MONTI ITALIA: ABBIAMO FATTO I COMPITI!

Scritto il alle 14:07 da icebergfinanza

Sembra quasi che il professor Monti abbia sentito il bisogno di girare l’Europa per ricordare al mondo intero che i monelli italiani i loro compiti gli hanno fatti, hanno accettato la punizione loro inflitta dallo spread in attesa che questo pisello che quotidianamente infligge dolore alle banche, alle aziende e alle famiglie italiane sparisca tornandosene nelle leggende metropolitane dal quale proviene…

Nessuno che si chieda veramente per quale motivo il famoso pisello, ops spread sia ancora lassù ad oltre 500 punti nonostante tutto, nonostante le più imponenti manovre finanziarie e riforme pensionistiche della recente storia Italia.

Fa sorridere la dichiarazione che porta la tecnocrazia a dichiarare che i Paesi europei devono lavorare per cancellare ed eliminare i dubbi dei mercati finanziari. Loro non hanno dubbi oggi, loro stanno scommettendo a senso unico e se ne fregano di quello che accadrà nei prossimi giorni e mesi. Loro voglio denaro e liquidità, socializzare le perdite e privatizzare i guadagni.

“E’ molto importante per l’Italia – ha detto  Monti al termine di una colazione di lavoro con il premier francese,  Francois Fillon – lavorare mano nella mano con Francia e Germania e
anche in un contesto piu’ vasto comunitario, per aiutarci l’uno con  l’altro a fare in modo che gli sforzi che ognuno porta avanti nelle  politiche economiche nel proprio paese trovino un riconoscimento pratico  nei mercati finanziari”. Questo, ha proseguito il presidente del  Consiglio, “esige che si eliminino i dubbi che caratterizzano in questo
momento la zona euro quanto al suo futuro. Proseguiremo in modo sempre  piu’ intenso questa cooperazione costruttiva”.

Ma non solo addirittura Passera va oltre, chiedendo a viva voce più liquidità per i mercati tanto per non smentire una sottile deformazioni professionale anche se magari se qualcuno, come il sottoscritto,  puòarrivare a  suggerire che questa non è una crisi di liquidità ma di solvibilità …

” La linea è chiara: l’Italia sta lavorando sodo, ora anche «l’Europa deve essere all’altezza delle aspettative». Anche Corrado Passera, ministro dello Sviluppo economico e delle infrastrutture e trasporti, titolare ad ampio raggio delle strategie sull’economia reale, lancia da Parigi un messaggio preciso ai partner internazionali. Parla di risposta europea alla crisi finora deludente, di un approccio troppo morbido e di una soluzione definitiva che appare ancora lontana. Per questo invoca l’accelerazione dell’istituzione di un mercato unico, un maggiore coordinamento delle politiche economiche nazionali, il potenziamento del bilancio europeo ma soprattutto «il completamento dell’architettura della moneta unica» con «una Banca centrale europea dotata di tutte le risorse e gli strumenti utili a fornire liquidità e a garantire il buon finanziamento dei mercati finanziari».
Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/MCHDO

Gli sciacalli e gli avvoltoi, la speculazione anglo-americana vuole la pelle del nostro Paese e di conseguenza dell’Europa ma sorry… non ci riuscirà!

ROMA – Con «flemma britannica» gli italiani hanno accettato le «misure  pesanti» imposte dalla crisi, il Paese ha fatto il suo dovere e adesso  «l’ Europa non ha più alcun motivo di avere paura dell’ Italia». È con  orgoglio e determinazione che Mario Monti ha risposto al quotidiano  francese Le Figaro nella prima grande intervista dopo l’ ingresso a  Palazzo Chigi. (…)  Forte della manovra  approvata e delle misure di crescita in cantiere, il premier lancia un  monito piuttosto energico per allentare l’ asse franco-tedesco. «L’  armonia tra Francia e Germania è condizione assolutamente necessaria»,  però non è sufficiente: «Due Paesi su 27, anche se sono i più grandi,  non possono decidere per tutti gli altri». In gioco, tra l’ altro, ci  sono i contenuti della lettera che il 29 dicembre il governo ha inviato  al presidente del Consiglio europeo Van Rompuy, per chiedere di evitare  nuovi vincoli sul debito. E ora che gli emendamenti alla bozza di  Trattato «salva euro» sono ufficiali, è ancora più chiaro che Monti si  batterà perché siano lasciati spazi di manovra sulla disciplina di  bilancio. Su debito e deficit l’ Italia chiede che si tenga conto delle
«esigenze di investimenti pubblici» e, rispetto all’ obbligo di ridurre  di un ventesimo l’ anno il debito eccedente il 60% del Pil, che si  valuti «l’ influenza del ciclo economico». (…): «L’  Italia è vittima del rischio zona euro».

… non solo ma vittima anche di un manipolo di politici incompetenti che sta solo pensando alla propria rielezione, uno dei fattori determinanti che esamineremo nel post dedicato “ANNO 2012: ESPLOSIONE DEL DEBITO” e della guerra finanziaria che America e Inghilterra stanno alimentando appoggiati dalle paranoie e dal senso di onnipotenza tedesco, il tutto per distogliere l’attenzione dalla propria realtà economico/finanziaria e sociale a dir poco, terrificante!

Tanto per non smentire il potenziale di una permanente esposizione alle radiazioni televisive ieri Monti ospite a “Che tempo fa” a dichiarato che il disarmo unilaterale delle corporazione di questo Paese potrebbe consentirci di dare più spazio alla concorrenza e ai giovani, mai una volta che sento parlare della Famiglia, fulcro di ogni società e si che il professor Monti dovrebbe conoscere l’importanza economica e sociale di questo potenziale nucleare che sta nascosto nella famiglia.

Il professor Monti cancella l’ ombra di una nuova manovra finanziaria ma dice una immensa fesseria quando sottoliena che la moneta unica ha mantenuto il potere di acquisto rispetto ai beni che di solito compriamo richiamando il cambio con il dollaro manipolato e dimenticando la perdita di potere di acquisto degli italiani o meglio della classe media italiana, gli altri tra evasione, elusione e capitali all’estero hanno già provveduto.

Mentre sul fronte tedesco e in vista dell’incontro con Angela Merkel, il premier non ha dubbi: “Quello che abbiamo fatto può essere da esempio per altri paesi”. L’Italia dunque ha fatto i compiti a casa. “E non  perché ce lo ha chiesto l’Europa, ma per assicurare un futuro ai nostri figli”. Ma “certamente quella che abbiamo davanti è una crisi di sistema”. Parole legate in particolare alla questione banche e al terremoto che in questi giorni sta scuotendo il comparto. Il premier però rassicura: “Il nostro sistema è considerato uno dei più stabili”. Sul punto di Unicredit “il tracollo è legato alla questione del rifinanziamento”.(Il Fatto Quotidiano)

Dopodiche si passa alle ricette, non quelle di nonna Merkel ma a quelle che dovrebbero permetterci di uscire dal giogo della finanza, si ha detto proprio uscire dal sequestro della finanza… non è affascinante, in un’Europa ormai inflazionata da banchieri e consiglieri finanziari, uomini trilaterali e venditori di formaggini Bildelberg! Guai applicare la Tobin Tax da soli fa male alla…finanza, in Inghilterra ne applicano una, al confronto della quale la Tobin assomiglia ad un pulviscolo atmosferico.

Poi si torna sulla Svizzera e sulla questione evasione, stiamo dando un’occhiata all’argomento ha detto Monti ma non bisogna dimenticare che Germania e Gran Bretagna hanno fatto qualcosa che l’UE non ha gradito ovvero accordi bilaterali, si a ha detto così, accordi bilaterali, incredibile come se dovessimo richiedere anche il consenso europeo che tassare a sangue un numero imprecisato di capitali che nel frattempo sta già emigrando dalla Svizzera verso nuovi paradisi fiscali mentre in Italia si discute di come fare con calma e per piacere.

