PIL: DAL CILINDRO AMERICANO….UNA BALENA BIANCA!

Scritto il alle 06:43 da icebergfinanza

Altro che coniglio bianco estratto dal cilindro magico delle revisioni americane è proprio il caso di dire che questa volta è stata estratta un’intera balena bianca!

Il metodo della scienza è razionale: è il migliore che abbiamo. Perciò è razionale accettare i suoi risultati; ma non nel senso di confidare ciecamente in essi: non sappiamo mai in anticipo dove potremmo essere piantati in asso. Non il possesso della conoscenza, della verità irrefutabile, fa l’uomo di scienza, ma la ricerca critica, persistente e inquieta, della verità. (Karl Popper)

Confidare in dati macroeconomici che  ci vengono propinati settimanalmente ad uso e consumo di mercati isterici e frenetici che non amano attendere conferme, confidare ciecamente in questi dati, nella loro apparenza, significa rischiare di essere piantati in asso all’improvviso, quando ormai crediamo che la tempesta stia per finire.

Nessuna novità sia chiaro, non amo giocare con in numeri senza evidenziare la sostanza, ma talvolta i numeri sussurrano cose diverse a seconda dalla prospettiva da cui vengono letti, che si tratti di contabilità o di presunte revisioni della sostenibilità finanziaria.

Nessuna pretesa sia ben chiaro, in fondo siamo solo  una goccia nel mare noi bloggers, descritti talvolta dai media e dal main stream come marinai impazziti che raccontano leggende metropolitane, insultati quotidianamente nelle bettole dei porti internazionali.

Sicuramente i lettori di vecchia data, ricordano quando tra l’indifferenza dei mercati nel primo semestre del 2007 usci una incredibile revisione da parte del BUSINESS EMPLOYMENT DYNAMICS che trasformava la creazione di oltre 500.000 posti di lavoro comunicati precedentemente dal Bureau of Labour Statistics nel terzo trimestre 2006 in sole 11.000 nuove assunzioni, smascherando nella sostanza la distorsione sistematica prodotta dal modellino statistico stagionale Ces Net Birth/Death che ha la presunzione di ipotizzare quanti posti di lavoro vengono creati in un determinato settore sulla base della tendenza stagionale storica. Stessa cosa avvenne nel maggio del 2008 relativamente al terzo trimestre 2007 quando da più 206.000 posti si passò grazie alle revisioni a meno 235.000 assunzioni.

Sia ben chiaro nessuna manipolazione, solo un sistema di rilevazione dei dati assolutamente non in grado di catturare le svolte macroeconomiche e la realtà del ciclo, enfatizzato da un manipolo di menestrelli analisti ed economisti che si affollano per raccontare ed esaltare leggende metropolitane ad uso consumo del re e della sua corte.

Come scrive il WSJonline all’improvviso ci si accorge che la recessione passata è stata più profonda e che il recupero successivo è più lento del previsto. Una revisione al ribasso nell’arco di sette dei precedenti dodici trimestri favorita da una minore spesa dei consumatori e minori investimenti residenziali. Non ho alcuna intenzione di rilevare lo zero virgola di revisione negativa per ogni anno della Grande Recessione, basta sapere che la revisione ci ha offerto una fotografia inedita della debole ripresa economica americana. 

 

[La recessione]

E’ stato rivisto contemporaneamente al rialzo il reddito personale lungo l’arco di tutta la crisi esaltando quindi, visti i consumi ridotti un tasso di risparmio più elevato con un picco eccezionale del 7,2 % raggiunto nel secondo trimestre del 2009 rimanendo mediamente superiore al 5 % in tutto lo scorso anno e innalzandolo ben oltre il 5 % nel primo semestre 2010.

 Graph of Personal Saving Rate

Se come penso nei prossimi anni durante la fase di deleveraging necessaria per ricostituire la base patrimoniale saliremo sopra il 7,5 %, allora i consumi resteranno compressi per più tempo di quello che il mercato è in grado di comprendere.

 Graph: Personal Saving Rate

Piano, piano di revisione in revisione i dati incominciano a darci ragione, anche il tassello del risparmio privato mancava al puzzle che si sta formando per delineare questo nuovo decennio perduto.

Consumi e occupazione depressi, che in settimana vedrà ulteriormente svanire leffetto censimento 2010 e riproporre nuovamente una perdita di posti di lavoro, con qualche esaltato che crede di far ripartire leconomia inondando di ulteriore liquidità il sistema dimenticando che non vi è alcuna alternativa in questa trappola della liquidità, trappola del debito.

Inoltre anche i profitti al lordo delle imposte sono stati rivisti al ribasso in tutti e tre gli anni trascorsi per una percentuale annua media del 4 %, non male come messaggio per un gruppo di menestrelli analisti ed economisti che si sta dilettando a prefigurare chissà quale ambiente fantastico per i profitti nei prossimi anni ora che le aziende hanno falciato l’occupazione e ridotto al minimo gli investimenti.

Certo un piccolo segnale di speranza arriva dagli investimenti privati, saliti a pompa per il terzo trimestre consecutivo, ma probabilmente la favola manifatturiera sta per volgere al termine, oggi avremo qualche risposta.

Il WSJ riporta che l’industria manifatturiera in Cina si è espansa al ritmo più lento degli ultimi 17 mesi per quanto attendibili possano essere i dati cinesi, avvicinandosi alla line ai 50 punti quella che separa la crescita dalla contrazione economica.

Giustamente come dice J.Bradford De Long sul Sole24oRE vi sono due tipi di economisti…

"(…)Il primo sceglie, per ragioni non economiche e non scientifiche, un orientamento politico e una serie di alleati politici, e gira e regola le sue ipotesi fino a giungere alle conclusioni che meglio si adattano al suo orientamento e che possono compiacere gli alleati. Il secondo prende tutte le ossa della storia, le butta in una casseruola, accende il fuoco e le fa bollire, sperando che le ossa trasmettano degli insegnamenti e suggeriscano i principi per guidare gli elettori, i burocrati e i politici della nostra civiltà, mentre avanzano lentamente verso l’utopia.(…)"

…aggiungendo pure come vedremo a fine settembre nel mio libro che…" Uno dei peggiori segreti dell’economia è che non esiste una teoria economica. In pratica, non esiste una serie di principi fondamentali su cui poter basare i calcoli che spiegano i risultati economici del mondo reale. "
 

E bastata una semplice occhiata al documento PDF emesso dalla BEA senza leggere alcun commento uscito sui media, per comprendere come la ripresa statistica è un fantasma che si aggira tra i castelli di carta di questo sistema.

Il problema non è tanto il fatto che la ripresa sarà più lenta del previsto e molto più lenta delle successive fasi che seguono ogni recessione, ma che la dimensione di questa ripresa è il frutto di una dose di stimoli nell’ordine dei trilioni di dollari che l’economia americana non aveva mai conosciuto prima.La meraviglia della revisione del secondo trimestre è come di consueto relatva al canto del cigno della ricostituzione delle scorte che come più volte osservato abbandonerà progressivamente ed inesorabilmente leconomia americana nel secondo semestre 2010. Inutile ricordare che nel prossimi trimestri l’influsso positivo degli incentivi governativi per l’acquisto di prima casa sparirà come neve al sole, spegnendo un’altro dei motori di riserva dell’economia americana.DGC - Chart 6 - 07 30 10

 

Thanks to Northerntrust

Gli ultimi dati del settore manifatturiero segnalano che le aziende si stanno svegliando dal sogno, osservando che i principi azzurri dei consumi, restano teneri ranocchi che inducono alla revisione delle prospettive future.

Una crescita dello 0,6 % trimestre su trimestre nascosta dallannualizzazione della realtà, fa sparire come nebbia al sole le illusioni comunicate sistematicamente negli ultimi mesi dalla Federal Reserve di una crescita del 3 % annuo, numeri da circo.

La balena bianca estratta dal cilindro della Bea non è tanto la revisione del primo trimestre del 2010 in deciso rialzo, quanto quella crescita del 2,4 % che scompare come ha scritto Bill di Calculatedriskblog attraverso la selva delle revisioni in una sostanziale non crescita, visto che la crescita reale del secondo trimestre è in realtà inferiore a quanto comunicato nel primo, poi successivamente rivisto.

Osservando le percentuali i mercati fanno finta di non accorgersi di come in realtà guardando ai numeri l’importo in dollari fotografi un’altra dimensione anche se di poco inferiore.Le revisioni del PIL Q2 2010

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come riporta il sempre puntuale  Mattacchiuz …

(…) Per mesi, gli istituti di ricerca governativi ci hanno detto che il GDP reale era pari a 13238.6 miliardi di dollari. Confrontiamoli ora con i numeri revisionati appena rilasciati dal BEA:

Trimestre Non Revisionato Revisionato Differenza
Q1 2005 12534.1 12534.1 0.0
Q2 2005 12587.5 12587.5 0.0
Q3 2005 12683.2 12683.2 0.0
Q4 2005 12748.7 12748.7 0.0
Q1 2006 12915.9 12915.9 0.0
Q2 2006 12962.5 12962.5 0.0
Q3 2006 12965.9 12965.9 0.0
Q4 2006 13060.7 13060.7 0.0
Q1 2007 13099.9 13089.3 -10.6
Q2 2007 13204.0 13194.1 -9.9
Q3 2007 13321.1 13268.5 -52.6
Q4 2007 13391.2 13363.5 -27.7
Q1 2008 13366.9 13339.2 -27.7
Q2 2008 13415.3 13359 -56.3
Q3 2008 13324.6 13223.5 -101.1
Q4 2008 13141.9 12993.7 -148.2
Q1 2009 12925.4 12832.6 -92.8
Q2 2009 12901.5 12810 -91.5
Q3 2009 12973.0 12860.8 -112.2
Q4 2009 13149.5 13019 -130.5
Q1 2010 13238.6 13138.8 -99.8
Q2 2010 13216.5 ?????

Avete visto la magia del Real GDP! E per fortuna che lo chiamano Real, perché qui dovrebbe essere chiamato Magic!

In realtà il GDP o PIL ha smesso di crescere, o meglio è cresciuto meno del previsto ma continua percentualmente ad apparire migliore della realtà!

Se inoltre se si rivelassero reali le ipotesi prospettate dalla sempre ben informata GoldmanSachs, nellanalisi proposta da ZeroHedge attraverso l’analisi di Jan Hatzius bravo economista che prende in cosiderazione l’impatto delle possibile tendenze a livello locale, statale e federale della spesa.

Supponendo viste le prossime elezioni di mid term, che il Governo non rinnovi i sussidi di disoccupazione in scadenza a novembre appena rinnovati, che i governi statli dovranno fare a meno di nuovi aiuti federali e che il Governo estenda alcuni tagli fiscali esclusi quelli ad alto reddito eredità dell’amministrazione Bush si passerà da un benefico del 1,3 % ottenuto tra il 2009 e il 2010 ad una perdita del 1,7 % attraverso il 2011 con una differenza sostanziale del 3 % in termini di crescita una previsione che contrasta con l’ottimismo degli analisti tecnici Goldman che rilasciano obiettivi sui mercati azionari stellari evidenziando il loro conflitto di interesse. 

Tornando per un istante ai dati segnalati dal BEA il PIL reale del 2° trimestre 2010 è stato inferiore a quello originariamente segnalato nel primo trimestre. Quello che impressiona è la revisione dei consumi PCE che in prospettiva propongono una ulteriore fase di debolezza probabilmente strutturale, con le vendite reali salite di appena un 1,3 % mentre aumenta il risparmio al servizio del rientro del debito.

C’è da strapparsi i capelli per la gioia ad osservare il contributo degli investimenti residenziali, degli inventari e della spesa pubblica negli ultimi tre trimestri, purchè disponibili a ricordare che nei prossimi trimestri a meno di altri magici conigli bianchi governativi si dovrà fare a meno di questi contributi.

Speriamo che l’ottimismo delle aziende si traduca in nuove assunzioni e sostegno agli investimenti come è stato nell’ ultimo trimestre, senza alcuna ironia.

In settimana avremo una fotografia nitida di quanto è accaduto nell’ultimo mese, con i dati sull’industria manifatturiera e dei servizi e sopratutto sulla dinamica occupazionale.

Dopo circa due mesi di prenotazioni è affascinante notare come  ormai il nostro libro ha raggiunto le 2000 prenotazioni, frutto di circa 500 mail, un regalo fantastico da parte Vostra.

Colgo nel frattempo l’occasione di ringraziare tutti i Compagni di viaggio per la stima e l’affetto dimostratomi in occasione della prenotazione del mio libro in uscita a settembre, scusandomi per l’impossibilità di rispondere a tutti.

Per chiunque volesse lasciare una prenotazione senza alcun impegno, per aiutarci ad avere un’idea di massima di quante copie mandare in stampa alla prima uscita l’appuntamento è cliccando qui sotto sul banner della Madre di tutte le crisi,  , dove troverete un assaggio di quello che verrà …..

 

SE VUOI SOSTENERE ICEBERGFINANZA CLICCA QUI SOTTO!

 
 
Icebergfinanza come un cantastorie che si  esibisce nelle strade e nelle piazze delle città!   

La "filosofia" di  Icebergfinanza resta e resterà sempre gratuitamente a disposizione di tutti nella sua "forma artigianale", un momento di condivisione nella tempesta di questi tempi, lascio alla Vostra libertà, il compito di valutare se Icebergfinanza va sostenuto nella sua navigazione attraverso le onde di questo cambiamento epocale!   

Non solo e sempre economia e finanza, ma anche alternative reali da scoprire e ricercare insieme cliccando qui sotto in ……… 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
54 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 08:19

scusa Andrea, ma credo ci sia qualche problema di impaginazione.

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 08:59

Greenspan si è tradito: non potranno continuare a fare bussolotti in eterno. 2011 double dip , ma le borse lo…anticiperanno di 6 mesi come al solito.

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 10:35

NULLA SARA' COME PRIMAAnche se ci dovesse essere il famigerato double dip, anche se l'economia dovesse restare ingessata per altri dieci anni, non cambierebbe nulla del quadro che la crisi del 2008 ha disegnato.Onestamente non credo nella fine del capitalismo, ne tanto meno in un medioevo dell'economia, anzi ad osservare bene l'attuale crisi non si avvicina minimamente a quella che fu la crisi del '29.Il contesto attuale è molto differente, anche un'evoluzione alla Giapponese dell'attuale crisi mi sembra improbabile, in realtà qualunque cosa succederà non sarà nulla di come avevamo immaginato.Quello che si è osservato fino ad oggi è una corsa alla riduzione dei costi di produzione, al fine di offrire sul mercato occidentale beni ad un costo sempre più basso, nell'illusione di bruciare la concorrenza e dominare i mercati, alla fine l'unica cosa che si è ottenuto è proprio l'impoverimento di quegli stessi mercati occidentali, su cui si voleva competere a tutti i costi.Attualmente è l'economia reale ad essere in crisi, dato che i capitali investiti nella produzione di beni, non garantiscono una remuneratività adeguata.Per questo motivo si è assistito alla corsa verso "il paradiso della finanza" che sembra un regno dei balocchi in cui i capitali si moltiplicavano, in una sorta di illusorio miracolo dei pani e dei pesci.Ora l'occidente è davanti alla sua vera sfida, che è quella di creare un nuovo modello economico, che deve passare dall'industria ai servizi, assisteremo in questo secolo al declino della produzione di beni a favore dei servizi, il Giappone attualmente sta puntando ad una robotizzazione estrema della produzione, ha capito che è inutile competere con i costi di produzione cinese.L'obiettivo è quello di andare, in un paio di decenni al massimo, verso una produzione iper-tecnologica, a quel punto l'industria  farà la fine dell'agricoltura, che da settore maggioritario, in termini di occupazione e produzione, diventerà un settore del tutto secondario.I Cinesi sono in corsa già da molto tempo, ma prima o poi avranno il fiatone e dovranno guardarsi indietro, a quel punto si renderanno conto del disastro sociale  e ambientale che si sono lasciati alle spalle.I grandi grattacieli di Shangai sono suggestivi visti dall'esterno, ma se ci entrate dentro vedrete appartamentini iper affollati con ascensori che non funzionano!!Un professore di economia mi disse che i miracoli non esistono, o meglio esistono solo nella testa della gente.Gli unici ad essere stati miracolati dal grande boom cinese sono stati quella minoranza che ha saputo cavalcare la tigre del capitalismo.In quanto agli altri, se fra 30 anni gli chiederete della Cina ai tempi del miracolo, vi risponderanno con un sorriso amaro che per loro "il miracolo" fu solo un mondo fatto di salari da fame e sfruttamento semi-schiavistico.Gestire un paese con, quasi, un miliardo e mezzo di abitanti è un'impresa titanica, la Cina del futuro farà la fine degli stati del Sud america dopo gli anni 50.Grandi differenze e contraddizioni sociale e un sistema iper burocratizzato e corrottissimo, dove alla fine si renderanno conto di aver puntato tutto su un modello con base la produzione industriale , che  sarà stata come l'agricoltura per il Brasile e l'Argentina degli anni '30, cioè un cavallo perdente.Questo per non parlare dei problemi connessi al fatto che attualmente il mondo non saprebbe dove prenderle le materie prime per un altro miliardo di persone che aspirano a vivere secondo il modello occidentale.Dove diamine si va a prendere ( a breve)  un'ulteriore produzione di cento milioni di barili di petrolio al giorno!!! …….A certo avremo presto energia pulita a basso costo…magari prodotta con le centrali eoliche o con il solare e tante auto elettriche in giro.La storia delle auto elettriche la sento dal 1970 (!) e sembra ogni volta che si stia ad un passo dalla soluzione, in realtà di auto elettriche non ne ho mai visto nessuna.Per la cronoca c'è da dire che in termini di efficienza energetica globale (produzione a monte di elettricità/chilometri percorsi)  le auto elettriche consumano  più energia di quelle a benzina.Quante barzellette ci raccontano, siamo passati dai "magici" pannelli solari, risposta a tutti i nostri problemi…..ai mulini a vento dell'eolico, manca solo Don Chisciotte.

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 11:05

Double Dip …Double Dip Double Dip !!!sisisiiiii

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 11:32

Caro #5, hai torto quando dici che di auto elettriche non ce ne sono. Hai torto quando dici che sono meno efficienti delle auto a combustione interna (come bilancio globale), in effetti con l'energia complessiva di un auto tradizionale ce ne fai andare due elettriche.Hai ragione pero'  quando dici che non servono a salvare la situazione, ovvero a continuare a fare quello che stiamo facendo, con altri mezzi.Le energie rinnovabili non possono e NON DEVONO funzionare secondo il modello economico attuale. Le energie rinnovabili agiscono nel contesto degli equilibri naturali, un modello che prevede il raggiungimento di un bilancio in pari del sistema.L'attualme modello economico, sta semplicemente campando su una enorme eredita' energetica lasciata dai milioni di anni di vita precedente. Sta' dilapidando il patrimonio di energia fossile, a tassi strutturalmente crescenti, come i tumori o le colonie batteriche, vivendo nell'illusione che questa eredita' energetica, minerale, di suoli fertili e di acqua potabile non finira' mai.Invece finira', e il primo e piu' importante limite che verra' incontrato sara' quello della crescita. Limite della crescita: esiste un limite a tutto, tranne che alla stupidita'! GLi alberi non arrivano fino alla luna, i pesci non diventano grandi come il mare che li accoglie.Chissa' perche', nessun economista da rotocalco che si vede in giro mette nel conto che nessun sistema naturale prevede la crescita illimitata dei suoi parametri. Nessuno. Come ben dice Andrea, il problema e' che non esiste una teoria economica! Qualche centianaio di formule empiriche, la stragrande maggioranza imbarazzantemente lineari, ecco tutto! Gia' il numero esagerato di queste formule dovrebbe far capire a che livello di praticantato e inconsistenza generale sia la materia economica.Un modello economico che non includa nelle sue formule le equazioni di bilancio della fisica e della termodinamica, a livello fondamentale, e' una teoria falsa e inconsistente in partenza. E' inutile affannarsi a studiare questo o quel modello, se poi salta fuori che una teoria economica vorrebbe che una mela salti fuori dal nulla, solo in ragione del fatto che qualcuno vorrebbe pagarla una follia.Mi e' piaciuto il tuo riferimento alle risorse petrolifere  impossibili da trovare per sostenere il modello capitalistico cinese. E' esattamente una descrizione immediata delle formidabili forze di richiamo di cui dispone la natura, per abbattere i comportamente umani sbagliati.Non solo la Cina non dispone dell'energia necessaria per ottenere una crescita economica duratura nemmeno per i prossimi 5 anni, ma sta' contemplando attonita come buona parte del suo territorio si stia desertificando, inquinando, impoverendo. La battaglia trentennale di riforestazione e' un bollettino di continue sconfitte. Stanno cercando di deviare il corso di decine di fiumi per ripristinare delle zone umide, e questo e' il maggior segno della disperazione: un po' come cercare di salvarsi dall'anemia mediante autotrasfusioni, mentre nel frattempo continuano selvaggi i salassi.Di quel miliardo e mezzo di persone, ben presto mezzo miliardo si ritrovera' con molta acqua in meno: i ghiacciai Himalayani stanno progressivamente ritirandosi, e moltissime sorgenti stanno prosciugando. Dove andranno? Che fine faranno i tre grandi fiumi cinesi , che lungo tutto il percorso vengono depredati delle acque er irrigare terre via via sempre piu' aride? Se la temperatura media globale si dovesse alzare di un grado, per la sola espansione termica (senza conteggiare lo scioglimento dei ghiacci polari) il livello dei mari si alzera' di un metro, sommergendo una gra quantita' di terra fortemente popolata e coltivata.Questo giusto per ricordare che il Global Warming non e' materia per radical chic da salotto. Si tratta di fame e di sete per centinaia di milioni di uomini, donne, vecchi e bambini. Non stiamo parlando di poveri orsi e pinguini, stiamo parlando di noi. GLi orsi muoiono fuori vista, dei pinguini tanto carini ci interessano solo file e cartoni, suppongo pero' che sarebbe molto meno piacevole ospitare qualche milione di profughi asiatici in italia, ad esempio. Se vengono in pace.Quello che mi sconcerta, a volte, e' la capacita' di non vedere della gente. Anche adesso che la crisi strutturale di sistema , ampiamente prevista fin dai primi anni 2000, sta' colpendo le economie mondiali, anche adesso che i satelliti registrano impietosamente lo sgretolarsi degli ecosistemi, anno dopo anno.Fore madre natura chi ha fatti cosi', perche' ad un certo punto ci togliessimo di torno da soli, che tanto abbiamo gia' dato.SalutiPhitio

Scritto il 2 agosto 2010 at 11:43

Montecristo:Bravo Compasso , oltre  ad  Andrea   riscontro  nei  tuoi  commenti  originalità e cultura  ,sei  sempre  preciso  nei  tuoi  post  e   condivido  molto le  tue  anlisi  sempre  ben  fatte,in effetti  mi sono  posto  anche  io il  problema  della sostenibilità  della  Cina poi  se  pensi  che  hanno avuto  un  progresso  stragalattico  in  soli  15  anni  mentre  gli Usa  ne  hanno impiegati 200.Noi  Italiani  dovremmo   essere  contenti  dell'aumento  delle  classi agiate  cinesi ,chissà  quanti  turisti invaderanno L'italia  nel  prossimo futuro.Stavo  riflettendo  sull'euro   e ho  tratto  una  conclusione  su  quello che  ha  combinato specialmente  a noi Italiani.Ci  sono  5  categorie  di  persone:  gli  spreconi,i consumatori,i  risparmiatori   i  tirchi  e  i taccagni,beh!  l'euro  è  riuscito  a  fare  l'impossibile  a  fatto  spendere  perfino  i  taccagni     è  come  se  avessero   inondato il sistema  di  fish ,  come  in  un  grande  casinò,spendi  spendi  e  non ti accorgi  di  quello che  perdi. 

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 13:02

A proposito di Greenspan……
Abbiamo avuto una quasi depressione immobiliare con almeno quattro quasi bottom annunciati da Greenspan e una quasi depressione economica seguita da una quasi ripresa che in realtà e’ una nuova quasi recessione o chissà depressione …..ma perché dobbiamo sempre ascoltare questi fantasmi pagati a peso d’oro……

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 13:22

Caro Andrea, la risposta la conosci gia': saranno anche fantasmi, ma svolgono egregiamente la funzione di dire quello che serve di volta in volta, un po' come gli sciamani che scacciano la malasorte prima usando scongiuri, poi chiamando la buona sorte, poi dando la colpa al capro, infine dicendo "ve l'avevo detto!", per poi rimangiarsi i goirno dopo qualsiasi cosa.Mi sembra evidente, che questi soggetti sono citati nei massmedia perche' funzionali alle politiche di status quo. Non importa che ne abbiano azzeccate due in tutto, un po' come e capace di fare con l'ora esatta anche un orologio fermo.Pero' secondo me, pero', l'angoscia e la paura sta prendendo piede anche nei poteri forti. Si stanno accorgendo che sara molto difficile preservare lo status quo, e che il futuro e' fin troppo incerto.Il consenso e la pace sociale si preserva sullo ( o sull'illusione di uno) status quo perenne. Lo status quo rassicura. Ma sta finendo.SalutiPhitio

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 14:17

#4….…Pirla….

Scritto il 2 agosto 2010 at 15:02

#9…Pirla sei tu…con stima

Scritto il 2 agosto 2010 at 15:22

dati : ism 55,5: meglio delle attesespese per costruzioni : + 0,1%ted spread in crollo verticalebaltic dry in inversione al rialzoborse : italia 2,5%francia + 3%sp500 + 1,8%oggi non serve nemmeno offendere nessuno, penso che basti la realtà.e si caro deve essere imbarazzante aspettare qualcosa che non si avvera mai, ne devi sapere qualcosa visto che il rischio sistemico avrebbe distrutto il pianeta, come la caduta dell'antico romano impero, robespierre etc etc

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 15:27

p.s ti prego continua con le tue mirabolanti "visioni" adesso avvalse anche da prestigiosi blog "I&m", e dai suoi incredibili economisti all'amatriciana.stai sprofondando nel patetico

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 15:32

Top Stories

Stocks Start New Month on High Note After Big July– Reuters

Wall Street is stronger early Monday, building on last month's advance, as investors focused on encouraging corporate results.

Dow 14,000 in 2011?questo al di la di ogni considerazione ed analisi socio-economica-umanisticaè la situazionemedia fmi fed ocse…quardano solo i mercati-drogatiè cosìè lì  il vero problemai mercati….i tassi sono bassi e bassi resterannoqiesto il motore nonla disoccupazione non la sovrapproduzione non losfruttamento di uomini e risorseil macro è un optionalè virtualee poi si va avanti…nel'insesatezza nell'ingiustizia senzafine 

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 15:32

Top Stories

Stocks Start New Month on High Note After Big July– Reuters

Wall Street is stronger early Monday, building on last month's advance, as investors focused on encouraging corporate results.

Dow 14,000 in 2011?questo al di la di ogni considerazione ed analisi socio-economica-umanisticaè la situazionemedia fmi fed ocse…quardano solo i mercati-drogatiè cosìè lì  il vero problemai mercati….i tassi sono bassi e bassi resterannoqiesto il motore nonla disoccupazione non la sovrapproduzione non losfruttamento di uomini e risorseil macro è un optionalè virtualee poi si va avanti…nel'insesatezza nell'ingiustizia senzafine 

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 15:32

Top Stories

Stocks Start New Month on High Note After Big July– Reuters

Wall Street is stronger early Monday, building on last month's advance, as investors focused on encouraging corporate results.

Dow 14,000 in 2011?questo al di la di ogni considerazione ed analisi socio-economica-umanisticaè la situazionemedia fmi fed ocse…quardano solo i mercati-drogatiè cosìè lì  il vero problemai mercati….i tassi sono bassi e bassi resterannoqiesto il motore nonla disoccupazione non la sovrapproduzione non losfruttamento di uomini e risorseil macro è un optionalè virtualee poi si va avanti…nel'insesatezza nell'ingiustizia senzafine 

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 15:37

#11Bei dati: su quale serie storica, di grazia?Certo, per un bel trading da prendi i soldi e scappa con l'orizzonte temporale di una seduta può andare bene, ma temo che sia di poco conforto per chi campeggia sui tetti delle fabbriche.D'altra parte la saggezza orientale ìncita a vivere l'attimo e la consapevolezza del presente: forse hai ragione tu.Luigi

Scritto il 2 agosto 2010 at 16:00

Caro Toroseduto7070, mi fa piacere che contrasti le analisi di medio periodo di Andrea con dati "meglio delle attese 55.5 invece che 55.0, urca…" uno +zerovirgola di spese per costruzioni (nuove abitazioni?) e i dati di borsa di OGGI. L'unca cosa degna di considerazione e' il tedspread, in calo da circa 15 giorni.Sei proprio un analista coi fiocchi, ad usare simili portenti mumerici. A proposito, quante nuove assunzioni questo mese in USA? 200.000? 500.000?Stanno pensando di alzare forse il tasso di riferimento della FED, visto che tutto procede per il meglio? Ritirare il quantitative easing? A che ritmo trionfale marcia il PIL USA?E se per caso, mettiamo domani, abbiamo un -3% in borsa (come e' avvenuto di quando in quando ultimamente), poi verrai a postare lo stesso?In ogni caso, mi felicito con te per i soldi cha avrai fatto oggi ;)A fine anno, fammi sapere che percentuale positiva hai raccolto sugli investimentiSalutiPhitio

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 16:20

Fai tenerezza ….toro seduto per le tue comparse compulsive… e’ l’originalita quella che ti manca lascia perdere i dati macro hai gia’ fatto brutte figure …

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 16:44

per l'ormai mittttttico toroseduto,se ti avanzano due soldi dai tuoi super guadagni preoccupati di questihttp://www.repubblica.it/economia/2010/08/02/news/abi_a_fine_giugno_sospesi_mutui_a_24_mila_famiglie_italiane-6018656/?ref=HREC1-6di questi, e migliaia d'altri, mi sembra vorrebbe che ci si preoccupasse Andreapaover

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 16:44

per l'ormai mittttttico toroseduto,se ti avanzano due soldi dai tuoi super guadagni preoccupati di questihttp://www.repubblica.it/economia/2010/08/02/news/abi_a_fine_giugno_sospesi_mutui_a_24_mila_famiglie_italiane-6018656/?ref=HREC1-6di questi, e migliaia d'altri, mi sembra vorrebbe che ci si preoccupasse Andreapaover

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 16:44

per l'ormai mittttttico toroseduto,se ti avanzano due soldi dai tuoi super guadagni preoccupati di questihttp://www.repubblica.it/economia/2010/08/02/news/abi_a_fine_giugno_sospesi_mutui_a_24_mila_famiglie_italiane-6018656/?ref=HREC1-6di questi, e migliaia d'altri, mi sembra vorrebbe che ci si preoccupasse Andreapaover

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 17:50

Basandosi sui dati migliori del previsto del primo semestre cercano di sollevare il baraccone, che inevitabilmente tornerà presto a misurarsi con la vera sfida, quella dei 1000 punti SP, perchè il target di fine anno a 940 è ancora tutto integro.

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 18:54

Montecristo:   Caro  Andrea  mi  stai  facendo  preoccupare.Ma  come  mai  cestini  i miei  commenti  contro  Toro  seduto  quando  tu ne  fai  in  continuazione, questa  cosa  è strana  e non la capisco  e  ti  mette  in  cattiva  luce sinceramente.stai  perdendo  punti

Scritto il 2 agosto 2010 at 19:02

Anche a me date tanto l'idea di chi stà aspettando Godot….Oggi poi non era pure cardinal climax….ahahahahah..l'anno scorso invece c'era l'eclisse che spaventava i mercati….ahahahahahahMi sembrate davvero un coro di invasati che vuole vedere sempre il peggio e si stupisce se i dati sono buoni….Toro per me ha completamente ragione….per fortuna non fate trading ragazzi….Io per fortuna seguo solo Migliorino…Salutoni e mi raccomando casco in testa….UNO CHE ERA COME VOI

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 19:51

Montecristo ……basta e avanza la mia ironia senza qualcun'altro che cerchi di ravvivare la discussione sul nulla che ci propone il tenero toro che inoltre è impegnato a trasformare la sua identità proponendo un inedito UNO CHE ERA COME VOI….detto questo propongo di ignorare questo simpatico troll e lasciarlo alle sue fantasie.Andrea

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 20:03

ti assicuro che 20 non sono io, comunque pensa quello che sei un pover uomo.toro seduto.non pubblicare il mio commento tienilo per te, hai veramente bisogno di aiutotoro seduto

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 21:59

scusa toro seduto ma se non ti piace quello che scrive Andrea non leggere il blog !perchè lo insulti ?cosa vuoi ?

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 22:29

torosedoto alias winner aliaschjtipare, forse non ti è noto che l'amministratore del blog vede l'indirizzo IP di chi lascia i commenti.l'indirizzo IP è unico, quindi… non renderti più ridicolo di quello che già appari.

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 22:52

Uno che era come noi e toroseduto confondono l'economia con il trading, una giornata sì (per loro) in borsa di fronte al massacro dell'economia reale e scaricano l'adrenalina del surf giornaliero sulle onde impazzite del monopoli tenuto in piedi grazie alle rotative di Bernanke venendo qui a fare i coretti da stadio.Non ascoltano neanche più Greenspan, non si curano del crollo delle vendite auto, non gl'importa che il Pireo sia fallito e che i dipendenti della municipalità di Zante (dove forse vanno in vacanza) abbiano deciso di astenersi dal lavoro fino a quando non verranno pagati gli arretrati di mesi, che importa se nel nordest gli imprenditori si impiccano ai carriponte; la borsa si impenna!…  Sono come dei bisonti che brucano nella prateria, vedono cadere intorno gli altri bufali ma la cosa non li riguarda, stanno lì fermi; non mettono in relazione quella specie di tuono con il fatto che il compagno di branco si accasci per terra, pensano che ci sarà presto un po' di pioggia. Finchè ho il mio filo d'erba da brucare, non mi può succedere niente, il bisonte accanto a me? "Azzi suoi se si sente un po' stanco… Buffalo Bill non esiste….Luigi

utente anonimo
Scritto il 2 agosto 2010 at 23:35

Lasciatelo dire, Luigi #25, questa tua ultima metafora è davvero spettacolare ;)E si che ne ho visti di film sulla caccia dei bisonti !SalutiPhitio

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 08:28

Carissimo Andrea, sono anni che leggo i tuoi scritti e grazie a te sono riuscito in parte a salvarmi da questo colasso finanziario, pero' lasciatemi dire una cosa, credo che un signor come toro seduto si dovrebbe vergognare a scrivere dei scritti del genere e poi a quale causa scrive certe cose, ma perche' non si va' a sfogare con qualche politico del governo in carica, penso che li troverebbe terreno fertile per insultare e dire quello che pensa, invece di venir qua' a disturbare con dei scritti senza un'analisi un grafico e altro.Buona Giornata a tutti e scusate questo piccolo sfogo…..a semplicemente rotto la minkia

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 11:32

TOROSEDUTO,ti beffi di intermarket ed adori il miglio?ahi ahi, siamo apposto !:-(

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 14:10

C’e’ da strapparsi i capelli dalla gioia per i dati macro vero toro dilettanti allo sbaraglio

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 15:14

Ciao Toro,stai dicendo ad Andrea che ha ragione. Dai sii gentile e dillo come si deve.Buone vacanze a tutti

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 15:14

TORO segui i cicli?

