euro nel suo complesso». Ma la Germania ha finito per chiederci molto di più: ha imposto la distruzione del nostro sistema industriale. Come ha precisato Nino Galloni, ex funzionario al bilancio (cfr “Il funzionario oscuro che faceva paura a Kohl”, su byoblu.com), l’accordo tra Kohl e Mitterrand «prevedeva anche la deindustrializzazione dell’Italia. Perché se l’Italia si manteneva così forte dal punto di vista produttivo – industriale, quell’accordo tra Kohl e Mitterrand sarebbe rimasto un accordo così, per modo di dire». Se dunque l’Unione Europea, prima, e la moneta unica, poi, erano state pensate e funzionali a rendere la Germania una potenza non solo economica ma anche politica, è evidente che, oggi, questi “strumenti” non servono più, perché nel frattempo gli scopi sono stati raggiunti. La moneta unica, oggi, non serve più a nessuno, e non serve, anzitutto, alla Germania, che con essa ha pagato i costi dell’unificazione. Compiuta la sua funzione politica, la moneta unica resta soltanto uno strumento economico in mano agli speculatori, pronti ad assestarci il colpo di grazia.

Da quando Draghi, pochi giorni fa, ha dichiarato che l’euro «è irreversibile» e che non vi è alcun rischio di «esplosione» dell’unione monetaria, è iniziato l’assalto all’euro: mentre scrivo, lo spread è a quota 538 punti e la Consob è stata costretta a reintrodurre il divieto di vendite di titoli allo scoperto per una settimana, mentre Piazza Affari fa registrare un -3,51%. Ed allora occorrerà rinviare il colpo finale, drogando di nuovo i mercati, abbassando ancora i tassi di interesse. Ma, in queste condizioni politiche, l’epilogo è solo rinviato: ci si accanisce per tenere in vita il morto, quando ormai si sono già perdute tutte le speranze.

Paolo Becchi
Fonte: http://www.byoblu.com

by DORF

stanziale
Scritto il 24 luglio 2012 at 21:33

Dorf, per quanto riguarda Monti, mi hai confuso con qualcun altro, non mi sembra di essere tenero con il suddetto! Ci ha ormai reso schiavi dei tedeschi , anche se non ha fatto tutto da solo ad onor del vero. Il parlamento gli ha pure votato il fiscal compact.
Ah, il socialismo reale di Monti. Sono stato qualche gg al mare in una nota localita’ di punta toscana, al porto non c’era quasi nessun yacht. Una scena incredibile . Mi hanno spiegato che sono rimasti tutti nei cantieri, perche’ quando ne mettono uno a mare arriva la finanza per i controlli. I marinai sono tutti a casa.

stanziale
Scritto il 24 luglio 2012 at 21:46

Giobbe, le nostre belle lire hanno gia’ un valore numismatico! Sembra che le comuni 100 lire, quelle piu’ grosse non le ultime, valgono 1 euro. Venti volte tanto! Che fessi siamo stati a riportare le lire in banca! Qualche anno fa, vedendoci poco senza occhiali da presbite, ho preso un bidone, mi hanno rifilato 500 lire di moneta al posto di 2 euro. Sempre in buona fede la avevo data al barista, il quale me l’ ha ridata indietro . Ce l’ho sempre, ora…vale da 19 a 31 euro!

vito_t
Scritto il 24 luglio 2012 at 21:47

Per DORF001

Mi spieghi per che cosa è stato denunciato Monti e quando ?

tirlusa
Scritto il 24 luglio 2012 at 22:11

Penso che quando si parla del nostro premier si faccia della confusione. Io non so se è un emissario dei tedeschi o se è un buon padre di famiglia che sta cercando di fare quello che può in un contesto germanocentrico e cioè molto rigido e austero. Quale che sia la sua reale identità io sono del tutto disinteressato alla cosa per il semplice motivo che il nostro problema è un altro. Il vero problema è l’assoluta mancanza di una classe politica sveglia, che capisca il contesto, che sappia muoversi e fare le mosse giuste. E’ colpa di Monti se il PD è l’insussistenza fattasi partito politico con velleità governative? E’ colpa di Monti se il PDL è anche in buona parte un troiaio del suo fondatore, solo per quello impresentabile per gestire l’emergenza che viviamo? Com’è possibile che questo Paese meraviglioso, pur con mille difetti, non riesca ad esprimere una classe politica degna di quel nome? Siamo alle comiche, c’è rimasto Grillo. E’ chiaro che bisogna uscire dall’euro, ma chi la gestisce questa fase? Il Pd o quel puttanaio del Pdl? Con quali uomini? Quel genio europeista di Fassina o quel pentito di Brunetta? Italiani sveglia!!! Date gli uomini migliori di questo Paese alla politica….è un’urgenza improcastinabile. Meglio se vengono dal ceto medio però e non dall’elite accademico-finanziaria.

italywip
Scritto il 25 luglio 2012 at 08:46

Ogni estate arriva un attacco forntale da parte dei mercati.
La germania non mi sta simpatica, ma è inutile prendersela con Mercati e speculatori, gli avvoltoi vanno dove ci sono le carcassse.

Da 30 anni abbiamo fatto una vita sopra le nostre aspettative e non decidendo nulla a livello politico, corruzione, evasione, sprechi, debiti regionali eccc …adesso lasciamo perdere lo spread e facciamo cambiamenti seri abbattendo il debito o sarà l’inferno…

http://italyworkinprogress.blogspot.it/2012/07/estate-2012-crisi-spread-e-mojito-in.html

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: apre debole l'indice italiano in attesa della Fed. Gli operatori attendono il meeting Fed
Secondo Treccani, estrapolare significa estrarre qualcosa da un contesto, estendere la validit
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I mercati ci hanno regalato un 2019 (fino ad ora) molto positivo. La tendenza è restata unidire
Aggiornamento settimanale. L’esito mi sembra interessante, qui sotto a confronto inflow e out
Ftse Mib: continua la fase correttiva per l'indice italiano che si porta al test della trend line ri
Anche se molto in sordina, dalla Germania stanno arrivando notizie tutt'altro che favorevoli nei
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Uno dei problemi chiave del momento in cui viviamo è sicuramente il debito. Poi mettetela come
Il mercato prima corregge e poi rimbalza. la configurazione del COT Report cambia di pochissimo.