APPLE: UN NORMALE LUNEDI DI PAURA!

Scritto il alle 07:16 da icebergfinanza

Immagine correlata

Ieri i mercati poverini si sono agitati, le motivazioni sono reali, ma Wall Street non può esagerare, diamine, c’è la festa del tacchino da celebrare e il giorno dopo il leggendario black friday da onorare, come farà lo stoico consumatore americano a tenere in piedi la baracca se i listini crollano nella settimana più importante di novembre?

C’è sempre qualche ingenuo o qualche fesso che in mezzo ad una sensibile frenata dell’economia mondiale pensa che le vendite di Apple, di telefonini ed amenità varie salgano all’infinito, si come i prezzi delle case, verdi ed eterne praterie, cieli infiniti per Wall Street.

  • L’ avidità, non trovo una parola migliore, è valid. l’avidità è giusta, l’avidità funziona, l’avidità chiarifica, penetra e cattura l’essenza dello spirito evolutivo. L’avidità in tutte le sue forme: l’avidità di vita, di amore, di sapere, di denaro, ha improntato lo slancio in avanti di tutta l’umanità.  Non sarai tanto ingenuo da credere che viviamo in una democrazia, vero Buddy? È il libero mercato.(Gordon Gekko)

In Giappone non si scherza, dalle stelle alle stalle in pochi secondi, da noi e in Europa invece, sciacalli e iene, depredano quotidianamente, alcuni li mettono pure a fare i presidenti delle commissioni, una a caso, Luxleakes, colpirne uno per educarne cento no vero?

Motivi per scendere ce ne sono a migliaia, un altro lo avevamo proposto in anteprima domenica sera, spiace essere stati profeti…

La guerra commerciale resta sullo sfondo, tutto può accadere, ma ormai l’economia globale è stata infettata, volano parole grosse…

…ma per fortuna in mezzo allo scempio quotidiano, c’è sempre qualche isola di speranza in questo Paese, mentre sciacalli ed avvoltoi quotidianamente strillano, chiedendo più austerità ed altri da sempre, violentano e depredano il bene comune…

Non c’è molto da scrivere oggi, molto di quello che avevamo da dire, noi ottimisti ben informati, lo abbiamo scritto nel fine settimana, dopo Mario Draghi ora anche i governatori della Federal Reserve incominciano a mettere le mani davanti alla frenata globale, in attesa che si trasformi in un “hard landing”, i soliti eccessi in questi anni, troppo debito, troppa disparità di ricchezza, per non assistere ad una nuova crisi…

Nel frattempo l’uomo, il banchiere che doveva salvare l’Europa, sprofonda nei sondaggi travolto dalla protesta di una Francia rurale dimenticata, abbandonata, in nome di un’Europa rigorosa, austerità, tagliare ovunque, soprattutto alla periferia, la Francia degli “ultimi” una rivolta che si spera diventi rivoluzione nelle urne a maggio…

Loro, quelli che incarnano il nazionalismo per eccellenza, prima noi e poi se avanza voi, quelli che delle regole se ne strafregano da anni, la Germania del dumping sociale, del surplus di bilancio, delle banche zombies, ottomilioni di schiavi a 400 euro al mese, la Francia dei Sarkozy, degli Hollande, Attali, dei Macron, predatrice coloniale, sistema bancario sull’orlo del fallimento e via dicendo, si quelli ora di fronte all’inellutabile, si svegliano e vogliono imporre il loro modello di Europa, asserragliati nei loro castelli dorati, , vogliono impedire il caos che loro stessi hanno contribuito a creare, quello che va bene solo a loro…

Alla fine, l’unica notizia buona è che ne usciremo, grazie a persone come l’imprenditore che vuole salvare il capitale umano della Pernigotti, a migliaia di persone che quotidianamente in silenzio lottano per la verità, per il prossimo, per il bene comune, la storia è fatta di momenti drammatici ma anche di momenti esaltanti, di eroismo, di cambiamento, di speranza!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.3/10 (12 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +6 (from 10 votes)
APPLE: UN NORMALE LUNEDI DI PAURA!, 9.3 out of 10 based on 12 ratings
13 commenti Commenta
kry
Scritto il 20 novembre 2018 at 12:04

