SCANDALO LIBORGATE … NORIMBERGA DOCET!

Scritto il alle 10:45 da icebergfinanza

Nell’attesa infinita della nostra Norimberga della finanza e della poltica per evitare di vedere banchieri e psicopatici vari appesi ai lampioni come suggeriva il sindaco di Londra vi lascio con alcuni spunti per comprendere come in realtà questo non era altro che il segreto di pulcinella condiviso da Icebergfinanza e dalla blogosfera ancora nel lontano 2007 ovvero cinque anni fa in occasione di più post!

Se qualcuno lo ricorda ancora il nostro Ted Spread dipendeva in tutto e per tutto dal Libor Ois…

Il giorno in cui Ben Bernanke, il presidente della Fed, testimoniava davanti alla commissione bancaria del Senato americano che «la manipolazione del Libor è il maggior problema per la finanza» dimenticando per un momento i pingui bonus ai banchieri, un’altra sottocommissione del Senato degli Stati Uniti, presieduta dal senatore democratico Carl Levin, metteva sul banco degli imputati la banca HSBC Holdings Plc che avrebbe fatto affari con aziende legate al terrorismo, dato garanzie per operazioni di riciclaggio di denaro sporco in Messico, e infine aggirato le dure sanzioni USA contro l’Iran con articoli di Vittorio Da Rold e Daniela Roveda – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/ZaIzG

Lo volete capire o no che questi sono pericolosi criminali spietati che stanno distruggendo il tessuto economico e il futuro dei nostri figli e nipoti, psicopatici cocainomani che vanno processati e rinchiusi con processi sommari. Non ci sono leggi per processarli perchè non sono previsti reati finanziari o non è possibile dimostrare nulla…State scherzando tutto è dimostrabile in questa immensa orgia di frodi e manipolazioni!

Sostieni l’informazione indipendente il Tuo sostegno è fondamentale per la prosecuzione di questa esperienza. Semplicemente GRAZIE!

Ecco come anche attraverso un’accattivante schema grafico Qualcuno volò sul nido del libor…

Nuovo colpo di scena nello scandalo Libor: lo sapeva la FED e lo sapeva Timothy Geithner attuale Segretario al Tesoro di Obama, questo stando alle ultime novità sul tema che sta facendo tremare molte banche usa.

CI SONO LE PROVE – Le autorità statunitensi sembrano intenzionate ad aprire un procedimento penale per la truffa sul LIBOR, emersa pubblicamente dopo che Barclays ha concluso una transazione con le autorità ammettendo di avervi preso parte e che alla truffa hanno partecipato altre delle banche alle quali era assegnato il compito di fissare il tasso LIBOR, quello al quale fanno poi riferimento quasi tutte le operazioni e transazioni finanziarie nel mondo. L’investigazione punterà su Barclays, ma non potrà fare a meno d’interessare le altre banche coinvolte, che in maggioranza sono le maggiori banche statunitensi. Anche alcune autorità locali statunitensi si sono lanciate in investigazioni criminali a tutto tondo, anche se i media statunitensi indicano per ora solo istituti europei tra quelli presi di mira.

 

LEGGI ANCHE: La grande truffa del Libor

 

FED COMPLICE DELLE BANCHE – Nei giorni scorsi sono stati resi noti documenti nei quali appare chiaro che il personale delle banche interessate era già stato “scoperto” dal FED mentre era impegnato nella truffa, ma anche come a questa scoperta non abbia fatto seguito alcun intervento repressivo e neppure correttivo. Di più, quando le autorità americane hanno inviato una serie di raccomandazioni su come “migliorare” le relative procedure, non hanno fatto altro che girare alle autorità britanniche gli interessati suggerimenti ricevuti dalle stesse banche coinvolte nella truffa, che ovviamente si sono guardate bene del proporre maggiori penalità o controlli e altrettanto ovviamente non hanno denunciato la truffa in corso.

