MILLEPROROGHE: LA RIFORMA NELLA RIFORMA DELLE BCC!

Scritto il alle 07:19 da icebergfinanza

Chi mi conosce sa che provengo dal mondo cooperativo, da oltre 33 anni il mio cammino professionale è stata all’interno del mondo cooperativo, in una banca di credito cooperativo, come consulente finanziario negli ultimi anni. La mia totale contrarietà alla recente riforma delle BCC è risaputa, una riforma fatta sulla base del fate presto, ce lo chiede l’Europa, ce lo chiede la BCE.

Assolutamente d’accordo sull’assunto, sulla tesi della necessità di creare una struttura efficiente e in grado di competere oggi sul mercato, per far fronte alle sfide che il futuro ci prospetta, ma non in quella maniera, la maniera con la quale il precedente governo ha imposto le riforme delle banche popolari e delle banche di credito cooperativo.

Non da ultimo, uno dei motivi per cui la precedente riforma mi lasciava estremamente perplesso, le sue modalità, era questo…

Ma andiamo oltre e veniamo alla splendida notizia di ieri, il primo step di un lunga battaglia che proseguirà in Europa, grazie all’attuale governo, soprattutto grazie alla Lega di Alberto Bagnai e al suo prezioso ed infaticabile lavoro…

Non entro ora nel merito, ci sarà tempo e modo di parlare più avanti di questa riforma ora quello che è importante è che in questa prima fase, si è messo mano a una serie di criticità che rischiavano di mettere a serio rischio uno degli ultimi patrimoni che è rimasto a questo Paese.

La tragica situazione nella quale versano le Casse regionali del Credit Agricole, dal punto finanziario, la loro attuale leva finanziaria, sono per noi un punto di riferimento per non commettere gli stessi errori…

Noi avevamo messo tutti in guardia ancora nel 2015…

BCC: IL MODELLO GIUSTO E’ IL CREDIT AGRICOLE! 

Ma torniamo ai punti salienti di questa riforma della riforma, avvenuta soprattutto grazie al personale interessamento del senatore Alberto Bagnai.

Una riforma, quella di Renzi, lanciata a colpi di tweet e senza un dibattito pubblico su un sistema che per 150 anni ha funzionato. A dimostrazione c’è da ricordare che anche durante la crisi bancaria 2011-2013, quando si è avuta un problema col credito erogato dalle banche, le Bcc sono riuscite ad andare in controtendenza. Nel 2014 avevano coefficienti patrimoniali più elevati del resto del sistema bancario italiano e del sistema bancario estero.

Con questo non si possono nascondere, comportamenti spregiudicati, criticità e malgoverno attuati da alcune BCC in Italia, ma si deve guardare all’insieme del sistema.

Dopo gli annunci di Conte, ad inizio mandato, sembra che sul caso abbiano pesato le parole dell’economista della Lega Alberto Bagnai che ha chiesto l’immediato blocco della riforma Renzi, fino a quando le regole europee continueranno a penalizzare le banche italiane, ignorando i fattori di rischio accumulati invece dalle banche di minori dimensioni in Germania.

Qui gli aspetti tecnici!

La proroga alle Bcc per i patti di coesione sale a 180 giorni. Il ministro dell’Economia Giovanni Tria spiega che che lo slittamento è stato deciso “per consentire alle banche di tener conto anche di questa nuova riforma. Penso che gli istituti avrebbero avuto difficoltà per valutare le modifiche in pochi giorni e immaginiamo che attendano la conversione del decreto”. Tra l’altro, aggiunge Tria, “viene rafforzato il mantenimento effettivo del carattere di credito cooperativo” delle Bcc, “il carattere mutualistico di banche strettamente legate al territorio e con una finalità molto specifica. Questa riforma va incontro alle osservazioni raccolte”.

La linea è quella di “restituire più potere alle banche di credito cooperativo, che nel progetto di riforma” precedente “venivano pressoché assorbite nella capogruppo”, afferma ancora Conte. Per il capo del governo con questo decreto viene rafforzata la finalità mutualistica e viene conservato il radicamento nel territoriodi questi organismi bancari. Nell’ambito della riforma delle Bcc “le partecipazioni sociali” degli istituti di credito cooperativo nella banca capogruppo “salgono al 60%, i rappresentanti salgono alla metà più due, è prevista consultazione delle banche di credito cooperativo, c’è una maggiore autonomia sul piano delle strategiee delle politiche commerciali“.

Due gli obiettivi della riforma, sostiene il governo: il rafforzamento del patrimonio delle Bcc e la garanzia del carattere mutualistico delle banche di credito cooperativo, del loro carattere localistico. “Secondo noi – dice Tria – mentre la prima finalità era garantita dalla riforma così com’era stata attuata, la seconda presentava dei problemi critici e quindi siamo intervenuti”. Con la riforma sarà innalzata al 60 per cento – dal 50 più uno per cento previsto in precedenza – la quota minima capitale della capogruppo che deve essere detenuta dalle singole Bcc, e la possibilità di ridurre questa soglia di partecipazione al capitale della capogruppo può essere decisa solo da un Dpcm e non su semplice delibera del ministero dell’Economia”, spiega Tria. Inoltre la metà più due dei componenti dei cda del gruppo “dovranno essere espressione delle banche di credito cooperativo aderenti al gruppo”.

L’inizio di una nuova storia, è bastato un semplice NO per migliorare molte criticità!

Attendiamo con fiducia il fuoco di sbarramento di coloro che non perderanno tempo a criticare, a cercare di denigrare, distruggere, ascolterete come sempre nei prossimi giorni le critiche dei principali portatori di interesse della recente riforma del Governo Renzi, imposta dalla BCE.

Ora il prossimo step è impedire che il nostro sistema cooperativo, passi sotto la vigilanza asettica della BCE

Non bisogna mai avere fretta, enorme era l’interesse nazionale in gioco, ma è solo l’inizio di un lungo cammino, ricco di insidie e di pericoli, ma foriero di opportunità e migliooramenti. Oggi splende il sole, sul mondo cooperativo, godiamoci questo giorno.

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.7/10 (14 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 11 votes)
MILLEPROROGHE: LA RIFORMA NELLA RIFORMA DELLE BCC!, 8.7 out of 10 based on 14 ratings
Tags: ,   |
2 commenti Commenta
charliebrown
Scritto il 28 luglio 2018 at 01:44

Da un po’ di tempo non mi faccio sentire. Il motivo è che cerco di capire prima di parlare, cioè che non esalto questo governo solo perchè ho votato per uno dei partiti che lo sostengono (la Lega di Salvini) ma preferisco vedere se le cose cambieranno in meglio come spero o se pasticceranno come dicono gli avversari. Lodi e critiche mi sembrano premature: beati i Saviano e i cattocomunisti che hanno già capito tutto e che hanno già identificato delinquenti e demoni (vedasi la bella copertina di famiglia cristiana, per esempio).
Certo che qualcosa in più ho capito, in realtà più per il confronto con un precedente passato di governi direi anti-italiani che per la positività ancora tutta da dimostrare del presente governo.
Accenno brevemente a tre aspetti.

Riferendomi all’immigrazione è risultato chiaro che l’Europa non si è mai interessata dei nostri problemi e che i precedenti governi (con la sola eccezione dell’operato di Minniti) avevano lasciato manolibera a scafisti, ONG e preti ai quali tutti dei problemi che l’immigrazione genera non interessa un bel niente: agli uni basta guadagnarci, agli altri sentirsi “buoni” trascurando le ragioni di chi non la pensa come loro e che solo per questo è tacciato di essere insensibile e cattivo.

Riferendomi alle banche, che sono l’oggetto specifico dello scritto di Mazzalai, non ho la preparazione per poter tecnicamente giudicare le proposte di Bagnai ma avevo le nozioni e le informazioni sufficienti per capire che la faccenda MPS fu gestita dal governo Renzi in maniera talmente miserevole che non sarà difficile per uno come Bagnai fare molto meglio nel settore bancario.

Riferendomi alla RAI, so solo che da anni non sentivo altro che inni sperticati all’Europa, ai mercati e a mister Obama: sembrava di essere nella nuova chiesa della religione radical chic, tutta la religione radical chic da accettare senza critica alcuna. Eravamo in pieno dogmatismo. Spero che l’informazione in RAI diventi meno unidirezionale e non ci riempia più solo di slogan ripetuti all’infinito e spacciati come verità indiscutibile.

Alla fine di questi semplicissimi pensieri, voglio esprimere la mia personale simpatia al personaggio meno considerato in questo momento. Intendo il personaggio che non sembra meritevole di critiche pesanti e di entusiastici elogi, gli dicono di battere un colpo se c’è. Intendo, come si sarà capito, il professor Giuseppe Conte, che ha il compito difficilissimo di tenere unita (con qualche inevitabile compromesso) la nuova maggioranza di governo e che con semplicità, stile diretto e coerenza non si fa problemi a definirsi populista.

idleproc
Scritto il 28 luglio 2018 at 18:47

charliebrown@finanza,

Al momento stanno radunando le truppe per il prossimo “golpetto” già previsto e programmato, sperando di trovarsi dalla parte giusta e che gli riesca.
Lo schieramento è già evidente anche sull’attacco ad una presidenza Rai con Marcello Foa nel quale è visibile il terrore che si rompa il meccanismo a velina unica col quale pensano di continuare a intortarsi i cittadini italiani.
Marcello Foa è una degnissima persona, un Liberale vero di solidi principii e contro la censura.
Genera repulsione fisica, anche olfattiva, che la spazzatura del partito unico che ha gestito la cosiddetta “informazione” ingannando per decenni gli italiani, faccia appello a quei principii, contro Foa.
Comunque non esistono solo la TV, Internet e i propagandisti peripatetici a gettone.
Gli italiani parlano ancora tra di loro.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Analisi Tecnica Si conferma la rottura ribassista del trading range. L'accelerazione al ribasso
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Il mese di Agosto 2018 ha purtroppo lasciato il segno, sui mercati ma sopratutto sulla città di
Non è passato neanche un mese dalla sua ultima uscita e Donald ha già cambiato idea, bandiere
Basterebbe solo qualche immagine per sottolineare come questa era l'ennesima tragedia annunciata
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
  Atlantia (ex Autostrade SpA) rappresenta per il mercato azionario italiano, la classic
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Stoxx Giornaliero Buongiorno e ben ritrovati, faccio un veloce aggiornamento sulla situazione
Mentre scrivo questo articolo, il mercato delle criptovalute sta passando un momento di profondo