” La coppia franco tedesca ha il dovere di non far scivolare il mondo verso il caos ”
Ho letto bene ?
A parte che non capisco perchè mondo quando
Io ero convinto che la coppia Merdel-Merdon rappresentasse un €uropa di mer…
A parte questo l’incompententissimo francese non ha capito che assist ha fornito al governo Italiano aumentando i prezzi dei combustibili al punto che quando per sbaglio scaricheranno ancora dei migranti si fermeranno anche alla pompa per fare rifornimento.
Tra poco saranno gli altri a fare quello che per anni hanno fatto gli Italiani ….
… bene un pò più di pil … e accise a chi vuole più europa.

kry
Scritto il 20 novembre 2018 at 13:51

—- ” Ricordiamo che lo stato francese possiede il 15% di Renault, e quindi ha subito sicuramente una bella perdita. Il ministro delle finanze Bruno Le Maire ha affermato a reuters che però, per ora, non ci sono problemi finanziari. Questo è sicuro, ma come sarà contabilizzata la minusvalenza patrimoniale ? Non salterà qualche decimo di punti del PIL francese ? ” —– ( Domanda interessante trovata in rete . )

phitio
Scritto il 20 novembre 2018 at 13:55

“L’ avidità, non trovo una parola migliore, è valid. l’avidità è giusta, l’avidità funziona, l’avidità chiarifica, penetra e cattura l’essenza dello spirito evolutivo. L’avidità in tutte le sue forme: l’avidità di vita, di amore, di sapere, di denaro, ha improntato lo slancio in avanti di tutta l’umanità. Non sarai tanto ingenuo da credere che viviamo in una democrazia, vero Buddy? È il libero mercato.”

No, caro Gekko. Quella che chiami avidita’, in realta’ si chiama Edonismo.

In realta’, senza la cura del prossimo, la collaborazione, il disinteresse, l’affetto e la tensione verso il buono ed il bello, cioe’ le diclinazioni dell’Amore, staremmo ancora qui a scheggiare selce e difendere le nostre grotte dagli animali.

giacomocambiaso78
Scritto il 20 novembre 2018 at 14:26

il gatto e la volpe si dovrebbero preoccupare di non far piombare nel caos le loro 2 rispettive nazioni, ma probabilmente come sempre e’ proprio solo di questo che si stanno preoccupando. come la May nel regno unito ed il Mozzarella nostrano sono inflitrati nemici all’interno del loro paese che cercano di decentralizzare ancora di piu’ per poter mantenere tutti i benefici scaricando ogni responsabilita’, in fondo che cos’e’ la democrazia se non il diritto di giudicare, approvare e rinnovare la classe dirigente, stupisce poco l’aria antidemocratica che soffia dall’elite europea, sono prossimi ad essere sfiduciati dal voto, cercare d’imbavagliarlo e’ l’ultima carta

alveare
Scritto il 20 novembre 2018 at 19:37

ne usciremo certo, ma ora stiamo facendo come Tafazzi!! abbiamo un governo di scappati di casa, giusto fare deficit e spezzare il circolo vizioso dell’austerita ma stiamo facendo deficit PESSIMO

https://mobile.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-11-20/conti-pubblici-fatti-non-parole/AE8HXbjG

charliebrown
Scritto il 20 novembre 2018 at 19:39

La sottoscrizione di questo BTP Italia scadenza 2022 procede molto stentatamente: un po’ per ignoranza del problema, un po’ per paura. In effetti anche io, che qui ho scritto della possibilità che gli italiani sostenessero il debito per il quale siamo sulla graticola, non sono corso a sottoscrivere.
Il ragionamento dice che sarà più conveniente comprare successivamente sul mercato, sicuramente sotto il 100 al quale il BTP viene collocato. Ma lo stesso qualcosa in collocamento domani comprerò, senza entusiasmo lo confesso.

Sembra stiano vincendo i così detti mercati, per questo aspetto. Per altri aspetti no, toccando ferro.
La scaramanzia non è solo dei piccoli dilettanti come me: anche madame Nouy, riferendosi oggi alle banche italiane, oggi ha dichiarato che tiene le dita incrociate, parola di grande vigilante bancaria.
Scherzi a parte, molta comunicazione su immigrati, sicurezza e inceneritori e quasi silenzio sui titoli di stato, a proposito dei quali quello che sentiamo sono solo le parole di rito (spread e mercati) e nient’altro, a parte le lezioni di Cottarelli.

alexandersupertramp
Scritto il 20 novembre 2018 at 21:24

Per gli amanti, come me, del medio-lungo termine.

kry
Scritto il 20 novembre 2018 at 21:30

CORONA DANESE: C’E’ DEL MARCIO IN DANIMARCA?

Scritto il 20 gennaio 2015 alle 11:30 da icebergfinanza

https://www.zerohedge.com/news/2018-11-20/deutsche-bank-shares-hit-record-low-massive-money-laundering-fears

ulisseaiace
Scritto il 20 novembre 2018 at 23:12

https://twitter.com/icebergfinanza/status/1058404121215188992

2 minuti di silenzio..in attesa dello spread a 270…

    icebergfinanza
    Scritto il 21 novembre 2018 at 07:20

    Cicciobello, tu vivi di breve termine e non leggi Machiavelli, lui ha anche detto che non supereremo mai quota 380/400 e che ogni momento è l’occasione buona. Non solo ritorneremo a 270 ma molto più sotto, peccato che anche tu, cicciobello sei uno di quelli che vive di breve termine, il breve termine degli imbecilli! Ciao caro!

stanziale
Scritto il 20 novembre 2018 at 23:22

Ancora aggiotaggio contro l’italia da parte dei vertici ue. In questo caso e’ la Nouiy che a mercato aperti si industria per far salire lo spread italiano
https://scenarieconomici.it/esiste-ancora-il-reato-di-aggiotaggio/
naturalmente con le solite complicita’ delle quinte colonne in italia…senno’ non lo potrebbero fare.

aorlansky60
Scritto il 21 novembre 2018 at 09:32

L’ho già detto altre volte, prima : È ridicolo, e grottesco anche, oltre che avvilente, notare quanta editoria italiana -tramite web stampa e tv, tramite un esercito di personaggi ignoranti e falliti se non avessero trovato un lavoro per cui fare i servi- siano allineati al “politicamente corretto” voluto e condotto da Bruxelles, che insiste nel puntare i riflettori sull’Italia quando è da tutt’altra parte del mondo che conta (USA e China) che si annidano i veri problemi che potrebbero investire il mondo intero con un nuovo uragano anche peggiore di quello di 10anni fà. E i segnali iniziati dal mese di ottobre sono molto chiari.

Contro l’Italia è chiaramente in corso una guerra vera e propria, a volerne destabilizzare (fin’anche a delegittimarne) l’esecutivo di gov attuale, perchè ciò che teme veramente Bruxelles è che questo governo -IN APERTO CONTRASTO ALLA FILOSOFIA UE CHE IMPONE AUSTERITY PER IL RISPETTO DEI CONTI PUBBL, anche a COSTO che a doverne fare le spese siano decine di milioni di esseri umani precipitati nella povertà assoluta– abbia successo nel medio termine e sconfessi clamorosamente l’UE mostrandola per ciò che è veramente : una squadra di asini miserabili vestiti da docenti economici [che recitano come attori su un palco seguendo una sceneggiatura che è stata dettata loro per filo e per segno] che lavorano servili nell’interesse di poteri forti [quasi] extra-STATI, che di sicuro hanno base in FR e DE.

Di fronte a questa difesa sovranista ostinata dei VERTICI politici/economici francesi e tedeschi (LORO SI CHE SONO VERI SOVRANISTI, a parole fanno finta di far credere al parco buoi dell’opinione pubbl europea che “lavorano” per difendere l’europa unita, mentre a fatti difendono solo ed esclusivamente gli interessi di FRANCIA e GERMANIA, facendo credere tramite STAMPA e TV che il “vero pericolo” siano i “populisti” – che in verità al cospetto dei primi sono poveri dilettanti…) un paese sicuramente meno “forte” come l’Italia, SE VUOLE SOPRAVVIVERE mantenendo un ruolo paritario verso FR e DE in EUROPA, deve necessariamente tessere e trovare alleanze forti, anche fuori dall’europa stessa, visto che in Europa ormai ci hanno dichiarato guerra aperta.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Dopo tre sedute di rasserenamento, torna il grande freddo a Piazza Affari. Il Ftse Mib infatti segna
Alberto Oliveti è stato riconfermato all’unanimità presidente dell’Adepp, l’associazione
Quell'aureola a tante stelle che spunta dietro il sorriso da damigella di Conte Tsipras è tutto
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mentre continua il trend al ribasso di tutto il mercato delle criptovalute, che probabilmente se
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue il suo rimbalzo verso la resistenza a 19.600 punti, livello chi
Alla fine la TRIAttativa tra il presidente Mattarella e la Commissione UE è arriva a conclusion
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec