WALL STREET CRASH: ASPETTANDO LA RESA DEI CONTI!

Scritto il alle 09:00 da icebergfinanza

E puntuale come un orologio svizzero è arrivato il rimbalzo del gatto morto che vi avevamo preannunciato, con la gentile collaborazione delle banche di affari americane sollecitate da Mnuchin a far vedere la propria liquidità, la sottomissione della Banca centrale americana alle richieste di Donald Trump e probabilmente, ma non ne siamo certi dalla bozza di accordo tra la Cina e l’America sul commercio globale.

Dagli 11 punti dell’indice americano agli otto di quello tedesco, il rimbalzo del gatto morto è tutto qui ora, dovrà fare i conti con le trimestrali americane.

  • Apple cut revenue guidance (for the first time in 16 years)
  • Macy’s cut profit guidance, sending its shares plunging the most on record
  • Barnes and Noble cut profit guidance
  • FedEx cut profit guidance
  • American Airlines cut guidance
  • Delta cut profit guidance
  • Kohl’s reported a plunge in comp store sales
  • Ford announced it will cut thousands of jobs in Europe
  • Jaguar announced it will cut 10% of its workforce
  • Blackrock announced it will cut 500 jobs
  • State Street announced it will cut 15% of its senior management
  • AQR announced it will cut dozens of jobs
  • United Technologies ended sale of Chubb fire-safety as bids were too low.

Niente male direi come inizio anno!

Ora un attimo di riflessione, tornando indietro di qualche mese…

THE BIG SHORT: LA CRISI CHE VERRA’!

THE BIG SHORT: COMMERCIAL REAL ESTATE!

Noi abbiamo l’abitudine di raccontare la verità, ovvero quello che sta per accadere, non importa quanti mesi dopo o anni, ma prima o poi accade, perché non c’è nulla di sano in questa economia, un’economia fondata esclusivamente sul debito, in questa deflazione da debiti…

Sears è già fallita, possono fare qualunque cosa ma è già fallita, Amazon ha cannibalizzato l’intero settore commerciale tradizionale americano, Macy’s sarà la prossima…

Senza fretta osserveremo nei prossimi mesi e anni gli effetti sul settore edilizio commerciale americano visto che i centri commerciali sono destinati a sparire in gran parte.

Ieri i pargoletti preferiti da Powell erano tutti li con il nasino all’insù ad ascoltare cosa di bello aveva da dire il banchiere preferito da Trump, peccato che dopo aver proferito per ben quattro volte la parola pazienza, il nostro eroe ha fatto subito un’altra giravoltola…

Flessibile e paziente, peccato che subito dopo parlando del bilancio della Banca centrale ha insistito più volte sul livello stesso del bilancio, dicendo che preferirebbe vederlo scendere a quote più normali, insomma che c’è in giro ancora troppa liquidità e i mercati non l’hanno presa bene.

A poi aggiunto che è molto preoccupato del livello del debito americano, si quello che loro di nascosto comprano ogni giorno, monetizzandolo, è come se l’oste fosse preoccupato della sua stessa pancia, di quello che mangia ogni giorno, del vino che produce che ubriaca i suoi clienti. Ma finitela con queste fesserie, il debito è una loro invenzione, un’invenzione delle banche centrali.

Nel frattempo ancora nessuna notizia dai fantastici colloqui tra Cina e America, tutto bene davvero, mentre la Germania sta prenotando senza scampo una bella recessione.

La prossima settimana il parlamento inglese voterà martedi 15 sull’accordo con l’Europa e una May disperata si spinge addirittura a scongiurare i sindacati nel darle una mano a convincere il Labour a sostenere l’accordo, siamo alla canna del gas.

Prima di chiudere, in attesa dell’outlook 2019 dedicato a tutti coloro che hanno “generosamente” sostenuto il nostro lavoro lo scorso anno, un anticipo di quello che verrà attraverso l’intervista di uno dei pochissimi che insieme a noi ha previsto l crisi del 2008…

L’ex CEO di First Pacific Advisors per 25 anni ha avvertito di un’altra terribile crisi finanziaria in arrivo nei prossimi anni. Ora, dice, la probabilità è “quasi certezza”.

Rodriguez, che si è ritirato dall’FPA nel 2016, è ben noto per la previsione della crisi internet del 2001 e la crisi finanziaria del 2008-2009.

Rodriguez  sostiene che la più grande minaccia al mercato è l’eccessiva leva che è stata impiegata per stimolare la crescita economica degli Stati Uniti, ora in rallentamento.

 

 

 

In sintesi, “Il mercato è ora preso in mezzo ad una fase di transizione della politica della Fed che comprende la contrazione del bilancio, la restrizione quantitativa e le più deboli aspettative di crescita economica. Questa realizzazione sta causando ulteriori movimenti sul prezzo delle azioni al ribasso, che è stato e continua a essere il mio punto di vista “.

 

THINKADVISOR: vedi una crisi finanziaria in arrivo?

ROBERT RODRIQUEZ: È praticamente impossibile prevedere i tempi, ma penso che la probabilità sia vicina alla certezza.

Quali sono le tue opinioni sull’attuale correzione del mercato?

Questo è solo il preambolo. Le persone stanno pensando: “Oh, abbiamo già avuto una correzione importante, e stiamo arrivando vicino ai minimi”. Dopo nove anni di folle politica monetaria che ha creato conseguenze non intenzionali che ancora non sappiamo,  scopriremo che questa è solo la fase iniziale.

Riporto solo una parte dell’intervista che a noi interessa…

 

 

 

 

 

Se la correzione del mercato è solo il “preambolo”, cosa viene dopo?

La crescita economica sta rallentando. E ‘stato solo temporaneamente rafforzata dai tagli alle tasse, e si indebolirà nel 2019 e nel 2020. La maggiore crescita del PIL che abbiamo visto quest’anno è stata una funzione delle discussioni commerciali del presidente Trump o, diciamo, della guerra commerciale. Le società hanno accelerato le acquisizioni di inventario in previsione di maggiori costi di importazione. Quindi i due terzi della crescita del PIL nell’ultimo trimestre provengono dall’accumulo delle scorte. Dubito che nel 2019 e nel 2020 vedrai di nuovo l’accumulo di inventario. Mi aspetto che la crescita del PIL rallenti.

 

 

Ascoltate cosa ha da dire sul TIMING!

Ho assolutamente odiato i mercati dei capitali. ho sempre anticipato.  Alcuni dicono: “Sei prematuro, e questo significa che ti stai sbagliando”. Possono anche dire, dato il rialzo del mercato azionario negli ultimi otto anni, “Rodriguez, sei stato un idiota del villaggio.” i dico: “Forse avete ragione”. D’altra parte, il ciclo completo non si è ancora svolto e non abbiamo visto l’effetto deleterio a lungo termine delle politiche monetarie e fiscali non corrette che sono state implementate. Questo è un gioco a lungo termine.

Il nostro è un gioco a medio e lungo termine.

Qualcosa di cui ti senti completamente sicuro?

Sono fiducioso su una cosa: quando questo mercato crollerà per i gestori passivi non ci sarà scampo, così gli ETF e i fondi indicizzati.

Dimmi di più sugli investimenti personali che hai fatto.

Nel corso di quest’anno, ho investito il capitale in titoli del Tesoro con scadenze da due a tre anni. Pensavo che le aspettative della Fed in termini di aumenti dei tassi nel 2019 e nel 2020 fossero, diciamo fossero prive di qualche realtà.

Come sono andati i tuoi investimenti?

Un fondo obbligazionario che possiedo ha generato un rendimento molto migliore di quello che ha reso il mercato azionario nella vendemmia precedente.

Uomo avvisato, mezzo salvato!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.9/10 (8 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +6 (from 6 votes)
WALL STREET CRASH: ASPETTANDO LA RESA DEI CONTI!, 8.9 out of 10 based on 8 ratings
Tags:   |
6 commenti Commenta
reragno
Scritto il 11 gennaio 2019 at 12:12

Ho visto i dati che sono usciti eri ed oggi a livello europeo, uscirà nel weekend sulle sale cinematografiche il nuovo sequel horror “Venerdi 13 la recessione ti siede accanto”

aiccor
Scritto il 11 gennaio 2019 at 12:34

strano che questa redazione non lo faccia…..vabbè lo faccio io:
http://icebergfinanza.finanza.com/2008/03/24/dead-cat-bounce-il-rimbalzo-del-gatto-morto/
agghiacciante somiglianza a distanza di 10 anni tra questi due articoli (notare bene la data) 10 anni fa è andata come sappiamo, e stavolta?
Ai posteri l’ardua sentenza, il tempo è galantuomo e da ragione a chi ce l’ha, ecc. ecc.

ropami
Scritto il 11 gennaio 2019 at 14:06

Continuo a leggere articoli simili e sono certo che prima o poi mercati cresciuti così tanto per tutti gli artifici che conosciamo probabilmente andranno molto più in basso.
Però mi chiedo dare un’ alternativa? E non ditemi solo oro fisico perché sappiamo tutti quanto è difficile detenerlo e quanti rischi comporta…

    icebergfinanza
    Scritto il 11 gennaio 2019 at 14:24

    E leggere Machiavelli no? ;-)

aorlansky60
Scritto il 11 gennaio 2019 at 15:01

@ Ropami 14:06

dare un’ alternativa? non ditemi solo oro fisico…

deve esistere un motivo BEN PRECISO che ha spinto RUSSIA e CHINA (come Stati sovrani) ad acquistare furiosamente GOLD (tutto l’ORO FISICO -non certificati- che sono riusciti a trovare e rastrellare nel mondo) negli ultimi 3 anni(almeno); ed ancora stanno continuando a farlo…

ora non dico che un singolo cittadino possa e debba seguire una strategia operativa che solo certi Stati Sovrani possono adottare (che stanno bene economicamente anche perche dotati di tutte le materie prime nel proprio sottosuolo che altri paesi possono solo invidiare, ad iniziare da OIL e GAS come la RUSSIA) ma evidentemente questi 2 hanno un idea ben precisa di valutazione tra VALORE EFFETTIVO dell’ ORO FISICO rispetto ai prodotti derivati cartacei che stanno inquinando il mondo intero, per centinaia di miglaia di miliardi di $ ascritti a bilancio, se è vero quanto afferma questo art

http://www.wallstreetitalia.com/esma-shock-sta-per-scoppiare-bomba-derivati/

(lo stesso che ha linkato Stanziale nel thread precedente a questo)

Per come è stato imbastito [e drogato] dagli ultimi 10anni di storia, quando questo sistema finanziario farlocco si schianterà, il “ciocco” che ne seguirà si sentirà fin’oltre i confini del Sistema Solare…

reragno
Scritto il 11 gennaio 2019 at 16:29

W Machiavelli !!!!!!!!!!

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Alla fine è finito tutto come abbiamo previsto domenica nel nostro outlook 2019, la May si è s
Avvio in flessione per il Ftse Mib che nei primi minuti della seduta si assesta in zona 19.380 punti
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mentre i media italiani continuano a sbandierare ai quattro venti che le criptovalute sono una b
Mercati: dopo la bocciatura della proposta di accordo presentata dal governo May al parlamento brita
Ci sono tanti indicatori anticipatori. Noi spesso qui adottiamo il CESI, Citigroup Economic Surp
Prima di occuparci della farsa della Brexit e della epocale sconfitta del governo May, occupiamo
Il decreto legge sulla quota 100 che consente(consentirebbe) si poter andare in pensione prima dei 6
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec