FORECLOSURE GATE, LO SCANDALO DEI PIGNORAMENTI! BENVENUTI NEL PAESE DEI BALOCCHI!

Scritto il alle 07:29 da icebergfinanza

 

Mentre l’amministratore delegato della succursale della Federal Reserve di New York, JPMorgan, Dimon comunica che molto difficilmente vi saranno problemi in relazione allo scandalo dei pignoramenti, …."There’s almost no chance we made a mistake," Jaime Dimon, CEO of JPMorgan Chase, said during the conference call….capace di battere le attese di utile utilizzando il solito giochino delle ultime trimestrale di abbattare gli accantonamenti per future perdite in relazione ai mutui concessi ma di non rispettare le attese per il fatturato, in America i pignoramenti fanno il nuovo record assoluto!

Secondo Realty Trac che ha un bancadati che compre oltre l’85 % del paese, l’incremento del 3 % dei pignoramenti in agosto porta a 347.420 pignoramenti il record annuale con quasi un terzo dei pignoramenti che incrementano gli inventari delle banche i cosidetti REOs. In totale quasi un milione di pignoramenti nel terzo trimestre di quest’anno, ovvero uno ogni 139 abitazioni.

I REOs sono aumentati del 7 % rispetto al trimestre precedente e del 22 % rispetto allo scorso anno!!! Gli avvisi di pignoramento in realtà sono in diminuzione del 22 % dal picco dello scorso anno.

Ovviamente nei prossimi mesi entrerà il funzione la variabile dovuta alla sospensione dei pignoramenti in tutti gli stati americani, dovuta allo scandalo dei pignoramenti ed inoltre non aspettatevi alcun effetto dello scandalo sulle prossime vendite di abitazione che probabilmente continueranno a mostrare un trend di recupero dal recente crollo.

Per quanto riguarda invece i prezzi delle case la strada è segnata, la discesa assicurata già a partire dal prossimo mese.

Ieri  Sheila Bair, presidente della Federal Deposit Insurance Corp. ha sottolineato il conflitto di interesse di coloro che circonda lo scandalo dei pignoramenti in relazione alla cartolarizzazione dove alcuni incentivi possono incoraggiare i pignoramenti evitando le verifiche.

Esiste un obbligo da parte dei gestori dei trust che emettono le cartolarizzazioni di continuare a finanziare i mancati pagamenti da parte dei mutuatari il che induce a dare il via al pignoramento per cercare di recuperare le perdite con la vendita della casa.

Comunque sia la robotizzazione delle procedure di convalida e le testimonianze o dichiarazioni giurate sono lasciate alla mercè del conflitto di interesse.

Inoltre per quanto riguarda il governo americano… “Government officials said they haven’t uncovered evidence any homeowner was inappropriately evicted, but are probing further to assess the extent of the banking industry’s problems.

….i funzionari hanno detto che non hanno trovato le prove che ad ogni proprietario sia stata pignorata impropriamente l’abitazione, ma che stanno indagando oltre per valutare la portata del problema.

E quando mai qualcuno in America si è accorto di qualcosa in questi anni, i gatti e le volpi abbondano nei campi dei miracoli e i gendarmi scompaiono!

Se qualcuno si sta ancora chiedendo cosa sta succedendo lo rimando ad un articolo di vecchia data pubblicato su Icebergfinanza dal titolo E’ TUTTA COLPA DELLA LUNA!

Riferendosi alla grande crisi giapponese Chancellor scrive:

" Il giorno dopo il crollo di ottobre i rappresentanti delle più importanti società di brokeraggio del Giappone – Nomura, Daiwa, Yamaichi e Nikko, chiamate le "quattro grandi" – furono convocati al ministero delle Finanze. Ricevettero l’ordine di mantenere il mercato delle azioni NTT e di impedire all’indice Nikkei di scendere sotto quota 21.000. Ubbidendo a questa richiesta i broker offrirono ai loro clienti più importanti garanzie contro le perdite per incoraggiarli a rientrare nel mercato. Nel giro di pochi mesi l’indice Nikkei aveva recuperato le perdite e stava puntando verso nuovi picchi. In forma ufficiosa i funzionari del ministero delle Finanze si vantarono che la manipolazione del mercato azionario erà più facile del controllo del mercato valutario."

Credo che non vi sia bisogno di aggiungere nulla, ma proseguiamo:

" Nel complesso i "quattro grandi" pesavano per più di metà degli scambi del mercato azionario di Tokyo.(…) In un rapporto intitolato "Theme Chasing: The Engine of the Tokyo Stock Market" una banca d’investimento americana avvisava i suoi clienti: "L’istinto del gregge è un solido istinto di sopravvivenza in un ambiente di eccessiva liquidità". Grazie alle loro ampie partecipazioni azionarie nella stampa i "quattro grandi" broker riuscirono a manipolare l’informazione che raggiungeva i loro clienti.

Comunque sia cari signori benvenuti nel paese dei balocchi, la festa è appena cominciata, da ogni parte si odono i fuochi d’artificio non siate infelici chissenefrega del posto di lavoro, l’importante è divertirsi…

Dopo un lungo viaggio di paure e di stenti siete arrivati felici e contenti qui nel paese dei balocchi (…) Tutti quanti gli altri vi hanno chiuso le porte ma noi siamo buoni vi accogliamo a braccia aperte qui nel paese dei balocchi (…) Appena arriverete all’ufficio smistamento riceverete un premio di incoraggiamento chiedete lo scontrino, firmate ricevuta, la festa è cominciata si è appena cominciata!..» ( Edoardo Bennato)

"VIAGGIO ATTRAVERSO LA TEMPESTA PERFETTA!"

Nel frattempo mancano ormai solo 4 settimane all’appuntamento con ICEBERGFINANZA a MODENA.

Il programmma con gli ultimi dettagli e le indicazioni necessarie è stato  inviato singolarmente  a tutti coloro che ne hanno fatto richiesta.

Restano ancora una trentina di posti per  l’incontro del pomeriggio e una ventina per la cena. Chiunque fosse interessato ce lo faccia sapere direttamente tramite la mail.  

A presto Vi aspetto! Andrea

[email protected]

Inoltre due settimane più tardi, Sabato 20 novembre 2010

 presso il

GRAND HOTEL di ACQUI TERME

Un weekend impegnativo ma anche divertente e rilassante, un confronto con le più autorevoli “penne” del web, ma anche una gita nella terra dei tartufi, dei vini, della buona cucina, dove la famiglia non si annoierà! Un weekend da non perdere!!! Un’occasione unica in Italia per affermare l’importanza e la qualità dell’informazione indipendente. Parteciperanno le più prestigiose firme del mondo dei blog economici

Per ulteriori informazioni clicca qui sotto!

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
22 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 14 ottobre 2010 at 13:57

bell'aticolo Mister Mazzalai siamo quasi giunti al termine della festa domani ci sarà  la legge di STABILITA(finanziaria) e saranno risate a CREPAPELLE…………………

Scritto il 14 ottobre 2010 at 14:39

Ohi Ohi….ferme le esportazioni salgono le importazioni, il lavoro è quello che passa il convento e…….sento odore di protezionismo!Il capo economista di Google dice che l'America è in deflazione da dicembre dello scorso anno, ma si sa che è tutta una favola!Va tutto bene la navigazione prosegue.Andrea

Scritto il 14 ottobre 2010 at 15:49

C'è odore di benzina nell'aria, se esiste un momento buono perché tutto salti per aria, questo momento potrebbe essere adesso.Gli attuali valori di cambi monetario sono troppo lontani dal peso reale delle monete.La svalutazione del dollaro non farà altro che aggravare la situazione.I Cinesi continueranno a svalutare, il loro ragionamento del resto non fa una piega: "meglio importare inflazione ed esportare merci che avere un'economia deflattiva".Ma anche la soluzione Cinese è destinata a fallire, l'inflazione cinese è oramai a due cifre, le pressioni salariali si fanno insostenibili.L'inflazione non va affatto bene in un'economia a forte sviluppo, crea una falsa sensazione di crescita, che poi collassa su se stessa.I cinesi stanno perdendo la bussola e pensano di essere già seduti sul trono della super potenza del XXI secolo.Gli americani sono ad un passo dal perdere tutto.Gli Europei per quanto litigiosi e apparentemente inconcludenti, sanno che hanno qualcosa che si chiama CE e che essa è il paradiso e tutti faranno salti mortali per rimanerci.

utente anonimo
Scritto il 14 ottobre 2010 at 17:07

BOSTON (MarketWatch) — Shares of large-cap banks Wells Fargo & Co., Bank of America Corp. and Citigroup Inc. slid more than 4% Thursday on growing concerns about the “robo-signing” foreclosure scandal.

