BUTTERFLY HOUSE…IL NUOVO BATTITO DELLA FARFALLA SUBPRIME!

Scritto il alle 12:00 da icebergfinanza

 

Lasciamo anche solo per un istante da parte il battito d'ali della farfalla africana e occupiamoci nuovamente dell'uragana che sta tornando ad abbattersi sul mercato immobiliare americano.

Se mi è permesso questo è l'unico blog in Italia che ancora nel settembre del 2009 quando in molti celebravano la fine della depressione immobiliare suggeriva e condivideva i rischio di una double dip dei prezzi immobiliari al di la dell'illusione di incentivi fiscali di breve termine.

L'ultimo report dell'indice S&P Case/Shiller e il suo fondatore Robert Shiller ci dicono che …

(ANSA) – NEW YORK, 22 FEB – I prezzi delle case negli Usa potrebbero scendere di un ulteriore 15-25%. Lo afferma Robert Shiller, uno degli economisti che cura l'indice S&P/Case-Shiller. I prezzi delle case sono calati dell'1% in dicembre rispetto a novembre. L'unica citta' in cui si e' osservato un aumento e' Washington. 'Nonostante i miglioramenti nell'economia, il mercato immobiliare continua a calare e a mostrarsi debole' osserva David M. Blitzer, presidente della commissione dell'indice S&P.

… e meno male che mi aspettavo al massimo un altro calo nell'ordine del 15 %, Robert si apre la forchetta sino al 25 %, lui che non ha sbagliato un colpo sognatevi la ripresa che i menestrelli del sistema vi stanno cantando e preparatevi ad un nuovo battito della farfalla immobiliare. 

 

Thanks to TimIacono

Undici città hanno conseguito un nuovo minimo negativo dal picco del 2006/2007, New York compresa e nei prossimi mesi vedremo aprirsi molte crepe nelle sicurezze dei mercati e nel patrimonio degli amaericani in particolare per coloro che hanno un mutuo residuo ben superiore al valore della loro casa che saranno costretti a ricorrere ai default strategici.

Per ulteriore informazione le cosidette distressed property transactions , ovvero vendite in evidente difficoltà stanno nuovamente tornando alla ribalta con percentuali bulgare come il 66 % della California, il 63 % della Florida e addirittura il 72 % dell'Arizone e del Nevada una seria ipoteca al ribasso sui prezzi delle case.

Se poi ci aggiungiamo la trasparenza e l'imparzialità dell'associazione degli immobiliariaristi americani la NAR che dovrebbe aver sovrastimato del 20 % le vendite di case in America negli ultimi anni, spero comprendiate bene quanti ingenui ogni mese si esaltano per dati che non rispecchiano la realtà che si tratti di case o di lavoro.

La crisi  subprime potrebbe essere stata più grave rispetto alle stime iniziali. 

The National Association of Realtors, which produces a widely watched monthly estimate of sales of previously owned homes, is examining the possibility that it over-counted US home sales dating back as far as 2007.  But CoreLogic, a real-estate analytics firm based in Santa Ana, Calif., counted just 3.3 million homes sales last year, a drop of 10.8% from 3.7 million in 2009. CoreLogic says NAR could have overstated home sales by as much as 20%. (WSJ)

 

[HOMEDATA]

 

Chissà perchè questi istituti di rilevazione indipendenti tendono sempre ad esagerare la depressione immobiliare e la NAR immacolata dal conflitto di interesse fa una cosa e ne sbaglia due!

Ma in fondo delle revisioni non importa nulla a nessuno ma un giorno la verità diventerà figlia del tempo e quel tempo non è poi molto lontano.

Dopo quello che sta accadendo in America con milioni di americani che hanno perso il loro posto di lavoro e sono diventati disoccupati cronici, dopo milioni di esseri umani che hanno perso la loro casa, che hanno un mutuo residuo superiore allo stesso valore c'è ancora qualche fesso ingenuo che crede ad un sondaggio su 5000 teste che ci raccontano di come la fiducia del leggendario consumatore americano stia tornando come ai bei tempi.

Preparatevi ad una primavera come non l'avete mai vista prima!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
6 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 23 febbraio 2011 at 12:07

Fusse ca fusse a volta bbona !
Personalmente me ne frego del crollo dei valori immobiliari, perche'  ho solo una piccola modesta casa di abitazione.
Ho invece un po di liquido che investirei volentieri in un bello short sugli indici di borsa.
Sarebbe bello vedere un bel crollo del 40-50 % in primavera.
Ma sara' proprio vero ?

utente anonimo
Scritto il 23 febbraio 2011 at 12:15

INTERNET,  MEDIA  E LA STRATEGIA DELLA DISTRAZIONE
 
LE DIECI STRATEGIE DI MANIPOLAZIONE MEDIATICA
 
1 – La strategia della distrazione.L’elemento principale del controllo sociale
è la strategia della distrazione che consiste nel distogliere l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche utilizzando la tecnica del diluvio o dell’inondazione di distrazioni continue e di informazioni insignificanti.
La strategia della distrazione è anche indispensabile per evitare l’interesse del pubblico verso le conoscenze essenziali nel campo della scienza, dell’economia, della psicologia, della neurobiologia e della cibernetica. “Sviare l’attenzione del pubblico dai veri problemi sociali, tenerla imprigionata da temi senza vera importanza. Tenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza dargli tempo per pensare, sempre di ritorno verso la fattoria come gli altri animali (citato nel testo “Armi silenziose per guerre tranquille”). E magari parlare ogni due ore di argomenti diversi e mi riferisco anche a te ANDREA,

2 – Creare il problema e poi offrire la soluzione.
3 – La strategia della gradualità.
4 – La strategia del differire.
5 – Rivolgersi alla gente come a dei bambini
6 – Usare l’aspetto emozionale molto più della riflessione
7 – Mantenere la gente nell’ignoranza e nella mediocrità
8 – Stimolare il pubblico ad essere favorevole alla mediocrità.
9 – Rafforzare il senso di colpa.
10 – Conoscere la gente meglio di quanto essa si conosca
 
TANTO PREMESSO,  RINNOVO IL MIO INVITO  AD ORGANIZZARE LA PRIMA GIORNATA NAZIONALE
EUROPEA E MONDIALE  DELLA  ATTENZIONE     .
 
Invito quindi :
 
alla diffusione dell’iniziativa e la condivisione dell’iniziativa
termini e modalità :
il primo venerdì di ogni mese,
argomento : da concordare  anche al fine smascherare chi fa’ uso della strategia di distrazione 

utente anonimo
Scritto il 23 febbraio 2011 at 14:35

vorrei tanto che tu ci potessi consigliare come meglio proteggere i nostri risparmi in questo mercato drogato e non trasparente…

non per speculare..ma per non perdere…

utente anonimo
Scritto il 23 febbraio 2011 at 16:06

spendili è il miglior investimento ! oppure ancor meglio donali a chi non ne ha, sarai ricco e con meno pensieri.

utente anonimo
Scritto il 23 febbraio 2011 at 20:55

Si sente spesso dire che la chiave del successo di un giocatore di  poker online è l’alto livello di aggressività che riesce a mantenere nelle diverse fasi di gioco.
Va però detto che la realtà ha contorni molto meno netti di quanto una simile affermazione potrebbe far pensare. Infatti, se è vero che l’aggressività è una componente essenziale del gioco, è fondamentale ricordare che si tratta di un’arma da utilizzare con calcolo e razionalità.
Spesso infatti, capita di incontrare giocatori convinti che puntare sempre e rilanciare spesso sia l’unico modo per prendere il controllo del tavolo: non è raro che un simile comportamento finisca invece per agevolare proprio i giocatori più chiusi e conservativi. In effetti, andrebbe sempre ricordato che anche per giocare aggressivi occorre avere una buona dose di esperienza, in modo da leggere al meglio la situazione e da risparmiarci il rischio di regalare chips a destra e a manca.
Il nostro consiglio è dunque quello di cominciare a giocare in maniera solida, mettendo in pratica un poker per così dire “elementare” e gradualmente dopo un buon numero di partite cominciare a variare e ad “accelerare”: nella sostanza, solo dopo aver imparato gli aspetti basilari del gioco potremo cominciare a giocare con maggiore aggressività.

utente anonimo
Scritto il 23 febbraio 2011 at 21:11

Per quello che posso dire, c'è stato poco tempo fa un luminare su questo
blog che delicatamente e senza voler influenzare nessuno sulle proprie
scelte finanziarie, che devono essere dettate esclusivamente dal senno personale e dalla propria coscienza e consapevolezza, uniche matrici per cui rischiare i propri denari, che gratuitamente e senza nessun fine, ci mostrava delle fotografie dello stato delle cose sull'indice equity europeo, dicendo che si trovava in una situazione critica, ad un bivio.
Non si trattava di consigliare ma di fornire materiale per prendere atto della situazione.
Nessuno puo' prevedere dove andremo, ma segnalare i pericoli, se ha cultura e preparazione tale per poterlo fare, allora ben venga come
"dono", anche se trattandosi di indicazioni su  materiale delicato, il denaro,
sarà sempre soggetto a critiche, ex post.
Qualcuno dirà che tutto è scaturito da eventi imprevedibili, che non si potevano prevedere. Ma visto che si parla di manipolazione a nessuno viene in mente che anche i mercati sono "fatti" dalle bigbanks, e che se hanno interesse a distribuire e meglio farlo in "alto" no?
Certo il trend potrebbe ricambiare ancora e questi giorni essere stati solo una semplice correzione, l'importante è capire quando accadrà.
Comunque di una cosa son certo, e son convinto che vale anche per il nostro grande amico luminare, nei prezzi c'è tutto, inutile andare a leggere opinioni altrui, informarsi su tutto, prevedere, ipotizzare, ecc.ecc. per essere preparati all'investimento.
Solo passione, consapevolezza, metodo, e tanta, tanta ricerca possono
condurci a ciò.
Rino

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercato azionario: titoli value e momentum a confronto I dati macroeconomici continuano ad uscire
Le rimodulazioni tariffarie sono ormai una consuetudine tra gli operatori di telefonia mobile (e fis
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv
E' l'indice più importante a Wall Street, quello da cui è dipeso il grande rally e tuttora dip
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La notizia delle nevicate delle ultime ore che sta interessando le Dolomiti, potrebbe avere ricordat
Sui mercati finanziari la parola d'ordine è conoscenza. “Solo grazie alla conoscenza è possibile
“Solo grazie alla conoscenza è possibile assorbire gli urti del mercato senza cedere alla paura,
Signori manca poco. Tra qualche giorno arriverà la più grande IPO della storia, quella di Saud