CHI HA ORECCHIE PER INTENDERE….INTENDA!

Scritto il alle 21:27 da icebergfinanza

 

Per quanto l'ormai patetica "mano invisibile" di JPMorgan cerchi di sostenere Wall Street un messaggio arriva dal decennale americano…chi ha orecchie per intendere intenda!
 

http___www.bloomberg.com_apps_quote_ticker=USGG10YR_IND

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
6 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 23 febbraio 2011 at 22:33

cosa vuoi dire Andrea?

mi pareva di aver capito che secondo te il dollaro dovrebbe rafforzarsi..forse perche' in europa la situazione non e' tanto migliore che in America..ma vedendo quel che succede dall altra parte del mediterraneo e vedere l euro che si rafforza mi lascia perplesso

dici che tra un po accadra' come 2 anni fa un fly to quality?

dici che "per esempio" una BEI lunga lunga al potrebbe esser un bell investimento per un futuro di stagnazione…deflezione…depressione?

son sempre io…dopo questa ti prometto che non ti stresso piu' su queste cose… ;)
PORTELLO

utente anonimo
Scritto il 24 febbraio 2011 at 05:34

Scusate se mi permetto.
Penso che Andrea voglia semplicemente prefigurare un bel tuffo all'ingiù del decennale USA….
Per il resto EUR/USD, EUR/GBP, etc. etc = carta/carta, alias debito/debito.
Sono solo manipolazioni di corto respiro….
Vogliamo pensare a breve? indebolimento leggero e costante del dollaro fino a che le borse tengono o meglio, vengono costantemente pompate dalla FED tramite le c.d. "POMO" il cui bel risultato è stata nei mesi scorsi la costante ascesa degli indici (a parte lo storno di questi giorni, stante il contesto geopolitico).
Poi, un bel giorno, quando le POMO saranno finite e nell'incertezza del proseguimento (probabilmente intollerabile anche da parte di un mercato anestetizzato) di QEIII, dunque presumibilmente quest'estate, un bel tonfo all'ingiù dei mercati.
A quel punto risalita (artificiale) del dollaro. La chiamavano "fly to quality", ma forse ora si può meglio denominare "fly to shit".
Ma il problema è un altro: BRI? BEI? BEATI!!
Significa solo comprare DEBITO.
Quanto tempo ancora per capire?

Buona giornata a tutti
Daniele
 

Scritto il 24 febbraio 2011 at 06:06

Portello scusa ma non sarei coerente…Daniele non esageriamo c'è debito speculativo e debito sostenibile, non è possibile fare di tutta l'erba un fascio. Molto debito andrà ferocemente deleveraggiato molto altro dovrà essere ristrutturato mentre non sarei cosi sicuro che anche con i POMO della Fed serva attendere questa estate…

Andrea

utente anonimo
Scritto il 24 febbraio 2011 at 08:32

Non so se qualcuno di voi lo ha notato ma il gas e tenuto compresso a fronte di un’esploaione del petrolio prima o poiesplode anche quello

utente anonimo
Scritto il 24 febbraio 2011 at 09:35

ok capisco e ti ringrazio comunque
PORTELLO

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercato azionario: titoli value e momentum a confronto I dati macroeconomici continuano ad uscire
Le rimodulazioni tariffarie sono ormai una consuetudine tra gli operatori di telefonia mobile (e fis
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv
E' l'indice più importante a Wall Street, quello da cui è dipeso il grande rally e tuttora dip
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La notizia delle nevicate delle ultime ore che sta interessando le Dolomiti, potrebbe avere ricordat
Sui mercati finanziari la parola d'ordine è conoscenza. “Solo grazie alla conoscenza è possibile
“Solo grazie alla conoscenza è possibile assorbire gli urti del mercato senza cedere alla paura,
Signori manca poco. Tra qualche giorno arriverà la più grande IPO della storia, quella di Saud