utente anonimo
Scritto il 14 ottobre 2010 at 17:27

Peccato che per Pinocchio e Lucignolo, entrare nel paese dei balocchi ha significato successiva degradazione, umiliazione, fatica, e infine morte :il primo si salva dall'annegamento (una pietra al collo, per ricavare la pelle) per un miracolo, il secondo muore semplicemente di stenti!Collodi, pur fiabesco, sapeva essere estremamente tragico nel suo raccontare.SalutiPhitio

utente anonimo
Scritto il 14 ottobre 2010 at 20:17

mONTECRISTOaLLA  fine   come  preanninciato  qualche  mese  fà  ci  avviamo  verso  il  protezionismo

Scritto il 14 ottobre 2010 at 22:27

Se passeremo dalla svalutazione al protezionismo, praticamente avremo la storia, riveduta e corretta, della crisi del '29.Alla fine a completare il tutto ci mancherà solo lo scoppio della terza guerra mondiale.Già mi sto immaginando uno storico del 2100 che analizzerà i fatti.Ma alla fine che titolo darà al capitolo?Inizio e fine dell'imperialismo capitalista occidentale!Ma poi quale sarà il seguito!Dopo le tigri asiatiche si sveglieranno i leoni africani ( voglio il copyrighit)!

Scritto il 15 ottobre 2010 at 00:39

Sig.Andrea la crisi e' mondiale,prima o poi tocca tutti.Ripeto gli stati uniti saranno i primi a uscire dal tunnel.I pignoramenti e perdita del valore della casa devono essere confrontaticon qualche cento milioni di proprietari senza debito e con un bel gruzzolo in banca.In usa esistono tutt'ora milioni di aziende sane e con tecnologie all'avanguardia.Con regole giuste e pazienza , nel medio periodo gli usa hanno tutte le carte in regola  per andare avanti senza rubare al prossimo.Differente l'europa,principalmente l'Italia dove politici di certo livello come Bersani pensano di risolvere i problemi economici rubando parte della  ricchezza privata , facendo di un'erba un fascio  ed arrivare a punto  e capo,togliendo quella garanzia  che da' fiducia e ci fa' sopravvivere. Belle robe..Silvestro

Scritto il 15 ottobre 2010 at 02:55

…e se invece tutte le Vs. ansie di imminenti catastrofi si rivelassero completamente inutili ? non certo per coloro che sono stati falcidiati dalla crisi con innumerevoli posti di lavoro persi , ma mercati azionari che di solito in anticipo , non preannunciano ma anzi inducono al superamento di questa difficile fase ( anche con nuove manipolazioni ) , cosa saresti costretto a scrivere caro Andrea ?

utente anonimo
Scritto il 15 ottobre 2010 at 06:27

Sarei costretto a scrivere che chiunque dimentica il proprio passato è destinato a riviverlo e che in fondo la nemesi di questa crisi non è ancora compiuta. Le catastrofi che la tua mente immagina di vedere in questo viaggio non esistono, esiste solo un lento ma inesorabile declino, passaggio di testimone, un nuovo ed ennesimo decennio perduto!Andrea

utente anonimo
Scritto il 15 ottobre 2010 at 06:33

….peccato che l'ingenuità faccia dimenticare milioni di uomini che hanno perso la dignità, il loro posto di lavoro! Continuate ad osservare la proiezione del film in fondo è questo quello che vogliono, la recessione è quando intorno a te tutti perdono il posto di lavoro, depressione è quando perdi il tuo, perdi la tua sicurezza, perdi la tua serenità!Bella cosa la speranza. Auguri! Andrea

Scritto il 15 ottobre 2010 at 09:20

Come per quasi tutto il male viene dall'eccesso.E come spesso ci ricorda Andrea le reazioni agli eccessi sono spessoeccessi di segno contrario.Un ragionevole livello di protezionismo negli anni della globalizzazione selvaggia avrebbe aiutato a gestire meglio i flussi di capitali e i disavanzi commerciali che , alla fine sono stati la sorgente di quella liquidità che si è riversata a gonfiare la bolla immobiliare USA.Certamente oggi un protezionismo frutto della paura e non del buon senso potrebbe danneggiare il sistema economico di molte realtà anche se il livello odierno delle interconnessioni commerciali è talmente pervasivo  (un mondo completamente diverso da quello di 80 anni fa) che gli stessi operatori che potrebbero in prima istanza beneficiare del protezionismo rischiano di ricevere inaspettati effetti collaterali negativi.

