FINANZA OMBRA: L’OMBRA DELL’AVVOLTOIO!

Scritto il alle 16:09 da icebergfinanza

 

Come ha scritto in maniera magistrale Enrico Fubini sul Corriere della Sera l’ombra sinistra di Lehman Brother, l’ombra dell’avvoltoio della finanza mondiale che avvolge la democrazia appare attraverso una vera e propria reincarnazione:

" Se la reincarnazione rientra fra le superstizioni della finanza, a Jean-Claude Trichet e Dominique Strauss-Kahn ieri sarà corso un brivido lungo la schiena. Un senso di dejà vu deve aver assalito quei due dignitari francesi, numeri uno rispettivamente della Banca centrale europea e del Fondo monetario internazionale, quando insieme hanno fatto il loro ingresso sotto la volta di cristallo del Bundestag a Berlino. Si trovavano lì per chiedere denaro per salvare la Grecia e l’euro, ma era come se una regia beffarda li avesse guidati in un perfido remake. Entrambi, in privato, avevano deprecato la gestione del fallimento di Lehman in America un anno e mezzo fa. Ma entrambi ieri hanno rimesso in scena una supplica simile a quella che Henry Paulson e Ben Bernanke presentarono al Congresso di Washington nel settembre del 2008: per l’allora segretario al Tesoro e per il capo della Federal Reserve, si trattava di salvare Wall Street con il sì del Congresso a un pacchetto di aiuti pubblici da 700 miliardi di dollari. "

Qualcuno sottolinea che la Storia non si ripete, ma quando viene sottovalutata si diverte a fare la rima. Oggi più che mai il sequestro della democrazia, il sequestro di governi impauriti e talvolta terrorizzati da parte della presunzione di un rischio sistemico è evidente, evidente  nell’azzardo morale con il quale un gruppo di avvoltoi tiene in ostaggio qualsiasi democrazia. Non mi stancherò mai di ripeterlo, anche perchè sia ben chiaro, a coloro che non hanno ancora una chiara consapevolezza di quanto sta accadendo.

Quanto è accaduto in America ed in particolare nella vicenda AIG è qualcosa che va oltre quello che siamo in grado di comprendere. Se oggi qualsiasi governo si rifiutasse di socializzare le perdite tra i suoi contribuenti, verrebbe abbattuto e distrutto da una ondata di vendite e azioni finanziarie combinate che difficilmente potrebbero non essere paragonate ad una dichiarazione di guerra.

Ho come il sospetto che le preoccupazioni di Obama, in relazione alla tragedia greca siano riferite essenzialmente al rischio per il contribuente americano, ovvero ad una eventuale esposizione di quella centrale nucleare di nome AIG, nei confronti dell’ area euro e in particolare dei cosidetti PIGS anche se inglesi e americani, ci fanno compagnia degnamente.

Quello che probabilmente riesce difficile da comprendere oggi alla maggior parte degli attori politici è che la Grecia non ha purtroppo alcuna possibilità di rimborsare il proprio debito anche perchè non esiste alcuna possibilità di estinguere un incendio del debito, azionando ulteriori pompe del debito.

Se qualcuno aveva qualche dubbio, su quale delle quattro  strade indicate dalla McKinsey e da Kenneth Rogoff e Carmen Reinhart era lecito incamminarsi per assistere ad una naturale ed empirica dinamica di rientro dal debito, oltre all’antica soluzione del tentativo di scatenare inflazione incominci pure a prendere seriamente in considerazione una potenziale ondata di default privati e probabilmente sovrani.

Oltre al potenziale esplosivo di una deflagrazione dell’euro sui sistemi finanziari mondiali, sarei interessato a comprendere sino in fondo la situazione dei paesi dell’ Europa dell’ EST, paesi di cui ultimamente si parla troppo poco pensando a come è stato finanziato il loro sogno, un segno fondato sul debito tanto per cambiare.

Prosegue Fubini:

" Ora Trichet e Strauss-Kahn vogliono convincere il parlamento tedesco a sbloccare un prestito che arriverà, in tutto, a circa 100 miliardi di euro. Paulson e Bernanke fallirono al loro primo tentativo e l’indice Dow Jones reagì crollando di 770 punti in sole due ore. Per fortuna la storia non sempre si ripete fino all’ultima curva, Trichet e Strauss-Kahn possono ancora centrare il loro obiettivo. Eppure i corsi e ricorsi della storia potrebbero comunque farli riflettere, perché le catastrofi finanziarie americane dei primi dieci anni del secolo rappresentano già una sorta di manuale per l’Europa sugli errori già fatti e quelli assolutamente da evitare. "

Come ho scritto in passato,  non sarebbe passato poi molto tempo prima  che la finanza ombra venisse a controllare il bluf di un’Europa inesistente, un Europa delle merci e dei capitali, nella cui memoria resterà sempre la grande cicatrice delle più cruente battaglie della storia, storia di popoli, storia di uomini. Si tratta solo di una coesione di facciata, pura finzione.

Infine, per quanto riguarda l’economia, nulla da aggiungere, nella sostanza cambia ben poco, non resta che attendere quello che accadrà quando prima o poi il sostegno governativo verrà  a mancare.

Gli ultimi dati relativi alla crescita del PIL, francamente fanno tenerezza pensando all’imponente dose di sostegno monetario e governativo immesso in questa crisi.

Oltre un milione di sussidi di disoccupazione in America potrebbero dissolversi, se il governo non rinnoverà questa tossicodipendenza dell’economia. La media a quattro settimane dei sussidi continua ad aumentare e questo non è altro che un’ulteriore conferma per le parole della Federal Reserve, ovvero un lungo periodo di tassi sostanzialmente a zero…. " Il comitato continua a prevedere che le condizioni economiche tra cui il basso tasso di utilizzo delle risorse, l’inflazione sotto controllo e le sue aspettative stabili, sono tali da giustificare livelli eccezionalmente  bassi della politica monetaria per un periodo di tempo prolungato…" Amen!
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
23 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 30 aprile 2010 at 16:17

AVETE LETTO QUANTO SEGNALATO DA GIOVANNI ZIBORDI SUL SUO BLOG , RIGUARDO AL SETTORE IMMOBILIARE UK ?PER SALVARE LE BANCHE , DOPO GLI INCENTIVI FISCALI AI NUOVI PROPRIETARI , AGLI AUMENTI DI CAPITALE DELLE HOLDING IMMOBILIARI, ORA  FANNO LE OPERAZIONI DI MERGER – FUSIONI TRA SOCIETA' IMMOBILIARI …. LE STUDIANO TUTTE.PENSO CHE I PALAZZINARI SIANO PIU' AVIDI DEI BANCHIERI USURAI.DA NOI A COMANDARE LE GENERALI CHI E' ORA?GERONZI E CALTAGIRONEDOGE 2012

 Immobili e Casa

 

Altre buone notizie economiche oggi. I prezzi delle case in Inghilterra sono ora saliti dell'11% rispetto ad un anno, aprile 2010 verso aprile 2009 e sono ritornati praticamente ai massimi del 2007. Questo aumento dei prezzi degli immobili ha ovviamente rimesso in sesto le banche inglesi che hanno i bilanci pieni di mutui cartolarizzati e in generale il sistema finanziario pieno di derivati basati sui mutui Il prezzo medio di una casa in Inghilterra è ora di £167,800 contro un reddito medio pro-capite annuale di £25,500 (in sterline). L'Inghilterra al momento è l'unico paese europeo che ha riportato su quasi ai massimi i prezzi delle case (e non a caso che ha anche un aumento dei prezzi in generale).Quindi le case in media costano 167,800/25,500 = 6.6 volte il reddito medio. Prima dell'invenzione dei mutui per la casa per tutti con i quali la stragrande maggioranza le case le compra interamente o quasi a debito il rapporto prezzo della casa/reddito medio annuale era al massimo di 3 a 1 e anche in America per 200 anni quessto è stato sempre il rapporto tra PREZZO DELLA CASA/REDDITO MEDIOQuesto rapporto implicherebbe un costo della casa medio ora di circa 80mila sterline invece che del prezzo medio folle e assurdo attuale di 167mila sterline (in media). Cioè l'invenzione dei mutui per la casa ha fatto raddoppiare i prezzi medi delle case (e aumentare l'indebitamento delle famiglie inglesi dal 40% circa al 140% circa del reddito medio)La Matematica del Prezzo della Casa (media) è:una volta si risparmiava circa un 15% del reddito annuale in Europa ed America, per cui in una famiglia dove lavoravano in due (al reddito medio), usando l'esempio inglese, risparmiavano diciamo 7-8 mila sterline l'anno e in circa 10-11 anni compravano una casa senza indebitarsi (se lavorava solo uno in famiglia impiegava 20 anni). E infatti nel 1970 o 1980 in media le case costavano la metà di oggi (in sterline correnti), cioè costavano sugli 80mila e non 167mila sterline (aggiustate per l'inflazione) e i lavoratori riuscivano (se lavoravano in due) a comprarsele senza indebitarsi. Cioè 20 o 40 anni fa i valori economici (del risparmio e prezzi delle case) avevano sensoOggi gli inglesi risparmiano molto meno, circa il 4-5% del reddito (gli americani 3-4%) e solo i canadesi e tedeschi ancora risparmiano ancora dal 10% al 15% medio del reddito annuale (gli italiani sono sul 10%)Quindi gli inglesi in media (diciamo la famiglia media di lavoratori) oggi impiegherebbero più di 30 anni a comprarsi una casa da 80mila sterline coi soli risparmi (il prezzo medio "giusto" di una casa). In realtà se dovessero comprarsi una casa da 167mila sterline (il prezzo medio attuale) coi risparmi impiegherebbero almeno 50-60 anniNonostante i risparmi si siano ridotti dal 15% al 5% (in percentuale del reddito) i prezzi delle case invece di ridursi come sarebbe logico sono raddoppiati. Perchè la gente usa spesso 1/4 o anche in certi casi un 1/3 del reddito per pagare i mutui. A occhio i prezzi delle case (di fascia media e bassa) sono sopravvalutati del 50% minimo e invece continuano a salire

utente anonimo
Scritto il 30 aprile 2010 at 16:17

AVETE LETTO QUANTO SEGNALATO DA GIOVANNI ZIBORDI SUL SUO BLOG , RIGUARDO AL SETTORE IMMOBILIARE UK ?PER SALVARE LE BANCHE , DOPO GLI INCENTIVI FISCALI AI NUOVI PROPRIETARI , AGLI AUMENTI DI CAPITALE DELLE HOLDING IMMOBILIARI, ORA  FANNO LE OPERAZIONI DI MERGER – FUSIONI TRA SOCIETA' IMMOBILIARI …. LE STUDIANO TUTTE.PENSO CHE I PALAZZINARI SIANO PIU' AVIDI DEI BANCHIERI USURAI.DA NOI A COMANDARE LE GENERALI CHI E' ORA?GERONZI E CALTAGIRONEDOGE 2012

 Immobili e Casa

 

Altre buone notizie economiche oggi. I prezzi delle case in Inghilterra sono ora saliti dell'11% rispetto ad un anno, aprile 2010 verso aprile 2009 e sono ritornati praticamente ai massimi del 2007. Questo aumento dei prezzi degli immobili ha ovviamente rimesso in sesto le banche inglesi che hanno i bilanci pieni di mutui cartolarizzati e in generale il sistema finanziario pieno di derivati basati sui mutui Il prezzo medio di una casa in Inghilterra è ora di £167,800 contro un reddito medio pro-capite annuale di £25,500 (in sterline). L'Inghilterra al momento è l'unico paese europeo che ha riportato su quasi ai massimi i prezzi delle case (e non a caso che ha anche un aumento dei prezzi in generale).Quindi le case in media costano 167,800/25,500 = 6.6 volte il reddito medio. Prima dell'invenzione dei mutui per la casa per tutti con i quali la stragrande maggioranza le case le compra interamente o quasi a debito il rapporto prezzo della casa/reddito medio annuale era al massimo di 3 a 1 e anche in America per 200 anni quessto è stato sempre il rapporto tra PREZZO DELLA CASA/REDDITO MEDIOQuesto rapporto implicherebbe un costo della casa medio ora di circa 80mila sterline invece che del prezzo medio folle e assurdo attuale di 167mila sterline (in media). Cioè l'invenzione dei mutui per la casa ha fatto raddoppiare i prezzi medi delle case (e aumentare l'indebitamento delle famiglie inglesi dal 40% circa al 140% circa del reddito medio)La Matematica del Prezzo della Casa (media) è:una volta si risparmiava circa un 15% del reddito annuale in Europa ed America, per cui in una famiglia dove lavoravano in due (al reddito medio), usando l'esempio inglese, risparmiavano diciamo 7-8 mila sterline l'anno e in circa 10-11 anni compravano una casa senza indebitarsi (se lavorava solo uno in famiglia impiegava 20 anni). E infatti nel 1970 o 1980 in media le case costavano la metà di oggi (in sterline correnti), cioè costavano sugli 80mila e non 167mila sterline (aggiustate per l'inflazione) e i lavoratori riuscivano (se lavoravano in due) a comprarsele senza indebitarsi. Cioè 20 o 40 anni fa i valori economici (del risparmio e prezzi delle case) avevano sensoOggi gli inglesi risparmiano molto meno, circa il 4-5% del reddito (gli americani 3-4%) e solo i canadesi e tedeschi ancora risparmiano ancora dal 10% al 15% medio del reddito annuale (gli italiani sono sul 10%)Quindi gli inglesi in media (diciamo la famiglia media di lavoratori) oggi impiegherebbero più di 30 anni a comprarsi una casa da 80mila sterline coi soli risparmi (il prezzo medio "giusto" di una casa). In realtà se dovessero comprarsi una casa da 167mila sterline (il prezzo medio attuale) coi risparmi impiegherebbero almeno 50-60 anniNonostante i risparmi si siano ridotti dal 15% al 5% (in percentuale del reddito) i prezzi delle case invece di ridursi come sarebbe logico sono raddoppiati. Perchè la gente usa spesso 1/4 o anche in certi casi un 1/3 del reddito per pagare i mutui. A occhio i prezzi delle case (di fascia media e bassa) sono sopravvalutati del 50% minimo e invece continuano a salire

utente anonimo
Scritto il 30 aprile 2010 at 16:17

AVETE LETTO QUANTO SEGNALATO DA GIOVANNI ZIBORDI SUL SUO BLOG , RIGUARDO AL SETTORE IMMOBILIARE UK ?PER SALVARE LE BANCHE , DOPO GLI INCENTIVI FISCALI AI NUOVI PROPRIETARI , AGLI AUMENTI DI CAPITALE DELLE HOLDING IMMOBILIARI, ORA  FANNO LE OPERAZIONI DI MERGER – FUSIONI TRA SOCIETA' IMMOBILIARI …. LE STUDIANO TUTTE.PENSO CHE I PALAZZINARI SIANO PIU' AVIDI DEI BANCHIERI USURAI.DA NOI A COMANDARE LE GENERALI CHI E' ORA?GERONZI E CALTAGIRONEDOGE 2012

 Immobili e Casa

 

Altre buone notizie economiche oggi. I prezzi delle case in Inghilterra sono ora saliti dell'11% rispetto ad un anno, aprile 2010 verso aprile 2009 e sono ritornati praticamente ai massimi del 2007. Questo aumento dei prezzi degli immobili ha ovviamente rimesso in sesto le banche inglesi che hanno i bilanci pieni di mutui cartolarizzati e in generale il sistema finanziario pieno di derivati basati sui mutui Il prezzo medio di una casa in Inghilterra è ora di £167,800 contro un reddito medio pro-capite annuale di £25,500 (in sterline). L'Inghilterra al momento è l'unico paese europeo che ha riportato su quasi ai massimi i prezzi delle case (e non a caso che ha anche un aumento dei prezzi in generale).Quindi le case in media costano 167,800/25,500 = 6.6 volte il reddito medio. Prima dell'invenzione dei mutui per la casa per tutti con i quali la stragrande maggioranza le case le compra interamente o quasi a debito il rapporto prezzo della casa/reddito medio annuale era al massimo di 3 a 1 e anche in America per 200 anni quessto è stato sempre il rapporto tra PREZZO DELLA CASA/REDDITO MEDIOQuesto rapporto implicherebbe un costo della casa medio ora di circa 80mila sterline invece che del prezzo medio folle e assurdo attuale di 167mila sterline (in media). Cioè l'invenzione dei mutui per la casa ha fatto raddoppiare i prezzi medi delle case (e aumentare l'indebitamento delle famiglie inglesi dal 40% circa al 140% circa del reddito medio)La Matematica del Prezzo della Casa (media) è:una volta si risparmiava circa un 15% del reddito annuale in Europa ed America, per cui in una famiglia dove lavoravano in due (al reddito medio), usando l'esempio inglese, risparmiavano diciamo 7-8 mila sterline l'anno e in circa 10-11 anni compravano una casa senza indebitarsi (se lavorava solo uno in famiglia impiegava 20 anni). E infatti nel 1970 o 1980 in media le case costavano la metà di oggi (in sterline correnti), cioè costavano sugli 80mila e non 167mila sterline (aggiustate per l'inflazione) e i lavoratori riuscivano (se lavoravano in due) a comprarsele senza indebitarsi. Cioè 20 o 40 anni fa i valori economici (del risparmio e prezzi delle case) avevano sensoOggi gli inglesi risparmiano molto meno, circa il 4-5% del reddito (gli americani 3-4%) e solo i canadesi e tedeschi ancora risparmiano ancora dal 10% al 15% medio del reddito annuale (gli italiani sono sul 10%)Quindi gli inglesi in media (diciamo la famiglia media di lavoratori) oggi impiegherebbero più di 30 anni a comprarsi una casa da 80mila sterline coi soli risparmi (il prezzo medio "giusto" di una casa). In realtà se dovessero comprarsi una casa da 167mila sterline (il prezzo medio attuale) coi risparmi impiegherebbero almeno 50-60 anniNonostante i risparmi si siano ridotti dal 15% al 5% (in percentuale del reddito) i prezzi delle case invece di ridursi come sarebbe logico sono raddoppiati. Perchè la gente usa spesso 1/4 o anche in certi casi un 1/3 del reddito per pagare i mutui. A occhio i prezzi delle case (di fascia media e bassa) sono sopravvalutati del 50% minimo e invece continuano a salire

utente anonimo
Scritto il 30 aprile 2010 at 21:12

EFFETTO A CASCATAUna cosa che sembra certa  è che un grosso stato andrà presto in difficoltà, bisognerà capire chi sarà questa vittima illustre.Di certo sia  Spagna, Inghilterra che Italia sono in lizza, ma neanche la Germania la racconta giusta, mi chiedo quanto tempo il mercato impiegherà per capire che non è stata solo la Grecia a barare sui conti.Come ho sempre affermato,  quelli che si trovano in una posizione molto vulnerabile sono gli USA, quando si comincerà a capire che l'America non è in grado di raccimolare quei 3000/4000 miliardi di dollari, allora sarà l'epilogo.Nessuno è in grado di salvare gli USA, non sò se arriveremo a quel punto, ma se dovesse succedere allora gli effetti saranno dirompenti.Nella fase iniziale vi sarà un disinvestimento in dollari, accompagnata da una fuga spaventosa dei capitali  americani dai paesi in via di sviluppo.A questo punto buona parte dei BRIC andrà verso una crisi paragonabile a quella delle tigri asiatiche a fine anni 90'. Anzi forse la crisi dei paesi in via di sviluppo potrebbe precedere quella del dollaro e delle finanze americane.L'Europa ne uscirà anch'essa con le ossa rotte, ma lei fortunatamente non ha da difendere un ruolo da superpotenza come gli USATutto dipenderà dal tempo, forse un'altra decina di mesi di stasi economica potrebbero bastare ad affondare tutto e tutti.Come disse un vecchio amico due anni fa "dopo questa crisi nulla sarà come prima" perché bisognerà ridefinire tutto non solo  l'apparato economico-capitalistico ma anche gli equilibri politici.I 120 Euro al giorno che guadagna un operaio Tedesco non sono assolutamente paragonabili ai 0,5 cent di uno Etiope, questo significa che le monete subiranno degli aggiustamenti paurosi e con esso buona parte della forza economica dell'occidente.Potrebbe veramente essere la fine del (neo) colonialismo con tutte le conseguenze del caso.-IL Compasso-

utente anonimo
Scritto il 1 maggio 2010 at 09:07

Per quanto riguarda i paesi dell'est anche io non capivo come fosse possibile da parte della Lettonia un calo del pil del 20 % e rimanere ancora impiedi. Specialmente confrontando con quello che succede in crecia dove il calo del pil molto più contenuto. Poi sono andato a vedere la classifica dei debiti pubblici e ho visto che la Lettonia come gli altri paesi baltici aveva nel 2007 (ho trovato questi di dati) avesse un debito pubblico al di sotto del 10%. La mia è una considerazione assolutamente superficiale e da poco informato di tutti i particolari. Ma se come ha detto Andrea in altri post in Estonia e limitrofi si è deciso di intraprendere la strada della deflazione sempra che consapevolmente hanno tirato il freno a mano per non schiantarsi a differenza degli altri che sono ancora impegnati nella corsa del debito.Massimiliano.

Scritto il 1 maggio 2010 at 10:44

E'ora della TOBI TAX !La Tobin Tax fu pensata nel 1978 come strumento per mettere sabbia negli ingranaggi della speculazione,al tempo sulle monete ed cercare di evitare eccessi.Ora vi riporto uno stralcio di un documento presentato nel European Council su come trovare forme di finaziamento alternativo per lo sviluppo si legge che:

This is especially the case for the taxation of derivatives. The Austrian figures suggest that a general FTT rate of 0.1% could raise between 0.8 and 2.0% of global GDP or USD 410 (EUR 327) billion and1060 (EUR 845) billion in absolute terms.30 The major part of these substantial amounts

(between 80% and 90% of the revenue, depending on the assumptions about the reduction of transactions) would be collected from taxing transactions in derivatives on organised exchanges and transactions on over-the-counter (OTC) derivative markets.Insomma di fronte agli avvoltoi che ci cibano delle nostre vite, una semplice tassa dello 0.1% o uno per mille produrrebbe 327 Miliardi dei Euro !!!!Che si aspetta ?UN ultimo commento perche' sono esplosi tali prodotti non e' stato correlato con la necessita'di fare "volume" per le grandi Trading house dopo il crollo dei volumi sulle transazioni delle monete avvenuta con l'intorduzione dell'Euro…Saluti

utente anonimo
Scritto il 1 maggio 2010 at 12:20

Nessun default, è tutto un gioco di carte dove alla fine Trichet stampa.Vedo  giallo, bianco e nero (oro,argento,petrolio) .PEG

utente anonimo
Scritto il 1 maggio 2010 at 14:55

Gli assurdi ultimamente vanno per la maggiore.Non piu' tardi di 3 mesi fa e' scaduta la prima tranche dello scudo fiscale, definito un grande successo finanziario che ha portato delle casse dello stato italiano 5 miliardi di euro. Si era detto che era inevitabile e che le nostre finanze ne avevano assoluto bisogno in un momento critico. La destinazione di questi denari maggiorati di un interesse del 10% ovvero 5.5 miliardi di euro, vengono oggi stanziati x aiutare la Grecia. Ringraziamo i buontemponi di GS e JP che tanto si divertono a creare maquillage di bilancio ( i primi) e sono i re del mercato dei CDS (li i secondi non li frega nessuno). Andando avanti di questo passo senza intervenire con regole ferree, punendo i colpevoli,  e verificando le transazioni finanziarie, tra un po' dovremo tutti andare all'Avis a donare il sangue x rimpolpare i vampiri che poverini hanno bisogno. Siamo sicuri che poi ad aiuti erogati x la Grecia non vengano poi a downgradare noi xche' il prossimo anno, in una situazione gia' stressata, a bilancio figureranno 5.5 miliardi in meno cosi' poi magari ne pagheremo un 50 miliardi in piu' di interessi sul debito? Vi inviterei a riflettere sul fatto che mediamente si tende a colpire ai fianchi per sfinire l'avversario in attesa di sferrare un gancio al mento… Speriamo almeno questa estate ci facciano uno sconto sui pacchetti vacanza.  un caro saluto a tutta la ciurma, capitano in primisIl Fringuello

Scritto il 1 maggio 2010 at 17:53

Buon giorno e buona Festa del Lavoro……..quale festa !!!!! ci stanno facendo "la festa" (ai lavoratori naturalmente) hehehehe.Per MIMMO #11 di un altro articolo del Capitano, la lettera di Claudio Proietto l'ho copiaata nel link seguente, è scritta nel quinto post: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6981&mode=thread&order=0&thold=0Per CRISALIDE ho letto i suoi post……specialmente #3 sull'oro. Credo che in fondo ci "comprendiamo" e se per caso ha bisogno di qualche lavoretto nel settore edile mi telefoni che ci possiamo mettere d'accordo sul prezzo; naturalmente il valore dell'oro al prezzo di mercato (basta provare a venderlo per conoscerlo) mica la prezzo di borsa !!!!  Vedrà che se lei mi dà qualcosa "di valore", io in cambio le darò un "buon lavoro"……….mica quella roba che trova in giro !!!!!! (forse l'ultima frase può risultare incomprensibile ma un significato c'è).Per finire, se a qualcuno interessa, un link che parla degli USA. Tutti gli imperi prima o poi finiscono….chissà se riusciro a vedere la fine (la decadenza è già iniziata) anche di questo???http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7005SD

Scritto il 1 maggio 2010 at 17:53

Buon giorno e buona Festa del Lavoro……..quale festa !!!!! ci stanno facendo "la festa" (ai lavoratori naturalmente) hehehehe.Per MIMMO #11 di un altro articolo del Capitano, la lettera di Claudio Proietto l'ho copiaata nel link seguente, è scritta nel quinto post: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6981&mode=thread&order=0&thold=0Per CRISALIDE ho letto i suoi post……specialmente #3 sull'oro. Credo che in fondo ci "comprendiamo" e se per caso ha bisogno di qualche lavoretto nel settore edile mi telefoni che ci possiamo mettere d'accordo sul prezzo; naturalmente il valore dell'oro al prezzo di mercato (basta provare a venderlo per conoscerlo) mica la prezzo di borsa !!!!  Vedrà che se lei mi dà qualcosa "di valore", io in cambio le darò un "buon lavoro"……….mica quella roba che trova in giro !!!!!! (forse l'ultima frase può risultare incomprensibile ma un significato c'è).Per finire, se a qualcuno interessa, un link che parla degli USA. Tutti gli imperi prima o poi finiscono….chissà se riusciro a vedere la fine (la decadenza è già iniziata) anche di questo???http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7005SD

Scritto il 1 maggio 2010 at 17:53

Buon giorno e buona Festa del Lavoro……..quale festa !!!!! ci stanno facendo "la festa" (ai lavoratori naturalmente) hehehehe.Per MIMMO #11 di un altro articolo del Capitano, la lettera di Claudio Proietto l'ho copiaata nel link seguente, è scritta nel quinto post: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6981&mode=thread&order=0&thold=0Per CRISALIDE ho letto i suoi post……specialmente #3 sull'oro. Credo che in fondo ci "comprendiamo" e se per caso ha bisogno di qualche lavoretto nel settore edile mi telefoni che ci possiamo mettere d'accordo sul prezzo; naturalmente il valore dell'oro al prezzo di mercato (basta provare a venderlo per conoscerlo) mica la prezzo di borsa !!!!  Vedrà che se lei mi dà qualcosa "di valore", io in cambio le darò un "buon lavoro"……….mica quella roba che trova in giro !!!!!! (forse l'ultima frase può risultare incomprensibile ma un significato c'è).Per finire, se a qualcuno interessa, un link che parla degli USA. Tutti gli imperi prima o poi finiscono….chissà se riusciro a vedere la fine (la decadenza è già iniziata) anche di questo???http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7005SD

utente anonimo
Scritto il 1 maggio 2010 at 19:41

…………ODORE DI SANGUESecondo radio Onda Mare Vecchi squali hanno annusato una scia di sangue….è il sangue di un grosso Marlin Blu.Il pesce  nuota veloce, ma è molto affamato e si sta avvicinando verso la costa e li ad attenderlo ci sono tanti  pescatori con le loro esche.La caccia è aperta!-IL Compasso-

Scritto il 2 maggio 2010 at 09:15

come sempre mazzalai e' impeccabile,con analisi imparziali,corrette e lungimiranti,di fatto non si puo'c he concordare con quanto egli scrive, spesso ci si accorge di quanta carta straccia esca sui vari giornali economici,scritti da pseudo economisti di turno che pensano solo a rimpinguarsi le proprie tasche e al proprio tornaconto,vorrei soltanto mettere un'aggiunta al blog e indurre un pensiero a tuti coloro che leggono assiduamente il blog di andrea,(DICIAMO UNA PULCE NELL'ORECCHIO).IO SONO CONVINTO CHE INSIEME ALLE CORRETTISSIMI VISIONI DI ANDREA,IL MONDO SIA IN MANO AI SIGNORI DELLA MONETA,PIU' ESPLICITAMENTE PARLO DI    " signoraggio"la vera malattia di sempre ,e sempre sottaciuta.cordialita'

utente anonimo
Scritto il 2 maggio 2010 at 11:34

A chi ti riferisci COMPASSO?PORTELLO

Scritto il 2 maggio 2010 at 12:07

Oltre all'oceano finanziario suggerisco di dare un'occhiata ad alcuni FARI…..il nostro TED SPREAD e il LIBOR OIS….nei prossimi giorni la tempesta salira' di intensita'. Andrea

utente anonimo
Scritto il 2 maggio 2010 at 13:57

l'attacco all'euro è scritto. i criminali hanno deciso. nel 2003 è stat la guerra all'iraq. nel 2010 è il sabotaggio dell'euro e dell'unione. raffaele

utente anonimo
Scritto il 2 maggio 2010 at 16:21

Questo si chieam elaborare un piccolo segnale….Devil hide in details…Vedremo.Lle condizioni per una nuova vampata di instabilità ci sono tutti

Scritto il 2 maggio 2010 at 20:49

Anonimo #9 certamente che il mondo è in mano ai "signori della moneta" altrimenti a chi altro??? forse ai giocatori della finanza !!!Sulla questione allego dei link (anche se CRISALIDE sarà un pò seccato………..non penso mica che il signoraggio sia il male assoluto):http://www.stampalibera.com/?p=12035http://www.youtube.com/results?search_query=nicol%C3%B2+bellia&aq=fhttp://www.oltrelacoltre.com/?p=7137 (l'Euro non doveva essere….un affare!!!!)Un altro link che parla di USA !!!!http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7009Un salutoSD

Scritto il 2 maggio 2010 at 20:49

Anonimo #9 certamente che il mondo è in mano ai "signori della moneta" altrimenti a chi altro??? forse ai giocatori della finanza !!!Sulla questione allego dei link (anche se CRISALIDE sarà un pò seccato………..non penso mica che il signoraggio sia il male assoluto):http://www.stampalibera.com/?p=12035http://www.youtube.com/results?search_query=nicol%C3%B2+bellia&aq=fhttp://www.oltrelacoltre.com/?p=7137 (l'Euro non doveva essere….un affare!!!!)Un altro link che parla di USA !!!!http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7009Un salutoSD

Scritto il 2 maggio 2010 at 20:49

Anonimo #9 certamente che il mondo è in mano ai "signori della moneta" altrimenti a chi altro??? forse ai giocatori della finanza !!!Sulla questione allego dei link (anche se CRISALIDE sarà un pò seccato………..non penso mica che il signoraggio sia il male assoluto):http://www.stampalibera.com/?p=12035http://www.youtube.com/results?search_query=nicol%C3%B2+bellia&aq=fhttp://www.oltrelacoltre.com/?p=7137 (l'Euro non doveva essere….un affare!!!!)Un altro link che parla di USA !!!!http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7009Un salutoSD

