TERRORE A WASHINGTON: POWELL SI ARRENDE!

Scritto il alle 09:04 da icebergfinanza

Risultati immagini per POWELL FED FEAR

E alla fine, dopo quella di Draghi arriva anche la resa incondizionata di Powell…

Dopo mesi e mesi di ostentata sicurezza, una delle categorie di esseri umani più ridicole della terra, i banchieri centrali ammettono che le cose non stanno affatto andando bene.

Nel corso di un incontro con il gotha dell’economia e della finanza, all’Economic Club di New York, Jerome Powell ha affermato che ormai i tassi di interesse sono vicini al livello ritenuto neutrale, che cioè non ha effetti né di stimolo né di freno alla crescita.

Il capo della politica monetaria statunitense ha difeso i passati rialzi (forse in risposta alle numerose critiche giunte dal presidente Usa Donald Trump), avvertendo che tenere i tassi troppo bassi troppo a lungo avrebbe esposto a rischi. Ma ha anche aggiunto che non c’è un percorso predefinito su futuri rialzi, che dipenderanno dai dati.

Il nostro falchetto della domenica si è accorto che il mercato immobiliare inizia a sprofondare, dinamica della quale parleremo a breve, tirando però fuori l’Italia come rischio sistemico per nascondere il vero motivo per il quale il ciclo del rialzo dei tassi si è concluso…

La realtà è che il nostro eroe ha ricevuto una telefonata da parte di Donald Trump, anzi negli ultimi mesi ne ha ricevuta più di una!

Questo pollo che si credeva un’aquila, ops scusate, questa colomba che si credeva un falchetto non più tardi di qualche settimana fa, andava in giro a raccontare che i tassi erano ben lontani dal livello neutrale, che l’America aveva davanti ancora una lunga strada per arrivare al livello neutrale sui tassi. Ora invece…

“Circa tre anni fa il FOMC ha giudicato che gli interessi delle famiglie e delle imprese, dei risparmiatori e dei mutuatari, non erano più serviti da tassi straordinariamente bassi, pertanto abbiamo iniziato ad aumentare gradualmente il nostro tasso di riferimento verso livelli più normali in una sana economia: i tassi di interesse sono ancora bassi rispetto agli standard storici e restano appena al di sotto dell’ampia gamma di stime del livello che sarebbe neutrale per l’economia, vale a dire tassi in grado né di accelerare né di rallentare la crescita.I miei colleghi del FOMC ed io, così come molti economisti del settore privato, prevediamo una continua crescita solida, bassa disoccupazione e inflazione vicina al 2%. “

Auguri Ragazzi, cambiate economisti!

Le parole chiave sono state  ” appena sotto neutrale “, parole in grado di far agitare gli psicopatici di Wall Street!

Il grande Mike Shedlock ricorda un aneddoto storico eccezionale, attraverso le parole di Powell…

 

Per gli appassionati di quiz economico del Club di New York, noterò che la seconda presentazione a questo club da parte di un funzionario della Federal Reserve riguardava proprio questo argomento. La data era il 18 marzo 1929. Settimane prima, la Fed aveva emesso una dichiarazione pubblica di preoccupazione per la speculazione sul mercato azionario e aveva fornito orientamenti preoccupati sui finanziamenti bancari di tali speculazioni. William Harding, ex presidente della Fed e poi presidente della Federal Reserve Bank di Boston, ha difeso le azioni della Fed nel suo discorso. Sosteneva che, sebbene la Fed non dovesse agire come arbitro dei  prezzi corretti del mercato finanziario, aveva la responsabilità primaria di proteggere la capacità del sistema bancario di soddisfare le esigenze di credito delle famiglie e delle imprese. Durante la riunione, i critici hanno sostenuto che le dichiarazioni pubbliche sui prezzi delle azioni gonfiati erano “pieni di pericoli”; che la nazione ‘ le banche di erano così ben gestite che non dovevano “affrontare ammonizioni pubbliche”; e, più in generale, che la Fed era “fuori dalla sua sfera”. Naturalmente, Harding parlò solo pochi mesi prima del crollo della borsa del 1929, che segnò l’inizio della Grande Depressione.

Il messaggio implicito da parte di Powell è che la Fed non lascerà che succeda di nuovo un altro incidente. Il messaggio implicito, come scrive Mikem,  è che non solo la Fed ha tutto sotto controllo, ma sta anche esercitando “l’eterna vigilanza” affinché rimanga tale.

Credetemi, la storia insegna che questa categoria ridicola di uomini, non ha mai tenuto nulla sotto controllo, sono estremamente fallaci, come suggerisce la storia, le bolle sono scoppiate per colpa dei banchieri centrali e della Federal Reserve. Questi l’unica cosa che hanno sotto controllo è al massimo il livello di demenza delle loro dichiarazioni, le somministrano a piccole dosi.

La sensazione è che per attenuare il totale fallimento del G20 che si terrà in settimana a Buenos Aires, la Fed abbia fatto salire i mercati americani per attenuare il crollo che ci sarà lunedì. La guerra commerciale continua. Il petrolio è agonizzante!

[Grafico]

Infatti…

Secondo i dati diffusi dal Dipartimento del Commercio nel mese di ottobre 2018 la bilancia commerciale USA ha evidenziato un deficit di 77,2 miliardi, in salita dell’1,3% (0,9 miliardi di dollari) rispetto ai 76,3 miliardi del mese precedente. Il dato è stato superiore ai 77 miliardi di dollari alle stime degli analisti…

International Trade in Goods 
Released On 11/28/2018 8:30:00 AM For Oct, 2018
Prior Prior Revised Consensus Consensus Range Actual
Balance $-76.0 B $-76.3 B $-76.9 B $-79.0 B to $-74.0 B $-77.2 B
Exports % change 1.8 % 2.0 % -0.6 %
Imports % change 1.5 % 1.7 % 0.1 %
  • Le importazioni sono aumentate dello 0,1% in ottobre a 217,764 miliardi di dollari da 217,554 miliardi di dollari in settembre.
  • Le esportazioni sono diminuite dello 0,6%

Questo è un nuovo record del deficit per l’America di Trump 14 miliardi in più dall’inizio della guerra commerciale, la guerra continua.

Oggi parlerà anche Mario Draghi, un altro che deve ancora portare a termine l’unico compito che la BCE ha da portare a termine, ovvero la stabilità dei prezzi.

[Grafico]

Il dipartimento del Commercio Usa ha comunicato che nel mese di ottobre la vendita di case nuove è scesa dell’8,9% a un volume destagionalizzato di 544.000 unità, il livello più basso dal marzo 2016. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento del 3,7% nella vendita delle nuove abitazioni ad un ritmo di 575.000 unità nel mese di ottobre.

La dinamica che potete osservare nel grafico qui sopra è chiara, dal top del novembre dello scorso anno, sono 11 mesi consecutivi di discesa, mentre i tassi sono ai massimi da anni. Un livello di vendite così basso non si vedeva da inizio 2016!

Mi spiegate a cosa serva un analista se la media prevede una salita del 4 % e esce un crollo del 9 %, che cavolo analizzano questi signori oltre ai loro conflitti di interesse?

Questa la situazione…

NORTH EAST 18,5 % calo mese su mese e 46,3 % !!!!!!!!!!!!!!!! rispetto ad un anno fa

MIDWEST 22.1 % calo mese su mese e 16.7 % rispetto ad un anno fa

SOUTH 7.7 % calo mese su mese e 11.6 % rispetto ad un anno fa

WEST 3.2 % calo mese su mese e 1.3 % rispetto ad un anno fa

State sintonizzati, siamo solo all’inizio, il  QE FOUR è dietro l’angolo!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (7 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +6 (from 6 votes)
TERRORE A WASHINGTON: POWELL SI ARRENDE!, 10.0 out of 10 based on 7 ratings
Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Dopo tre sedute di rasserenamento, torna il grande freddo a Piazza Affari. Il Ftse Mib infatti segna
Alberto Oliveti è stato riconfermato all’unanimità presidente dell’Adepp, l’associazione
Quell'aureola a tante stelle che spunta dietro il sorriso da damigella di Conte Tsipras è tutto
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mentre continua il trend al ribasso di tutto il mercato delle criptovalute, che probabilmente se
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue il suo rimbalzo verso la resistenza a 19.600 punti, livello chi
Alla fine la TRIAttativa tra il presidente Mattarella e la Commissione UE è arriva a conclusion
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec