TRUMP E LO SPETTRO ZIMBABWE!

Scritto il alle 09:01 da icebergfinanza

Risultati immagini per trump furioso

Forse ai più è sfuggito ma ad inizio mese in Sudafrica è successo che…

il presidente Cyril Ramaphosa ha infatti affermato, in un discorso pubblico alla nazione, che assieme al suo governo intende spingere verso una modifica della costituzione, affinché sia possibile l’esproprio delle terre agli agricoltori bianchi senza alcun diritto di compensazione economica, dichiarando che: “È ormai chiaro come il nostro popolo voglia che la costituzione sia maggiormente esplicita sull’esproprio delle terre senza compensazione.

Infatti mentre tutti gli occhi sono puntanti sulla Turchia, il buon Donald si è occupato personalmente della faccenda…

Ho chiesto al Segretario di stato di studiare da vicino la terra sudafricana e le crisi agricole e le espropriazioni e l’abbattimento su larga scala degli agricoltori. “Il governo sudafricano ora sta prendendosi la terra dai coltivatori bianchi.”

Consiglio a tutti di prestare molta attenzione ai propri investimenti in SudAfrica, anche se non dovrebbe essercene bisogno visto che ad inizio anno, nel nostro outlook abbiamo consigliato di stare alla larga dai Paesi emergenti mentre i soliti noti vi consigliavano di acquistare a man bassa.

“I mercati sono sensibili a qualsiasi cosa percepita come ‘Zimbabwe” sul fronte della riforma agraria”

In effetti l’iperinflazione che è principalmente un fenomeno politico, prima che monetario è esplosa proprio a causa dell’esproprio delle terre ai bianchi.

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

Ma la guerra finanziaria prosegue ieri nuovo minimo annuale del rublo…

… e il real brasiliano non se la passa molto bene, in attesa delle elezioni presidenziali, quindi ripetiamo per l’ennesima volta alla larga dai Paesi emergenti.

Discorso a parte merita la situazione politica in Australia, ma di questo parleremo nelle prossime settimane.

Infine noi ve la buttiamo li, ma la Polonia ha una situazione estremamente interessante da tenere d’occhio…

Ma torniamo a noi, soprattutto alla vera guerra commerciale che in molti fanno finta di dimenticare…

Il presidente Usa Donald Trump torna a minacciare dazi contro l’industria automobilistica europea. “Metteremo una tassa del 25% su ogni auto che arriva negli Stati Uniti dall’Unione europea”, ha detto Trump durante una manifestazione elettorale in West Virginia. La dichiarazione del presidente arriva a poche ore di distanza dalla decisione del ministro del Commercio, Wilbur Ross di rinviare la scadenza di agosto per la pubblicazione di un rapporto sulle tariffe automobilistiche. AGI

Nel frattempo in Asia sono entrate in vigore le tariffe sui beni cinesi e da Jackson Hole nessun segnale distensivo da parte della Federal Reserve a proposito di aumento dei tassi con il dollaro che inverte di nuovo la rotta, dopo aver messo a segno un inutile rimbalzo del gatto morto e i rendimenti continuano inesorabilmente a scendere…

Per concludere una notizia che ai mercati non fa ne caldo ne freddo, ma che noi mettiamo da parte come le formichine per l’inverno che verrà!

Per il quarto mese consecutivo sono calate le vendite di case esistenti, ma ciò che conta è cosa accadrà oggi con le vendite di nuove abitazioni.

Nel frattempo si scoprono i verbali dell’ultimo incontro della FED in attesa dell’incontro di Jackson Hole che si terrà domani, il rischio al rialzo per l’inflazione a breve termine è secondo la FED, controbilanciato dal rischio al ribasso secondo il quale le aspettative di inflazione a più lungo termine potrebbero essere inferiori a quanto ipotizzato nelle previsioni del personale stesso.

In parole povere abbiamo avuto ragione noi, nonostante tutto, in questi ultimi due anni, nessuna speranza di una ripresa dei rendimenti…

Risultati immagini per zero

La maggior parte dei governatori ha espresso perplessità sull’escalation delle controversie commerciali internazionali, un potenziale rischio al ribasso per l’attività reale.

 Alcuni partecipanti hanno suggerito che, nel caso di una grave escalation delle controversie commerciali, la complessa natura delle questioni commerciali, compresa l’intera gamma dei loro effetti sulla produzione e sull’inflazione, rappresenta una sfida nel determinare la risposta appropriata alla politica monetaria.

E sulla curva dei tassi…

I partecipanti hanno anche discusso le possibili implicazioni di un appiattimento nella struttura a termine dei tassi di interesse di mercato. Diversi partecipanti hanno citato prove statistiche per gli Stati Uniti ,che le inversioni della curva dei rendimenti hanno spesso preceduto le recessioni. Hanno suggerito che i responsabili delle politiche dovrebbero prestare molta attenzione alla pendenza della curva dei rendimenti nel valutare le prospettive economiche e politiche. Altri partecipanti hanno sottolineato che dedurre la causalità economica dalle correlazioni statistiche non era appropriato. Un numero di fattori globali è stato visto come un contributo alla pressione al ribasso sui premi a termine, compresi i programmi di acquisto di attività della banca centrale e la forte domanda mondiale di attività sicure. In tale contesto, un’inversione della curva dei rendimenti potrebbe non avere il significato che la documentazione storica suggerisce.

Più il mercato sottovaluta la guerra commerciale e il suggerimento che viene dal mercato obbligazionario e più siamo contenti, la prossima non sarà una semplice tempesta perfetta!

Ovviamente, questa volta è diverso … suggeriscono loro, noi siamo di tutt’altra opinione!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

VN:D [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (9 votes cast)
VN:D [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 8 votes)
TRUMP E LO SPETTRO ZIMBABWE!, 10.0 out of 10 based on 9 ratings
3 commenti Commenta
kry
Scritto il 23 agosto 2018 at 14:20

Perchè la Polonia e non la GB ?
La Polonia ha dati migliori rispetto la GB soprattutto è positiva nella bilancia commerciale mentre la GB risulta essere al quinto posto in % al pil con -4,1 ( turchia al terzo posto con -5,5% ).

signor pomata
Scritto il 23 agosto 2018 at 17:44

kry@​finanza,

Anche io ho dei dubbi sulla polonia.
Il primo è che i capitali in moneta estera convogliano in investimenti produttivi e non è facile che escano velocemente rispetto a un investimento finanziario.
Prova ne è che è difficile trovare bond polacchi in dollari mentre i turchi ce ne sono a bizzeffe.

sd
Scritto il 24 agosto 2018 at 20:09

Buona sera
Dal SudAfrica è meglio stare alla larga non solo per motivi finanziari, ma anche per il colore della pelle…….chi vuol capirla bene altrimenti faccia il buonista di sinistra.

SD

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Apertura positiva per Piazza Affari, con il Ftse Mib che con un avvio in area 21.300 punti contabili
Il governo non demorde sulla pensione di cittadinanza e del relativo importo mensile di 780 euro, no
GAM: liquidazione dei fondi unconstrained/absolute return bond funds completata nei prossimi mesi.
Probabilmente molti di Voi non ci hanno fatto caso nell'ultimo manoscritto di Machiavelli, nella
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Forse qualcuno si sarà chiesto che fine avrò fatto. Purtroppo la vita spesso ci riserva delle
Ftse Mib: l'indice italiano è tornato sulla prima resistenza statica importante  a 21.122 punti, d
Riproduzione riservata STAY TUNED! Danilo DT (Clicca qui per ulteriori dettagli) Segui @in
Continua la costante e persistente sottovalutazione degli effetti della guerra commerciale in at
Sorpresa. Inflazione meno forte del previsto. Questo è un dato che potrebbe dare una boccata di o