MAY LA TSIPRAS DEL REGNO UNITO!

Scritto il alle 07:35 da icebergfinanza

Risultati immagini per tsipras may

Alla fine avevo ragione, è bastata una rapida lettura delle quasi 600 pagine dell’accordo capestro con l’Europa per vedere sei componenti del governo May dare le dimissioni, una vicenda già nota, più o meno quello che è successo con Tsipras in Grecia, probabilmente basta qualche giorno in una stanza con un “mediatore” europeo e all’improvviso tutti cambiano idea, chissà perché…

In realtà i componenti sono sei, compreso il segretario alla Brexit Dominic Raab, uno degli architetti dell’accordo, uno considerato moderato, probabilmente anche in questo caso è intervenuta all’ultimo momento la famigerata manina!

Sembra che il numero della fronda all’interno del partito conservatore, sia cresciuto a 80, 80 deputati pronti a votare contro l’accordo, così come gli alleati  del Partito unionista democratico e i partiti di opposizione.

Il leader del partito laburista Jeremy Corbyn, ha dichiarato che il suo partito voterà contro l’accordo proposto. “Il governo deve ritirare questo accordo mezzo cotto”, ha detto alla Camera dei Comuni.

In realtà secondo il Financial Times, questo accordo non conclude nulla, potenzialmente mantiene il Regno Unito in una posizione indefinita perennemente, deve continuare a pagare il tributo all’Europa, ma non ha alcun diritto di voto, non c’è alcun accordo reale sulla questione Irlanda e alla fine qualunque controversia verrà decisa ancora dalla Corte di giustizia europea.

Ho davvero il sospetto che la May non abbia nemmeno letto il testo, o qualcuno le ha fatto il lavaggio del cervello come a Tsipras in una notte!

Nono aggiungiamo altro, nel fine settimana a 360 gradi con Machiavelli su tutto quello che serve per osservare attentamente l’orizzonte da qui a fine anno, Powell incomincia ad essere nervoso…

Nessun progresso con la Cina all’orizzonte, lo ha dichiarato Lighthizer e subito dopo Ross…

Ci sono segnali di stress nel mercato coorporate ma soprattutto high yield, abbiamo davanti alcuni momenti davvero interessanti, grazie alla stupidità dei banchieri centrali e della politica in genere…

“Per la prima volta metteremo a dura prova il nostro mercato del credito aziendale”, ha affermato Jones giovedì al Greenwich Economic Forum di Greenwich, nel Connecticut. “Dal punto di vista dei mercati, sarà interessante. Ci saranno probabilmente momenti da paura nel credito aziendale “.

Altman, dal mondo high yield segnali di crisi globale in arrivo. Meglio …

Occhio a dove stiamo andando. Dal mercato internazionale dei leveraged loan e dei bond high yield arrivano segnali di allerta preoccupanti, perché il monte di debito delle aziende è arrivato a livelli record, spinto ultimamente soprattutto dalla crescita delle emissioni e dei finanziamenti verso aziende con rating di credito molto basso. Il tutto mentre i tassi di default sono ai minimi storici e negli Usa non si vede una recessione da otto anni.

E’ il messaggio che la scorsa settimana ha dato, in un incontro a porte chiuse nella sede milanese dello studio legale internazionale Orrick, Edward Altman, il docente Usa della NYU Stern School of Business che ha inventato il noto Z-Score, il primo modello di valutazione standardizzata del merito creditizio aziendale.

Schermata 2018-11-13 alle 06.01.46Secondo Altman, guardando a quanto accaduto nei decenni precedenti, tutto fa immaginare che si stia avvicinando una crisi finanziaria importante, certo non domani mattina, ma forse nel giro di un anno o due. Ogni recessione, ha sottolineato Altman, è sempre stata preceduta da un minimo dei tassi di default, da un massimo dei tassi di recupero, da bassi rendimenti e spread compressi, da un’importante disponibilità di capitali disposti a investire nel debito di aziende a basso merito di credito senza prevedere adeguate garanzie, pur di spuntare rendimenti più elevati. Tutte situazioni che oggi si ritrovano sui mercati, con qualche eccezione particolare, come per l’Italia in questi ultimi mesi, ma tant’è. Il concetto generale è quello che vale e se scoppia il bubbone negli Usa o in Cina, non si salva nessuno.

Ci vediamo domenica, con “Machiavelli in Inghilterra”.