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 15:20

Grazie del regalo Toro,però mi confermi che per te l'economia è la borsa: al di fuori non esiste nulla."punto di inversione  a ribasso in formazione con destinazioneprima decade di ottobre" questa formula alchemica fa il paio con i sistemoni infallibili che si usano nei casinò, comunque sono fiducioso perchè Giove è in trigono e favorisce i viaggi e il relax…Anche Mandrake alle volte azzeccava le puntate su Soldatino, perchè era immerso in quel mondo a parte che sono le scommesse sull'ippica, si studiava i cavalli, gli allenatori, i risultati passati, ma dalla sua puntata non dipendevano i destini di migliaia di famiglie. La borsa è diventata ormai un "mostro" a parte, dove si rincorrono gli andamenti dei titoli mediante "analisi tecniche" che spaziano nell'esoterico, tutti dietro ai sistemoni generati dai computer HFT, cercando di fiutare le mosse dei pochi big players per accodarsi speculativamente… Las Vegas al confronto è un mercato perfetto.Per giustificare il fatto che ormai la borsa è una cosa talmente avulsa dalla realtà si invoca il "Decoupling", un modo elegante per dire che state giocando al monopoli con i soldi che servirebbero al mondo per produrre beni di prima necessità. L'unico legame col reale è che, purtroppo, i soldi sono gli stessi: la finanza è diventata un'enorme zecca che sta facendo morire il suo ospite, ma guardiamo al futuro radioso, c'è un punto di inversione al ribasso in formazione da sfruttare per cavare ancora qualche goccia di sangue da questa rapa! Avanti ciurma! Destinazione prima decade di ottobre!Che tristezza…Luigi

Scritto il 3 agosto 2010 at 15:29

Ma me lo sono sognato il post di Toro Seduto con il suo regalo per ottobre? Eppure la citazione l'ho copiaincollata… o sono solo io che non lo vedo più?Mah…Luigi

Scritto il 3 agosto 2010 at 15:32

32 – invece le paranoie deliranti di qualche blogger, e la demagogia di qualche ben pensante sistemano la fame del mondo e i problemi disoccupazionali, complimenti.p.s non sono da escludere anche delle bull trap fino al 20 agostoM. non dovresti bannarmi tengo alto l'ascolto

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 15:40

Se rispetta gli altri resta se no puff….scompare come neve al sole….se sapessero chi in realtà sei…… Andrea

Scritto il 3 agosto 2010 at 15:47

vogliamo sapere!!!!!!!, chi sei toro?dai!!!

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 15:47

pensa se sapessero chi sei tu ……………………………..

Scritto il 3 agosto 2010 at 15:51

Toro, che reazione piccata… premesso che la fame nel mondo non la risolve di certo il trading sulle commodities, pur desiderando risolverla, riconosco i miei limiti pertanto non ho più di queste ambizioni, mi accontenterei di riuscire ad inculcare nella mia progenie un minimo di senso di giustizia e di etica: sarebbe già moltissimo.Se però siamo daccordo sul fatto che i soldi esistono in quantità finita (espandibile, ma pur sempre finita) e che le decisioni di allocazione influiscono sugli standard di vita dell'umanità nel suo complesso, mi pare che a livello complessivo stiamo assistendo ad un bel fallimento del mercato, con buona pace tua che vedi legittimamente massimizzato il tuo profitto in un settore ben specifico del mondo economico, perchè la maggior parte dei soldi è stata incanalata in una sorta di centrifuga moltiplicatrice "disaccoppiata" dal resto dell'economia, che è invece in crisi di liquidità. C'è da dire poi, dal punto di vista meramente etico e parlando ovviamente a livello sistemico (quindi non ti sto accusando di nulla a livello personale perchè sicuramente non siamo ne io ne tu al livello di influire su queste scelte) che è abbastanza singolare vedere i soldi dei contribuenti, già a corto, andare a finire nelle banche da salvare e vedere che le banche, invece di ungere riconoscenti le ruote della produzione, si fanno le docce di bonus profumati e si giocano tutti questi soldi (nostri) al casinò, perchè questa è diventata la finanza internazionale, anzi peggio: li usano addirittura contro chi glie li ha dati, mettendo sotto scacco gli stati sovrani… è che siamo troppo buoni, in altri tempi ci sarebbe stata la ghigliottina…Tu sei assolutamente legittimato a fare trading e di certo non ce l'ho con te per questo, ci mancherebbe altro! Però contesto il tuo ragionamento di dire che tutto la va ben madama la marchesa perchè tu riesci a fare guadagni in borsa quando fuori dalla borsa si sta apparechiando un deserto niente male.Ripeto: non ascoltate più neanche Greenspan che è dei vostri…CiaoLuigi

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 17:22

Campione a centinaia già lo sanno e a fine settembre lo sapranno tutti . Tu invece e i tuoi amici continuate pure il vostro gioco……

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 17:35

Con tutte queste rettifiche e revisioni di dati ormai l'aritmetica è cambiata: 1+1= 3 rettificato a 2.Ma si sa, cavolo, per il summer rally questo ed altro.PEG