utente anonimo
Scritto il 15 ottobre 2010 at 09:22

il dollaro debole continua ad alimentare la bolla dell'oro

utente anonimo
Scritto il 15 ottobre 2010 at 09:28

DOVE PORTERA’ LO SCANDALO DEI PIGNORAMENTI AMERICANI ???LA “FESTA E’ APPENA COMINCIATA?””[..] FORECLOSURE GATE, LO SCANDALO DEI PIGNORAMENTI! BENVENUTI NEL PAESE DEI BALOCCHI! Mentre l'amministratore delegato della succursale della Federal Reserve di New York, JPMorgan, Dimon comunica che molto difficilmente vi saranno proble [..]

utente anonimo
Scritto il 15 ottobre 2010 at 09:28

DOVE PORTERA’ LO SCANDALO DEI PIGNORAMENTI AMERICANI ???LA “FESTA E’ APPENA COMINCIATA?””[..] FORECLOSURE GATE, LO SCANDALO DEI PIGNORAMENTI! BENVENUTI NEL PAESE DEI BALOCCHI! Mentre l'amministratore delegato della succursale della Federal Reserve di New York, JPMorgan, Dimon comunica che molto difficilmente vi saranno proble [..]

utente anonimo
Scritto il 15 ottobre 2010 at 10:02

Caro compasso #8, se scoppia una terza guerra mondiale, non ci sarano storici, nel 2100.Non ci sara' nemmeno una Storia, perche probabilmente non ci sara' nessuno a cui interessera apprenderla o insegnarla.Forse dovresti andarti a leggere qualche studio di scenario post-conflitto nucleare.Ti dico solo che dopo 10 anni, la popolazione umana dovrebbe essere sotto i 50 milioni in tutto, in diminuzione. Non so se mi spiego.SalutiPhitio

utente anonimo
Scritto il 15 ottobre 2010 at 12:49

Capitano concedimi questa opportunità : IL MONDO OCCIDENTALE FINO A IERI HA RINCORSO IL SOGNO AMERICANO…IL MONDO ORIENTALE OGGI RINCORRE QUELLO CINESE… http://ilfinanziario.blogspot.com/2010/10/investire-in-cina-warren-buffet-piace_14.htmlAi tuoi ordini Charles ;)

utente anonimo
Scritto il 15 ottobre 2010 at 12:49

Capitano concedimi questa opportunità : IL MONDO OCCIDENTALE FINO A IERI HA RINCORSO IL SOGNO AMERICANO…IL MONDO ORIENTALE OGGI RINCORRE QUELLO CINESE… http://ilfinanziario.blogspot.com/2010/10/investire-in-cina-warren-buffet-piace_14.htmlAi tuoi ordini Charles ;)

utente anonimo
Scritto il 15 ottobre 2010 at 12:59

Phitio ti spieghi,pensa che se facessimo un modello della nostra galassia grande quanto tutta la Terra il nostro sistema solare sarebbe grande come un pallone da calcio.non so se mi spiego

Anonimo
Scritto il 15 ottobre 2010 at 21:10

Per Silvestro #9

 tenga ben stretto il suo gruzzolo perchè Bersani (che è un comunista) potrebbe portarglielo via.

Speriamo che sia investito bene, oro, terra, tecnologia,  perchè fra sei mesi potrebbe trasformarsi in cenere nell'indifferenza del suo amico Berlusconi.

Che pena!

REX

Anonimo
Scritto il 16 ottobre 2010 at 00:11

Dopo tutto stando con i piedi per terra  a chi e' interessato  trasmetto
dei versi trascritti  tempo fa' nel mio diario.Silvestro

Siamo il risultato di un infinito numero di libere azioni
di cui siamo i soli responsabili.

La sofferenza  fa' parte dell'esperienza umana.
Gli uomini si fanno del male a vicenda
– noi facciamo del  male agli altri e gli altri ne fanno a noi.
Esserne consapevoli vuol dire avere  una chiara visione delle cose.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Riprendendo una vecchia canzone di Vasco Rossi, non sono certo i nuovi massimi che fanno paura ai
Questa sera alle 16.00 si svolgerà il webinar UniCredit con ospite Stefano Fanton, trader profes
Velostazione, corsi a distanza e un master interno sono le ultime attività che Eni sta sviluppando
Conoscere i principi della finanza e delle pensioni è meglio che ignorarli, detta così sembra una
Torniamo ancora una volta sulla questione dei siti dove trovare informazioni inerenti le criptov
Oplà, ti pareva che qualcuno, in particolare quelli della CNBC, non facessero uscire la notizia
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercato azionario: titoli value e momentum a confronto I dati macroeconomici continuano ad uscire
Le rimodulazioni tariffarie sono ormai una consuetudine tra gli operatori di telefonia mobile (e fis
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv