ACCELERAZIONE DI GRAVITA.!

Scritto il alle 07:33 da icebergfinanza

 

L'accelerazione di gravità corrisponde all'effettiva accelerazione che la Terra produce su un corpo in cadutae e varia al variare del luogo in cui questa è misurata.

Quanto sta accadendo all'economia americana in realtà sta sorprendendo anche noi, per la velocità con la quale l'inversione sta avvenendo!

Secondo alcuni indicatori di Goldman Sachs riportati da ZeroHedge portano ad evidenti rischi di ribasso per il PIL del secondo trimestre con un eccesso di fiducia per il terzo. La loro previsione di un recupero intorno al 3 % è eccessivamente ottimista.

Ma quello che è evidente si legge nei grafici come questo della Fed di Philadelphia che riporta la ripresa americana nella sua giusta dimensione.
bos0611.pdfSiamo ritornati indietro allo scorso anno e questo implica probabilmente addirittura un passaggio negativo del prossimo indice ISM manifatturiero riportandoci addirittura al 2009.bos0611.pdf2
Non credo ce vi sia bisogno di alcun commento!

Se qualcuno fa fatica a comprendere quanto in realtà sta accadendo il professor Robert Reich ce lo spiega in due minuti in questo splendido video via PRAGCAP oppure sull ' Huffingtonpost..

 

 

Quanto sta  

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
6 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 17 giugno 2011 at 08:06

ho come l'impressione che gli uomini siano vittime dell'ossessione
di vari tipi, per varie cose . al fine di nutrire le proprie ossessioni si cerca
poi il " pane quotidiano " e ovviamente la mente gira che ti rigira lo trova.
a ch giova ?        e se fossimo solo una specie di batteria ricaricabile ad ossessioni  che poi  viene usata da chi ha bisogno di energia psichica?
che so extraterrestri ?

lo dico perchè anche io sono ossessionato ovviamente, dal debito pubblico,!  e , non mi spiego come il 100% dei cittadini di ogni stato del mondo detenga  un tot di debito pubblico da pagare
e al contempo  non conosca nessun cittadino al mondo che detenga  con  un tot  di credito pubblico.    parlo di persone fisiche  e voi conoscete qualche persona fisica che vanti questi crediti ?

siccome è solo una mia ossessione , ora , non ci rido sopra ,ma ,  me ne strafrego , come pure della finanza dell'economia , della borsa  del bildeberg, delle multinazionali, del governo mondiale , delle guerre etc etc.    oggi cazzeggio amabilmente
ci sente molto, ma molto meglio,  provare per credere
marinai , godetevi la brezza ,  prendete il sole e…………………..

utente anonimo
Scritto il 17 giugno 2011 at 09:51

MA LA CRISI NON ERA FINITA?

utente anonimo
Scritto il 17 giugno 2011 at 11:36

.. a volte.. e ripeto a volte le streghe per compiere il loro incantesimo , somministrano una pozione magica al malcapitato . Questo povero babbeo , dopo una immediata sensazione di benessere comincia ad avvertire strani dolori . Successivamente i dolori aumentano , fino alla perdita di conoscenza ; al suo risveglio sarà diventato brutto , povero e solo .
Ah le fiabe quante cose possono insegnare . Leggete le favole , ma non diventate interpreti principali .

                                            FIORENTINO DISPETTOSO

utente anonimo
Scritto il 17 giugno 2011 at 11:37

la crisi è appena iniziata |!
in Grecia e poi ovunque volete sapere  come faranno ?

semplice  allungheranno i tempi del debito come gli strozzini !
( sennò il gioco finisce )

utente anonimo
Scritto il 17 giugno 2011 at 13:55

Pensare che una crisi del livello di quella innescata a fine 2008 con minimo a marzo 2009 possa esaurirsi in un solo colpo è da sciocchi.

A parte il fatto che al livello strutturale non è stato sistemato nulla e di polvere sotto il tappeto ce ne è talmente tanta che il tappeto a ben vedere sta a mezzo metro da terra, è chiaro che molte azioni messe in campo avevano come obiettivo quello di attutire l'urto, e di fatto hanno avuto un qualche successo ma la forza di gravità sta normalmente riportando a terra ciò che era stato lanciato in aria.

Ci vorranno alcuni cicli, pur con swing sempre più ridotti, per ritornare ad un ragionevole equilibrio , sempre a patto che si cominci anche a risolvere qualche problema strutturale nel meccanismo che lega l'economia reale (produzione-consumo) alla finanza.

utente anonimo
Scritto il 17 giugno 2011 at 16:14

Ho letto l’huffingtonpost davvero molto interessante grazie mille andrea!
Per la crisi é singolare ed anche affascinante che il paese piú in guerra é proprio la grecia, la grecia di platone aristotele pericle etc etc grecia che migliaia di anni fa esprimeva intelligenza abbastanza parecchio assai superiore a padoa schioppa e brunetta. Ah dimenticavo che la filosofia non é mainservita a nulla di concreto, sarà certamente vero ma l’assenza totale di filosofia significa ridurre l’uomo a “risorsa umana” per sua stessa definizione poco + di un robot solo che a differenza del robot ha la fastidiosa tendenza ad incavolarsi di tanto in tanto facendo calare il pil mannaggiaallamiseria.
Giuseppe

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Mentre il principale indice tedesco tenta di aggiornare il massimi storici mentre la Germania è
Stiamo ai fatti e il resto releghiamolo a “discorsi da bar”. Come sapete, negli USA è temp
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il Ftse Mib ha rotto il 4 novembre in gap up il livello chi
  Le incongruenze e le stranezze sono tante, spesso tante. Sulle pagine di questo blog a
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Qualcosa si sta muovendo sia sui derivati del COT Report ma anche sui mercati. Torna a salire l'
Nei giorni scorsi l’ex parlamentare americano Ron Paul, ha lanciato su twitter un sondaggio mo
Giovedì 14 novembre si svolgerà il webinar Trading & Investimenti UniCredit con ospite Stefan
Gli italiani continuano a caratterizzarsi per l’alta propensione al risparmio ma non avendo eccess