Scritto il 3 agosto 2010 at 18:32

@#38<i>..  la fame nel mondo non la risolve di certo il trading sulle commodities,..</i>luigiza

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 18:34

Luigiza…niente di personale, vorrei solo evitare problemi visti i trascorsi ….ciao Andrea

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 19:35

@#42Comprendo la tua decisione. E' la stessa che prese BeatoTrader quando postai nel suo blog in maniera simile.Nessun problema. Va bene cosìLuigiza

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 20:29

 Il Dipartimento del Commercio ha affermato la spesa dei consumatori e redditi sono rimasti invariati nel mese di giugno, un altro segno di un'economia più lenta. tasso di risparmio del Paese è aumentato, il che significa che i consumatori preferiscono mantenere il loro denaro o pagare il debito che spendere.Il dipartimento ha anche detto ordini di fabbrica sceso più del previsto nel mese di giugno, di cui 1.2 per cento. E di una relazione separata dalla National Association of Realtors ha detto vendite di case pendenti è sceso…DA YAHOO FINANCE TRADOTTO CON GOOGLE.SU TORO SI SCRIVE TROPPO.NO MONEY NO PRTY…LA COHEN DICE CHE SARANNO ROSE E FIORIX I MERCATI L'ECONOMIA MIGLIORA I TASSI FORSE SI ALZERANNOMA NIENTE PAURA…SP A QUOTA 1300.C'è UN DATO AL DI LA DI OGNI DATO AL DI LA CHE MI PREOCCUPA èL'INDICE DI RINCOGLIONIMENTO CRESCIUTO A DISMISURAMA FORSE MI SBAGLIO…

Scritto il 3 agosto 2010 at 20:41

@41, 42, 43… mi sono perso qualcosa? :o)

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 20:47

Buona seraPer ToroSeduto7070 & trader vari anche se il linguaggio che usate e criticabile e "fastidioso" mi farebbe piacere se mi insegnate come si fà a guadagnare soldi/moneta/denaro/valuta operando in borsa……..in caso di guadagno vi spetterà il 10%……..minimo, naturalmente prima di metterci soldi veri mi riservo di "provare" il metodo…………..hihihihihi.Invece se volete un metodo per guadagnare i soldi che vi spettano di diritto vi allego un link che lo spiega http://www.stampalibera.com/?p=14432#more-14432 , altrimenti fatte come vi pare…………problemi vostri !!!!Questo link è dedicato alle altre persone e siete pregati di non leggerlo (intendo i trader) http://www.stampalibera.com/?p=14430SD

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 20:47

Buona seraPer ToroSeduto7070 & trader vari anche se il linguaggio che usate e criticabile e "fastidioso" mi farebbe piacere se mi insegnate come si fà a guadagnare soldi/moneta/denaro/valuta operando in borsa……..in caso di guadagno vi spetterà il 10%……..minimo, naturalmente prima di metterci soldi veri mi riservo di "provare" il metodo…………..hihihihihi.Invece se volete un metodo per guadagnare i soldi che vi spettano di diritto vi allego un link che lo spiega http://www.stampalibera.com/?p=14432#more-14432 , altrimenti fatte come vi pare…………problemi vostri !!!!Questo link è dedicato alle altre persone e siete pregati di non leggerlo (intendo i trader) http://www.stampalibera.com/?p=14430SD

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 20:47

Buona seraPer ToroSeduto7070 & trader vari anche se il linguaggio che usate e criticabile e "fastidioso" mi farebbe piacere se mi insegnate come si fà a guadagnare soldi/moneta/denaro/valuta operando in borsa……..in caso di guadagno vi spetterà il 10%……..minimo, naturalmente prima di metterci soldi veri mi riservo di "provare" il metodo…………..hihihihihi.Invece se volete un metodo per guadagnare i soldi che vi spettano di diritto vi allego un link che lo spiega http://www.stampalibera.com/?p=14432#more-14432 , altrimenti fatte come vi pare…………problemi vostri !!!!Questo link è dedicato alle altre persone e siete pregati di non leggerlo (intendo i trader) http://www.stampalibera.com/?p=14430SD

utente anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 21:27

Scusate, ho dimenticato di firmare, il #45 ero ioLuigi

Anonimo
Scritto il 3 agosto 2010 at 22:30

che il torello sia un provocatore e nien'altro lo dimostra la malafede con cui rileva, precisissimo in questo, solo cio' che più gli fa comodo.vogliamo parlare di quando eri al capezzale dell' EURO (peraltro in ottima compagnia) e pigliavi allegramente ingiro chi (pochi, pochissimi , come al solito: del resto BUE è il popolo e gli erbivori necessariamente devono essere più numerosi dei felini che se ne cibano) sosteneva che se brussel oggi piange domani riderà molto meno washigton?Se ti sei perso qualchecosa (magari eri in ferie) ci penso io:7 giugno: minimo stagionale a 1.19 ('naggiammè che ho dovuto pagare un acquisto in dollari proprio quel giorno…)oggi (è il 3 agosto): 1.3254 in interday. +11% in 2 mesi! E ancora va…

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
Ripartiamo con la solita analisi intermarket con il video TRENDS che ci accompagna ormai da anni.
Setup e livelli angolari Dow Jones Setup Annuale Ultimo :2018 Range: 21712 – 26951 Uscit
Questo potrebbe sembrare un post banale, ma non lo è perché vuole sottolineare un grande probl
Questo potrebbe sembrare un post banale, ma non lo è perché vuole sottolineare un grande probl
E’ giusto dare a Cesare quel che è di Cesare. E allora, sono note a tutti le criticità che h
Ftse Mib. L’indice cerca di staccarsi dalla fase laterale di breve, portandosi oltre il 50% di
Suvvia è un giorno di festa, siamo buoni, Trump aveva bisogno di un dato simile alla vigilia di
Le grandi crisi, mettono a nudo molte criticità, fanno selezione e danno una mano per "guardare
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Nel mondo che funziona “all’incontrario” non vi sarà di certo sfuggito il grafico che ier