TERREMOTO FRACKING E MOZZARELLA DI BUFALE VARIE!

Scritto il alle 21:40 da icebergfinanza

 

 

Non sono passate neanche una decina di ore dalla pubblicazione del mio post sul famigerato rombo di Rivara ed ecco che le principali testate giornalistiche on line italiane si sbizzarriscono ad evidenziare e dare risalto a leggende metropolitane e favole di complotti vari,  nascondendo la Realtà che sta dietro un sistema fatto di conflitti di interesse che travalicano la volontà popolare.

L’abbiamo già scritto e ripetuto,  il fracking non c’entra nulla con il terremoto ma quello che  e’ evidente e’ che, nonostante tutto quello che e’ accaduto come abbiamo visto, qualcuno vuole continuare a portare avanti il progetto e i giornalisti fanno a gara per distogliere l’attenzione dalla Realtà!

Maremoti, tsunami, terremoti, alluvioni. Basta una calamità naturale ed eccoli che arrivano. Si tratta dei complottisti. La terra non ha ancora smesso di tremare in Emilia che c’è già chi dà la colpa al Sistema, reo di ignorare i segni chiari del terremoto imminente, di “nascondere” le mappe di sismicità o, peggio, che consente pratiche poco ortodosse. Il GIORNALE  

FRACKING, HAARP, I MAYA E L’ALLINEAMENTO DEIPIANETI Il sisma? Tutta colpa del «complotto C’è chi non crede alle cause naturali del terremoto dell’Emilia e sul web rilancia ipotesi alternative e fantasiose IL CORRIERE DELLA SERA              

Erg: il deposito del gas di Rivara non c’entra niente con il terremoto. Clini: necessarie indagini aggiuntive

 

Il progetto della centrale di Rivara, spiegano al ministero dell’Ambiente, nasce su vecchio giacimento di gas esaurito che è stato messo all’asta dall’Eni per farne un centro di stoccaggio (un centro dove si mette in conserva il metano che arriva dalla Russia o dall’Algeria e lo si rimmette nella rete in caso di necessità). In Italia ci sono diversi impianti di questo tipo. Al momento quello di Rivalta è solo un giacimento vuoto. Molti ora dicono: se fosse stato in uso col terremoto sarebbe esploso o uscito fuori il gas.L’«È possibile ma non è sicuro», spiegano al ministero dell’Ambiente. Gli altri giacimenti che ci sono in val Padana non sono esplosi. E i centri di stoccaggio che ci sono nel Nord Italia dove la scossa si è sentita – ce n’è uno vicino a Brugherio molto importante, uno nella Bassa bresciana – non hanno avuto alcun danno nel terremoto… Però il progetto della centrale di Rivara si trova a poca distanza dalla faglia e il ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha detto che ci vogliono indagini aggiuntive a questo punto prima di andare avanti con il progetto. «Ci troviamo in una zona che fino a poche settimane fa era ritenuta a bassa sismicità per le serie storiche. Ma ora, dopo le scosse di questi ultimi giorni, dobbiamo fare indagini aggiuntive prima di cominciare».    

Ma quali indagini aggiuntive Clini e’ lo stesso illuminato che non appena l’hanno messo a fare il ministro dell’ambiente ha dichiarato…

È un tecnico molto apprezzato, al ministero da oltre vent’anni, ma le prime dichiarazioni del neoministro dell’ambiente Corrado Clinimettono già in allerta gli ambientalisti. Sì, perché in un’intervista a Radio2 Clini ha detto di non essere del tutto contrario a quelli che per i paladini dell’ambiente sono vere e proprie bestie nere: organismi geneticamente modificati, energia nucleare e persino la caccia. 

Già noto per le sue posizioni sulla sostanziale inutilità e obsolescenza del Protocollo di Kyoto, Clini ha detto per esempio che il nucleare può essere possibile ma «a certe condizioni»: «Il ritorno al nucleare è una opzione sulla quale bisognerebbe riflettere molto – ha detto Clini – anche se quello che è avvenuto in Giappone ha scoraggiato. Comunque, di base, la tecnologia nucleare rimane ancora una delle tecnologie chiave a livello globale». (In serata ha chiarito: «Non ho certo intenzione di riaprire una questione già risolta in modo chiaro con il referendum e sono impegnato da anni nella promozione e nello sviluppo delle energie rinnovabili»). Sole24Ore

Capito come gira il mondo ragazzi! Lasciate perdere i referendum prima o poi c’e’ sempre qualche illuminato che tira fuori  le indagini aggiuntive!

Chiedo scusa se ho disturbato, Voi continuate a leggere dei Maya, dell’ Uomo Nero in fracking e di altre amenità simili,  ma ricordatevi che le mozzarelle di bufala cotte alla piastra sul gas sono deliziose, una specialità del sistema!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 6.8/10 (14 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 7 votes)
TERREMOTO FRACKING E MOZZARELLA DI BUFALE VARIE!, 6.8 out of 10 based on 14 ratings
Tags:   |
15 commenti Commenta
kry
Scritto il 30 maggio 2012 at 22:09

Non riesco a trovare la ricetta per queste mozzarelle. A parte gli scherzi comunque si sono verificati dei fenomeni strani, come fuoriuscite di fango e poi con tutte le truffe che ci sono un giorno non mi meraviglierei se dovesse emergere che sono state effettuate numerose perforazioni non autorizzate.

icebergfinanza
Scritto il 30 maggio 2012 at 22:13

kry@finanza,

Grande Kry mi togli la parola di bocca!

kry
Scritto il 30 maggio 2012 at 22:50

icebergfinanza,

Le mozzarelle alla piastra vanno fatte a fuoco lento come le rane o a tutto gas. Ieri sera ad una trasmissione in diretta dall’emilia c’era un dipendente che voleva parlare di queste cose, tra un interuzzione e un altra è arrivata la pubblicità e questo qua non è stato fatto parla. Ci sarà ben stato un motivo.

idiocrazia
Scritto il 30 maggio 2012 at 23:03

Che ci vuoi fare Andrea, le bufale corrono veloci sono dappertutto e una volta partite non le fermi più nemmeno con l’evidenza. La cosa più divertente di tutte è il “complottismo” ogni volta che viene detta una cosa che va chiaramente contro il mainstream chi la dice viene accusato di complottismo il modo più veloce di ridicolizzarlo, è provato che sia più efficace del rogo e infatti chi vuole dire cose leggermente diverse dalle bufale che circolano è quasi costretto a dire non sono complottista ma… oppure accusa i famosi “complottisti” che ancora si deve capire chi siano in realtà di essere degli idioti, così fa la figura della persona seria ed attendibile. Per la serie i complottisti credono che le Torri Gemelle siano un “complotto” e gli anticomplottisti dicono che i complottisti sono ridicoli perché l’attacco alle torri non è stato un complotto è stato semplicemente il complotto di al qaeda.

Per la serie “Siete su Kazzenger”.

Tanto vale dichiararsi complottista a prescindere si fa prima.

Giuseppe

sd
Scritto il 30 maggio 2012 at 23:49

In italia sono come minimo 2.000 anni che vengono DOCUMENTATI un infinità di terremoti ed altre calamità naturali, tutto il resto sono chiacchere e evidenti conflitti di interesse.

Poi che sia antieconomico costruire case con la struttura in acciaio (il ferro bisogna importarlo) oppure con la struttura in legno (anche il legno bisogna importarlo), che in certe zone non si dovrebbe eccedere nell’altezza del fabbricato oppure usare altri accorgimenti di natura tecnica e solo questione di volontà.

SD

PS: Lo ripeto per l’ennesima volta, il valore di un fabbricato è ZERO……..sino al momento del rogito…….oppure sino a quando non arrivano i polli.

dorf001
Scritto il 30 maggio 2012 at 23:55

tu andre dici che non si può prevedere i terremoti. balle!!! si possono si possono. allla faccia di culo dei giornali e tv italiani. vedete cosa dice giampaolo giuliani. vedehttp://www.youtube.com/v/r6e3nvu9Fds?version=3&hl=it_ITre qui.

DORF

dorf001
Scritto il 30 maggio 2012 at 23:56

vedere qui. http://www.youtube.com/v/r6e3nvu9Fds?version=3&hl=it_IT

DORF

mannoz
Scritto il 31 maggio 2012 at 08:24

http://www.povalley.com/it/Permit_Location.asp

non mi piaccioni i complotti, però le coincidenze ci sono riallacciandosi anche ai dubbi che faccio miei di Kry

kry
Scritto il 31 maggio 2012 at 09:05

sd@finanza,

Credo anch’io che sia solo questione di volontà,non mi sembra che le case cadute siano state alte 3 piani,molte erano alte solo i piano. Quando l’economia volava i container in cina tornavano carichi di metallo di recupero,in quanto al legname siamo già importatori forse primi al mondo per la costruzione di mobili,quindi non vedo il problema se lo diventiamo anche per le case. Tutto quello speso per il legname vuol dire fururo risparmio di petrolio.

kry
Scritto il 31 maggio 2012 at 09:24

dorf001@finanza,

Questo è il bello dell’economia e della finanza,cosa vai ad investire in sicurezza. Come scusa o causa cosa c’è di meglio di un evento naturale rispetto alla guerra. E alla fine non salta fuori nessun responsabile. La sai vero ” Chi io? Si tu! Io no. E chi è stato? E’ stato Sempronio.”

atomictonto
Scritto il 31 maggio 2012 at 10:39

“i giornalisti fanno a gara per distogliere l’attenzione dalla Realtà!”
Eh beh…basta vedere cosa hanno cucinato negli ultimi 5 giorni con la storia delle “carte del papa”.
Subito VOLUME AL MASSIMO, su tutti i media, sul “corvo”, il cattivo, “quello che ha trafugato le carte”…poi ecco qualche pretone che se ne esce con la cigliegina “il libro di Nuzzi è criminale!”.
E tutti a fare andare su e giu il capoccione…si si si è vero, che cattivo!
NESSUNO, nessun PENNIVENDOLO su nessun media che parli del CONTENUTO dei “documenti segreti” tramite i quali si apprendono piccole facezie di nessun interesse giornalistico come:
A) il papa si incontra segretamente con il Capo dello Stato per decidere quali leggi portare avanti e quali no, in sostanza dopo secoli di massacri siamo ancora governati dal papa.
B) Bertone, l’equivalente di Monti in quanto presidente della CEI, tenta continuamente di fare le scarpe al suo capo strumentalizzando anche le vicende di pedofilia
C) Lo IOR, da decenni in mezzo a nebulose vicende che vanno dal riciclaggio di denaro sporco, agli omicidi fino alle collusioni incoffessabili con tutto dalla mafia ai servizi deviati, ha nei propri registri un conto corrente intestato e nella piena disposizione di Herr Joseph Aloisius Ratzinger con oltre 10 milioni di euro sopra del quale non risponde nessuno (che ci paga Joseph, le donnine? la roba? mah…)
D) le pesanti interferenze politiche dei vari prelati che “raccomandano” questo o quel politico per questo o quel ruolo pubblico
E) Le pressioni dei vari pretonzi persino sull’ANSA tramite Letta manco vivessimo in un “Truman show” assurdo
F) le incoffessabili, e note in vaticano, inclinazioni quasi istituzionali verso la pedofilia dei “legionari di cristo”….
Cosi insomma, robetta di nessun interesse giornalistico!
Siamo in un manicomio e non vogliamo rendercene conto.

atomictonto
Scritto il 31 maggio 2012 at 10:42

atomictonto@finanza:
“i giornalisti fanno a gara per distogliere l’attenzione dalla Realtà!”
Eh beh…basta vedere cosa hanno cucinato negli ultimi 5 giorni con la storia delle “carte del papa”.
Subito VOLUME AL MASSIMO, su tutti i media, sul “corvo”, il cattivo, “quello che ha trafugato le carte”…poi ecco qualche pretone che se ne esce con la cigliegina “il libro di Nuzzi è criminale!”.
E tutti a fare andare su e giu il capoccione…si si si è vero, che cattivo!
NESSUNO, nessun PENNIVENDOLO su nessun media che parli del CONTENUTO dei “documenti segreti” tramite i quali si apprendono piccole facezie di nessun interesse giornalistico come:
A) il papa si incontra segretamente con il Capo dello Stato per decidere quali leggi portare avanti e quali no, in sostanza dopo secoli di massacri siamo ancora governati dal papa.
B) Bertone, l’equivalente di Monti in quanto presidente della CEI, tenta continuamente di fare le scarpe al suo capo strumentalizzando anche le vicende di pedofilia
C) Lo IOR, da decenni in mezzo a nebulose vicende che vanno dal riciclaggio di denaro sporco, agli omicidi fino alle collusioni incoffessabili con tutto dalla mafia ai servizi deviati, ha nei propri registri un conto corrente intestato e nella piena disposizione di Herr Joseph Aloisius Ratzinger con oltre 10 milioni di euro sopra del quale non risponde nessuno (che ci paga Joseph, le donnine? la roba? mah…)
D) le pesanti interferenze politiche dei vari prelati che “raccomandano” questo o quel politico per questo o quel ruolo pubblico
E) Le pressioni dei vari pretonzi persino sull’ANSA tramite Letta manco vivessimo in un “Truman show” assurdo
F) le incoffessabili, e note in vaticano, inclinazioni quasi istituzionali verso la pedofilia dei “legionari di cristo”….
Cosi insomma, robetta di nessun interesse giornalistico!
Siamo in un manicomio e non vogliamo rendercene conto.

Voglio aggiungere: non fantasie…è tutto li, NERO su BIANCO.
Infatti l’unica era cucinare una massiccia CAMPAGNA DI DISINFORMAZIONE con la quale ammansire il popolo bue.

vito_t
Scritto il 31 maggio 2012 at 11:55

Per ATOMICTONTO

ma chi te lo ha detto o dove sta scritto che il papa ha un conto con 10 milioni di euro ? ….

kry
Scritto il 31 maggio 2012 at 12:16

vito_t@finanzaonline,

Infatti leggi bene,non è menzionato il papa ma lo IOR. E poi mi sembra di leggere altri punti oltre al C. Finchè non c’è smentita ufficiale alle voci vuol dire che è mezza verità.

icebergfinanza
Scritto il 31 maggio 2012 at 14:06

Dedicato a tutti i giornalisti ignorantelli che popolano le testate gossip dei nostri quotidiani!
http://www.focus.it/scienza/fabbriche-di-terremoti_C12.aspx

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercato azionario: titoli value e momentum a confronto I dati macroeconomici continuano ad uscire
Le rimodulazioni tariffarie sono ormai una consuetudine tra gli operatori di telefonia mobile (e fis
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv
E' l'indice più importante a Wall Street, quello da cui è dipeso il grande rally e tuttora dip
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La notizia delle nevicate delle ultime ore che sta interessando le Dolomiti, potrebbe avere ricordat
Sui mercati finanziari la parola d'ordine è conoscenza. “Solo grazie alla conoscenza è possibile
“Solo grazie alla conoscenza è possibile assorbire gli urti del mercato senza cedere alla paura,
Signori manca poco. Tra qualche giorno arriverà la più grande IPO della storia, quella di Saud