utente anonimo
Scritto il 3 maggio 2010 at 02:08

SD, grazie per la risposta.Noto che l'articolo linkato del sito Comedonchisciotte offre il suono di altre campane sull'argomento 'signoraggio'. Perchè non ha indicato subito questo link?Ho fatto qualche ricerca sulla 'lettera' del Proietti, diciamo per sapere cosa gli era stato risposto, ma trovo solo la ripetizione della lettera su alcuni siti non definitivi.Il ripetere che Tizio ha spedito una lettera, non fa diventare verità il contenuto di essa. Così non va bene!   Provi a fare Lei analoga ricerca e mi sappia dire.Analoga impressione ho avuto con i video di Bellia: ma chi è costui?che autorevolezza ha sull'argomento? cosa aggiunge al 'mantra'?Provi, invece, a leggere cosa si dice su questo sito riguardo al 'signoraggio' : http://signoraggisti.blogspot.com/… tanto per capire e/o avere uno spettro di opinioni.Insomma, questa storia del signoraggio va capita bene.Ho rispetto di tutte le persone e di tutte le idee, sono disponibile ad allargare i miei orizzonti e/o modificare le mie opinioni.Ma in rete circolano troppe bufale interessate, troppi gatti e volpi, troppi ami. Occorre verificare bene le credenziale di siti ed autori.Stia bene. Anche al Capitano e a tutto l'equipaggio.Mimmo 

utente anonimo
Scritto il 3 maggio 2010 at 02:08

SD, grazie per la risposta.Noto che l'articolo linkato del sito Comedonchisciotte offre il suono di altre campane sull'argomento 'signoraggio'. Perchè non ha indicato subito questo link?Ho fatto qualche ricerca sulla 'lettera' del Proietti, diciamo per sapere cosa gli era stato risposto, ma trovo solo la ripetizione della lettera su alcuni siti non definitivi.Il ripetere che Tizio ha spedito una lettera, non fa diventare verità il contenuto di essa. Così non va bene!   Provi a fare Lei analoga ricerca e mi sappia dire.Analoga impressione ho avuto con i video di Bellia: ma chi è costui?che autorevolezza ha sull'argomento? cosa aggiunge al 'mantra'?Provi, invece, a leggere cosa si dice su questo sito riguardo al 'signoraggio' : http://signoraggisti.blogspot.com/… tanto per capire e/o avere uno spettro di opinioni.Insomma, questa storia del signoraggio va capita bene.Ho rispetto di tutte le persone e di tutte le idee, sono disponibile ad allargare i miei orizzonti e/o modificare le mie opinioni.Ma in rete circolano troppe bufale interessate, troppi gatti e volpi, troppi ami. Occorre verificare bene le credenziale di siti ed autori.Stia bene. Anche al Capitano e a tutto l'equipaggio.Mimmo 

utente anonimo
Scritto il 3 maggio 2010 at 02:08

SD, grazie per la risposta.Noto che l'articolo linkato del sito Comedonchisciotte offre il suono di altre campane sull'argomento 'signoraggio'. Perchè non ha indicato subito questo link?Ho fatto qualche ricerca sulla 'lettera' del Proietti, diciamo per sapere cosa gli era stato risposto, ma trovo solo la ripetizione della lettera su alcuni siti non definitivi.Il ripetere che Tizio ha spedito una lettera, non fa diventare verità il contenuto di essa. Così non va bene!   Provi a fare Lei analoga ricerca e mi sappia dire.Analoga impressione ho avuto con i video di Bellia: ma chi è costui?che autorevolezza ha sull'argomento? cosa aggiunge al 'mantra'?Provi, invece, a leggere cosa si dice su questo sito riguardo al 'signoraggio' : http://signoraggisti.blogspot.com/… tanto per capire e/o avere uno spettro di opinioni.Insomma, questa storia del signoraggio va capita bene.Ho rispetto di tutte le persone e di tutte le idee, sono disponibile ad allargare i miei orizzonti e/o modificare le mie opinioni.Ma in rete circolano troppe bufale interessate, troppi gatti e volpi, troppi ami. Occorre verificare bene le credenziale di siti ed autori.Stia bene. Anche al Capitano e a tutto l'equipaggio.Mimmo 

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
E' stata una settimana, per certi versi di difficile lettura. In realtà interpretare quanto è su
  Iniziamo oggi una serie di appuntamenti con le proposte dei nostri lettori, una se
Ftse Mib. Fallito il tentativo di riagganciare quota 20.000 punti, l'indice ha invertito il senso
Ormai con le banche centrali non c'è più gusto è come tirare un calcio di rigore dalla linea
Oggi scadranno tutte le opzioni ed i futures del mese Settembre. Alle 9,00 scadranno le opzioni Mibo
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
In sintesi qui sotto quello che ha detto ieri il banchiere Jerome Powell, una chiara ed esplicit
Ftse Mib: l'indice italiano oggi apre in rosso dopo il meeting della Fed, ma ancora una volta senza
Da oggi analizzeremo soltanto le scadenze Ottobre e Dicembre tralasciando la scadenza Settembre dove
Dire che il FOMC ha riservato sorprese sarebbe falso. Ma sottovalutare quanto annunciato e le proi