“Sono stato il primo quando ero Commissario europeo nel 1999. A nome della Commissione europea sono andato a Berna per avviare il primo duro negoziato con la Svizzera perché accettasse di applicare alcuni principi sulla direttiva della tassazione del risparmio e sono stati fatti passi avanti”. Quindi spiega: “Se vogliamo gli accordi di Germania e Gran Bretagna sono il risultato ultimo di questo accordo. La pressione sulla Svizzera viene esercitata. La Svizzera non è l’unico Paese al mondo che ha un occhio di riguardo, magari chiuso, sui capitali esteri ma in questi anni la politica nei confronti di questi paradisi fiscali è cambiata. E la Svizzera si è comportata di conseguenza. Non è più come prima”. Ilfattoquotidiano

Figuriamoci poi se gli speculatori della politica non si sono sentiti in dovere di richiamare il professore ad un maggiore contegno in fatto di umorismo fiscale…dopo la battutina sulle manine in tasca di berlusconiana memoria. Chi dimentica lo stato di polizia sventolato in occasione di un normale controllo tra quelli che non amano che qualcuno metta loro le manine in tasca soprattutto quando sono strapiene di liquidità e denaro in contanti.

Affascinante nulla è più come prima, tutto cambia e resta per sempre uguale, senza dimenticare che la ricchezza è un valore ha detto  Monti senza precisare la ….sostanza in attesa di una sana e irrinunciabile redistribuzione nei paese dei furbi e dei parassiti!

Ma di questo ed altro ne parleremo nel post in preparazione la prossima settimana, per tutti gli amici e sostenitori di Icebergfinanza, per coloro che lo vogliono sostenere anche economicamente, osserveremo da vicino probabili iceberg e stelle polari del 2012, un anno che passerà alla storia in una maniera o nell’altra, un anno decisivo per la futura intensità della tempesta perfetta, una tempesta che ci accompagnerà ancora per qualche anno, al di là dell’immaginazione dei mercati finanziari e della gente comune. ORIZZONTE 2012…SENZA DIMENTICARE LA STORIA!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (5 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +4 (from 4 votes)
MONTI ITALIA: ABBIAMO FATTO I COMPITI!, 10.0 out of 10 based on 5 ratings
11 commenti Commenta
atomictonto
Scritto il 9 gennaio 2012 at 15:03

“la guerra finanziaria che America e Inghilterra stanno alimentando appoggiati dalle paranoie e dal senso di onnipotenza tedesco, il tutto per distogliere l’attenzione dalla propria realtà economico/finanziaria e sociale a dir poco, terrificante!”
– Sottoscrivo!
E’ da Settembre che lo penso, in realtà tutta questa faccenda finanziaria è un estremo tentativo da parte anglo-americana (in particolare anglo, quelli sono veramente alla canna del gas!) di spostare l’attenzione dalla loro situazione e contemporaneamente di cercare di sbarazzarsi di una moneta, l’Euro, troppo forte per loro.
Non si dimentichi che prima dell’introduzione, nel 2000, l’euro valeva 0,86 USD per risalire a circa 0,95 poco prima dell’introduzione fisica il 1 Gennaio 2002…in soli 10 anni l’Euro aveva non solo invertito il trend ma superato lo USD di circa il 50%.
Stessa storia per la Sterlina che è passata da 1,61 Euro x 1 Sterlina a soli 1,09 qualche mese fà.
In pratica l’introduzione dell’Euro ha dimostrato la differente forza economica reale tra l’area EUR e l’area USD (la sterlna è un appendice, si vedano gli andamenti-fotocopia) e questo li ha spaventati non poco sopratutto alla luce del fatto che gli USA sono una distesa di case di legno popolate da un materiale sociale in velocissimo scadimento, sia per età media, per scolarizzazione e addirittura per alfabetismo (hanno superato il 13% i cittadini USA che non parlano/scrivono l’Inglese mentre una grossa fetta si esprime in uno slang con meno di 6.000 vocaboli, sono praticamente analfabeti).

ilcuculo
Scritto il 9 gennaio 2012 at 18:19

atomictonto@finanza,

Atomic,
gli USA sono tante cose, figurarseli come fai tu non è utile alla comprensione

dorf001
Scritto il 9 gennaio 2012 at 19:24

eccolo qui il pagliaccio monti. il successo greco e l’euro. http://www.youtube.com/watch?v=a8UD4XMo5os

poi il signorino esalta al massimo le teorie di quel pazzo esaltato criminale amico di dittatori (pinochet), cioè lo shock economico. ecco qui che dice. http://www.youtube.com/watch?v=HORaWaxi6io

e lo hanno anche denunciato. sia lui che quel vecchio criminale di napolitano. qui. http://www.youtube.com/watch?v=aFHizg4YGUA

e il signor orazio fergnani, non contento ne ha fatta un’altra. vedi qui. http://www.youtube.com/watch?v=hLjMIZNb5f8

qunidi cara KRY, come vedi, c’è qualcuno che ha le palle. e non ha 20 anni. ne ha più di 50.

forza ribellatevi.

nota x il capitano. al minuto 1 e 40 sec. parla della famiglia. che và tutelata.

bye DORF

dorf001
Scritto il 9 gennaio 2012 at 19:39

se volete c’è anche il documento in pdf da salvare. potete anche voi votare. se volete leggetre il testo, eccolo qui. https://sites.google.com/site/albamediterranea1/system/app/pages/search?scope=search-site&q=denuncia+contro+monti

cliccate sulla seconda voce. vedete voi.

DORF

il fringullo
Scritto il 9 gennaio 2012 at 20:27

Beh sarà ora di smetterla in Italia di piangersi addosso e auto flagellarsi. Però mi pare che Monti abbia si chiesto tanto alle solite classi del paese ma mi pare si stia anche se non altro sensibilizzando il paese su alcune tematiche forti che in genere vengono o negate o non affrontate. Il corporativismo è un problema serio nel nostro paese, impedisce di compattare i ranghi quando veniamo attaccati e il risultato è li sotto gli occhi di tutti, pur avendo il secondo deficit più basso d’europa, il sistema finanziario più pulito dal punto di vista degli assets detenuti dalle banche, la ricchezza individuale più alta tra i paesi del G8 siamo riusciti a farci sfracellare i titoli di stato e a farci imporre da un’autorità bancaria non riconosciuta una serie di ricapitalizzazioni bancarie da far ridere i polli, e mentre altri conservano altro che scheletri a bilancio senza avere l’imposizione del mark to market da noi si deve ricapitalizzare per far fronte al mark to market sui titoli di stato da 6 mesi sotto attacco. E intanto da noi, beati, alcuni godono della situazione come se avessero qualcosa da guadagnarci, dicendo vedi lo avevamo detto, ma senza proporre nulla, assolutamente nulla, siamo la terra dove tutti sono bravi a criticare ,ma quando si tratta di proporre o fare… ahi ahi ahi signora Longari. Facciamo una patimoniale BTP free e poi vediamo chi ride, e se l’Europa fa solo un fiato a riguardo gli diciamo di ficcarsi l’euro in quel posto se non gli va bene quello che facciamo.

Il Fringuello

stanziale
Scritto il 9 gennaio 2012 at 21:09

Dorf, ho letto una definizione migliore di pagliaccio. Mario-netta!

tirlusa
Scritto il 9 gennaio 2012 at 21:30

il fringullo@finanza,

Il buon senso non abita nei salotti della politica. L’idea di una patrimoniale che colpisca tutto all’infuori dei bot e dei btp è talmente semplice (e geniale allo stesso tempo) che viene da piangere a vedere che nessuno l’abbia proposta seriamente. Sarebbero un sacco di soldi ed ulteriori incassi da minori interessi sul debito, con rilancio dell’economia con tassi inferiori per famiglie ed imprese.

tirlusa
Scritto il 9 gennaio 2012 at 21:36

dorf001@finanza,

Siamo una Repubblica parlamentare e quindi l’impianto accusatorio cosi com’è fa ridere, almeno sul tema della non elezione diretta del Presidente della Repubblica e del Governo tecnico. Resta la bellezza del gesto…dei cittadini denunciano le loro autorità. Ho letto solamente l’ultima, spero che le precedenti siano giuridicamente più sostanziose.
A proposito di denunce io raccoglierei un bel numero di azionisti di Unicredit per chiedere i danni all’ex a.d. Profumo, non credo che l’azienda sia stata gestita con la diligenza del buon padre di famiglia….poi quella buonuscita miglionaria è un insulto a Dio e agli uomini.

ilcuculo
Scritto il 9 gennaio 2012 at 22:03

Penso che per Unicredit stia suonando una frenetica rapsodia Ungherese…

john_ludd
Scritto il 10 gennaio 2012 at 00:04

il fringullo@finanza,

Con la libera circolazione dei capitali l’efficacia di una patrimoniale è minata alla base. E’ impossibile tenerla nascosta, qualcuno lo sa sempre prima, e allora addio ai capitali italiani. Qualunque babbeo può aprire un conto alle poste svizzere. Inoltre in un sistema banco centrico è liquidità che dreni al sistema bancario che ne è ormai privo. Quindi una precondizione per una reale efficacia di una patrimoniale come suggerisci è la nazionalizzazione del sistema bancario.

Infine non sono d’accordo. Non vedo ragioni per cui un normale cittadino debba farsi imporre ANCHE dove allocare i propri risparmi. Saremmo nella pura repressione finanziaria. Nel mio piccolo ho evaso 0,00 euro nella mia vita e non accetto che qualcuno chiunque sia mi imponga di allocare una parte più o meno piccola dei miei averi in questo o quello. Li presto a chi se li merita. Prima una seria lotta all’evasione fiscale con un registro patrimoniale, una caccia ai capitali nascosti nelle società di comodo e a tutte le varie estero-vestizioni. Prima una spending review come si deve dentro i mille rivoli di una spesa pubblica non gestita. Prima un serio taglio ai costi di un ceto politico vasto, inefficiente e in gran parte inutile o peggio dannoso. Prima mille operazioni Cortina poi dopo vedrai che non serve nessuna patrimoniale, altrimenti pagano sempre gli stessi. Una patrimoniale ora, prima di quello che ho scritto e con questo paese, cui continuo a dare credito perchè le possibilità le ha, ho chiuso.

paolocogorno
Scritto il 10 gennaio 2012 at 02:13

Bellissimo l’asino in copertina.. rende molto reale il contenuto del post !!!

Paolo

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
E’ indiscutibile, la situazione per le banche italiane è sicuramente migliorata, ma è sbagli
Analisi Tecnica Leggero ritocco del massimo in area 23800/23900 e profonda long black candle in Dar
Stoxx Giornaliero Buona domenica a tutti, i livelli che avevamo indicato l’ultima volta che
DJI Giornaliero Buona domenica a tutti, eccoci con l’ultimo appuntamento mensile sull’an
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Arrivano due tasselli importanti. Il voto che sancisce la fine dei dubbi sulla BREXIT e l'arrivo d
Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Come da manuale ora abbiamo in un colpo solo tutto quello che l'antibiblioteca di Eco suggeriva,
"L’anno bellissimo"  preconizzato dal presidente del Consiglio n. 1 ( Preconizzare = annunciare s
Il Fomc doveva scorrere via liscio senza particolari novità. Ed in effetti non sono successe de