AL SERVIZIO DELLE BENCHE – Quando il primo giugno del 2008  Geithner spedisce via mail un rapporto intitolato “Recommendations for Enhancing the Credibility of LIBOR” a Mervyn King, governatore della Bank of England, non fa che inoltrare quelle che sono le richieste di quelle stesse banche e sostenere la richiesta da parte loro di maggiori poteri e minori controlli. Un comportamento gravissimo, che potrebbe mettere in imbarazzo anche l’amministrazione Obama, che però sull’argomento non riceve attacchi dai repubblicani, che hanno un evidente interesse a non agitare le acque dello scandalo.

LA FED SAPEVA DELLA TRUFFA – Eppure pochi giorni prima, nel maggio di quello tesso anno un rapporto della FED metteva in causa la credibilità stessa del LIBOR, come già emersa in altri numerosi documenti e interviste ad operatori del settore e delle stesse banche coinvolte nella truffa. Una realtà inquietante quella che si presenta di fronte agli occhi dei cittadini americani e della comunità d’affari internazionale, che vede la FED consapevole e complice di quella che potrebbe risultare la più grande truffa finanziaria della storia.

UNA TRUFFA GIGANTESCA – Tanto grande da non essere per ora quantificabile, ci ha provato uno studio specializzato della city ed è arrivato a quantificare in quasi 40 miliardi di sterline i danni che le banche potrebbero essere chiamate a rifondere solo in Gran Bretagna, costi che potrebbero salire e di molto in paesi come gli Stati Uniti, dove i giudici possono erogare sanzioni punitive o nel caso che insieme alle richieste di rimborso di quanto truffato si aggiungano richieste per danni ulteriori, già annunciate per esempio dalle amministrazioni locali intenzionate intenzionate a rivalersi anche per i danni subiti dalla cittadinanza a causa dei minori servizi erogati o dalle amministrazioni a causa del peggioramento dei rating a seguito dei danni procurati dalla truffa.

LA CACCIA AI RISARCIMENTI – L’ammontare complessivo della truffa è enorme e tale da essere quasi incalcolabile, ma è chiaro che molti riusciranno a calcolare i danni subiti e ne chiederanno il risarcimento, negli Stati Uniti sono già decine i soggetti che hanno citato le banche coinvolte e chiesto risarcimenti milionari, nonostante lo scandalo sia scoppiato da poco e stia ricevendo ben poca attenzione, tanto da non essere neppure nominato delle due campagne che accompagnano Obama e Romney verso le presidenziali di novembre. Ancora meno attenzione sembra ricevere nel nostro paese, dove alcuni studi legali si sono già attivati senza fanfare e dove i media brillano per disinteresse.

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (11 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +7 (from 7 votes)
SCANDALO LIBORGATE ... NORIMBERGA DOCET!, 10.0 out of 10 based on 11 ratings
2 commenti Commenta
ilcuculo
Scritto il 18 luglio 2012 at 16:46

Ma CHI li arresta prcessa e condanna ?

Quale entità nazionale o sovranazionale avrà il potere di farlo ?

icebergfinanza
Scritto il 18 luglio 2012 at 17:28

ilcuculo@finanza,

Se nessuno lo fa e la crisi precipita prima o poi qualcuno farà giustizia sommaria…

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Il CESI è stesso oggetto delle mie analisi. E’ l’acronimo di Citigroup Economic Surprise In
Ftse Mib. L'indice cerca di impostare un rimbalzo e ora si trova a pochi passi dal livello importan
Su tutti i sottostanti si assiste alla parziale chiusura della componente future ed a movimentazioni
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: dopo il lunedì nero gli indici europei tentano di rialzare la testa, ma la cautela è d'o
  Nulla di interessante ieri, lo sappiamo da tempo che si sale con le scale e si scende
Dopo i forti ribassi di ieri andiamo a vedere come si sono mossi gli operatori nello specialistico m
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La scadenza tecnica di questi giorni ha sicuramente contribuito ad importanti aggiustamenti. E i