AMERICA: IL MERCATO IMMOBILIARE HA RAGGIUNTO IL PICCO?

Scritto il alle 10:12 da icebergfinanza

Risultati immagini per peak housing market

Come sempre all’improvviso qualcuno si accorge che le dinamiche economiche, quelle finanziarie sono le più semplici, loro le hanno rese complesse, abbiamo già parlato del crollo di oltre il 12 % dell’avvio di nuove costruzioni, di nuovi cantieri la scorsa settimana, ora abbiamo anche il terzo mese consecutivo in ribasso delle vendite di abitazioni esistenti…

La dinamica degli ultimi mesi dovrebbe essere decisamente più chiara qui sotto, il continuo aumento dei tassi ha prodotto una sensibile frenata nelle vendite, nonostante un alto livello di inventario disponibile.

I prezzi continuano a salire, l’americano medio, la classe media non è più in grado di seguire il trend, i salari non tengono il passo del valore degli immobili.

Giugno è stato il quarto mese consecutivo in cui le vendite sono state inferiori su base annua. Quelli della National Association of Realtors continuano a dire che c’è una carenza di alloggi, ma non è vero, non si spiegherebbe il motivo per cui l’avvio di nuovi cantieri è crollato di oltre il 12 % lo scorso mese.

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

L’inventario delle case esistenti è aumentato a giugno, salendo del 4,3% a 1,95 milioni di unità, 0,5 percento sopra il livello nel giugno 2017 e per la prima volta l’inventario è cresciuto anno su anno da giugno 2015. Dove sarebbe la carenza di alloggi?

Le dinamiche immobiliari hanno bisogno di tempo per essere evidenti, in America il mercato immobiliare ha raggiunto il suo culmine, esclusivamente trainato dal debito e non da maggiore reddito.

Ad esempio pochi lo raccontano ma in California, anno su anno le vendite di nuove abitazioni sono in calo di oltre il 7 %, un calo quello su base annua il maggiore da circa 4 anni.

Nonostante i rialzi della Fed, la spinta al rialzo dei tassi si è raffreddata nei mesi estivi. Questo potrebbe essere solo l’occhio della tempesta, o come crediamo noi, potrebbe finire per essere il momento in cui i mercati iniziano a dubitare che le tendenze prevalenti possano continuare.

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.3/10 (12 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +11 (from 11 votes)
AMERICA: IL MERCATO IMMOBILIARE HA RAGGIUNTO IL PICCO?, 9.3 out of 10 based on 12 ratings
15 commenti Commenta
kry
Scritto il 24 luglio 2018 at 14:45

—- ” Ad esempio pochi lo raccontano ma in California, anno su anno le vendite di nuove abitazioni sono in calo di oltre il 7 %, un calo quello su base annua il maggiore da circa 4 anni. ” —-

Se è vero quanto segue ai californiani del calo delle vendite di case non frega assolutamente nulla.

Un increscioso fenomeno naturale sta bruttando San Francisco, compromettendo la sua bella la vibrante cultura progressiva e la felicità della capitale di tutti i terzi sessi, libertà, creatività e dinamismo. “Feci. Feci. Più feci sui marciapiedi di quanti ne ho mai visti, e sì che io qui ci sono nata”, ha lamentato la nuova sindaca, London Breed, in una intervista alla NBC Bay Area: “E non sto parlando di cani, ma di feci umane”. E non solo feci, ma siringhe, “prodotti usati per l’igiene femminile; e secchi di urina”.
Il fenomeno è dovuto all’aumento a razzo dei californiani che non hanno più casa – si calcola 135 mila nel Golden State, il 25% di tutti i senzatetto dell’America.

https://www.rischiocalcolato.it/2018/07/fenomeni-naturali-nelle-citta-americane.html

tirlusa
Scritto il 25 luglio 2018 at 20:08

Non so se il mercato immobiliare ha raggiunto il picco……….il Nasdaq sicuramente no, bolla dotcom versione 2.0, abolito il concetto di resistenza per questo indice!!
Sarebbe interessante, senza volere disturbare nessuno, sapere che ne pensa Puntosella..

alexandersupertramp
Scritto il 26 luglio 2018 at 09:10

Ieri il dato vendite case esistenti peggiore del previsto. Il casinò ne ha approfittato per fare nuovi record. La favola continua…

    icebergfinanza
    Scritto il 26 luglio 2018 at 09:32

    Fa nuovi record perché qualche fesso crede alla farsa tra Juncker e Trump sui dazi… Dimenticatevi dei dati, non contano più nulla nel breve, il gioco è in mano al croupier, se li condivido è solo per divulgazione, nel medio termine il mercato non ha scampo, il suo destino è già deciso.

apprendista
Scritto il 26 luglio 2018 at 14:52

a quindi il gioco e’ in mano ai croupier ? bene magari i mercati salgono per sempre…..chi puo dirlo lose -lose figliuoli ,lose -lose amici cari

puntosella
Scritto il 26 luglio 2018 at 15:35

tir­lu­sa@fi­nan­za,

Tirlusa, non ritengo di avere la sfera di cristallo per cui non so dove il NASDAQ
possa arrivare, ma osservo che il corto di ossigeno considerata la quota dove
viaggia.

Ti posto la situazione sui tre indici USA&GETTA…

Se fossi un gestore ed avessi posizioni sul NASDAQ inizierei ad alleggerire e di molto,
considerato il DELTA che lo separa dal massimo di accelerazione registratasi a partire
dai MINIMI di INIZIO 2016….. linea rossa sopra calcolata sui massimi weekly.

Sugli altri due INDICI osservo che siamo su RESTENZE che provengono dai MASSIMI
del 2018.

Anche le altre due analisi provengono dai minimi del 2016 e sono condotte sul prezzo
minimo e massimo settimanale.

Tutte le traiettorie sono dei punti di equilibrio calcolate sul rispettivo prezzo, per cui
se intersecate dal prezzo cambiano VERSO.






alexandersupertramp
Scritto il 26 luglio 2018 at 15:56

ice­berg­fi­nan­za,

Secondo logica sarei d’accordo con te ma dopo il 2009 le banche centrali hanno dimostrato di essere in grado di manipolare tutto quello che vogliono. E se nel loro disegno ci fosse quello di far salire i mercati sempre e comunque?

puntosella
Scritto il 26 luglio 2018 at 17:15

NASDAQ

Analisi su tf ad1 minuto a partire dai minimi di quest’anno del 4 aprile


alexandersupertramp
Scritto il 27 luglio 2018 at 08:45

pun­to­sel­la@fi­nan­za,

Esiste un modo affinché un comune mortale come me possa imparare ad interpretare questi grafici? Grazie

puntosella
Scritto il 27 luglio 2018 at 11:45

pun­to­sel­la@fi­nan­za,

alexandersupertramp sono grafi che hanno alla base la Cinematica del Punto Materiale
e l’analisi poi parte dagli eventi che vengono registrati sul DataBase.

Quali sono questi eventi?
Sono i valori massimi e minimi di un determinato Time Frame, ed ancora il Massimo
di volailità, sia come valore positivo che negativo.

Da questi eventi ne derivano le velocità medie progressive,quella equatoriale e le quattro
polari, per cui nel sistema vi sono “nidificati” algoritmi che si attivano solo in occasione
della registrazione dell’evento, che pur essendo conosciuto in anticipo non sappiamo
quando questo sarà registrato.

Da questi eventi derivano delle tendenze, che sono sempre CORRELATE
agli intervalli che intendiamo usare.

Le traiettorie, ad eccezione di quelle traslate, sono tutte dei punti di equilibrio
dinamico, che se attraversate dal Prezzo\Vettore, cambiano VERSO.

Poi ci sono delle traiettorie “TENSORI” che generalmente provengono da
eventi molto lontani, io ad esempio sono solito usare quelle che provengono
dai MASSIMI del 2000, che mi indicano dove passano i valori di equilbrio
strutturali del mercato.

Esempio: se si fa analisi sul tf Weekly, è sottinteso che non si si vuole fare del
Trading di breve periodo, ma al contempo è utile analizzare cosa avviene “dentro”
quella lineetta verticale che ci rappresenta i minimi ed i massimi settimanali, che
invece su un tf tarato sul Tick by Tick oppure ad 1 minuto mi da traiettorie che su
quella lineetta non vedo.

Mettiamo che il SUB TimeFrame del Weekly sia la barra oraria, sul future DAX
che ha un TEMPO MERCATO GIORNALIERO di 14 ore in una settimana avrò
70 barre orarie, per cui oggi che è VENERDI’ in questo momento ho un conta ore
settimanali che mi segna 60, ma il minimo settimanale essendo stato registrato
venerdì scorso tra le ore 09:00 e le ore 10:00 avrò un contatore che mi segna da
quella barra 59, per cui io con una media semplice tarata a 58 posso conoscere
la velocità media progressiva dall’Evento dei minimi settimanali che rappresenta
il valore di tendenza da quell’evento.

Stessa cosa si può fare con TimeFrame inferiori o superiori come intervallo
ed osservare le varie tendenze sui rispettivi tf.

In borsa prima il tempo e poi il prezzo.

Ma non è facile esplicare una filosofia di approccio al mercato che
richiede anche conoscenze di analisi matematica, che soltanto
dal vivo è possibile assimilare del tutto.

E’ sottinteso che l’operatività va fatta soltanto al verifificarsi
degli eventi e non casualmente durante tutta la giornata borsistica.

==================================

Cambiato colore del semaforo su barra Weekly in confronto al
grafo pubblicato ieri.



puntosella
Scritto il 27 luglio 2018 at 14:58

Evento in REAL TIME sull’Intervallo IntraDay

puntosella
Scritto il 27 luglio 2018 at 15:13

Dovremmo arrivare sulla traiettoria che segna 12.860 dove vi è un altro
evento “nidificato”

puntosella
Scritto il 27 luglio 2018 at 15:36

Precisazione

La suddetta analisi ha il solo scopo divulgativo e non intende sollecitare
alcuno ad operare su strumenti derivati..

Ecco 2° evento….

puntosella
Scritto il 27 luglio 2018 at 18:36

Registrato anche il 3° Evento IntraDay….. adesso rimane il 4° che può essere sia in alto
….. che in basso non ci sono calcoli di probabilià che si possano fare….. non servono
con la Cinematica…. da queso 3° Evento è partita un’altra traiettoria e finché non verrà
intersecata …farà da sostegno….

Buone ferie a tutti ed a risentirci a settobre.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Analisi Tecnica Si conferma la rottura ribassista del trading range. L'accelerazione al ribasso
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Il mese di Agosto 2018 ha purtroppo lasciato il segno, sui mercati ma sopratutto sulla città di
Non è passato neanche un mese dalla sua ultima uscita e Donald ha già cambiato idea, bandiere
Basterebbe solo qualche immagine per sottolineare come questa era l'ennesima tragedia annunciata
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
  Atlantia (ex Autostrade SpA) rappresenta per il mercato azionario italiano, la classic
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Stoxx Giornaliero Buongiorno e ben ritrovati, faccio un veloce aggiornamento sulla situazione
Mentre scrivo questo articolo, il mercato delle criptovalute sta passando un momento di profondo