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (9 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +6 (from 6 votes)
MAY LA TSIPRAS DEL REGNO UNITO!, 10.0 out of 10 based on 9 ratings
Tags: ,   |
10 commenti Commenta
giacomocambiaso78
Scritto il 16 novembre 2018 at 13:29

La May s’e’ adoperata con grande impegno per centrare il suo obbiettivo mancato con il referendum. Ha perso tutto il tempo che poteva perdere, ha presentato un accordo invotabile che condannerebbe il Regno Unito alla permanenza perenne nell’UE ed ha fatto tanta terra bruciata intorno ai conservatori quanto basta per distruggerne il consenso. In effetti quale garanzia migliore di cambiare definitivamente i risultati del voto del 2016 se non quello di portare i laburisti al governo dopo aver fallito di concretizzare la Brexit. Continuo a domandarmi se ci sia ancora speranza che un nuovo primo ministro possa presentarsi in parlamento ed ottenere la fiducia per poi procedere alla Brexit senz’accordo, infondo i rigor di logica per questo tipo di Brexit non serve voto del parlamento inglese, solo un accordo e’ soggetto al voto delle camere, senza accordo serve solo la fiducia ad un governo perche’ possa gestirla. I tempi sono troppo stretti per andare ad elezioni, non perche’ non riuscirebbero a votare in tempo, ma perche’ dopo il voto non ci sarebbe tempo per farla la brexit, questo implica un grande rischio nel qual caso gli elettori votassero nuovamente chi la Brexit la vuole fare ad ogni costo com’e’ giusto che sia. Il buon senso dovrebbe chiudere definitivamente questa trattativa senza speranze e procedere con l’hard brexit subito per cercare di limitare al massimo i danni

stanziale
Scritto il 16 novembre 2018 at 17:36

gia­co­mo­cam­bia­so78@fi­nan­za,

Tanti parere e discordanti sul comportamento degli inglesi. Io propendo per l’interpretazione che faranno si la brexit, ma semplicemente anziche’ rompersi le corna a marzo, aspettano la liquefazione della ue a maggio. Ma comunque, tranquilli, sotto il comando tedesco non ci staranno mai. Sono sovrani, mica come l’italia.

giobbe8871
Scritto il 18 novembre 2018 at 13:11

un’immagine meglio di 1000 parole
Bravo Mazzalai

sd
Scritto il 18 novembre 2018 at 15:56

Forse a qualcuno potrebbero interessare i seguenti video. Sicuramente in molti li avranno già visti:
https://www.byoblu.com/2018/11/16/sorpresa-abbiamo-ancora-la-sovranita-monetaria-fabio-conditi-e-francesco-carraro/

https://www.byoblu.com/2018/11/18/alle-porte-della-follia-mauro-scardovelli-e-alberto-micalizzi/

Parlano di economia e anche altro. Buona visione

SD

stanziale
Scritto il 19 novembre 2018 at 11:24

ndf@​finanza,

Evidentemente, queste dichiarazioni da colomba cosi’ come gli Uk , sono perche’ si puntano molte carte sulle elezioni di maggio, la scadenza ormai e’ molto ravvicinata.

phitio
Scritto il 20 novembre 2018 at 23:08

La brexit si verificherà e non sarà quella auspicata a Bruxelles

phitio
Scritto il 20 novembre 2018 at 23:11

Se volete farvi quattro risate (ma anche no) leggetevi un po’ questo… poi sappiatemi dire che grado di accuratezza sarà venuto fuori rispetto ad una agenzia di rating media…

https://www.ecosophia.net/an-astrological-interlude-libra-ingress-2018/

phitio
Scritto il 20 novembre 2018 at 23:17

E questo qui riguarda la brexit, proprio cosi.
Finora ci ha preso alla grande, chissà che non sia il caso di farlo assumere da qualche agenzia di rating…

https://www.ecosophia.net/an-astrological-interlude-brexit/

phitio
Scritto il 28 novembre 2018 at 10:50

Le mie fonti hanno confermato che la proposta della May non sara’ approvata, e che lei si dimettera dal gabinetto… A questo punto, benvenuti nel mondo della Hard Brexit… E che non mi si dica che Bruxelles non abbia spinto in tal senso.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Dopo tre sedute di rasserenamento, torna il grande freddo a Piazza Affari. Il Ftse Mib infatti segna
Alberto Oliveti è stato riconfermato all’unanimità presidente dell’Adepp, l’associazione
Quell'aureola a tante stelle che spunta dietro il sorriso da damigella di Conte Tsipras è tutto
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mentre continua il trend al ribasso di tutto il mercato delle criptovalute, che probabilmente se
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue il suo rimbalzo verso la resistenza a 19.600 punti, livello chi
Alla fine la TRIAttativa tra il presidente Mattarella e la Commissione UE è arriva a conclusion
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec